Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘elezioni regionali’

Molise: vince il centro-destra

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 aprile 2018

Poco più della metà degli elettori molisani, che hanno scelto di andare a votare, hanno sostenuto con il 37% dei consensi la coalizione di centro-destra. Il Movimento 5 stelle si è attestato al secondo posto. Il grande sconfitto ancora una volta è il PD. Sembra ripetersi il risultato che ha congelato i rapporti di forza in campo nazionale. Se vogliamo trarne un qualche insegnamento possiamo dire che la forza maggioritaria, quella che diserta le urne per intenderci, resta sull’Aventino sdegnosa e indifferente perché ci sembra di comprendere non accetta i rituali della politica che fa del voto una sorta di gioco che non ha nulla a che vedere con i reali problemi del Paese. Non sono pochi, infatti, coloro che si sentono intrappolati da logiche di potere fine a se stesso ma non certo in grado di porre mano alla vera natura del disagio popolare. Una regione, quella del Molise, che ha da sempre sofferto la mancanza di lavoro costringendo molti suoi figli a cercarlo altrove, emigrando. Una regione che ha il suo tratto distintivo con i prodotti della terra ma che stenta a darne il giusto risalto nel mercato nazionale e internazionale, per insipienza della politica. Una regione che potrebbe avere il suo fiore all’occhiello nel turismo ma non trova sostegni pubblici adeguati. Una regione piccola ma laboriosa che potrebbe offrire spunti interessanti nell’artigianato e nelle sue micro imprese, ma che non riesce a dare loro uno spessore adeguato per reggere la concorrenza e a farsi apprezzare. Oggi, pragmaticamente, quelli che hanno deciso di andare a votare hanno preferito il certo, o supposto tale, del centro-destra ai grillini. Forse hanno pensato all’antico detto: chi lascia la via vecchia per la nuova sa quel che lascia ma non sa quel che trova. Non vorrei pensare che il freno è stato tirato troppo bruscamente dai padri ma non dai figli e che il rispetto per chi ha è stato fatale per chi è. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Siciliani: brava gente

Posted by fidest press agency su domenica, 22 ottobre 2017

sicilia1Tra poco sapremo l’esito delle elezioni regionali in Sicilia. Cinque stelle vi ripone molta fiducia, certa di vincerle. Noi nutriamo qualche dubbio. Il motivo è che è stata un’isola, politicamente parlando, molto bistrattata e ciò che le rimane dalle sventure passate è il fatalismo ovvero la convinzione che tutto sarà, come da gattopardesca memoria: “tutto cambiare per nulla cambiare”. A questo punto chi non ci dice che alla fine l’elettore nel segreto dell’urna venga sfiorato dal detto: chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quel che lascia ma non quel che trova. Una massima pensata da persone mature e sagge che hanno vissuto sulla loro pelle le angherie ereditate dai loro padri in continuità con le proprie. I giovani, forse, non si lasciano sfuggire la speranza. Sono quelli che hanno meno esperienze e più ideali ancora non messi del tutto alla prova dei fatti.
Certo è che di là dei partiti tradizionali il solo che esce fuori dal coro è proprio il movimento cinque stelle. Hanno già avuto in Sicilia il “battesimo del fuoco”, nelle passate tornate elettorali, ma la forza dei numeri non li ha sorretti al cospetto del fuoco di fila delle coalizioni avversarie. D’altra parte con tutti gli intrecci che si intersecano in Sicilia e gli intessi che vi ruotano stabilmente non è facile resistere ai compromessi a perdere volendo e insistendo nel viaggiare da soli. E’ un motivo di onestà intellettuale che può produrre molti proseliti, ma saprà reggere la forza d’urto soprattutto economica dei propri avversari? E’ come se ad un affamato si togliesse davanti un piatto di minestra. La reazione monterebbe a dismisura. E qui si tratta, per essere chiari, di un “piatto di minestra” imbottito di milioni di euro sotto varie forme: appalti, concessioni, ecc. E se si dice che le elezioni siciliane sono il banco di prova per un modello di governo nazionale allora le alchimie della politica ci porteranno a una resa dei conti senza esclusione di colpi e ne vedremo di brutte, purtroppo. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elezioni regionali in Piemonte

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 luglio 2011

La sentenza di condanna di Michele Giovine conferma quanto il PD ha sempre denunciato, ovvero che le elezioni regionali sono state viziate da gravi irregolarità, da una vera e propria truffa a spese degli elettori. Un dato è oramai certo: Cota non ha vinto le elezioni del marzo 2010. Quel pugno di voti che ha fatto prevalere la coalizione di centro-destra non esiste più, perché la lista Pensionati per Giovine non poteva presentarsi. Attendiamo fiduciosi le prossime decisioni dei magistrati. E’ interesse di tutti giungere quanto prima a una certezza definitiva. Ma, indipendentemente dai possibili esiti giudiziari, è oramai evidente che il Governo regionale non è più legittimato dal consenso della maggioranza dei piemontesi. Le firme false, i gravi scandali che hanno portato all’arresto dell’Assessore regionale alla sanità e le vicende giudiziarie che coinvolgono esponenti di rilievo del PdL sono tutti fatti di cui Cota porta una chiara e diretta responsabilità politica.
Abbiamo bisogno di un governo regionale forte, compatto, pienamente legittimato, capace di affrontare i problemi più rilevanti della nostra Regione e non costretto a preoccuparsi di faccende legali e dei loro possibili esiti. Il PD continuerà a dimostrare ai piemontesi l’assoluta inadeguatezza di Cota e della sua Giunta.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piemonte: Elezioni regionali sub judice

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2010

Dichiarazione di Gianfranco Morgando  (Segretario regionale PD Piemonte) Le recenti gravi affermazioni fatte da Roberto Cota, con cui si ipotizzano assurdi “golpe giudiziari” e “manovre politiche”, mi portano a ritenere che la fiaccolata organizzata dal centrodestra piemontese per lunedì sera non sarà una legittima manifestazione di protesta, bensì un’iniziativa volta a intimidire la magistratura e l’opinione pubblica e ad alzare il livello della tensione intorno alla decisione del Tar.  Quando i giudici lavorano non si organizzano fiaccolate o marce per attentarne l’autonomia, ma si attende con rispetto e serenità le loro decisioni. Come ieri a Roma così oggi a Torino la destra dimostra di non possedere tra i propri valori fondanti quelli della legalità e del rispetto delle regole democratiche.  L’indomani stesso del voto di marzo ho riconosciuto pubblicamente la vittoria di Cota, gli ho fatto gli auguri di buon lavoro e ho analizzato gli errori commessi dal centrosinistra. Tuttavia, su quel risultato grava l’ombra di pesanti irregolarità, ed alcune liste della coalizione di centrosinistra hanno presentato ricorsi puntuali e circostanziati che, ad un esame attento, ci sono apparsi convincenti. I ricorsi elettorali, come conferma una consolidata giurisprudenza, possono essere presentati ad elezioni avvenute, poiché l’interesse a ricorrere sorge nel momento in cui, con il risultato, si concretizza il danno arrecato dalla presentazione di una lista illegittima.  Ma se l’argomento del ‘ritardo’ nella presentazione del ricorso, a cui fa continuamente riferimento Cota, appare solamente pretestuoso, giudico decisamente più preoccupante il suo continuo richiamo alla “volontà popolare”, come se questa prescindesse del tutto dal rispetto delle regole e delle leggi. In democrazia non esiste una diretta investitura popolare, ma la forma è sostanza. Come recita la Costituzione, la sovranità appartiene al popolo “che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. La legalità è la forma più alta di rispetto della volontà popolare e solo una volontà popolare trasparente e legittima è indiscutibile. I più autorevoli filosofi della politica e del diritto hanno definito la democrazia come “un insieme di regole di procedura per la formazione di decisioni collettive”, e quando quelle regole sono violate allora è la stessa democrazia a venire meno.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elezioni regionali: proposta Pannella

Posted by fidest press agency su sabato, 6 marzo 2010

Dichiarazione di Marco Pannella: Riteniamo gli inflazionati appelli al preteso valore della “condivisione”, un errore o un riflesso proprio di un Regime partitocratico, in cui il potere, come tale e come pre-potere, è fondato. Il regime partitocratico italiano è appunto la condivisione strutturale in luogo del grande, drammatico e fecondo dialogo democratico. Ciò premesso il valore che va perseguito è quello della ragionevolezza e della serietà; qui è possibile auspicabile il condividere anziché il dividerci. L’attuale drammatica situazione istituzionale e politica può per l’attualità risolversi con un ragionevole richiamo e riallineamento a quel che accade nelle democrazie più classiche e più mature. In Inghilterra le  candidature, di forze maggioritarie o minoritarie che siano, non hanno bisogno né di firme né di cauzioni. Queste ultime vengono usate per responsabile prudenza democratica nei confronti di candidature che appaino estemporanee, prive di evidenti connotati di serietà, di radicamento storico nella vita del paese. A questo punto occorre verificare subito se un adeguamento alle tradizioni democratiche, facendola finita con le infinite metastasi del tumore di Regime, con un provvedimento di sanatoria per tutte le liste di forze di indiscusso connotato,  anche istituzionale, per tutte le esclusioni correttamente deliberate in base alle astruse norme vigenti, potrebbe essere ragionevole, libero, chiaro e democratico; a condizione che nel contempo acquisti il carattere di una riforma relativa, coerente e definitiva. Naturalmente per far questo sarebbe assolutamente indispensabile un rinvio delle elezioni che salvaguardasse cinque o sei settimane di ristabilimento di un po’ d’ordine nella pubblica opinione e poi quattro intere e vere settimane di campagna “elettorale”. Tutto questo non può invece assolutamente essere fatto con un ennesimo decreto di valore meramente sfascista e incostituzionale. Abbiamo, malgrado tutto, la speranza che le forze parlamentari di questo “basso impero” italiano possano accogliere il suggerimento naturalmente civile, nonviolento, ragionevole che loro proponiamo.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La lista Bonino denuncia la Rai

Posted by fidest press agency su sabato, 20 febbraio 2010

La Lista Bonino-Pannella, rappresentata dall’avv. Giuseppe Rossodivita, ha depositato presso la Procura di Roma, un esposto denuncia nei confronti del Direttore Generale della Rai, Mauro Masi, dei Consiglieri di Amministrazione – Giovanna Bianchi Clerici, Rodolfo De Laurentis, Alessio Gorla, Nino Rizzo Nervo, Guglielmo Rositani, Giorgio Van Straten, Antonio Verro, Angelo Maria Petroni- nonché dei direttori dei telegiornali nazionali e regionale  per il  reato di omissioni d’atti d’ufficio di cui all’art. 328, comma 1, c.p. A pochi giorni dal termine per la presentazione delle candidature per le prossime elezioni regionali, a causa della pressoché totale mancanza di informazione da parte della Rai, gli elettori continuano ad ignorare gli adempimenti previsti così come la possibilità di recarsi presso ogni Comune per la sottoscrizione delle liste. Di fronte all’inerzia della Concessionaria di servizio pubblico rispetto a tali obblighi, previsti dall’art. 4, della legge n. 43 del 1995 e dall’articolo 8 del Regolamento della Commissione parlamentare di vigilanza, la Lista Bonino-Pannella aveva formalmente diffidato lo scorso 7 febbraio i soggetti segnalati  oggi alla Procura. Evidentemente, il DG ed il CDA della Rai hanno preferito occuparsi esclusivamente al tentativo di disinnescare le conquiste di legalità contenute per la prima volta nel Regolamento della Commissione parlamentare di vigilanza approvato una settimana fa.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elezioni regionali: gioco di previsioni

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2010

La Facoltà di Economia dell’Università di Parma ha reso noto le prime proiezioni del Gioco di Previsione sulle prossime Elezioni Regionali del 28 e 29 marzo, organizzato per la prima volta in Italia da parte di un’Università, e in particolare dal Laboratorio di Economia Sperimentale con il supporto della “Gazzetta di Parma”. Al primo round del Gioco di Previsione, riservato al personale e agli studenti dell’Università degli Studi di Parma, hanno partecipato 787 persone.  Per il 92,89% di coloro che hanno risposto prevarrà la coalizione di centro sinistra, anche se con un calo di circa 6 punti percentuali rispetto alle elezioni del 2005. In particolare, il campione testato prevede che il 56,66% delle preferenze andrà alla coalizione di centro sinistra (rispetto al 62,74% del 2005), contro il 39,57% della coalizione di centro destra (rispetto al 35,18% dell’ultima consultazione).  Il Gioco di Previsione elettorale, che ha ovviamente anche una valenza di carattere scientifico e di valutazione dei limiti di applicabilità della metodologia proposta, è stato ideato dal Laboratorio di Economia Sperimentale prendendo spunto da quanto avviene in alcune Università straniere. Già da qualche anno infatti sono state sviluppate procedure sperimentali per aggregare informazioni e fornire previsioni, con numerose applicazioni in diversi campi: una di queste, messa a punto dalla University of Iowa (USA), riguarda appunto le previsioni elettorali (http://www.biz.uiowa.edu/iem/index.cfm). I prossimi due round di previsione, riservati a chi ha già partecipato al primo, si concluderanno rispettivamente il 28 febbraio e il 15 marzo 2010. Alla fine di ogni round verranno pubblicati sulla “Gazzetta di Parma” i risultati parziali delle previsioni Per saperne di più è possibile consultare il sito ufficiale del Gioco

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Verso le elezioni regionali nel Lazio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 dicembre 2009

Il comitato regionale del PdCI del Lazio riunitosi a Roma il 22 dicembre 2009 ha approvato, su proposta del segretario Mario Michelangeli, una mozione che a fronte della grave emergenza democratica del Paese, con un Governo ed un Premier che vogliono minare alla base le istituzioni democratiche e riscrivere la Costituzione nata dalla guerra di Liberazione e dinanzi ad una discontinuità dei gruppi dirigenti del PD con la precedente esperienza della Giunta Marrazzo, che impegna il Partito, unitamente alla Federazione della Sinistra, a partire dai contenuti e dai programmi, a ricostruire l’alleanza di centrosinistra e a ricercare la più ampia convergenza, possibilmente con un accordo politico e non elettorale, per la costruzione di una coalizione che metta al centro del proprio programma la questione morale, il lavoro, il welfare, una sanità pubblica efficiente, il diritto alla casa, politiche idonee per i rifiuti. Il PdCI è impegnato, a tutti i livelli, nell’interesse della collettività nel suo insieme e delle classi sociali più deboli, a rendere forte la Federazione della Sinistra che abbia tra i propri obiettivi quello di lavorare per l’unità, nel rispetto di ogni autonomia, per battere la Destra e costruire le condizioni di un’altra regione possibile. Le Sezioni, le Federazioni, il Regionale, i gruppi dirigenti del PdCI sono impegnati, inoltre, all’azione politica per rafforzare il partito, che non si scioglie e resta in campo, pur perseguendo con determinazione l’obiettivo dell’unità dei comunisti, verso la costruzione di un unico Partito Comunista in Italia.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piemonte: elezioni regionali

Posted by fidest press agency su sabato, 14 novembre 2009

Dichiarazione di Gianfranco Morgando (Segretario Regionale PD Piemonte). Quando, un anno fa, abbiamo avviato un dialogo politico con l’UDC non lo abbiamo fatto per un mero calcolo elettorale. Ci interessava ricercare prima di tutto le ragioni della comune opposizione al centro destra, e verificare le convergenze su un programma capace di affrontare i problemi del Piemonte. La prima prova, quella di governo nelle Province di Torino ed Alessandria, sta dando buoni risultati, e ci incoraggia a proseguire.  In un dialogo ci si riconosce reciprocamente dignità e buona fede, che non possono essere messe in discussione da singole dichiarazioni, che non impegnano in alcun modo il giudizio del partito.  Il PD piemontese ha detto sul tema delle prossime elezioni regionali cose semplici e chiare: che intende dar vita ad una larga coalizione sulla base di un programma, e che propone la candidatura della Presidente uscente Mercedes Bresso per guidare questa coalizione partendo dai positivi risultati raggiunti in questi anni. Ho ribadito più volte che si parte da qui, ma senza ultimatum e presunzioni di autosufficienza. Non intendiamo porre nessuno di fronte a fatti compiuti, e sappiamo che si deve dar vita ad una discussione vera sui programmi e sul profilo della coalizione. Ne deve essere consapevole Mercedes Bresso, che ha il dovere di proporsi come punto di sintesi dell’alleanza che vogliamo costruire. E ne deve essere consapevole l’UDC, che non può prendere a pretesto una battuta giornalistica per interrompere un percorso.  Gli obiettivi del PD piemontese rimangono, quindi, immutati. In questa direzione, d’intesa con la Segreteria nazionale, ci muoveremo dopo la riunione di domenica dell’Assemblea Regionale, che completerà gli organi del partito al termine del percorso congressuale.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piemonte: elezioni regionali

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2009

Dichiarazione di Gianfranco Morgando (Segretario Regionale PD Piemonte) “In questi giorni a livello nazionale si sta avviando quel confronto con l’Udc, in vista delle prossime elezioni regionali, che ho più volte auspicato e che spero produca risultati positivi.  Siamo pronti a confrontarci in Piemonte sui contenuti del progetto di governo che insieme vogliamo presentare agli elettori.  Per quanto riguarda la candidatura alla Presidenza della Regione, il PD si è già espresso unanimemente, confermando la proposta di Mercedes Bresso come candidata alla Presidenza. La costruzione di un’alleanza di governo non potrà che partire dalla condivisione di questa nostra proposta”.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elezioni regionali del prossimo anno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 ottobre 2009

C’è un argomento di cui, secondo me, si parla troppo poco, nonostante la sua grandissima importanza. Si tratta delle prossime elezioni regionali del 2010. Nel Mezzogiorno d’Italia, ed in quasi tutto il resto del Paese, stando allo spazio che viene riservato a tale appuntamento, sembrerebbe quasi che si tratti di un evento di secondaria importanza. In realtà, considerato il potere che rivestono le Giunte regionali (ed i loro Presidenti), le loro elezioni dovrebbero rappresentare un avvenimento di grande partecipazione popolare, ampiamente discusso, dotato del giusto spazio sui mezzi di comunicazione. Si dovrebbe parlare di programmi politici con ampio anticipo rispetto alla consultazione elettorale, in modo che i cittadini abbiano modo di valutare quale schieramento politico offre le soluzioni per il governo e l’amministrazione del patrimonio pubblico e del territorio che danno loro più fiducia. Questo invece non avviene. Si parla poco di politica vera, di fatti; si sentono in compenso molti slogan. In questo periodo i danni che questa classe di politici irresponsabili, cinici, prepotenti, arroganti e incapaci sono riusciti ad arrecare in diverse Regioni  (Emilia Romagna, Piemonte, Campania e Calabria in primis) sono incalcolabili. Hanno intessuto una rete di relazioni di affari, di nepotismo di clientele che ha strangolato il popolo, utilizzando la compiacenza dei mezzi di comunicazione per fare in modo che i cittadini fossero distratti e illusi; hanno fatto credere alla gente di vivere inRegioni dove vige l’efficienza, quando la verità è che hanno sperperato denaro pubblico per opere inutili; hanno distrutto il sistema sanitario creando mostri inefficienti, sono stati coinvolti in vicende relative ad appalti irregolari. Il Partito dell’Alleanza In vista delle regionali non è interessato ad alcun accordo di tipo nazionale. A livello locale, con una serie di conferenze programmatiche regione per regione, decideremo se e con chi stipulare alleanze sempre e comunque nel rispetto identitario con il nostro simbolo effigiato nelle schede elettorali. Ma a questo punto invito tutti a chiarirsi bene le idee: solo e comunque nell’area centrista e di centro destra. “Ci facciano sapere – continua Pisani – se c’e’ una linea definita o se questo bipartitismo non riesce nemmeno a prospettare ipotesi di governo realistiche per le amministrative. Senza uomini giusti e programmi seri per i cittadini e per il territorio non ci sarà né il nostro coinvolgimento nè il nostro appoggio”. (Sante Pisani – Segreterio Politico del Partito dell’Alleanza)

Posted in Confronti/Your and my opinions, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »