Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘emergenza’

Anbi e l’emergenza climatica sui territori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 novembre 2021

Un tavolo permanente di confronto con le 5 Autorità di Bacino Distrettuale per proporre concrete soluzioni d’intervento alle Regioni, utilizzando la capacità progettuale dei Consorzi di bonifica ed irrigazione che, dopo il ridimensionamento delle Province e delle Comunità Montane, sono rimasti l’unico “front office” di area vasta nel territorio: è quanto indica Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), per rispondere alla necessità di aumentare la resilienza delle comunità di fronte all’emergenza climatica.“Perché tale strategia sia adeguata alla velocità di incedere degli eventi meteo servono – prosegue Vincenzi, intervenuto a Torino ad un convegno organizzato da ANBI Piemonte – anche uno snellimento degli iter burocratici ed una visione omogenea delle Regioni, che individuino negli enti consortili, un partner privilegiato, destinando maggiori risorse alla manutenzione del territorio ed ampliandone, nel caso, le competenze nel quadro dell’Accordo Quadro del 2008.” “Non è possibile – insiste il Presidente di ANBI – che di fronte alle conseguenze spesso drammatiche della crisi climatica, l’Italia sia capace di spendere solo il 40% delle risorse comunitarie assegnate e che possono essere utilizzate a servizio del territorio. È necessario, in una logica di multifunzionalità, sviluppare anche le infrastrutture irrigue, affermando la funzione ambientale della gestione idrica in agricoltura. Contro la giustamente criticata pratica del blabla, i Consorzi di bonifica ed irrigazione hanno messo in campo un Piano per l’Efficientamento della Rete Idraulica del Paese, fatto di 858 progetti definitivi, capaci di garantire oltre 21.000 posti di lavoro, grazie ad un investimento di circa 4 miliardi e 339 milioni di euro. Nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – conclude Vincenzi – sono stati ammessi a finanziamento progetti per circa 1 miliardo e 600 milioni, ma le risorse disponibili ammontano a solo 520 milioni. Serve uno sforzo comune per colmare questo gap, riducendo al contempo il divario fra Nord e Sud d’Italia anche nell’infrastrutturazione idraulica, ormai inserita tra gli asset strategici per il Paese.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pandemia e pandemie, emergenza o convivenza?

Posted by fidest press agency su domenica, 21 novembre 2021

Roma – La “questione pandemia”: emergenza o convivenza? È possibile che il futuro possa obbligarci ad una sorta di coesistenza, o almeno di coabitazione, con sempre più “ravvicinate” e rinnovate crisi sanitarie pandemiche? Un’eventualità e un’ipotesi allarmanti e preoccupanti, ora che è di dominio pubblico il fatto che una volta superata l’emergenza da Covid-19, il domani potrebbe rivelarsi altrettanto complicato, con altri virus pronti a diventare pericolosi, pure se la scienza ha le armi giuste per prevenire e combattere. Pubblicato da Academ editore, a cura del dott. Gaetano Penocchio, Presidente della FNOVI – Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani, coadiuvato dai giornalisti Roberto Messina e Carmelo Lentino, è in distribuzione un importante instant-book che fa luce sul tema, dal titolo “Pandemia e pandemie, emergenza o convivenza? Virus umani e animali, ambiente ed ecosistemi, gli studiosi spiegano quanto potrebbe attenderci”. Contiene interviste a vari studiosi e autorevoli personalità della Scienza, della Medicina e della Ricerca, come Arnaldo Caruso, Filippo Anelli, Canio Buonavoglia, Massimo Clementi, Massimo Ciccozzi, Daniela Corda, Marco Ferrazzoli, Antonio Limone, Stefano Marroni, Mario Tozzi. Ciò, in un momento in cui la buona informazione è fondamentale per approfondire, spiegare, divulgare e contrastare l’infodemia favorita dalle nuove tecnologie, da internet, dai social network, dalle chat di gruppo a velocità di trasmissione pressoché istantanea.L’uomo ha stravolto l’ambiente, è un fatto, creando terreno fecondo per infezioni emergenti. Ed è chiaro che, intanto, bisogna porre urgente rimedio a questa situazione, a cominciare dal “comunicarla”, dal farne conoscere entità, gravità e urgenza. Dominatore incontrastato dell’ecosistema, l’essere umano lo ha aggredito con violenze di ogni tipo. Lo ha contaminato, generando campo fertile per infezioni zoonotiche. Davanti ad una situazione così complessa, oltre il compito fondamentale di studio, prevenzione e cura esercitato dai Virologi, si evidenzia quello altrettanto determinante della Medicina veterinaria, accanto a quello della Medicina generale e chirurgica, e poi a quello degli Scienziati dell’ambiente. Tutti uniti, ci si augura, ora che il pericolo è chiaro, per porre rimedio all’attività distruttiva dell’uomo e cambiare il suo destino impedendo ai virus nuovi salti di specie e relative conseguenze, in un’ottica di salute unica in cui il benessere dell’uomo, degli animali e dell’ambiente, si confondano e completino. Pandemia e pandemie, emergenza o convivenza? Gaetano Penocchio, con Roberto Messina e Carmelo Lentino Pagine 120Euro 15 Academ Editore prenotabile su http://www.academeditore.it

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Emergenza alluvionale in Italia

Posted by fidest press agency su martedì, 2 novembre 2021

“Negli ultimi anni stiamo registrando sempre con maggiore frequenza casi di dissesto geo-idrologico e allagamenti urbani che derivano principalmente da una mancata integrazione della pianificazione urbanistica regionale e comunale con la pianificazione a scala di bacino idrografico – ha proseguito Fiore – la sola azione in grado di consentire uno sviluppo territoriale con consumo di suolo netto (compensazione tra consumo di suolo e rinaturalizzazione delle superfici impermeabilizzate) compatibile e sostenibile con l’assetto geomorfologico e idraulico. Manca una visione che vada oltre il mandato elettorale e che definisca gli strumenti di pianificazione territoriali efficaci, in grado di attuare una politica di prevenzione e manutenzione per ridurre al minimo gli interventi di emergenza.Pochi giorni fa il Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, con un video – messaggio ha promosso la campagna della Protezione Civile “Io non rischio”, in questa circostanza ha parlato di conoscenza dei pericoli naturali e della necessità di avere atteggiamenti consapevoli. In attesa che le istituzioni prendano un impegno concreto nei confronti della mitigazione di questi pericoli naturali, ai cittadini non restano che due strade: la rassegnazione o l’auto protezione”.E chiaro è anche, dalla Sicilia, il Presidente della SIGEA Sicilia, geologo Sergio Di Marco che è sul posto.“Le previsioni per i prossimi giorni indicano un ulteriore approfondimento del vortice di bassa pressione con il persistere della pioggia, delineando uno scenario fortemente preoccupante.Le mutate condizioni del clima – ha affermato il geologo Sergio Di Marco, Presidente della Società Italiana di Geologia Ambientale sezione Sicilia – che hanno trasformato eventi metereologici eccezionali a cadenza pluridecennale in eventi frequenti che si manifestano anche più volte l’anno, richiedono un ulteriore sforzo e una progettazione che non sia solo di tipo emergenziale.La frequenza con cui si ripropongono le drammatiche scene a cui stiamo assistendo in queste ore dimostra inequivocabilmente che bisogna riprogettare lo sviluppo del territorio in un’ottica nuova cercando di rimediare ad errori di decenni di mancate e/o inappropriate pianificazioni territoriali.La fragilità del territorio etneo sta emergendo in tutta la sua drammaticità ed in particolare vorrei sottolineare come le situazioni di grave criticità si stiano manifestando non solo nelle aree maggiormente urbanizzate ma anche in quelle rurali, interessando interi bacini idrografici sia per ciò che concerne le conseguenze dei deflussi idrici di piena che la stabilità dei versanti.Ciò è segno che l’individuazione delle misure di prevenzione e mitigazione dei rischi non possono essere demandate ai singoli amministratori locali, ma richiedono una visione di insieme che attenzioni globalmente l’assetto idrogeologico e tutte le componenti che concorrono a definirlo.Come SIGEA Sicilia continueremo ad impegnarci nella salvaguardia della qualità dell’ambiente naturale ed antropizzato e nell’utilizzazione più responsabile del territorio e delle sue risorse, mettendo a disposizione degli enti preposti le nostre competenze e il nostro impegno”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riforma rete di emergenza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 ottobre 2021

Riteniamo, nell’interesse dei cittadini, il sistema debba essere fondato sui seguenti punti: 1) Garanzia della chiamata diretta alle centrali operative di risposta tramite il numero nazionale 118, senza inutili e dannose intermediazioni che dilatino i tempi di soccorso, pur preservando la concorrente presenza del numero 112; 2) Difesa e potenziamento delle centrali operative esistenti a base territoriale provinciale, munite dei più moderni sistemi di geolocalizzazione, con organizzazione dipartimentale di coordinamento partecipativa di tutte le professionalità coinvolte e delle realtà associative, di volontariato e di tutela, senza inutili e costose centralizzazioni regionali; 3) Affidamento esclusivo dei soccorsi primari a team specialistici medico-infermieristici evitando pericolosa dequalificazione del servizio; 4) Standard numerico minimo dei mezzi dedicati ai soccorsi primari tarato sul reale fabbisogno territoriale ed in ogni caso con la garanzia di legge di tempi massimi di attesa. Ci auguriamo che il Senato, prima di assumere una decisione in materia, ascolti il parere di Federconsumatori e Società Italiana Sistema 118, impegnate a tutelare il “diritto” dei cittadini ad un soccorso degno di questo nome e non a suoi tristi surrogati, come l’esperienza comune ci ha insegnato.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Il volontariato non vuole essere chiamato sono nell’emergenza

Posted by fidest press agency su sabato, 2 ottobre 2021

Il volontariato è diventato un fattore sociale irrinunciabile, da protagonisti dell’emergenza ad attori imprescindibili nella quotidianità. Nella pandemia stiamo stati presenti con i nostri volontari senza nessuno ci avesse convocati. E lo abbiamo fatto senza paura, ma non vogliamo più essere di contorno o subentrare nell’emergenza, ma partecipare dall’inizio a un processo di costruzione di una nuova sanità 2.0. Vogliamo essere partner affidabili e riconosciuti”. Sono le parole di Sergio Amadori, presidente dell’Ail, l’Associazione italiana leucemie, linfomi e mieloma, in occasione della due giorni del convegno ‘Curare è prendersi cura’ nel salone d’onore del CONI, sino ad oggi. “Dovevamo evitare gli ospedali perché luoghi del contagio, durante i primi mesi della pandemia- racconta Amadori- eppure abbiamo accompagnato i pazienti nei nosocomi, a fare le terapie, le visite di controllo ove possibili. Tutto questo nell’ambito della Oncoematologia è stato estremamente diluito, ridotto: I reparti adibiti sono stati saccheggiati di colleghi prestati all’emergenza”, denuncia il presidente. “Nonostante questo però siamo riusciti a tenere, ma ora dobbiamo rendere quello che un tempo era il migliore sistema del mondo in un sistema che deve rinascere, perché la pandemia ha scosso tutto il Servizio sanitario nazionale dalle fondamenta. La nostra attività ora- invoca Amadori- si declina con la formazione dei volontari, una migliore partecipazione e come motore di ripartenza nell’attuale realtà sociale ed economica”, conclude. (fonte agenzia Dire)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Emergenza nel Nord dell’Etiopia

Posted by fidest press agency su sabato, 11 settembre 2021

Con il conflitto che si estende nel nord dell’Etiopia, costringendo 300.000 persone ad abbandonare le proprie case e 1,7 milioni alla fame nelle province di Afar e Amhara, l’agenzia ONU World Food Programme (WFP) annuncia una mancanza di finanziamenti senza precedenti di 426 milioni di dollari per i suoi interventi in Etiopia. Il WFP lancia un appello per ricevere fondi utili a rispondere ai bisogni di 12 milioni di persone quest’anno.Questo mese il WFP ha cominciato a consegnare assistenza alimentare d’emergenza alle comunità nelle regioni al confine con il Tigray in guerra. In coordinamento con le autorità etiopi dei governi federali e regionali, il WFP prevede di raggiungere immediatamente 530.000 persone nell’Afar e 250.000 persone nell’Amhara, con l’intenzione di potenziare l’assistenza se aumentano i bisogni e nel caso vengano ricevuti finanziamenti.Nel Tigray la sicurezza alimentare continua a peggiorare, con il WFP e i suoi partner che faticano a rafforzare l’assistenza per rispondere agli urgenti bisogni alimentari di 5,2 milioni di persone nella regione. I rifornimenti di cibo del WFP e dei partner si erano quasi del tutto esauriti fino a ieri, quando il primo convoglio dopo oltre due settimane è entrato nella regione. Il convoglio del WFP di oltre 100 trasportava oltre 3.500 tonnellate di cibo e altri beni di primo soccorso, come carburante, beni sanitari e di protezione.“Il WFP saluta la collaborazione delle autorità locali e federali nell’Afar che ha assicurato che il nostro convoglio arrivasse senza incidenti nel Tigray”, ha detto Michael Dunford, Direttore regionale WFP per l’Africa orientale. “Ma serve molto di più e bisogna continuare questo momento, altrimenti non potremo sperare di consegnare cibo sufficiente ad evitare che milioni di persone soffrano ancora di più la fame”.Le squadre del WFP sul campo possono ora cominciare a consegnare e distribuire cibo nel Tigray. Il WFP raggiungerà fino a 3 milioni di persone nella regione, 900.000 in più da quando ha assunto la responsabilità delle operazioni nei due distretti delle zone di nord-ovest – Shire town e Tahtay Koraro – dai partner non governativi che si occupano di assistenza alimentare.“Il tempo stringe per milioni di persone nel Nord Etiopia e se non riceviamo finanziamenti aggiuntivi subito saremo costretti a ridurre le razioni o, peggio ancora, ad interrrompere le distribuzioni per circa 4 milioni di persone che stiamo cercando di raggiungere nell’Afar, nell’Amhara e nel Tigray nei prossimi mesi”, ha aggiunto Dunford.Oltre all’escalation dei combattimenti nel nord del paese, a rischio è la sicurezza alimentare di milioni di persone in tutta l’Etiopia a causa di una mancanza di finanziamenti senza precedenti per gli interventi del WFP nel paese. In tutta l’Etiopia, si stima che oltre 13,6 milioni di persone vivano nell’insicurezza alimentare a causa degli effetti prolungati di siccità, alluvioni, invasione di locuste, instabilità dei mercati e alti prezzi del cibo, e pandemia di Covid-19 – ulteriormente aggravati dal recente conflitto che si espande nelle zone settentrionali del paese.Il WFP ha bisogno di ulteriori 426 milioni di dollari per ampliare la sua risposta di assistenza alimentare d’emergenza per i prossimi sei mesi e per fornire soluzioni a lungo termine per la sicurezza alimentare alle popolazioni che stanno entrando nella stagione annuale “della fame”.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Si dimezzano quasi i numeri delle assunzioni extra per l’emergenza sanitaria nelle scuole

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 agosto 2021

Come indicato nel parere tecnico ministeriale n. 1237, risulta una riduzione secca di 20 mila insegnanti e 22 mila tra amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici. Quindi, a settembre si tornerà a scuola nelle stesse condizioni del 2020, con il Cts che chiede distanziamento sociale e mascherina, le vaccinazioni che non garantiscono di certo il possibile propagarsi dei contagi.“È incredibile – commenta ancora il presidente Anief – che alla ripresa delle lezioni vi saranno 33 mila dipendenti Covid in meno. Significa che ogni scuola dovrà in media fare a meno di 4 lavoratori rispetto ad un anno fa. E la garanzia, per quelli che verranno assunti, è che non rimarranno sino alla fine dell’anno scolastico, ma solo al 31 dicembre 2021”.“Poi, è vero che nel protocollo di sicurezza sottoscritto da ministero e sindacati, l’amministrazione si impegna in relazione all’andamento del quadro epidemiologico e ad individuare le soluzioni più efficaci ad assicurare l’erogazione dell’offerta formativa in presenza nell’intero anno scolastico 2021/2022. Ma ad oggi questi sono i fatti. E noi – conclude Marcello Pacifico – a queste condizioni non ci stiamo”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il nostro ultimo avvertimento Sei gradi di emergenza climatica di Mark Lynas

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

Collana Le terre. Fazi editore. Mark Lynas fornisce un vivido resoconto del futuro che attende la nostra Terra e la nostra civiltà nel caso in cui gli attuali tassi di incremento delle temperature globali persistano.E non è un bello spettacolo.Stiamo già vivendo un’emergenza climatica. Ma quanto possono peggiorare le cose? La civiltà collasserà? Abbiamo già superato il punto di non ritorno? Che tipo di futuro possono aspettarsi i nostri figli? Consultando rigorosamente i più recenti studi della climatologia, Mark Lynas esplora il corso che abbiamo tracciato per la Terra nel prossimo secolo e oltre. Grado per grado, Lynas delinea le probabili conseguenze del riscaldamento globale e della catastrofe climatica che ne deriverebbe. Con un grado in più – la situazione in cui ci troviamo ora – già le foreste della California e dell’Australia vengono divorate da incendi devastanti, mentre uragani mostruosi colpiscono le città costiere. Con due gradi in più, la calotta polare artica si scioglierà e le barriere coralline scompariranno dai tropici. Con tre gradi in più, il mondo inizierà a rimanere senza cibo, rischiando di condannare milioni di persone alla carestia. Con quattro gradi in più, vaste aree del globo diventeranno inabitabili per via del caldo, cancellando dalla mappa intere nazioni e trasformando miliardi di persone in rifugiati climatici. Con cinque gradi in più, il pianeta registrerà le temperature più alte degli ultimi 55 milioni di anni. Con sei gradi in più, infine, avrà luogo un’estinzione di massa senza precedenti, e quasi tutte le forme di vita rischieranno di scomparire dalla faccia della Terra. 259Pagine:480 Prezzo in libreria:€ 20 Prezzo E-Book:€ 9.99.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sperimentazione di un sistema avanzato di soccorso sanitario in emergenza

Posted by fidest press agency su domenica, 11 luglio 2021

Federconsumatori aderisce al progetto SEAM (Sanitary Emergency Air Mobility) della Società Italiana 118 siglando un importante protocollo di intesa finalizzato a promuovere la sperimentazione di un sistema avanzato di soccorso sanitario in emergenza, quindi a beneficio di persone in imminente pericolo di perdere la vita, effettuato e coordinato dalle Centrali Operative 118 mediante l’invio su scenari critici di droni in grado di veicolare defibrillatori automatici, in caso di arresto cardiaco improvviso, emoderivati, in caso di politraumi con shock emorragico, antidoti, potenzialmente salvavita, in caso di intossicazioni acute che ne richiedano la somministrazione più precoce possibile. In Italia si documentano ogni anno almeno 60.000 decessi per arresto cardiaco improvviso, numero ad oggi ancora così elevato in quanto determinato della mancata conoscenza della rianimazione cardiopolmonare e dalla scarsa diffusione di defibrillatori semiautomatici sul territorio, in particolar modo nelle aree più disagiate. Ancora eccessivamente lunghe, inoltre, per cari motivi, le tempistiche di arrivo dei mezzi e degli equipaggi del Sistema 118, sia in area urbana, sia in area extraurbana, sui pazienti in condizioni cliniche severe. Per questo è divenuto sempre più urgente e necessario assicurare alle città e ai luoghi di difficile copertura logistica un modello di cardioprotezione all’avanguardia, con l’utilizzo di strumenti e di mezzi innovativi di air mobility con la formula “Move to the place of risk”: trasportando, cioè, il servizio sanitario dove serve, accelerando i tempi di intervento e portando sul luogo di soccorso un drone ambulanza dotato di defibrillatore e di una telecamera attraverso cui il personale medico della Centrale Operativa del 118 può fornire istruzioni di primo soccorso potenzialmente salvavita alle persone che si trovano vicino alla vittima oppure supportare in tempo reale l’azione di soccorso e la strategia terapeutica degli operatori 118 giunti sul luogo. Un progetto “vitale”, e “salvavita”, che vedrà una attiva collaborazione tra Federconsumatori e SIS 118 per garantire il carattere universale della sanità pubblica e l’innovazione del nostro sistema sociale e sanitario.“Mettere a disposizione dei cittadini un sistema efficiente e tempestivo per il primo soccorso è un passo importante, che consentirà di salvare molte vite. – afferma Emilio Viafora, Presidente Federconsumatori. – Per questo riteniamo fondamentale e strategico, in questa fase di rinnovamento e di rilancio, porre l’innovazione e l’intelligenza artificiale al servizio dei cittadini, per proteggere la loro salute ed aumentare la sicurezza.” “In emergenza il tempo è il fattore chiave – dichiara Mario Balzanelli, Presidente Nazionale della SIS118, e con la nuova, rivoluzionaria visione di Sistema del progetto SEAM, che vede il soccorso salvavita, in alcune situazioni specifiche, giungere anche dal cielo, in pochi minuti, proprio assicurando al paziente critico di ricevere in tempo utile terapie salvavita ridurremo, in modo assai significativo, numerose morti evitabili nel nostro Paese. Ringrazio il Presidente Nazionale di Federconsumatori, Emilio Viafora, per l’autorevole, importante adesione, che apre alla consapevolezza della società civile nazionale l’importanza insostituibile ed irrinunciabile del primo soccorso in caso di emergenza sanitaria effettuato con formula integrata sinergica, complementare e soprattutto tempo dipendente dagli astanti e dal Sistema 118.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Emergenza immigrazione

Posted by fidest press agency su martedì, 29 giugno 2021

“Più di 19 mila sbarchi quest’anno: la maggior parte dei migranti non ha nemmeno diritto a rimanere in Italia. Questo crea, oltre ai problemi di integrazione, anche evidenti rischi legati alla sicurezza. E il tutto si svolge durante una pandemia. C’è un’emergenza, ma c’è anche chi fa finta di non vederla”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, dopo le parole del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese che ha definito “esagerato parlare di emergenza immigrazione”, rilasciate a Skytg24.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Emergenza rifiuti a Roma: la soluzione è smettere di produrne

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2021

Gabbiani che volano sulle strade di Roma, ratti con le dimensioni di gatti e cinghiali nei centri urbani, certi di trovare cibo in quantità. Per non parlare del decoro urbano, segnato da cumuli di spazzature e odori nauseabondi che vengono da secchioni stracolmi, puliti molto raramente, e sporcizia accumulata ai loro lati.Al momento, la questione è stata “tamponata” dirottando 36 mila tonnellate di rifiuti della Capitale in altre 6 Regioni grazie a degli accordi in extremis, ma resta ancora sul tavolo la questione più spinosa: la realizzazione di una discarica a Roma. “Abbiamo messo una ‘toppa’ con lo smistamento fuori regione, ma non si può agire sempre in clima emergenziale. – Commentano Barbara Molinario e Giuseppe Rizzo, candidati in tandem alle prossime elezioni amministrative del XV Municipio per Fratelli d’Italia – La soluzione è smettere di produrre rifiuti, seguendo la filosofia ‘zero waste’. Vanno realizzate campagne di responsabilizzazione dei cittadini, informandoli sulle alternative a minor impatto”. Un’affermazione che appare quasi come un’assurda provocazione ma che i due candidati nella lista di Giorgia Meloni spiegano è qualcosa non solo di realizzabile, ma anche la soluzione migliore nel lungo periodo.“La spazzatura iniziamo a produrla quando facciamo la spesa. Dove possibile, scegliamo prodotti sfusi, nel caso di frutta e verdura, evitiamo le confezioni in plastica. Riutilizziamo i sacchetti della spesa per gettare i rifiuti, o, meglio ancora, portiamone un paio riutilizzabili da casa. – Spiegano Molinario e Rizzo – Il Comune dovrebbe farsi carico di installare nei condomini delle compostiere che possano trasformare i rifiuti organici in compost, che potrà essere utilizzato dagli stessi condòmini o rivenduto a Comune o Municipio. Scuole e uffici pubblici dovrebbero essere dotati di dispenser di acqua per riempire le borracce, riducendo l’utilizzo di bottigliette. Anche gli imballaggi andrebbero ridotti al minimo, magari prevedendo sgravi fiscali per chi sceglie di mettere sul mercato prodotti ‘nudi’ o con packaging compostabili, e sanzioni per chi sceglie soluzioni a maggiore impatto. Questo aiuterebbe a ridurre i rifiuti e, quindi, in parte il problema, ma certo sarà poi necessario trovare soluzioni per ogni tipo di rifiuto, magari pensando a termovalorizzatori al posto delle discariche”.Dichiarazioni che arrivano in un momento di forte disagio nel Municipio e nel resto della città, con cassonetti ovunque stracolmi, rotti, sporchi e maleodoranti.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sassoli: In questa emergenza è assolutamente necessaria la condivisione dei brevetti

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 Maggio 2021

Estratti del discorso del Presidente del Parlamento europeo al Vertice Mondiale sulla Salute a Roma. “A un anno e mezzo dallo scoppio della Pandemia – che colpì per prima l’Italia nell’inverno del 2020 – abbiamo insieme percorso un importante tratto di strada e possiamo preparare un quadro comune di azione internazionale per prevenire e proteggerci da future crisi sanitarie”. “Questo vertice è quindi una grande occasione per trovare soluzioni concrete nel segno della nostra interdipendenza. Di agire insieme per il bene comune globale”.“Questo significa in primo luogo sapere che un solo filo lega salute umana, benessere animale e protezione dell’ambiente. La salute è una sola – One Health. L’azione contro il cambiamento climatico, contro il degrado ambientale, la perdita di biodiversità e per una produzione alimentare sostenibile è fondamentale per proteggere gli esseri umani dagli agenti patogeni emergenti”.“In secondo luogo, la crisi ci ha ricordato l’importanza della cooperazione multilaterale. La cooperazione e il coordinamento nel quadro dell’OMS e della OMC sono essenziali per uscire tutti insieme da questa crisi globale”. “In linea con la sua adesione di lunga data al multilateralismo, l’UE ha deciso sin dall’inizio della pandemia di esportare i vaccini prodotti nel suo territorio e di finanziare la piattaforma COVAX con 2,2 miliardi di EUR, permettendo la fornitura di 68 milioni di dosi a paesi a medio e basso reddito. Non solo. Gli Stati Membri dell’Unione europea hanno anche annunciato la condivisione di oltre 11 milioni di dosi in sovrannumero con Paesi in via di sviluppo”.“E credo sarebbe un passo molto concreto se tutti i Paesi membri del G20 decidessero anch’essi di condividere una quantità ragionevole di vaccini con i Paesi in difficoltà, di eliminare le restrizioni all’esportazione – e in particolare lo facessero per le dosi destinate allo strumento COVAX”.“È una questione di responsabilità e di convenienza, perché non vi è sicurezza per nessuno, se non mettiamo tutti in sicurezza. Queste decisioni di breve periodo sono fondamentali, ma sappiamo che occorre ragionare ora nel medio e lungo termine”.“Dobbiamo esplorare soluzioni coordinate in sede multilaterale che prevedano non solo la condivisione volontaria di licenze per la produzione – uno strumento efficace per rafforzare la produzione – ma anche forme obbligatorie di condivisione delle licenze nel quadro di una situazione di emergenza quale quella attuale”.“L’intera comunità internazionale che deve assumersi una responsabilità condivisa. Per questo sosteniamo la richiesta di negoziare un nuovo trattato globale per rafforzare il sistema comune di monitoraggio e risposta alle epidemie”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Emergenza precariato, in 250 mila il prossimo anno scolastico

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 Maggio 2021

Marcello Pacifico (Anief) chiede al ministro dell’istruzione, Patrizio Bianchi, l’apertura del tavolo urgente previsto dal Patto per la scuola. Bisogna assumere in ruolo gli insegnanti dalle graduatorie provinciali per le supplenze per titoli e servizi, dopo aver esaurito le graduatorie dei concorsi e le GaE. Serve una specifica indennità di incarico per i precari con 24 mesi di servizio, la parità di trattamento retributiva e giuridica nel prossimo CCNL, l’adeguamento dell’organico di fatto a quello di diritto.Sono queste le richieste che il giovane sindacato, di recente divenuto rappresentativo, dopo aver visto accolta dal Comitato europeo dei diritti sociali l’ennesima denuncia sullo sfruttamento del precariato scolastico da parte dello Stato italiano, rivolge al ministro dell’Istruzione. Patrizio Bianchi si è impegnato con le confederazioni a semplificare l’attuale concorso ordinario ma anche a pensare una fase transitoria per risolvere il problema della supplentite e avere tutti in cattedra già questo 1° settembre. L’accordo di massima è stato raggiunto venerdì scorso con i sindacati. Adesso serve però il via libera di Palazzo Chigi. L’obiettivo è quello di varare un provvedimento che eviti il record delle 250mila supplenze annuali a settembre, anche procedendo a un reclutamento straordinario. Sul lungo periodo il ministro sta operando perché si arrivi a un sistema a regime con concorsi annuali, prevedendo nello stesso Pnrr “una revisione finalizzata a poter coprire, con regolarità e stabilità, le cattedre disponibili con insegnanti di ruolo”. Mentre sull’immediato l’esigenza è assumere tra i 60-80mila precari con modalità semplificate e assai diverse dalle attuali.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Protezione civile: per una risposta UE più rapida alle emergenze su larga scala

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 aprile 2021

Il Parlamento ha adottato la riforma del meccanismo di protezione civile dell’UE, in risposta all’esperienza senza precedenti della pandemia COVID-19 per una: • Migliore prevenzione, preparazione e risposta alle catastrofi in Europa e oltre i suoi confini • Rafforzamento della resilienza e della solidarietà in UE • Quintuplicati i fondi per la protezione civile in UE rispetto ai sette anni precedenti I deputati hanno approvato il testo martedì, in via definitiva, con 641 voti a favore, 44 contro e 14 astensioni. Il meccanismo di protezione civile mira a garantire che l’UE e i suoi stati membri siano meglio preparati a rispondere ai disastri su larga scala, specialmente quando questi colpiscono diversi paesi contemporaneamente.Al fine di dispiegare più rapidamente i soccorsi in caso di crisi, la Commissione potrà acquisire direttamente, a condizioni specifiche, le risorse necessarie attraverso la riserva rescEU. Al meccanismo saranno assegnati 1,263 miliardi di euro per il 2021-2027, integrati da 2,056 miliardi di euro provenienti dal Recovery Plan (circa cinque volte di più rispetto al precedente bilancio settennale).Durante il dibattito di lunedì, i deputati hanno riconosciuto il ruolo chiave che il meccanismo di protezione civile ha svolto durante la pandemia COVID-19 e la sua posizione come simbolo della solidarietà in UE. É stato sottolineato inoltre che le modiche approvate in plenaria porteranno più flessibilità nell’utilizzo del meccanismo, un migliore coordinamento e più risorse per affrontare future emergenze su larga scala. Il meccanismo di protezione civile UE (UCPM) è stato istituito nel 2013 come sistema volontario per aiutare i Paesi UE ad affrontare le catastrofi naturali sempre più frequenti. Dal 2019, quando è stato creato rescEU, l’UE è in grado di dotarsi di risorse per assistere i paesi colpiti da catastrofi, quando le capacità nazionali sono sovraccariche. RescEU rappresenta una nuova riserva medica strategica, ospitata attualmente da nove stati membri (Belgio, Danimarca, Germania, Grecia, Ungheria, Romania, Slovenia, Svezia e Paesi Bassi), che consente all’UE di reagire più rapidamente alle crisi.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emergenza concorsi pubblici, le richieste Anief per semplificare e sbloccare le assunzioni

Posted by fidest press agency su domenica, 25 aprile 2021

Il sindacato guidato dal professor Marcello Pacifico ha presentato alcuni emendamenti specifici per migliorare proprio il nuovo reclutamento nell’amministrazione statale. Alcune richieste emendative riguardano i precari della scuola, dell’università, della ricerca e dell’Afam, altri emendamenti riguardano gli educatori e coloro che insegnano all’estero. Fra le proposte anche quella di semplificare gli attuali concorsi, riaprendo le procedure, semplificando le prove scritte e mettendo in ruolo anche migliaia di idonei alla professione: tutti lavoratori non di ruolo abili e arruolati, ma sui quali non si vuole investire chissà per quali motivi costringendoli a fare i precari senza futuro professionale per decenni.”Per noi – ha detto Pacifico – è evidente che occorre assumere tutti gli idonei: ne abbiamo migliaia fra gli insegnanti di religione ed anche fra gli altri concorsi che si sono svolti, non ultimo quello straordinario”, ricorda il sindacalista, aggiungendo che è una questione importante perché “ci sono migliaia di precari” da considerare. “Da vent’anni si vuole sconfiggere il precariato – ha continuato il sindacalista autonomo – ma nessuno ci riuscirà fino a quando lo Stato prorogherà questi contratti” sine die e creando tutte le condizioni favorevoli per “l’apertura della strada giudiziaria per ottenere il loro risarcimento”.”Ora si può fare qualcosa – ha aggiunto il sindacalista – con un emendamento che consentirebbe di assumere dalle GPS, ovvero dalle graduatorie provinciali per le supplenze, laddove le graduatorie ad esaurimento si siano esaurite. Questo permetterebbe di avere entro il primo settembre, non tutte le 200mila immissioni in ruolo richieste, ma almeno le 100mila che il governo probabilmente autorizzerà. Sarebbe un primo passo per abbattere la precarietà e la supplentite e, finalmente – ha concluso il leader dell’Anief – per dare un po’ di stabilità agli organici, garantendo un regolare avvio dell’anno scolastico”.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Seminari L’Emergenza in Democrazia. La Democrazia in emergenza

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 aprile 2021

Martedì 20 aprile, alle 9, si terrà il quinto appuntamento del ciclo di seminari L’Emergenza in Democrazia. La Democrazia in emergenza, organizzato dalla Cattedra di Diritto costituzionale dell’Università di Parma.Francesco Devanna, assegnista di ricerca in Filosofia del diritto all’Università di Modena e Reggio Emilia, parlerà del volume “Il diritto al viaggio. Abbecedario delle migrazioni” (Giappichelli ed., 2018) di cui è curatore insieme a Luca Barbari.Si discuterà, insieme al curatore (e coautore) del volume, di processi migratori e di politiche di accoglienza e integrazione, partendo da alcune parole chiave – quali ONG, solidarietà, confini eccetera – su cui è costruito l’intero volume e che orientano il dibattito in tema di migrazioni. Nel corso del ciclo di webinar, la presentazione di libri su temi di stretta attualità costituzionale, di recente pubblicazione, diventa l’occasione per discutere sulle trasformazioni delle democrazie contemporanee e riflettere su alcune questioni aperte: l’emergenza sanitaria, le nuove dinamiche economiche, i fenomeni migratori, il progresso tecnologico, le nuove forme di comunicazione, il populismo.Si tratta di temi che, singolarmente e ancor più complessivamente, incidono sulle categorie ‘classiche’ del diritto costituzionale; inducono a riflettere sul significato più profondo di convivenza democratica e influiscono sull’idea stessa di Istituzioni: che cosa sono, come agiscono e come vengono percepite.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’emergenza in Democrazia. La Democrazia in emergenza

Posted by fidest press agency su martedì, 13 aprile 2021

Parma. Questioni e problematiche aperte del XXI secolo”, organizzato dalla cattedra di Diritto costituzionale dell’Università di Parma: giovedì 15 aprile, dalle 15 alle 17, Mario Caligiuri, docente dell’Università della Calabria, interverrà sul tema Il potere che sta conquistando il mondo. Le multinazionali dei Paesi senza democrazia. Ne discuteranno Michele Tempesta e Massimiliano Baroni dell’Università di Parma. Nel corso del ciclo di webinar “L’emergenza in Democrazia. La Democrazia in emergenza” la presentazione di libri su temi di stretta attualità costituzionale, di recente pubblicazione, sarà l’occasione per discutere sulle trasformazioni delle democrazie contemporanee e riflettere su alcune questioni aperte: l’emergenza sanitaria, le nuove dinamiche economiche, i fenomeni migratori, il progresso tecnologico, le nuove forme di comunicazione, il populismo. Si tratta di temi che, singolarmente e ancor più complessivamente, incidono sulle categorie ‘classiche’ del diritto costituzionale; inducono a riflettere sul significato più profondo di convivenza democratica e influiscono sull’idea stessa di Istituzioni: che cosa sono, come agiscono e come vengono percepite. Gli incontri sono aperti a tutti e sono accessibili on line su piattaforma Teams: l’indirizzo è disponibile sul sito web di Ateneo nella locandina allegata alla notizia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ripensare “Il Sistema Extra-Ospedaliero di Emergenza Sanitaria”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 marzo 2021

E’ stato pubblicato oggi il Position Paper “Il Sistema Extra-Ospedaliero di Emergenza Sanitaria”, un documento messo a punto dalla Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia intensiva (SIAARTI), dall’Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica (AAROI-EMAC) e dal Collegio dei Professori di Anestesia e Rianimazione (CPAR). Il documento è stato elaborato e firmato da Flavia Petrini (Presidente SIAARTI), Alessandro Vergallo (Presidente AAROI-EMAC), Paolo Pelosi (Presidente CPAR), Emiliano Cingolani (Responsabile SIAARTI Medicina Critica dell’Emergenza). Il Position Paper prende l’avvio dalla considerazione che “a trent’anni dall’istituzione del 118 come numero unico per le chiamate di emergenza sanitaria e del decreto istitutivo della risposta territoriale, è necessaria una riorganizzazione del sistema che tenga presenti i cambiamenti intercorsi in questo periodo e i progressi registrati in campo scientifico-professionale”. La riorganizzazione, precisa il documento, deve tener conto del fatto che “la realtà italiana è disomogenea riguardo allo sviluppo e all’implementazione di modelli organizzativi che realmente assicurano una risposta di sistema con piena integrazione con le reti ospedaliere dell’emergenza e delle Terapie Intensive”. Il ripensamento del sistema extra-ospedaliero di emergenza sanitaria deve essere guidato da standard minimi basati sui principi di: appropriatezza e innovazione gestionale e clinico-assistenziale; tempestività dell’intervento di soccorso in emergenza sul territorio e in ambito ospedaliero; equità di organizzazione e risposta emergenziale sul territorio nazionale, in base alle necessità cliniche del paziente; efficienza e ottimizzazione nell’uso delle risorse disponibili.Poste queste premesse, il Position Paper presenta alcune chiare e sintetiche Proposte:
1- Definizione e avvio di una GOVERNANCE unitaria del sistema di emergenza-urgenza;
2- Coinvolgimento del personale sanitario e tecnico nella pianificazione del MODELLO organizzativo e della sua gestione;
3- Definizione e avvio di un nuovo modello organizzativo basato su idonee COMPETENZE e sul rifiuto dell’occasionalità;
4- Adeguata FORMAZIONE e specifico training nell’area della medicina critica dell’emergenza;
5- Percorsi specifici di formazione per gli INFERMIERI, visto il loro ruolo fondamentale (sia all’interno delle Centrali Operative 118-112, che sui mezzi di soccorso);
6- Percorsi formativi integrati e “team building” con il coinvolgimento delle figure tecniche di SUPPORTO (autisti, soccorritori, autisti-soccorritori).
Il Position Paper termina lanciando l’appello affinché tutti gli attori del sistema accolgano il Documento e possano avviare un programma di riforma “che veda unite Società Scientifiche, Organizzazioni Professionali e Sindacali afferenti alla Disciplina Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e Dolore, “come elemento fondamentale per il miglioramento della risposta al soccorso di emergenza territoriale e per la crescita professionale, didattica e scientifica con una stretta relazione interdisciplinare e multi-professionale”. Su queste basi SIAARTI, AAROI-EMAC E CPAR sono convinte si possa sviluppare una seria riflessione e rifondazione del sistema complessivo, a tutto vantaggio dei cittadini italiani e dei loro quotidiani bisogni di salute.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pronto Soccorso del Lazio nuovamente in emergenza

Posted by fidest press agency su martedì, 23 marzo 2021

La situazione nei Pronto Soccorso del Lazio precipita già nella giornata di domenica: ancora una volta l’aumento dei casi, preannunciato da giorni, travolge tutto come una bufera e da ieri si registrano di nuovo i blocchi delle ambulanze, con pazienti Covid e no Covid in attesa ore per un ricovero.A Latina 12 ambulanze sono ferme con pazienti in attesa di ricovero. Nel Pronto Soccorso del Santa Maria Goretti, come se la pandemia non fosse abbastanza, si è proceduto anche alla ristrutturazione di una area riducendo i posti letto Covid. Questa volta anche l’uso della cappella dell’ospedale è compromessa dalla carenza di personale, già insufficiente per la gestione ordinaria.Negli ospedali romani, come il Policlinico Casilino, la situazione non è migliore: a infermieri e OSS è già stato comunicato l’“obbligo di straordinari” per coprire l’emergenza e la carenza di personale.In tutto questo, da settimane chiediamo alla Regione Lazio lo scorrimento della graduatoria degli infermieri idonei e la pubblicazione della manifestazione di interesse OSS emessa dalla Asl Rm2. Richieste che hanno avuto risposte insufficienti e che hanno prodotto non più di duecento chiamate da gennaio 2021. Ora l’emergenza è di nuovo sulle spalle di chi da un anno fronteggia la pandemia con armi spuntate. Ancora una volta chi ci governa continua a pensare che una coperta corta possa veramente garantirci il diritto alla cura… Per noi e per tutti gli operatori sanitari investiti dall’emergenza è chiaro e palese che sulla salute non si specula.Assunzioni subito per garantire la fase attuale e un piano vaccinale adeguato e rapido. fonte: USB Sanità Regione Lazio

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’emergenza in Democrazia: Questioni e problematiche aperte del XXI secolo

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 marzo 2021

Parma Il terzo appuntamento si svolgerà martedì 23 marzo dalle 9 alle 11 su Teams: Ida Angela Nicotra, docente di Diritto costituzionale all’Università di Catania, presenterà il suo ultimo volume “Pandemia costituzionale”(discussant Edoardo Raffiotta, docente di Diritto costituzionale all’Università di Bologna).Durante l’incontro si discuterà dei profili di Diritto costituzionale in merito alla gestione dell’emergenza sanitaria, verrà fatto un bilancio ad un anno dal primo lockdown e si ragionerà sulle prospettive future.Nel corso del ciclo di webinar, la presentazione di libri su temi di stretta attualità costituzionale, di recente pubblicazione, diventa infatti l’occasione per discutere sulle trasformazioni delle democrazie contemporanee e riflettere su alcune questioni aperte: l’emergenza sanitaria, le nuove dinamiche economiche, i fenomeni migratori, il progresso tecnologico, le nuove forme di comunicazione, il populismo.Si tratta di temi che, singolarmente e ancor più complessivamente, incidono sulle categorie ‘classiche’ del diritto costituzionale; inducono a riflettere sul significato più profondo di convivenza democratica e influiscono sull’idea stessa di Istituzioni: che cosa sono, come agiscono e come vengono percepite.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »