Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 312

Posts Tagged ‘emergenze’

Emergenze animali al tempo del Covid-19

Posted by fidest press agency su sabato, 25 aprile 2020

L’Ordine Medici Veterinari di Roma e provincia ricorda l’importanza di garantire la salute di ogni essere vivente. Cliniche ed ambulatori veterinari in modalità “triage d’emergenza” ma sempre presenti per ogni necessità dei nostri amici a quattro zampe. Le emergenze sanitarie degli animali non sono da meno rispetto a quelle degli esseri umani, per chi condivide la propria esistenza con un cane, un gatto o qualunque altro animale, la loro cura e il loro benessere sono fondamentali quanto i propri. L’Ordine Medici Veterinari di Roma e provincia scende nuovamente in campo per ribadire che il servizio veterinario, anche durante l’isolamento sociale forzato dalla Covid-19, è sempre garantito, nelle cliniche come negli ambulatori, ma ricorda che è importante valutare, come accade nel Pronto Soccorso umano, ogni singolo caso. Ci sono, infatti, urgenze palesi, casi che necessitano di maggiore attenzione e anche questioni di non particolare rilievo e rimandabili: per questo l’Ordine dei Medici Veterinari di Roma e provincia invita a consultare il proprio veterinario di fiducia telefonicamente, per valutare insieme l’effettiva necessità di uno spostamento. Una modalità di “triage d’emergenza” inadatta, in condizioni normali, ad affrontare correttamente le questioni sanitarie dei nostri animali, ma che ci viene imposta dalle circostanze per garantire il rispetto delle misure preventive sancite dalle normative vigenti. La comunicazione telefonica potrà quindi aiutare il veterinario a valutare il vostro caso e garantirvi un accesso sicuro, protetto e razionale alle cure. Gli animali non hanno il dono della parola, ma gli umani con cui convivono hanno a disposizione numerosi elementi per rilevare, ad esempio, l’alterazione del comportamento alimentare, la qualità del movimento o altri campanelli d’allarme che potranno essere riferiti con tutti i dettagli al veterinario, affinché possa esprimere un primo sospetto diagnostico che indirizzi l’eventuale visita anche quando non sussistano evidenti condizioni di urgenza. (da Federica Rinaudo)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banche: i consigli di Bain & Company per affrontare l’emergenza

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 aprile 2020

Nella situazione attuale di crisi sanitaria e sociale, le Banche ricoprono un ruolo centrale nel sostenere le famiglie, le imprese e l’economia in generale a far fronte allo scenario. Infatti, il settore bancario – che contribuisce nel garantire stabilità nei sistemi di finanziamenti, pagamenti, commercio e liquidità delle filiere produttive- è un’industria essenziale per mantenere vive le economie.
“Per questo motivo”, spiega Roberto Frazzitta, Partner di Bain & Company, “le aziende di credito in pochissimi giorni dallo scoppio della pandemia hanno dovuto rivedere e rimodulare tutte le proprie operazioni e mettere in atto un piano completo per garantire la tutela delle loro persone e dei loro clienti. Oltre ad assicurare l’adozione stringente di tutte le misure per ridurre la trasmissione del virus, con l’adozione sistematica dello smart working e diverse modalità di funzionamento delle loro filiali, le Banche hanno dato una risposta molto incisiva per allentare le tensioni finanziare e soddisfare il più velocemente possibile le esigenze dei clienti in difficoltà. Alle famiglie come alle piccole e medie imprese danneggiate dallo stato di crisi, ad esempio, sono garantite estensioni nei tempi di pagamento e diversi gli altri programmi di sostegno creditizio”.Innanzitutto, gli Istituti di Credito devono pianificare un programma di azioni a sostegno della loro presenza fisica e digitale che tenga in considerazione l’erogazione di tutti i prodotti e servizi finanziari primari. E lo devono fare mettendo al primo posto la tutela delle proprie Persone e dei Clienti, accertandosi anche che i loro fornitori di beni e servizi aderiscano alle più stringenti normative. Dopo alcune settimane di adattamento, in molti casi oltre il 90% delle risorse centrali opera da casa. E nelle reti di filiali il modello di gestione per appuntamento è applicato in modo estensivo. Risultati straordinari ottenuti in pochissime settimane di gestione della crisi.In questo scenario di sospensione prolungata di quasi tutte le attività, molti clienti, siano essi privati o aziende, devono affrontare una serie di situazioni finanziarie e operative urgenti, che implicano uno “sforzo in più” da parte delle Banche. A supporto dei clienti con impatti importanti sulla liquidità, vengono temporaneamente sospesi i pagamenti sui prestiti e le commissioni sui servizi di transazione. Si rafforzano i call center per gestire il numero crescente di richieste e si punta sulla tecnologia digitale per consentire ed abilitare un numero di operazioni da remoto sempre maggiore. Data la natura del rapporto bancario, i clienti – così come i dipendenti – hanno un grande bisogno di rassicurazioni, sicurezza e tutela. Le azioni e il tono della comunicazione di una banca – anche nelle interazioni a distanza – devono dar prova di coerenza, stabilità e trasmettere fiducia assicurando un servizio continuativo anche durante l’emergenza.Le Banche devono anche pensare alla tutela e solidità del loro bilancio. Con il crollo dei consumi e l’impatto sui piccoli operatori ed un grande numero di settori e filiere industriali, le banche centrali e i governi si stanno prodigando per attenuare i rischi di propagazione della crisi sul tessuto economico e favorire la trasmissione di liquidità al sistema tramite l’azione degli istituti di Credito. Ma la redditività ed il capitale delle Banche saranno messi alla prova quando il portafoglio dei prestiti sarà colpito da un’ondata crescente di inadempienze, sia sulle esposizioni già in essere che sui nuovi finanziamenti. L’entità di questa ondata dipenderà moltissimo dalla durata della fase di lockdown.È realistico pensare in questi mesi ad un’eccezionale ondata di volumi di richiesta di credito da parte delle aziende. Questa stresserà i tradizionali processi autorizzativi e richiederà un approccio fortemente proattivo per decidere rapidamente ma bene. La ricetta è dunque agire subito predisponendo un vero e proprio modello di triage:Esaminare il portafoglio crediti e segmentarlo in porzioni omogenee per tipologie di settori, misure di eleggibilità delle garanzie statali, anche utilizzando informazioni esterne più aggiornate ed in tempo reale rispetto ai tradizionali blianciDisegnare e lanciare un set di azioni attraverso il network, monitorandone esecuzione ed efficacia. Preparare la vera e propria macchina creditizia identificando i possibili colli di bottiglia, disegnando processi decisionali precodificati e coerenti con i diversi segmenti di portafoglio identificati.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 marzo 2020

Di Rita Sabelli responsabile Aduc aggiornamento normativo. Da oggi 12 marzo 2020 sono operative ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale e fissate dal DPCM 11/3/2020, che si affiancancano a quelle in vigore dal 10 marzo fissate dal DPCM 9/3/2020.E’ sancita la sospensione delle attivita’ commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attivita’ di vendita di generi alimentari e di prima necessità, delle attivita’ dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), e delle attivita’ inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti), il tutto con precise e dettagliate eccezioni.Restano garantiti i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonche’ l’attivita’ del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare.Le misure riguardano l’intero territorio nazionale già reso tutto “zona rossa, (o arancione che dir si voglia)”, dove già da martedì 10 vigono restriizioni particolari tra cui il divieto di entrata ed uscita e di spostamento all’interno, salvo che vi siano motivi di comprovate esigenze lavorative, di salute o situazioni di necessità. Consigliamo sempre di consultare e seguire anche i provvedimenti della propria Regione sia a livello amministrativo che sanitario. (fonte Aduc)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conferenza Internazionale Prevenzione Emergenze

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 ottobre 2019

Roma 25 e 26 ottobre prossimo, rispettivamente a Roma e a Milano (25 Ottobre 2019 ore 15.30 – Hotel dei Congressi, via William Shakespeare, 29 e 26 Ottobre ore 15.30 – Hotel Michelangelo Milano (di fianco Stazione Centrale ) , si terranno le due giornate di studi della Conferenza Internazionale Prevenzione Emergenze: Protezione Nazionale Boschi e Foreste – Riduzione del Global Warming, promossa da IEMO (International Emergency Management Organization), in collaborazione con Accademia Costantiniana ONLUS e da Social Future Project Italia. La conferenza ospiterà relatori di rilevante spessore scientifico nel settore dell’Ambiente e del Clima.I lavori verranno aperti con la prefazione del Premio Nobel Werner Arber.Scopo della Conferenza è dimostrare che la Direttiva Europea RED II ed il Testo Unico in materia di Foreste e Filiere forestali (TUFF) italiano vanno emendati, disincentivando ulteriori disboschi e restringendo immediatamente il termine “biomasse” ai soli residui e scarti legnosi pena l’incoerenza alla neutralità sulle emissioni di gas serra (carbon neutrality) che sia l’Italia sia gli altri Stati Europei si sono obbligati a raggiungere per cercare di prevenire il collasso climatico.Tagliare alberi per farne legname chippato o energia elettrica emette il 150% in più di C02 (Anidride Carbonica) nell’atmosfera rispetto al carbon fossile. Questo è il motivo per cui bruciare alberi contravviene ai Protocolli di Kyoto: perché le “biomasse legnose” non sono vere energie rinnovabili e, anzi, accelerano il collasso climatico e, non potendo venire rimpiazzate in tempo utile per scongiurare il collasso ambientale previsto da qui a pochi anni dagli scienziati dell’IPCC, il Panel Intergovernativo sul Cambiamento Climatico delle Nazioni Unite.In questa prospettiva, il taglio degli alberi è sicuramente da evitare, sia in ambito rurale sia urbano, in quanto gli sono gli unici difensori dell’ecosistema dal collasso globale. Anche le potature urbane vanno ripensate. Poco, infine, farebbe la riforestazione con nuove piantine, che impiegherebbero oltre 20 anni per sviluppare un’estensione fogliare sufficiente ad assorbire quantità rilevanti di C02.Preservare gli alberi esistenti, potenti assorbitori di CO2 é anche la soluzione pratica per dare risposta alle richieste del movimento dei giovani dei “friday for future” di Greta Thunberg. La conferenza è ad ingresso libero e prevede una larga partecipazione di oratori e di pubblico. Data la rilevanza dell’evento la stampa nazionale è invitata a partecipare numerosa, specialmente all’apertura dei lavori delle due sessioni, quando verranno fatte le prime dichiarazioni ufficiali supportate dai dati scientifici.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Le patologie più frequenti nei migranti e le emergenze sanitarie”

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 ottobre 2019

Roma 19 ottobre 2019 Aula Roberto Lala. Ordine Provinciale di Roma dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri h. 8.30-15.10 convegno Omceo Rm su “Le patologie più frequenti nei migranti e le emergenze sanitarie” ,i migranti non portano malattie. Durante il Convegno si discuterà delle patologie più frequenti tra i migranti e i rifugiati e le emergenze sanitarie dove si confronteranno medici esperti e specialisti italiani e di origine straniera nelle varie specializzazioni ;ginecologia ,pediatria ,ortopedia ,fisiatria ,psichiatria ,chirurgia plastica ,igiene ,neurologia ,malattie infettive, medicina legale ,medicina generale ,radiologia ,cardiologia e con il contributo e collaborazione dell’ordine degli avvocati ed esponenti del consiglio direttivo ;Mauro Mazzoni(Vice presidente) e Alessandro Graziani (Tesoriere) per affrontare aspetti giuridici per i migranti e i rifugiati e la partecipazione della direzione generale dell’ASL Roma 4 e Roma 5 con il direttore generale dr.Giuseppe Quinavalle .
“Un incontro molto importante per le sue finalità a favore dell’aggiornamento professionale, la collaborazione tra professionisti internazionali e tra ordine dei medici e ordini degli avvocati su temi d’attualità e di salute dei migranti e i rifugiati dove si conferma ancora una volta dal punto di vista scientifico e statistico che gli immigrati non portano malattie ma si ammalano dopo il loro arrivo in Italia,le visite più richieste dai migranti in Italia sono in ;20%ginecologia ,10%pediatria ,15%ortopedia ,10 %di emergenza e pronto soccorso 5%dermatologia ,5% cardiologia ,5% gastroenterologia ,5% apparato respiratoria, 2% malattie infettive ,7% patologie trasmesse sessualmente e il resto comprende tutte le altre branche e di medicina generale ,dichiara in base alla sua esperienza Foad Aodi Consigliere Omceo e Coordinatore dell’Area rapporti con i comuni e affari esteri dello stesso ordine nonché membro del registro esperti e del Gruppo di Lavoro Salute Globale presso la Fnomceo”.In questi mesi abbiamo lavorato molto insieme alle tre commissioni afferenti all’area rapporti con i comuni e affari esteri ;Commissione solidarietà e cooperazione internazionale coordinata da Dr.Fabio Abenavoli ,Commissione medici di origine straniera e collaborazione interprofessionale Coordinata dal Dr.Jamal Abo A. e Dr. Petre Mihai Baleanu , Commissione “Comuni Uniti” coordinata da Dr.Fabio Valente dove ci siamo uniti ogni 2 mesi e abbiamo organizzato già un convegno a maggio scorso su salute e flussi migranti e abbiamo proposto al consiglio dell’omceo un documento #Manifesto ;”Sanità e Integrazione eper una salute globale ” che e’ stato approvato nel consiglio direttivo di Ottobre/2019 e sarà illustrato in apertura del convegno di sabato prossimo continua Aodi che ringrazia il presidente dell’Omceo di Roma Dr.Antonio Magi e il vice presidente Dr.Pierluigi Bartoletti e tutto il consiglio direttivo per la sua disponibilità e sensibilità a difendere il diritto alla salute e promuovere iniziative importanti a favore dell’integrazione e la legalità come la tutela della circoncisione non curativa (preventiva) come atto medico e di svolgerla solo presso strutture autorizzate e combattere nello stesso tempo la mutilazione genitale femminile (MGF).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Decreto emergenze in agricoltura

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 marzo 2019

Esso mostra attenzione verso il settore, ma evidenzia anche numerose falle e l’esigenza di misure correttive. Tra i punti deboli – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – vi sono: l’utilizzo di un budget troppo esiguo (solo 61 milioni di euro); il mancato inserimento di una misura che avrebbe potuto sbloccare 70 milioni di euro del Fondo sviluppo e coesione da usare per combattere la Xylella; gli scarsi investimenti nel comparto olivicolo e la totale assenza di misure per ridurre l’impatto della macchina burocratica.Il settore agricolo – continua Tiso – ha bisogno di una piccola rivoluzione verde in cui si rimettano in discussione le filiere, i processi e i modelli di produzione, commercializzazione e distribuzione. Per riuscire a realizzare questo importante e necessario cambiamento però – conclude Tiso – serve anche una presa di consapevolezza su quel che è realmente il mondo agricolo. E’ anche per queste ragioni che come Confeuro insistiamo per la costruzione di una cultura agroalimentare che, non solo renda giustizia a chi ha fatto grande il nostro Paese, ma che lo aiuti anche a guardare avanti con maggiore fiducia.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Emergenza supplenze, 120 mila i precari assegnati su posti vacanti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 novembre 2018

Bisogna salvaguardare chi lavora nelle scuole. Quasi centomila supplenti senza abilitazione ma con anni di servizio portano avanti il loro operato: devono essere assunti. Quella del precariato è una brutta piaga, presente nelle nostre scuole in maniera sempre più invasiva, con oltre 50 mila supplenze annuali assegnate quest’anno su sostegno ed altre 70 mila su cattedra curricolare: numeri da record, destinati a crescere. Invece, però, di avviare delle politiche di serio contrasto, assumendo il personale precario già selezionato e formato, si continuano a proporre dei concorsi-spot che ne stabilizza solo una piccola parte. Eppure la soluzione è a portata di mano e non prevede nemmeno particolari impegni economici: basterebbe procedere allo scorrimento delle graduatorie oltre il mero numero dei vincitori in riferimento ai posti messi a concorso. A chiederlo è il giovane sindacato Anief, facendosi da tramite per proporre alla commissione Bilancio degli emendamenti alla manovra economica AC n. 1334 all’articolo 58 sulle “Modifiche al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, e altre disposizioni in materia di revisione del sistema di reclutamento dei docenti scolastici”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Emergenze italiane: L’acqua, il fuoco, l’amianto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 settembre 2017

vigilidelfuoco14Ci vorrebbe una battuta fulminante di Totò per descrivere la situazione attuale. Quest’estate non avevamo la palla di vetro quando annunciavamo che dall’emergenza fuoco saremmo passati all’emergenza acqua. Era solo questione di logica: il corpo nazionale è di fatto ai minimi storici. E con tutti gli occhi puntati su Irma, nessuno si è accorto che l’Italia stava per essere investita da un ciclone mediterraneo. Anzi sì, quelli della Lega Calcio che hanno vietato Sampdoria-Roma per rischio alluvione.
Però la gente è morta in Toscana. Però c’è un disastro in corso, in un paese che da sempre violenta il territorio, tombando corsi d’acqua e cementificando ogni centimetro quadrato. Così la pioggia diventa catastrofe. E quelli che dovrebbero portare i soccorsi magari devono aiutare prima di tutto se stessi: come a Ostia, dove la caserma dei vigili del fuoco è stata invasa da 40 cm di acqua che ha anche schiantato le serrande. E poi, persa la sfida sul Morrone, ecco che anche l’amianto, da dover riconoscere ai fini pensionistici con tanto di nota Inps, aggiunge un altro tassello all’infame condizione lavorativa a cui sono sottoposti i vigili. Siamo nelle mani di nessuno, anzi, verrebbe da dire che: siamo gestiti da curatori fallimentari. Non troviamo nessun termine appropriato per definire un gruppo manageriale che “non ne imbrocca una”. E dire che come organizzazione sindacale anche sul versante amianto li avevamo avvisati e denunciati. Ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. La sicurezza sui luoghi di lavoro è una politica che proprio non riusciamo a far comprendere al dipartimento. Quasi quasi verrebbe da dire che: “non ci sono più i pompieri di una volta”. Sì. Quelli che se uscivano sei in partenza, se chiamavano la sala operativa e chiedevano un rinforzo arrivavano mezzi da ogni parte. Tempi belli, ma passati. Qui oggi le sedi si chiudono: Padova docet. Allora ecco che il titolo da noi scelto “cade proprio a fagiolo”. E tempo di smetterla con questa politica di governo di destra. Con questo ministro chiaramente “amante del ventennio che fu” che usa impropriamente i vigili del fuoco in operazioni di ordine pubblico, che fa la nuova versione delle leggi razziali attraverso un decreto a suo nome, che copre spudoratamente chi si è appropriato dei fondi dell’ONA (Opera Nazionale Assistenza), che permette che l’arma dei carabinieri si arroghi il diritto di fare accordi con la protezione civile.
Che blocca Villa San Giovanni (RC) con veri e propri posti di frontiera che impediscono, palesemente, non soltanto il diritto a manifestare il proprio dissenso sociale ma, molto più banalmente, il diritto alla mobilità e alla libera circolazione delle persone.
Il controllo è riservato non soltanto a chi fermato risulta un soggetto con “precedenti” e\o segnalazioni di tipo politico, ma anche a tutte le persone che anche vagamente hanno qualcosa che possa ricondurli a “soggetti sovversivi” (kefiah, capelli lunghi, orecchini, felpa, tatuaggi, piercing, ecc.). Ecco cosa è importante in questo Paese: un buon taglio di capelli e lui, il nostro ministro, non è tipo proprio da non essere inquadrato come uno che abbi sempre il giusto taglio.
Noi vigili del fuoco continuano ad essere gestiti male e speriamo nel prossimo governo che sicuramente non sarà più a “destra” di questo. fonte: Coordinamento nazionale Vigili del Fuoco USB)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola Emergenza reggenze: da settembre 2mila istituti senza preside

Posted by fidest press agency su domenica, 4 giugno 2017

Palermo-Panorama-bjs-2Se ne è parlato a Palermo, nel corso di un incontro svolto da rappresentanti della neonata associazione nazionale dei collaboratori dei dirigenti scolastici A.N.Co.Di.S. con i vertici dell’Anief: vicari e collaboratori lamentano il mancato riconoscimento giuridico e contrattuale per le attività ulteriori svolte rispetto a quanto previsto dal contratto senza avere alcun genere di riscontro salvo una diaria forfetaria annua. Eppure, solo grazie all’apporto di questi fac totum della scuola, infatti, i presidi possono organizzare e gestire la mole di responsabilità che la scuola dell’autonomia ha aumentato in maniera esponenziale. Inoltre, molti di loro, pure quando responsabili di un plesso scolastico, non sono esonerati dalle attività didattiche. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): non possiamo che condividere le richieste formulate dall’A.N.Co.Di.S., perché i collaboratori dei presidi nel corso degli ultimi anni sono stati progressivamente penalizzati. Dal 2010 non percepiscono più l’indennità di reggenza, a seguito dell’avvio della spending review adottata sui dipendenti pubblici. Con la Buona Scuola hanno perso anche l’esonero dal servizio di docenza, riuscendo questo a scattare solo in presenza (casuale) di un docente potenziatore della stessa classe di concorso del collaboratore del preside, individuato da quest’ultimo. È poi fondamentale che la loro preziosissima opera venga riconosciuta e inquadrata formalmente nell’ambito del ‘middle management’, di cui si parla da 20 anni senza che però nessuno abbia mai presentato una proposta concreta da condurre in porto.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Padoan Dimettiti: salviamo Mps, non il Pd

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2016

pier-carlo-padoanIl ministro Padoan deve andare a casa. Il M5S vuole sfiduciarlo perché non ha saputo affrontare con tempismo le emergenze del sistema bancario, ha tergiversato per mesi e mesi su Montepaschi e adesso, sotto Natale, ci chiede di poter fare fino a 20 miliardi in più di debito senza spiegare in alcun modo come vuole usarli. Non possiamo accettare di dare alcuna carta bianca a un governo fantoccio. Soprattutto dopo che il suo predecessore ha imposto la chiusura anticipata, con la fiducia, della legge di Bilancio senza una vera discussione in Senato.Il Bomba ha rinviato fino a dicembre la data del referendum e ha trascinato il Paese in una campagna tanto inutile quanto dannosa. Nel frattempo la grana Montepaschi peggiorava e la banca senese veniva usata come arma di ricatto nei confronti degli elettori. Ora, il M5S non può concedere alcuna scorciatoia.Il Partito democratico ha massacrato la banca più antica del mondo per sete di potere e di consenso. Sono stati bruciati miliardi e miliardi di capitale solo negli ultimi anni. Adesso la dirigenza, targata JpMorgan e paracadutata a Siena dal Bomba, non ha niente di meglio da fare che ricattare i piccoli risparmiatori, obbligandoli, di fatto, a trasformare i loro risparmi in capitale di rischio.
La stessa JP Morgan che si garantirà commissioni per 450 milioni (in caso di successo dell’operazione di mercato) senza comunque esporsi.
Non possiamo consentire a Padoan di mettere le mani nelle tasche degli italiani con questa sfrontatezza per fare l’ennesimo regalo a un ceto di banchieri e manager che andrebbe invece spazzato via. Sarebbero altri miliardi buttati al vento.
Il M5S è favorevole a uno strumento pubblico allo scopo di sistemare il settore del credito, ma noi siamo per una vera nazionalizzazione di Montepaschi e di pezzi del sistema bancario, un intervento pubblico di lunga durata che azzererebbe i Cda colpevoli del disastro e avvierebbe una gestione interna dei crediti deteriorati (che non possono diventare un business per pochi speculatori). Soprattutto il M5S introdurrebbe: 1) principi di sana e prudente gestione; 2) una politica degli impieghi rivolta all’economia reale; 3) una policy delle remunerazioni dei dirigenti realmente commisurata ai risultati d’impresa. E’ così che si salvano gli istituti e si tutela il risparmio.
Invece il governo-avatar chiede di poter spendere fino a 20 miliardi per una moltitudine fumosa di obiettivi. Interventi di capitale? In favore di chi e quanto? Sostegno alle emissioni di liquidità? Tutela dei piccoli investitori? Stiamo messi bene se si comportano come con il ‘salva-banchieri’.Chi prenderà cosa? Quali e quante stampelle si lanceranno a un ceto manageriale che dovrebbe soltanto andare a casa?
Il maggior debito è cosa buona se lo si usa bene. E’ assurdo pensare di dare l’ok per aumentarlo senza sapere come saranno utilizzati questi soldi. Non abbiamo nessuna fiducia in un governo che è la fotocopia di quello che ha arrecato danni enormi al sistema bancario con provvedimenti ispirati alla tutela dei soliti noti e macchiati da conflitti di interesse di tipo familistico. A tal proposito, stiamo ancora aspettando un segno di responsabilità e di discontinuità da parte degli organi di vigilanza: i vertici di Bankitalia e Consob dovrebbero essere già andati a casa da tempo.
Inoltre, le eventuali ricapitalizzazioni “precauzionali” impostate dall’esecutivo, che accetta supinamente le regole Ue, porterebbero a un “burden sharing” e quindi a perdite per gli investitori privati (titolari di obbligazioni subordinate), con il rischio di un effetto panico e, dunque, di una destabilizzazione ancora peggiore.Quanti soldi abbiamo perso per la loro incapacità di gestire il problema causato da loro stessi? Quanto ci costerà l’immobilismo di Renzi che ha fatto bruciare in questi mesi miliardi di euro?
Ora si dimostra che, come sempre proposto dal M5S, è possibile l’intervento pubblico: Padoan si assuma la responsabilità di non averlo fatto un anno fa; si sarebbe evitato il crollo del sistema che è costato decine di miliardi al nostro sistema bancario. I soldi dei cittadini vanno usati per difendere i risparmi dei cittadini stessi, non i guadagni dei privati. Il M5S continua a far da sentinella in difesa del risparmio. (Fonte: blog grillo) (foto: padoan)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Emergenze vascolari

Posted by fidest press agency su sabato, 2 aprile 2011

Interrompere il flusso sanguigno in una vena e sostituirla con una protesi o una endoprotesi per fermarne l’emorragia, o riaprire una arteria applicando uno stent e consentire la normale circolazione del sangue. Sono alcuni degli interventi di chirurgia vascolare eseguiti all’Ospedale Maggiore di Bologna che consentono ogni anno ad un migliaio di persone di evitare le conseguenze più severe in caso di traumi, ictus, ischemie, trombosi, aneurismi ed embolie. L’intervento chirurgico, infatti, rappresenta una possibilità importante per intervenire in numerose patologie vascolari ed è fondamentale per la gestione dell’emergenza. L’Ospedale Maggiore, uno dei tre trauma center regionali, è leader in Italia nella gestione delle emergenze per casistica trattata ed esperienza maturata. La Chirurgia Vascolare dell’Ospedale Maggiore di Bologna, diretta da Luciano Pedrini, ha organizzato per il 31 Marzo e il primo Aprile una due giorni alla quale parteciperanno i massimi esperti nazionali del settore per un confronto tra le esperienze migliori. Il convegno Le emergenze vascolari: selected topics, che sarà aperto nell’Aula Magna della Regione Emilia Romagna da Francesco Ripa di Meana, direttore generale dell’Azienda Usl di Bologna, è organizzato in partnership con il Collegio Italiano dei Primari di Chirurgia Vascolare.L’attività della Chirurgia Vascolare dell’Ospedale Maggiore tocca tutti i campi della emergenza, dalla traumatologia vascolare al trattamento degli aneurismi in rottura, per i quali può vantare una mortalità più bassa rispetto alle medie internazionali, al trattamento d’urgenza delle ischemie cerebrali e dell’ictus in fase acuta, fino alle malattie vascolari in età pediatrica e neonatale. L’Unità Operativa di Chirurgia Vascolare dell’Ospedale Maggiore è dotata di 18 posti letto. Effettua circa 1.200 interventi all’anno, oltre 10.000 prestazioni ambulatoriali e 1.200 eco-doppler. L’èquipe è composta da 7 medici, compreso il Direttore, 1 caposala, 10 infermieri e 6 operatori socio sanitari.Azienda USL di Bologna E’ una della maggiori Aziende sanitarie in Italia per dimensioni e complessità assistenziale. Il suo territorio comprende 50 comuni su un’area di 3.000 chilometri quadrati circa, per una popolazione di oltre 850.000 abitanti (i residenti in Emilia Romagna sono quasi 4.300.000). Il bilancio annuale supera i 1.700 milioni di euro (quasi il 22% dei 7.800 milioni della sanità della Regione Emilia Romagna), al suo interno sono impegnati quasi 8.500 professionisti, oltre 1.300 dei quali medici e 4.300 operatori assistenziali.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Congresso. Genitori in crisi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 novembre 2010

Roma 12, 13 e 14 novembre 2010 Hotel “Holiday Inn” (via Aurelia, km 8,400)  XIII Congresso nazionale dell’Associazione Italiana Genitori  “Genitori in crisi… di crescita! La gioia di vivere insieme la responsabilità educativa” Mentre le analisi sulla “crisi”, posta provocatoriamente ad intitolazione dell’appuntamento, si moltiplicano, ed è ricorrente l’espressione “emergenze educativa”,  appare sempre più evidente come senza genitori, senza famiglia, non sia possibile alcuna forma di comunità, di società. Il congresso fa quindi leva su un dato di realtà: le trasformazioni della famiglia (i ruoli, gli stili educativi, i tempi di cura…).   Superando la mera l’elencazione e la descrizione dei “sintomi”, domanda Davide Guarneri, presidente nazionale dell’Associazione Italiana Genitori Onlus, “perché non affiancare le famiglie e, soprattutto, perché non dare il corretto rilievo al loro ruolo di protagoniste?”.
Quando tra famiglie si creano legami, piccole comunità, occasioni di scambio, confronto e sostegno reciproco l’isolamento si rompe, fioriscono proposte, “buone pratiche”. È l’esperienza dell’AGe., che conta circa 200 associazioni locali, ognuna delle quali produce, con iniziative diverse, modalità anche fantasiose e creative, cultura a misura di famiglia, a misura di bambino”.
Il congresso, cui il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha voluto esplicitare la propria adesione con l’assegnazione di una speciale medaglia in fusione di bronzo, assolverà anche al compito di procedere alle elezioni dei nuovi responsabili associativi: il Presidente nazionale e il consiglio nazionale, con i quali saranno concertate le linee programmatiche per il prossimo triennio.   Contribuiranno alla qualità dell’evento  anche gli ospiti prestigiosi, dal  mondo della politica (insieme all’on. Valentina Aprea, assessori del Comune e Provincia di Roma, associazioni, e così via); dell’informazione ( Piero Damosso, giornalista RAI), della sociologia (Elisa Manna, CENSIS), o degli studi psicologici (Paola Scalari, psicoterapeuta familiare, formatrice). Saranno inoltre presenti oltre cento delegati delle associazioni locali AGe, nonché amici delle associazioni di genitori, insegnanti, volontariato, impegnati nella tutela dei minori. Non mancheranno  uno “sguardo” sul mondo dell’università e la S. Messa di domenica presieduta da S. E. mons. Mariano Crociata, segretario generale CEI.
Associazione democratica, che periodicamente elegge i propri organismi direttivi, individua linee programmatiche, in occasione del Congresso l’A.Ge. prende atto della propria realtà concreta in termini di numeri e di energie. Alla necessaria assunzione di responsabilità, nello sforzo di coniugare rinnovamento e continuità, “si aggiunge – conclude Guarneri – la solennità del collocarsi in un solco profondo quarant’anni. Si percepiscono le figure significative di chi ci ha preceduto e al contempo le urgenti attese e le domande dei genitori di oggi”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il colera ad Haiti e in Nigeria

Posted by fidest press agency su martedì, 26 ottobre 2010

Per scongiurare nuovi contagi, l’UNICEF e le organizzazioni partner stanno distribuendo sostanze per disinfettare l’acqua, antibiotici, kit speciali per la cura della diarrea infantile, bustine di sali per la reidratazione orale. Sei camion carichi di materiali (tra cui kit igienici per 7.500 persone, 50.000 compresse al cloro per potabilizzare l’acqua, 25mila materassini, migliaia di saponette e taniche, 5 tende-ospedale) sono partiti già all’indomani dello scoppio dell’epidemia da Port-au-Prince.  Team di esperti in emergenze sanitarie sono stati distaccati dallo staff (che da dieci mesi sta coordinando le operazioni umanitarie del dopo-terremoto) e inviati nelle zone interessate dall’epidemia per formare il personale sanitario locale sulle misure da applicare quando si ha a che fare con questa malattia. «La situazione a Saint Marc è difficile. L’’ospedale locale è stracolmo di persone che stanno male» racconta Jean-Claude Mubalama, responsabile per i programmi sanitari dell’UNICEF Haiti. «La gente qui, anche i medici e le infermiere, non hanno esperienza con questo genere di malattia. I genitori portano i loro bambini in ospedale troppo tardi, spesso quando non c’è più niente da fare per salvarli».  Secondo Mubalama, il 30% delle vittime sono bambini, i soggetti più vulnerabili alla morte per disidratazione da diarrea acuta. L’80% dei decessi avviene in casa, mentre il tasso di sopravvivenza è molto più elevato per coloro che vengono portati tempestivamente in ospedale. Haiti non conosceva episodi di colera da oltre un secolo. In queste settimane, il colera sta flagellando la Nigeria, dove l’infezione è endemica.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma Capitale per le Emergenze Alimentari

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 ottobre 2010

Roma 14 ottobre 2010 Ore 11.00 presso il Capolinea Atac di Teatro Marcello – lato destro Altare della Patria in prossimità della Giornata Mondiale dell’Alimentazione partecipano Adolfo Panfili, Delegato del Sindaco per le ASL e per i Rapporti con gli Enti Istituzionali Sanitari Sergio Marchi, Assessore alle Politiche della Mobilità di Roma Capitale  Laura Marsilio, Assessore alle Politiche Educative Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù di Roma Capitale Vichi De Marchi, Portavoce per l’Italia del WFP In qualità di testimonial della Campagna WFP di Roma Capitale saranno presenti Tiberio Timperi, conduttore televisivo, giornalista e attore Filippo La Mantia, chef e fotoreporter

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Apertura anno scolastico

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 settembre 2010

San Lazzaro di Savena. 14 settembre, alle ore 11, nella Sala del Consiglio Comunale del Comune di San Lazzaro di Savena, il sindaco Marco Macciantelli e l’assessore alla Qualità Educativa del Comune di San Lazzaro Giorgio Archetti faranno il punto sulla scuola a San Lazzaro in occasione dell’apertura dell’anno scolastico e in vista dell’inaugurazione del nuovo polo scolastico in Parco Europa.  Già nei mesi scorsi il Comune di San Lazzaro si era fatto interprete, con un documento unitario insieme a Pianoro, Ozzano, Loiano, Monghidoro e Monterenzio, delle emergenze che fanno seguito alla contrazione degli organici nelle scuole statali e alla riduzione dei finanziamenti agli Enti Locali.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caldo e distribuzione acqua

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 agosto 2010

Roma. «Negli ultimi quattro giorni abbiamo distribuito circa 250mila bottigliette d’acqua e coadiuvato l’Ares 118 nei soccorsi sanitari legati al caldo» dichiara Tommaso Profeta, vicecapo di Gabinetto e direttore della Protezione civile del Comune di Roma.  «Il piano del Campidoglio per limitare i rischi dovuti alle ondate di calore – continua Profeta – resterà attivo ancora fino alla serata di domani. A partire da sabato, infatti, il bollettino del Dipartimento nazionale della Protezione civile segnala che a Roma si passerà in 24 ore dal livello 3 (massimo grado di allerta) al livello 1 (nessun rischio sanitario). Anche domani, dunque, continueremo la distribuzione d’acqua ai visitatori dei Musei Capitolini e Vaticani e ai cittadini in transito presso il piazzale antistante la metro Anagnina, mentre le nostre associazioni di volontariato dotate di ambulanza continueranno a prestare soccorso in collaborazione con il 118. Nelle prossime 48 ore le condizioni del tempo dovrebbero cambiare – spiega ancora Profeta – il Centro funzionale del Dipartimento Nazionale ci ha informato che a partire da sabato le temperature massime si abbasseranno di uno o due gradi mentre scenderà sensibilmente il tasso di umidità ed aumenterà la ventilazione». «Siamo alla quarta serie di ondate di calore di questa stagione estiva: la prima durò tre giorni, dal 5 al 7 luglio scorso; la seconda si protrasse per dieci giorni dal 13 al 23 luglio, la terza dal 13 al 19 agosto» ha ricordato Tommaso Profeta, che aggiunge: «il bilancio è positivo, la macchina dei soccorsi e i piani messi a punto dal Campidoglio per affrontare i rischi della stagione estiva sono stati pienamente rispondenti alle emergenze».

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La politica ed i partiti dell’Italia repubblicana

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 agosto 2010

Se osserviamo da vicino quegli anni che ci hanno fatto respirare un clima di scandali di una tale portata che hanno costretto alle dimissioni lo stesso Capo delle Stato Giovanni Leone nel 1978, ci rendiamo conto che all’origine di questo andazzo si collocava una situazione politica anomala in Italia con un partito, la Dc, di maggioranza relativa che era, in pratica, condannato a governare non avendo gli elettori altra possibilità per una alternanza al potere. Nel frattempo il sistema Paese si trovò ad affrontare tre grosse emergenze: il terrorismo (brigate rosse), la crisi economica e la recrudescenza malavitosa con le sue coperture politiche anche a livello internazionale (pensiamo al caso Sindona e le stesse forniture di petrolio alla Lockeed). E se negli anni ’70 ed ’80 gli italiani hanno dovuto subire l’incancrenirsi della situazione politica nazionale limitandosi a seguire il famoso appello di Montanelli che fu quello di “turatevi il naso ma votate Dc”, negli anni ’90 con la caduta del muro di Berlino (1989) si passò alla stagione delle denunce penali e dei magistrati di “mani pulite”. E con le teste dei leader caddero anche i partiti con la Dc in testa seguita dai socialisti di Craxi, i repubblicani, i liberali, i socialdemocratici. I comunisti ed i missini furono i soli a uscirne solo con qualche piccola ferita. Ma se la Dc non poteva governare da sola, non avendone i numeri, la stessa cosa di verificava per il Pci. Gli strateghi dei due partiti avevano prima immaginato un fronte unito comunisti-socialisti e dopo il suo fallimento al compromesso storico Dc-Pci anch’esso abortito miseramente. Restò, dunque, solo la desolante prospettiva di una lunga opposizione comunista in attesa che i socialisti, stanchi della loro sudditanza nei confronti dei democristiani, scegliessero un’alleanza con i comunisti. Restò in piedi, ovviamente, un dialogo sotterraneo con la sinistra democristiana, ma sembrò un sistema incapace di produrre frutti nell’immediato. Alla fine ci rendiamo conto che entrambi i grandi partiti di massa restarono bloccati dal loro impegno più volto a bloccare la strada a Craxi che a ricercare alleanze che dessero il via ad una politica dell’alternanza nel governo del paese e al berlusconismo e quel che ne segue. E ciò che rende a taluni a tutt’oggi antipatica la politica ed i politicanti è che queste tattiche continuano a prevalere sui programmi e sulle scelte di fondo che l’Italia deve affrontare per uscire dal pantano economico, sociale e civile nel quale si è immersa e  questo pantano, con il trascorrere del tempo, sembra diventato una sorta di sabbie mobili, dove più ci si muove e più si affonda nella melma.

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il rituale dei “funerali di Stato”

Posted by fidest press agency su sabato, 29 maggio 2010

L’agenzia Asca porta a conoscenza del fatto che ‘Una flotta di 259 auto blu erano presenti al funerale dei due alpini morti ad Herat. Tutte in coda per scaricare politici, ufficiali, grand commis. Con polizia ed esercito impegnati ad allontanare la gente raccolta in piazza della Repubblica per l’ultimo saluto al sergente Massimiliano Ramadu’ e al caporal maggiore Luigi Pascazio, proprio per fare posto alle vetture di Stato che arrivavano dalle sedi istituzionali, spesso a poche centinaia di metri dalla chiesa di Santa Maria degli Angeli. E nel frattempo, mentre il governo annuncia tagli e misure di contenimento della spesa, le gare per acquistare berline e ammiraglie di Stato continuano. E si allargano agli enti locali. Sono stati spesi oltre 100 milioni solo per gli ultimi lotti, appaltati dalla Consip, la società che gestisce le gare per il ministero dell’Economia. E un’altra assegnazione e’ ancora in corso”. E’ uno spaccato che la dice lunga tra l’Italia dei sacrifici e quella dei privilegi. Tra una maggioranza che è privata del necessario e una minoranza che si adagia sul superfluo. Il giorno in cui vedremo i politici prendere la metropolitana o il bus o andare in bicicletta o più semplicemente andare a piedi in specie se il percorso è di poche centinaia di metri ci renderemo conto che non esiste più questo spartiacque e l’Italia potrà essere considerata unita e solidale di fronte alle emergenze.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le emergenze e il popolo della Rete

Posted by fidest press agency su martedì, 4 maggio 2010

Terremoti, alluvioni, conflitti. Sono tanti gli accadimenti che, nel corso dell’ultimo anno, hanno mobilitato il mondo intero per mandare soccorsi, fornire assistenza medica e sanitaria o per avviare processi di ricostruzione. Tutte operazioni che hanno richiesto ingenti fondi e che hanno visto migliaia di persone intervenire e donare denaro.  Gli internauti, non solo non sono stati da meno, ma si dimostrano un vero popolo solidale. Sono tanti, tantissimi, i navigatori che hanno fatto donazioni, dimostrando di essere molto sensibili agli appelli del mondo no profit.  Sono quasi sette su dieci, infatti, i navigatori che, nonostante le ristrettezze economiche dovute alla recessione, hanno risposto con forza a specifiche richieste di aiuto e hanno effettuato almeno una donazione nel 2009. Si elargiscono soprattutto offerte in denaro o si acquistano prodotti a scopo benefico. Il tutto, però, con un occhio particolarmente attento al portafoglio. Budget più ridotti – magari erogabili anche attraverso un semplice sms – e operazioni mirate, legate a progetti particolari o a eventi eccezionali sono il leit motiv delle donazioni dell’ultimo anno. Ecco perché le organizzazioni che dispensano aiuti nelle situazioni d’emergenza sono quelle a cui gli internauti hanno preferito destinare i propri fondi. Si dona per essere solidali e aiutare chi è in difficoltà, per sostenere la ricerca, ma anche perché si condivide il pensiero e i valori di una determinata organizzazione.
Questi i risultati principali emersi dal Monitor delle Donazioni realizzato da tomorrowSWG (business unit della società SWG) in collaborazione con VITA Consulting. L’indagine, giunta ormai alla sesta edizione, ha coinvolto oltre 3000 internauti che, partecipando, hanno a loro volta generato beneficenza. La sensibilità  verso i meno fortunati continua a rimanere elevata. Il richiamo dei più bisognosi trova risposte concrete da parte del popolo di Internet che non esita a dimostrarsi solidale, anche se preferisce intervenire laddove emerga una particolare necessità e si verifichino condizioni di estrema difficoltà. E’ quasi raddoppiata, infatti, rispetto al 2008 la quota di coloro che hanno donato in occasione di eventi eccezionali, passando dal 37 al 71%. Tra questi il 28% si è mobilitato esclusivamente per sostenere le vittime delle calamità naturali del 2009 (nel 2008 erano il 15%).

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Agea s’è inceppata

Posted by fidest press agency su domenica, 2 maggio 2010

“Come facciamo a garantire il contributo comunitario ai nostri produttori con scadenza prevista per il 15 maggio se il Sistema agricolo nazionale continua a manifestare problemi di carattere informatico e di ordine tecnico?», si chiede con preoccupazione Davide Vignandel, direttore della Cia di Pordenone. «Una domanda a cui nessuno riuscirà mai a dare una risposta anche perché non si vuole accettare il fatto che qualcuno ha sbagliato ed ha messo in difficoltà il sistema creando disagi notevoli agli agricoltori». A meno di due settimane dalla scadenza delle domande di Premio unico 2010 prevista per il 15 maggio, si segnala una forte situazione di disagio per gli operatori e gli agricoltori nell’affrontare la Campagna Pac 2010. Le difficoltà di questa campagna Pac sono notevoli, prima con la creazione del cosiddetto “refresh” e da ultimo con l’introduzione sul Sian del nuovo fascicolo 2010. A oggi, le statistiche nazionali sottolineano le difficoltà che gli operatori nei territori stanno vivendo a inserire le domande di premio unico ed evidenziano come, a distanza di qualche settimana dalla scadenza, ci siano ancora tantissime domande da inserire, con a rischio i contributi per gli agricoltori che non saranno in grado di rispettare la scadenza. «Nonostante i vari solleciti – conclude Vignandel – , le cose giorno per giorno non cambiano, il sistema non funziona adeguatamente e si blocca creando disagi nell’inserimento delle domande e, inoltre, a oggi rimane ancora aperta la questione delle polizze assicurative. Ossia, per gli aiuti accoppiati dell’art. 68 mancano ancora alcune norme e di conseguenza le relative applicazioni non sono state completate, creando ulteriori complessità nell’inserimento delle domande con relative risposte agli agricoltori». Lo sportello Agea, recentemente aperto presso la Direzione regionale delle risorse agricole è operativo, per ora, solo in via sperimentale e non riesce a risolvere queste emergenze.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »