Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘enrico letta’

Incontro con Enrico Letta su ‘La nuova Europa’

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 luglio 2017

lumsa-universitaRoma giovedì 6 luglio alle 15.30 LUMSA – Aula Magna Borgo Sant’Angelo, 13 ci sarà un dibattito dal titolo “La nuova Europa” con ospiti Enrico Letta, esponenti della Fondazione De Gasperi e il presidente Monica Maggioni che modererà l’incontro.
Il 25 marzo 1957 con la firma dei Trattati di Roma che istituirono la Comunità economica europea e la Comunità europea dell’energia atomica prese avvio ufficialmente il progetto di integrazione europea. Oggi a sessant’anni da quell’evento storico è opinione condivisa che il progetto europeo sia chiamato a ritrovare un nuovo slancio e una nuova identità per poter affrontare le complesse sfide sociali, economiche ed ambientali con cui le società europee e i suoi cittadini si stanno misurando.
È necessario dunque favorire una discussione ampia sul futuro dell’Unione europea che coinvolga non solo le istituzioni politiche ma tutti i cittadini, sempre più critici verso un progetto di integrazione non in grado di dare risposte adeguate e distante dai problemi socio-economici delle comunità locali. Per questi motivi l’Università LUMSA e l’Associazione ALUMNI LUMSA – in collaborazione con la Fondazione De Gasperi – promuovono un momento di riflessione non formale sulle sfide politiche e sociali da affrontare in una fase storica complessa ma ricca di stimoli e opportunità per l’Unione europea e per i suoi cittadini.L’evento vedrà la partecipazione, in qualità di keynote speaker, di Enrico Letta, Dean della Paris School of International Affairs di Sciences Po, cui si affiancheranno, in una sessione di dialogo e discussione Lorenzo Ornaghi, presidente del comitato scientifico della Fondazione De Gasperi e Carlo Secchi, vice-presidente dell’ISPI. In apertura ci saranno i saluti istituzionali di Francesco Bonini, Rettore LUMSA. L’incontro sarà moderato da Monica Maggioni, presidente RAI. Nel corso dell’evento saranno assegnati i premi di laurea LUMSA: Giorgio Petrocchi, Giuseppe Pizzardo e Luigia Tincani.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

European democracy: what are the next challenges?

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 giugno 2017

europeParis. Monday 26 June 20179h00 > 18h30 Room 4325 (3rd floor), 33, rue Saint-Dominique The Jacques Delors Institute organises, in the framework of the project “More EU to overcome the crisis”, a symposium on the challenges which the European construction has to overcome regarding democratic dialogue, institution and policies.
9h30 > 9h45 – Opening Speech Enrico LETTA, President of the Jacques Delors Institute, Doyen of the School for International Affairs SciencesPo, Former Italian PM
9h45 > 10h30 – Keynote Speech “Democracy in Europe” Marielle DE SARNEZ, EU Affairs Minister Q&A with the public
10h30 > 12h00 – Quelle forme de gouvernement pour l’UE? Moderation by Nora Hamadi, Journalist Public Sénat
Roberto CASTALDI, Director of the CesUE Thierry CHOPIN, Director of Research at the Schumann Foundation
Nuno PICARRA, Nova Law School of Lisbon
13h30 > 15h00 – national referenda & EU: a deadend? Moderation by Alexandra Lesur, managing editor of Toute l’EuropeYves BERTONCINI, Director of the Jacques Delors Institute
Francis CHENEVAL, Political philosophy and Constitutional law professor at the Zurich University
15h00 > 16h30 – A Multi-level Democracy : What Representatives of the citizens in the EU ?
Moderation by Christophe Préault, Administrator and Director of Toute l’Europe
Danielle AUROI, Chairwoman of the European Affairs Commission of the French National Assembly Alain LAMASSOURE, French MEP
16h30 > 17h00 – Coffee Break
Paris-antenne-vue-eiffel-tour17h00 > 18h30 – EU Affairs : transparency and information. Moderation by Nora Hamadi, Journalist Public Sénat Gaëtane RICARD-NIHOUL, Chef adjoint de la Représentation en France de la Commission européenne, Daniel LEBEGUE, President of Transparency International France The “democratic deficit” of the European Union is a hackney catch all term well known to the disdainers and skeptics of the European construction and as well to some promoters of more transparent and participatory EU, partisans of direct elections for all institutions or of simplification relations between institutions.At a time when the democratic fracture between the EU and its peoples is being denounced as one of the main factors in the breakdown of the European project, it is necessary to shed full light on the debates surrounding many of the democratic features of this hybrid construction, which sometimes struggles to be described as representative of and listening to its citizens.Would the EU be more democratic with a directly elected European Commission President? Should the right of legislative initiative be expanded? How can we take into account the results of national referenda without denying democracy in the neighboring countries? Can intergovernmental methods be democratic? How can citizens be empowered to participate in a more democratic construction of the EU ? Does the democratic divide exist only between “Brussels” and the populations, or between the Europeans themselves?s part of the project “More Europe to overcome the crisis”, The Jacques Delors Institute, in partnership with the Sant’Anna College of Pisa, the University Institute for European Studies in Madrid, the Faculty of Lisbon NOVA and the University of Warsaw, is organizing a day of debate in order to provide constructive insights into these issues and draw concrete proposals for improvement. (photo: europe)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

20 years of Europe! Our activity report 1996-2016

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 ottobre 2016

europe“It is a great honour for me to introduce this Report looking back over the twenty years of activity of the European think tank founded by Jacques Delors in 1996, especially as I have just become its President. This Report presents the main European issues and challenges on which the Institute has focused steadfastly since its foundation, through calmer periods and through crises, in order to promote European construction in accordance with Jacques Delors’ legacy and vision. It provides an impressive overview of the actions undertaken with European decision-makers and the general public, which acts as an important stimulus to pursue our work over the coming months and years. It goes without saying that the current questioning of the EU is an additional motivation to contribute to its revival with even more determination. The first three sections of this Report demonstrate how the Institute has worked tirelessly to “Reconcile the EU and its citizens”, “Combine competition, cooperation and solidarity” and “Bolster the EU’s role in the globalisation process”. A few examples of our publications, events and media appearances are given, all of which aim in particular to consolidate the European Federation of Nation States, keep European democracy alive, promote the right to freedom of movement and the Schengen area, deepen the Single Market, complete the Economic and Monetary Union, step up Social Europe, create a genuine “Energy Union”, think global and act European, improve relations between the EU and its neighbours, etc. I would, of course, recommend that you look into these many analyses and recommendations more closely by visiting our website http://www.delorsinstitute.eu. The fourth section of this Report sets out the remarkable results achieved in terms of publications, the conferences and seminars we host or attend, our presence in European and international media and the number of our fans and followers. These constant efforts have placed this Institute, privileged and entrusted with the responsibility to carry Jacques Delors’ name, among the most influential European think tanks on EU-related issues.This fourth section also describes the developments rolled out within our governing bodies and teams over these twenty years of commitment. I am naturally moved and grateful to all those who preceded us in this adventure, and in particular to our Founding President Jacques Delors and my predecessors Pascal Lamy, Tommaso Padoa-Schioppa and António Vitorino. This fourth section of the Report also presents the resources we have enjoyed over these two decades and lists the major partners, partners, contributors and donors on whom we have counted, and without whom this great collective adventure would not have been possible. They have my heartfelt thanks as we celebrate this anniversary, with special thanks going to the European Commission and the French Government. I hope that you enjoy reading this Report and that it will make you want to follow us more closely over the next semesters, in France, Germany, Brussels and throughout Europe.” (Foreword by Enrico Letta President of the Jacques Delors Institute)
L’Institut Jacques Delors fête les 20 ans de sa création sous le nom de “Notre Europe”. Il publie à cette occasion un Rapport d’activité intitulé “20 ans d’Europe” exposant les principaux enjeux et défis européens sur lesquels l’Institut se mobilise depuis 1996 afin de promouvoir une construction européenne conforme à l’héritage et à la vision de Jacques Delors. (photo: europe)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Y.Bertoncini & E.Letta: Stronger together

Posted by fidest press agency su domenica, 18 settembre 2016

euThe organisation of an “EU27” summit in Bratislava takes note of the British decision to leave the EU and is a decisive step in other Member States’ expression of their desire for unity. This summit aims to launch the process to revive European construction, underscoring both the principles guiding Europeans’ common identity against a backdrop of globalisation and the fields in which it is in their interest to work better together, collective security in particular.
Yves Bertoncini and Enrico Letta take a stand in this Tribune and focus on three main elements:
1. Reviving the desire for unity: the start of a process
2. Living better together in a globalised world
3. Asserting that there is strength in unity when faced with threats (photo: eu)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Enrico Letta Appointed President of the Jacques Delors Institute

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 luglio 2016

epa03683945 Italian Prime Minister Enrico Letta holds a press conference with French President Francois Hollande (not seen) after their meeting at the Elysee Palace, in Paris, France, 01 May 2013. EPA/YOAN VALAT

Paris. Former Italian Prime Minister Enrico Letta, dean of the School of International Affairs at Sciences Po in Paris, has been appointed president of the Jacques Delors Insitute, a European think tank founded twenty years ago by former European Commission President Jacques Delors. Enrico Letta succeeds António Vitorino, a former European commissioner and former Portuguese deputy prime minister who was appointed to head up the think tank in 2011. António Vitorino was appointed in the wake of the sudden death of Tommaso Padoa-Schioppa, who had chaired the institute for five years and whose line of thought continues to provide the think tank with its inspiration today. The institute’s founding president said that he is “happy” that Enrico Letta has been appointed and he sent the former Italian prime minister his best wishes for a successful term of office. “I am certain that Enrico Letta will prove capable of pursuing our mobilisation in favour of the construction of Europe, particularly at a time when Europe is facing so many challenges”, Jacques Delors said, also voicing his gratitude to António Vitorino and to the institute’s team as a whole. The institute’s new president said that he is “extremely honoured to become the president of the Jacques Delors Institute. This appointment provides me, in my capacity as a convinced proEuropean, with a splendid opportunity to grasp in my endeavour to devote even more of my time and energy to imparting a fresh thrust to European integration, a process in which my faith is even stronger at this time of crisis. We should see this crisis as an opportunity for imparting a fresh boost to the European project”. Enrico Letta, who will be heading up a team of some twenty people in the institute’s two offices in Paris and in Berlin, will be able to rely on the assistance of Jacques Delors, the institute’s founding president, and of Pascal Lamy, its president emeritus who is a former director general of the World Trade Organisation and a former European Commissioner.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Enrico Letta nommé Président de l’Institut Jacques Delors

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 luglio 2016

Institut Jacques DelorsParis. Enrico Letta, ancien Premier Ministre italien et doyen de l’Ecole des affaires internationales de Sciences Po Paris, est nommé Président de l’Institut Jacques Delors, le think tank européen fondé il y a 20 ans par l’ancien Président de la Commission européenne, Jacques Delors. Enrico Letta succède à Antonio Vitorino, ancien Commissaire européen et ancien vice Premier Ministre portugais, qui avait été nommé à la présidence du think tank en 2011. Antonio Vitorino avait été désigné après la disparition soudaine de Tommaso Padoa-Schioppa, qui avait présidé l’Institut pendant 5 ans et dont la pensée inspire encore les propositions du think tank. Le président fondateur de l’Institut s’est dit « heureux » de la nomination d’Enrico Letta et a exprimé tous ses vœux de réussite à l’ancien Premier Ministre italien. « Je suis certain qu’Enrico Letta saura poursuivre notre mobilisation en faveur de la construction européenne, surtout dans cette période où elle est confrontée à de nombreux défis – a affirmé Jacques Delors qui a aussi adressé ses plus vifs remerciements à Antonio Vitorino et à toute l’équipe de l’Institut. Le nouveau Président de l’Institut s’est dit « très honoré de devenir Président de l’Institut Jacques Delors. En tant qu’Européen convaincu, cet engagement est une excellente occasion à saisir pour me consacrer davantage encore à la relance de l’intégration européenne, à laquelle je crois encore plus en cette période de crise. Crise qui doit être considérée comme une occasion de relancer le projet européen ». Enrico Letta, qui prend la tête d’une équipe d’une vingtaine de personnes déployées dans les bureaux parisien et berlinois de l’Institut, pourra compter sur le soutien du Président fondateur de l’Institut, Jacques Delors et de son President emeritus, Pascal Lamy, ancien Directeur général de l’Organisation mondiale du commerce et ancien Commissaire européen.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dimissioni Letta: Colpo di palazzo

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 luglio 2015

epa03683945 Italian Prime Minister Enrico Letta holds a press conference with French President Francois Hollande (not seen) after their meeting at the Elysee Palace, in Paris, France, 01 May 2013.  EPA/YOAN VALAT

epa03683945 Italian Prime Minister Enrico Letta holds a press conference with French President Francois Hollande (not seen) after their meeting at the Elysee Palace, in Paris, France, 01 May 2013. EPA/YOAN VALAT

“Non citeremo qui le intercettazioni, è un metodo che ci ripugna. Di certo ci hanno colpito le sue valutazioni, presidente Letta, che lasciavano intendere non solo una comprensibile delusione, ma l’avvertenza di come l’istituzione della presidenza del Consiglio, nel passaggio dalla sua presidenza a quella del presidente Renzi, sia stata offesa da un colpo di Palazzo”. Lo ha detto Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia, intervenendo in Aula a Montecitorio in merito alle dimissioni del deputato Enrico Letta. “Vorrei impegnare quest’Aula a un atto di riflessione, di chiarezza, di trasparenza, vorremmo capire fino in fondo quello che è successo in quel gennaio 2014. Vorremmo capire cos’è successo in quella crisi extraparlamentare. Noi eravamo già all’opposizione, non è per questo che cito quel momento, ma vorremmo capire fino in fondo cosa portò alla destituzione di fatto di un presidente del Consiglio che fino a pochi giorni prima, al giorno prima, aveva la fiducia di questo Parlamento, con un leader che non era stato eletto, che pure costituzionalmente aveva i titoli perché certamente avrebbe ottenuto la maggioranza”.
“Fu quel passaggio un momento oscuro, doloroso, che deve essere spiegato. E io non voglio fare nessuna offesa al presidente Letta, non chiedo a lui questa spiegazione. Questa spiegazione la chiedo al presidente Renzi”.“Un colpo di Palazzo avallato dall’allora presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Per questa ragione, per questa richiesta forte, alta, di chiarezza e di trasparenza, noi voteremo ‘no’ alle dimissioni. Noi voteremo ‘no’ alle sue dimissioni, presidente Letta, per produrre chiarezza, gettare luce sul buio di una vicenda che è stata una ferita per la nostra democrazia”, ha concluso Brunetta.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Andare insieme, andare lontano

Posted by fidest press agency su domenica, 12 luglio 2015

enrico lettaComo giovedì 16 luglio, ore 18.00 Biblioteca Comunale, Enrico Letta presenterà il suo ultimo libro “Andare insieme, andare lontano” (Mondadori, 2015). Durante l’incontro, organizzato da Parolario e Centro Culturale De Gasperi in collaborazione con Libreria Feltrinelli di Como, l’autore dialogherà con Diego Minonzio, direttore del quotidiano La Provincia di Como. «Se vuoi correre veloce vai da solo, se vuoi andare lontano devi farlo insieme» recita un adagio africano. È a partire da questa suggestione essenziale, eppure così adatta a descrivere l’orizzonte che l’Italia e l’Europa hanno dinanzi a sé, che Enrico Letta torna a raccontarsi dopo oltre un anno di silenzio. Non una memoria dei suoi dieci mesi da presidente del Consiglio, né un espediente per cercare immediate rivincite personali. Ma una riflessione proiettata al futuro, che, anche passando attraverso quell’esperienza, si sofferma su un’idea di comunità molto distante, per contenuti e stile, dall’attuale conformismo.
Per Letta non esiste un solo momento positivo della nostra storia unitaria che non sia stato figlio di un progetto condiviso. E oggi più che mai l’Italia, per sfruttare al meglio le condizioni esterne positive createsi nel 2015, grazie in particolare all’azione svolta dalla Banca Centrale Europea di Mario Draghi, deve coinvolgere le migliori energie di cui dispone in un grande sforzo collettivo. Per favorire una ripresa attesa ormai da troppo tempo e, soprattutto, per alleviare le ferite ancora aperte della crisi e aggredire il più grave dei mali della società italiana: la mancanza di lavoro, specie per i giovani. Nessuno può riuscire ad affrontare impegni di questa portata da solo. Quel che invece il Paese deve concedersi è la chance di dimostrare al mondo di essere “nazione” e “comunità”, la capacità di unire virtù democratica e consenso, il coraggio di dire no alle scorciatoie. Il mondo non è mai stato così interconnesso. Molte sono le incognite e le ragioni di apprensione. Ma altrettante sono le opportunità di arricchimento reciproco e partecipazione. Per coglierle c’è bisogno di tutto il “pensiero pesante” di cui siamo capaci. Perché il sogno dell’Europa unita può realizzarsi solo recuperando l’afflato ideale di quanti, per primi, ne colsero la straordinaria valenza per le generazioni successive. E perché la democrazia italiana può rigenerarsi solo se accetta la sfida della politica competente. Una politica intesa come tensione etica e dedizione alla cosa pubblica, che vuole incidere sulla realtà, senza mai smarrire, però, la consapevolezza più importante: la differenza che passa tra governare e comandare.
Enrico Letta è nato a Pisa nel 1966. Nel 1998 è stato nominato ministro per le politiche comunitarie del governo D’Alema I, diventando il più giovane ministro, fino ad allora, della storia della Repubblica. È stato successivamente Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato nei Governi D’Alema II ed Amato II e poi sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri del governo Prodi II. È stato presidente del Consiglio dei ministri dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014 e dall’aprile 2014 è professore presso la Scuola di affari internazionali dell’Istituto di studi politici di Parigi (Institut d’études politiques de Paris-Sciences Po).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

P.D.: Assumetevi le vostre responsabilità

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 luglio 2013

Lo ha scritto lo stesso Brunetta affermando che “Noi non ci stiamo a questo gioco al massacro che va contro gli interessi nazionali ed internazionali dell’Italia. Noi chiediamo che il Partito democratico, l’altro partner della coalizione, si assuma tutte le sue responsabilità”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera dei deputati, al Tg2.” Un discorso che non fa una grinza se lo rigiriamo allo stesso Pdl che ha minacciato di staccare la spina per l’Imu, per l’Iva, per i processi a Berlusconi e ora fa la voce grossa per salvare Alfano e lo stesso Berlusconi da un loro coinvolgimento nell’intrigo internazionale che ha coinvolto una donna e madre e la sua figlioletta facendole passare per pericolosi criminali da catturare con un blitz delle teste di cuoio con una task force di trenta uomini. (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi e versione “Napolitano”

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 luglio 2013

“E’ giusto e soprattutto condivisibile il richiamo del presidente della Repubblica Napolitano ai partiti e alle istituzioni sulla necessità di mettere al primo posto la crisi e la condizione economica del nostro Paese. In particolare negli ultimi giorni sono affiorate pericolose divergenze all’interno della larga maggioranza e dentro i singoli schieramenti politici che sostengono il Governo di Enrico Letta. Non ci possiamo permettere alcuna turbolenza politica, la stabilità dell’Esecutivo è fondamentale. Per questo rinnoviamo il nostro invito alla responsabilità a cui dar seguito anche con misure urgenti ed efficaci per rimettere in moto la nostra economia: fisco e credito vanno posti in cima all’agenda”. Così il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi, sulle dichiarazioni rilasciate oggi dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, secondo cui quello che «deve anche oggi avere il primo posto nella nostra attenzione collettiva», per le istituzioni e per i partiti, «è la criticità delle condizioni economiche e sociali del nostro Paese».

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Appello al Presidente Letta

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 luglio 2013

Il caso Ablyazov merita un giudizio politico e come tale questo governo non può mettere la testa sotto la sabbia fingendo che si tratta di un errore. Chiedo a Letta di non cedere alla tentazione di difendere l’indifendibile. Egli viene proprio da una nazione come la Gran Bretagna dove più volte dei ministri furono costretti alle dimissioni per molto meno. La credibilità internazionale passa proprio da quest’atto di responsabilità. Non troviamo pretesti capziosi. Per un mese e mezzo il governo ha taciuto su questa vicenda e avrebbe continuato a farlo se non ci fosse stata una fuga di notizie. Ora che è stato costretto ad ammettere tali circostanze sappia essere coerente sino in fondo. Letta, del resto, sa di mentire se afferma che il suo ministro non ne sapeva nulla. Lo stesso capo gabinetto Procacci ha affermato d’essere stato chiamato da Alfano per gestire una situazione delicata. Quindi Alfano ha mentito asserendo che era del tutto disinformato della faccenda. Non solo. Qualche ora dopo il blitz delle teste di cuoio della polizia nella palazzina dove si trovavano le persone ricercate un lancio dell’Ansa ne ha dato notizia. Ora si sa che il ministero ha un ufficio stampa preposto a segnalare al ministro tutte le notizie giornalistiche che riguardano il suo dicastero. Quindi le fonti sono due: il capo gabinetto e l’ufficio stampa. Ma anche ammesso che non ne sapesse nulla questo di per sé è già sufficiente per rassegnare le dimissione per responsabilità oggettiva. (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brunetta: il fenomeno politico

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 luglio 2013

La formazione accademica di Brunetta è senza dubbio rispettabile. E’ per definizione un docente di economia. Ciò che mi sorprende, e non certo in negativo, è la sua “vocazione” di animale politico e le sue capacità mediatiche. Ogni giorno ruba letteralmente la “scena” mediatica con le sue esternazioni. Il suo fine è chiaro mentre i suoi avversari politici sembrano imbambolati e incapaci di contrastarlo sia pure sul terreno dialettico oltre che dei contenuti. Sembra ripetersi la “sceneggiata” della recente campagna elettorale quando abbiamo avuto un Berlusconi esternatore a tutto campo mentre dall’altra parte vi era un Bersani scolorito e confuso. Ma c’è qualcosa di più che mi fa riflettere. Gli argomenti centrali di Brunetta sono due: l’abolizione dell’imu e il non aumento dell’Iva. Da mesi che batte sullo stesso tasto e sull’altro versante ci troviamo con un governo che gioca al tira e molla senza decidere. Alla fine l’opinione pubblica percepisce solo una cosa: il Pdl è l’unico partito a essere coerente con le promesse fatte in campagna elettorale ed è pronto alla crisi per questa battaglia ritenuta giusta e sacrosanta. Persino il fondo monetario internazionale è stato condannato per un sospetto avanzato dallo stesso Brunetta paventando la possibilità che sia stato strumentalizzato da chi non vuole l’abolizione dell’Imu. Di questo passo le premesse ci sono tutte per una vittoria elettorale del Pdl o di forza Italia se si dovesse andare alle elezioni anticipate. (Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Orlando tradisce il popolo delle primarie?

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Deutsch: Prof. Dr. Leoluca Orlando bei der Ver...

Deutsch: Prof. Dr. Leoluca Orlando bei der Verleihung des Humanismus-Preises im Rahmen des Bundeskongresses des DAV 2008 in der alten Aula der Universität Göttingen. (Photo credit: Wikipedia)

“Attenti alla gelosia dei ‘vecchi’ che vogliono ‘morire’ governando. In questa avvertenza potrebbe condensarsi perfettamente il nostro giudizio sulla scelta di Leoluca Orlando di tradire il popolo delle primarie, il centrosinistra e i cittadini, e candidarsi nuovamente a sindaco di Palermo. Orlando prova, in extremis, a recuperare un protagonismo ormai perduto. Lo fa con un atto che rappresenta il peggior lascito politico che un uomo come lui potesse consegnare alla sua città. Peggio ancora: afferma di candidarsi perché le primarie sono state ‘inquinate’. Così manca di fiducia e rispetto nei confronti dei tanti palermitani che hanno scelto di partecipare al processo democratico e di investire in un progetto per la città. Ci ricorda, l’atteggiamento di Orlando, quello dei ‘vecchi’ democristiani che nel 1985, alla sua prima esperienza da sindaco, ben 25 anni fa, lo contrastavano e che lui stesso tanto duramente (e legittimamente) biasimava. Oggi Orlando ha svenduto (per cosa, peraltro?) la storia di Palermo, della sua esperienza politica e del centrosinistra. Non ha reso un buon servizio né a se stesso né, soprattutto, alla città che vorrebbe, di nuovo, amministrare. Tutto questo ci porta a sostenere ancora più convintamente la candidatura di Fabrizio Ferrandelli. Da lui e dalle migliaia di persone che gli hanno accordato fiducia può nascere una nuova primavera per Palermo. Ad Orlando e all’Idv che lo sostiene nella sua scelta solo un consiglio: smettete, almeno per un po’, di parlare di valori e legalità. Le regole si rispettano. E in questa partita gli unici ‘abusivi’ siete voi”. Lo scrive Angelo Argento, responsabile di TrecentoSessanta Sicilia e componente della Direzione nazionale del PD, sul sito dell’Associazione che fa riferimento ad Enrico Letta.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I governi sono tutti uguali?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 agosto 2011

Enrico Letta

Image via Wikipedia

È la domanda a cui si propone di rispondere Marco Stradiotto, senatore del PD autore di importanti studi sul federalismo fiscale e municipale, nella sua più recente analisi: una ricerca storica che indaga l’andamento di alcuni tra i più rilevanti parametri economici in relazione ai governi che si sono succeduti dal 1993 ad oggi, svolta all’interno del laboratorio TrecentoSessanta, l’Associazione di Enrico Letta, e pubblicata sul sito. “Quante volte – spiega Marco Stradiotto, a presentazione dello studio – , nelle riunioni e negli incontri sul territorio mi sono sentito dire che siamo tutti uguali e che, se siamo arrivati a questa situazione, le responsabilità sono equamente divise tra governi di centrodestra e centrosinistra. Eppure dai dati elaborati, che si soffermano in particolare sul periodo della cosiddetta Seconda Repubblica, emerge una risposta chiara alla domanda posta dal titolo: i governi non sono tutti uguali”. “Il dato più sorprendente – commenta Stradiotto – , è quello relativo all’avanzo primario, ossia quello che resta delle entrate, tolte le spese e al netto degli interessi del debito pubblico, la vera cartina di tornasole per l’attività di un governo. I dati e il grafico elaborati dimostrano che ogni qualvolta il centrodestra è al governo il dato sull’avanzo primario diminuisce. Mentre sono significativi, da questo punto di vista, i dati dei governi Prodi nel 1997 e nel 2007, in entrambi i casi solo dopo il primo anno di attività”.
“Vogliamo davvero invertire i dati su debito, deficit, avanzo primario, inflazione? Se la risposta è si, c’è una cosa da fare subito: cambiare l’attuale governo! In tutti questi anni – conclude Stradiotto – , Berlusconi e Tremonti hanno dimostrato solo di essere bravi a fare aumentare debito e deficit e senza peraltro diminuire la pressione fiscale”. http://www.associazione360.it

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Berlusconi e la caduta del “muro”

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2011

Monza e Iseo dal 24 al 26 marzo. Apertura istituzionale giovedì 24 marzo, alle ore 17 presso la Villa Reale di Monza, con un saluto di Enrico Letta e un colloquio a tutto campo, tra Gianfranco Fini e Stefano Folli, a partire dai temi dell’unità nazionale. A seguire performance dell’attore Enrico Bertolino. Le giornate di venerdì 25 e sabato 26 marzo si svolgeranno, invece, a Iseo presso l’Iseolago Hotel & Spa, e costituiranno l’occasione per provare a mettere i piedi nel piatto della riflessione sul post-Berlusconi: dalla riforma della giustizia ai futuri assetti televisivi, dal federalismo al rapporto tra sviluppo, territori e radicamento. Il tutto analizzato con il contributo autorevole di una relazione formativa del politologo franceseMarc Lazar e con un focus di Nando Pagnoncelli sulla società italiana e le sue aspettative per il dopo-Berlusconi. Alle numerose plenarie in cui si articolerà Nord Camp 2011 parteciperanno  esponenti di primo piano del dibattito nazionale. Presenti, tra gli altri, il segretario del PD, Pier Luigi Bersani, i presidenti di Rai e Mediaset, Paolo Garimberti e Fedele Confalonieri, il sindaco di Torino, Sergio Chiamparino, il presidente di Coldiretti, Sergio Marini, i magistrati Raffaele Cantone e Francesco Greco, e molti parlamentari, tra cui Marco Follini e Gaetano Pecorella. Ad accompagnare le riflessioni del venerdì le note del cantautore lombardo Davide Van De Sfroos.www.associazione360.it

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fiat: da Marchionne chiarimenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2011

“Mi sembra che dall’audizione di oggi di Sergio Marchionne alla Camera siano arrivati importanti chiarimenti su piano industriale della FIAT. Adesso bisogna passare dalle parole ai fatti e tradurli in pratica, trasformando le promesse di investimento in una prospettiva concreta di crescita e di speranza per i lavoratori e per il Paese. È tuttavia sul piano squisitamente politico che l’intervento mi ha colpito di più. Marchionne ha posto sul tavolo alcune sfide cruciali che investono il rapporto tra politica e azienda e che non possono essere più eluse. Cinque capitoli fondamentali su  cui intervenire: le condizioni di accesso ai mercati finanziari, i fattori ambientali favorevoli all’industria manifatturiera, la governabilità  degli stabilimenti, la partecipazione dei lavoratori, le politiche per la competitività. Di fatto, dalla Fiat arriva allo Stato una richiesta, pacata e argomentata, non di sostegni finanziari, ma di una politica orientata allo sviluppo. Esattamente quello di cui ha bisogno tutto il nostro sistema economico e produttivo, non solo il Lingotto. La questione delle relazioni sindacali si inserisce dentro questa cornice, ma come un tassello di un tema più complessivo che ha a che fare con il futuro dell’Italia, con il destino di milioni di piccole e medie imprese e con la vivacità dell’intera economia nazionale. Sul punto Marchionne ha ragione: l’urgenza vera è quella di riforme strutturali per tornare a crescere e garantire a tutto il sistema l’opportunità di dare il meglio si sé. Dinanzi a una sfida di questo genere stride, per contrasto, la totale assenza del governo e, ammettiamolo, la sostanziale difficoltà di tutta la politica nel concepire un nuovo paradigma di sviluppo, più moderno, competitivo, coraggioso, pervasivo sui territori. Possibile che la controparte di un colosso multinazionale come la FIAT debba essere solo il sindacato, per giunta diviso al proprio interno?  Dov’è il governo? La verità è che la parola chiave può essere una sola:  cambiamento. E per cambiare è indispensabile un ritorno al protagonismo della politica”. Lo scrive in un editoriale flash pubblicato questa mattina su TrecentoSessanta, Paola De Micheli, deputato e responsabile PMI del PD, tra i fondatori dell’Associazione di  Enrico Letta.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Politica: attacchi ad Enrico Letta

Posted by fidest press agency su martedì, 1 febbraio 2011

“La mattina gli appelli bipartisan. All’ora di pranzo gli attacchi, sopra le righe e fuori bersaglio, a Enrico Letta. Cerchiamo di capirci su alcuni punti senza offendere nessuno. Primo, il PD non è né per la patrimoniale, né per un aumento delle tasse. Il PD vuole una riforma del fisco a misura di chi lavora e di chi produce. Per inciso, faccio notare che la pressione fiscale non è mai stata così elevata come con il governo Berlusconi. In secondo luogo, noi non abbiamo mai proposto, in tre anni di legislatura, un incremento della spesa pubblica, ma una sua diversa allocazione, più razionale e di qualità, che consentisse di finanziare lo sviluppo riducendo gli sprechi. Terzo, l’appello del presidente del Consiglio  riconosce tardi la grave emergenza economica in cui versa il Paese: se si fosse occupato di più degli italiani, anziché badare ai suoi svaghi, forse il premier avrebbe capito che occorreva intervenire con maggiore tempestività. La mossa di oggi è chiaramente figlia della disperazione e di una deliberata, e neanche troppo sottile, strategia di comunicazione: vuole distogliere l’attenzione dagli scandali e provare, in corner, a darsi un allure istituzionale. Poteva pensarci prima. Ad esempio, poteva farlo, questo intervento conciliante sul Corriere, il 15 di dicembre, dopo la fiducia della Camera, se proprio gli stava a cuore l’interesse del Paese. Noi siamo sempre dalla parte degli italiani. Dunque, già  da domani siamo pronti a sederci e a discutere di crescita e sviluppo. Ma siamo disposti a farlo con chi può autorevolmente rappresentare il Paese e le istituzioni. Quindi, non con Silvio Berlusconi”. Lo scrive sul sito di TrecentoSessanta, Paola De Micheli, deputato e responsabile PMI del PD e tra i fondatori dell’Associazione di Enrico Letta.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lavoro: dal governo solo annunci

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 gennaio 2011

«Il ministro Meloni annuncia che entro sei mesi presenterà una norma che riguarda gli incentivi fiscali per le imprese giovanili di nuova costituzione. Probabilmente il ministro non sa – e questo sarebbe grave – che il PD ha già elaborato e presentato molte proposte in materia, purtroppo nemmeno contemplate da una maggioranza dall’inizio della legislatura in tutt’altre faccende affaccendata, dalle leggi ad personam alle telefonate ai presunti ‘postriboli televisivi’. E, ancora, il ministro dimentica che è probabile, oltre che auspicabile, che il governo non regga per altri sei mesi. Non comprendo, perciò, questo improvviso attivismo e interesse per i giovani. Il governo delle false promesse ha davvero intenzione di sfornare incentivi per i giovani? Se sì allora lo faccia subito e consideri le nostre proposte, senza attendere ulteriori sei mesi per tirare fuori dal cilindro chissà quale grande intuizione». Così Paola De Micheli deputato e responsabile PMI del PD, dal sito di TrecentoSessanta, l’Associazione di Enrico Letta.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un Pd che piace

Posted by fidest press agency su sabato, 18 dicembre 2010

«Dobbiamo dire che ci piace proprio il PD delineato oggi dall’intervista di Pierluigi Bersani a Repubblica. E ci piace a maggior ragione se leggiamo la risposta piccata di Bonaiuti, che testimonia quanto le prospettive indicate dal segretario del Partito democratico siano indigeste al PDL e facciano paura a   Berlusconi». Lo afferma Francesco Russo, segretario generale di TrecentoSessanta, l’Associazione di Enrico Letta, in un editoriale flash dal titolo “Il PD che non piace a Bonaiuti” pubblicato sul web magazine del think tank lettiano. «Quello che Bersani descrive – prosegue Russo – è un partito che appare finalmente consapevole della propria forza e della propria  responsabilità, che cancella qualche eccessivo timore del passato, recupera un ruolo centrale nel disastrato sistema politico, e si candida a fare il play maker di chi, fuori e dentro il Parlamento, lavora per una nuova stagione che superi il berlusconismo e i suoi infiniti danni». «Un Pd senza timori reverenziali – continua – che assomiglia di più a quel partito nuovo che è stata la grande scommessa del 2007, che chiude con la storia del ‘900 e con le nostalgie di improbabili ritorni al passato. Un Pd punto di equilibrio necessario tra la sinistra e il terzo Polo con una strategia di collaborazione, ma autonoma e indipendente dall’uno e dall’altra. In grado di promuovere (anche mettendo  a tema una riflessione sulle primarie che non sono un obbligo ma una scelta in funzione  delle necessità) una leadership capace di guidare il Paese e di proporsi come credibile alternativa senza offrire il fianco a “scalate”, come quella di Vendola, prive di concretezza, pericolose, velleitarie» «È un percorso rispetto al quale – conclude – ci stupirebbero ulteriori distinguo e polemiche interne. All’inverso,  ci aspettiamo che attorno alla segreteria si prosegua nel lavoro di valorizzazione dei contributi innovativi e delle tante energie positive che anche sui territori stanno maturando”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Federalismo: dalle fondamenta al tetto

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2010

ll relatore di minoranza in Commissione Bicamerale illustra le contromisure del PD: “Il federalismo lo vogliamo, ma occorre farlo bene” “Oggi abbiamo dimostrato che noi al federalismo ci teniamo come e più della maggioranza. Solo che per farlo bene riteniamo che si debba partire dalle fondamenta e non dal tetto su cui si è focalizzata, impropriamente, tutta l’attenzione del governo”. Con queste parole, riportate sul sito di TrecentoSessanta, l’Associazione che fa riferimento ad Enrico Letta, Marco Stradiotto, senatore del PD e relatore di minoranza del ddl di modifica del decreto legislativo sui fabbisogni standard per province e comuni, descrive le finalità delle contromisure sul federalismo fiscale avanzate dal Partito Democratico”. “Le nostre proposte di modifica – chiarisce Stradiotto –  si muovono in direzione di un unico fondamentale obiettivo: riempiere di contenuti la scatola vuota del federalismo fiscale. Come si possono indicare i fabbisogni standard senza prima aver definito con accuratezza i livelli essenziali delle prestazioni, gli obiettivi di servizio e i costi standard? I fabbisogni sono il tetto, il punto di arrivo, non la base di partenza della discussione. Il federalismo fiscale rappresenta, secondo il PD, un’occasione storica per raddrizzare il sistema della finanza pubblica italiana e rendere più equo ed equilibrato il rapporto tra le regioni e i territori del Paese. Il rischio di sbagliare metodo, e dunque mancare l’obiettivo, è però dietro l’angolo, specie in questa stagione di alta fibrillazione politica”.  “ E’ importante per questo – conclude il senatore del PD – isolare per bene le questioni e imporsi un metodo di lavoro, un cronoprogramma e strumenti di monitoraggio del processo di convergenza utili a migliorare l’applicazione del federalismo fiscale, non a cassarla o a dilazionarla all’infinito”.
Le proposte –  illustrate da Stradiotto al ministro Calderoli in Commissione Bicamerale per il Federalismo – sono da questo pomeriggio on line, corredate da una nota esplicativa dei singoli interventi di modifica, su http://www.marcostradiotto.org e http://www.associazione360.it.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »