Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘entrate’

Agenzia delle Entrate condannata in Cassazione anche alle spese di lite

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 giugno 2021

Con l’ordinanza n. 15310/2021 della Corte di Cassazione – Sezione Sesta Tributaria – depositata lo scorso 03 giugno, è stato rigettato il ricorso dell’Agenzia delle Entrate avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della Puglia, Sessione Staccata di Lecce, che si era vista annullare un avviso di accertamento per IRES e IRAP sulla base della “motivazione apparente” dell’atto tributario e l’”inerenza” di alcuni costi. Anche i giudici di legittimità hanno accolto le eccezioni di diritto formulate dall’avvocato Maurizio Villani. Nella fattispecie, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è stata nei fatti punita l’insistenza del Fisco che ha voluto agire pure innanzi alla Suprema Corte con un’esemplare condanna alle spese di lite.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Scuola: non ci saranno entrate ogni 15 minuti”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 Maggio 2020

Sull’ipotesi di ingressi degli studenti nelle scuole scaglionati ogni 15 minuti “ho letto le indiscrezioni e diciamo che non è proprio così e che gli scenari ufficiali usciranno, come ha detto bene il professor Bianchi, a giorni: saranno tre scenari a seconda dell’andamento della pandemia”. Lo ha detto il vice-ministro e vice-presidente del Pd Anna Ascani intervenendo a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24. “Dopo di che un minimo di scaglionamento ci sarà – ha aggiunto a Radio 24 – perché è ovvio. Nei complessi così grandi si rischia di far entrare gli ultimi a ridosso dell’orario di uscita, ovviamente non sarà così. Quello che invece succederà, non si potrà uscire ed entrare tutti insieme. Perché se dobbiamo evitare l’assembramento all’interno delle classi, dobbiamo evitarli anche al momento dell’entrata e dell’uscita, altrimenti avremmo annullato ogni sforzo”.Massimiliano Fedriga (governatore Friuli Venezia Giulia ) a 24Mattino su Radio 24: “Migranti regolarizzazione non chiesta da agricoltura”Sulla regolarizzazione di migranti per impiegarli nella raccolta agricola “Penso che sia una scelta sbagliata non dettata dalle esigenze del mondo agricolo ma da una legittima, seppure non condivisibile dal mio punto di vista, scelta di carattere politico”. Lo ha detto il governatore Fvg Massimiliano Fedriga a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24. “Mi sembra strano che ci sia stata forte chiusura sui voucher, c’è stata una forte dibattito anche in Parlamento, dove però le istanze delle opposizioni non sono state accolte”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Casa:Ag.Entrate,mutui per 93,5mld su 917 mila immobili

Posted by fidest press agency su domenica, 28 ottobre 2018

Secondo l’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate sono circa 917 mila gli immobili ipotecati a garanzia di mutui nel 2017, circa il 4% in più del 2016, mentre il valore monetario dei finanziamenti garantiti da ipoteche immobiliari nel 2017 è pari a 93,5 miliardi, il 9,1% in più del 2016.”Dati ottimi, anche se l’incremento è inferiore rispetto al boom del 2016. La politica monetaria della Bce e la condizione migliorata delle banche, che hanno ridotto le loro sofferenze, ha consentito un maggiore accesso ai mutui e le famiglie hanno potuto comperare casa” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”La speranza, ora, è che le tensioni sui mercati e l’innalzamento dello spread cessino al più presto, altrimenti questa situazione è destinata a peggiorare, come ha attestato ieri il presidente della Bce Draghi, secondo il quale il rialzo dello spread non sta solo intaccando il patrimonio delle banche, cosa che avrà comunque effetti sull’accesso al credito, ma sta già sta causando un rialzo dei tassi a famiglie e imprese” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Manovra: entrate giochi da verificare

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 luglio 2011

Le entrate previste dalle misure contenute nella manovra economica per il settore giochi “andranno verificate, in particolare per le nuove modalità offerte, anche considerando che si attende un rendimento decrescente della raccolta lorda, a parità di volume di gioco”. E’ quanto ha dichiarato Luigi Giampaolino, presidente della Corte dei Conti, nel corso della sua audizione presso la Commissione bilancio del Senato. Sostanzialmente positivo il giudizio della Corte sulla Manovra. Giampaolino ha ricordato come nelle misure per i giochi “che prevedono un gettito da circa 500 milioni l’anno a partire dal 2011, si combinano diversi aspetti: lotta all’evasione e all’illegalità, ampliamento dell’offerta esistente e forme di prelievo diverse dalle imposte”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il debito pubblico si può diminuire in altro modo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2011

L’Idv in un comunicato rende noto: “La nostra manovra 2012-2014 si propone di abbassare lo stock del debito per complessivi 95 miliardi (ad aprile 2011 lo stock del debito aveva raggiunto 1.890,6 miliardi di euro. Si prevede che esso sarà pari per l’anno 2011 al 120,2% del Pil). Tali misure ricondurrebbero tale percentuale ad un valore pari al 114,1 % del Pil.

PIANO QUADRIENNALE STRAORDINARIO PER LA RIDUZIONE DEL DEBITO PUBBLICO

Misure straordinarie per riduzione dello stock del debito

2012

2013

2014

2015

1-Cartolarizzazione dei ruoli esattoriali non riscossi

5.000

10.000
+ 200*

15.000
+ 800*

15.000
+ 1.200*

2-Dismissioni di partecipazioni statali

1.000

2.000
+ 40*

5.000
+ 120*

5.000
+ 320*

3-Dismissioni di partecipazioni degli enti territoriali

100

500
+ 4*

1.000
+ 24*

1.000
+ 64*

4-Dismissioni di immobili

1.000

5.000
+ 40*

8.000
+ 240*

10.000
+ 260*

5-Contributo di solidarietà dello 7,5% sui capitali regolarizzati tramite lo scudo fiscale

7.500

300*

300*

300*

6-Recupero condono 2003

3.000

120*

120*

120*

Totale misure straordinarie

17.600

17.500

29.000

31.000

Totale risparmi permanenti aggiuntivi

+ 664

+ 1.594

+ 2. 144

(*) se le entrate straordinarie venissero utilizzate per abbattere lo stock del debito si otterrebbe l’effetto di ridurre il servizio del medesimo per un valore pari a circa il 4% delle riduzioni apportate al debito accumulato. Ad esempio, 45 miliardi di maggiore incasso dai ruoli esattoriali, producono una riduzione permanente della spesa per interessi pari a 1,8 miliardi di interessi in meno da pagare. A maggiore spiegazione degli interventi aggiungo quanto segue:
Cartolarizzazione dei ruoli esattoriali non riscossi: Oltre al fenomeno, noto, dell’evasione fiscale ne esiste un altro, meno noto, ma non per questo meno importante e cioè quello di coloro (persone e società) che producono reddito e lo dichiarano, ma poi non pagano le tasse. E’ stato recentemente reso pubblico il fatto che esistono cartelle esattoriali non pagate per 442 miliardi di euro. E’ una quantità enorme che comprende sicuramente i casi di società fallite (ed anche su questo bisognerà riflettere), ma anche casi in cui il fisco non è stato capace e non capace di incassare. Noi abbiamo pensato che una cartolarizzazione con una base d’asta pari al 10% del valore potrebbe dare come minimo 45 miliardi nell’arco di quattro anni.
1)    Dismissioni di partecipazioni statali: si possono dismettere partecipazioni in Enel, Finmeccanica, Eni, Poste italiane, Rai, Fintecna. (le partecipazioni statali in queste società ammontano a circa 40 miliardi di euro). La nostra ipotesi è di introitare 13 miliardi in quattro anni3-Dismissioni di partecipazioni degli enti territoriali: Dovrebbero essere dismesse tutte le partecipazioni degli enti locali, ad eccezione di tutto ciò che riguarda l’acqua come bene pubblico. Per prudenza prevediamo 2,6 miliardi in quattro anni.
2)    Dismissioni di immobili pubblicidal 2000 al 2005 si sono dismessi immobili di proprietà pubblica per un valore complessivo apri a 21,2 miliardi di euro (16,3 miliardi da parte dello stato e degli enti previdenziali; 5,1 miliardi da parte degli enti territoriali. Nei prossimi anni lo sforzo andrebbe concentrato sugli immobili di proprietà delle Regioni e degli Enti locali. Proponiamo didismettere o valorizza con diverse tecniche finanziarie parte degli immobili non strumentali degli enti territoriali (valore di mercato più di 100 miliardi di euro ai quali si aggiungono 193 miliardi del valore degli immobili strumentali);  delle amministrazioni statali (valore di mercato più di 20 miliardi di euro ai quali si aggiungono circa 60 miliardi del valore degli immobili strumentali).
3)    Contributo di solidarietà dello 7,5% sui capitali regolarizzati tramite lo scudo fiscale: Noi pensiamo che prima di togliere a pensionati, donne e lavoratori, non sia fuori luogo chiedere un contributo straordinario a coloro che hanno utilizzato lo “scudo fiscale” per riportare in Italia capitali esportati clandestinamente, pagando solo il 4% del loro valore. Si incasserebbero “una tantum” 7,5 miliardi di euro.
4)    6-Recupero condono 2003: vi è un’altra partita incredibile che la Corte dei Conti ha posto in luce. Nel condono 2003 di Tremonti rispetto ai 12 miliardi di incasso previsti ne sono entrati solo 6, poiché molti contribuenti si sono autodenunciati (acquisendo il beneficio del condono tombale), hanno chiesto la rateazione, hanno pagato la prima rata e poi non hanno più versato nulla. La stessa Corte di conti ha chiesto al governo di intervenire con mezzi adeguati. Noi pensiamo che almeno la metà della somma, cioè 3 miliardi possa essere recuperata.
5)    La realizzazione dell’abbattimento del debito pubblico per 95 miliardi avrebbe un effetto positivo sugli interessi sul debito, che potrebbero ridursi di oltre 2 miliardi all’anno a partire dal 2015

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manovra: entrate da slot, sanzioni e social card

Posted by fidest press agency su martedì, 12 luglio 2011

Maggiori chiarimenti sulla crescita erariale da slot e Vlt, dal contributo derivante dalla diffusione del bingo online, dal contrasto ai fenomeni illegali e all’evasione, e dagli effetti del prelievo destinato alla social card dalla pubblicità sui giochi: è quanto chiede al Governo il Servizio Bilancio del Senato, come si legge nel dossier di approfondimento alla manovra economica, che da oggi ha iniziato il suo iter parlamentare. Secondo i tecnici del servizio bilancio di Palazzo Madama, tenendo presenti le aliquote decrescenti sulle slot (che in base alla raccolta variano dal 12,6% all’8%), è necessario considerare “che i proventi netti potrebbero necessitare, ai fini di una crescita al margine, di un incremento esponenziale della raccolta stessa”. La considerazione, si legge su Agipronews, resta identica anche considerando gli “effetti erariali connessi alla diffusione dei prodotti di gioco” che verranno dalla gara di assegnazione delle nuove concessioni per slot e Videolotteries. La gara per slot e Vlt, nella relazione del Governo, dovrebbe assicurare 100 milioni per il primo anno, 150 milioni per ognuno dei tre anni successivi. Il servizio bilancio ritiene necessari maggiori precisazioni sulla crescita della raccolta del Bingo online (prevista la rimodulazione dell’aliquota al 10%): nella relazione del Governo si calcolano maggiori entrate per 20 milioni nel 2011, 50 milioni nel 2012 e 70 milioni nel 2013, “basandosi su una stima della raccolta su siti illegali – sottolinea i tecnici del Senato – e legando l’ipotesi dell’indicata dinamica genericamente ad una “fisiologica diffusione dell’offerta di gioco”, senza fornire ulteriori dettagli”. La stima di maggiori entrate che riguardano l’innalzamento delle sanzioni sul gioco minorile, gli accertamenti dei Monopoli sulle scommesse non autorizzate e il forfait sulle slot scollegate – 31,5 milioni per il 2011 e 13 milioni per gli anni successivi- non convince poi i tecnici del Senato. Il maggiore gettito dalle sanzioni sul gioco minorile “riguarda esclusivamente le sanzioni” ed evidenzia “una asimmetria nella quantificazione dei relativi effetti finanziari”, nella relazione del Governo si indicano maggiori entrate per 25 milioni per l’anno in corso “a fronte di un effetto nullo per gli anni successivi, considerando presumibilmente che l’effetto dissuasivo, del quale non sembra si tenga conto con riferimento al 2011, produca un azzeramento del maggior gettito già nel 2012”. In merito al contributo del 3% dalla pubblicità sui prodotti di gioco, da destinare alla social card, il Servizio Bilancio chiede se “la riduzione della quota dedicata alla pubblicità da parte dei concessionari” non possa determinare “un minore afflusso della raccolta”. Qualche dubbio, conclude Agipronews, sull’innalzamento da 100 a 150 euro per l’iscrizione nell’albo degli operatori New Slot – 6 milioni per il 2011 e 18 milioni per ciascuno degli anni dal 2012 al 2014 – “l’importo relativo al 2011 potrebbe risultare sovrastimato”, secondo i tecnici, visto che il numero di operatori che hanno già versato l’iscrizione per il 2011 entro il 30 giugno “potrebbe essere superiore a quella considerata implicitamente” dalla relazione del Governo. (Chiara Vicario)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Iniziativa Ama: plaude Alemanno

Posted by fidest press agency su sabato, 7 agosto 2010

Roma.«Ringrazio la dirigenza dell’Ama per la decisione di non far pagare more o interessi per tutti i versamenti effettuati entro il 15 settembre. Si tratta di una scelta responsabile che evita disagi e pagamenti ingiustificati ai cittadini romani senza che questo crei problemi alle entrate comunali. Chiedo a tutti gli organi di informazione di mettere a conoscenza la cittadinanza di questa scelta dell’Ama». È quanto dichiara il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Informatica: fatturato record

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 febbraio 2010

Redwood City, Calif. Informatica, (NASDAQ: INFA), il principale fornitore indipendente di soluzioni e servizi per la Data Integration, annuncia i risultati finanziari del quarto trimestre e dell’anno che si è chiuso il 31 Dicembre 2009.  I profitti per il quarto trimestre del 2009 hanno raggiunto i 150,9 milioni di dollari, pari ad una crescita del 21% rispetto ai 124,4 milioni registrati nel quarto trimestre del 2008. Le entrate derivanti dalle licenze sono ammontati a 71,6 milioni, un incremento del 25% rispetto ai 57,2 milioni registrati nel quarto trimestre del 2008. Gli utili provenienti dalle attività per il quarto trimestre, calcolati su base GAAP, sono stati pari a 35,0 milioni, rispetto ai 39,5 milioni del quarto trimestre 2008, che includevano l’indennità una tantum pari a 11,5 milioni di dollari derivante dai ricavi per controversie relative ai brevetti, al netto di accantonamenti. L’utile netto su base GAAP per il quarto trimestre del 2009 è stato di 25,0 milioni, pari a 0,25 dollari per azione, il 19% in più rispetto ai 19,9 milioni o 0,21 dollari per azione relativi al quarto trimestre del 2008. Per i trimestri terminati il 31 Dicembre 2009 e 31 Dicembre 2008, gli utili per azione diluita sono calcolati su base “if converted”, includendo, rispettivamente 0,1 milioni e 1,1 milioni, aggiunti in restituzione, proveniente da interessi e dall’ammortamento di costi per l’emissione di titoli convertibili al netto delle tasse.    L’utile non-GAAP per il quarto trimestre 2009 si è attestato a 44,2 milioni, con un incremento pari al 24% rispetto ai 35,6 milioni dello stesso periodo precedente del 2008. L’utile netto non-GAAP per il quarto trimestre del 2009 è stato di 31,5 milioni, pari a 0,31 dollari per azione, il 29% in più rispetto ai 23,5 milioni o 0,24 dollari per azione, relativi al quarto trimestre del 2008. Gli utili non-GAAP e l’utile netto non-GAAP escludono gli addebiti e i profitti derivanti dall’ammortamento delle tecnologie acquisite e delle immobilizzazioni immateriali, liquidazione di cedole azionarie, ristrutturazioni, acquisizioni e altro, e ricavi per controversie relative ai brevetti, al netto di accantonamenti. “Il 2009 è il quinto anno record consecutivo. Negli ultimi cinque anni, abbiamo raggiunto tassi di crescita anno su anno significativi, molto più elevati rispetto al mercato del comparto software,” ha dichiarato Sohaib Abbasi, chairman e CEO di Informatica. “La nostra missione focalizzata sulla data integration, la nostra value proposition insieme alla dedizione del nostro team per lo sviluppo di tecnologia innovativa ci consentono di ottenere risultati da record anche in periodi non così favorevoli”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gioco

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2009

Come lo Stato tassa gli italiani rendendoli contenti. Tassare gli italiani e renderli contenti? Si puo’. Lo fa lo Stato con i vari giochi (new slot, lotterie, ecc.). In questo momento di difficolta’ economica il risparmiatore si fa prendere dal panico, vende quello che non dovrebbe, si appella ai santi o gioca. Circa 30 milioni di italiani, gioca. Lo scorso anno furono giocati oltre 47,5 miliardi di euro e ai giocatori ne sono andati 38,5 miliardi. Sempre lo scorso anno, le entrate fiscali totali relative ai giochi sono state pari a 12 miliardi e 817 milioni di euro: una Finanziaria! Nei primi sette mesi di quest’anno sono stati giocati qualcosa come 30,5 miliardi di euro. Con questo ritmo, a fine anno, gli italiani si giocheranno circa 52 miliardi di euro. Contenti gli italiani di giocare sperando nella fortuna. Arcicontento lo Stato che incamera introiti miliardari. E’ la quadratura del cerchio! (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Report finanziario di Delticom

Posted by fidest press agency su martedì, 25 agosto 2009

Delticom AG (German Securities Code (WKN) 514680, ISIN DE0005146807, stock exchange ticker DEX), leader europeo nell’e-commerce di pneumatici, ha pubblicato il rapporto relativo al primo semestre 2009.  Il CEO di Delticom, Rainer Binder, è molto soddisfatto dell’andamento economico dell’azienda: “Nonostante una congiuntura economica difficile, Delticom registra una forte crescita nelle entrate e nei profitti”. La società ha riportato entrate per 139,2 milioni di Euro nella prima metà del 2009, il 14,5% in più rispetto allo stesso periodo 2008 (primo semestre: 121,5 milioni). Le entrate derivanti dalle attività di e-commerce si sono attestate a 130,8 milioni di Euro con una crescita del 15,8% (2008: 112,9 milioni). Le entrate della divisione wholesale sono invece leggermente scese da 8,6 milioni a 8,4 milioni di Euro.Nel periodo preso in considerazione, il risultato operativo (EBIT) è cresciuto dell’82,9% portandosi a 10,2 milioni di Euro (primo semestre 2008: 5,6 milioni), con un margine EBIT del 7,3% (2008: 4,6%). Il profitto netto consolidato è stato di 7,0 milioni di Euro, ovvero 0,59 Euro per azione. Il profitto per azione è quindi cresciuto del 70,9% rispetto agli 0,35 Euro della prima metà del 2008. La crescita nel settore e-commerce è fortemente connessa al significativo incremento nella base clienti, passata da 2,3 a più di 3 milioni di clienti negli ultimi dodici mesi. Dall’inizio del 2009 Delticom ha acquisito 377mila nuovi clienti, mentre sono stati 173mila gli utenti che hanno ripetuto i propri acquisti attraverso uno degli oltre 100 negozi online in 35 Paesi (in Italia il portale principale è http://www.gommadiretto.it).  Sempre più automobilisti e motociclisti sono attratti dai vantaggi dell’acquisto online. L’importanza dell’e-commerce come canale di vendita per gli pneumatici sta quindi crescendo rapidamente. Frank Schuhardt, CFO di Delticom, è comunque prudente: “I consumatori europei subiranno gli effetti della crisi soprattutto nel corso dei prossimi mesi e naturalmente ne sarà colpito anche il mercato degli pneumatici. Non abbiamo quindi la sicurezza che Delticom riesca a mantenere gli stessi margini di profitto anche nella seconda metà dell’anno”. Nonostante questo, il Management Board prevede una crescita annua nell’EBIT del 10% e del margine EBIT del 7%. Philip von Grolman, responsabile della logistica e membro del Management Board, aggiunge: “Lo sviluppo della nostra capacità di stoccaggio e immagazzinamento avviata nella prima metà dell’anno ci danno ulteriori margini di crescita nel medio e nel lungo termine”.  http://www.delti.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Delticom pubblica il Report finanziario del 1° Trimestre 2009

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 Maggio 2009

Nei primi tre mesi nell’anno, la società ha aumentato le proprie entrate del 19,8% portandole a 51 milioni di Euro (nel primo trimestre 08: 42,6 milioni). Le entrate nel segmento dell’e-commerce sono cresciute del 21,4%, fino a 46,7 milioni (T1 08: 38,5 milioni di Euro). Le entrate provenienti dalla divisione wholesale sono state 4,3 milioni di Euro (T1 08: 4,1 milioni). La profittabilità dell’azienda è aumentata in maniera significativa rispetto al 2008: il margine operativo (EBIT) è salito a 2,6 milioni di Euro (T1 08: 0,5 milioni). Il margine EBIT si è portato al 5,2%. Con un profitto netto consolidato di 1,9 milioni di Euro (nel 2008: 0,5 milioni), Delticom continua sulla strada della crescita sostenibile intrapresa già negli anni passati, nonostante la difficile congiuntura macroeconomica. Il CEO di Delticom Rainer Binder ha commentato: “Siamo molto soddisfatti dell’andamento nel primo trimestre. Nel commercio degli pneumatici, data la minore incidenza stagionale, il primo trimestre non è necessariamente un indicatore per l’andamento dell’intero anno. Tuttavia siamo molto soddisfatti di come si sono messe le cose nei primi mesi del 2009. La vendita online di pneumatici diventa sempre più popolare e un numero crescente di consumatori sta scoprendo le grandi opportunità di risparmio offerte da Internet”. Un recente studio dell’ADAC, l’automobile club tedesco, riporta che gli automobilisti sono ben disposti verso l’acquisto di pneumatici online. Tra i partecipanti al sondaggio, il 15% si è detto pronto ad effettuare questo tipo di acquisto mentre il 4,9% (nel 2008 erano il 3,1%) ha dichiarato di avere già comprato pneumatici tramite il web. Questi dati indicano che esiste ancora un potenziale di sviluppo molto alto per i prossimi anni. Delticom, con oltre 100 negozi online in Europa e negli Stati Uniti, è ben posizionata per beneficare di questo margine di crescita. L’Assemblea Generale Delticom si terrà il 19 maggio 2009 ad Hannover. In questa occasione il Management e il Consiglio dei Supervisory di Delticom AG proporranno un dividendo di 3,00 Euro per l’anno fiscale 2008. http://www.delti.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »