Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘episodi’

L’arcivescovo di Bologna Matteo Zuppi: “Gli episodi di intolleranza non sono goliardate”

Posted by fidest press agency su martedì, 17 settembre 2019

Madrid. “Sul web sono state pubblicate 382 mila espressioni antisemite in un anno”. Ruth Dureghello, presidente della Comunità Ebraica di Roma, stigmatizza a Madrid, al convegno “Pace senza confini” della Comunità di Sant’Egidio, rivela una cifra registrata da un’indagine del 2016, e denuncia il razzismo risorgente: “Assistiamo a spettacoli terribili – ha detto – Negli stadi si inneggia offendendo”. Purtroppo c’è “un clima che la politica cavalca”. Esiste un modo di contrastare il razzismo? L’arcivescovo di Bologna Matteo Zuppi, nominato cardinale da Papa Francesco, sottolinea: “Il razzismo è come una mina. La metti e poi qualcuno rischia di saltarci sopra”. Certe frasi sono “goliardata o razzismo?” Per Zuppi “bisogna chiamare le cose con il loro nome, ci sono tanti episodi che occorre definire espressamente razzismo”.
Per l’arcivescovo di Bologna “all’intolleranza rischiamo di abituarci, come stando in una stanza nella quale non si sente più il cattivo odore”. E quindi: “L’antirazzismo non è qualcosa di facoltativo, di sognatori. Deve essere l’impegno di tutti gli uomini che non smettono di essere tali. L’uomo di religione non può essere razzista. Nelle religioni è fortissima la convinzione che siamo tutti figli di Dio anche se straordinariamente diversi”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Senza un’informazione più completa è difficile monitorare l’uso reale dei farmaci

Posted by fidest press agency su martedì, 1 settembre 2015

farmaci“I recenti episodi in cui l’Agenzia del Farmaco e il Ministero della salute sono intervenuti per modificare o interrompere l’impiego di alcuni farmaci sottolineano, per diverse ragioni, l’importanza di arrivare in tempi rapidi alla creazione del dossier farmaceutico aggiornato dal farmacista previsto, già nel 2013, dal cosiddetto Decreto Cresci Italia”, dice il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, senatore Andrea Mandelli. Il riferimento è alla nota informativa diramata lo scorso 7 agosto a proposito dei medicinali da banco contenenti diclofenac e al più recente provvedimento del Ministero della salute che proibisce le preparazioni galeniche a base di alcuni principi attivi impiegate nel trattamento dell’obesità grave. “In entrambi i casi si è dovuto intervenire in via cautelare senza però disporre dei dati relativi alla tipologia del consumo del ricorso a questi medicinali” spiega Andrea Mandelli. “Il servizio farmaceutico, la rete della farmacie, a oggi fornisce già dati importanti sul consumo dei medicinali nel territorio, ma soltanto con l’introduzione del dossier, cioè con la registrazione della storia del singolo paziente, sarebbe possibile individuare con chiarezza se il ricorso è appropriato, se se ne fa un uso eccessivo o anche se invece l’uso è irrazionale per difetto”. La Federazione ha sempre sottolineato nella sua attività di formazione e informazione dei farmacisti i rischi insiti in alcune terapie “ma i rischi vanno rapportati alle condizioni del paziente e, quindi, ai benefici che se ne possono trarre. Poter disporre dei dati raccolti nel dossier consentirebbe di meglio mirare tutti i provvedimenti a tutela della sicurezza del paziente, così come i trattamenti e, allo stesso tempo, rendere ancora più utili le segnalazioni di eventi avversi, in quanto sarebbe possibile meglio delineare il quadro del paziente in cui si sono verificate. Mi auguro che il fascicolo sanitario elettronico e il dossier farmaceutico vengano finalmente realizzati: sono uno strumento fondamentale anche e in primo luogo per la sicurezza dei cittadini” conclude Andrea Mandelli.

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Svegliati Silvio

Posted by fidest press agency su domenica, 6 novembre 2011

Sveglia... sotto Vuoto!

Image by aldoaldoz via Flickr

Incredibile! E’ notizia di oggi pubblicata sulla stampa internazionale. Come avvenuto in altre circostanze pubbliche, il premier, si è appisolato anche durante i colloqui del vertice del G20 in Francia, dove per ben due volte dei funzionari, hanno dovuto dare una gomitata per svegliarlo, sotto gli occhi dei leader mondiali, tra cui Barack Obama, David Cameron, Angela Merkel e Nicolas Sarkozy. Gli episodi sono avvenuti, mentre si discuteva di come salvare l’Italia per farla uscire dalla crisi della zona euro. Altri leader seduti attorno al tavolo, imbarazzati, non hanno potuto fare a meno di notare.
Forse gli interventi degli altri ospiti non erano poi così interessanti, sarà l’età (75 anni), saranno gli impegni: sta di fatto che il premier spesso non riesce, letteralmente, a tenere gli occhi aperti. Buonanotte Presidente da Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Adiantum ammessa come parte civile

Posted by fidest press agency su martedì, 5 luglio 2011

Una breccia nel muro di gomma della malagiustizia familiare. Per la prima volta in Italia una associazione a tutela della Bigenitorialita’ (ADIANTUM) è stata ammessa come parte civile contro un genitore reo di aver ostacolato continuamente (anche in occasione delle vacanze estive) il rapporto dei due minori con l’altro genitore.
Presso il tribunale penale di Caltanissetta si celebra il processo contro una madre che, in questi anni, ha fatto di tutto per estromettere l’ex convivente dalla cura dei figli. Numerosissimi gli episodi di violazione dei provvedimenti giudiziali (art. 388 c.p.), in base ai quali i giudici hanno rinviato a giudizio la signora. Nella prima udienza, ADIANTUM (rappresentata in questa occasione dagli avvocati Lorenzo Lo Cicero e Vincenzo Canzoneri) ha fatto richiesta di ammissione tra le parti civili, e proprio in questi giorni si e’ avuta notizia del rigetto delle istanze di inammissibilita’ degli avvocati difensori dell’imputata. L’ammissione tra le parti civili, ricordano da ADIANTUM, e’ stata possibile perchè l’associazione romana era intervenuta già una volta nella vicenda dei due bambini (che oggi vivono a Caltanissetta ma provengono da altra città della Sicilia – NDR), segnalando con una relazione formale del Segretario le ”stranezze” del giudice del tribunale dei minori di Palermo che, sulla base di una audizione effettuata ”inaudita altera parte” e su ”presentazione spontanea” della madre con il maggiore dei due figli, emise un provvedimento di affidamento esclusivo senza alcuna seria motivazione (”…mi piace stare di più con mamma, papà è seccato…”) e in totale dispregio di quanto previsto dalla L. 54/2006. In quella occasione, peraltro, al bambino (di soli 6 anni) fu chiesto dal Giudice di apporre una firma sul verbale, sotto la dizione L.C.S. (Letto, Confermato, Sottoscritto)…. Per quella segnalazione, il Segretario di ADIANTUM e’ stato oggetto di quella che sembrerebbe una vera e propria intimidazione (subito segnalata alla Corte di Appello di Palermo quale organo locale di controllo sull’operato dei magistrati), essendo stato chiamato dalla Procura, su segnalazione del giudice che nel frattempo aveva preso in carico la pratica, ”…per verificare la sussistenza del reato di esercizio abusivo della professione forense”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Violenze in caserma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 marzo 2011

“Ogni atto di violenza contro un altro essere umano è un fatto deprecabile e fra questi quelli di natura sessuale sono tra i più odiosi. Se poi questi atti sono commessi da chi indossa una divisa allora assumono sicuramente una rilevanza che non può essere ignorata. Adesso è opportuno evitare ogni sorta di strumentalizzazione politica o per scopi professionali degli episodi di violenza sessuale che hanno coinvolto militari e lasciare a chi ha il dovere di accertare i fatti il necessario tempo e spazio per poter  stabilire le verità.” Lo dichiara Luca Marco Comellini, Segretario del Partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia (Pdm).

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cocozza ospite del Rotary di Tolentino

Posted by fidest press agency su domenica, 30 gennaio 2011

“Sarebbe necessario rimanere in missione in Afghanistan finché la situazione non si stabilizzi, fin quando cioè il governo afgano non riuscirà a mantenere sotto controllo il paese come stanno facendo le truppe straniere. Ci si è imposti un termine, il 2014, durante il summit della Nato lo scorso novembre a Lisbona”. Ad affermalo è il generale Ciro Cocozza e lo ha fatto l’altro pomeriggio a Treia durante il convegno organizzato dal Rotary club di Tolentino alla sala consiliare. Tema dell’incontro era “L’Afghanistan, un mondo da scoprire”. Un argomento alquanto attuale visti gli ultimi episodi. Il generale è intervenuto evidenziando i motivi che spingono la comunità internazionale, composta da 48 paesi, ad essere presente in un teatro operativo così distante dall’Europa, geograficamente e culturalmente, accettando un impegno gravoso in termini di uomini, risorse finanziarie e, soprattutto, vite umane. “Per la missione – ha detto Cocozza – al giorno si spendono 140.000.000 euro e 130.000 sono i militari impegnati”. Dal 2001 ad oggi, da quando cioè è stata avviata la missione, sono morti 2.300 militari di cui 36 italiani e circa 20mila civili. “L’Italia – ha aggiunto il generale – nella regione ovest dell’Afghanistan ha realizzato scuole, centri sanitari, infrastrutture ed attrezzature per l’agricoltura come pozzi”. Cocozza ha così spiegato cosa sta facendo la comunità internazionale in materia di mantenimento della sicurezza, sostegno dello sviluppo delle istituzioni di governo locale ed all’economia afgana. Particolare interesse, ha destato, l’esposizione della minaccia alla sicurezza del delicato problema del narcotraffico e delle sue implicazioni finanziarie in Afghanistan e nel mondo. Si è parlato anche del ruolo della donna nella società afgana e nella famiglia la quale non può lavorare e deve rimanere in casa. Tanti sono stati gli argomenti trattati, molte le domande poste durante l’incontro condotto da Carla Passacantando. Oltre al presidente del Rotary di Tolentino, Gianluca Pesarini, erano presenti l’assessore alla cultura di Treia Tullio Patassini, l’assistente al governatore Rotary Mauro Triduzzi, il presidente del Soroptimist di Macerata Dalida Ortenzi, del Lions Macerata Umberto Patassini, del Rotary di Macerata Giorgio Mancini e Macerata “Matteo Ricci” Renzo Tartuferi. Al termine dell’incontro è seguita la visita alla pinacoteca comunale. (dott.ssa Carla Passacantando) (rotary)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La fila indiana. Il razzismo è una brutta storia

Posted by fidest press agency su martedì, 9 novembre 2010

Roma 12 novembre ore 21.00 Teatro Biblioteca Quarticciolo 13 novembre ore 21.00 Teatro Tor Bella Monaca  Racconti di Ascanio Celestini musiche di Matteo D’Agostino suono di Andrea Pesce
Nei Teatri di Cintura è di scena l’impegno civile, ma anche il fascino, di una delle voci più apprezzate del teatro di narrazione, Ascanio Celestini per un viaggio nel linguaggio del razzismo e nella memoria di uno dei tragici episodi della Resistenza: “La fila indiana. Il razzismo è una brutta storia” e “Radio clandestina”.
“La fila indiana. Il razzismo è una brutta storia”, in scena l’11 novembre (ore 21) al Teatro Biblioteca Quarticciolo ed il 13 novembre (ore 21) al Teatro Tor Bella Monaca, è un repertorio fatto di racconti detti a margine di altri spettacoli. Racconti scritti in fretta dopo l’incendio di un campo nomadi, dopo il naufragio di una barca di emigranti in fuga o dopo la dichiarazione folle e calcolata di qualche politico. Intorno a questi frammenti Ascanio Celestini, insieme a Matteo D’Agostino e Andrea Pesce, sono partiti per scrivere e montare “le brutte storie razziste”. gliel’ho mai vista”.
Ma il viaggio nella periferia dell’affabulatore romano fa un’altra tappa il 12 novembre (ore 21) al Teatro Biblioteca Quarticciolo, portando in scena “Radio clandestina”, il monologo teatrale che ha composto ispirandosi al libro di Alessandro Portelli, L’ordine è già stato eseguito. Sul palcoscenico la tragedia più emblematica della barbarie nazista in Italia: l’eccidio delle Fosse Ardeatine del 24 marzo 1944. Lo spettacolo replicherà il 14 novembre (ore 17) al teatro Tor Bella Monaca. (copia di ascanio, appunti)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Baustelle

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 marzo 2010

Venerdì 26 marzo esce il nuovo e atteso album di inediti “I mistici dell’occidente” prodotto da Pat Mccarthy. A più di 2 anni dalla pubblicazione del loro ultimo album “Amen”(uscito a febbraio 2008 per Atlantic/Warner Music e disco d’oro per le vendite), i Baustelle (Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi e Claudio Brasini) si sono consolidati come una delle band più innovative, raffinate e di spessore del panorama musicale italiano. Consensi di pubblico e critica, un tour di successo con concerti sold out in tutta Italia (compreso l’Heineken Jammin Festival), la vittoria della Targa Tenco 2008 come “Album dell’anno”, la colonna sonora del film ”Giulia non esce la sera” che è valso loro il “Nastro d’argento” per il singolo “Piangi Roma” cantato con Valeria Golino, e molti altri sono stati gli episodi più rappresentativi di questo ultimo periodo.
Da lunedì 29 marzo sarà in rotazioni nelle principali emittenti televisive musicali il video de “Gli spietati”(regia di Daniele Persica). Per la realizzazione del video è stata presa ispirazione dalla New York di Warhol, dalla sua opera cinematografica, dalla libertà stilistica della pop-art applicata al cinema, dall’iconografia dei Velvet Underground. Molti sono gli attori del nuovo cinema italiano che vi hanno partecipato: Carolina Crescentini, Diane Fleri; Valentina Lodovini e Vinicio Marchioni. Per presentare questo nuovo disco i Baustelle incontreranno i fan presso le Fnac delle maggiori città italiane e faranno ad aprile 3 concerti esclusivi a Milano, Firenze e Roma, prodotti da AC Europe Group e Big Fish. Rispettivamente i Baustelle saranno il  17 aprile a ROMA (Atlantico, Viale dell’Oceano Atlantico, 271), il 19 aprile a MILANO (Alcatraz, Via Valtellina, 21) e il 27 aprile  a FIRENZE  (Saschall,Via Fabrizio De André). Si tratta di tre di 3 eventi unici nei quali la band verrà accompagnata dall’Orchestra dei Mistici dell’Occidente e rappresentano un’occasione imperdibile per ascoltare per la prima volta dal vivo le canzoni del nuovo album.
Di seguito gli appuntamenti nelle Fnac: 26 marzo Fnac Milano (Via Torino, angolo via della Palla, 2 – h.18.00); 27 marzo Fnac Torino (Via Roma, 56 – h.12.00) e Fnac Genova (Via XX settembre, 46/R – h.18.00); 28 marzo Fnac Roma (Galleria Commerciale Porta di Roma – via Alberto Lionello, 201 – h.19.00); 29 marzo Fnac Napoli (Via Luca Giordano, 59 – h.17.00), 30 marzo Fnac Verona (Via  Cappello, 34 – h.18.00).

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sequestro di falsi “Made in Italy” a Prato

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 marzo 2010

“Alla base del commercio devono esserci fondamenti di legalità e chi trasgredisce le regole deve essere punito”. Questo il monito di Roberto Soldà, vicepresidente dell’Italia dei Diritti, alla notizia del sequestro di capi d’abbigliamento nella città di Prato. La guardia di Finanza ha scovato un’intera filiera cinese dedita al commercio di prodotti tessili contraffatti. Oltre un milione gli articoli sequestrati, appena giunti dalla Cina e pronti per essere venduti in Italia con il marchio ‘Made in Italy’. “Tali episodi – spiega Soldà – sono ricorrenti in una zona dove storicamente è insediata una minoranza cinese, ma è giusto che i responsabili paghino”. “La contraffazione, – conclude l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro – soprattutto in questo periodo di crisi, va a scapito delle piccole e medie imprese, degli artigiani locali e di tutti i cittadini onesti che scelgono di rispettare la legge”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Romanzo: La gloria è il sole dei morti

Posted by fidest press agency su sabato, 13 marzo 2010

Roma 17 marzo 2010, alle ore 16.00 presso Sala del Mappamondo della Camera dei deputati Nella ricorrenza dell’Unità d’Italia (17 marzo 1861)  che segna l’inizio delle celebrazioni della Centocinquantenario della nascita della nostra Nazione il Presidente della Camera Gianfranco Fini presenta il romanzo di Massimo Nava La gloria è il sole dei morti Ponte alle Grazie dedicato alla vita e alle avventure dei fratelli Bixio e ai rapporti fra la Francia e l’Italia durante il Risorgimento, gettando uno sguardo inedito su biografie ed episodi storici decisivi del processo di nascita del nostro Paese.  Intervengono il regista Maurizio Scaparro e lo storico ed editorialista Andrea Romano

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stalking in Puglia

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2009

Si chiude con 47 persone arrestate e altre 34 denunciate il bilancio degli ultimi sette mesi relativo al reato di stalking in Puglia. Un dato che mette in luce una media di tre denunce a settimana. Dallo studio condotto dai carabinieri di Bari, emerge che nell’ottanta percento dei casi le vittime degli atti persecutori sono donne. Tuttavia c’è una parte non proprio marginale di episodi denunciati in cui sono gli uomini a essere colpiti. “Lo stalking è entrato a far parte del nostro ordinamento nel febbraio 2009″, spiega Manuela Bellantuoni, responsabile dell’Italia dei Diritti per la regione Puglia – e questi numeri, a neanche un anno dall’introduzione di tale reato, evidenziano una situazione preoccupante. Ciò che stupisce – continua – non è solo lo stalking operato nei confronti di donne, ma anche quello ormai sempre più frequente che vede vittime gli uomini”. Riguardo al primato negativo della Puglia nella classifica che esamina a livello nazionale il numero di arrestati e denunciati per atti persecutori, la rappresentante del movimento presieduto da Antonello De Pierro fornisce una chiave di lettura positiva: “Il fatto che la Puglia si presenti come la regione dove c’è il maggior numero di denunce non significa che sia quella con il più alto tasso di potenziali ‘stalkers’. Tale dato mostra la tendenza dei pugliesi a denunciare atti che al Nord si preferisce risolvere con misure amministrative. Allo stesso tempo, però – conclude la Bellantuoni -, le cifre di questo reato devono far pensare, perché mettono in evidenza come tendenze persecutorie di entità più o meno grave stiano diffondendosi con continuità allarmante”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornalisti italiani minacciati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 luglio 2009

Sono oltre duecento i giornalisti che in Italia, fra il 2006 e il 2008,  hanno ricevuto minacce e intimidazioni per la pubblicazione di notizie sulla mafia, sul terrorismo o su episodi di estremismo politico. Una decina di loro vivono sotto scorta. I dati sono contenuti nel Rapporto 2009 di “Ossigeno”, l’osservatorio della FNSI e dell’Ordine dei Giornalisti sui cronisti sotto scorta e le notizie oscurate in Italia con la violenza. Il Rapporto è stato consegnato oggi al Quirinale al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, durante la cerimonia del Ventaglio, dal presidente e dal segretario generale della Federazione Nazionale della Stampa, Roberto Natale e Franco Siddi, dal segretario dell’Ordine nazionale dei Giornalisti, Enzo Iacopino, e dal giornalista Alberto Spampinato, consigliere nazionale della FNSI e direttore del progetto Ossigeno.  Era presente Arnaldo Capezzuto, il cronista di Napoli che ha denunciato alla magistratura e fatto condannare i boss di Forcella che lo avevano minacciato per impedirgli di pubblicare alcuni retroscena dell’omicidio della giovanissima Annalisa Durante.  Il Rapporto Ossigeno 2009, pubblicato sulla rivista “Problemi dell’Informazione” (Il Mulino), da oggi è integralmente disponibile sui siti ufficiali della FNSI e dell’Ordine dei Giornalisti, e su numerosi altri che condividono il progetto. Il Rapporto contiene tre reportages in Sicilia, Calabria e Campania fra i cronisti più esposti; analizza la dinamica dell’isolamento del giornalista che non osserva le regole non scritte della “prudenza”; elenca 52 episodi di minacce e intimidazioni  registrati nel 2006-2008 sui giornali o segnalati da attestazioni di solidarietà. I casi di minacce e intimidazioni individuali sono 43, altri nove riguardano intere redazioni (Secolo XIX, Telegenova, Chi l’ha visto?, Corriere di Livorno, Famiglia Cristiana, Avvenire) con oltre cento giornalisti. A questi, secondo il Rapporto, bisogna aggiungere le centinaia di giornalisti italiani che non hanno avuto neppure la forza di denunciare la violenza. Fra gli episodi segnalati nel Rapporto, il più grave è l’attentato al cronista dell’Ansa di Palermo Lirio Abate, sventato all’ultimo momento il 4 settembre 2007. Il Rapporto elenca sedici aggressioni fisiche, tre minacce in sede processuale (a Rosaria Capacchione, Roberto Saviano, Lirio Abbate), otto danneggiamenti all’abitazione o all’automobile, diciassette minacce telefoniche o con lettere anonime. Il Rapporto include nei 52 episodi di intimidazione 15 perquisizioni giudiziarie giudicate particolarmente invasive, eseguite nelle abitazioni e nelle redazioni di  cronisti che avevano appena pubblicato notizie di grandissimo rilievo per l’opinione pubblica. (fonte http://www.francoabruzzo.it)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Checkpoint israeliani

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 luglio 2009

Il checkpoint è quello di Sha’ar Efraim, a sud di Tulkarem, e ad amministrarlo per conto del Ministero della Difesa israeliano è la compagnia di sicurezza privata Modi’in Ezrahi. Ad essere fermati, invece, e impediti al loro passaggio sono tutti quei Palestinesi che lavorano in Israele e che portano con sé cibo fatto in casa, caffé, tè e persino zaatar (timo) ma anche bottiglie d’acqua gelata o bevande analcoliche per il pranzo della loro giornata lavorativa. Acquistare le merci nei negozi in Israele sarebbe troppo caro per la misera paga che ricevono. Sembra assurdo eppure è vero. La compagnia di sicurezza israeliana stabilisce le quantità massime dei cibi che ogni lavoratore deve magiare e che possono passare attraverso il check point:  cinque pite, un contenitore di humus e tonno in scatola, per le bevande ammesse solo bottigliette inferiore al mezzo litro o lattine, una o due fette di formaggio, poche cucchiaiate di zucchero, e da 5 a 10 olive. Vietati anche posate e utensili da lavoro.  Le merci superiori a quelle decise vengono sequestrate e i lavoratori trattenuti per ore. Le quantità di cibo ammesse dalla Modi’in Ezrahi non sono in nessun modo sufficienti al fabbisogno giornaliero di calorie dei lavoratori .  Queste persone, uomini e donne, partono dalle loro case nella Cisgiordania occupata alle due del mattino per essere in anticipo e aspettare al check point anche più di due ore: arrivare in ritardo comporterebbe un licenziamento immediato. La loro giornata lavorativa quindi comprende anche tutte quelle difficoltà e umiliazioni cui sono soggetti i Palestinesi a causa dell’occupazione militare israeliana e appare come un inferno interminabile.   Quei palestinesi, però, il cibo in più non lo portano con l’intenzione di venderlo ma per consumarlo per l’intera settimana: per molti infatti risulta impossibile alzarsi ogni mattina alle due per recarsi al lavoro e scelgono di  dormire in Israele rischiando in ogni momento di essere arrestati perchè il loro permesso è giornaliero ed ogni sera dovrebbero rientrare nel loro villaggio entro le ore 19, restano, a volte con la complicità dei datori di lavoro –israeliani- che preferiscono lavoratori “freschi” e pronti all’uso, dormono  in alloggi di fortuna, cantieri dismessi, bugigattoli, edifici in costruzione o alle stazioni dei bus, in condizioni precarie e insicure, le stesse in cui vediamo spesso vivere da noi i migranti senza permesso di soggiorno né un tetto dove ripararsi. Da anni  ormai  Gaza è alla fame a causa dell’assedio e ora con questi episodi anche nella West Bank si vuole controllare la quantità di cibo che ogni persona può mangiare. Questa è solo l’ultima in ordine di tempo delle sopraffazioni. (Luisa Morgantini parlamentare europea)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Da “Feisbum” al set del film del toscano Falaschi

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 Mag 2009

Mentre esce nelle sale “Feisbum”, film collettivo sul fenomeno del social network del momento, quattro degli attori del lungometraggio a episodi, sono in questi giorni sul set del nuovo lavoro di Francesco Falaschi.  Sono Eugenia Costantini, Cecilia Dazzi, Massimiliano Bruno e Fabrizia Sacchi che affiancheranno nel film il protagonista interpretato dall’esordiente Matteo Petrini. Il film, dopo la pausa invernale, si appresta a concludere le riprese in provincia di Grosseto tra Scansano, nell’Azienda Terenzi, nota produttrice di Morellino, Follonica e il capoluogo maremmano. Oltre agli attori citati fanno parte del cast anche Paolo Sassanelli, Sergio Sgrilli, Paolo Migone, Emanuele Barresi, Edoardo Natoli e i giovani Glen Blackhall e Domenico Diele, tutti insieme per un film che è parte integrante del corso di aiuto regia diretto dallo stesso Falaschi e realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo.   “Questo mondo è per te” racconta le vicende di Teo che, uscito dalla scuola, si trova catapultato improvvisamente nel mondo del lavoro per poter coronare il sogno di iscriversi ad una prestigiosa scuola per aspiranti scrittori. In questo suo percorso avrà modo di superare diverse “prove di maturità” nelle amicizie, in famiglia, nel lavoro e anche in amore.   Il lavoro di Falaschi è anche un interessante esperimento produttivo: esempio, raro in Italia,  di come enti,  realtà del territorio e  product placement possano intervenire con successo anche in produzioni minori. Intervengono infatti a vario titolo Provincia di Grosseto – Assessorato alla Pubblica Istruzione, Comune di Follonica, Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Istituto professionale Einaudi, Scuola di Cinema, Mediateca Regionale Toscana Film Commission, Usl Dipartimento della Prevenzione, mentre la produzione esecutiva è di Videofactory. Numerose sono le aziende che hanno aderito al progetto del film rendendone possibile la realizzazione. I maggiori apporti sono arrivati  da parte di imprenditori illuminati e in particolare dalle aziende Fratelli  Barbini Grandi Vivai,   Società Agricola Terenzi, produttrice di Morellino di Scansano, Camping Il Fontino Scarlino, Hotel Giardino Follonica, oltre che da Unicoop Tirreno. Coinvolti sin dalla fase di sceneggiatura anche gli studenti della Scuola di Cinema – Laboratorio per filmakers 2008, realizzato grazie al contributo di Provincia di Grosseto e  Banca Monte dei Paschi di Siena.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo rinvio ad Orsogna della festa dei talami

Posted by fidest press agency su domenica, 19 aprile 2009

Anche stavolta, come la mattina del lunedì di Pasqua, la pioggia non è stata benevola con la sfilata dei Talami di Orsogna (Chieti), che gli organizzatori sono stati costretti a sospendere nuovamente. L’antica rappresentazione di quadri biblici viventi sarà ora rinviata alla sera di Ferragosto. La manifestazione estiva – quando il paese si riempie grazie agli orsognesi che vivono all’estero e ai turisti – diventerà dunque l’edizione principale e, probabilmente, non si limiterà alla sola sfilata in piazza Mazzini. I Talami partiranno dai quartieri e ci saranno altre iniziative di contorno che renderanno ulteriormente godibile questo rito religioso che si ripete da secoli. I Talami sono sette carri, di cui sei trainati da mezzi agricoli e uno portato a spalla, che mettono in scena diversi episodi del Vecchio e Nuovo Testamento. Sui palchi, davanti a un fondale dipinto, sono gli stessi abitanti di Orsogna a interpretare le scene, immobili come statue. Su ogni Talamo, in alto, con i piedi poggiati su una pedana e legata a una raggiera, una bambina rappresenta la Madonna del Rifugio cui è dedicata la festa.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »