Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘equivalenti’

Focus Lazio. Farmaci equivalenti motore di sostenibilità per il SSN

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 giugno 2021

Roma. martedì 8 giugno 2021, dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar ‘Focus Lazio. Farmaci equivalenti motore di sostenibilità per il SSN’, organizzato da Motore Sanità. Nonostante gli equivalenti abbiano caratteristiche di qualità identiche ai prodotti originator, con identiche procedure che certificano la purezza delle materie prime e la loro qualità, identici controlli nelle procedure di produzione, ispezione e verifica, il loro utilizzo in particolare nel Nostro paese è ancora basso rispetto ai medicinali “griffati”. Questo indica che molto lavoro di comunicazione deve ancora essere fatto, sebbene la situazione sia molto diversa tra le regioni d’Italia. Infatti l’analisi dei consumi per area geografica, nei primi nove mesi 2019 ci dice che il consumo degli equivalenti di classe A è risultato concentrato al Nord (37,3% unità e 29,1% valori), rispetto al Centro (27,9%; 22,5%) ed al Sud Italia (22,4%; 18,1%). Quali i motivi di queste differenze? La scelta deve coinvolgere medico, farmacista e paziente correttamente informati, senza pregiudizi e con dati che si basino sui principi di evidenza scientifica prima e su aspetti di sostenibilità economica poi.Tra gli altri, partecipano: Pierluigi Bartoletti, Vice Segretario Vicario FIMMG Giorgio Colombo, Direttore Scientifico CEFAT – Centro di Economia e valutazione del Farmaco e delle Tecnologie sanitarie, Università degli Studi di Pavia,Claudio Cricelli, Presidente SIMG, Fulvio Ferrante, Direttore Dipartimento della Diagnostica e Assistenza Farmaceutica, ASL Frosinone, Alberto Giovanzana, Associate Director Government & Regional Affairs Teva Italia, Paolo Guzzonato, Direzione Scientifica Motore Sanità, Eugenio Leopardi, Presidente Federfarma Regione Lazio, Lorella Lombardozzi, Direttore Farmaceutica Regionale, Regione Lazio, Elio Rosati, Segretario Regionale Cittadinanzattiva Lazio, Claudio Santini, Responsabile Rapporti con le Istituzioni FADOI Federazione Associazioni Dirigenti Ospedalieri Internisti, Claudio Zanon, Direttore Scientifico Motore Sanità.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Regime forfetario e sistemi equivalenti in Europa

Posted by fidest press agency su domenica, 14 ottobre 2018

Fra le misure inserite nel Documento di economia e finanza (Def) al centro del dibattito nazionale c’è l’introduzione dal 2019 della flat tax con un’aliquota ridotta al 15% per l’imposta sui redditi di impresa corrispondenti agli utili destinati all’acquisto di beni strumentali e alle nuove assunzioni. Il Governo sta pensando anche di estendere l’aliquota al regime forfetario delle Partite Iva con un volume d’affari fino a 65mila euro. Ma come funziona il regime contabile forfetario attuale? E in Europa ci sono esperienze imitabili? A queste domande risponde la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro con l’approfondimento del 12 ottobre 2018, in cui analizza la disciplina italiana comparandola ai sistemi di tassazione vigenti in altri Paesi europei (Francia, Irlanda, Russia, Romania, Ungheria, Bulgaria), che applicano la flat tax o, in alcuni casi, metodologie forfetarie di determinazione del reddito comparabili al c.d. regime forfetario italiano.La disciplina italiana prevede un’aliquota ordinaria del 15% sul reddito determinato forfetariamente se non si conseguono ricavi o compensi eccedenti i limiti individuati in funzione dell’attività svolta, che oscillano tra 25.000 e 50.000 euro. Considerati i vantaggi in termini di semplificazione offerti dal regime forfetario ai contribuenti, il Consiglio nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, nel corso delle audizioni parlamentari, ha proposto di allineare il regime con gli istituti esistenti negli Stati europei analizzati nell’approfondimento, innalzando le soglie dei ricavi e dei compensi che ne consentono l’applicazione e modificando i relativi coefficienti di redditività.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Equivalenti e biosimilari: senza un intervento del legislatore ogni mese milioni di euro di mancati risparmi

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 luglio 2014

farmaciLe ripetute pronunce della giustizia amministrativa, e ora la relazione del Garante della concorrenza rendono evidente che occorre rivedere la normativa che regge il settore. “Serve un rapido riordino della materia, in linea con la legislazione europea ma soprattutto in linea con i bisogni dell’economia del paese” dice il presidente Enrique Häusermann“Ormai non è più possibile rimandare un intervento sulla disciplina di generici e biosimilari che metta fine a una serie di incongruenze che non sono questioni formali, ma costano ogni mese milioni di euro al Servizio sanitario nazionale” dice il presidente di AssoGenerici Enrique Häusermann. “Dopo i moniti della Commissione europea, le ripetute pronunce dei giudici amministrativi i costanti richiami dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato in merito alle condizioni di accesso al mercato da parte di imprese produttrici di farmaci generici o biosimilari, non è più possibile mantenere l’attuale assetto normativo”.  Il presidente di AssoGenerici commenta con queste parole gli interventi registrati negli ultimi giorni su un aspetto cruciale per lo sviluppo del generico: il cosiddetto patent link age, cioè le norme che vincolano l’ammissione al rimborso  di un nuovo generico alla scadenza del brevetto del farmaco originale. “A questo proposito, la sentenza emessa dal TAR del Lazio lo scorso 26 giugno è esemplare: non spetta all’AIFA controllare se un brevetto è scaduto o meno, quindi  una volta che ha ottenuto l’autorizzazione all’immissione in commercio, deve essere inserito nelle liste di trasparenza” prosegue Hausermann La sentenza, peraltro, interviene anche su un altro aspetto e cioè la natura stessa della copertura brevettuale, che riguarda soltanto il principio attivo, cioè l’elemento innovativo, e non per esempio l’associazione tra un principio attivo in scadenza e un altro scaduto da tempo, come nel caso esaminato dal TAR del Lazio, che verteva sui generici dell’associazione di un sartano, a brevetto scaduto dal 2013, e di un diuretico introdotto addirittura negli anni 60. Se si fossero applicati da subito i principi stabiliti nella sentenza,si sarebbero risparmiati da gennaio a giugno di quest’anno 18 milioni di euro. Per inciso, la pratica di prolungare la durata dei brevetti attraverso operazioni per così dire cosmetiche era stata da tempo denunciata dalla Commissione Europea. In questo quadro va però apprezzata la rapidità dell’AIFA che ha immediatamente inserito nelle liste di trasparenza i farmaci equivalenti in questione che erano stati “parcheggiati” nella classe C (nn)”.Anche sul fronte dei biosimilari c’è stato un intervento fondamentale, questa volta del Consiglio di Stato che, intervenendo su un ricorso, ha sancito che un farmaco biotech originatore e i suoi biosimilari  hanno il medesimo mercato di riferimento e quindi lo stesso prezzo di riferimento. “Non è la prima pronuncia in questo senso del giudice amministrativo, anche se il Consiglio di Stato pone davvero  con questa pronuncia, un punto fermo. Originatore e biosimilare hanno le stesse indicazioni,  efficacia e sicurezza sovrapponibili e, di  conseguenza, un medesimo mercato e un medesimo prezzo di riferimento. Viene così a cadere il presupposto per quei meccanismi di gara che tendono a chiudere il biosimilare in una sorta di riserva indiana, impedendogli di competere con il medicinale di marca. Fatte salve le ovvie garanzie di continuità lad dove il medico prescrittore ne ravvisi la necessità sia che per chi abbia iniziato la terapia con l’originatore che con il biosimilare,  non c’è ragione per impedire che la competizione sia a tutto campo” chiarisce il vicepresidente di AssoGenerici Francesco Colantuoni.La stessa Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato,  nella sua relazione annuale, ha espresso la medesima posizione. “L’Autorità ha ribadito infine un principio su cui AssoGenerici si batte da anni” prosegue Colantuoni “al fine di stimolare la concorrenza nelle gare per l’acquisto di farmaci, quando il farmaco oggetto della procedura perde a breve la copertura brevettuale, sarebbe auspicabile prevedere la riapertura della gara per permettere la più ampia concorrenza”.AssoGenerici chiede dunque con forza che, di fronte a questa lunga serie di interventi correttivi, il Governo metta mano a un rapido riordino della materia, in linea con la legislazione europea ma “soprattutto in linea con i bisogni dell’economia del paese, che non può permettersi di perdere milioni di euro ogni mese su un singolo farmaco e di deprimere le prospettive economiche di un settore come quello dell’equivalente che in Italia garantisce produzione, occupazione e risparmio” conclude Häusermann.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Garattini: norma su equivalenti legittima

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 gennaio 2012

La norma che obbliga i medici a indicare in ricetta l’esistenza del farmaco equivalente ha fatto discutere parecchi interlocutori delle parti interessate. Ma dal punto di vista del farmacologo Silvio Garattini direttore dell’Istituto Mario Negri, si tratta di una norma legittima: «Il Servizio sanitario nazionale ha il diritto di richiedere al personale medico di preferire i farmaci equivalenti a causa del loro basso costo». E aggiunge: «In Italia i farmaci equivalenti sono stati introdotti con ritardo rispetto ad altri Paesi. L’industria farmaceutica è ovviamente interessata a screditare i farmaci equivalenti perchè abbassano il prezzo ed erodono il mercato dei prodotti con il marchio. Ma il cittadino deve sapere che i farmaci equivalenti sono controllati e può evitare di pagare la differenza di prezzo fra il farmaco con il marchio ed il farmaco equivalente». Anche Giorgio Foresti presidente di AssoGenerici, si esprime a favore del farmaco equivalente e della norma. E risponde alle preoccupazioni di Lucia Aleotti, vice presidente di Farmindustria, che sostiene la difficoltà a «competere all’infinito con i costi e con i prezzi dei prodotti che arrivano dai paesi emergenti», sottolineando i vantaggi che ci potranno essere per il sistema industriale italiano che non verrrà penalizzato: «La norma inserita nel Dl Liberalizzazioni non farà altro che rafforzare e innescare la crescita di un settore che da solo ha garantito in media oltre 300 milioni di euro l’anno di risparmi al SSN per il solo fatto di esistere e creare concorrenza». Dal canto loro, i medici riconoscono il valore dei i farmaci a brevetto scaduto come «una grande risorsa per la cura dei pazienti cronici» ma, come commenta Fiorenzo Corti, segretario della Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg) della Lombardia «Riteniamo però che quel prodotto che il medico di famiglia prescrive al paziente debba essere proprio quello che il paziente riceve dal farmacista». Corti ribadisce, così, «un atto di autonomia prescrittiva e responsabilità professionale che il medico ha il diritto e dovere di difendere. Perciò inizieremo un percorso di sensibilizzazione dei nostri medici affinché appongano sulle prescrizione la dizione “non sostituibile”».(fonte farmacista33)

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata farmaci equivalenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 ottobre 2011

Roma 19 ottobre, alle 16.00, la sede del centro anziani “G. Perlasca”, in via Sabotino 7, ospiterà una nuova tappa della campagna educazionale promossa da Teva Italia “Equivalente. Conosci e scegli i farmaci equivalenti”. L’iniziativa è patrocinata da Movimento Consumatori e dal Municipio di Roma XVII ed è resa possibile grazie al contributo di Teva Italia, azienda leader mondiale nella produzione di farmaci equivalenti. Nasce con lo scopo di dare una corretta informazione su questo tipo di farmaci, affinché ci si avvicini con maggiore fiducia al loro utilizzo. Il farmaco equivalente, infatti, è qualità, sicurezza ed efficacia, ma è anche risparmio. Un risparmio a vantaggio di tutti, del singolo cittadino e del Sistema Sanitario Nazionale. Nonostante la garanzia e la sicurezza dei farmaci equivalenti, però, oggi solo il 10% dei farmaci dispensati è generico, contro una media europea del 50%.
L’iniziativa è patrocinata da Movimento Consumatori e dal Municipio di Roma XVII ed è resa possibile grazie al contributo di Teva Italia. Il farmaco equivalente è qualità, sicurezza ed efficacia. Ma è anche risparmio, a vantaggio del cittadino e del Sistema Sanitario Nazionale, che può così concentrare le risorse per favorire l’accesso a terapie costose e innovative di ultima generazione. La maggior parte dei Paesi europei ha compreso l’importanze dell’uso dei farmaci equivalenti, al fine di garantire un’assistenza sanitaria eccellente ma, nello stesso tempo, sostenibile. In Italia c’è ancora strada da fare, visto che solo il 10% dei farmaci dispensati è generico, contro una media europea del 50%. Tutti gli operatori del settore, medici e farmacisti, sono quindi chiamati a contribuire alla diffusione della cultura del farmaco equivalente.
FARMACI EQUIVALENTI I farmaci equivalenti (detti anche farmaci generici), pur avendo lo stesso principio attivo, presente alla medesima dose, la stessa forma farmaceutica, la stessa via di somministrazione e le stesse indicazioni terapeutiche del farmaco originale, costano meno, per motivi indipendenti dalla qualità del prodotto, legati alla commercializzazione e sviluppo. Forniscono le medesime garanzie di sicurezza, efficacia e qualità dei farmaci originali ma ad un prezzo inferiore. Questo a tutto vantaggio delle tasche dei cittadini e del Sistema Sanitario Nazionale. Per maggiori informazioni sulla campagna: http://www.equivalente.it

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Farmaci equivalenti

Posted by fidest press agency su martedì, 24 Maggio 2011

“Farmaco Generico e Biosimilare, due opportunità per la governance della spesa farmaceutica: presente e futuro”. Questo il titolo del convegno in corso all’Università La Sapienza di Roma per tracciare i cambiamenti in atto nel settore dei farmaci. Nei prossimi anni, infatti, più del 70% dei farmaci oggi utilizzati, per esempio per la cura malattie croniche quali ipertensione, ipercolesterolemia e diabete, perderanno la copertura brevettuale, aprendo la possibilità di produrre i corrispettivi farmaci generici. L’alta qualità di questi medicinali a costi contenuti, dovuti alla mancanza di coperture brevettuali, permette oggi un risparmio medio del 55% rispetto ai farmaci originali.“Oggi in Italia più della metà dei farmaci in commercio è fuori brevetto – spiega Giorgio Foresti, amministratore delegato di Teva Italia, azienda leader nel settore dei farmaci generici – e nei prossimi anni la quasi totalità delle molecole lo sarà. Questo significa che, per molti farmaci, ci sarà la possibilità di avere il farmaco generico corrispondente. La sana competizione che ne deriva permette al cittadino e al Servizio Sanitario di avere prodotti di alta qualità a prezzi sempre più contenuti. Perché questo succeda, però, è necessario richiedere il farmaco generico. Ciò accade da tempo in molti Paesi europei, dove in farmacia, per esempio, il cittadino richiede il ‘paracetamolo’ e non il farmaco a marchio. Nel nostro Paese la strada è ancora lunga, come dimostrano i dati: si pensi che in Paesi quali la Germania e l’Inghilterra il 50-70% dei farmaci dispensati è generico, mentre da noi solo il 12%. Eppure questa percentuale sta crescendo di anno in anno.” Anche in ambito ospedaliero si sta realizzando una vera rivoluzione, grazie all’introduzione dei farmaci biosimilari, ossia farmaci biotecnologici a brevetto scaduto prodotti con tecnologie avanzate, la cui efficacia e sicurezza è comparabile a quella degli originali, ma di costo inferiore. “I biosimiliari introdotti in questi anni sul mercato – dichiara Foresti, che è anche presidente di Assogenerici – possono contare su metodiche di produzione avanzate che non erano disponibili quando iniziò la produzione dei farmaci originali. Il biosimilare, di conseguenza, rappresenta una nuova e moderna opzione terapeutica a disposizione del medico al quale, naturalmente, spetta la scelta del migliore trattamento possibile per il paziente”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prevenzione cardiovascolare

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 Maggio 2011

Napoli 13 maggio alle 16.30, presso la sede dell’Unitre in via Nardones 118, appuntamento con il seminario DireFareCuore, un patto contro il rischio cardiovascolare, dedicato alla prevenzione delle malattie cardiovascolari, prima causa di morte nei Paesi occidentali. L’iniziativa rientra nella campagna nazionale DireFareCuore, promossa da Teva Italia, azienda leader mondiale nel settore dei farmaci equivalenti. L’incontro sarà anche l’occasione per parlare di questi farmaci che, pur avendo lo stesso principio attivo e la stessa sicurezza e qualità dei farmaci originali, hanno un prezzo inferiore, a tutto vantaggio delle tasche dei cittadini e del Sistema Sanitario Nazionale. “Le malattie cardiovascolari – spiega il dott. Aldo Agozzino, specialista in cardiologia – rappresentano la prima causa di morte nei paesi industrializzati, per questo motivo oggi è importantissimo parlare di prevenzione, distinguendola in primaria e secondaria. La prevenzione primaria è rivolta ai pazienti sani, che vanno sensibilizzati rispetto a quelli che sono i principali fattori di rischio cardiovascolare. Per quanto attiene, invece, la prevenzione secondaria , è il medico il responsabile di una corretta diagnosi e terapia delle più diffuse patologie cardiache, rispettando il concetto di appropiatezza. Proprio a tale proposito – precisa il dott. Agozzino – è diventato fondamentale, per il medico, il ricorso all’uso dei farmaci equivalenti che, in Italia, stanno diventando una realtà molto importante in quanto permettono di curare efficacemente il paziente, facendolo però risparmiare”. “Il farmacista è il punto di riferimento dei cittadini per tutto ciò che riguarda il farmaco – spiegano i farmacisti dell’Associazione Farmacisti Volontari Campania – pertanto, grazie a questa interessante iniziativa, DireFareCuore, ci è concesso estendere la nostra professionalità al di fuori delle farmacie, mettendo in pratica il nostro principio fondamentale associativo che è basato sulla solidarietà”.Tutti gli studi scientifici dimostrano che ridurre il sovrappeso, mantenersi attivi e consumare più frutta e verdura consentono non solo di vivere più a lungo, ma anche di sentirsi meglio, prevenendo malattie cardiovascolari. Diagnosi precoce e controllo di malattie quali ipertensione, iperglicemia, sindrome metabolica, diabete e obesità hanno un ruolo fondamentale nella prevenzione di scompenso cardiaco, ictus e infarto, che oggi, in Europa, sono causa del 48% di tutti i decessi. E quando è necessario ricorrere a farmaci è bene ricordare che esistono gli equivalenti (o generici). A parità di qualità, sicurezza ed efficacia costano meno, assicurando un bel risparmio sia ai cittadini che al Sistema Sanitario Nazionale.
I farmaci equivalenti (detti anche farmaci generici), pur avendo lo stesso principio attivo, presente alla medesima dose, la stessa forma farmaceutica, la stessa via di somministrazione e le stesse indicazioni terapeutiche del farmaco originale, costano meno, per motivi indipendenti dalla qualità del prodotto, legati alla commercializzazione e sviluppo. Forniscono le medesime garanzie di sicurezza, efficacia e qualità dei farmaci originali ma ad un prezzo inferiore. Questo a tutto vantaggio delle tasche dei cittadini e del Sistema Sanitario Nazionale.
Le malattie cardiovascolari rappresentano una delle principali cause di morte nei Paesi industrializzati. Ipertensione arteriosa, iperglicemia, coronaropatie e vasculopatie, infarto e ictus sono patologie spesso invalidanti, destinate a crescere a causa dell’aumento dell’età media. Si stima che gli ipertesi nel nostro Paese siano più di 12 milioni. Ne conseguono circa 195.000 episodi di ictus ogni anno (uno ogni 4 minuti e, in 12.000 casi, si tratta di persone con meno di 45 anni) e 160.000 infarti. http://www.equivalente.it

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Informazioni su farmaci equivalenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 marzo 2011

Bisceglie (BAT) 25 marzo, alle ore 16.45, presso l’Auditorium UNITRE, in via F. Petronelli 16, appuntamento con la giornata “Farmaci equivalenti, diamo una risposta alle tue domande”. Lo scopo di questa giornata, promossa da UNITRE-Università delle Tre età e patrocinata da Farmapiù, da Far.p.as-Farmacisti pugliesi associati, da Federfarma, dalla SIMG-Società di Medicina Generale Puglia, dall’Ordine dei Medici della Provincia Barletta-Andria-Trani e con il contributo di Teva Italia, è dare una corretta informazione sui farmaci equivalenti, affinché il cittadino possa avvicinarsi con maggiore fiducia al loro utilizzo. Il farmaco equivalente è qualità, sicurezza ed efficacia. Ma è anche risparmio, a vantaggio del cittadino e del Sistema Sanitario Nazionale, che può così concentrare le risorse per favorire l’accesso a terapie costose e innovative di ultima generazione. La maggior parte dei Paesi europei ha compreso l’importanze dell’uso dei farmaci equivalenti, al fine di garantire un’assistenza sanitaria eccellente ma, nello stesso tempo, sostenibile. In Italia c’è ancora strada da fare, visto che solo il 10% dei farmaci dispensati è generico, contro una media europea del 50%. Tutti gli operatori del settore, medici e farmacisti, sono quindi chiamati a contribuire alla diffusione della cultura del farmaco equivalente. Un ruolo importante è svolto anche dalle farmacie, in quanto luogo di riferimento sociosanitario per i cittadini dove poter chiedere consigli sull’acquisto dei farmaci ma anche per servizi che vanno dal semplice controllo pressorio al primo soccorso, fino all’assistenza ad anziani e immigrati. Per questo motivo è importante che le farmacie diventino un luogo privilegiato di comunicazione e diffusione dell’uso dei farmaci equivalenti”. All’incontro interverranno il dottor Natale Simone, Farmacista titolare della Farmacia Simone di Bisceglie e la dottoressa Daniela Cappelluti, Specialist di Teva Italia.I farmaci equivalenti (detti anche farmaci generici), pur avendo lo stesso principio attivo, presente alla medesima dose, la stessa forma farmaceutica, la stessa via di somministrazione e le stesse indicazioni terapeutiche del farmaco originale, costano meno, per motivi indipendenti dalla qualità del prodotto, legati alla commercializzazione e sviluppo. Forniscono le medesime garanzie di sicurezza, efficacia e qualità dei farmaci originali ma ad un prezzo inferiore. Questo a tutto vantaggio delle tasche dei cittadini e del Sistema Sanitario Nazionale. http://www.equivalente.it

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo general manager di Teva Italia

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 settembre 2010

E’ Giorgio Foresti il nuovo General Manager della filiale italiana di Teva, leader mondiale nel mercato dei farmaci equivalenti. Astigiano con laurea in Medicina, classe 1957, dal 2006 Amministratore Delegato di ratiopharm Italia e dal 2008 Presidente di AssoGenerici, Foresti vanta una ventennale esperienza manageriale maturata all’interno di primarie aziende farmaceutiche, in ambito nazionale e internazionale. La nuova nomina giunge al termine del processo di acquisizione della multinazionale tedesca ratiopharm da parte dell’azienda israeliana attualmente primo produttore al mondo di medicinali generici, quotata alle Borse di New York e Tel Aviv. L’operazione, ufficialmente completatasi il 10 Agosto per un valore pari a circa 4,95 miliardi di dollari, consentirà al gigante farmaceutico di conquistare la leadership del settore anche in Italia, a livello europeo e in Canada. Molto ambiziosi gli obiettivi che la nuova realtà aziendale si pone, per i prossimi anni. Se, nel 2009, il fatturato complessivo delle due società ammontava a 16,2 miliardi di dollari, per il 2015 si prevede di raddoppiarlo, raggiungendo i 31 miliardi, 9 dei quali solo in Europa. (giorgio foresti)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’atto notarile diventa informatico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 luglio 2010

Dal prossimo 3 agosto, con l’entrata in vigore del decreto attuativo del cosiddetto collegato allo sviluppo, il cittadino potrà scegliere se stipulare l’atto pubblico su carta o in modalità informatica, utilizzando la propria firma elettronica. Queste alcune novità introdotte: per stipulare l’atto pubblico informatico il cittadino dovrà utilizzare la propria firma elettronica. I cittadini e le imprese, se non è previsto altrimenti dalla legge, potranno stipulare un atto notarile (sotto forma di scrittura privata autenticata) rivolgendosi contemporaneamente a due diversi notai, per esempio se si trovano in due diverse città, a loro volta collegati tra loro attraverso la Rete Unitaria del Notariato (R.U.N.). Dal punto di vista degli effetti giuridici l’atto pubblico su supporto cartaceo e informatico sono equivalenti. Gli atti notarili informatici saranno conservati dai notai che ne manterranno la disponibilità esclusiva per il rilascio di copie finché sono in esercizio. Inoltre gli atti saranno conservati secondo norme di legge e tecniche che consentano la fruibilità dei dati nel tempo. È previsto che il notaio conservi in formato digitale anche le copie degli altri documenti originali redatti su supporto cartaceo. Il notaio presso il quale si conclude il contratto mette l’atto a raccolta e lo conserva nel proprio archivio situato in una struttura informatica centralizzata posta presso il Consiglio Nazionale del Notariato. Quando il notaio cessa l’esercizio dell’attività, i suoi atti informatici saranno depositati presso gli archivi notarili gestiti dal Ministero della Giustizia come oggi avviene per gli atti cartacei. L’utilizzo dell’atto notarile informatico non è obbligatorio, va fatto solo con il consenso di entrambe le parti.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

La salute del cuore delle donne

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 giugno 2010

Milano 22 giugno, alle ore 18.00, presso la Sala Conte Biancamano del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia in Via Olona 6/bis l’incontro aperto al pubblico “Il Cuore femminile… in equilibrio tra corpo e anima”, organizzato da ONDa – Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna con il supporto di ratiopharm, multinazionale farmaceutica leader europea dei farmaci equivalenti. L’evento ha ricevuto, tra gli altri, il patrocinio di Comune di Milano, Regione Lombardia, SIMG (Società Italiana di Medicina Generale), ALT Onlus (Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari), AIDDA (Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti d’Azienda) e FISM (Federazione Italiana Società Medico-scientifiche). In Italia, circa 120.000 donne muoiono ogni anno per malattie cardiovascolari, che rappresentano la principale causa di decesso per il genere femminile; ciononostante, si tende a considerare ancora tale condizione una prerogativa del sesso maschile. Esiste una serie di fattori che aumenta il rischio nelle donne, in particolare dopo i 50 anni, quando la menopausa annulla la produzione di estrogeni. L’incontro del 22 giugno nasce proprio con lo scopo di informare le cittadine milanesi sui rischi legati alla salute del loro cuore e su come prevenirli, attraverso un più sano stile di vita. Il sostegno di ratiopharm Italia a questa iniziativa rientra nel progetto  “Dire fare cuore, un patto contro il rischio cardiovascolare”: una campagna informativa nata dalla collaborazione tra la multinazionale farmaceutica e la SIMG, per promuovere una maggior consapevolezza e un coinvolgimento più attivo dei cittadini nella gestione della loro salute cardiaca. Come sottolinea Giorgio Foresti, Amministratore Delegato di ratiopharm Italia: “Riteniamo che la salute passi, in prima istanza, attraverso un corretto stile di vita; ratiopharm è da tempo impegnata a promuovere incontri sul territorio, volti a informare la popolazione sui temi legati alla salute e al benessere. L’evento di Milano è un ulteriore passo avanti per contribuire a migliorare concretamente l’informazione e, di conseguenza, la prevenzione delle malattie cardiovascolari nel nostro Paese”. Oltre a Giorgio Foresti e  Francesca Merzagora, interverranno all’incontro: Annachiara Nuzzo, dell’Unità operativa di Cardiologia, Università di Modena e Reggio Emilia; Alessandro Filippi, Responsabile Area Cardiovascolare SIMG; Claudio Mencacci, Direttore Centro Depressione Donna, Dipartimento Salute Mentale, A.O. Fatebenefratelli e Oftalmico Milano.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Risultati finanziari di Extreme Networks

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 Maggio 2010

Extreme Networks Inc. (Nasdaq: EXTR) ha annunciato i risultati finanziari relativi al terzo trimestre dell’esercizio 2010 terminato il 28 marzo 2010. Nel periodo in esame il fatturato è stato pari a 78,2 milioni di dollari, in linea con le previsioni della Società con un leggero calo rispetto al trimestre precedente che aveva registrato 79,4 milioni di dollari, e in aumento rispetto allo stesso periodo dell’esercizio 2009 durante il quale aveva totalizzato 77,2 milioni di dollari. Nel terzo trimestre dell’esercizio 2010 l’utile operativo non-GAAP si è assestato a 4,7 milioni di dollari, pari al 6,0 % del fatturato netto, in crescita rispetto ai 4,3 milioni di dollari (equivalenti al 5,4% del fatturato netto) registrati nel trimestre precedente, e ai 500.000 dollari, o 0,6% del fatturato netto, totalizzati durante lo stesso trimestre dell’esercizio 2009. Inoltre, nel periodo in esame, l’utile netto non-GAAP è stato pari a 5,5 milioni di dollari ovvero 0,06 dollari per azione diluita rispetto ai 4,8 milioni (0,05 dollari per azione diluita) del secondo trimestre 2010, e ai 1,2 milioni di dollari (0,01 dollari per azione diluita) dello stesso periodo dello scorso anno. I risultati finanziari non-GAAP escludono l’impatto dei compensi di natura azionaria e dei costi di ristrutturazione. Una riconciliazione tra i risultati GAAP e non-GAAP è proposta nelle tabelle finanziarie allegate.  L’utile operativo su base GAAP è stato pari a 2,9 milioni di dollari, rispetto a una perdita operativa di 1,9 milioni di dollari del trimestre precedente e di 2,9 milioni di dollari durante lo stesso trimestre dell’esercizio 2009. L’utile netto relativo al terzo trimestre 2010 ha raggiunto i 3,7 milioni di dollari, o 0,04 dollari per azione diluita, incluse spese di ristrutturazione pari a 0,4 milioni di dollari e un costo di circa 1,4 milioni di dollari inerenti i compensi di natura azionaria. Un dato raffrontato a una perdita netta pari a 1,4 milioni di dollari, 0,02 dollari per azione diluita, nel trimestre precedente, e a 2,2 milioni di dollari, o 0,02 dollari per azione diluita durante il terzo trimestre dell’esercizio 2009. Nel terzo trimestre il fatturato netto è stato di 32,6 milioni di dollari relativamente al mercato nordamericano (contro i 27,5 milioni del trimestre precedente), 31,0 milioni per l’area EMEA (37,8 milioni nella seconda frazione) e 14,6 milioni nel mercato APAC (14,1 milioni nel secondo trimestre).  Per il quarto trimestre che si concluderà il prossimo 27 giugno 2010, Extreme Networks prevede un fatturato netto compreso fra 82 e 85 milioni di dollari; il margine lordo è previsto assestarsi sul 57-59%; l’utile operativo non-GAAP dovrebbe raggiungere i 5-7 milioni di dollari e quello non-GAAP è atteso fra i 0,05 e i 0,07 dollari per azione diluita.
Extreme Networks produce infrastrutture di rete Ethernet convergenti che supportano il traffico voce, dati e video di aziende e service provider. Le soluzioni per la commutazione di rete si distinguono per eccezionali livelli di performance, disponibilità e scalabilità che consentono alle aziende di superare le sfide più difficili e cogliere le opportunità più interessanti nel mondo delle comunicazioni. Presente in oltre 50 Paesi, Extreme Networks fornisce soluzioni per reti LAN protette wireless e cablate, infrastrutture per data center e trasporto Ethernet per service provider, integrate da servizi di assistenza e supporto globale su base 24×7. Per maggiori informazioni è possibile visitare l’indirizzo http://www.extremenetworks.com.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »