Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘erba’

Giuseppe Munforte: Il fruscio dell’erba selvaggia

Posted by fidest press agency su martedì, 5 febbraio 2019

Milano Mercoledì 13 febbraio 2019 ore 18:30 Libreria Walden Via Vetere 14, Giuseppe Munforte presenta Il fruscio dell’erba selvaggia e dialoga con l’autore: Giacomo Airoldi.
Romanzo dalla struttura inedita, composto da sequenze narrative che si intrecciano e risolvono, alla fine, in un quadro unitario, Il fruscio dell’erba selvaggia – il titolo viene da un verso di Evtushenko – tesse i destini di personaggi che, sullo sfondo di una Milano periferica, cupa e malinconica, vivono un’esistenza in cui innocenza e crimine, onore e vergogna, redenzione e autodistruzione si rovesciano continuamente, come guanti di cui è impossibile distinguere il diritto e il rovescio.
Nella prima parte, intitolata Nero uno, il suicidio dell’amato zio – un uomo che, dopo aver abbandonato moglie e figli, viveva ai margini della legge nel quartiere della Bovisa degli anni Sessanta – turba al tal punto il narratore da spingerlo a indagare sulla sua vita. La scoperta di un insospettabile alter-ego dello zio lo segnerà profondamente, portandolo a una scelta decisiva per il suo futuro. La seconda parte, Nero due, è il fulcro del romanzo. La scena si sposta in un ospedale degli anni Novanta in cui un ragazzo fraternizza con un uomo che genera in lui curiosità e fascinazione. Questi gli racconta la sua vita prima di orfano cresciuto dai frati, poi di criminale; di lí a pochi mesi lo trascinerà in una vicenda nella quale il ragazzo, in nome dell’amicizia nata in corsia, metterà a rischio la propria vita. In Nero tre il romanzo giunge al suo epilogo, offrendo i tasselli esplicativi dell’intera narrazione.
L’originale disposizione narrativa scelta da Munforte alimenta il forte senso di inquietudine che pervade questo romanzo che, al pari di un dipinto di Hopper, intreccia la solitudine umana alla metafisica del paesaggio.
Con una scrittura capace di farsi concitata nei momenti di tensione, e lirica e poetica in quellidi introspezione psicologica, Il fruscio dell’erba selvaggia mostra una galleria di personaggi indimenticabili – le ambigue figure dello zio e del frate e quella del giovane segnato da undestino inaggirabile di violenza ed emarginazione – in cui la vita si offre nell’assoluta contingenza delle scelte e nell’irrisolvibilità del suo mistero. Pagine 144
Euro 16,00 Neri Pozza editore.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libro: “Cambia Calabria che l’erba cresce”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

cambia calabriaSembra una boutade, una parodia del quasi omofono proverbio e invece è la descrizione serissima della realtà alla quale assistiamo, spesso senza accorgercene, ogni giorno.
Già perché questa regione che qualcuno vorrebbe immobile, sempre in attesa di un Dio che possa venire a salvarci e, soprattutto, a cambiarci, in realtà è una regione che lentamente e nonostante tutto e tutti sta già cambiando.
Mentre la politica continua ad arrovellarsi intorno alle innumerevoli ricette per lo sviluppo, la società civile non è rimasta a guardare, e lentamente, proprio come l’erba, giorno dopo giorno, micron dopo micron ha continuato a crescere e a cambiare il volto di questa regione. Un po’ come la tartaruga che vince la gara con la lepre decidendo semplicemente di non fermarsi a dormire.
Il libro di Veltri è un ritratto fedele di questa enorme rivoluzione silenziosa in atto. Si parla di giovani che hanno trovato nell’agricoltura 2.0 un nuovo modello di business e imprenditoria; delle imprese che investono e realizzano fatturati nella green economy; di comuni che importano dai paesi del Nord Europa modelli per tenere lontani i ragazzi dall’alcol e dalle droghe o, ancora, di suore che in silenzio e applicando il modello della tenerezza tanto caro a don Puglisi sfidano a viso aperto le mafie, insegnando ai ragazzi di San Luca che un altro modo di vivere è possibile.
Certo, Veltri, da giornalista di lungo corso qual è, sa anche che la Calabria è anche e purtroppo molto altro, e che questi tanti casi positivi mancano, per esempio, di qualcuno o qualcosa che riesca a metterli in rete, a fare sistema. Sa che ci sono tante piaghe che aspettano ancora di essere guarite…eppure sa che è necessario un nuovo sguardo se si vuole cercare di comprendere al meglio e magari aiutare questa regione, guidandone il bisogno di cambiamento già in atto piuttosto che inventare percorsi che non possono condurre da nessuna parte. Serve uno sguardo che parta da una conoscenza reale e concreta del territorio, uno sguardo che parta dunque dal basso perché il cammino deve essere guidato dalla testa, ma si realizza con i piedi.
Filippo Veltri, giornalista professionista dal 1978, ha lavorato al «Giornale di Calabria», a «l’Unità», a «la Repubblica» al «Sole 24 Ore»… è stato responsabile della sede Ansa della Calabria. Oggi è editorialista e commentatore del «Quotidiano del Sud» e della rete televisiva «Ten». (foto copertina: cambia calabria)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »