Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘eredità’

Campidoglio e l’eredità della Raggi

Posted by fidest press agency su martedì, 4 ottobre 2016

raggi“Non c’è dubbio che noi abbiamo una grande responsabilità sulla situazione attuale di Roma. Dire che è colpa dei Cinquestelle è scorretto e non è serio”. Così Francesco Boccia, deputato del Partito Democratico, oggi al programma di Rai Radio2 Un Giorno da Pecora, condotto da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari, rispondendo alla domanda su chi, tra PD e M5S, sia al momento più colpevole della situazione della Capitale. Quindi la colpa E’ più colpa vostra che loro, insomma…”I guai di Roma sono figli di chi c’era prima, di Alemanno e della Giunta Marino. In tre mesi i Cinquestelle non potevano far disastri”. E cosa pensa dell’operato della Raggi? “Intanto le consiglio di insediarsi, perché in questi tre mesi praticamente non si sono ancora insediati… Non sono stati capaci di scegliere un assessore e se lo scelgono c’è sempre qualche problema. Io mi auguro che la Raggi inizi a fare il sindaco – ha concluso Boccia a Un Giorno da Pecora – e che il governo aiuti a risolvere alcuni problemi della città”

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scomparsa di Aurelia Sordi

Posted by fidest press agency su martedì, 14 ottobre 2014

alberto sordiL’Università Campus Bio-Medico di Roma e la Fondazione Alberto Sordi per gli Anziani esprimono profondo cordoglio per la scomparsa di Aurelia Sordi, che sempre amava essere informata sulle attività svolte a favore degli anziani del Centro Anziani Fragili sorto nel 1992 a Trigoria per iniziativa del fratello Alberto. Il Centro, ubicato presso le strutture dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, è da anni ormai punto di riferimento per numerosi anziani, segnalati dai servizi sociali del Comune di Roma, che ogni giorno hanno l’opportunità, attraverso attività guidate da volontari, di mantenere vive facoltà pratiche e intellettive, relazioni sociali e interessi culturali. In questo momento di lutto, proprio nel rispetto della memoria di Aurelia e di Alberto, l’Università Campus Bio-Medico di Roma e la Fondazione Alberto Sordi per gli Anziani, non possono esimersi dal precisare che non sono a conoscenza di alcun fatto relativo all’eredità della famiglia Sordi né la Fondazione Alberto Sordi per gli Anziani è mai stata coinvolta nei fatti di cronaca giudiziaria degli ultimi anni.
Voluta da Albertone per l’assistenza qualificata alle persone anziane, da allora la Fondazione porta avanti il proprio mandato, con autonomia economica, soprattutto grazie all’aiuto di numerosi volontari e benefattori, e ha conservato negli anni un sincero rapporto di amicizia con la sorella Aurelia, che per l’ultima volta fece visita al Centro per la Salute dell’Anziano di Trigoria nel 2008, in occasione dell’inaugurazione di una targa dedicata alla memoria del fratello.
L’Università Campus Bio-Medico di Roma e la Fondazione Alberto Sordi per gli Anziani esprimono profondo cordoglio per la scomparsa di Aurelia Sordi, che sempre amava essere informata sulle attività svolte a favore degli anziani del Centro Anziani Fragili sorto nel 1992 a Trigoria per iniziativa del fratello Alberto. Il Centro, ubicato presso le strutture dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, è da anni ormai punto di riferimento per numerosi anziani, segnalati dai servizi sociali del Comune di Roma, che ogni giorno hanno l’opportunità, attraverso attività guidate da volontari, di mantenere vive facoltà pratiche e intellettive, relazioni sociali e interessi culturali. In questo momento di lutto, proprio nel rispetto della memoria di Aurelia e di Alberto, l’Università Campus Bio-Medico di Roma e la Fondazione Alberto Sordi per gli Anziani, non possono esimersi dal precisare che non sono a conoscenza di alcun fatto relativo all’eredità della famiglia Sordi né la Fondazione Alberto Sordi per gli Anziani è mai stata coinvolta nei fatti di cronaca giudiziaria degli ultimi anni.Voluta da Albertone per l’assistenza qualificata alle persone anziane, da allora la Fondazione porta avanti il proprio mandato, con autonomia economica, soprattutto grazie all’aiuto di numerosi volontari e benefattori, e ha conservato negli anni un sincero rapporto di amicizia con la sorella Aurelia, che per l’ultima volta fece visita al Centro per la Salute dell’Anziano di Trigoria nel 2008, in occasione dell’inaugurazione di una targa dedicata alla memoria del fratello.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giovanni Paolo II e il Concilio

Posted by fidest press agency su sabato, 9 aprile 2011

Di Gilfredo Marengo Una sfida e un compito Collana Cristianesimo e Cultura Cantagalli 2011 288 pagine Euro 19,00. La persona di Giovanni Paolo II, per molti padre e maestro, con il suo pontificato ha segnato in maniera indelebile il corso della storia della Chiesa come solo pochissimi altri papi riuscirono a fare. Ma nella recente storia ecclesiastica c’è un altro evento di grandissima portata, il Concilio Vaticano II, con la cui eredità l’amato papa Wojtiła si è dovuto costantemente misurare, sollecitando la Chiesa tutta a fare lo stesso. Questo lavoro di Giovanni Marengo prende in esame, non tanto il magistero di Giovanni Paolo II nella sua interezza ma le relazioni del suo pontificato con il Concilio Vaticano II, per metterne in evidenza le linee di continuità e i momenti di rottura con la tradizione. Un’esaltazione devozionale della figura di Giovanni Paolo II rischia di presentare il suo papato come avulso dal contesto storico in cui è maturato, impedendo così di coglierne pienamente la novità che ha rappresentato per la vita della Chiesa e del mondo contemporaneo. Del tutto originale, ad esempio, è stata la modalità con cui “il Papa della comunicazione” ha scelto di interagire con la Chiesa e con il mondo, pubblicando testi che esulano dai tradizionali generi letterari propri del magistero ecclesiale: saggi, interviste, scritti autobiografici nei quali il Papa non solo parla di sé ma offre spiegazioni e interpretazioni del suo stesso magistero, aprendo una finestra che permette di scrutare come certi documenti siano stati elaborati, capire le ragioni di alcuni interventi, e così gettare una luce sulla base di pensiero su cui poggiano le loro radici. Il volume, pubblicato nell’imminenza della Beatificazione di Giovanni Paolo II, vuole offrire una chiave di lettura storico-teologica dei documenti magisteriali per approfondirne la comprensione e rendere un omaggio completo al Papa che ha cambiato la storia contemporanea.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Palermo. Giovanni Paolo II a 25 anni visita Palermo

Posted by fidest press agency su domenica, 20 marzo 2011

Per ricordare i 25 anni dell’incontro di Giovanni Paolo II con i laeder delle religioni del mondo in Assisi nel 1986, le Famiglie Francescane italiane hanno scelto la Sicilia, crocevia di dialogo tra culture e religioni del Mediterraneo. Martedì 22 marzo alle ore 16.30 nella Cattedrale di Palermo il professore Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant’Egidio la conferenza su “Lo spirito di Assisi: memoria e profezia di una eredità che ci interpella”. Seguiranno alcune testimonianze dei frati presenti in Assisi nel 1986. Alle ore 18.30 la solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta dal cardinale Paolo Romeo, presidente della Conferenza Episcopale Siciliana. Presenti i 60 Ministri provinciali delle quattro Famiglie Francescane Italiane (6000 frati e 980 comunità), le realtà francescane della città e alcuni responsabili delle Confessioni Religiose di Palermo.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La difficile eredità degli Anni Settanta

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2010

Bologna 21 ottobre  ore 16,30 sala dello zodiaco  della provincia di Bologna via Zamboni 13 Il LANDIS nell’ambito della Festa della Storia organizza una tavola rotonda su  La difficile eredità degli Anni Settanta.  Quale ruolo giocano quegli anni nella nostra identità attuale, e come proporli alle giovani generazioni?  Interverranno:  Giovanni Moro (Università di Macerata)
Francesco Maria Biscione (Consulente Commissione Stragi)  Ilaria Moroni (Coordinatrice della Rete degli archivi per non dimenticare)  Cinzia Venturoli (LANDIS)  Coordinerà Francesco Monducci (LANDIS).  Il seminario vale come corso di aggiornamento e formazione in servizio, essendo il LANDIS ente accreditato per la formazione presso il MIUR.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Festival Contemporaneamente Barocco”

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 ottobre 2010

Siena 8 ottobre ore 21.00 al Teatro dei Rinnovati, con un progetto di Stefano Bollani dedicato alla musica di Henry Purcell torna  a Siena il “Festival Contemporaneamente Barocco”, ospite di alcuni tra i luoghi più suggestivi della città. Al centro di questa III edizione l’artista come punto di sintesi tra antico e contemporaneo, capace di assimilare e restituire l’eredità di forme e linguaggi preesistenti attraverso la propria esperienza artistica.
Sabato 9 ottobre alle ore 21 nella magnifica cornice della Chiesa del Santuccio il giovane ensemble Animantica e il suo direttore Saverio Villa, con il concerto “Il furore e la grazia – Musica al tempo del Guercino e dei suoi allievi”, racconteranno il dialogo tra musica e pittura, dipanando attorno alla biografia del grande artista il racconto della rivoluzione della musica nel primo Seicento. Il concerto si terrà e si replicherà domenica 10 ottobre alle ore 17.00, a Chianciano Terme, presso il Museo Archeologico.
Domenica 10 ottobre alle ore 11.00 visita a cura dello storico dell’arte Alessandro Bagnoli alla Chiesa di San Giorgio.  Grazie agli incontri i “Teatri del Sacro – lo spazio del sacro nell’architettura barocca a Siena”, quest’anno per tre domeniche consecutive, sarà possibile visitare alcune delle più belle chiese barocche della città, veri scrigni d’arte, solitamente non aperte al pubblico. I percorsi, affidati a storici dell’arte, guideranno i visitatori alla scoperta dei preziosissimi tesori architettonici e pittorici. Primo appuntamento
Sabato 16 ottobre al Teatro dei Rinnovati (ore 21.00), il Festival ospiterà l’Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone con il concerto “Estro e follia”, che attraverso la musica di Corelli, Geminiani, Händel e Vivaldi ci farà scoprire in un viaggio vorticoso tra Roma Venezia e Londra la storia affascinante del concerto strumentale italiano nel primo Settecento.
domenica 17 ottobre alle ore 16.00 a  San Gimignano, presso il Museo Civico il violinista Stefano Montanari, terrà un concerto, “Il Virtuoso il Tempo la Vanità”, incentrato sul repertorio virtuosistico per eccellenza, le sonate per violino di Biber, Bach e Telemann. L’evento è stato realizzato grazie alla collaborazione con la Fondazione dei Musei Senesi,
Venerdì 22 ottobre  nella  Chiesa di Santa Maria degli Angeli (ore 21.00) l’ Ensemble Arcomelo con le espressive voci di Elena Bertuzzi, Matteo Zenatti e Paolo Borgonovo affronterà attraverso la Gerusalemme Liberata del Tasso il dialogo tra musica e poesia: “Il combattimento di Tancredi e Clorinda – Tasso, la musica e gli affetti” è il titolo del coinvolgente percorso attraverso il recitar cantando e gli affetti in musica di Monteverdi, Mazzocchi, Sigismondo d’India.
Sabato 23 ottobre (ore 21.00, Teatro dei Rozzi) il virtuoso di clavicembalo, Michele Benuzzi eseguirà una selezione delle trascrizioni bachiane per cembalo della musica strumentale italiana e francese, nel concerto “Bach – Diario di un viaggio impossibile”.   L’evento sarà in replica domenica 24 ottobre ore 17, Asciano, Palazzo Corboli .
Martedì 26 ottobre ore 21.00 Teatro dei Rinnovati  concerto di chiusura “La viola celtica – arie e danze dalla tradizione scozzese e irlandese”, , è affidato a due stelle di prima grandezza, Jordi Savall e Andrew Lawrence-King,
Rilievo particolare meritano le collaborazioni con la Fondazione Musei Senesi e con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Siena e Grosseto che hanno permesso di allargare il Festival al territorio della Provincia attraverso i Musei di Asciano, Chianciano Terme e San Gimignano, e di portare la musica in alcuni dei luoghi più suggestivi della città, come la splendida Chiesa di Santa Maria degli Angeli.
L’esperienza ormai triennale della installazione “Il Paese delle Meraviglie”, quest’anno ospitata nel suggestivo spazio dei Magazzini del Sale (apertura 22 ottobre) ingresso gratuito, tutti giorni dalle 10.30 alle 18.00), offrirà ai ragazzi la possibilità di sperimentare acustica, effetti prospettici, macchine teatrali, attraverso modelli antichi o ricostruiti fedelmente, perfettamente funzionanti, e di esplorare il mondo “magico” del dietro le quinte.(ottavio, d’alessandro)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omaggio a Chiara Lubich

Posted by fidest press agency su sabato, 13 marzo 2010

Loppiano (FI) 14 marzo 2010 Auditorium Maria Theotokos dalle 10.30 alle 11.45 e nel pomeriggio dalle 15.30 alle 16.30.  Omaggio a Chiara Lubich“Siate una famiglia” A due anni dalla sua scomparsa, la cittadella dei Focolari ricorda la sua straordinaria personalità e la ricca eredità da lei lasciata. La parola ad alcuni testimoni della prima e dell’ultima ora. Nel pomeriggio: momenti artistici rivivendo le numerose visite di Chiara nella cittadella.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Marcello Pulicelli. Oblio Industriale: Risveglio!

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 gennaio 2010

Milano fino al 4/2/2010 Via Morimondo 26, int. G17, Showroom Arkiservice L’Associazione Culturale e Sportiva -a-leonis-, con la collaborazione di Universal Selecta, Arkiservice, Magli e Mesopotamia Milanese, e’ lieta di presentare la prima mostra personale del fotografo Marcello Pulicelli. L’opening sarà da una selezione di quattro scatti della fotografa Cristina Franzoni. L’esposizione si compone di alcune opere fotografiche realizzate per l’occasione da Marcello Pulicelli, giovane autodidatta che una profonda passione ha portato a scoprire un talento innato per la fotografia. Il percorso espositivo conduce l’osservatore in un viaggio alla scoperta delle tracce lasciate in eredità da un operoso passato industriale, in alcune zone limitrofe al comune di Milano, città che rimane il principale motore economico della nostra nazione. In particolare, le locations scelte per questo lavoro di testimonianza sono: la Cartiera Vita-Mayer di Cairate, la Fabbrica della Seta di Rozzano, la Innocenti-INNSE di Milano e la SNIA Viscosa di Varedo. Si tratta di realtà che hanno vissuto da protagoniste, in un passato piu’ recente di quello che si puo’ immaginare, gli anni del grande fervore produttivo in questa particolare area geografica, tracciando segni profondi sull’economia, la società e, soprattutto, sul territorio. Grandi stabilimenti fatiscenti, officine infestate da erbacce e ingranaggi arrugginiti sono le tracce visibili di una realtà produttiva ormai morta, ma non del tutto sepolta.  Dall’osservazione degli scatti di Marcello Pulicelli, emerge il senso di una riflessione profonda sulle possibilità di riutilizzo di tali spazi urbani, che continuano ad esistere dimenticati ai margini dei centri cittadini. Non a caso,molti dei quartieri piu’ giovani e dinamici di alcune città, sono nati proprio dalla riqualificazione di aree dismesse, risorte a nuova vita grazie ad interventi architettonici ben pianificati. Lo sguardo della macchina fotografica di Marcello Pulicelli scava tra la ruggine degli ingranaggi abbandonati, si sofferma sulle crepe di un muro pericolante e si posa su cumuli di calcinacci polverosi, per consegnare alla mente degli osservatori il compito di immaginarne un nuovo futuro. (pulicelli)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Miracolo meridionale

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 novembre 2009

Di Nunziante Minichiello. Gli onesti paiono in minoranza; la presunta maggioranza, invece, devota del dio danaro,  spende e  spande; i governanti sono tutti presi dalla  autoconservazione: gli onesti però non demordono, forti della eredità latina “probe vivere, neminem laedere, cuique suum tribuere” e confortati dai successi dei tutori della legge.  Rispettando le norme scritte il Popolo italiano avrebbe l’omogeneità indispensabile per  essere protagonista. Per mettere le cose a posto, viene da concludere, basta la volontà politica! Ogni politica, infatti, ottiene sempre quello che si propone di ottenere, ma non quello che non si propone: chiarisce il concetto il problema del Mezzogiorno che non è stato mai risolto perché non è stato mai posto e non verrà risolto che quando sarà posto. Scritti, congressi e simili hanno sempre avuto il compito di farlo conoscere, ma mai di risolvere il problema del Mezzogiorno: scienziati, studiosi e inventori di enti riguardanti il Mezzogiorno hanno prodotto esattamente quanto loro richiesto.  I risultati e la realtà, in proposito, parlano chiaro: che non si attenda che il problema del Sud lo risolvano i diseredati, i degradati, gli ignoranti e gli impotenti in genere, che, da più diretti interessati, dovrebbero decidere se rimanere come tradizione ricorda o se avviarsi sulla via del progresso, da soli e con la certezza di trovare sul cammino solo ostacoli e  trappole della speranza? Si immagini che la volontà politica ci sia:  allora, ad una certa ora, da un certo posto partirebbe un messaggio diramato ad altri pochi posti; da questi pochi posti il messaggio sarebbe inoltrato a numerosi posti: dopo non molto tempo “radio fante” farebbe sapere ovunque che in alto si sarebbe cambiato registro e che quindi la pacchia sarebbe finita!  Non è fantapolitica ma semplice attività politica di governo democratico di popolo sovrano. Potere, impegnato nell’ autoconservazione,   conseguente  stato assente  e  cittadinanza abituata a difendersi, sarebbero convinte o costrette ad entrare nel solco della Costituzione. Con un semplice atto di volontà politica, che però sarà arduo ottenere dai politici diventati quasi decemviri e dalla maggioranza della popolazione italiana usa ad  abitudini  non sempre encomiabili: principalmente interessati, i Meridionali siano Popolo sovrano ed impongano l’atto di volontà politica. http://www.minichi8ello.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riccardo Lombardi. L’eredità di un socialista

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2009

Roma, martedì 27 ottobre, ore 17 Corso Vittorio Emanuele II 349, Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Sala Walter Tobagi  A venticinque anni dalla scomparsa di Riccardo Lombardi, un incontro promosso in occasione  della presentazione di due volumi pubblicati in nuova edizione dalla Casa editrice Ediesse  Miriam Mafai, Lombardi. Una biografia politica  e  Riccardo Lombardi, L’alternativa socialista, intervista a cura di Carlo Vallauri,  con un saggio introduttivo di Fausto Bertinotti Partecipano Fausto Bertinotti Guglielmo Epifani Miriam Mafai Carlo Vallauri Coordina Michele Prospero

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gordiano Lupi: “Una terribile eredità”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 ottobre 2009

Perdisa Pop // euro 12,00 // pagine 128 // Isbn 978 88 8372 376 6 //  Un soldato cubano in Angola vive un incubo di cinque anni che lo porterà  a conoscere orrore su orrore, fino all’esperienza indicibile del cannibalismo. Da reduce, quel ricordo diventerà per lui insopportabile, un peso destinato a trasformarsi in brama di carne. Metodico come il più inumano degli assassini, sceglierà allora le strade povere dell’Avana per dare la caccia alle sue vittime innocenti.  Creando un affascinante connubio di horror e reportage, Gordiano Lupi torna a Cuba per raccontare una parabola che afferra allo stomaco, una storia cupa sull’ossessione del male e, insieme, un viaggio impietoso in una terra che resta ancora da scoprire. L’esplorazione della cultura di un popolo s’intreccia alle trame spietate di una guerra condotta in modo barbaro fino all’inverosimile. Il punto di partenza è infatti l’Angola, dove i soldati cubani sono costretti a vivere un tormento assurdo e privo di logica, nel cuore di un’Africa selvaggia, tra mangiatori di scimmie, ritualità macabre e violenza efferata. A vivere l’incubo è un cittadino comune, con una moglie incinta che lo attende all’Avana e, come sorte, un percorso senza ritorno nella follia.  Asciutto, teso e lucido, il romanzo procede con ritmo inflessibile per concentrarsi sul ritorno a casa del reduce, dove la spersonalizzazione operata dalla guerra e dalle crudeltà di un regime segneranno le ultime tappe del suo destino. Rimasto vedovo, l’uomo si ciberà di innocenza, paradossalmente senza smettere la propria sensibilità, l’amore per il figlio, né il senso di colpa. Così la storia si fa emblematica, disegnando scenari in cui il macabro s’allea con la realtà, la pena con la follia, l’amore con la morte.  Da uno tra maggiori conoscitori italiani della cultura cubana, un romanzo che senza dare un attimo di tregua evoca gli interrogativi più inquietanti sulla natura umana.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Una terribile eredità

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 settembre 2009

Collana Walkie Talkie diretta da Luigi Bernardi Perdisa Pop euro 12,00 pagine 128 Isbn 978 88 8372 376 6. Un soldato cubano in Angola vive un incubo di cinque anni che lo porterà a conoscere orrore su orrore, fino all’esperienza indicibile del cannibalismo. Da reduce, quel ricordo diventerà per lui insopportabile, un peso destinato a trasformarsi in brama di carne. Metodico come il più inumano degli assassini, sceglierà allora le strade povere dell’Avana per dare la caccia alle sue vittime innocenti. Creando un affascinante connubio di horror e reportage, Gordiano Lupi torna a Cuba per raccontare una parabola che afferra allo stomaco, una storia cupa sull’ossessione del male e, insieme, un viaggio impietoso in una terra che resta ancora da scoprire. L’esplorazione della cultura di un popolo s’intreccia alle trame spietate di una guerra condotta in modo barbaro fino all’inverosimile. Il punto di partenza è infatti l’Angola, dove i soldati cubani sono costretti a vivere un tormento assurdo e privo di logica, nel cuore di un’Africa selvaggia, tra mangiatori di scimmie, ritualità macabre e violenza efferata. A vivere l’incubo è un cittadino comune, con una moglie incinta che lo attende all’Avana e, come sorte, un percorso senza ritorno nella follia. Asciutto, teso e lucido, il romanzo procede con ritmo inflessibile per concentrarsi sul ritorno a casa del reduce, dove la spersonalizzazione operata dalla guerra e dalle crudeltà di un regime segneranno le ultime tappe del suo destino. Rimasto vedovo, l’uomo si ciberà di innocenza, paradossalmente senza smettere la propria sensibilità, l’amore per il figlio, né il senso di colpa. Così la storia si fa emblematica, disegnando scenari in cui il macabro s’allea con la realtà, la pena con la follia, l’amore con la morte. Da uno tra maggiori conoscitori italiani della cultura cubana, un romanzo che senza dare un attimo di tregua evoca gli interrogativi più inquietanti sulla natura umana.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La terra: un’eredità per le generazioni future

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 agosto 2009

In questi ultimi anni l’accresciuta coscienza ecologica, anche in campo ecclesiale, ha aiutato a comprendere che il criterio della condivisione non riguarda soltanto gli uomini a noi contemporanei, ma va applicato anche in senso temporale. La terra è un’eredità ricevuta da chi ci ha preceduto e da lasciare alle generazioni che verranno, preservandone responsabilmente l’integrità. C’è da rispettare una vocazione ecologica dell’umanità, che ha profonda rilevanza per il lavoro e l’economia (cfr Compendio della Dottrina sociale della Chiesa, nn. 466-487).  Per chi lavora la terra e vive di essa le esigenze di giustizia e solidarietà si trovano strettamente intrecciate a quelle della sostenibilità, come caratteristiche di un lavoro attento alla vita e alle esigenze di questa generazione come di quelle future. Proprio perché di Dio, infatti, la terra è casa di tutti, spazio affidato a tutti gli uomini e le donne perché possano trovarvi di che vivere, lavorare, gioire. D’altra parte, la possibilità di poter vivere tutti bene della terra e con la terra non può essere affidata solo all’azione individuale: occorre l’attenzione di tutti, quasi una sorta di “patto per la terra” (cfr Os 2,23-24) tra i soggetti coinvolti. Solo la corresponsabilità di un popolo che se ne faccia carico, infatti, può fondare un rapporto vivibile con la terra; solo una comunità che la ama può coltivarla in modo sostenibile e con criteri di giustizia e solidarietà.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rifinanziamento Italia for Events (Ife)

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 giugno 2009

Nell’ambito dell’importante fiera Imex (una delle due principali manifestazioni internazionali di settore), tenutasi a Francoforte la scorsa settimana, Federcongressi ha indetto una riunione tecnica per verificare le possibilità e le modalità di rifinanziamento del network interregionale Italia for Events (Ife), nonché per definire l’iter di costituzione del Convention bureau nazionale, che di Ife dovrà raccogliere a titolo definitivo l’eredità. Stante l’approvazione in via definitiva, avvenuta lo stesso giorno della riunione di Francoforte, da parte del Senato della Repubblica, del Disegno di Legge AS 1082 B recante disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione e la competitività nonché in materia di processo civile, il cui articolo 18 autorizza alla spesa di 48 milioni di euro all’anno per tre anni (cfr. art. 1 § 1228 della Legge 296/2006) per i progetti di eccellenza finalizzati al rilancio della competitività turistica italiana, si è deciso di presentare un progetto di eccellenza che preveda il rifinanziamento del network Ife. Esso andrà concordato tra il maggior numero possibile di Regioni, sarà presentato da una Regione coordinatrice – la Liguria – e dovrà ovviamente includere anche Federcongressi e l’Enit. Dovrà altresì prevedere una quota di cofinanziamento delle Regioni pari al 10-15% della cifra totale. Il progetto non è sostitutivo del Convention bureau nazionale ma è comunque fondamentale per assicurare adeguata visibilità internazionale alla nostra meeting & incentive industry durante il tempo necessario alla costituzione del Convention bureau medesimo. Si prevede che il rifinanziamento di Ife possa partire in tempi brevissimi, e restituire operatività al network già nella seconda metà di quest’anno. Tempi lunghi, invece, per questo organismo, invocato a viva voce da tutti gli operatori italiani, sul quale convergono le energie di Federcongressi, dell’Enit e delle altre istituzioni, e del quale tuttavia non solo non si vede la nascita ma neppure s’intravede l’avvio del processo di costituzione. «Sia chiaro, io comunque sono soddisfatto che questa riunione si sia tenuta, che abbia visto la partecipazione di tutte le parti in causa e che si sia conclusa con il comune intento di far ripartire Ife conpriorità»,
Federcongressi è la federazione delle associazioni della meeting & incentive industry operanti in Italia. È organizzazione senza fine di lucro che nasce nel 2004 per dare voce e rappresentanza unitaria a un settore che ha rilevante importanza economica in termini di fatturato, di posti di lavoro e di indotto generato. La compongono le seguenti associazioni: AIMP (Associazione italiana meeting planner – Professionisti dei convegni), Apicef (Associazione professionisti e imprese congressi e fiere), Italcongressi-PCO Italia (Associazione nazionale imprese dell’industria congressuale), Meet in Italy (network delle località congressuali italiane meglio attrezzate), MPI

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »