Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Posts Tagged ‘esami diagnostici’

Tariffe agevolate per visite specialistiche, esami diagnostici e prestazioni sanitarie

Posted by fidest press agency su martedì, 24 ottobre 2017

medicoIn occasione di appuntamenti nazionali ed internazionali dedicati alla prevenzione di patologie e alla cura della salute delle persone: questa la nuova iniziativa targata iDoctors, il primo portale italiano per la prenotazione di visite mediche e trattamenti. L’obiettivo è quello di favorire la prevenzione e agevolare gli utenti in tempo di crisi economica. Sono sempre di più, infatti, gli italiani che a causa delle difficoltà economiche rinunciano a sottoporsi a prestazioni sanitarie, trascurando spesso appuntamenti fondamentali di prevenzione e diagnosi precoce. Così iDoctors ha deciso di coinvolgere gli oltre 7.000 medici iscritti al portale lanciando un’iniziativa che ha visto non poche adesioni da parte di specialisti e centri privati, soprattutto nelle città di Roma, Torino, Bologna e Catania.“Con questa attività – ha dichiarato Paola Conti – Fondatrice di iDoctors insieme a Pierluigi De Vittorio – vogliamo sostenere sia i singoli cittadini sia le famiglie promuovendo una cultura della prevenzione a costi accessibili e tempistiche gestibili dagli utenti stessi che, con pochi click, possono scegliere lo specialista, la zona della città e l’orario, senza inutili file o stressanti attese telefoniche. L’iniziativa intende supportare anche quei medici e quelle strutture sanitarie private che hanno potuto subire le dure conseguenze della crisi economica.”Qui di seguito gli appuntamenti di ottobre e novembre durante i quali gli utenti potranno usufruire delle tariffe agevolate:
Ottobre – Mese per la Prevenzione del Tumore al Seno
29 ottobre Giornata Mondiale dell’Ictus Cerebrale e prevenzione neurologica
29 ottobre Giornata Mondiale della Psoriasi e prevenzione dermatologica
12 Novembre Giornata Mondiale contro la Polmonite e malattie pneumologiche
14 novembre Giornata Mondiale del Diabete
I medici iscritti ad iDoctors potranno decidere di estendere visite e screening a prezzi agevolati anche a conclusione della Giornata/Settimana di sensibilizzazione.
Per arricchire il calendario della prevenzione, iDoctors si fa promotore della Settimana per la Prevenzione Ginecologica (4-11 novembre), Urologica (17-24 novembre) e Otorinolaringoiatrica (21-28 novembre), offrendo la possibilità di sottoporsi a screening scontati in quelle aree mediche in cui è sempre più necessaria una diagnosi precoce.
iDoctors.it nasce nel 2008 ed è il primo servizio online di prenotazioni mediche. Ha attualmente collegati in rete oltre 7.000 medici in costante aumento, che forniscono la loro disponibilità presso i loro studi medici o presso le strutture mediche private nelle quali operano. Con oltre 300.000 utenti iscritti, il portale ha registrato fino ad oggi quasi mezzo milione di prenotazioni.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In Italia ogni giorno quasi 30 mila esami diagnostici con macchinari obsoleti

Posted by fidest press agency su sabato, 20 maggio 2017

mammografoOgni giorno in Italia si eseguono più di 19mila tac, oltre 5mila risonanze magnetiche e 4.200 screening mammografici. Indispensabili nella diagnostica, i dispositivi elettromedicali sono fondamentali nell’assistenza dei pazienti, con strumenti per la radiologia interventistica, macchinari per l’assistenza in terapia intensiva e per la cura di neonati prematuri.
Calabi: “Negli ospedali presenti 58mila dispositivi di diagnostica per immagini obsoleti”
“Oggi esistono apparecchiature che con minori dosi di radiazioni sui pazienti consentono una migliore qualità dell’immagine e diagnosi più accurate o macchine salvavita sempre meno intrusive- dice Nicoletta Calabi, presidente dell’Associazione Elettromedicali di Assobiomedica– Peccato però che 58mila dispositivi di diagnostica per immagini presenti negli ospedali siano obsoleti e il 40% delle macchine di anestesia e il 50% dei ventilatori da terapia intensiva abbiano più di 10 anni”.
Per sensibilizzare i cittadini sull’importanza dell’innovazione in campo elettromedicale, intanto, parte la campagna di comunicazione ‘Innovazionesuonabene’, presentata da Assobiomedica nella Capitale presso il Centro Congressi Roma Eventi.
“Con questa iniziativa abbiamo voluto sensibilizzare le persone sul valore dell’innovazione delle tecnologie mediche per la tutela della loro salute- fa sapere Fernanda Gellona, direttore generale di Assobiomedica- Vogliamo accorciare sempre di più le distanze fra settore dei dispositivi medici e cittadino, rendendo l’utente finale consapevole dell’importanza di apparecchi all’avanguardia per la diagnostica e la cura”.
La campagna ‘Innovazionesuonabene’
A caratterizzare la campagna, curata da Hdrà, una grafica a tinte piatte con colori vivaci e una vocazione tutta ispirata al mondo musicale, a partire dal claim-hashtag #innovazionesuonabene fino al titolo ‘Elettromedicali. Nessuno sa ascoltare il tuo corpo come loro’.
La musica rappresenta infatti il filo conduttore di tutte le iniziative, creando un’assonanza con le apparecchiature di diagnostica per immagini e la loro capacità di saper ascoltare gli organi del corpo umano, facendoli suonare come fossero degli strumenti musicali. Veste musicale per le immagini di tutti i materiali della campagna, quindi, rendendo così le tecnologie mediche icone di un approccio positivo alla prevenzione e alla salute.
Dal 25 maggio prenderanno il via una serie di eventi sul territorio che attraverseranno l’Italia da nord a sud, pensati proprio per coinvolgere i cittadini attraverso azioni di infotainment. Le iniziative nelle diverse città si svolgeranno attorno a un pannello interattivo, che raffigura i corpi di un uomo e una donna. Chi si fermerà per ricevere informazioni potrà utilizzare le cuffie in dotazione e, collegandole al pannello, sperimentare i ‘suoni’ di alcuni organi del corpo, ascoltando i brani composti da musicisti professionisti in esclusiva per la campagna.
Prima tappa dal 25 al 28 maggio a Napoli per ‘Futuro Remoto’, appuntamento sempre nel capoluogo campano per il primo weekend di giugno a ‘Città della Scienza’. Segue Genova e il ‘Festival delle scienze’ dal 28 al 30 ottobre, per chiudere l’anno a Roma a novembre con ‘Maker Faire‘.Parte integrante della campagna la partnership con Spotify: #innovazionesuonabene vivrà infatti sulla piattaforma musicale più seguita del web con banner dedicati, ma soprattutto con due playlist capaci di associare immediatamente strumenti musicali e strumenti elettromedicali, legandoli alle diverse parti del corpo come nei pannelli interattivi nelle piazze. Due le playlist curate da Raffaele Costantino, conduttore di Radio2 e autore del libro ‘Storia di una playlist, playlist di una storia, Hard at heart_Heart melting e Brainy Day’. Si può seguire la campagna al link https://www.facebook.com/Elettromedicaliperlasalute o l’hashtag #innovazionesuonabene.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rischio cardiometabolico: diagnosi e terapia per evitare un invecchiamento precoce

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 gennaio 2015

Brescia. Individuazione dei pazienti a rischio, esami diagnostici che consentano di valutare il danno d’organo e tempestivo trattamento. Sono questi gli strumenti principali per contrastare l’ipertensione arteriosa, il più frequente fattore di rischio cardiovascolare correggibile con la terapia. Una condizione che molto spesso si associa ad altri fattori di rischio metabolici, come la dislipidemia, le alterazioni del metabolismo glucidico e il diabete, spesso associati a obesità, iperuricemia e sedentarietà.
«La pressione alta è un fattore di rischio cardiovascolare tra i più importanti. Gli eventi cardiovascolari, come infarto e ictus, sono preceduti da alterazioni di vari organi bersaglio. Queste alterazioni in molti casi inizialmente non provocano sintomi ma sono in seguito la vera causa della malattia. È su questi danni d’organo che bisogna intervenire, impedendo che si sviluppino o che progrediscano» spiega Enrico Agabiti Rosei, direttore del Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali dell’Università di Brescia e presidente del simposio internazionale dal titolo “Management of cardiometabolic risk and healthy aging” organizzato dal Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali dell’Università di Brescia e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini.
ipertensione2L’ipertensione provoca un sovraccarico di pressione a danno del ventricolo sinistro del cuore. Ciò determina un’ipertrofia, cioè un aumento della massa muscolare del ventricolo e di conseguenza possibili danni al cuore. Per queste ragioni è raccomandato un controllo nelle persone con pressione alta per verificare il rischio di problemi cardiaci. «Tra gli esami disponibili, l’elettrocardiografia è quello a minor costo, ma anche con una bassa capacità di individuare l’ipertrofia del ventricolo» prosegue Agabiti Rosei. «La risonanza magnetica cardiaca consente di visualizzare immagini in 3D del cuore con un’elevata risoluzione, ma la sua limitazione è rappresentata dalla scarsa diffusione e dai costi elevati. L’ecocardiografia rappresenta sicuramente un valido metodo per l’individuazione dell’ipertrofia, è disponibile in molti ospedali e a un costo relativamente contenuto. La principale limitazione riguarda la minore risoluzione delle immagini rispetto alla risonanza magnetica, ma con lo sviluppo di nuovi programmi per la visione in 3D, l’ecocardiografia potrebbe avere sviluppi promettenti in futuro. Oggi comunque l’ecocardiografia standard rappresenta l’esame più utilizzato per la valutazione della struttura del ventricolo sinistro nei pazienti con ipertensione».
Un altro metodo per individuare i danni provocati dall’ipertensione riguarda lo studio delle arterie di calibro maggiore, che perdono progressivamente elasticità, e anche l’analisi delle piccole arterie e della rete capillare. Infatti l’ipertensione arteriosa provoca alterazioni del microcircolo, principalmente l’incremento dello spessore della parete e la riduzione del diametro interno delle piccole arterie, e queste alterazioni sono un potente predittore di eventi cardiovascolari. «Il microcircolo è quella parte del circolo composta da vasi di piccolissime dimensioni (inferiori a 300 micron), responsabile non solo della distribuzione del sangue negli organi più importanti ma anche delle sue resistenze al flusso» spiega Agabiti Rosei. «Rappresenta dunque la sede di alterazioni che influenzano anche la circolazione delle grandi arterie». In alcuni studi la valutazione della struttura delle piccole arterie è stata eseguita con una tecnica, detta micromiografica, assai precisa e attendibile, utilizzata in pochi laboratori di ricerca, nella quale i piccoli vasi vengono dissezionati e isolati da biopsie tissutali, e sottoposti a misurazioni morfologiche e a valutazione delle risposte funzionali. La tecnica micromiografica ha permesso di confermare le alterazioni delle piccole arterie nei soggetti ipertesi e di confermare come i trattamenti farmacologici e clinici possono invertire questo processo. Da non trascurare, però, anche i cambiamenti dello stile di vita.
«Una cospicua riduzione di peso in pazienti con grave obesità incide significativamente non soltanto su diverse alterazioni emodinamiche (come la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca) e metaboliche (dislipidemia, insulino-resistenza) ma anche sul danno d’organo precoce e in particolare sulle alterazioni della struttura del microcircolo» aggiunge Agabiti Rosei. «La riduzione del peso corporeo si associa a un notevole miglioramento delle alterazioni strutturali vascolari nelle piccole arterie sottocutanee nonché degli indici circolanti di stress ossidativo. L’obesità si associa infatti, fra le altre cose, a una marcata alterazione della struttura di parete dei piccoli vasi e a una perdita della normale funzione dell’endotelio, lo strato di cellule che riveste internamente i vasi. Sono fattori che possono concorrere all’aumento del rischio cardiovascolare osservato in questi pazienti».
Anche l’analisi della struttura microvascolare presente nella retina dell’occhio può essere utile per valutare i cambiamenti provocati dall’ipertensione nei piccoli vasi e il danno d’organo cardiaco. La valutazione delle arteriole nel fondo dell’occhio mediante flussimetria laser Doppler potrebbe rappresentare una procedura non invasiva e facilmente ripetibile per ottenere informazioni sulla morfologia microvascolare della retina e le modificazioni provocate dall’ipertensione.
I fattori di rischio, soprattutto l’ipertensione, possono favorire le alterazioni strutturali e funzionali delle arterie di piccolo e grande calibro che configurano il quadro di un precoce invecchiamento vascolare, che a sua volta può essere prevenuto e corretto con una adeguata terapia. Per ottenere il risultato migliore è necessario che venga effettuata un’accurata stratificazione del rischio vascolare globale e un tempestivo trattamento, perché una terapia tardiva o parziale consente di ottenere solo un modesto beneficio.
Oggi sono allo studio nuovi farmaci per il trattamento delle ipercolesterolemie, delle iperuricemie, del diabete mellito e dell’ipertensione arteriosa, dei quali si è ampiamente discusso durante il simposio. Per quanto riguarda il trattamento dell’ipertensione, gli esperti riuniti al Simposio di Brescia hanno sottolineato l’utilità dei farmaci in associazione, in particolare tra un sartano e un calcio-antagonista. «Nonostante l’ampia disponibilità di trattamenti antipertensivi, solo il 30% dei pazienti italiani ipertesi riesce a portare i propri livelli di pressione nella norma, anche perché molti pazienti non assumono i farmaci prescritti» sottolinea Agabiti Rosei. «La combinazione di due antipertensivi semplifica il regime terapeutico, riducendo il numero di compresse da assumere e quindi migliorando l’aderenza alla prescrizione del medico. Anche se spesso la pressione alta non provoca sintomi, le persone ipertese non dovrebbero dimenticare che un abbassamento medio di pochi millimetri di pressione sistolica può ridurre in maniera significativa il rischio di mortalità dovuta a cardiopatia ischemica e ad altri eventi cardiovascolari, nonché il rischio di mortalità da ictus».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prestazioni diagnostiche

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2010

E’ interessante il decreto sugli esami diagnostici in farmacia. Il testo ribadisce già al primo articolo che rimangono escluse dalla farmacia le apparecchiature che «prevedano attività di prelievio di sangue o di plasma mediante siringhe o dispositivi equivalenti. Per quanto concerne invece le prestazioni erogabili dalle farmacie, il decreto divide l’elenco in esami di autocontrollo (prima istanza) e di secondo livello. Tra i primi troviamo i test per glicemia, colesterolo e trigliceridi, i test per la misurazione di emoglobina glicata, creatinina, transaminasi, i test per la misurazione di componenti nelle urine, per la gravidanza, per il Psa e via di seguito. Per quanto concerne invece i servizi di secondo livello, le farmacie possono dotarsi di una gamma di apparecchiature comprendenti bracciali per la misurazione della pressione arteriosa, spirometri, saturimetri da dito e strumenti per la cardiologia (elettrocardiografi) purché in telecollegamento con i centri specialistici accreditati dalle Regioni. Per l’erogazione di tali servizi andranno previsti spazi idonei rispetto alle normative vigenti, «dedicati e separati dagli altri ambienti, che consentano l’uso, la manutenzione e la conservazione delle apparecchiature in condizioni di sicurezza». Inoltre, le prestazioni dovranno essere erogate nei limiti dei rispettivi profili professionali e a tale scopo il titolare dovrà redarre un documento – inviato in copia all’Asl competente – nel quale esplicitare compiti e responsabilità degli infermieri o del personale socio-sanitario in servizio nella farmacia. Il titolare, infine, risponde della corretta installazione e manutenzione dei dispositivi così come di eventuali «inesattezze dei risultati analitici». Nulla di nuovo per quanto concerne la retribuzione di tali servizi (ovviamente laddove erogati in regime di Ssn): la griglia per i tariffari sarà definita dalla nuova Convenzione, che si preoccuperò anche di dettare i requisiti strutturali per l’erogazione delle prestazioni. (fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un nuovo reparto di oftalmologia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 maggio 2009

Roma – Alla presenza del Subcommissario alla Sanità della Regione Lazio, Dr Mario Morlacco, del Generale Federico Marmo, Vice Comandante Logistico e Capo Dipartimento di Sanità dell’Esercito in rappresentanza del Gen. Fabrizio Castagnetti, Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, è stato inaugurato il Reparto di Oftalmologia 2 del Complesso ospedaliero San Giovanni – Addolorata allocato nel Presidio ospedaliero Britannico.   Le 3 camere operatorie destinate tutte all’Oftalmologia sono dotate di microscopi di ultima generazione e tecnologie avanzate e usufruiscono del servizio di sterilizzazione a “kit” per ciascun tipo di intervento in modo da accelerare i tempi chirurgici consentendo, quindi, oltre 100.000 prestazioni l’anno tra esami diagnostici (angiografia retinica, OCT – Tomografia a coerenza ottica – ecografia bulbare, campimetria elettronica, tutti i trattamenti laser) e interventi chirurgici. Il nuovo reparto, climatizzato e cablato, sarà dotato a breve anche di laser ad eccimeri per il trattamento di miopia, ipermetropia e astigmatismo, PTK, PRK, Lasik e Lasek. La nuova Oftalmologia 2 è inserita nella rete informatica dell’Azienda, compresa quella della teleradiologia e telecardiologia, per la consultazione on line dei referti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Terremoto: “in arrivo i nostri medici di famiglia”

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 aprile 2009

“Stiamo inviando medici di medicina generale a supporto dei colleghi delle zone terremotate dell’Abruzzo. I medici di famiglia saranno totalmente autonomi, autofinanziati, equipaggiati ed affiancheranno i colleghi abruzzesi nello svolgimento dell’attività quotidiana resa difficile dalla complicata situazione verificatasi a causa del sisma”. Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG), annuncia l’arrivo di aiuti concreti nei territori colpiti dal terremoto, che ha sconvolto l’organizzazione degli ambulatori di medicina generale. “I nostri medici, che sono parte del Servizio Sanitario Nazionale – continua Cricelli -, saranno in grado di curare tutte le patologie proprie della medicina generale, effettuare esami diagnostici di base, inclusi l’elettrocardiogramma e la glicemia, e prescrivere farmaci necessari. Abbiamo inoltre chiesto al Ministero della Salute il coordinamento in loco perché possano svolgere le normali funzioni di sostituti in affiancamento dei titolari”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »