Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘esplosioni’

Esplosioni a Beirut: Il punto sulla situazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 agosto 2020

Beirut esplosionedi Emanuele Rossi. Almeno due esplosioni hanno colpito ieri l’area portuale di Beirut. Ci sono video che mostrano il fungo e il fumo, molte immagine di porte e finestre divelte all’interno degli appartamenti della zona. Ci sono feriti, diversi persone colpite da schegge di vetro; altre riprese per strade mostrano veicoli distrutti dalle detonazioni.Non è chiaro cosa sia saltato in aria al momento. Secondo quanto dichiarato dal Direttore generale della Pubblica sicurezza libanese, sarebbe esploso un deposito di sodio nitrato stoccato in un deposito da oltre un anno, dopo essere stato confiscato da una nave.Alcune fonti dal posto avevano spiegato inizialmente che si sarebbe trattato di un deposito di fuochi d’artificio attaccato da un incendio che in precedenza si era propagato nell’area. Versione che però nel tempo ha perso consistenza. Altre dicono che si sarebbe trattato di un deposito di missili di Hezbollah, la milizia sciita filo-iraniana. Potrebbe anche essere stato colpito o vittima di sabotaggio, sulla scia di quanto successo nelle passate settimane in Iran, spiega qualcuno azzardando una speculazione. Hezbollah sta già cercando di de-escalare la situazione: una fonte ha dichiarato che non ritengono possibile che si sia trattato di un attacco israeliano (ma è anche possibile che il gruppo voglia evitare di mostrare pubblicamente una vulnerabilità in casa).La tempistica è certamente singolare. Domani un tribunale delle Nazioni Unite dovrebbe emettere il suo verdetto nel processo in contumacia a quattro sospettati di aver piazzato l’autobomba che nel 2005 assassinò il primo ministro Rafik Hariri. Tutti e quattro gli indagati sono membri del gruppo Hezbollah, che ha costantemente negato qualsiasi ruolo nella morte di Hariri.La possibile seconda esplosione è stata segnalata nella residenza di Hariri in città. Sembra che ci siano almeno dieci vittime, ma è presumibile che ce ne siano di più. Su Twitter, una reporter dice aver udito l’esplosione da Cipro.Il Libano sta attraversando una profonda crisi economica, con i prezzi dei generi alimentari che sono arrivati alle stelle, e il malcontento diffuso tra la popolazione in sofferenza da mesi e mesi. (foto copyright ProgettoDreyfus)

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Beirut: La tragedia libanese

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 agosto 2020

Beirut. Ieri è successo il finimondo a Beirut: morti, feriti e macerie nella sua area portuale per due esplosioni terribili. “L’ Associazione medici di origine straniera in Italia Foad Aodi – scrive in un comunicato reso agli organi d’informazione italiani – sta seguendo la tragedia libanese con i medici e giornalisti locali dopo le 2 esplosioni provocando danni enormi sia materiali e che feriti più di 3000 e morti più di 100 e più di 1500 dispersi con contino aggiornamento visto tutti gli ospedali della capitale sono pieni di feriti grave e alcuni di questi ospedali sono in difficoltà di funzionare per mancanza di elettricità ,sangue ,posti letti ,strumenti chirurgici e sanitari oltre i medici e gli infermieri. sono morti 7 medici e infermieri e circa 10 pazienti ricoverati negli ospedali .Urge aiuti sanitari e medici e ospedali mobili e sostenere il Libano in questo momento molto grave. proprio nel momento dell’esplosione Foad Aodi stava in contatto con i giornalisti della Tv libanese per una intervista da Roma su Coronavirus. Dopo i giornalisti hanno inviato le foto dello studio televisivo distrutto”. Di certo, purtroppo, gli effetti terrificanti di queste due esplosioni mostreranno ai soccorritori danni e vittime ancora maggiori di quanto sino ad ora sono state accertate. Tali eventi lasciano profondamente scossa l’opinione pubblica mondiale e la domanda che purtroppo ci facciamo, già da tempo, è fino a quando dobbiamo assistere a questa sequela di morti, di feriti e di milioni di rifugiati che ha sconvolto l’intera regione del vicino oriente e che va ad aggiungersi fatalmente alle altre vittime di una pandemia che a sua volta sconvolge la vita e le attività produttive di interi paesi.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Afghanistan: Sei militari italiani uccisi

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 settembre 2009

L’attacco è avvenuto alle 12 locali. Secondo quanto afferma lo Stato Maggiore della Difesa, ”alle ore 12 locali di oggi, le 9,30 in Italia, un convoglio formato da due Vtlm ‘Lince’ del contingente italiano ‘Italfor XX’, mentre stava percorrendo la rotabile dall’aeroporto internazionale di Kaia (International Kabul Airport) al Quartier Generale delle Forze della Coalizione, è rimasto coinvolto nell’esplosione di un autoveicolo bomba” a circa 300 metri dalla sede dell’ambasciata americana. Da altre fonti apprendiamo che si è trattato di due kamikaze che a bordo di un veicolo civile, imbottito di esplosivo ad alto potenziale sono riusciti a superare i controlli esplodendo subito dopo. Sei dei militari italiani che viaggiavano nei mezzi blindati sono morti sul colpo. Sono tutti appartenenti al 186esimo Reggimento Paracadutisti Folgore. Altri quattro risultano feriti gravemente, ma si assicura non in pericolo di vita. Per l’inviato della tv araba ‘Al Jazeera’, Walihullah Shahin, che ha raccolto la dichiarazione del portavoce talebano Dabihullah Mujahid, “nell’azione sarebbero stati uccisi dieci soldati italiani”. Altre dieci vittime vi sono state tra i civili afghani. I militari uccisi sono 4 caporalmaggiori: Davide Ricchiuto, nato in Svizzera, Giandomenico Pistonami di Orvieto, Matteo Mureddu di Solarussa, Massimiliano Randino di Pagani, il Sergente maggiore Roberto Valente di Fuorigrotta e il tenente Antonio Fortunato di Lagonegro. Tra i quattro militari rimasti feriti tre appartengono al 186° Reggimento dell’Esercito e uno all’Aeronautica Militare. Per il generale Zahir Azimi portavoce del ministero della Difesa afghano “l’esplosione ha distrutto almeno cinque mezzi e provocato danni a diversi edifici. Si tratta del più grave attacco contro le nostre truppe dalla strage di Nassiriya del 12 novembre 2003, in cui morirono 19 italiani”. Altri particolari sono emersi dall’audizione del Ministro La Russa in Senato che ha precisato trattarsi di una Toyota bianca che sarebbe riuscita ad infilarsi tra i mezzi  militari prima di esplodere”. L’esplosione è stata così forte che si è alzata una densa nube di fumo nero visibile a chilometri di distanza.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sei attentati in un’ora mettono a ferro e fuoco Baghdad

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2009

Baghdad 19 agosto 2009. Un attacco senza precedenti per intensità di fuoco e la molteplicità degli obiettivi centrati hanno provocato circa 100 morti e 600 feriti per lo più civili. Sono stati presi di mira, con due un’auto bomba, il ministero degli esteri e quello delle finanze. Un altro è esploso lungo la Kifa Street in pieno centro mentre gli altri due sono deflagrati nel quartiere di Salhiya e altri due a Beirut square nella parte orientale della città. Contestualmente sono stati sparati alcuni colpi di mortaio indirizzati nella zona dove si trova l’ambasciata americana. Questa ripresa alla grande degli attentati cade proprio a sei anni di distanza da quello avvenuto contro il quartier generale dell’Onu che provocò 22 vittime e tra le quali l’ex alto commissario per i rifugiati, Sergio Vieira de Mello. Pronta è stata la reazione della comunità europea da parte della presidenza di turno svedese. Per i giornalisti presenti a Baghdad i commenti, a caldo, sono stati particolarmente drammatici. L’evento è considerato il più grave dal ritiro delle truppe americane e taluni vi intravedono un nesso da non sottovalutare anche se le ragioni portate a sostegno sono discordanti. C’è chi vi intravede una prova generale per la scalata al potere degli estremisti e anche la possibilità che dietro le bombe vi siano potenze straniere dell’area e da chi dissente dal ritiro degli americani dalle zone d’operazione.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicurezza negli Alberghi dopo gli Attentati di Jakarta

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 luglio 2009

Gli standard nella sicurezza dell’industria alberghiera internazionale devono essere rivisti urgentemente alla luce della crescente minaccia globale del terrorismo. Negli ultimi dodici mesi, infatti, il numero di attacchi agli hotel di lusso e’ cresciuto significativamente, e le esplosioni della scorsa settimana al Ritz-Carlton e al Marriott di Jakarta sottolineano ancora una volta l’urgenza di trovare una soluzione al problema Per questa ragione Frost & Sullivan ha sviluppato il programma “Security Excellence” rivolto in particolare all’industria alberghiera globale.  Al fine di rispondere alla domanda crescente nella revisione delle disposizioni di sicurezza negli alberghi, Frost & Sullivan sta lavorando con molti hotel di lusso a livello internazionale e sta portando a termine una serie di indagini a tutto campo sullo stato attuale e sugli standard di sicurezza gia’ in atto. Dorman Followwill spiega: ”Ciascun cliente puo’ richiedere una Security Excellence Survey sul proprio hotel o catena di hotel, e ricevere una valutazione dettagliata e confidenziale che spiega i punti chiave nella nostra indagine. Il rapporto contiene una serie di indici specifici sulla sicurezza centrati sul tipo di struttura, vetrature, protezione perimetrica della proprieta’, controlli all’accesso, l’efficacia dei sistemi di videocamera, i piani d’emergenza, le capacita’ di risposta dello staff, e cosi’ via. Frost & Sullivan intende estendere a questo settore i suoi ‘Best Practices Awards’ riconoscendo formalmente anche quegli hotel che mettono a punto i migliori sistemi possibili che offrono la maggior protezione nella corrente situazione globale”.
Frost & Sullivan, la Growth Partnership Company, lavora in stretta collaborazione con i propri clienti per aiutarli ad accelerare la loro crescita e a raggiungere risultati di rilievo in termini di  crescita, innovazione e leadership di mercato. Il Growth Partnership Service di Frost & Sullivan offre ai manager e ai loro team una serie di strumenti quali ricerche e modelli di best practice che permettono l’identificazione, la valutazione e l’implementazione di significative strategie di crescita. Frost & Sullivan ha oltre 45 anni di esperienza maturata lavorando per conto e in collaborazione con importanti societa’ a livello globale fra cui le prime 1000, aziende emergenti e investitori e vanta una rete di  piu’ di 35 uffici in cinque continenti. Per far parte della nostra Growth Partnership, si prega di visitare il sito http://www.frost.com

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »