Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘establishment’

Kyowa Kirin Asia Pacific Announces Establishment of Subsidiary in Australia

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 marzo 2019

Kyowa Kirin Asia Pacific Pte. Ltd. (President: Chikakuni Kotani, Kyowa Kirin Asia Pacific), a wholly owned subsidiary of Kyowa Hakko Kirin Co., Ltd. (President & COO: Masashi Miyamoto, Kyowa Hakko Kirin), announces it has established an Australian subsidiary, named Kyowa Kirin Australia Pty Ltd (Kyowa Kirin Australia). With the establishment of Kyowa Kirin Australia, Kyowa Kirin Asia Pacific aims to launch Kyowa Hakko Kirin’s global strategic products in the country.“It is our pleasure to announce we have incorporated our subsidiary in Australia,” said Chikakuni Kotani, President of Kyowa Kirin Asia Pacific. “It was announced last month that Kyowa Kirin Group will be shifting to a new global management structure under the “One Kyowa Kirin” policy. Kyowa Kirin Group will be organized into four regions: North America, EMEA, Asia Pacific and Japan, and business expansion will be accelerated globally. This is Kyowa Kirin Asia Pacific’s first entry into Oceania and we are excited about the future possibilities. We believe Kyowa Kirin Australia will contribute to the health and well-being of patients and families in Australia.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella acts as financial advisor in establishment of new property company

Posted by fidest press agency su sabato, 8 aprile 2017

catella10Over 200 clients of Catella Bank and its partners have subscribed for shares in newly established property company Logistea AB, which has acquired the logistics property Örja 1:20 from Danish logistics and transport company DSV. In connection with the transaction, DSV signed a long lease with Logistea. Johan Ericsson has been appointed as the new CEO, and the intention is for Logistea be listed on Nasdaq First North. Catella’s Corporate Finance unit acted as financial advisor in the transaction and Catella Bank led the capital raising that provided Logistea with approximately 230 new shareholders.“There is great demand among our clients for investments in high-quality real estate projects, and there was also a high level of interest in the Logistea share issue. The project is another example of our commitment to offering our Wealth Management clients high-quality investment opportunities in the property sector, based on the real estate expertise in our advisory business,” said Robert Fonovich, Head of Catella’s Corporate Finance unit in Sweden, and Tord Topsholm, Managing Director of Catella Bank, in a joint statement.The property includes a modern terminal building with associated offices, and has a lettable area in excess of 40,000 square metres. It is located in Landskrona and is part of DSV’s Nordic logistics centre. The buildings on the acquired property were constructed in 2012. (photo: catella)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Collocazione europea dirimente: O con lo establishment o col popolo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 marzo 2017

meloniRoma Sabato 25 marzo la Meloni organizza l’evento “Italia sovrana in Europa” all’Angelicum di Roma: «sarà un giorno ad alta tensione e proprio per questo non abbiamo organizzato una manifestazione di piazza. E vorrei sapere cosa stanno facendo il premier Gentiloni, il ministro Minniti e il sindaco Raggi per impedire una devastazione annunciata. Noi abbiamo organizzato l’iniziativa al centro congressi “Angelicum” proprio per non dare fastidio alle Forze dell’Ordine. Ci ritroveremo insieme a tanti importanti esponenti del mondo della cultura e della politica, come Giulio Tremonti, Luciano Barra Caracciolo, Vittorio Sgarbi, Marcello Veneziani, Alfredo Mantovano, Diego Fusaro, Gian Micalessin che terranno delle ‘lectio magistralis’ sui temi caldi che riguardano l’Europa. Non solo: abbiamo organizzato una tavola rotonda per discutere insieme ai movimenti del centrodestra per vedere se su questi temi è possibile trovare una sintesi. Sarà plastica la differenza tra noi e chi c’è in piazza» conclude Giorgia Meloni.
«Non ci giro attorno. A me delle formule in politichese non importa nulla. L’elemento dirimente è la collocazione europea. Io dico: o con l’establishment o col popolo. E non credo che la poltrona di presidente del Parlamento europeo valga stare con l’establishment che lavora contro l’interesse dell’Italia. Stiamo ai fatti. Le uniche cose buone che sono state fatte in questi anni in Europa sono state fatte grazie a quelli che vengono definiti ‘populisti’. Perché il premier olandese Rutte rivince le elezioni? Perché per rispondere a Wilders impedisce ai ministri turchi di fare propaganda in Olanda. Perché la Bce ha deciso di fare una politica monetaria espansiva? Perché qualcuno in questi anni ha fatto le barricate contro l’Europa dei burocrati e dell’austerità. Perché Minniti prova a mutuare le nostre parole d’ordine su sicurezza e immigrazione? Perché qui gli unici a fare proposte serie e concrete sul tema, in questi anni, siamo stati noi.
È quanto ha detto in una intervista all’Huffington Post il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. «Se per fare un’alleanza con noi, Berlusconi deve uscire dal PPE? Se lo fa l’accordo si trova domani. Ma non basta. L’altro discrimine è non inciuciare con Renzi, perché a parole dice di stare con noi ma troppo spesso va in soccorso a Gentiloni. Listone unico? Io voglio vincere: se la legge elettorale lo richiedesse si, purché non sia un’operazione di ceto politico, come fu il PdL, con le quote e la sua fusione a freddo. Il dato di fondo è che il centrodestra, per come l’abbiamo conosciuto in questi vent’anni è “unfit” ovvero non adatto a rappresentare la realtà dei nostri giorni. I cattolici, i moderati, la rivoluzione liberale, era l’Italia del Novecento in cui, per semplificare si riteneva che la destra stesse con i ricchi, la sinistra con gli operai. La società è cambiata. Io sono stata, nelle ultime due settimane, dagli ambulanti, dai pescatori, con gli agricoltori, con balneari. Sulla premiership ripeto: il centrodestra di questi vent’anni non c’è più, nel suo assetto e nelle sue leadership. Romiti dice che mi vedrebbe bene alla guida della destra? Va in controtendenza a quelli che dicono che faccio paura. Se sono pronta a farlo o a candidarmi? È pronta un’intera nuova generazione», spiega il leader di Fratelli d’Italia.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

80th anniversary of the establishment of the World Jewish Congress

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2016

NEW YORK – As the World Jewish Congress prepared to mark its 80th anniversary, President Ronald S. Lauder declared that vigilance and bold steps were as necessary today as they were in 1936 to defend Jews and Jewish community life, adding that the very existence of the WJC, the international Jewish umbrella organization, keep the situation for Jews around the world from deteriorating to the level of pre-Holocaust Germany. Ronald S. Lauder said:“In 1936, our founding fathers and mothers gathered in Switzerland to unite against the growing threat of Nazi Germany and to bring the Jewish plight to the world’s attention. Today, the world’s attitude toward Jews may still be hostile, but two things have certainly changed. Firstly, we have changed. The era of the quiet Jew, the timid Jew, the Ghetto Jew, is long over. Those leaders who set up the WJC 80 years ago buried that Jew – and he’s not coming back.“Secondly, there is the State of Israel, the only Jewish state in the world. The World Jewish Congress works to defend Israel and its people in the international arena, and we hope to contribute to achieving peace and stability in the Middle East “The founding of the World Jewish Congress put Jewish interests on the map of international diplomacy for the first time. I am sure that the founding fathers and mothers of the WJC, who could not prevent the Holocaust but who did much to help Jews during and after World War II, would have been proud of what the WJC and what Israel have achieved in recent decades.“Much needs to be done to fight anti-Semitism and other forms of bigotry, but as we look back over the last 80 years, it is clear that the world would be an even more dangerous place for Jews were in not for the establishment of the WJC as the representative voice and diplomatic arm of world Jewry.”
8-15 August 1936: Founding assembly of the World Jewish Congress in Geneva The World Jewish Congress was formally established in Geneva, Switzerland, by a plenary assembly of 230 elected representatives from Jewish communities in 32 countries to serve as an umbrella body tasked to defend Jewish rights vis-à-vis governments and international bodies and to mobilize for the establishment of a Jewish home in what was then the Mandate of Palestine.Today, the WJC has affiliated member organizations in over 100 countries and territories and remains the only truly global Jewish umbrella organization.
8 August 1942: Riegner Telegram alerts world to Holocaust During World War II, the WJC set up a relief body to assist persecuted Jews in Europe and it alerted the world to the Holocaust. On 8 August 1942, the WJC’s Geneva representative Gerhart Riegner sent the famous telegram in which he informed the United States for the first time about the Nazis’ ‘Final Solution of the Jewish Question’, the plan to exterminate all Jews in the German-occupied territories. Riegner had received his information from the German industrialist Eduard Schulte.Throughout the war, the WJC lobbied the Allied governments to grant entry visas to Jewish refugees. Despite the US State Department’s opposition, the WJC obtained permission from the US Treasury Department, headed by Henry Morgenthau, to transmit funds to Europe for the rescue and assistance of persecuted Jews. According to a report by Riegner, these funds helped to bring 1,350 Jewish children from the occupied countries to Switzerland and 70 to Spain.
First Plenary AssemblyOn 9 August 1944, the head of the WJC’s Rescue Department, Arieh Leon Kubowitzki, sent a letter to the US Undersecretary of War John McCloy, relaying a message from Ernest Frischer of the Czechoslovak State Council urging the destruction of gas chambers and crematoria in Auschwitz-Birkenau and the bombing of railway communications in this area.
On 14 August 1944, McCloy replied to Kubowitzki by rejecting the idea, saying that “such an operation could be executed only by the diversion of considerable air support essential to the success of our forces now engaged in decisive operations elsewhere and would in any case be of such doubtful efficacy that it would not warrant the use of our resources.”In April 1945, the WJC managed to obtain the liberation of 4,500 inmates from the women’s concentration camp Ravensbrück through direct negotiations with top Nazi leader Heinrich Himmler.
In the aftermath of World War II, the WJC undertook efforts to rebuild Jewish communities in Europe, provided assistance to displaced persons and Shoah survivors, pushed for the indemnification of victims by Germany, and advocated for the punishment of Nazi leaders who committed crimes against humanity.In 1951, WJC President Nahum Goldmann established the Conference of Jewish Material Claims Against Germany to handle Jewish reparation claims.The World Jewish Congress also successfully lobbied the United Nations and governments to support the establishment of the State of Israel. After 1948, the WJC focused its attention on the plight of Jewish refugees in Arab countries and also drew international attention to the plight of Jews in the Soviet Union, who were ultimately granted permission to move to Israel or to remain in their communities.During the 1980s, the World Jewish Congress exposed the Nazi past of former UN Secretary General Kurt Waldheim, who was elected president of Austria in 1986.During the 1990s, the WJC successfully lobbied for the restitution of assets of Holocaust victims held in so-called ‘dormant’ bank accounts in Switzerland and elsewhere, and it ensured that they were returned to their rightful owners, or that adequate compensation was paid. Commissions were set up in 17 nations to investigate Holocaust-era assets, including looted art, and the funds recovered have been used to support a multitude of programs worldwide.The WJC also fought for justice for forced laborers – both Jewish and non-Jewish – whose agonizing hardship had gone uncompensated for decades, resulting in the setting up of a US$ 5 billion fund by Germany in 2001.
The World Jewish Congress has also been at the forefront of fostering a better understanding with other religions, notably with the Catholic Church, and the organization facilitated the establishment of diplomatic relations between Israel and the Holy See in 1993. (photo: First Plenary Assembly)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dalla Renxit alla Brexit: In Europa non sono i populisti a vincere ma l’establishment a perdere

Posted by fidest press agency su domenica, 26 giugno 2016

europa comunitariaTanto tuonò che piovve. In Italia e nel Regno (dis)Unito. In attesa della Spagna e, poi, degli Stati Uniti. Avevamo suggerito, alla vigilia del secondo turno delle nostre amministrative, di aspettare ad emettere giudizi, perché il voto sulla Brexit e il tentativo di ridare una maggioranza di governo alla Spagna sarebbero stati indicatori non meno importanti per capire l’aria che tira in Europa, e quindi anche in Italia. È poco elegante dirlo, ma avevamo ragione: in queste ore tutte le chiacchiere post ballottaggi sono state spazzate via dal moto di stupore che ha accompagnato la scelta “out” inglese e le brutali reazioni dei mercati finanziari che sono seguite. E manca ancora il voto spagnolo, che sarà molto utile per capire se abbia o meno freni il vento populista e neo-nazionalista che soffia sul Vecchio Continente. Di certo, già oggi possiamo dire che il filo rosso che lega il voto italiano e inglese si chiama discontinuità. Uniti dal suffisso “exit” – Renxit e Brexit – sono due pronunciamenti contro le élite, locali (Fassino, il Pd romano), nazionali (Renzi) e continentali (la Ue). Cui, allo stesso modo, potrà aggiungersi il voto spagnolo (contro il Pp di Rajoy ma anche contro il Psoe) e, con sempre maggiore possibilità, quello americano (contro la Clinton e l’establishment che rappresenta), ben più importante in termini di ricadute globali. A dimostrazione, come dicevamo la settimana scorsa, di un malessere che attraversa il mondo occidentale, che è sì uscito – pur con grandi disparità di tempi e intensità – dalla recessione innescata dalla grande crisi finanziaria nata nell’estate del 2007 e divampata tra il 2008 e il 2009, ma che non ha affatto rimosso le cause (e molte delle conseguenze) di quest’ultima. Fateci caso: sociologicamente è identico il voto ai 5 stelle (quelli del grido “onestà, onestà”), alla Brexit auspicata dai nazionalisti di Nigel Farage (che non ha caso ha detto che il referendum segna “la vittoria della gente comune contro le grandi banche, il grande business e i grandi politici”) così come per Podemos e per Syriza (a sinistra) o per il Front National della Le Pen o per l’olandese Pvv (a destra).
Si tratta del ceto popolare e medio, impoverito dalla crisi e incattivito dal ricordo di un passato in cui stava meglio, delle periferie dei grandi centri urbani, spaventate dagli immigrati e dall’alto tasso di criminalità, ma anche della borghesia resa affluente dalla rendita e terrorizzata dal fatto che i processi di modernizzazione e globalizzazione la penalizzino e che il terrorismo di matrice islamica abbia il sopravvento. Tutta gente che, mischiando emarginazione, reazione alla povertà in cui sono e paura della povertà in cui potrebbero cadere, orgoglio nazionale quando non localistico, ribellione contro le burocrazie e le regole, nostalgia dei tempi migliori, si affida a chi gli appare nuovo, disomogeneo, fuori dagli establishment. E che sollecita il voto con parole d’ordine che vanno incontro a quel miscuglio di sentimenti. È il motivo per cui riteniamo (a oggi) che alle presidenziali americane di novembre sia più probabile che passi Trump, non a caso felicissimo della vittoria del “leave” sul “remain” in Gran Bretagna.Questa analisi porta alla conclusione che non sono i partiti populisti a vincere, ma i partiti tradizionali (e in particolare quelli al governo) a perdere. Questi ultimi sono la febbre, i primi il termometro che la misura e quindi non la medicina che la guarisce. Ciò significa che va evitato un doppio errore: confondere la diagnosi con la cura e credere che basti urlare rabbia (pur comprensibile) e sollevare problemi (pur esistenti) per essere capaci di risolverli; conservare l’esistente, in nome della preoccupazione (pur legittima) che la toppa sia peggio del buco.Diciamo questo, a proposito della Ue, perché l’amico Giorgio La Malfa ci ha scritto dicendo di temere che TerzaRepubblica partisse dalla sottaciuta premessa che “si debba, pur con tutti i difetti che ne conosciamo, salvare la costruzione europea”. Non è così. Siamo d’accordo con lui che la crisi europea abbia raggiunto un punto di non ritorno. Ma questo, però, non significa che l’obiettivo degli Stati Uniti d’Europa non si debba e non si possa più perseguire. Certo, non è perseguibile partendo da “questa” Europa. Occorre ripartire, ricominciare. Che è cosa diversa dal proseguire. Ma occorre farlo, almeno fino a che la globalizzazione prevale, se si vuole evitare di essere solo un puntino sulla carta geografica mondiale. E se si vuole scansare il pericolo della disgregazione non solo europea ma anche nazionale, che il voto inglese ci fa vedere con nitida chiarezza visto che ci consegna la fine del Regno Unito. Purtroppo, le prime reazioni alla Brexit ci fanno temere che le diverse cancellerie non abbiano capito la lezione. E non tanto per qualche piccato riferimento all’idea che ora con gli inglesi non si debba trattare (è giusto che si prendano le responsabilità della loro scelta) o all’auspicio che il Regno vada in pezzi (se Scozia, Irlanda e Gibilterra vogliono uscire dallo UK ed entrare nella Ue siano benvenute), quanto per la solita mancanza di autocritica (la stessa che è mancata nelle ripetute crisi greche) relativamente alla mancata integrazione politico-istituzionale, che stride con l’esistenza dell’euro fino al punto da mettere a repentaglio la stessa moneta unica e impedire la convergenza delle economie e rendere precarie le poche cose messe in comune (come la regolazione del sistema bancario).
Venendo all’Italia, è evidente che queste elezioni amministrative, pur contenendo elementi propri (locali e nazionali) vanno inquadrate nel contesto fin qui descritto. Perché sono due le valutazioni più significative che occorre fare. La prima è che laddove i partiti tradizionali riescono a mettere in scena candidature credibili in contesti non degradati (come a Milano) le forze anti-sistema non battono chiodo, mentre al contrario vincono senza eccezioni (i grillini si sono aggiudicati 19 ballottaggi su 20), anche laddove (Torino) il sindaco uscente è stimato ma non ha un avversario “tradizionale” all’altezza (contro Fassino il centro-destra aveva tre candidati). La seconda valutazione è che Renzi, pur avendo incarnato all’inizio della sua avventura di governo il perfetto punto di equilibrio tra il nuovo (con concessioni al “nuovismo” populista che parevano sopportabili) e il tradizionale (la vocazione governativa del Pd), è deragliato fino ad apparire ai più o troppo peronista o troppo establishment (e per di più ristretto). Due difetti contrapposti che lui è riuscito nella miracolosa impresa di incarnare contemporaneamente. Renzi, inoltre, è rimasto vittima del suo ambizioso (pretenzioso) racconto del Paese, di cui gli italiani hanno atteso invano la ricaduta nella realtà.Per questo non c’è dubbio che nel voto amministrativo c’è stata una componente anti-renziana non indifferente, che il presidente del consiglio e segretario del Pd (quando si deciderà a separare le due cose sarà sempre tardi) ha finito con l’alimentare quando, per timore di apparire quello che non ammetteva la sconfitta, ha usato la stessa valutazione di Grillo a commento del voto: “ha vinto la domanda di cambiamento”. Il che può voler dire due cose: non avete capito quanto io rappresenti il rinnovamento; non ho cambiato a sufficienza. La seconda rappresenterebbe una forma di autocritica che non gli è congeniale, dunque con tutta probabilità opterà per la prima interpretazione. In tutti i casi, sarà la solita solfa del racconto mediatico. Invece che mettere a punto le politiche, palesemente deficitarie, si metterà a punto la comunicazione. Avrebbe voluto aggiungere: adesso rivoltiamo il partito come un calzino, ma tra il primo e il secondo turno prudenza gli ha consigliato di riporre l’evocato lanciafiamme in cantina.Questo fino a quando di fronte a Renzi non si è spalancata la “exit” dall’angolo in cui il voto lo aveva cacciato: acchiappare la Brexit al volo e costruire, un po’ dando la colpa a Londra e un po’ a Bruxelles e Berlino, la narrazione di una fase due del Governo caratterizzata dalla lotta contro l’ottusità europea, dalla decisione di far fare al fiscal compact e ai Trattati Ue la stessa fine che i listini di Borsa hanno avuto in questo maledetto venerdì nero. È naturalmente una suggestione, ma siamo pronti a scommettere che Renzi la userà, almeno narrativamente, come la sua “exit strategy”. Ci permettiamo di dubitare che il gioco di prestigio riuscirà. (by Enrico Cisnetto direttore http://www.terzarepubblica.it)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Carlo Simoncini: Carne arrabbiata

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 settembre 2010

Milano 14 Settembre 2010 alle ore 18:30 Multicenter – P.zza Duomo, 1 Carlo Simoncini presenta “Carne arrabbiata” (Editore Garzanti). Lorenzo è un avvocato di successo a Bergamo. Una quarantina d’anni, moglie e due figli, ha ereditato il florido studio del padre. Una vita tranquilla e felice, se non fosse per quell’insoddisfazione che lo accompagna fin dall’epoca dello scontro con il padre, troppo tradizionalista e legato all’establishment per un ragazzo assetato di giustizia e di libertà. E poi, il lavoro dell’avvocato è un compromesso: in fondo si tratta di assecondare gli umori dei clienti, quella «carne arrabbiata» che non riesce più a ragionare… Un giorno arriva una telefonata: «il Bugatti», un suo cliente, è morto in un incidente stradale. La causa aveva contrapposto Bugatti, inventore geniale ma un po’ ingenuo, e i suoi datori di lavoro. La Soliman aveva sfruttato i brevetti di Bugatti senza riconoscere la sua paternità, e trattenendo la sua quota di guadagni. Cercando di ristabilire i diritti del suo cliente, Lorenzo ci fa capire come funziona davvero il meccanismo della giustizia, tra intoppi burocratici e intrighi tra colleghi, brillanti intuizioni e faticoso buon senso. Senza dimenticare l’intreccio di connivenze tra i ricchi e potenti della città (politici, industriali, banchieri, magistrati, giornali…) ai danni di un povero diavolo.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rutelli rimescola le carte al Pd

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 novembre 2009

Editoriale Fidest La candidatura Bersani sponsorizzata dall’establishment del partito rischia di essere pagata a caro prezzo per la stessa sopravvivenza di un partito nato da due anime tanto diverse ma unite per necessità e non certo per convinzione. Se gli scenari per il prossimo futuro si confermano per quanto ci è dato da vedere oggi dovremmo recitare il de profundis sia al Pd sia al Pdl. Entrambi devono affrontare una crisi di identità e di omogeneizzazione della linea politica che farà loro perdere pezzi importanti del loro apparato dirigente e, conseguentemente, di iscritti. La mossa è venuta da Fini che ha aperto a Casini e, quest’ultimo, si è accordato con Rutelli e i suoi amici, ivi compreso Montezemolo. Ciò vuole anche dire che siamo già  al dopo berlusconismo e, come osserva argutamente il presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga, significa anche la fine del Pdl. Due partiti, quindi, che stanno andando alla deriva anche se hanno avuto due modi diversi per affermare le loro leadership: Berlusconi con il voto elettorale e Bersani con quello dei suoi fan. Milioni da una parte e milioni dall’altra che tradotti in carta moneta possono rischiare di diventare carta straccia in men che non si dica. La svalutazione in politica corre più veloce di quella delle banconote. Del resto anche la storia ci insegna che nulla è immutabile e che persino i plebisciti popolari subiscono gli umori ondivaghi dei popoli che li esercitano. Berlusconi, a sua volta, è stato messo all’angolo sia per i suoi guai giudiziari che sembrano senza fine, sia dai venti di fronda dei suoi stessi amici, sia dalla situazione interna che  è sempre più incalzante alla ricerca di riforme che lo costringono a dare uno stop a quella sua arte sopraffina di sciorinare a più riprese promesse che sa bene di non poter mantenere ma che intanto hanno il vantaggio di dargli più respiro. E’ un cambiamento che s’impone e le premesse ci sono tutte. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La crisi della democrazia “compiuta”

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 giugno 2009

Editoriale fidest. Il voto europeo. Il voto italiano. Lo establishment Usa. La retorica del voto nel mondo tra occidente e oriente, tra Nord e Sud mostrano i segni di un decadimento dei sistemi di governo, del modo come si interpretano i bisogni della gente, dei sentimenti che si nutrono e del sottile ma mortale veleno di logiche capitalistiche che tendono a portarci verso una nuova e traumatica selezione della specie. E’ questa una dura realtà sovente adombrata da una “retorica della disinformazione” che ci porta a far vedere falsi obiettivi, ad affrontare talune problematiche in misura strumentale e a presentare un modello di società solo capace di generare false speranze. Tra il XIX e il XX secolo e ancor prima con la rivoluzione francese ci fu un tentativo di ricerca di un nuovo modello di società che uscisse dalla logica del capitalismo in termini di sfruttamento dei ceti deboli dai braccianti agricoli agli operai delle fabbriche, agli artigiani e ai lavoratori dipendenti del terziario e del pubblico impiego di livello esecutivo, ma l’esperimento nato con buone intenzioni si infranse per una serie di ragioni nella quale una parte cospicua la dobbiamo addebitare alla componente umana. Sorsero incomprensioni, egoismi, ideologie aberranti, fanatismi, Come conseguenza più immediata pagammo un prezzo altissimo in vite umane, nella rinuncia alla libertà, alla giustizia, al diritto, all’autodeterminazione dei popoli. E così mentre il dibattito si apriva su i grandi temi della dignità e del valore della persona, il capitalismo e le sue logiche consumistiche creavano un varco sempre più vistoso tra un popolo di “eletti” e quello dei “negletti” e lo facevano trasversalmente tra occidente e oriente tra nord e sud. Una moltitudine, quindi, che proviene sia dalle aree del benessere “diffuso” sia da quelle della “disperazione e dell’abbandono”. Poveri all’ombra delle luci sfavillanti delle metropoli occidentali e “miseri resti umani” nelle aree della desolazione. Suona oggi persino stonata la voce che reclama un “diritto alla vita” allorchè assistiamo a quella vissuta nella povertà e nell’emarginazione e spinti come siamo a ricercare nel vitto, negli abiti, negli usi e costumi il prodotto più economico mentre si sta rivelando il meno sicuro, il più insidioso per la salute. Diventiamo una società malata che non ha i soldi per curarsi e che è costituita da tre quarti della popolazione mondiale: è il surplus di una logica che è contro la vita ma che fa della vita il privilegio di pochi eletti. Ancora una volta il richiamo all’antica Roma, alla lotta tra patrizi e plebei dovrebbe spingerci a ritrovare il senso della vita, la ragione che dovrebbe spronarci verso la costruzione di una società dove si possa uscire dal capitalismo e dalle sue logiche e ritrovare nell’essere umano il punto centrale del nostro messaggio vitale. Esso si può chiamare solidarietà, condivisione, fratellanza, ma diventa una forza solo se siamo in tanti a crederci, siamo in tanti ad operare, siamo in tanti a dirlo. (Riccardio Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »