Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘euro’

Perché la Grecia deve restare nell’Euro

Posted by fidest press agency su sabato, 24 ottobre 2015

ateneRoma sabato 24 ottobre alle ore 11:00 alla Link Campus University (via Nomentana, 335) – partecipano anche Antonio Tajani, vice presidente vicario del Parlamento Europeo, David Sassoli, vice presidente del Parlamento Europeo, Themistoklis Demiris, ambasciatore della Grecia in Italia, Vincenzo Scotti, presidente Link Campus University e Luigi Paganetto, presidente Fondazione Economia Università di Roma Tor Vergata.
Modera il giornalista Dimitri Deliolanes. “La crisi greca ha costituito la piú grave minaccia all´Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale. Il piano di Schauble era chiaro: cacciare Atene dalla zona Euro. In una drammatica notte di luglio, in un intreccio di telefonate tra Bruxelles, Roma, Berlino, Parigi e Atene, si é deciso il destino della Grecia, il destino di tutti noi”. Questo uno dei passaggi chiave della crisi Greca raccontati da Gianni Pittella, leader dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo, nel suo ultimo libro scritto con Thomas Fazi e intitolato ‘La notte dell’Europa.
Scritto con Thomas Fazi, il libro ricostruisce la crisi greca attraverso gli occhi di uno dei protagonisti della trattativa, Gianni Pittella, passando per il ruolo giocato dalla Commissione europea, dalla Germania e dallo stesso Alexis Tsipras, fino al compito decisivo di Matteo Renzi. Ad arricchire il volume, l’analisi di Fazi sulle origini della crisi in Grecia, sui problemi strutturali del Paese fin dall’ingresso nell’euro e sugli effetti negativi che ha avuto il sistema finanziario europeo e le misure di austerità imposte.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Euro: Una catastrofe economica per l’Italia

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 luglio 2015

Banca europea per gli investimenti«Nel suo bollettino economico, la Bce certifica che per l’Italia l’introduzione dell’euro è stata una catastrofe economica: l’Italia è la Nazione che tra i 12 Stati fondatori dell’eurozona è ultima per Pil pro capite e​d ​è scivolata tra gli ultimi posti anche nell’Unione ​Europea a 28. È quello che noi “eurocritici” sosteniamo da tempo. Ora che lo dichiara apertamente persino la Bce, speriamo che i fantastici osservatori economici e i partiti della maggioranza si ricredano e si sveglino. L’Italia è la Nazione che ci ha perso di più dall’avvento dell’euro,​ ​a vantaggio della Germania e dei nostri diretti competitori, che si sono arricchiti a discapito nostro. È ormai sotto gli occhi di tutti che l’attuale gestione della moneta unica non funziona. Per tornare a crescere, la sovranità monetaria deve essere strappata dalle mani del comitato d’affari che oggi spadroneggia in Europa e restituita ai popoli europei. Se questo stato di cose continuerà a non cambiare, l’unica strada percorribile rimane lo scioglimento concordato e controllato dell’eurozona».È quanto dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The euro is dead. Long live the euro 2.0!

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2015

eurozonaAfter the creation of sovereign bail-out programmes (five since 2010), after capital controls in Cyprus and after the launch of QE by the ECB, little was already left of the founding principles of monetary union. The new Greek crisis – which, barring a sudden U-turn, is likely to lead to a monetary divorce – is the last nail in the coffin of the euro version 1.0. And perhaps this is excellent news… Long live the euro version 2.0.Let’s take a look back to the early 1990s when the project to create a monetary union in Europe was thought up. The objective was t o converge very different economies with Germany, the system’s anchoring point, in record time (less than a decade) so that they would then share the same currency and the same monetary policy – all this without a political union, a fiscal union or a financial union. Viewed from this perspective, the idea clearly looks mad, which explains why a large section of the non-European financial community has always been highly sceptical about it. The euro should logically have disappeared an incalculable number of times since 2008.
• Because of the global financial crisis, which led to a sharp divergence between economies comprising the Eurozone.
• Because of the first (2010) Greek crisis, which illustrated an obvious flaw in the qualification criteria for the euro and which, incidentally, revealed the magnitude of the lie perpetuated by Greek governments.
• Because of the Irish and Spanish banking crises, which triggered a massive socialisation of private sector losses, at the risk of putting public debt on an unsustainable trajectory.
• Because of the second (2012) Greek crisis, which destroyed the idea that the government bonds of a developed country are a risk-free asset.
• Because of the widespread (and, in some countries, near-chronic) violation of Maastricht criteria on public deficits.
• Because of the disappearance, initially insidious and then blatant, of the frontier between fiscal and monetary policies, raising doubts about the independence
of the central bank.
• Because of certain actions taken by the ECB, such as the sovereign QE, which contravened the spirit, if not the letter, of its statutes.
Questions can certainly be asked as to whether the Eurozone will still comprise 18 or 19 members in a few weeks or months, a source of uncertainty one could probably do without since there is no legal framework for a Grexit. But it also has to be acknowledged that the European economy has not known such favourable conditions for growth since 2007 (credit recovery, depreciation of the euro and weakness of energy costs).
In these conditions, the third (2015) Greek crisis has very little chance, in our view, of contaminating other European countries, even the most fragile ones. This time, we can say that Greece is truly unique. Furthermore, the Eurozone is incomparably more resilient relative to the Maastricht project, since embryonic transfers between countries exist to absorb asymmetric shocks. The ECB also has unlimited intervention capacity in the debt markets if necessary, creating an unrivalled short-circuit. Lastly, the euro’s existence is an integration factor in other areas (bank supervision, capital market union project). There are no plans today to push fiscal integration further, but one does not have to be an ardent federalist to admit that it would be useful to have a Eurozone-wide macroeconomic stabilisation tool. The Grexit, if there is a Grexit, could perhaps help progress in this direction. (Economy Report del Chief Economist del Gruppo Oddo, Bruno Cavalier)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Global Pulse, indagine Ypo sulla fiducia degli AD nell’economia

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 febbraio 2015

E’ salita di 1,2 punti (a quota 56,3) la fiducia dei CEO nel business e nell’economia italiani, sulla scia delle migliori previsioni di vendita conseguenti alla svalutazione dell’euro. Nonostante il miglioramento, il livello di fiducia italiano resta inferiore al livello di fiducia UE complessivo pari a 61,2. Questo quanto emerge dal focus sull’Italia dell’ultimo Global Pulse Confidence Index, l’indagine trimestrale di YPO che misura la fiducia dei CEO nel business e nell’economia, a cui hanno risposto 2.790 amministratori delegati di tutto il mondo, di cui 396 nell’Unione Europea.La maggioranza dei CEO italiani intervistati nel mese di gennaio (61%) prevede che il loro fatturato crescerà di almeno il 10% nel corso dei prossimi 12 mesi: si tratta di un netto miglioramento rispetto al sondaggio di ottobre, quando solo meno della metà degli intervistati (43%) lo riteneva possibile.YPO (Young Presidents’ Organization) è il network no profit globale che riunisce giovani amministratori delegati under 45. Sono a disposizione per commentare i dati italiani e internazionali Michele Raucci, presidente di Sixiang Holding, e Diego Andreis, Managing Director di Fluid-o-Tech, entrambi membri di YPO.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

ECB preview: the devil in the QE detail

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 gennaio 2015

merkel angelaBy Andrew Bosomworth Managing Director, Head of PIMCO portfolio management in Germany. When the European Central Bank’s (ECB) Governing Council gathers on 22 January 2015, their discussion will turn to the final touches of “how” to implement quantitative easing (QE), not “if” and “when”. Even Germany’s Chancellor Angela Merkel, speaking at the Deutsche Börse’s New Year reception on Monday night, 19 January, in ECB President Mario Draghi’s presence, signaled her only request was that any ECB policy action must not give eurozone member states the impression that “what needs to be done in the fiscal and competitive spheres could be pushed into the background.”PIMCO’s baseline view is broadly in-line with market expectations (see table below). We think the ECB will implement an expanded asset purchase programme in the amount of €500 to €1,000 billion focused on government bonds, distributed using the ECB’s capital key as guidance and will probably include some form of partial risk sharing.We expect the ECB’s QE to have a similar effect as QE programmes by other central banks, such as the U.S. Federal Reserve, have had in the past. Importantly, the desired impact of QE on the economy will depend on how eurozone governments’ respond. By lowering the cost of financing, QE could help eurozone governments’ efforts to spur growth, for example through growth-enhancing reforms or investment in productive infrastructure. By exchanging newly created reserves for government bonds, QE will compress risk premia on other financial assets, such as mortgages, corporate bonds and stocks, and lower the euro’s external exchange value. Much of these financial effects, however, are already discounted. We think the market’s reaction, therefore, will likely hinge on three inter-related modalities of how QE is designed: risk-sharing, size and distribution. In our view the risk to eurozone taxpayers from large-scale government bond purchases by the ECB are similar to a massive eurobond issued by eurozone member states with several liabilities. Since there is no political consensus among eurozone member states to issue eurobonds, the ECB’s critics claim QE is tantamount to eurobonds via the back door by unelected officials – and therefore wrong.The problem lies in how the ECB might share eventual losses. The typical solution is to distribute such losses over each national central bank (NCB) in accordance with their share of paid-up capital in the ECB. There are three possible options: full, partial or no risk-sharing by each NCB on eventual losses on the bonds purchased under QE. At face-value, the no risk-sharing option might diminish the efficiency of QE because it sends a signal of disunity, i.e., at the zero lower bound, there are limits to what monetary policy in a monetary union can achieve.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conti pubblici: siamo rovinati

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 agosto 2014

Ministro brunetta“Oggi siamo a -0,2% nel secondo trimestre, vale a dire un acquisito di -0,3% sull’anno, il che vuol dire che se tutto va bene siamo rovinati, come diceva una battuta. E Lei, ministro Padoan, insegna che sulla base del dato del Pil previsto si costruiscono i conti pubblici, si costruisce tutto, si costruisce il gettito, si costruiscono le previsioni delle entrata, si costruiscono le previsioni delle uscite”. Così Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo in Aula a Montecitorio, dopo l’informativa urgente del ministro dell’Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, sulla spending review e sullo stato dei conti pubblici.“Sbagliare di 0,8 non è indifferente, vuol dire che salta tutto, specie se a questo ‘salta tutto’ poi aggiungiamo il fallimento di politiche attuali e del recente passato. Sulla spending review Cottarelli non è il solo che ha fallito, hanno fallito anche quelli prima di lui. Se a questo aggiungiamo il fallimento sulle liberalizzazioni, sulle dismissioni. Ce lo ricordiamo tutti l’1% di dismissioni dell’ottimo Grilli? Neanche un euro è stato dismesso, nulla è venuto, altro che 16 miliardi di euro”.“Beh, abbiamo la possibilità di fare una previsione assolutamente negativa anche su queste altre poste. Ne conseguirà, professor Padoan, un 2014 nero. Ma Lei sa che se il 2014 è nero questo darà un trascinamento negativo anche al 2015? Non spiego a Lei cos’è un trascinamento. È l’eredità negativa di un anno sui primi trimestridell’anno successivo”. “Quindi con questi dati non solo noi chiudiamo male il 2014, ma ipotechiamo negativamente il 2015. Il che vuol dire disoccupazione crescente nel 2014, disoccupazione crescente nel 2015, e solo se ci sarà un’inversione di tendenza duratura, di almeno un anno nel 2015-2016, noi potremmo vedere la luce occupazionale, con qualche segno più, tra il 2016 e 2017. Glielo va a spiegare Lei questo ai nostri giovani, professor Padoan?”.“Per questa ragione dico: come si fa, di fronte a queste considerazioni, a far finta di nulla? Come si fa a dire ‘1000 giorni’, ‘5 provvedimenti’?”, sottolinea Brunetta.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Parlamento dà il via libera all’adozione dell’euro da parte della Lituania

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 luglio 2014

banca europeaNella risoluzione approvata mercoledì, il Parlamento si è dichiarato favorevole all’adesione della Lituania alla zona euro dal 1° gennaio 2015. Questa votazione è in linea con la raccomandazione della Commissione europea e col sostegno politico dei Capi di Stato o di governo espresso durante il Consiglio europeo di giugno.La raccomandazione del Parlamento è stata approvata con 545 voti in favore, 116 voti contrari e 34 astensioni. Con il voto odierno si “approva l’adozione dell’euro da parte della Lituania il 1° gennaio 2015″.”Questa è una buona notizia per la Lituania, gli Stati baltici e la stabilità dell’Europa. Dal 2006 è stato svolto un lavoro intenso, che ha portato a un’inflazione bassa, a un tasso di cambio stabile, a un deficit di bilancio basso e a un rapporto debito/PIL accettabile. Benvenuta nella zona euro, Lituania!”, ha dichiarato il relatore Werner Langen (PPE, DE).I deputati hanno accolto con favore il fatto che la Lituania abbia soddisfatto tutti i criteri di ammissibilità dell’euro: l’inflazione media annuale recente dello 0,6% (ben al di sotto del valore di riferimento dell’ 1,7%); un disavanzo pubblico del 2.1% del PIL nel 2013 (valore di riferimento del 3%) e un rapporto debito lordo del 39,4% del PIL (ben al di sotto del valore di riferimento del 60%). La Lituania sta per diventare il diciannovesimo membro della zona euro, dopo la Lettonia (2014), l’Estonia (2011), la Slovacchia (2009), Cipro e Malta (2008), la Slovenia (2007), la Grecia (2001), e il Belgio, la Germania, la Francia, l’Irlanda, la Spagna, l’Italia, il Lussemburgo, i Paesi Bassi, l’Austria, il Portogallo e la Finlandia (1999).
Il Parlamento europeo svolge un ruolo consultivo nel controllo dell’idoneità dei potenziali paesi della zona euro. Il via libera definitivo è atteso dal Consiglio affari generali del 23 luglio.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Elezioni europee. Un euro del Sud?

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 maggio 2014

EuropeDa piu’ parti si propone di istituire un euro del Nord Europa e uno del Sud Europa. Due economie diverse e, quindi, due monete diverse, si sostiene. Questo risolverebbe i noti problemi che hanno afflitto, e affliggono, i Paesi mediterranei? A nostro parere no. Vediamo.
In pratica l’Italia, insieme al altri Paesi, dovrebbe sganciarsi dall’euro attuale, o dal suo valore, per avere un euro piu’ “debole”, capace di favorire le esportazioni e stimolare le imprese. Cosa succederebbe? Che i risparmiatori farebbero la fila davanti alle banche per ritirare i propri risparmi e investirli nei Paesi ad economia piu’ solida. Le banche, per acquisire liquidita’ dovrebbero ricorrere al mercato o dichiarare fallimento. Le imprese seguirebbero la sorte delle banche. Si creerebbe una situazione simile a quella dell’uscita dall’euro. L’Italia, inoltre, farebbe da capofila, rispetto alle altre economie piu’ deboli, assumendo anche il peso di maggiori oneri finanziari per sostenere le altre economie e mettendo a repentaglio la propria. La soluzione la dobbiamo trovare noi stessi, trasformando questo Paese sclerotizzato da infiniti lacciuoli, pubblici e privati, da corporazioni, sindacati e partiti, in uno Stato e una societa’ efficienti ed efficaci. Conviene a costoro, cioe’ a buona parte dei cittadini? No, purtroppo.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EU-wide penalties for forgers and distributors of counterfeit euro

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 aprile 2014

Euro forgers and distributors will face tougher criminal sanctions EU-wide, under new rules adopted by Parliament on Wednesday and already informally agreed with Council. The directive will also enable prosecutors to make use of investigative tools used to combat serious crimes, including the interception of communications, covert surveillance and the monitoring of bank accounts, to catch the culprits. The euro is one of the three most-used currencies worldwide, making it a target for organised crime groups which specialise in forging money. Innocent citizens and firms currently bear the costs of fake euro, because they are not reimbursed. Since its introduction in 2002, counterfeiting of the euro has led to financial damage of at least €500 million. The maximum penalty for currency forgers under national law must be of at least eight years of imprisonment. For currency distributors, the penalty must be of at least five years. Important preparatory work to these offences, for example the production of counterfeiting instruments and components, should be punished independently.The misuse of legal facilities or material of authorised printers or mints for the production of unauthorised notes and coins for fraudulent use should also be a criminal offence. This would cover, for instance, situations where an employee of a legal printer or mint abuses the facilities for his/her own purposes.As this directive provides for minimum rules, member states are free to adopt or maintain more stringent rules for currency counterfeiting offences.Investigators and prosecutors working on currency counterfeiting cases should be able to use investigative tools already used to combat organised crime and other serious crimes. These tools include intercepting communications, covert surveillance and the monitoring of bank accounts. The use of such tools in accordance with national law should be commensurate with the nature and gravity of the offences under investigation.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Endowing the EMU with a Social Dimension

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 novembre 2013

Our October Viewpoint, co-signed by Jacques Delors and Sofia Fernandes, comes back on the necessity for endowing the EMU with a social dimension treating four complementary issues:
1 – A social dimension based on the completion ofthe EMU and respect for national competences;
2 – A social dimension to limit the negative impact of the single currency on national welfare states;
3 – A social dimension to ensure the smooth functioning of the EMU;
4 – A mainstreamed EMU social dimension toact not as a curb on EU-28 Social Europe but as a driving force behind it.
This social dimension is necessary on several counts: not only to compensate for the impact of the crisis but also to limit the negative impact of the common currency on national welfare states, to ensure the smooth functioning of the euro area and to reconcile Europe’s citizens with the European project.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Verso la dissoluzione dell’euro?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2012

Français : Pièce de 1 Euro du Portugal. Portug...

Français : Pièce de 1 Euro du Portugal. Português: Verso da moeda de 1€ (1 euro) de Portugal. (Photo credit: Wikipedia)

La Germania continua ad imporre politiche di austerità, ciò provoca spinte deflazionistiche e porta a pensare tutti gli europeisti che l’Euro stia per implodere. O il tasso di sconto della BCE scende alla pari di quello della FED allo 0,25% trascinando verso il basso il valore dell’Euro o si adotta una politica di intervento diretto della BCE nel debito degli stati . Non si vive di sola Europa e nel sistema globalizzato o si fanno scendere i prezzi o le imprese chiudono favorendo, ulteriormente, l’ingresso delle merci asiatiche. Valore alto dell’Euro e tassi di interessi bassi,temporaneamente favoriscono solo la Germania. Il risentimento (non giustificato quando le risorse si sprecano con la corruzione, l’evasione, le assunzioni clientelari ecc) nei confronti di questo stato sta dilagando tanto da poter far naufragare l’unità europea. “Possiamo far senza la Grecia” dicono. “Vero “, ma sarebbe solo l’inizio della fine. La Grecia avrebbe solo da perdere nell’uscita ! Ciò solo se dovesse responsabilmente rispondere alle obbligazioni assunte. Ma se seguisse l’esempio, deprecabile, dell’Argentina i problemi li creerebbe agli altri alleggerendosi di un debito di 400 MLD . Il governo olandese è collassato per non essere riuscito a decidere ulteriori manovre di austerità, la Grecia appena uscita da elezioni non riesce ad esprimere un nuovo governo, la Francia non sosterrà più la cancelliera nella politica di rigore. La spirale recessiva si auto – rafforza attraverso la riduzione dei redditi e delle entrate fiscali. Un circolo vizioso che ha trasformato un problema economico in un problema politico, che mette molti governi europei in una situazione insostenibile. La seconda soluzione per il salvataggio dell’Europa passa per l’adozione dell’eurobond o in interventi diretti della BCE nell’aiuto agli stati e non alle banche : prestando agli stati denaro all’1% e non alle banche che poi li girano agli stati al 5-9%. Questa misura potrebbe essere straordinaria e limitata nel tempo per trovare un accordo unitario. L’Europa senza una di queste due misure , non può reggere alla politica di pura austerità, senza saper come potersi finanziare .
(Orlando MASIERO)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Euro Mediterraneo: al via il progetto Euromed Justice III

Posted by fidest press agency su sabato, 5 maggio 2012

Lavori in corso per il progetto Euromed Justice III che porterà alla stesura di una guida per l’accesso alla giustizia. Rappresentanti da Israele, Cisgiordania, Libano, Marocco e Tunisia e alcuni esperti in materia francesi e austriaci hanno partecipato tra il 17 e il 19 aprile scorso al primo gruppo di lavoro sul tema “Accesso alla giustizia e legalità”, che ha assunto il compito della stesura del manuale. Durante l’incontro sono stati presentati il sito web del progetto e tutti gli strumenti ad esso correlati con il relativo calendario di incontri. Nello specifico, due eventi hanno tenuto banco nella tre giorni di Parigi: uno dal titolo “Legalità: un approccio internazionale e l’esperienza francese” realizzata da un esperto del Ministero francese della giustizia e l’altro dal titolo “Introduzione generale sull’accesso alla giustizia e legalità, con specifico riferimento alle minoranze svantaggiate” a cura dell’Ufficio di prevenzione per il controllo della droga e della criminalità delle Nazioni Unite. Con un budget di 5 milioni di euro il progetto Euromed Justice III in programma dal 2011 al 2014 ha lo scopo di sviluppare la capacità e la buona amministrazione nei Paesi del Mediterraneo in campo giudiziario. I rappresentanti dei Paesi dell’area del Mediterraneo hanno stilato una relazione sulla situazione attuale nelle rispettive nazioni cui è seguito un dibattito molto partecipato. È prevedibile che la conclusione dei lavori si realizzerà con cinque incontri entro l’Aprile del 2013. Il prossimo incontro prevede la discussione sulla lunghezza dei procedimenti e sui tempi del processo. Con questo progetto, dunque, si realizza un passo avanti nella modernizzazione dei sistemi giuridici internazionali e nella semplificazione dei processi. (Valeriano Valerio) (fonte aiccre)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi zona Euro: già prevista nel 1997

Posted by fidest press agency su sabato, 3 marzo 2012

Lorenzo Limatola, allora studente di economia alla Bocconi (ora economista esperto in contabilità aziendale), scriveva: “A parità di moneta (Euro), se una zona è meno competitiva di un’altra, costerà di più produrre in quella zona… Dato che costa di più produrre nei Paesi meno competitivi, è corretto dire che le differenze tra i Paesi a moneta unica si scaricano sui prezzi alla produzione… Se la produzione costa di meno nei paesi del gruppo di testa, gli altri si impoveriscono, le aziende chiudono e la disoccupazione aumenta”. 25 anni dopo l’Osservatorio Giornalistico Mediawatch dai propri archivi ha recuperato questo scritto in cui la situazione descritta da Limatola è più che mai attuale. Continua Limatola: “Un Paese sovrano (all’interno della zona Euro) può essere spinto dal proprio elettorato, in punta di mandato, a scegliere di non poter rimborsare il proprio debito. Che impatto avrebbe questo, o l’odore di questo, sulla moneta comune?” “Mi domando, – spiega Limatola, alla redazione di Mediawatch – se uno studente della Bocconi, quale ero io al tempo in cui scrissi queste riflessioni, era riuscito a comprendere le dinamiche che la moneta unica europea avrebbe potuto scatenare, come mai nessuno ha cercato di trovare delle soluzioni a queste problematiche?” “La redazione di Mediawatch può effettuare ricerche sugli archivi dell’osservatorio – spiega CarloVittorio Giovannelli, presidente di Mediawatch – siamo così in grado di creare interessanti case history su ogni fatto di attualità.” (Claudio Bonato mєdiawatch – osservatorio giornalistico)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scilipoti: fuori dall’euro e dall’Europa delle banche

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 dicembre 2011

Credito Italiano

Image by Smeerch via Flickr

“Se è vero quanto affermato dal Ministro Passera che siamo in Recessione e che il Pil 2012 scenderà a -1,6%, ciò significa che, nel 2013, si perderanno ancora posti di lavoro, all’incirca più di Ottocentomila, per cui gli anni che verranno saranno durissimi sotto il profilo occupazionale in generale ed estremamente critici per la sopravvivenza delle famiglie e per le speranze dei giovani”. Così l’On. Scilipoti, segretario politico del Movimento di Responsabilità Nazionale, durante la riunione dell’Esecutivo Nazionale MRN tenutasi a Roma presso l’Hotel “La Griffe”, in riferimento alla difficile situazione economica della Nazione e della inefficacia del DDL proposto dal Governo Monti. “E’ evidente che i contenuti della manovra “Salva-Italia” non sono idonei per rilanciare il nostro Paese; essa serve soltanto a far rientrare le banche delle esposizioni attuali, riducendo i rischi delle stesse”. “Visto che non solo l’Italia, ma anche l’Olanda è in recessione e che la Germania e la Francia sono ferme – continua il leader del MRN – che senso ha rimanere ancora in questo euro essere umiliati e impoveriti? Meglio uscirne subito senza perdere altro tempo”. “Condivido il gesto del premier britannico Cameron che è andato fuori dall’euro restando in Europa, e appoggio in pieno anche quello del francese Le Pen e, tenendo conto che risulterebbe in Germania uno studio su come uscire dall’euro in poche mosse, ritengo a questo punto che, se sacrifici debbono essere fatti dal popolo italiano, spiazzando tutti – conclude l’On. Scilipoti – anticipiamo almeno le mosse a vantaggio dei popoli ridisegnando una nuova Europa più sovrana e solidale”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Euro: Non conviene uscirne

Posted by fidest press agency su martedì, 20 settembre 2011

two dracmas

Image by Darwin Bell via Flickr

Secondo le definizioni l’Europa, cioè la Unione europea, era un gigante economico e un nano politico. Il nano è rimasto ma il gigante traballa e rischia di cadere con fragore. Si dice che sarebbe opportuno che la Grecia esca dall’euro e torni alla dracma. Dopo la Grecia toccherebbe all’Irlanda, al Portogallo, alla Spagna e all’Italia. Alcuni auspicano questa soluzione ma i danni, come detto, sarebbero pesanti. La svalutazione consequenziale delle monete nazionali rispetto all’euro determinerebbe una competizione che non converrebbe ai Paesi euro e indurrebbe forti perdite per le relative imprese e le banche. Per assurdo sono proprio i Paesi “forti” che subirebbero i maggiori danni. Stessi effetti si avrebbero se la Germania decidesse di uscire dall’euro, si avrebbe un forte apprezzamento del marco, minore competitivita’ e banche in crisi per i titoli di stato in euro. Siamo, quindi, “obbligati” a rimanere nell’euro. Non possiamo, pero’, avere una moneta unica, gestita dalla banca Centrale Europea, per 17 Paesi e 17 politiche economiche e sociali. Servirebbe un Parlamento europeo che produca leggi e una Commissione europea che governi. Gli Stati Uniti d’Europa, appunto. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Euro: market tensions

Posted by fidest press agency su sabato, 6 agosto 2011

From Olli Rehn: “I will start by stating the obvious: markets have not reacted as we expected or hoped for to the measures agreed by euro-area Heads of State and Government on 21 July. The spread of bond-market tensions across the euro area is, however, not justified by economic and budgetary fundamentals. Economic recovery is proceeding in most parts of the euro area, while important steps in budgetary consolidation and structural reform are underway across Europe and in particular in those Member States most exposed to market tensions. Some of the reasons for market tensions relate to developments outside of the euro area. Investor sentiment has been negatively affected by the impact of the debt ceiling negotiations in the United States and recent data suggesting a soft patch in the global economy. But other sources of tension can be found closer to home. While the 21 July agreement is a milestone in our management of the sovereign-debt crisis, we have had difficulties in communicating the agreement to the markets. Such a comprehensive, detailed and technically complex agreement requires time to implement. But there were expectations in financial markets that all elements could be implemented immediately. While these expectations were clearly unrealistic, markets have nevertheless been disappointed. Two weeks ago, the euro area leaders re-affirmed their commitment “to do whatever is needed to ensure the financial stability of the euro area as a whole and its Member States.” The political will to defend the euro should not be underestimated. Since the onset of the crisis, euro area leaders have always proven that they could take the necessary decisions and a continuously evolving situation. Let me recall what The French and German finance ministers, Francois Baroin and Wolfgang Schäuble, said only a few days ago: “Rebuilding confidence in the eurozone will require patience, considerable stamina and vision. Our path is demanding…We have embarked on a way to ever closer co-ordination and co-operation of our national fiscal policies…” Yesterday, President Barroso wrote to the Heads of State and Government urging them to ensure full and rapid implementation of the 21st July agreement. The reason for me being here today is to do a follow-up on that letter, explaining how the various measures agreed to are being implemented, and how we are addressing market concerns about the management of the sovereign debt crisis. I am of course focusing on the work-streams and policy actions where the Commission has relevant responsibilities and policy competences”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salvare l’euro. La politica e la finanza

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 luglio 2011

La grande crisi del 2008 è stata causata prioritariamente dalle istituzioni finanziarie americane le quali, complici regole carenti e grande liquidità, hanno posto in atto comportamenti scellerati innalzando fino all’inverosimile il livello di rischio delle loro operazioni finanziarie.
La crisi dei debiti sovrani dell’area Euro, crisi della quale l’Italia sta pagando in questi giorni le conseguenze, ha un’origine tutta politica. Mi riferisco in particolare ai politici europei. L’Italia certamente ha una classe politica complessivamente inqualificabile, ma le vere colpe politiche di questa situazione vanno ricercata nell’incredibile ignavia e miopia di chi realmente comanda in Europa, a cominciare dalla Merkel. L’intollerabile lentezza con la quale hanno affrontato il problema della Grecia, ha generato prima il contagio al Portogallo e l’Irlanda e adesso l’accatto all’Italia, che per il momento sembra fallito. Purtroppo, a giudicare dalle prime reazioni politiche di ieri e di oggi, bisogna ancora una volta costatare che questi politici stanno per l’ennesima volta sottostimando la dimensione del problema. Penso che possa essere utile far capire ai moltissimi risparmiatori italiani che possiedono titoli di stato alcuni concetti nel modo più chiaro possibile.
La nostra nazione ha un debito pubblico molto elevato, ma anche molto ben gestito ed è perfettamente sostenibile in condizioni finanziarie normali. Il problema più grande dell’Italia non è il suo debito pubblico, ma il basso livello di crescita dell’economica. Il debito deve diminuire, questo è ovvio, ma contemporaneamente si deve stimolare la crescita attraverso le molte “riforme a costo zero” che da troppi anni non si fanno.
1. Nessuna nazione (comprese: USA, Inghilterra, Giappone, Francia, Germania, ecc.) può reggere ad un attacco ai propri titoli di stato che si protrae per giorni o settimane. Se il debito è quindi sostenibile in condizioni normali, non lo diventa più se le vendite incontrollate non si placano immediatamente (mentre scrivo ci sono riacquisti importanti, ma non possiamo certo dire di essere fuori dal problema).
2. Vendere i titoli di stato per la paura di un successo dell’attacco speculativo è la cosa più sbagliata che si possa fare. I grandi investitori che hanno venduto titoli di stato italiani nei giorni passati sanno calcolare tutti i rischi e le alternative. Il risparmiatore normale che si fa prendere dalla paura rimarrà quasi certamente scottato. Accodarsi alla speculazione è quasi sempre una pessima idea.
3. Non ci sono alternative ad una soluzione politica. Questo è il punto fondamentale. Non possiamo aspettarci la fine del problema se non verranno prese incisive misure politiche (possibilissime, manca solo la volontà politica!) ma al tempo stesso non ci sono alternative possibili per gli investitori. La mancata soluzione del problema dell’Euro, infatti, condurrebbe ad una crisi tale che nessuna attività finanziaria alternativa verrebbe salvata. Avere i soldi sul conto corrente (o su altre obbligazioni) non metterebbe certo al riparo da un’uscita dell’Italia (e di molti altri Paesi) dall’Euro. Gli investitori non posso far altro che sperare che i politici europei si sveglino da questo incredibile torpore che li ha colpiti da oltre un anno.
• Ma cosa dovrebbero fare, esattamente? Ovviamente chi scrive non ha alcun titolo per dare consigli, ma le ricette sono state da tempo indicate da molte fonti autorevoli.
Fino ad oggi il problema principale è stata la tempistica. Non è stato fatto poco, ma è stato fatto troppo tardi. Questo ha ingigantito il problema e resa insufficiente la medicina che sarebbe stata adeguata se fosse stata assunta con tempismo. Quello che i politici sembrano non capire è che nei mercati finanziari i tempi non sono minimamente paragonabili a quelli della politica. In tre giorni può cambiare completamente lo scenario: o si agisce subito oppure bisogna reagire ad un scenario diverso. La crisi Greca andava bloccata immediatamente. Non si è fatto e quindi abbiamo avuto la crisi dei debiti periferici (Grecia, Irlanda e Portogallo). Si è risposto a questa seconda crisi con misure più incisive, ma sempre dello stesso tenore, come se fossero casi isolati. Il risultato è che adesso abbiamo un attacco diretto all’Euro. Adesso non potranno più rimandare. Se rimanderanno ancora, più presto che tardi si troveranno al bivio: mantenere l’Euro o no?
Non si può avere una moneta unica e diverse politiche di gestione del debito pubblico. I politici europei avrebbero almeno due strumenti in grado di porre immediatamente fine al problema:
• a) la BCE dichiara pubblicamente che acquisterà sul mercato secondario i titoli di stato dei Paesi che hanno dimostrato e di tenere politiche di bilancio virtuose, al preciso scopo di mantenere gli spread sui tassi entro determinati limiti stabiliti. Questa ipotesi è praticabilissima, non ci sono problemi di fondi. C’è solo il rischio (calcolato) di generare inflazione, ma davanti al baratro del fallimento dell’euro, il rischio di un innalzamento dell’inflazione è percorribile. Ricordiamo istituzionalmente la BCE ha due compiti: mantenere la stabilità dei prezzi e mantenere la stabilità del sistema finanziario. La BCE deve trovare un equilibrio tra le due cose. E’ ovvio che senza l’Euro, non c’è stabilità dei prezzi.
• b) gli Stati membri decidono di trasformare una parte consistente (ad esempio il 60%) dei loro debiti pubblici in debiti pubblici del complesso dell’Unione con l’emissione di EuroBond. Questo secondo punto implica, ovviamente, l’istituzione di un ministero della Finanze europeo che abbia stringenti poteri anche sulle finanze interne dei singoli Paesi, e quindi una serie di negoziati e tempi necessariamente lunghi. La trasformazione di parte dei debiti pubblici dei singoli Stati in debito europeo può essere fatto con diverse soluzioni tecniche e diversa gradualità, ma la strada non può che essere quella.
Il solo annuncio di queste due misure bloccherebbe immediatamente la crisi finanziaria.
Perché non si fa? Essenzialmente per la miope opposizione della Germania.La fine dell’Euro sarebbe un disastro per l’economia mondiale. Provocherebbe una nuova recessione e sarebbe un vero e proprio disastro per molte nazioni europee, ma la Germania sarebbe una di quelle che pagherebbe il conto più salato. Tanto per cominciare il proprio sistema bancario difficilmente reggerebbe il colpo. Le conseguenze sarebbero imprevedibili, ma non v’è dubbio che la Germania oggi è così forte grazie all’Euro e non nonostante l’euro. Altre nazioni che fino a 15 anni fa se la cavavano grazie alla svalutazione non possono dire altrettanto.Perché allora questa miopia della Germania? Francamente è incomprensibile.Se avessimo uno statista come Kohl, che impose il cambio alla pari all’epoca delle riunificazione della Germania, alla guida del Governo tedesco avremmo da tempo superato la crisi dell’euro. Il panorama dei leader politici europei invece è fatto di Merkel, Sarkozy, Berlusconi…Nonostante questo, personalmente sono convinto che avendo il baratro davanti agli occhi, anche dei miopi inetti come questi signori non potranno che fare la scelta obbliga di salvare l’Euro. I mezzi a disposizione dell’Europa per farlo ci sono tutti. Non si tratta affatto di un problema irrisolvibile, ma di un problema di volontà politica. (Alessandro Pedone, responsabile Aduc per la Tutela del Risparmio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stabilità dei prezzi nell’area euro

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 maggio 2011

Le tendenze inflazionistiche che di tanto in tanto fanno capolino preoccupano gli esperti. Si fa osservare che è essenziale assicurarsi una contenuta evoluzione dei prezzi per evitare una pressione inflazionistica generalizzata nel medio periodo. In pratica si teme l’effetto domino. Un primo passo in questa direzione è stato compiuto dal Consiglio direttivo della Bce che ha innalzato di 25 punti base i tassi di riferimento. L’ancoraggio costituisce un presupposto necessario affinchè la politica monetaria contribuisca alla crescita economica nell’area. Al tempo stesso si fa rilevare che il Consiglio direttivo continuerà a seguire con molta attenzione tutti gli sviluppi relativi ai rischi al rialzo per la stabilità dei prezzi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il costo del lavoro nell’area dell’Euro

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 gennaio 2011

Il costo del lavoro nel 2010 è diminuito. Questa tendenza si sta ora stabilizzando ma non siamo ancora nella fase di ripresa. La dinamica dell’indice delle retribuzioni contrattuali nell’area dell’euro è scesa all’1,4% nel terzo trimestre del 2010 rispetto al precedente. Per quanto concerne i singoli settori il rallentamento del costo orario del lavoro è stato più pronunciato nell’industria e nelle costruzioni ma si è mantenuto stabile nei servizi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I debiti finanziari dell’area dell’euro

Posted by fidest press agency su domenica, 26 dicembre 2010

Appare oramai chiaro come le principali fonti di instabilità  che possono innescare una crisi includono non solo gli squilibri macroeconomici, ma anche le carenze nei bilanci delle imprese e delle istituzioni finanziarie. In relazione al coinvolgimento del settore privato, infine, sono state avanzate diverse nuove proposte per ovviare ai problemi di coordinamento e informazione e al loro impatto, potenzialmente dirompente, sugli andamenti di mercato. Nessuna delle proposte avanzate, tuttavia, può offrire da sola una soluzione a tutti i problemi che hanno complicato la risoluzione della crisi nel passato più recente. Malgrado i recenti progressi nella risoluzione delle crisi, saranno probabilmente necessari ulteriori sforzi da parte della comunità internazionale per affrontare le problematiche di policy che rimangono irrisolte. Sappiamo a tale riguardo che una delle principali problematiche di policy connesse con le crisi riguarda la difficoltà di trovare il giusto equilibrio fra le tre componenti principali del processo di risoluzione delle crisi stesse. La prima componente è il risanamento interno. La seconda è il coinvolgimento del settore privato (private sector involvement), ovvero i flussi finanziari attinenti ai creditori privati. La terza riguarda i finanziamenti ufficiali, ovvero quelli erogati soprattutto dall’Ifm, dalla Banca Mondiale, dalle banche regionali di sviluppo e, in alcuni casi, dai creditori ufficiali bilaterali. In risposta a tali sfide, la comunità ufficiale internazionale, e soprattutto l’Ifm, sottopone ad un continuo riesame la propria esperienza nella gestione delle crisi, sulla base di rapporti sia interni che esterni. L’independent evolution office, istituito dall’Fmi perr favorire valutazioni  obiettive e indipendenti sulle questioni attinenti la propria attività, potrà essere chiamato a svolgere un ruolo sempre più importante in questo processo di revisione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »