Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘eurodeputati’

Gli studenti romani eurodeputati per un giorno

Posted by fidest press agency su sabato, 5 maggio 2018

Roma 7 maggio 2018 a partire dalle ore 16.00 presso il Teatro della Cometa via del Teatro Marcello, 4. Gli studenti saranno chiamati a discutere modifiche ad alcuni articoli del Progetto di relazione e si cimenteranno nella stesura di emendamenti, si troveranno coinvolti in negoziati di compromesso e dovranno compilare liste di voto. Presenteranno poi le loro proposte in interventi di quattro minuti di fronte alla giuria che dovrà decretare la classe vincitrice.
Saranno presenti, in qualità di membri della giuria, l’On. Silvia Costa (TBC); Alessio Di Francesco, giornalista Radio Radio; Tiziana Di Simone, giornalista Radio 1 – Caffè Europa; Maria Antonietta Spadorcia, giornalista redazione politico TG2 e Mariano Avagliano di Italia Camp.
In una vera e propria simulazione della plenaria del Parlamento europeo, gli studenti di alcune scuole romane saranno eurodeputati per un giorno e si sfideranno in una gara di oratoria per convincere una giuria di politici e giornalisti sulle loro proposte di modifica di alcuni articoli della strategia dell’Unione europea per la gioventù. Torna, con questa iniziativa, il progetto New Generation EP, promosso dall’Ufficio di collegamento del PE in Italia, teso a fornire ai giovani una maggiore informazione sul ruolo e sul funzionamento del Parlamento europeo.

Posted in Roma/about Rome, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Eurodeputati commissione Sicurezza e difesa in Italia per fare il punto sulla cooperazione Nato Ue nel Mediterraneo centrale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 luglio 2017

parlamento europeoUna delegazione di quattro eurodeputati della Sottocommissione Sicurezza e Difesa del Parlamento europeo sarà in visita istituzionale al centro di coordinamento dell’operazione Triton di Roma, alla sede Frontex di Catania e al quartier generale della Nato a Napoli da oggi, 17 luglio 2017, fino a mercoledì 19 luglio 2017.Gli eurodeputati faranno una verifica di prima mano della collaborazione fra autorità italiane, Frontex e Nato per il controllo del Mediterraneo centrale e per quel che riguarda la lotta al traffico di esseri umani e le operazioni di search and rescue in mare. Dopo la dichiarazione di cooperazione fra Nato ed Unione europea firmata a Varsavia lo scorso anno, gli europarlamentari faranno una prima valutazione di come un tale acordo stia funzionando.Fra gli incontri istituzionali previsti, nel pomeriggio di oggi, 17 luglio 2017, la delegazione incontrerà il sottosegretario di Stato al Ministero della Difesa Domenico Rossi e il presidente della III commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera dei Deputati Fabrizio Cicchitto.
La delegazione sarà composta dai seguenti eurodeputati:Anna Fotyga (ECR/PL, presidente),Ivo Belet (PPE/BE),Lorenzo Cesa (PPE/IT), Doru Frunzulica (S&D/RO).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eurodeputati all’Ilva di Taranto

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

TarantoTaranto Dal 17 al 19 luglio 2017 una delegazione di eurodeputati della Commissione per le Petizioni (PETI) del Parlamento europeo si recherà in visita a Taranto per incontrare le autorità italiane e approfondire le problematiche e i recenti sviluppi legati all’impatto dello stabilimento industriale dell’Ilva e della raffineria dell’Eni sulla salute dei cittadini e sull’ambiente.Durante il primo giorno di visita istituzionale in Italia, 17 luglio 2017 gli eurodeputati saranno accolti presso la Prefettura di Taranto, dal Prefetto Donato Cafagna e dal sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, e incontreranno una rappresentanza di cittadini per un breve scambio di vedute.Nella mattinata del 18 luglio 2017 gli europarlamentari visiteranno gli stabilimenti dell’Ilva, dove incontreranno gli amministratori e i commissari dell’impianto. Nel pomeriggio, in Prefettura, gli eurodeputati incontreranno:
esperti dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), il direttore generale dell’Agenzia Regionale Protezione dell’Ambiente (ARPA Puglia) Vito Bruno, la Commissaria alle Bonifiche Vera Corbelli, il direttore generale dell’ASL di Taranto Stefano Rossi e i rappresentanti dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e USB. La delegazione vedrà anche rappresentanti delle Ong locali (Legambiente, WWF, Peacelink, Taranto LIDER AIL). Nella mattinata del 19 luglio 2017 gli eurodeputati visiteranno lo stabilimento dell’ENI di Taranto e incontreranno il direttore della raffineria Remo Pasquali, l’amministratore delegato Carlo Guarrata e i rappresentanti dell’Ong Legamjonici.Alle ore 12.00 del 19 luglio 2017 è prevista una conferenza stampa presso la Prefettura di Taranto.La Delegazione sarà composta dai seguenti europarlamentari:
Cecilia WIKSTRÖM (ALDE, SV) Presidente
Angela VALLINA DE LA NOVAL (GUE/NG, ES)
Josep-Maria TERRICABRAS (Greens/EFA, ES)
Aldo PATRICIELLO (PPE, IT)
Andrea COZZOLINO (S&D, IT)
Eleonora EVI (EFDD, IT)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Eurodeputati Commissione Controllo Bilanci in Sicilia e Calabria

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

cataniaDal 18 al 20 luglio 2016, una delegazione di eurodeputati della Commissione per il Controllo dei bilanci (CONT) del Parlamento europeo si recherà in visita a Catania, Messina e Reggio Calabria per verificare il funzionamento dello Schema Garanzia Giovani, la situazione per quanto riguarda la disoccupazione giovanile e l’utilizzo dei finanziamenti provenienti dal Fondo Sociale Europeo (FSE).Durante il loro primo giorno di visita istituzionale in Italia (18 luglio 2016) gli eurodeputati incontreranno funzionari delle istituzioni europee e rappresentanti del Ministero del Lavoro e autorità siciliane e catanesi fra le quali l’Assessore regionale al Lavoro Gianluca Miccichè, l’Assessore regionale all’Istruzione e alla formazione Bruno Marziano, il Sindaco di Catania Enzo Bianco, l’Assessore alle Politiche sociali Angelo Villari e il Rettore dell’Università degli Studi di Catania Giacomo Pignataro.
Nella mattinata di martedì 19 luglio 2016 gli eurodeputati visiteranno un Centro per l’impiego catanese, dove prenderanno in analisi i progetti finanziati attraverso il FSE e l’Iniziativa per l’occupazione giovanile, per poi recarsi a un Centro ERIS di ricerca, orientamento e formazione.
Alle 11,30 la delegazione incontrerà il vicepresidente dell’Assemblea Regionale Siciliana Giuseppe Lupo presso la sede locale dell’ARS. A seguire, una visita all’Università di Catania, dove gli europarlamentari avranno l’opportunità di saperne di più sui programmi finanziati attraverso l’Iniziativa per l’occupazione giovanile. Al termine di questo incontro, alle ore 12.30, è prevista una conferenza stampa nella sede dell’Università.
Nel primo pomeriggio la delegazione si sposterà a Messina, dove visiterà un altro Centro per l’impiego prima di partire alla volta di Reggio Calabria, per essere ricevuta dalle autorità regionali.All’incontro, che si svolgerà nella sede del Consiglio Regionale della Calabria, prenderanno parte il Presidente della regione Gerardo Mario Oliverio, il Presidente del Consiglio regionale Nicola Irto e l’Assessore regionale al Lavoro Federica Roccisano.
In serata, gli eurodeputati visiteranno il Museo nazionale della Magna Grecia e i Bronzi di Riace.Durante l’ultimo giorno di permanenza in Italia, il 20 luglio 2016, la delegazione visiterà l’agenzia regionale Mo.Ci accreditata presso la regione Calabria nell’ambito dello schema Garanzia giovani e la sede dell’agenzia formativa Do.Mi.È prevista una conferenza stampa per le ore 12.00 nella sede dell’agenzia Do.Mi.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eurodeputati commissione Ambiente Parlamento europeo in visita all’Ilva di Taranto

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 luglio 2016

bariBari. Conferenza stampa domani 15 luglio 2016 a Bari presso la sede della Regione Puglia, ore 11.15Una delegazione di eurodeputati della Commissione per l’Ambiente, la Sanità Pubblica e la Sicurezza alimentare (ENVI) del Parlamento europeo è in visita oggi allo stabilimento dell’Ilva di Taranto, dove incontrerà i commissari e gli amministratori del complesso industriale.La delegazione arriva in Puglia il giorno dopo l’approvazione e la conversione in legge, alla Camera dei Deputati, del decimo decreto sull’ilva (98 del 9 giugno 2016), quindi in un momento chiave per il futuro dell’Ilva e della città di Taranto in generale.Prima della visita, nella mattinata di oggi, la delegazione del Parlamento europeo ha potuto confrontarsi con il Prefetto di Taranto Umberto Guidato, il Sindaco Stefano Ippazio, i rappresentanti dell’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale, il Direttore Generale dell’ASL locale Stefano Rossi, alcune organizzazioni non governative che operano sul territorio – Legambiente, WWF, Peacelink, Legamjonici, Taranto LIDER e Cittadini Liberi e Pensanti – e i rappresentanti dei sindacati (Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil e USB).Nella mattinata di domani, 15 luglio 2016, la delegazione sarà ricevuta a Bari dal Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.
Seguirà una conferenza stampa nella sede della regione Puglia alle ore 11.15.La Delegazione è composta dai seguenti eurodeputati:
– Giovanni La Via, Presidente della Commissione ENVI al Parlamento europeo e capo delegazione (EPP/IT);
– Massimo Paolucci, Nicola Caputo ed Elena Gentile (S&D/IT);
– Piernicola Pedicini (EFDD/IT);
– Eleonora Forenza (GUE/NGL/IT);
– Nikolay Barekov (ECR/BG);
– Jasenko Selimovic (ALDE/SV).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Guardia costiera europea e un sistema centralizzato per le richieste di asilo

Posted by fidest press agency su martedì, 1 marzo 2016

parlamento europeoOggi, gli eurodeputati della commissione Libertà Civili, a partire dalle ore 15, discuteranno con la Commissione europea sul progetto di creazione di una guardia costiera per gestire la pressione migratoria alle frontiere esterne dell’UE, salvaguardando la libera circolazione delle persone.
L’eurodeputata italiana Kashetu Kyenge (S&D) e la maltese Roberta Metsola (PPE) presenteranno la bozza più recente della loro relazione sulla posizione del Parlamento europeo in materia di immigrazione, in cui si propone una revisione della Convenzione di Dublino con un sistema centralizzato per la gestione delle richieste di asilo a livello europeo con soglie prestabilite per ogni Stato membro e un meccanismo vincolante e permanente di ricollocamento di profughi e richiedenti asilo. La relazione verrà votata in commissione Libertà Civili il 16 marzo e in plenaria dal 11 al 14 aprile.Infine, sempre in commissione Libertà Civili si discuterà anche di un progetto di legge con possibili misure per rafforzare i controlli alle frontiere esterne dell’Unione europea e dei documenti di viaggio per il rimpatrio dei migranti che soggiornano illegalmente nell’UE.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Questa settimana al Parlamento Europeo

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo. Migrazione/Schengen. Domani pomeriggio, dalle 15, gli eurodeputati discuteranno con Il Primo Vice- Presidente della Commissione Europea Frans Timmermans, sulla crisi dei rifugiati e sui controlli alle frontiere, sia interne che esterne dell’UE. In un dibattito congiunto, interrogheranno anche la Commissione sulla situazione del fondo UE per i rifugiati in Turchia e sul rispetto del principio di non-respingimento dei rifugiati.
Consiglio Europeo. Mercoledì mattina, dalle 9, gli eurodeputati esprimeranno le loro opinioni circa l’imminente referendum nel Regno Unito in vista del summit dei 28 capi di Stato e di governo del 18 e 19 febbraio a Bruxelles. Al dibattito interverranno anche il Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker e il Ministro degli Affari Esteri Olandese Bert Koenders, in rappresentanza della presidenza di turno dell’UE.
Imposta sui redditi d’impresa. In seguito alle raccomandazioni del Parlamento, domani mattina, il Commissario europeo alla Fiscalità, Pierre Moscovici, presenterà le ultime proposte della Commissione sull’imposta sui redditi d’impresa. verrà discussa anche una bozza di direttiva del Consiglio per contrastare l’erosione della base imponibile e il trasferimento di attività (BEPS), che segue il piano d’azione per le tasse sui redditi d’impresa stabilito dall’Ocse.
Emissioni inquinanti. Mercoledì sarà votata una proposta di veto su una bozza di decisione della Commissione europea, la quale alzerebbe i limiti per le emissioni di Nox per i veicoli diesel del 110% una volta che saranno prese in considerazione le emissioni in condizioni di guida reale su strada e non quelle su banco (le cosiddette real drive emissions RDE).
Status di economia di mercato per la Cina. Un dibattito circa il riconoscimento UE della Cina come “economia di mercato” si terrà oggi pomeriggio con il Commissario europeo al Commercio, Cecilia Malmström. Gli eurodeputati chiederanno alla Commissione quali sono i requisiti presi in considerazione per determinare lo status della Cina come economia di mercato e se si intendono valutare le conseguenze che una tale decisione potrebbe avere sull’industria e sull’occupazione in UE.
Aggressioni sulle donne. Nella serata di mercoledì, gli eurodeputati discuteranno la questione sulle violenze sessuali e gli abusi contro le donne in luoghi pubblici. In un precedente dibattito, che avrà luogo domani, i MEPs chiederanno alla Commissione UE e al Consiglio quando ci sarà un nuovo piano strategico per l’Uguaglianza di Genere e sui Diritti delle Donne. (Il voto sarà mercoledì).
Presidenti di Estonia e Nigeria. Il Presidente dell’Estonia, Toomas Hendrik Ilves, parlerà in Parlamento nella seduta di domani a mezzogiorno. Invece, il Presidente della Nigeria, Muhammadu Buhari, terrà un discorso al Parlamento mercoledì a mezzogiorno.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Eurodeputati italiani al Quirinale: l’Italia in prima linea per un futuro con più Europa

Posted by fidest press agency su martedì, 13 ottobre 2015

QuirinaleUna nutritissima delegazione di eurodeputati italiani ha incontrato al Quirinale, il presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella. Con l’incontro odierno, l’Italia dimostra ancora una volta – in un momento difficile per l’Unione Europea – la sua grande tradizione europeista, riaffermata dal Capo dello Stato e dagli europarlamentari democraticamente eletti dal popolo italiano.
Attraverso un confronto e un dialogo inter-istituzionale, la Presidenza della Repubblica Italiana e la delegazione del Parlamento europeo, hanno tracciato i passaggi futuri di un paese, il nostro, fortemente protagonista in un’Europa che non può fare a meno dell’Italia e degli italiani.”Il Parlamento Europeo non è una proiezione esterna rispetto al nostro Paese”, ha dichiarato il Presidente Mattarella. “L’Italia è membro fondatore dell’Unione e la sua cultura e la sua storia ne contrassegnano fortemente l’identità. L’Europa rappresenta il nostro destino, e ancor più, una grande opportunità democratica. Se oggi non c’è abbastanza Europa nella vita dell’Unione, come ha detto Jean Claude Juncker, tocca a noi comprenderne le ragioni e colmare lo scarto. Con questo spirito sarò con voi a Strasburgo nella sessione plenaria di novembre 2015″.Il primo Vice Presidente del Parlamento europeo, on. Antonio Tajani, rivolgendosi al Capo dello Stato ha affermato:”L’Italia è un grande paese, pilastro e fondatore dell’Unione Europea. Noi siamo europei perché siamo italiani. Il progetto europeo ha dimostrato l’esigenza di un’Europa protagonista sulla scena mondiale”. l’On. David Sassoli, Vice Presidente del Parlamento Europeo, ha affermato: “C’è bisogno di intensificare i rapporti fra Parlamento Europeo e Parlamento italiano per fare squadra in un’Europa che ha bisogno di un’Italia in prima linea. Più il sistema Italia sarà efficiente, più potrà incidere sulla legislazione europea”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eurodeputati nella valle dell’Etna

Posted by fidest press agency su domenica, 27 settembre 2015

valle etna“Se la Sicilia usa bene i finanziamenti provenienti dalla politica di coesione, a guadagnarne non è solo l’isola stessa ma tutta l’Europa”. A dirlo l’eurodeputato socialista francese Younous Omarjee, presidente di una delegazione di dodici rappresentanti della commissione Sviluppo Regionale del Parlamento Europeo in visita fino a domani, 25 settembre, nel distretto della Sicilia orientale per valutare l’uso dei fondi strutturali. “La Sicilia – ha aggiunto Omarjee – ha molte difficoltà ma anche molte potenzialità. I fondi di coesione sono un’opportunità che l’isola non può mancare di sfruttare appieno. In questi giorni abbiamo visitato progetti di eccellenza e abbiamo visto come, quando i finanziamenti europei vengono utilizzati bene, si possono fare cose meravigliose legate alla produzione di energia pulita, all’innovazione tecnologica e allo sfruttamento delle risorse naturali rispettando l’ambiente”.Riguardo i recenti scandali legati al cattivo o mancato utilizzo dei fondi strutturali nel Mezzogiorno, Omarjee ha spiegato: “Sono quattrocento milioni all’anno le malversazioni e le frodi riguardanti i fondi europei, e non riguardano solo i paesi del sud ma molti degli Stati membri dell’UE, quindi non ha senso puntare il dito solo sulla Sicilia”.Gli eurodeputati, nella mattinata di oggi, hanno visitato il Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia e lo stabilimento della 3Sun (all’avanguardia nella produzione di pannelli fotovoltaici). Nel pomeriggio, poi, la delegazione si trasferisce a Modica, dove visiterà il castello restaurato anche grazie ai fondi europei e incontrerà le piccole e medie imprese e i rappresentanti dei produttori di cioccolato. Domani poi il trasferimento a Enna e a Piazza Armerina per visitare altri progetti di eccellenza finanziati anche grazie ai fondi comunitari.Enzo Bianco, sindaco di Catania, incontrando gli europarlamentari in Comune, ha dichiarato: “All’Unione europea, oltre a un maggior aiuto nel gestire l’emergenza immigrazione, chiediamo tre cose: la reintroduzione di meccanismi quali il credito di imposta per le imprese, per premiare quegli investimenti che hanno successo, in altre parole per premiare le imprese che producono realmente. In secondo luogo chiediamo un accesso più diretto ai fondi comunitari da parte dei comuni, con meno intermediazioni e burocrazia possibile. Infine, rompere il circolo vizioso per cui mancano i soldi per la progettazione, e senza progettazione non si può partecipare ai bandi europei e quindi non si accede ai fondi comunitari. La nostra isola, e in particolare il distretto della valle dell’Etna, hanno bisogno di un sistema di trasporti più efficiente e meglio integrato con il resto dell’Italia, di infrastrutture più moderne e di un alleggerimento della burocrazia. Se vinciamo queste sfide, la Sicilia potrà crescere a livelli che anche le regioni del nord Italia non potranno raggiungere nei prossimi anni”, ha dichiarato Bianco.L’eurodeputato popolare sloveno Franc Bogovic ha dichiarato: “I fondi strutturali rappresentano, in alcune circostanze, fino all’80% degli strumenti di sviluppo a disposizione delle regioni. Sono la vera dimostrazione pratica di cosa vuol dire solidarietà a livello europeo, e per questo sono così importanti. La cooperazione fra istituzioni e progetti come quelli che abbiamo visitato oggi è l’unica maniera di fare in modo che i giovani restino in Sicilia”, ha aggiunto Bogovic, sottolineando l’importanza della creazione di una macroregione adriatico jonica, attualmente in discussione al Parlamento Europeo.Derek Vaugham, europarlamentare socialista del Regno Unito, ha sottolineato: “Dobbiamo diminuire la burocrazia legata all’utilizzo dei fondi strutturali. Non dobbiamo inoltre esagerare l’importanza che diamo alla corruzione nell’utilizzo di tali fondi, perché rappresenta solo lo 0,2% del totale. I fondi regionali possono essere utili anche per la gestione dell’attuale emergenza immigrazione, e per questo invito le autorità siciliane ad avviare discussioni in materia con la Commissione Europea”.
Il conservatore britannico Andrew Lewer, ha sottolineato invece la necessità di finanziare solo quei progetti che veramente hanno dato risultati. “In questi giorni – ha detto Lewer -stiamo visitando le eccellenze della Sicilia orientale. Mi piacerebbe però anche sapere di più su quei fondi strutturali utilizzati per progetti che hanno funzionato male o che non hanno funzionato affatto”.
Monika Wana, eurodeputata austriaca dei verdi, ha sottolineato come le politiche di coesione possano essere utili per finanziare progetti che favoriscano l’integrazione, la lotta alle disuguaglianze e la creazione di posti di lavoro rispettando l’ambiente. Questa visita in Sicilia rafforza la mia convinzione che la creazione di più occupazione deve passare sempre per un maggior dialogo con le parti sociali e con la società civile. Solo così i finanziamenti per le politiche di coesione possono funzionare appieno”.Nell’incontro con le autorità regionali, e in particolare con Giovanni Ardizzone, presidente del Parlamento siciliano, gli eurodeputati sono stati informati sul programma di lavoro 2014-2020 per il fondo di sviluppo regionale per la Sicilia, con oltre 4,5 miliardi destinati all’isola nei prossimi anni.L’eurodeputata del PD Michela Giuffrida, che ha voluto fortemente la visita della delegazione nella Sicilia orientale, ha dichiarato: “Sono convinta che ogni deputato europeo abbia un preciso mandato, rappresentare nella volontà popolare il proprio territorio e fare di tutto perchè il divario che alcune regioni devono colmare venga sempre tenuto in considerazione nel lavoro di tutti i giorni. Per questo tengo in maniera particolare a questa visita, perché gli eurodeputati potessero vedere le eccellenze di questa terra ma anche conoscere le autorità regionali e nazionali per tornare poi a Bruxelles con strumenti utili per lavorare a migliorare le politiche di coesione dell’Unione Europea”.La delegazione ha avuto anche un incontro in video conferenza col sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, che ha assicurato che entro il 2015 il governo utilizzerà tutti i fondi strutturali per la programmazione 2007-2013 e che i cinquanta programmi fra regionali e nazionali della programmazione 2014-2020 saranno approvati entro metà ottobre (46 di questi sono già stati approvati e alcuni, ad esempio il programma cultura, sono già operativi).

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Appuntamenti salienti del Parlamento Europeo per la prossima settimana

Posted by fidest press agency su sabato, 29 agosto 2015

parlamento europeo– GRECIA:
Giovedì mattina, 3 settembre, la conferenza dei presidenti (quindi il presidente Martin Schulz e i presidenti dei gruppi politici del Parlamento) discuterà la proposta, avanzata negli scorsi giorni da Alexis Tsipras, che il Parlamento Europeo entri a far parte del cosiddetto “quartetto di creditori” che devono sorvegliare sull’effettiva attuazione del piano di misure concordato dal governo greco per ricevere gli 86 milioni di Euro di aiuti.
– IMMIGRAZIONE:
Giovedì 3 settembre, dalle 10 alle 10,45, la Commissione Libertà Civili discuterà col direttore esecutivo di Frontex, Fabrice Leggeri, sullo stato di attuazione delle regole per la sorveglianza marittima delle frontiere esterne dell’UE. Tali regole sono state approvate dal Parlamento Europeo nel 2014 (http://www.europarl.europa.eu/news/en/news-room/content/20140411IPR43463/html/Migrants-Parliament-approves-search-and-rescue-rules-to-prevent-deaths-at-sea).
Dalle 10.45 alle 11.30, nella stessa Commissione Libertà Civili, Leggeri discuterà poi con gli eurodeputati sulla collaborazione con i paesi terzi in special modo per quel che concerne le politiche relative ai visti.
Si potranno guardare entrambi i dibattiti in streaming al seguente link:
http://www.europarl.europa.eu/ep-live/en/schedule#09012014.
Intanto già lunedì, gli eurodeputati della Commissione Affari Esteri discuteranno della dimensione esterna dell’attuale crisi migratoria.
– DISCORSO SULLO STATO DELL’UNIONE (9 SETTEMBRE):
Il presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, il 9 settembre, terrà di fronte al Parlamento Europeo il suo primo discorso sullo stato dell’Unione. In questa occasione, Juncker presenterà un bilancio di quanto fatto dall’inizio del suo mandato e delle sfide per l’anno a venire.
La prossima settimana, gli eurodeputati discuteranno le posizioni che i rispettivi gruppi politici prenderanno in vista di questo importantissimo intervento.
Giovedì 3 settembre, la Commissione Agricoltura darà la sua opinione su una proposta per consentire o meno agli Stati membri di decidere se ammettere nel proprio territorio cibo e mangimi prodotti con organismi geneticamente modificati. La Commissione Ambiente darà il suo parere finale sulla proposta nei prossimi mesi, prima che quest’ultima venga discussa in plenaria.
PREPARAZIONE ALLA PLENARIA (7-10 SETTEMBRE):
Per tutta la prossima settimana, gli eurodeputati saranno impegnati a preparare la sessione plenaria di Strasburgo, che si svolgerà dal 7 al 10 settembre. Oltre al discorso di Juncker sullo stato dell’Unione, a Strasburgo si avranno votazioni sulla ricollocazione di almeno 40,000 rifugiati e richiedenti asilo da Italia e Grecia in altri paesi dell’Unione Europea, sul commercio di pellicce di foca, sulla clonazione di animali, sui diritti fondamentali nell’Unione Europea e sulla proposta di iniziativa dei cittadini sul diritto all’acqua.
Il Consiglio presenterà inoltre la sua proposta per il bilancio 2016.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eurodeputati: un’attenta mutualizzazione del debito sovrano farebbe bene all’euro

Posted by fidest press agency su sabato, 19 gennaio 2013

Una risoluzione per reiterare la richiesta alla Commissione e agli Stati membri di esplorare tutte le strade possibili per introdurre strumenti di mutualizzazione del debito pubblico è stata approvata mercoledì. Il testo afferma che i rischi di “free-riding” potrebbero essere evitati con soluzioni designate ad hoc, in modo che la mutualizzazione del debito non diventi automaticamente un tabù. È stato inoltre evidenziato la contraddizione dell’Eurozona, che ha una moneta unica ma non un mercato obbligazionario comune.La risoluzione – firmata dalla liberale francese Sylvie Goulard – richiede alla Commissione di stilare una relazione sulle differenti opzioni per mutualizzare il debito pubblico dei paesi dell’Euro, accompagnandola se possibile con una tabella di marcia per la sua introduzione.I deputati richiedono l’istituzione di un fondo europeo di rimborso del debitoLa risoluzione fornisce varie opzioni. Alcune, come il fondo europeo di rimborso, potrebbero entrare in vigore immediatamente o nel medio termine, mentre per altre, come l’emissione comune di debito nazionale o la creazione di un debito comune europeo, si richiederebbero delle modifiche ai trattati.
La risoluzione rileva che il caso dell’Eurozona è unico: malgrado ci sia una moneta unica, manca un mercato obbligazionario o una politica di bilancio comuni. Per arrivare alla stabilità dell’eurogruppo, quindi, il processo di unione va completato e ciò sicuramente porterà degli effetti positivi sui mercati finanziari.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovi poteri d’inchiesta per gli eurodeputati

Posted by fidest press agency su sabato, 15 ottobre 2011

El Parlamento Europeo aprueba la Tasa Robin Hood

Image by Gaiux via Flickr

Bruxelles. Parlamento europeo. La Commissione Affari Costituzionali ha approvato nuove norme per rafforzare l’esercizio del diritto d’inchiesta del Parlamento europeo includendovi il diritto di condurre indagini sul campo, citare testimoni, richiedere documenti e relazioni di esperti. Traendo spunto dalle nuove competenze politiche conferitigli dal Trattato e dalle sue precedenti commissioni d’inchiesta, i deputati ritengono che gli attuali poteri d’inchiesta del Parlamento siano limitati e che, quindi, dovrebbero essere estesi per permettergli di esaminare approfonditamente le presunte violazioni o i casi di cattiva amministrazione nell’applicazione del diritto comunitario. Il rapporto, redatto da David Martin (S&D, Regno Unito), invita il Consiglio e la Commissione a concordare una serie di modifiche dell’attuale diritto di inchiesta del Parlamento europeo, includendo nuove disposizioni in materia di sanzioni e di cooperazione con le autorità locali.
Il diritto d’inchiesta è un elemento importante dei poteri di sorveglianza e, a tal fine, secondo gli eurodeputati, alle commissioni d’inchiesta dovrebbe essere consentito di condurre indagini sul campo, anche ricevendo aiuto e assistenza da parte delle autorità nazionali, chiedere documenti, citare testimoni, sentire funzionari e altri agenti dell’Unione o degli Stati membri e chiedere relazioni di esperti. Se lo ritiene necessario, la commissione d’inchiesta deve poter citare come testimone chiunque sia residente nell’Unione europea. Ai testimoni, preventivamente informati dei loro diritti e obblighi, potrà essere richiesto di prestare giuramento pur mantenendo sia il diritto di rifiutare, sia le altre forme di tutela garantite, in casi analoghi, dalla propria legislazione nazionale.
Secondo le nuove norme, gli Stati membri dovranno prevedere sanzioni per chi si rifiuta di testimoniare o di fornire, senza giustificato motivo, i documenti richiesti, chi fornisce falsa testimonianza e chi corrompe i testimoni.
Secondo le nuove disposizioni introdotte dal Trattato di Lisbona, la nuova proposta di regolamento del Parlamento europeo, per entrare in vigore deve ricevere l’approvazione della Commissione europea e del Consiglio. Una volta completata tale procedura, il regolamento diviene immediatamente applicabile in tutti i Paesi membri.
Dal 1995, quando l’esercizio del diritto di inchiesta è stato introdotto, il Parlamento ha istituito tre commissioni di inchiesta: per indagare sulle frodi in materia di IVA e di dazi doganali in regime di transito comunitario (1995), per la crisi dovuta alla malattia della mucca pazza (ESB) (1997), e per la debacle finanziaria della compagnia di assicurazione “Equitable Life”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: nuovo registro lobbisti

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 maggio 2011

Bruxelles. L’Aula ha approvato mercoledì l’accordo raggiunto fra Commissione e Parlamento su un nuovo registro per i lobbisti e gruppi d’interesse che vogliono avere accesso alle due istituzioni. Il Parlamento ha anche approvato la cosiddetta “traccia legislativa”, la possibilità per i deputati di allegare la lista dei contatti avuti con i lobbisti alle relazioni, e chiesto che il registro diventi obbligatorio e includa anche il Consiglio. Secondo gli eurodeputati, il nuovo “Registro per la trasparenza”, che unifica i registri esistenti di Parlamento e Commissione, contribuirà a migliorare la trasparenza dell’Ue poiché i cittadini potranno facilmente ottenere informazioni su persone e organizzazioni che avvicinano regolarmente le istituzioni europee. Un registro unico dovrebbe inoltre facilitare la registrazione dei gruppi d’interesse. Il cambio di denominazione da registro dei lobbisti a registro per la trasparenza renderà più semplice l’iscrizione per organizzazioni e privati quali think tank o comunità religiose. Il nuovo registro dovrebbe essere disponibile online a giugno di quest’anno.
Nonostante l’appello di numerosi deputati per un registro obbligatorio, l’accordo raggiunto ne prevede solo uno volontario. Per quanto riguarda il PE tuttavia, il registro rimane in pratica obbligatorio, poiché è necessario iscriversi per avere accesso al Parlamento. La risoluzione adottata accoglie con favore l’impegno preso dal Consiglio di partecipare presto al registro comune, pur non avendo quest’istituzione preso parte ai negoziati. I deputati hanno approvato la proposta d’introdurre una “traccia legislativa”, una lista allegata alle risoluzioni con i nomi di tutti i lobbisti incontrati dal relatore durante la preparazione del testo. Il nuovo registro conterrà inoltre informazioni sul numero di persone che svolgono attività di lobbista e se questi ricevono fondi europei e prevederà una procedura per la gestione dei reclami e l’erogazione di sanzioni.
Il Parlamento ha un registro per i lobbisti dal 1996 e la Commissione dal 2008. Il Parlamento ha approvato una risoluzione nel 2008 per chiedere un registro comune, che includa anche il Consiglio dei Ministri. La Commissione e il PE hanno in seguito creato un gruppo di lavoro che ha portata ad un accordo inter-istituzionale nel novembre 2010 per un registro comune.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Primavera araba

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 maggio 2011

Un’UE più unita e decisa nell’affrontare la questione della Primavera araba è stata la richiesta principale formulata dagli eurodeputati, guidati dai gruppi PPE e S&D, durante un dibattito di mercoledì sulla politica estera comunitaria con l’Alto rappresentante Ashton. I gruppi ALDE, ECR e Verdi hanno giudicato l’approccio dell’Unione verso la Siria come non equilibrato e chiesto che il Presidente Bashar al-Asad sia incluso nella lista dei funzionari siriani oggetti delle sanzioni comunitarie. In una delle risoluzioni adottate oggi, l’Aula ha fatto presente a Catherine Ashton, capo della politica estera europea, che per assicurare un rapido cessate il fuoco in Libia bisogna investire in maggiori sforzi diplomatici. È anche necessario che l’Europa assuma un atteggiamento più deciso contro il governo di Siria, Bahrain e Yemen e consegni le autorità nazionali alla giustizia. Il Parlamento ha sostenuto inoltre che la politica estera, di sicurezza e difesa dell’UE necessita di una nuova road map.
La situazione in Siria è “un grande disastro” e sta diventando “la Tienanmen araba”, secondo il leader ALDE Guy Verhoftsadt (BE). Il gruppo liberale, l’ECR e i Verdi hanno chiesto che il Presidente Bashar al-Asad sia incluso “al più presto” nella lista concordata il 6 maggio dal Consiglio per imporre il divieto di espatrio e il congelamento dei beni a 13 alti funzionari siriani.
L’embargo sulle esportazioni di armi nei confronti di Siria, Bahrein e Yemen è una delle richieste chiave fatte agli Stati membri nelle prime due risoluzioni preparate dagli italiani Gabriele Albertini (PPE) e Roberto Gualtieri (S&D). Il Parlamento ha anche esortato l’UE a sospendere i negoziati per un Accordo di associazione con la Siria e ha appoggiato l’idea di sanzioni mirate nei confronti del regime.
Durante il dibattito, il Parlamento ha accolto con grande favore l’annuncio di Ashton che un ufficio UE sarà presto aperto a Bengasi “per assistere le persone e il Consiglio nazionale transitorio”.
Il mandato ONU di protezione dei civili libici non dovrebbe essere esercitato con un uso inappropriato della forza: questo il monito del Parlamento, che ha esortato, nel testo approvato dopo il dibattito, l’Alto rappresentante Ashton a lavorare in stretta collaborazione con le forze d’opposizione libiche – il Consiglio nazionale transitorio – e a “giocare un ruolo forte nel promuovere iniziative politiche” per garantire un rapido cessate il fuoco nel Paese e per fermare gli spargimenti di sangue. L’obiettivo deve essere quello delle dimissioni di Gheddafi e l’invio d’immediati aiuti umanitari a Misurata e nelle altre regioni libiche.
Molti deputati hanno sottolineato la necessità di condurre un’inchiesta sull’uccisione dei dissidenti iraniani nel Campo Ashraf in Iraq. La maggioranza dei gruppi ha chiesto al governo di Israele di restituire le tasse palestinesi ai Territori, mentre i gruppi ECR e EFD hanno criticato la scelta dell’UE di mantenere le relazioni con Hamas, dopo la recente conciliazione con Fatah. “La nostra posizione su Hamas non cambia – ha risposto Ashton – anche se non considero la Flotilla essere la risposta giusta alla situazione umanitaria a Gaza”. Questa è stata la replica all’iniziativa del gruppo GUE di includere due eurodeputati sulla nuova imbarcazione che dovrebbe salpare il 13 giugno.
La pressione per il rilascio dei prigionieri in Bielorussia e le indagini sul presunto traffico di organi in Kosovo sono tra le altre richieste approvate dal Parlamento nelle risoluzioni. Più in generale, il Parlamento ha sottolineato che l’Europa dovrebbe imparare dalle passate esperienze e porre quindi il rispetto per i diritti umani in cima alla propria agenda politica con i paesi terzi e nel contesto degli accordi internazionali, come, ad esempio, per quelli con Russia e India.
Per rafforzare la presenza dell´Europa nell’ambito delle principali organizzazioni multilaterali, una terza risoluzione, presentata da María Muñiz de Urquiza (S&D, ES), chiede un seggio permanente per l’Unione Europea nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. L’Assemblea generale ha votato lo scorso 3 maggio in favore di uno status speciale per l’UE che permette ai funzionari dell’Unione di intervenire durante i lavori, senza diritto di voto.
Aumenta la pressione fiscale
“Il ministro Sacconi, che a Ballarò sventolava i dati Ocse sui conti pubblici, provi a esprimere un parere sui numeri usciti questa mattina. Essi dimostrano palesemente come le uniche posizioni in classifica in cui l’Italia riesce a eccellere sono quelle che riguardano la pressione fiscale a carico di dipendenti e imprese”. Lo afferma in una nota il vice presidente dell’Italia dei Valori alla Cmera, Antonio Borghesi. “Berlusconi – aggiunge Borghesi – la smetta di dire bugie agli italiani. Lui le mani in tasca ai cittadini le ha messe e come. Il fallimento della politica economica del governo è sotto gli occhi di tutti. I cittadini sono sempre più poveri, i salari sono in caduta libera. Come pensano di dare una spinta all’economia senza fare ripartire la domanda interna? Non certo con il dl allo sviluppo alla propaganda elettorale”.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli eurodeputati incontrano i cittadini

Posted by fidest press agency su martedì, 16 novembre 2010

Catanzaro 19 novembre alle ore 10.00 presso la Sala Consiliare del Palazzo della Provincia – Piazza Rossi, 1 è  la prossima tappa di “L’Europa è in città”, iniziativa promossa dal Parlamento Europeo, dalla Commissione Europea e dal Governo Italiano, che – dopo il successo degli incontri di Roma, Bologna, Milano, Bari e Palermo – prosegue in altre città italiane per offrire ai cittadini l’opportunità di dialogare con i propri eurodeputati.  All’incontro prenderanno parte 5 eurodeputati della circoscrizione elettorale meridionale:  Raffaele Baldassarre,, del Gruppo del Partito Popolare Europeo (Democratico Cristiano), Erminia Mazzoni, Gruppo del Partito Popolare Europeo (Democratico Cristiano), Mario Pirillo, Gruppo dell’Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo, Crescenzio Rivellini, Gruppo del Partito Popolare Europeo (Democratico Cristiano).  Parteciperà  il presidente della provincia di Catanzaro, on. Wanda Ferro, e a moderare il dibattito sarà Vinicio Leonetti, inviato della Gazzetta del Sud.   L’incontro di Catanzaro è realizzato in collaborazione con l’Antenna Europe Direct di Catanzaro.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“L’Europa è in città”

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 gennaio 2010

Milano 25 gennaio 2010, ore 10.30, nella Sala Alessi di Palazzo Marino, piazza della Scala 2, vede la partecipazione attiva dei cittadini al dibattito con domande rivolte direttamente ai loro eurodeputati, sui principali temi dell’agenda politica europea. “L’Europa è in città” è un’iniziativa promossa dalla Commissione europea, dal Parlamento europeo e dal Dipartimento per le Politiche Comunitarie in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri. E’ il terzo dei cinque appuntamenti previsti dall’iniziativa “L’Europa è in città”: incontro tra i cittadini italiani e gli eurodeputati della propria circoscrizione elettorale.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Discarico bilancio Ue del 2007 ma non quello del Consiglio

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 aprile 2009

Il Parlamento europeo ha concesso il discarico del bilancio UE per il 2007, tuttavia ha deciso di rinviare la propria decisione in merito ai conti del Consiglio. Quest’ultimo, infatti, non ha fornito ai deputati le informazioni necessarie riguardo alle sue spese, nonostante queste abbiano assunto un carattere sempre più operativo, soprattutto per la Politica estera e di difesa. Riguardo al fondo pensioni degli eurodeputati, l’Aula puntualizza che il Parlamento non coprirà il deficit con il bilancio.  Il Parlamento ha concesso il discarico del bilancio 2007 a tutte le istituzioni, ma ha deciso di rinviare la propria decisione sulla concessione al Segretario generale del Consiglio dei Ministri UE del discarico relativo all’esecuzione del suo bilancio. Approvando con 571 voti favorevoli, 41 contrari e 21 astensioni la relazione di Soren SØNDERGAARD (GUE/NGL, DK), i deputati respingono la posizione del Consiglio secondo la quale la mancata verifica da parte del Parlamento e del Consiglio, in passato, dell’esecuzione delle rispettive sezioni del bilancio sia il risultato di un Gentlemen’s Agreement. Considerano infatti che, alla luce del carattere sempre più operativo delle stesse, «la spesa del Consiglio debba essere verificata con le stesse modalità valide per le altre istituzioni nell’ambito della procedura di discarico». Il Parlamento invita quindi il Consiglio a riesaminare la decisione di non pubblicare e trasmettere al Parlamento una relazione di attività «per essere più responsabile nei confronti del pubblico e dei contribuenti in generale» e rivedere la sua decisione di non pubblicare sul suo sito web la sua relazione annuale d’attività. Inoltre, invita alla «massima trasparenza» nel settore della politica estera e di sicurezza comune (PESC), richiedendo al Consiglio di indicare «l’esatta natura delle spese, articolo per articolo, voce per voce» riguardo alle spese risultanti dall’esercizio di missioni da parte delle Istituzioni, «in modo da consentire al Parlamento di verificare che nessuna delle spese sia di natura operativa».  Anche perché i deputati ritengono che la pianificazione, la preparazione e il controllo di un’operazione da parte del personale della PESC nel segretariato del Consiglio siano componenti fondamentali e imprescindibili dell’operazione, e che tali attività siano svolte nel perseguimento della politica e delle operazioni piuttosto che nell’ambito della normale attività lavorativa del segretariato in seno al Consiglio. Chiedono inoltre trasparenza in relazione alle spese per il coordinatore antiterrorismo dell’UE e da parte dello stesso e di far pervenire al Parlamento una valutazione ex-post delle singole azioni PESD.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

6 e 7 giugno elezioni Parlamento europeo

Posted by fidest press agency su martedì, 31 marzo 2009

L’on.le Gianni Pittella parlamentare europeo rinnova la sua candidatura per le prossime elezioni. E’ una figura politica che ha dato prova di coerenza e d’impegno e il  Partito Democratico nel quale milita ha deciso di ricandidarlo. L’obiettivo è far sì che l’Europa diventi una realtà democratica sempre più vicina agli interessi dei cittadini, delle famiglie e dei lavoratori, capace di migliorare concretamente la vita delle persone. E proprio questa ultima priorità ha ispirato fino ad oggi il lavoro degli eurodeputati del PD al Parlamento europeo. La campagna elettorale dell’on.le Pittella si svolgerà nelle regioni del Sud il cui collegio comprende sei regioni: Abruzzo, Molise, Basilicata, Campania, Puglia, Calabria.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »