Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Posts Tagged ‘europarlamentari’

Copyright – Il mondo del libro scrive a tutti gli europarlamentari italiani: “Votate sì”

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 marzo 2019

L’intero mondo del libro dice Sì alla direttiva Copyright. E lancia un invito – con una lettera aperta (in allegato) siglata dai presidenti dell’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) Rosa Maiello, dal presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Ricardo Franco Levi e dal presidente dell’Associazione Librai italiani (ALI) Paolo Ambrosini – a tutti gli europarlamentari italiani perché sostengano con un “voto positivo questo importante risultato”.“Editori, librai e biblioteche – scrivono i tre presidenti – condividono da sempre un obiettivo comune: quello di adoperarsi affinché nuovi libri raggiungano i propri lettori (…). Il presupposto fondamentale della nostra attività – e nodo cruciale dell’attuale riforma del diritto europeo – è che vi sia un quadro normativo definito che riconosca in un diritto d’autore equilibrato dalla presenza di eccezioni e nella libertà di espressione assoluta e responsabile, gli elementi fondamentali per continuare a promuovere la creatività, l’accesso più ampio possibile, gli investimenti e l’innovazione nella filiera del libro e più in generale in tutte le industrie creative”.Per questo – scrivono – il testo ora al vaglio al Parlamento, che non esitano a definire “di compromesso” è un “risultato importante. Introduce nuove eccezioni a favore della ricerca, della didattica e delle biblioteche, promuove nuove forme per rendere accessibili le opere fuori commercio e aggiorna gli strumenti per valorizzare il diritto d’autore come motore della crescita e innovazione culturale, preservandone al tempo stesso l’indispensabile funzione di libertà e di contrasto dei monopoli”.“Un compromesso – proseguono – che pone le basi per un sistema concorrenziale più aperto ed equilibrato, che tenga conto dei mutamenti occorsi nell’industria dei contenuti nell’era digitale”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La politica si fa in rete?

Posted by fidest press agency su sabato, 15 gennaio 2011

Ne hanno discusso a Bruxelles eurodeputati, inviati e corrispondenti delle maggiori testate internazionali, ed esperti di social media.Tre tavole rotonde hanno aperto il confronto su come le campagne elettorali e il modo di creare e consenso siano cambiati negli ultimi anni.Dai dati raccolti si evince che l’86,9% degli europarlamentari ha usato i siti web personali per comunicare con gli elettori; il 28,5% i blog; il 34,3% la piattaforma Twitter; il 65% la newsletter; il 68,6% i social network come Facebook o MySpace; il 44,5% sistemi di video-sharing come YouTube; il 4,4% Google Adwords. Il 50% degli europarlamentari crede che i siti personali siano efficaci per comunicare con gli elettori e le altre parti interessate. Il 39% ritiene che lo siano i social network. Il 79% pensa che siano molto efficaci i contatti personali. Gli eurodeputati che sono su Twitter ritengono che il vantaggio d’essere presenti sulla piattaforma sia di esprimere direttamente agli elettori il proprio punto di vista (57,4%) e dialogare direttamente con loro (27,9%).
Per il 56% degli europarlamentari è importante cercare su Google contenuti riguardanti le loro azioni. Per il 68% è importante usare il motore di ricerca per avere materiale su questioni complesse. Per la metà degli intervistati è importante l’uso di Google per verificare la copertura mediatica delle questioni.  Quando si tratta di comunicare il proprio punto di vista su questioni politiche, il 69% degli eurodeputati ritiene importante farlo attraverso i siti delle organizzazioni o siti specifici.  Per il 73% degli europarlamentari, il vantaggio di tenere un blog risiede soprattutto nella possibilità di “esprimere il proprio punto di vista direttamente agli elettori”, per il 6% nella possibilità di “far conoscere il proprio punto di vista ai colleghi di Bruxelles” e per il 14,9% nel fatto di poter dialogare direttamente con la gente. Dall’indagine emerge quindi che il 93% degli europarlamentari, per ragioni inerenti all’attività legislativa, utilizza quotidianamente un motore di ricerca, il 69% si informa attraverso la versione online di un quotidiano tradizionale, il 18% usa quotidianamente Wikipedia e il 23% utilizza aggregatori RSS. Riguardo invece i mezzi che gli europarlamentari ritengono più importanti per la divulgazione delle proprie idee politiche, la maggior parte (51%) guarda ai media nazionali, il 39% a quelli locali, il 44% ritiene che lo strumento migliore sia il contatto diretto con la gente (per lettera o per telefono) e il 13% ritiene molto importanti le campagne online organizzate dagli elettori. Secondo il 25% degli europarlamentari, avere un blog o twittare aiuta gli elettori a far conoscere la loro posizione, mentre per il 14% si tratta di strumenti importanti per dimostrare ai politici la loro voglia di trasparenza e partecipazione. Ma per il 45% sono sufficienti un sito web tradizionale e gli incontri diretti. A discutere di questi e altri temi erano presenti diversi eurodeputati, inviati e corrispondenti a Bruxelles delle maggiori testate internazionali, ed esperti di social media.L’evento è stato organizzato dal social think-tank Lo Spazio della Politica in collaborazione con la rivista online Gli Euros.eu è stato sponsorizzato da Telecom Italia

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Auguri ai neo parlamentari europei

Posted by fidest press agency su martedì, 9 giugno 2009

La Presidenza del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa (CCEE) rivolge i suoi auguri ai neo-europarlamentari eletti alla guida del Parlamento Europeo. Ai neo-europarlamentari è affidato il compito di rendere l’Unione, una società più giusta fondata sul rispetto dei diritti umani, sulla dignità della persona, la cooperazione vicendevole, la solidarietà e la sussidiarietà, la giustizia e la difesa della vita. Se l’Unione saprà fornire risposte politiche adeguate alle preoccupazioni e le speranze dei cittadini europei, potrà rispondere alla sua vocazione originaria. Riuniti  a Zagabria, ci auguriamo che tra poco anche la Croazia possa far parte dell’Unione Europea.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »