Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘europee’

Migliorare l’employee experience sarà una delle priorità delle aziende europee nella fase post-pandemica

Posted by fidest press agency su domenica, 18 luglio 2021

Man mano che le aziende passano a nuove modalità di lavoro, si contano sempre più organizzazioni in Europa occidentale che stanno dando massima priorità al miglioramento dell’employee experience, secondo una nuova survey realizzata da Willis Towers Watson. Tuttavia, sebbene i datori di lavoro riconoscano che ci vorrà tempo per adattarsi alla nuova realtà e che questo richiederà un modello di lavoro ibrido, molti non sono pronti ad affrontarne le sfide. Quasi tutte le aziende (91% del totale) hanno dichiarato che migliorare l’employee experience sarà un’importante priorità nel corso dei prossimi tre anni, un forte incremento rispetto al 40% del periodo pre-pandemia. Le motivazioni sono molte: la maggior parte dei partecipanti crede che un’employee experience positiva sia un fattore chiave per il benessere dei dipendenti (81%), l’engagement (74%), la produttività (68%) e l’attraction e retention dei talenti in azienda (67%). La 2021 Employee Experience Survey ha appurato che ci vorrà tempo per adattarsi pienamente alla realtà post-pandemia. Solo il 9% ritiene che la pandemia abbia sufficientemente rallentato per poter porre fine alle politiche e ai programmi temporaneamente messi in atto per l’emergenza sanitaria. Il resto dei partecipanti ha indicato che sarà pronto a farlo durante la seconda metà di quest’anno (42%), oppure nel 2022 e negli anni a venire (49%). Inoltre, mentre i datori di lavoro si aspettano che la proporzione dei dipendenti che lavorano principalmente da remoto scenda dall’attuale 51% al 21% nel corso dei prossimi tre anni, prevedono che un dipendente su tre (34%) lavorerà in modalità ibrida in ufficio e da remoto, raddoppiando l’attuale proporzione (17%). Infatti, quasi nove aziende su dieci (87%) riconoscono che la nuova realtà del mercato del lavoro richiederà un modello ibrido per diversi ruoli lavorativi. Tuttavia, molte non sono pronte a realizzare ciò. Solo quattro su dieci partecipanti nell’Europa occidentale (42%) stanno programmando di adattare i percorsi di carriera in risposta ai cambiamenti della modalità in cui il lavoro viene svolto e una percentuale simile (39%) sta ridefinendo i pacchetti di Total Rewards al fine di tener conto di differenti profili professionali. Oltre la metà delle aziende (57%) dichiara flessibilità riguardo a dove e quando il lavoro viene svolto. L’uso della digitalizzazione per trasformare l’employee experience in modo radicale sarà fondamentale nel corso dei prossimi tre anni secondo una ampia quota di partecipanti (75%). E gli ambiti in cui le aziende hanno dichiarato di essere interessate a migliorare l’employee experience, migliorando l’offerta o modificando alcuni elementi dei loro programmi per venire incontro ai bisogni dei loro dipendenti, includono: learning & development (63%); formazione manageriale (61%); inclusion & diversity (61%) e organizzazione flessibile del lavoro (59%).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Per le Giornate Europee dell’Archeologia visita a spettacolari Templi sotterranei

Posted by fidest press agency su sabato, 12 giugno 2021

Chiara Grassetti (Ref. Giornate Europee dell’Archeologia – Archeoclub d’Italia): “In Puglia il Tour degli Ipogei, entreremo in veri Templi sotterranei, spettacolari! In Sicilia la Paternò sotterranea e l’Acropoli. In provincia di Catania, una chiesa bizantina. Ad Aidone la Dea di Morgantina a 10 anni dal suo rientro in Patria. Vedremo importanti testimonianze di epoca romana e tardoantica, come ad esempio l’Acquedotto che portava l’acqua dalle sorgenti alle falde di monte Kalfa a Taormina. Immersi nella piena vegetazione ammireremo siti di epoca imperiale. Riportata alla luce al di sotto di un Hotel, c’è a Cefalù la necropoli ellenistica dell’antico phrourion di Kephaloidion e la vedremo! Al Parco Archeologico di Lentinoi – visita ai nuovi scavi inaugurati. La campagna di scavi è condotta dall’Ecole Française de Rome sotto la guida del Prof. Jean Christoph Sourisseau. Nelle Marche l’Antica Jesi. riqualificazione dell’area archeologica dell’abbazia di San Savino”, Archeoclub sede di Jesi in collaborazione con il Comune ed il liceo Scientifico Statale “L. Da Vinci” organizzerà operazioni di manutenzione ordinaria e valorizzazione dell’antica abbazia di San Savino. In Basilicata apriremo i depositi del Castello di Melfi e sarà un’apertura esclusiva”

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Azioni europee: l’apice del pessimismo è ormai alle nostre spalle

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2021

A cura di Ann Steele, Gestore di portafoglio di Columbia Threadneedle Investments. Vi sono motivi di ottimismo per il 2021. Dimenticatevi la ripresa a forma di “U”; la lettera del 2021 è la “V” di “vaccino”. Secondo il nostro scenario di riferimento, nella prima parte del 2021 in Europa si assisterà alla distribuzione dei vaccini, che consentirà a imprese e consumatori di iniziare a tornare alla normalità. Anche in caso di ritardi e ulteriori chiusure, l’impatto economico del Covid-19 dovrebbe ridursi notevolmente nel nuovo anno. Ci aspettiamo una netta ripresa degli utili delle società penalizzate dal virus, nonché sostegno dalle misure di stimolo fiscale a livello europeo, iniezioni di liquidità dalle banche centrali e una ripartenza per aziende e consumatori.La disoccupazione dovrebbe salire, ma molti dei consumatori europei che hanno mantenuto il lavoro hanno costituito riserve di liquidità, come dimostrato dal saggio di risparmio delle famiglie nell’eurozona, che nel secondo trimestre 2020 ha raggiunto un record massimo del 24,6%.1 L’Unione europea ha approvato un pacchetto di stimoli da 750 miliardi di euro2 per contrastare la pandemia, inoltre il quantitative easing e i tassi d’interesse ai minimi storici della Banca centrale europea, della Bank of England e di altri istituti centrali europei dovrebbero protrarsi nel 2021.Numerose società europee hanno tagliato i costi e migliorato l’efficienza operativa sulla scia del Covid-19. Ragion per cui la nostra tesi centrale parte dal presupposto che le azioni europee godano di un buon supporto. Ciononostante, riteniamo che alcune aziende non sopravviveranno o saranno penalizzate dalla crisi. Quindi, data la presenza di leader e fanalini di coda, le performance come sempre dipenderanno dalla selezione dei titoli.Siamo dell’idea che i vincitori europei del 2021 ricadranno in due categorie. La prima è composta da società competitive a livello mondiale con marchi validi, solidi team dirigenziali e un forte potere di fissazione dei prezzi. Spesso i modelli di business di queste aziende hanno salvaguardato i loro utili nel 2020 e in alcuni casi, come sanità e tecnologia, hanno permesso loro di trarre vantaggio dal contesto di “nuova normalità”.La seconda riunisce quelle società che hanno subito un calo degli utili ma anche un crollo delle quotazioni, titoli fortemente ipervenduti a fine anno, che in alcuni casi non meritavano una punizione così severa. Ci aspettiamo che molti di questi titoli evidenzino una solida ripresa degli utili nel 2021. Inoltre, mentre il 2020 volge al termine, molte società europee sono talmente a buon mercato da farci ipotizzare un boom delle operazioni di fusione e acquisizione.Alla luce di ciò, proprio come nel 2020, la selezione dei titoli sarà fondamentale e farà leva sui maggiori punti di forza di Columbia Threadneedle Investments, dove le decisioni di investimento sono supportate da un team completo di analisti settoriali esperti.
Oltre al vaccino, altri due temi influiranno sui mercati azionari europei all’inizio del 2021: i rapporti tra Londra e Bruxelles dopo la Brexit e l’impatto dell’arrivo di Joe Biden alla presidenza degli USA.Occorre mettere in conto potenziali perturbazioni degli scambi commerciali tanto per le imprese britanniche quanto per quelle europee l’anno prossimo, a causa della riorganizzazione delle catene di produzione. Tuttavia, tenuto conto della buona volontà di entrambe le parti di appianare i dissidi, prevediamo che eventuali problematiche di grossa entità avranno vita breve.Da parte sua, la vittoria di Biden ha già prodotto un impatto positivo sui mercati globali: gli indici azionari hanno messo a segno forti rialzi all’indomani delle elezioni e man mano che venivano annunciate le alte cariche della nuova amministrazione. Il clima tornerà probabilmente in primo piano a livello globale, specialmente alla luce dell’imminente Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico nonché della promessa della Cina di azzerare le emissioni nette di carbonio entro il 2060. Ciò è positivo per le strategie che applicano criteri ambientali, sociali e di governance (ESG). Il 2020 è stato un anno complesso per gli investitori. Dal suo punto di minimo al suo punto di massimo (durante il lockdown di marzo, all’apice del pessimismo), l’Euro Stoxx 50 Index ha ceduto quasi il 40%.4 Ma alle porte del 2021 il pessimismo è ormai acqua passata. E per gli investitori azionari ciò significa che vi sono potenziali guadagni da inseguire.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Importanti cambiamenti all’orizzonte per il 2021: Azioni europee

Posted by fidest press agency su sabato, 12 dicembre 2020

A cura di Columbia Threadneedle Investments. By Ann Steele Gestore di portafoglio, Azioni europee. Nel 2021 il mondo cambierà! La Brexit si sarà conclusa, vi sarà un nuovo presidente alla Casa Bianca e i vaccini contro il Covid-19 saranno disponibili. I trend negativi del 2020 non si sono ancora del tutto esauriti, ma possiamo essere ottimisti. Ci aspettiamo una netta ripresa degli utili di società penalizzate dal virus, nonché sostegno dalle misure di stimolo fiscale, abbondante liquidità e una ripresa per le aziende e i consumatori. L’Europa vanta un gran numero di aziende solide con marchi validi, competitive a livello globale e che possono contare su un eccellente potere di prezzo e su un’ottima gestione. Gli utili dovrebbero recuperare terreno e le società che hanno retto alla crisi e che sono state ipervendute nel 2020 dovrebbero registrare un rimbalzo. Alcune aziende non sopravviveranno o saranno penalizzate dalla crisi. Quindi, data la presenza di leader e fanalini di coda, le performance come sempre dipenderanno dalla selezione dei titoli. La Brexit potrebbe danneggiare notevolmente le imprese sia europee sia britanniche. Un’uscita senza accordo è ancora possibile, ma appare più probabile un accordo “di base”, in quanto la buona volontà di entrambe le parti dovrebbe assicurare il raggiungimento di un’intesa. Tuttavia la complessità delle catene di produzione e delle operazioni continua a far temere potenziali destabilizzazioni. Nel 2021, Joe Biden potrebbe concordare un’agenda globale comune con la Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, con un nuovo orientamento degli Stati Uniti sul tema. Tenuto anche conto del recente annuncio dell’intenzione della Cina di azzerare le emissioni nette di carbonio entro il 2060, tali sviluppi potrebbero inaugurare l’avvio di una politica coerente su scala globale; è quindi essenziale rivalutare il posizionamento sui temi ambientali a livello mondiale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Le risorse europee vanno sfruttate al meglio per il futuro delle nuove generazioni”

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 novembre 2020

Marcello Messori, Professore di Economia Europea e Banking and Financial Regulation alla LUISS e Direttore della School of European Political Economy approfondisce, per il magazine Genio & Impresa il piano degli investimenti europei. Una delle proposte che potrebbe essere una straordinaria opportunità per l’economia italiana è sicuramente il programma Next Generation EU: per la prima volta l’Unione Europea ha deciso di centralizzare l’emissione di un ingente ammontare di titoli di debito (750 miliardi di euro) da ripartire fra gli Stati membri in base all’impatto dello shock pandemico e ai preesistenti squilibri economici. “Basti pensare che attraverso questo piano europeo il nostro Paese ha ottenuto il più elevato ammontare di risorse in valore assoluto: circa 210 miliardi di euro, ripartiti in circa 90 miliardi di trasferimenti e 120 miliardi di finanziamenti a lungo termine a tassi di interesse prossimi a 0 – afferma il prof. Marcello Messori – Il disegno strategico degli investimenti e delle riforme da realizzare può essere ora finanziato con un ammontare di risorse ingente che, se utilizzato per iniziative rivolte all’innovazione digitale e alla sostenibilità ambientale e sociale, rappresenterebbe un grande passo avanti per l’economia. Le istituzioni europee ci stanno offrendo la straordinaria opportunità di allentare la scarsissima capacità fiscale per un congruo ma limitato periodo di tempo. Se il Paese dissipasse tale opportunità e usasse le risorse europee in modi inefficienti, gli squilibri macroeconomici italiani si aggraverebbero e il debito pubblico diventerebbe insostenibile”. Fra le altre iniziative europee di politica fiscale e monetaria vanno citate il SURE, lo strumento sviluppato per finanziare interventi di sostegno alla disoccupazione temporanea, 10 miliardi che l’Europa ha destinato all’Italia e il Meccanismo Europeo di Stabilità (MES), detto anche Fondo salva-Stati, che potrebbe coprire le spese per il rafforzamento della sanità fino al 2% del PIL del paese richiedente. Il Recovery Fund, programma di finanziamento europeo, mira a rilanciare l’economia dell’UE incentivando e sostenendo l’investimento privato e le riforme relative ai progetti relativi all’innovazione digitale, alla sostenibilità ambientale e sociale. Se approvati, dalla metà del 2021 i singoli progetti saranno finanziati per tranche in base a un sistematico monitoraggio del loro effettivo avanzamento in modo conforme a quanto preventivato. Ma non solo, la BCE ha previsto un ammontare di liquidità pari ad almeno 1.800 miliardi di euro entro la metà del prossimo anno per sostenere le economie degli stati membri. Marcello Messori, uno di dieci fra i più autorevoli analisti italiani, è gli tra autori del volume “Italia 2030. Proposte per il futuro” di Assolombarda. Nelle Conclusioni del volume si riprendono molte delle raccomandazioni specifiche, suggerite all’Italia dalla Commissione europea nel 2019, e si anticipano aspetti rilevanti del programma Next Generation EU, elaborato dalla nuova commissione europea di Ursula von der Leyen al momento del suo insediamento. (by Mirela Ciupitu)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I presidenti delle tre principali istituzioni dell’Unione europea si riuniranno giovedì a Bazoches

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 gennaio 2020

Il Presidente del Parlamento europeo David Sassoli, il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel e la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si incontreranno a Bazoches-sur-Guyonne (Francia) presso la Jean Monnet House, un luogo simbolico per la storia dell’integrazione europea. Discuteranno del futuro dell’UE, compresa la prossima Conferenza sul Futuro dell’Europa, le attuali sfide geopolitiche, nonché le transizioni climatiche e digitali. Il Presidente Sassoli ha dichiarato: “Siamo in attesa di una nuova partenza per l’Europa. Le sfide interne ed esterne che ci attendono ci ricordano che l’Unione europea è più di un potere economico o di mercato, ma rappresenta i valori che tutti condividiamo e difendiamo. Le nostre riflessioni non dovrebbero dimenticare quanto possiamo essere più forti quando agiamo insieme”. I tre presidenti concluderanno le discussioni con una dichiarazione comune, da leggere al Parlamento europeo a Bruxelles la mattina di venerdì 31 gennaio alle 11:00.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commento post elezioni europee

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 giugno 2019

A cura di Andrea Delitala, Head of investment advisory di Pictet Asset Management. Le ultime proiezioni sulla formazione del prossimo Parlamento europeo mostrano che i partiti europeisti, Popolari, Socialisti, Liberali, Verdi e Sinistra, mantengono la maggioranza seppure con una maggiore frammentazione. I sovranisti crescono, ma non si è verificata l’ondata euroscettica che tanti paventavano. Qualunque sarà l’effettiva aggregazione di Governo, rimarrà un Parlamento di impronta europeista, dove le voci di dissenso difficilmente potranno influenzare sensibilmente le politiche. È evidente, però, che ora Popolari e Socialdemocratici, avendo perso la maggioranza assoluta delle preferenze, dovranno cercare nuove alleanze, includendo Liberali, Verdi o entrambi.
I Liberali includono i francesi di En Marche, mentre i Verdi hanno sfondato soprattutto in Germania. Quindi, è evidente che Merkel e Macron, potrebbero spingere in due direzioni diverse: l’inclusione dei Verdi presuppone nuovi equilibri anche interni alla Germania, Macron, invece, punterebbe a superare la logica tedesca del partito ‘dominante’ (e trovare sponda nella nuova ‘Lega Anseatica’). Al momento, non è semplice capire come si chiuderanno i giochi dei raggruppamenti e delle nomine. Il sospetto è che per il candidato dei Popolari Manfred Weber alla Commissione gli spazi si stiano restringendo. L’Italia, il cui governo sarebbe rappresentato solo all’opposizione nel Parlamento Europeo, rischia l’emarginazione e questo non agevolerà il dialogo, in vista della legge di bilancio.
Sul fronte interno, il rovesciamento dei rapporti di forza tra Lega e M5S apre interrogativi sulla tenuta del governo e dello stesso Parlamento: l’ipotesi delle elezioni anticipate resta percorribile, ma deve tenere in considerazione i tempi per l’approvazione della prossima legge di bilancio. Storicamente non ci sono state tornate elettorali politiche in Italia in autunno, pertanto lo scenario centrale è che l’attuale maggioranza possa essere la medesima che discuterà i vincoli di bilancio con la (nuova) Commissione. Si è già visto che quando l’Europa non concede spazi, il livello del confronto interno sale. Quindi si ritenta di forzare questi limiti, ma probabilmente senza grande possibilità di successo. A questo punto un rimpasto di governo a breve o anche nuove elezioni nel 2020 sono più probabili.Dal punto di vista dei mercati, questo voto non cambia in modo rilevante le prospettive europee. Si può immaginare una lieve indicazione positiva per gli asset rischiosi europei per aver superato un (possibile) momento difficile senza traumi. Per un effetto di medio-lungo periodo, però, bisognerà aspettare e vedere se e cosa cambierà nei prossimi giorni, fino alle prime nomine. L’evento più “temibile” sarebbe la nomina di un Presidente non mediterraneo (Weidmann?) alla guida della BCE. L’incidenza negativa, più che sugli asset europei in aggregato, si avrebbe su quelli periferici e l’Italia in particolare. È comunque troppo presto per poter fare delle ipotesi certe.
Sugli asset italiani, invece, i prossimi mesi rischiano di essere volatili: da un lato l’affermazione della Lega a spese del M5S dovrebbe indurla ad avanzare richieste in Europa per aggiungere capacità di spese infrastrutturali o riduzione delle tasse (flat tax). Dall’altro lato l’atteggiamento dell’Europa non sarà accondiscendente, poiché la posizione italiana risulta isolata: la notizia di ieri (lunedì 27 maggio), ad urne appena chiuse, è che la Commissione, il prossimo 5 giugno, potrebbe aprire una procedura d’infrazione all’Italia per mancato raggiungimento degli obiettivi di deficit del 2018. Dejà vu o scontro definitivo? Gli asset azionari europei in questo momento sono meno preoccupati rispetto alla primavera del 2018 sul rischio geopolitico poiché il rischio macro derivante dalle tensioni commerciali è preponderante. Un fattore positivo sia per BTP che per i mercati azionari è che il posizionamento risulta essere molto ridotto rispetto a un anno fa: non ci sono posizioni rilevanti di carry sul BTP da parte di investitori esteri e l’azionario europeo continua a osservare importanti deflussi settimanali (superiori ai €100miliardi cumulativi su fondi ed ETF). Il fattore più preoccupante è che il punto di partenza dello spread (270bp) è molto più vicino alle soglie di allarme (350bp) rispetto al 2018 (in questo momento lo spread del BTP e solo 40bp inferiore a quello del decennale greco).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europee, Santori (Lega): “Trionfo Lega e avviso di fratto per Zingaretti e Raggi”

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 Maggio 2019

Nel trionfo per la Lega di Matteo Salvini in tutta Italia, esultiamo in particolare per il risultato di Roma e della sua provincia e, più in generale, del Lazio dove la Lega conquista il 30% dei consensi e diventa il primo partito del territorio. Il malgoverno del Cinque Stelle a Roma, il malgoverno del Pd nel Lazio, il grande lavoro che abbiamo portato avanti in questo ultimo anno porta a porta, hanno dato i loro frutti. La Lega è un partito serio, credibile, radicato e con grandi capacità di governo. Un’affermazione che lancia da subito due avvisi di sfratto a Regione e Comune. Il PD del governatore Zingaretti, e ancor più il M5S della sindaca Raggi, non sono più al vertice dei gradimento dei cittadini. Il M5S a Roma ha fatto politiche di sinistra e i cittadini di quell’area hanno scelto l’originale, piuttosto che la copia. La Raggi è l’unica responsabile del fatto che il Pd, ancora per poco, sia il primo partito a Roma. Sorprendente il risultato della Lega in periferia. In V, VI, X, XV Municipio, ad esempio, dove siamo il primo partito in assoluto, e con percentuali emozionanti anche in tutti gli altri municipi della Capitale. E importante è sottolineare come si stia delineando un risultato premiante per l’area di centrodestra, rispetto alla quale non esistono attualmente altre coalizioni più forti. Vinciamo sui territori perché parliamo alle persone e ne conosciamo le esigenze. Zingaretti e Raggi ne traggano le dovute e chiare conclusioni, e vadano a casa.E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, dirigente regionale della Lega.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europee: Combattiamo insieme per difesa vita e famiglia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 aprile 2019

“Ringrazio Giorgia Meloni e partecipo con grande affetto a questo importante momento di Fratelli d’Italia nell’ottica delle elezioni europee. Voglio mandarvi questo messaggio: stiamo uniti e combattiamo insieme per sostenere i grandi valori della vita, della famiglia e della libertà educativa. Qualche giorno fa, in Parlamento c’è stata una proposta di Fratelli d’Italia che tentava di dare una risposta parlamentare a tutti o a molti aspetti a noi cari. Da parte della maggioranza è arrivato uno stop, un voto negativo e la cosa ci amareggia e ci dispiace molto ma questo non è altro che la condizione attuale di un governo che ci rappresenta solo in parte”.Lo ha detto il presidente del Family Day, Massimo Gandolfini, in un video messaggio inviato a Giorgia Meloni per la conferenza programmatica di Fratelli d’Italia in corso al Lingotto di Torino.“È per questo che anche le elezioni europee hanno una grande valore e spero che queste istanze antropologiche e morali, alle quali noi crediamo fermamente e per le quali sappiamo bene che l’intera tradizione e storia di Fratelli d’Italia è perfettamente concorde, possano riuscire vincenti, in maniera che finalmente si possa dare vita ad una coalizione di governo, di maggioranza, che rispetti questi temi fondanti della società”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Europee, Cirielli(Fratelli d’Italia): “Via Tajani servo degli euroburocrati”

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

“Forza Italia oramai è solo una debolezza. Un’organizzazione sclerotizzata, con parlamentari con nessuna esperienza di territorio, lontani dal popolo, utilizzati solo per lanciare ridicole note per difendere la poltrona di Antonio Tajani, servo degli euroburocrati. Lui è il primo responsabile della sconfitta del centrodestra alle comunali di Roma e quindi del malgoverno attuale dell Raggi”. È quanto afferma in una nota Edmondo Cirielli, Questore della Camera dei deputati e parlamentare di Fdi.
“Alle loro sciocche polemiche contro Giorgia Meloni potremo rispondere meglio un tedesco alla guida del Parlamento europeo che un italiano servo dei tedeschi, ma in realtà noi vogliamo un italiano che difenda i diritti di tutti i popoli Europei e non consenta che la sua Nazione sia calpestata per gli interessi Franco-tedeschi” – conclude Cirielli

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamentarie pentastellati per le europee da invalidare?

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 aprile 2019

Rousseau, Mollicone (FdI): “Garante privacy conferma nostra denuncia, ora le parlamentarie siano invalidate” “Le osservazioni del garante della privacy su Rousseau e il sistema Casaleggio confermano che, dietro la sbandierata democrazia diretta grillina, si celano interessi di poche èlite dalla chiara ideologia di ispirazione giacobina con la volontá di occupare i gangli principali dello Stato.Invito gli esclusi a fare ricorso per smascherare questa farsa. Le “parlamentarie” vanno invalidate e gli attuali eletti dovrebbero uscire dal Movimento, se in buona fede.”È quanto dichiara Federico Mollicone, deputato di Fratelli d’Italia e capogruppo in commissione Cultura.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le iniziative europee a sostegno del libro tra presente e futuro

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 aprile 2019

Napoli 5 aprile alle 11.30 nella Sala Levante di Castel Sant’Elmo in occasione di NapoliCittàLibro, Salone del Libro e dell’Editoria “Le iniziative europee a sostegno del libro tra presente e futuro. Incentivi e opportunità per gli editori”, a cura dell’Associazione Italiana Editori (AIE) in collaborazione con la Federation of European Publishers (FEP) Un momento di confronto con il responsabile delle Relazioni Internazionali di AIE Piero Attanasio e con il vicedirettore di FEP Enrico Turrin in cui saranno presentate le opportunità di sostegno offerte oggi agli editori, con particolare attenzione ai premi e agli incentivi per le traduzioni del programma Europa Creativa, il più importante programma europeo per la cultura, che dal 2021 avrà anche una linea di finanziamento dedicata al mondo del libro. E con un focus specifico su esigenze e aree che le istituzioni europee devono considerare per progettare nuove ed efficaci modalità di sostegno. L’appuntamento è organizzato all’interno di ALDUS – European Book Fairs Network, iniziativa co-finanziata dal programma Europa Creativa dell’Unione Europea.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Codici: con Calenda il Pd volta le spalle ai consumatori

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 aprile 2019

L’Associazione Codici boccia la candidatura di Carlo Calenda con il Partito Democratico alle prossime elezioni Europee. L’annuncio fatto sabato scorso dal Segretario del Pd Nicola Zingaretti, con al fianco anche l’ex Ministro dello Sviluppo Economico, non è infatti una buona notizia per i consumatori.“Nel febbraio scorso – ricorda il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – Calenda si è distinto per un’uscita che definire infelice è poco. Chiamò le associazioni dei consumatori ‘fabbriche inutili di polemiche’ e, come se non bastasse, si vantò dei tagli che attuò proprio nei loro confronti. Parliamo di uno dei peggiori Ministri dello Sviluppo Economico della storia italiana – afferma il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – e lo dicono i fatti. Il Paese sta pagando i danni provocati dalle scelte che ha preso su Ilva ed Alitalia, senza dimenticare Almaviva, Embraco e Fincantieri. Vedere Calenda tra i protagonisti di un progetto elettorale ci preoccupa – sottolinea il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – perché ci saremmo aspettati, e l’avevamo anche auspicato, che nei programmi per le elezioni Europee venisse dato spazio anche ai consumatori, ma in senso positivo e propositivo, non candidando chi si vanta di aver danneggiato chi li tutela”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un nuovo impulso per le europee del 26 maggio 2019

Posted by fidest press agency su domenica, 16 dicembre 2018

Il Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani e Alessio Rossi, Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria, in conferenza stampa a Roma il 17 dicembre per illustrare l’impegno comune delle due istituzioni nella promozione del voto alle prossime elezioni europee. I Giovani Imprenditori di Confindustria hanno deciso di aderire a Stavoltavoto.eu, la campagna promossa dal Parlamento europeo in vista delle prossime elezioni europee del 26 maggio 2019. Per celebrare questa decisione, che amplia gli orizzonti della campagna iniettando nuovi potenziali volontari, Antonio Tajani ed Alessio Rossi terranno una conferenza stampa nella sede del Parlamento europeo a Roma. Interverranno anche giovani industriali per raccontare come la UE li abbia aiutati a sviluppare o consolidare la propria attività portando crescita ed occupazione sul territorio italiano.”L’avvenire dell’Europa – il commento di Tajani – non può prescindere dallo spirito imprenditoriale italiano ed europeo, vero motore di crescita, occupazione e innovazione. Il Parlamento europeo lavora, da sempre, per creare le migliori condizioni per sostenere i giovani desiderosi di avviare una propria attività d’impresa, potenziando il mercato interno e favorendo le esportazioni, ed anche con la formazione, l’accesso al credito, i finanziamenti e il sostegno a start-up ed incubatori di idee. Ma dobbiamo fare ancora di più, anche per questo è importante andare a votare a maggio. La nostra stessa campagna ‘Stavoltavoto.eu’ – continua il Presidente del Parlamento europeo – è basata sull’imprenditorialità, con centinaia di volontari impegnati nella promozione della massima partecipazione al voto, coinvolgendo cittadini ed organizzando eventi, anche in maniera innovativa. Per questo, sono lieto che Confindustria Giovani abbia aderito con entusiasmo alla nostra campagna, convinto che, insieme, sapremo sfruttare le nostre conoscenze e capacità, in vista del cruciale appuntamento delle elezioni europee del 26 maggio 2019″.
“Crediamo fortemente nel progetto ‘Stavoltavoto.eu’ – le parole di Alessio Rossi – per questo abbiamo deciso di aderirvi come Movimento di Giovani Imprenditori di Confindustria. Per noi votare significa prendere atto che il futuro è anche nelle nostre mani e quindi abbiamo il diritto e il dovere di costruirlo. L’UE – insiste il Presidente dei giovani industriali – sta affrontando questioni che ne cambieranno profondamente l’anima e la pelle, dalla Brexit al significato dei rapporti tra istituzioni e cittadini, fino al suo ruolo nello scenario globale. Tutto questo sembra distante da noi, ma non lo è. I giovani devono quindi sentirsi protagonisti delle decisioni sull’Unione Europea che vogliono costruire per il proprio futuro.”Oltre 100 mila giovani in tutta Europa ed oltre 10 mila solo in Italia hanno già aderito alla campagna lanciata dal Parlamento europeo per promuovere la partecipazione elettorale alle prossime europee. Chi si iscrive si impegna a votare e a coinvolgere parenti, amici e contatti social, che a loro volta assicurano di recarsi alle urne. Ma non solo, chi aderisce alla campagna può diventare un volontario del voto, organizzando eventi di qualsiasi tipo in cui si parli di Europa e dell’importanza delle elezioni. Stavoltavoto, e tu?
Il Movimento dei Giovani Imprenditori di Confindustria raccoglie circa 13.000 associati, di età compresa tra i 18 e i 40 anni. Il Movimento condivide i valori del libero mercato, l’uguaglianza di opportunità, l’innovazione, la trasparenza. Si propone di creare opportunità per le nuove generazioni, sostenere la competitività delle imprese italiane e lo sviluppo del benessere sociale del Paese. Contribuisce alla formazione imprenditoriale, promuove il made in Italy nel mondo, svolge attività di rappresentanza verso le istituzioni italiane ed europee, favorisce l’orientamento degli studenti e il trasferimento tecnologico attraverso progetti di cultura di impresa e innovazione nelle scuole e università. Sostiene progetti specifici per le pari opportunità, l’energia e l’ambiente. Partecipa alle piattaforme internazionali YES for Europe e del G20 Young Entrepreneurs’ Alliance.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le Giornate Europee del Patrimonio ai Musei del Bargello

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 settembre 2018

Firenze Sabato 22 e Domenica 23 Settembre presso i Musei del Bargello via del Proconsolo 4 le Giornate Europee del Patrimonio costituiscono il più partecipato degli eventi culturali in Europa avente lo scopo di far apprezzare e conoscere ai cittadini il patrimonio culturale condiviso, incoraggiandone alla partecipazione attiva per la sua salvaguardia e trasmissione alle nuove generazioni. Il tema di quest’anno è “L’Arte di condividere”: condivisione delle conoscenze sul patrimonio culturale presenti nei luoghi della cultura; delle sue espressioni materiali e immateriali; del territorio di cui è espressione; dei saperi e delle esperienze di cui sono depositarie le comunità.
Si inizierà sabato 22 settembre alle ore 12:00 al Museo di Palazzo Martelli (Via Ferdinando Zannetti, 8) con la Presentazione della guida in lingua inglese The Museum of Casa Martelli. Si tratta dell’edizione, aggiornata e tradotta, della guida dello storico palazzo fiorentino, curata da Monica Bietti (curatrice responsabile del museo) e Francesca Fiorelli. La guida è pubblicata dalla casa editrice Sillabe. La presentazione, durante la quale interverrà anche Paola D’Agostino, direttore dei Musei del Bargello, è ad ingresso libero e sarà incastonata tra una serie di visite guidate nelle sale di Casa Martelli (sempre gratuite ma previa prenotazione). In particolare coloro che assisteranno alla presentazione potranno visitare, a margine della stessa, la “sala da bagno” recentemente restaurata.
Nel pomeriggio dello stesso giorno, alle ore 15.00 al Museo delle Cappelle Medicee (Piazza di Madonna degli Aldobrandini, 6), ci sarà l’ultimo appuntamento di Museum Time: spazio ai più piccoli. Si tratta di un ciclo di laboratori didattici dedicati a bambini e famiglie attraverso i quali l’Associazione L’immaginario, che ne cura la realizzazione, ha voluto creare percorsi didattici per far avvicinare le famiglie al mondo dei musei. La partecipazione, previa prenotazione (info@immaginar.io), è gratuita per i minori e libera con il biglietto di ingresso per gli accompagnatori. Per la sera suggeriamo una visita “straordinaria” al Museo Nazionale del Bargello (via del Proconsolo, 4). I motivi per passare una notte al museo sono molti. L’orario prima di tutto: grazie a una serie di aperture straordinarie appositamente predisposte per le Giornate del Patrimonio, sabato 22 il Museo offrirà una vera e propria “maratona” museale con apertura non-stop dalle 8.00 alle 24.00. Il prezzo sarà un’ulteriore incentivo: a partire dalle 21:00, infatti, l’accesso ai capolavori del Bargello, avverrà al costo simbolico di € 1,00 (ma senza fare troppo tardi, perché la biglietteria chiude alle 23.30).
L’incentivo più stimolante sarà sicuramente la presenza, come guida d’eccezione per una visita, in chiave social e all’insegna dell’hashtag #UnitedforArts, dello stesso direttore dei Musei del Bargello: la dottoressa Paola D’Agostino accoglierà i visitatori e alle 21.30 li condurrà personalmente tra le sale del Bargello svelando i segreti di alcuni dei capolavori del Museo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Arte di condividere: Giornate Europee del Patrimonio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 settembre 2018

Roma sabato 22 e domenica 23 settembre 2018 Via delle Belle Arti 131. Ingresso disabili via Gramsci, 71. L’iniziativa, che si svolge dal 1991 ed è oggi presente in ben 50 paesi aderenti alla Convenzione Culturale Europea, è un’ulteriore tappa di questo 2018 Anno Europeo del Patrimonio Culturale, che ci fornisce rinnovate occasioni per conoscere la ricchezza del nostro patrimonio culturale. Quest’edizione delle Giornate Europee del Patrimonio ci propone di osservare i beni da una lente diversa, quella che mette a fuoco gli elementi dell’incontro tra le diverse culture, della contaminazione di tradizioni e saperi tra comunità e della condivisione di conoscenze: titolo di questa edizione è appunto L’Arte di condividere.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le migliori imprese europee raccolte nel primo elenco “Ones To Watch”

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 dicembre 2017

europa comunitaria2Accedono all’elenco delle aziende “Ones to Watch” le imprese che hanno ottenuto risultati eccezionali in una delle 12 categorie degli European Business Awards, nel rispetto dei valori chiave del programma: innovazione, successo ed etica.Adrian Tripp, CEO di European Business Awards, il principale concorso per aziende europee oggi al suo undicesimo anno di vita, ha dichiarato: “Volevamo approfondire quanto realizzato in passato e offrire un riconoscimento più marcato alle molte, incredibili storie di successo di tutta Europa.” Ha poi aggiunto “Il talento, la dedizione e l’innovazione su cui si fondano queste compagnie sono occasione di lavoro e opportunità. I loro successi determinano la prosperità dei loro paesi. Le liste “Ones to Watch” segnano un indice di riferimento dei risultati di successo per la community aziendale di tutta Europa.”Jean Stephens, CEO di RSM, la sesta più grande rete mondiale di aziende indipendenti di revisione contabile e consulenza fiscale, storico sponsor dei premi, ha dichiarato: “Essere inseriti tra i “Ones to Watch” è un grande traguardo. RSM lavora con aziende di tutto il mondo, fornendo loro consulenza in tutte le aree, senza mai smettere di incoraggiarne i successi e la prosperità. Auguriamo a queste dinamiche aziende ogni consenso per il futuro.”Le aziende inserite negli elenchi “Ones to Watch” provengono da svariati settori, da quello produttivo al retail, dall’agricoltura alla tecnologia e vanno dalle start-up a ditte con un giro di affari di miliardi di euro. Le aziende avranno l’opportunità di partecipare alle 12 categorie degli European Business Awards e di ottenere il titolo di vincitore nazionale per il loro paese. Dopodiché, potranno partecipare al gran finale di maggio 2018, quando saranno annunciati i 12 vincitori europei. Potranno inoltre accedere al voto pubblico, aperto a votanti di tutto il mondo, per promuoversi in nuovi mercati e tra potenziali clienti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Giornate Europee del Patrimonio”

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 settembre 2017

Casa MartelliTransfer 070314 0025Firenze sabato 23 e domenica 24 settembre i Musei del Bargello Via del Proconsolo 4 resteranno aperti fuori orario per offrire a turisti e fiorentini visite speciali, presentazioni e conferenze. Sabato alle ore 10, al Museo di Orsanmichele (che resterà aperto fino alle 12.30) ci sarà la presentazione del nuovo apparato didattico comunicativo e annuncio dei prossimi restauri. Alle ore 11, invece, appuntamento al Museo di Palazzo Davanzati con una conferenza-incontro dal titolo: Natura dipinta: piante e uccelli nelle pitture murali di Palazzo Davanzati a cura di Maria Adele Signorini (Università degli Studi di Firenze) e Alessandro Canci (Università degli Studi di Padova e Udine).
Alle ore 16, nel Museo di Casa Martelli si terrà la visita guidata: Verzure dipinte: il giardino d’inverno e la sala da bagno con figure in boschereccio di Casa Martelli.
Domenica 24 settembre al Museo di Palazzo Davanzati, alle ore 17, ci sarà la visita guidata: Natura dipinta a Palazzo Davanzati.
Sabato i Musei del Bargello consentiranno anche la visita prolungando, straordinariamente, la loro apertura pomeridiana. Il Museo Nazionale del Bargello e il Museo delle Cappelle Medicee, saranno aperti dalle ore 8,15 fino alle 19,50 e dalle ore 17, alla simbolica cifra di 1 euro. Il Museo di Palazzo Davanzati resterà aperto dalle 8,15 alle ore 17,50 (l’orario ordinario dal lunedì alla domenica va dalle ore 8,15 alle 13,50); il Museo di Casa Martelli sarà visitabile dalle ore 9 alle 17,50 (tutti gli altri sabati la chiusura è prevista per le 13,50). Sabato sarà aperto straordinariamente anche il Museo di Orsanmichele e seguirà il seguente orario: 10 – 12,20.
Domenica, il Museo Nazionale del Bargello sarà aperto straordinariamente dalle ore 9 alle 13,50, ultimo ingresso alle 13,20; saranno aperti dalle ore 15 alle 18,50 anche il Museo di Palazzo Davanzati e il Museo di Casa Martelli. (foto: casa martelli, Palazzo Davanzati)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le Capitali europee della cultura 2020-2033

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 giugno 2017

europa comunitaria2“Bruxelles. Ogni anno, due Stati membri possono designare una città come Capitale europea della cultura. Per la prima volta, anche i Paesi EFTA/SEE potranno partecipare, ogni tre anni, al programma.Le Capitali europee della cultura mirano a promuovere la ricchezza e la diversità delle culture e incoraggiare il senso di appartenenza dei cittadini a un’area culturale comune. Il programma e gli investimenti culturali della Capitale europea della cultura dovrebbero contribuire alla rigenerazione e alla crescita sostenibile della città nel lungo periodo. La città di Matera è già stata selezionata per il 2019. La prossima opportunità per l’Italia sarà nel 2033. Designazione della Capitale europea della cultura: Lo Stato membro organizza una competizione per selezionare la città Capitale europea della cultura con sei anni di anticipo,una giuria, composta da esperti indipendenti nazionali ed europei, compila una prima lista delle potenziali candidate, e successivamente,
la giuria esamina il programma culturale proposto e sceglie una città in ogni Paese. Il programma deve avere una forte dimensione europea e una strategia a lungo termine, con un impatto sostenibile sullo sviluppo sociale, economico e culturale a livello locale. Le prossime tappe nel processo di selezione in corso. La decisione è stata approvata con 606 voti favorevoli, 54 contrari e 6 astensioni.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dimissioni ospedaliere, le nuove schede armonizzate con le regole europee. Ecco che cosa cambia

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

ospedale-san-camilloLe schede di dimissione ospedaliera si “europeizzano”. Dal 1° gennaio di quest’anno le regioni e Pa sono tenute a inviare al Ministero della Salute le Sdo dei pazienti secondo regole diverse, che agevolano il confronto dei dati prodotti in Italia con quelli esteri, e dei dati di un’Asl o una regione con quelli prodotti nell’altra regione, così che il governo possa meglio programmare norme per l’equilibrio del settore sanitario e di governo della spesa. Lo afferma il Decreto 7 dicembre 2016 del Ministero della Salute, pubblicato in Gazzetta ufficiale il 7/2 (serie generale 31). Il nuovo provvedimento adegua le precedenti regole del 2000 all’avvenuto recepimento (dlgs 38 del marzo 2014) della direttiva “transfrontalieri”, che regola l’assistenza ai pazienti provenienti da altre aree dell’Unione Europea. Rispetto agli obiettivi che le SDO si ponevano a dicembre 1991 quando un decreto ministeriale le istituì, e nel 2000 quando furono rimesse a punto, il nuovo decreto mira a consentire un più agevole rilevamento nelle regioni degli standard di qualità e sicurezza della rete degli ospedali pubblici e privati accreditati (anche gli Irccs ora dovranno spedire le schede mensilmente) e dei volumi e degli esiti delle cure erogate. Ulteriore obiettivo: adeguare nel tempo i contenuti informatici resi disponibili per l’analisi dei tecnici ministeriali.
Si rinnovano i contenuti delle due sezioni di cui si compone la scheda. La prima contiene codice istituto di cura; numero progressivo della scheda; dati anagrafici e di residenza del paziente e livello di istruzione. La seconda sezione riporta indicazioni su regime di ricovero; data di prenotazione e di ricovero con ora; classe di priorità, UO di ammissione; costo della degenza; dati patologici e trasferimenti interni o da altri ospedali; data di dimissione o morte; modalità di dimissione; riscontro autoptico; dati ricovero diurno, diagnosi principale e secondarie di dimissione, identificativo di chirurgo e anestesista dell’intervento principale con check list della sala operatoria ma anche identificativi per gli interventi secondari; rilevazione del dolore; stadiazione condensata; PA, creatinina serica e frazione eiezione. Ogni SDO “costituisce parte integrante della cartella clinica, di cui assume le medesime valenze di carattere medico-legale”. Ogni 15 del mese regioni e province autonome devono inviare al Nuovo Sistema Informativo Sanitario del Ministero della Salute le sole info della sezione II, salvo integrazioni da spedire il 31 marzo dell’anno dopo. Alla spedizione, tutti i dati vanno distinti in due tracciati: informazioni anagrafiche e informazioni relative al ricovero. I dati sensibili vanno criptati applicando una procedura descritta nel disciplinare tecnico allegato al decreto. Dal 1° gennaio 2018 l’invio delle schede è condizione perché le regioni accedano al finanziamento integrativo a carico dello Stato.
Accanto a indicazioni sul corretto collegamento informatico con il Ministero e sui criteri d’autenticazione per chi, utente del sistema Nsis, tratta dati sensibili, nel disciplinare vi sono informazioni pratiche. Ogni cartella clinica deve avere un suo identificativo “stabile”, che non cambia se il paziente è spostato da un reparto all’altro, ma solo se muta il regime di ricovero: ad esempio, se da diurno passa ad ordinario o da acuto a lungodegenza. In caso di ricovero diurno, la cartella clinica, e la corrispondente SDO, devono raccogliere la storia e la documentazione del paziente relative all’intero ciclo di trattamento; ogni singolo accesso giornaliero del paziente è conteggiato come giornata di degenza e la data di dimissione corrisponde alla data dell’ultimo contatto con l’istituto di cura in cui si è svolto il ciclo assistenziale. (by Mauro Miserendino da Doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »