Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n°178

Posts Tagged ‘evoluzione’

Manifattura: l’evoluzione di domani per competere oggi?

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 maggio 2018

Padova. A dare risposta a questo interrogativo mira l’evento “Optimize for Learning” organizzato da Quin il 25 maggio a Villa Ottoboni, Padova. «Esiste un gap tra le potenzialità degli strumenti e il contesto applicativo che bisogna colmare – continua Valgimigli – vogliamo offrire la possibilità di scoprire nuove vie per imparare velocemente a governare la complessità, portando concreti casi di successo di due aziende di primo piano del nostro panorama industriale: Marcegaglia e illycaffè». Con gli interventi di Luciano Villa, Supply Chain Manager divisione Tubi in Marcegaglia e Fabio Attruia, Responsabile Industrializzazione in illycaffè, si condivideranno strategie e soluzioni per disporre di visibilità di medio-lungo periodo sugli eventi, intervenire proattivamente sugli imprevisti, organizzare e portare a termine le attività in modo snello, flessibile ed efficace, mantenendo sempre al centro le risorse umane.
La tecnologia è da sempre al centro del dibattito della manifattura. Un ambito che vent’anni fa ha visto una forte accelerazione delle proprie dinamiche evolutive e ha assunto un peso primario nel guidare le strategie di crescita delle aziende. «Soprattutto, le aziende hanno iniziato a rendersi conto che le soluzioni tecnologiche rappresentano uno strumento, non un fine del processo di sviluppo – spiega Fabio Valgimigli, direttore generale di Quin S.r.l., società di Udine specializzata nella consulenza in ambito Operations e Project Management – i sistemi informativi sono ormai un passo avanti rispetto ai processi aziendali, pertanto implementare nuovi strumenti IT comporta la necessità d’intervenire sull’organizzazione stessa, andando ad ottimizzare sia i processi che le nuove tecnologie che andranno a supportare».Oggi il rapporto tecnologia-industria si fa più stretto che mai, con le aziende chiamate a gestire un contesto sempre più competitivo, complesso e in costante cambiamento. Aumenta la frammentazione geografica della filiera produttiva, con processi produttivi più articolati e distribuiti all’interno di network di dimensioni globali, diminuiscono le dimensioni dei lotti di produzione e il time-to-market si fa sempre più breve. Il mercato si muove guardando non solo la varietà e la personalizzazione dell’offerta, ma anche le tempistiche, la puntualità e la frequenza delle consegne, dando ormai per scontata la qualità.
L’obiettivo diventa quindi migliorare il servizio al cliente e gestire efficacemente le attività dell’intera filiera produttiva. Ma nell’era in cui il tasso di crescita delle tecnologie ha superato il livello dell’adattabilità umana, quali scenari si aprono per le aziende?

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’evoluzione del pensiero critico dei credenti

Posted by fidest press agency su martedì, 20 marzo 2018

E’ evidente che la nostra contemporaneità comporta una evoluzione del pensiero critico dei credenti così come lo è per gli agnostici, del loro spirito di osservazione essendosi liberati dall’acquiescente sudditanza delle parole prive di significato pratico. In altri termini se chi predica la Fede non è coerente con i suoi dettami come può pretenderli in chi l’ascolta?
Se oggi io seguo un sermone a commento di un passo del Nuovo testamento non soggiaccio, come avveniva un tempo, alla passiva accettazione delle parole pronunciate. Si risveglia in me, prepotente, un giudizio critico, a tutto campo, non certo alla stregua dell’esegeta ma di chi vive la sua quotidianità disseminata di falsità e d’inganni in specie se provengono da chi ha fatto dell’avere il suo vitello d’oro da ingraziarsi, d’adorare e da servire a spese, se la convenienza lo richiede, del suo prossimo e che non esclude la persona del predicatore. E non ci basta, di certo, un Mosè ritornato dal Sinai, dove ha ricevuto dal Signore le tavole della legge, pronto a punire la parte del suo popolo che si macchiò con il peccato di adorare il vitello d’oro. Vogliamo questo Mosè, con i suoi discepoli e discendenti, che mai smetta d’indossare le vesti delle sue virtù. Non c’è posto per il Don Abbondio di turno. La fede dell’uomo di chiesa, come del politico e del moralista, non permette eccezioni o divagazioni. Deve essere ferma e concreta per sé come per gli altri e deve dimostrarlo in ogni momento della sua vita. E’ la sua “maledizione”. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Evoluzione: i geni condivisi da invertebrati e mammiferi

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 gennaio 2018

planariaTutti gli animali in grado di rigenerarsi, da quelli capaci di far ricrescere una parte del loro corpo fino a quelli che riescono a rigenerare il loro intero organismo, possiedono un set di geni simili fra di loro. Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori del Centro della Complessità e i Biosistemi (CC&B) dell’Università di Milano.La capacità di riformare organi o arti danneggiati, senza cicatrici o perdita di funzionalità, è molto diffusa fra gli animali, ma con grandi differenze da specie a specie. Alcuni sono infatti in grado di ripristinare un tessuto danneggiato, ma ci sono anche organismi che possono far ricrescere il loro intero corpo partendo da un solo frammento, come alcuni invertebrati. La capacità rigenerativa può anche variare in base al ciclo vitale e con l’età dell’animale. Fra i vertebrati, solo gli anfibi sono in grado di ricostruire organi e tessuti anatomicamente completi e funzionali. Nei mammiferi, questa capacità è presente ma è limitata al fegato, la cui massa può essere rigenerata in seguito a un danno.“Ci siamo concentrati sui geni coinvolti nella rigenerazione in diversi animali, per cercare di capire come mai i mammiferi hanno perso la capacità di far ricrescere arti amputati”, spiega Maria Rita Fumagalli, ricercatrice postdoc al CC&B e principale autrice dello studio, pubblicato su NPJ Systems Biology and Applications.
I ricercatori hanno selezionato tre organismi modello noti per le loro elevate capacità rigenerative – l’idra, la planaria e il cetriolo di mare – li hanno danneggiati e poi hanno analizzato il loro genoma in momenti diversi del processo di rigenerazione, per vedere quali geni si attivavano e in quale fase specifica. I risultati ottenuti sono poi stati confrontati con quelli ricavati da studi precedenti sul fegato di topo.Hanno così scoperto che fra i geni attivati nella prima fase della rigenerazione ce ne sono alcuni che sono simili anche fra animali molto diversi. Ciò suggerisce che tutti gli organismi, mammiferi inclusi, potrebbero aver conservato, nel corso dell’evoluzione, una parte primordiale di questo processo. Nella fase più tardiva della rigenerazione, i geni coinvolti sono invece specifici dell’organismo e del tipo di tessuto in fase di riparazione.
I ricercatori del CC&B hanno anche studiato i geni coinvolti nella risposta infiammatoria, che non è solo un meccanismo di difesa contro microrganismi esterni ma gioca anche un ruolo cruciale nella ricostruzione di un tessuto danneggiato. Quel che hanno scoperto è che nelle cellule del sistema immunitario di idre, planarie e cetrioli di mare, all’inizio della risposta infiammatoria si attivano geni molto simili a quelli dei macrofagi e dei neutrofili che intervengono in caso di infezione nei topi. Ciò significa che, nei mammiferi, la perdita della capacità rigenerativa potrebbe essere stata compensata da una complessa reazione immunitaria che entra in gioco durante la riparazione dei tessuti danneggiati.Nel complesso, questo studio ha consentito di svelare la presenza di un set di geni – fondamentali per dare inizio alla rigenerazione e quindi cruciali per la sopravvivenza – che sono rimasti conservati nel corso dell’evoluzione, in animali anche molto diversi fra di loro.
“La scoperta di questa firma genetica condivisa ci consente di capire meglio l’evoluzione della rigenerazione e potrebbe rivelarsi molto utile per lo sviluppo di future terapie rigenerative”, commenta Caterina La Porta, professoressa di patologia generale al Dipartimento di scienze e politiche ambientali dell’Università di Milano e coordinatrice di questa ricerca. Inibire questi geni potrebbe inoltre aiutare a contrastare le patologie dovute a un eccesso di fibrosi.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cyber Security, l’evoluzione della sicurezza nell’ecosistema 4.0

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 novembre 2017

Cybersecurity MajorRoma, mercoledì 22 novembre 2017, ore 10:00 Aula Chiostro Facoltà di Ingegneria dell’informazione, Informatica e Statistica Università degli Studi di Roma La Sapienza Via Eudossiana,18 – San Pietro in VincoliNòva 24 – Il Sole 24 Ore in collaborazione con il CINI e Unindustria e la partnership di IBM e Tim organizza la seconda tappa del road show “Cyber Security. L’evoluzione della sicurezza nell’ecosistema 4.0”. L’incontro ha l’obiettivo di diffondere la conoscenza sul tema della sicurezza informatica e sulle ricadute del fenomeno sul sistema imprenditoriale, attraverso un confronto tra università ed istituzioni, mondo delle aziende e associazioni di categoria. La seconda tappa del roadshow – iniziato a Milano il 2 ottobre con focus sull’impresa – affronterà il tema della cybersecurity come tappa imprescindibile nei programmi di difesa del Paese. La tappa romana sarà un momento di confronto tra la PA, il settore privato e il mondo della ricerca, per definire un approccio di sistema alla cybersecurity.

Posted in recensione, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’evoluzione del mercato della moda: incontri formativi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 novembre 2017

bolognaBologna venerdì 10 novembre nella sala congressi del Centergross di Bologna, darà voce ai protagonisti: grandi personalità del mondo imprenditoriale tessile, del giornalismo e delle istituzioni offriranno chiavi di lettura per interpretare il presente e immaginare insieme il futuro. Centergross, il più grande distretto tessile europeo, diventa il fulcro di una narrazione che abbraccia tutti i fattori di successo: la riconosciuta abilità manifatturiera, il capitale creativo, il modello economico delle imprese di famiglia, i fenomeni che rendono unico il panorama della moda italiana. In programma due seminari:
– MARKET MONITOR Scenari internazionali per il mercato della moda italiana” dalle 11.00 alle 13.00
– BUSINESS DEVELOPMENT Aziende che fanno scuola: il Centergross in 6 casi di studio” dalle 15.00 alle 17.00
I corsi sono aperti al pubblico. Il primo corso punta ad evidenziare le strategie più promettenti per promuovere il settore, in una triplice prospettiva: espansione commerciale, valorizzazione dell’unicità italiana e penetrazione nei mercati.Alberto Scaccioni, Ceo EMI – Ente Moda Italia, partirà dalle piccole medie imprese del Paese e dalla loro promozione, anche attraverso le più importanti manifestazioni internazionali, soffermandosi su nuovi trend come il ritorno al wholesale a scapito del retail.Stefania Gamberini, Responsabile Politiche per il mercato e Internazionalizzazione CNA Emilia-Romagna, esplorerà, attraverso progetti e best practices, “la fabbrica del bello”, ovvero come il sistema moda italiano sia impegnato a giocare da protagonista la partita sui mercati internazionali. Infine, Ruben Sacerdoti, Responsabile Servizio Sportello Regionale per l’Internazionalizzazione delle imprese, racconterà la sfida delle politiche industriali di oggi nella Fashion Valley dell’Emilia Romagna: promuovere l’essenza della creatività traducendola in innovazione concreta e sviluppo dei territori.Il secondo corso, introdotto da Enrico Sangiorgi, Prorettore per la Didattica dell’Università degli Studi di Bologna, è una brillante presentazione di case history, a partire da alcune delle aziende più affermate di Centergross: Kontatto, Berna, Scout, Rinascimento, Souvenir Clubbing, Imperial, i cui titolari racconteranno la propria storia.Con loro Mariachiara Colucci, Professoressa Associata di Economia e Gestione delle Imprese, Dipartimento di Scienze Aziendali, che sta coordinando un nuovo progetto: una collana editoriale che punta a indagare il ruolo di creatività e innovazione. L’analisi dei sei casi di studio suggerisce come adattarsi dinamicamente ai cambiamenti del settore senza perdere la capacità di imprimere sul mercato la propria impronta unica e riconoscibile.
Durante la pausa pranzo fra i due seminari, i partecipanti sono invitati a una visita guidata all’interno di Centergross, 1milione di mq con 400.000 mq di aree espositive di oltre 500 aziende diverse.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il passo del camaleonte

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

passo camaleonte(Saggistica Vol. 5) (Italian Edition) Kindle Edition. Non vi è dubbio che gli argomenti trattati, vanno ad aggiornare una raccolta di “saggi” che, dopo tutto, per il loro genere, restano di grande attualità e consentono la prosecuzione di un discorso che incontra nell’opinione pubblica, un elevato interesse.
Sono aspetti di un’oggettiva valutazione di fatti e circostanze emergenti che ci inducono a riflettere sull’evoluzione del pensiero contemporaneo e se esso non si sia lasciato condizionare da messaggi concepiti su una morale ed un credo religioso viziato da antichi retaggi che nulla hanno a che vedere con la crescita culturale e l’elevazione spirituale dell’uomo. Ed è giusto che in questo rinnovato clima di più mature riflessioni e di aperture tecnologiche e scientifiche anche il discorso esoterico, fantascientifico e di avanzate proposte sociali, civili e religiose si faccia più concreto e soprattutto scevro da chiusure preconcette.
Posso dire che nei primi quaranta anni del XX secolo l’evoluzione tecnologica, scientifica, culturale e di costume si avvertiva poco. Non è stato così nella seconda tornata. Posso soggiungere che la parte che è stata, più delle altre, sottoposta a “revisione” concerne la storia dell’evoluzione del pensiero scientifico, l’informatica e la comunicazione mediatica.
Vi hanno fatto da corollario le varie applicazioni dell’energia atomica e il suo impatto ambientale, le recenti tecniche di ricerca spaziale, le nuove fonti energetiche, gli iperspazi, la caduta del bipolarismo e l’esplosione dei conflitti regionali e la loro pericolosità in seguito alla proliferazione degli armamenti nucleari e chimici. Sono stato, altresì, in grado di riservare un sia pur piccolo spazio al nostro passato remoto per capire come si sia giunti all’odierna forma di civiltà dopo un viaggio durato milioni di anni. (foto: passo camaleonte)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’ascesa degli strumenti senzienti

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 febbraio 2017

robotGli enormi progressi tecnologici nell’ambito di intelligenza artificiale, Internet delle cose (IoT), città intelligenti, cloud intelligenti, robotica e mobilità intelligente hanno posto le basi per l’esplosione degli strumenti senzienti sul mercato globale. Questi strumenti sono coscienti e in grado di imparare dall’ambiente circostante e dagli utenti, e segnano il passo successivo nell’evoluzione dei sistemi computazionali.Come macchine sociali in grado di comunicare e interagire con il proprio ambiente, invece che limitarsi ad eseguire compiti meccanici, gli strumenti senzienti possono portare a un cambiamento epocale nei settori ad alta intensità di manodopera. I settori che saranno maggiormente influenzati da questa tecnologia rivoluzionaria comprendono: viaggi/mobilità, trasporti, difesa, produzione, medicina, edilizia, agricoltura, servizio clienti, finanza, informazione e comunicazione, città intelligenti.“È probabile che gli stakeholder che desiderano integrare le tecnologie di automazione nella propria catena di valore investiranno negli strumenti senzienti, poiché migliorano l’efficienza e la produttività, mantenendo allo stesso tempo semplici le operazioni”, afferma Yash Mukherjee, analista di Frost & Sullivan. “Per ottenere una perfetta integrazione, le aziende devono aggiornare le competenze della propria forza lavoro esistente.”
Poiché gli strumenti senzienti sono un settore in rapida evoluzione, le aziende non hanno ancora pienamente esplorato gli ecosistemi e le possibili partnership. Le economie che non sono ancora pronte per l’era degli strumenti senzienti rischiano un aumento dei tassi di disoccupazione a breve termine e un divario economico più ampio a lungo termine. Gli operai non specializzati e i dipendenti aziendali con mansioni di supporto che coinvolgono attività ripetitive e di routine sono maggiormente a rischio di essere sostituiti dall’automazione resa possibile dagli strumenti senzienti. “Tradizionalmente, le nuove ondate tecnologiche hanno creato nuove professioni tecnologiche, ma è probabile che l’era degli strumenti senzienti incoraggi anche lo sviluppo di competenze non collegate alla tecnologia”, osserva Mukjerjee. “Questi strumenti consentiranno un’elevata automazione delle professioni che richiedono un livello medio di competenze e genereranno numerose professioni che richiedono un alto livello di competenze, favorendo così un’economia basata sulla conoscenza per il futuro”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le mafie e i terrorismi all’opera

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 gennaio 2017

scoprire roma1Roma Venerdì 10 febbraio 2017 – ore 18 Spaziottagoni live Via Goffredo Mameli, 7 inizio ciclo di tre conferenze dal titolo “L’evoluzione possibile – Rompere gli schemi” tenute dal Dott. Antonio De Bonis, a Spaziottagoni live (via Goffredo Mameli 7, Trastevere, Roma). Questi i temi delle conferenze: “Non esiste la Mafia e non esiste lo Stato Islamico”, un’iperbole per comprendere l’essenza di questi “strumenti” e il ruolo che svolgono nel mondo contemporaneo (venerdì 27 gennaio 2017, ore 18), “Le mafie e i terrorismi all’opera”, i casi pratici: la mafia siciliana e la yakuza giapponese nel secondo dopoguerra, i mujaheddin afgani e il gruppo di stato Islamico (venerdì 3 febbraio 2017, ore 18), “Geopolitica degli strumenti. Leggere la contemporaneità”, i flussi criminali e la dorsale nera del terrorismo (venerdì 10 febbraio 2017, ore 18).
Questi incontri, gratuiti tranne che per la tessera associativa annuale di 5 euro, introducono a un percorso storico-didattico che l’Associazione culturale Spaziottagoni vuole proporre a tutti coloro che sono interessati a comprendere i mutamenti epocali contemporanei tramite chiavi di interpretazione innovative.Il percorso storico-didattico si articolerà poi in un Laboratorio di Rassegna Cinematografica “Viaggio nella storia”, a partire dal 18 febbraio 2017, per cui saranno proposti 8 film e alla cui visione seguiranno interventi di relatori di eccezione quali il Dott. Antonio De Bonis, il Dott. Girolamo Santucci, il Dott. Giovanni Fasanella e il Prof. Paolo Ercolani.
A conclusione del percorso si terrà dal 20 al 23 aprile 2017 un Seminario di alta formazione dal titolo “Homo Migrans. L’espansione capitalistica e i reflussi migratori. Economia, diritti umani e geopolitica criminale”. Tra i relatori: Prof. Diego Fusaro, Prof. Alberto Bagnai, Prof. Claudio Tuozzolo, Prof. Paolo Ercolani, Dott. Giuseppe Salerno e in tavola rotonda: Prof. Diego Fusaro, Dott. Marcello Foa, moderatrice: Dott.ssa Alessandra Mulas.Il seminario di alta formazione si propone di affrontare in modo pluridisciplinare e con un fecondo intreccio dei saperi il tema dell’odierno fenomeno dell’immigrazione di massa. Quali ne sono le cause economiche, geopolitiche e politiche? Quali le conseguenze? Come pensare l’Immigrazione al di là delle retoriche oggi imperanti? http://www.spaziottagoni.com

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’evoluzione e la storia della vita

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 agosto 2016

l'evoluzionedi Riccardo Alfonso. Il tutto è cominciato con piccoli mutamenti che hanno adattato in modo sempre più congeniale gli esseri viventi ai loro ambienti locali. 30/40 milioni di anni fa gli arti dei cavalli avevano 3/4 dita che poggiavano sul terreno, oggi nel Texas vi sono gli eredi di questi antenati che sono normalmente polidattili con due dita nell’anteriore e tre nel posteriore. Sono diventati, ovviamente, un’ecce¬zione, ma espressiva per dimostrare “naturalmente”, in altre parole senza artifici da laboratorio, questa “storia” evolutiva nel corso di centinaia di migliaia di anni.
La somma dei piccoli mutamenti avvenuti nel tempo è comune a tutte le specie animali. A differenza del caso citato dei cavalli, molti altri animali sembrano aver perso del tutto certe caratteristiche fisiche del loro passato.Editore: Fidest press agency Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l (foto: l’evoluzione)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La sanità in Italia evoluzione o lenta involuzione? luci ed ombre!

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 maggio 2016

Ministero saluteRoma sabato 14 maggio ore 9 presso la Sala Soci della Casa dell’Aviatore a Roma in Viale dell’Università n. 20” La sanità in Italia evoluzione o lenta involuzione? luci ed ombre! E’ stato organizzato dal Comitato Distrettuale Salute, il Club Roma Nomentanum, il Club Roma Ara Pacis ed i Lions Club della 2^ e 3^ Circoscrizione. “In questo particolare periodo storico testimone di grandi cambiamenti nella Sanità italiana –prosegue il Prof. Castellano- l’argomento, di grande attualità, verrà discusso ed approfondito anche grazie alla specifica esperienza dei relatori che operano ed hanno rappresentato la Sanità pubblica ai massimi livelli; interverranno infatti il Prof. Bruno Primicerio Docente di Diritto Sanitario Università di Studi Internazionali di Roma, il Prof. Antonio Palumbo Direttore Generale a.r. , il Prof. Salvatore Squarcione Direttore Sanitario del Policlinico Portuense, il Prof. Nicola Gasparro docente di Diritto Sanitario Università di Bari, il Prof. Tommaso Sediari docente universitario e Governatore del Distretto Lions 108L, gli Officers Distrettuali Mario Manganaro e Maria Negro.
In qualità di organizzatore, oltre che di medico e Responsabile del Comitato Salute del Distretto 108L, auspico una numerosa partecipazione di colleghi ed addetti ai lavori, oltre che dei veri destinatari del servizio sanitario nazionale ovvero i cittadini, al fine di potere discutere al meglio questo delicato ed importante tema”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Experian e Cerved insieme per la prevenzione delle frodi on-line

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 aprile 2016

Online Banking ComputerIl fenomeno delle frodi on line è in rapida evoluzione e rappresenta una minaccia globale, che genera perdite complessive stimabili in circa 3.800 miliardi di euro all’anno. Secondo una recente ricerca di Experian, DV2020, il fenomeno crescerà in modo significativo nei prossimi cinque anni anche in Italia: secondo le previsioni, il numero di frodi raddoppierà entro il 2020, i furti di identità aumenteranno del 60% e le frodi di identità del 49%; il 69% delle imprese finanziarie e di telecomunicazioni considera la scarsa disponibilità di dati come una delle principali barriere all’implementazione di un’efficace strategia di prevenzione delle frodi. Avvalersi di molteplici fonti di dati è stata infatti identificata come una delle aree chiave per perseguire l’obiettivo di migliorare le strategie di prevenzione delle frodi e contemporaneamente massimizzare l’esperienza cliente.Per far fronte a questa minaccia e rispondere in maniera coerente al mercato, Experian e Cerved hanno unito le loro forze, per rendere più efficaci i presidi anti-frode degli istituti finanziari, mettendo a disposizione degli utenti finali un maggior numero di dati e quindi di controlli incrociati. A tal fine, i riscontri dei dati Scipafi, il Sistema pubblico di prevenzione alla frodi e furti d’identità del MEF, saranno accessibili direttamente dai soggetti autorizzati anche tramite l’applicativo Visius, la soluzione tecnica di Cerved finalizzata a rafforzare gli strumenti di controllo in ottica antiriciclaggio. Angelo Padovani, Amministratore Delegato di Experian Cerved ha dichiarato: “Ci stiamo impegnando nel supportare le aziende a prevenire i furti didentità e SCIPAFI rappresenta un elemento importante per proteggere imprese e enti finanziari dai furti di identità, soprattutto quando queste informazioni sono coordinate con altre fonti, interne o esterne: in questo senso, siamo convinti che la partnership tra Cerved ed Experian, facendo leva su SCIPAFI, consentirà significativi benefici ai clienti”. Secondo Marco Nespolo, Direttore Generale di Cerved: “Con Visius permettiamo ai nostri clienti di adempiere all’obbligo di adeguata verifica ai fini antiriciclaggio con un’unica interrogazione, che consulta fonti esterne, come SCIPAFI, insieme ad altre proprietà dei clienti, secondo le peculiarità operative proprie di ciascun operatore e valorizzando le soluzioni tecniche già adottate”.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“L’evoluzione dell’alimentazione dei soldati: dalla Grande Guerra ad oggi”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 febbraio 2016

Milano Mercoledì 16 marzo p.v., alle ore 10.00, a Milano-Palazzo Cusani avrà luogo il convegno dal titolo “L’evoluzione dell’alimentazione dei soldati: dalla Grande Guerra ad oggi”. Interverranno:
– Stefano Marroni, vice direttore del TG2 e responsabile della rubrica del TG2 “Medicina33”;
– Antonino De Lorenzo, Professore Ordinario di Alimentazione e Nutrizione Umana e direttore della Scuola di Specializzazione in Scienza dell’alimentazione presso l’Università Degli Studi di Roma “Tor Vergata”;
– Generale Stefano Rega, Direttore dell’Amministrazione dell’Esercito.
Il simposio rientra nell’ambito delle attività per la commemorazione del centenario della Grande Guerra organizzate dallo Stato Maggiore dell’Esercito.(Magg. Andrea Maria Gradante)

Posted in Cronaca/News, recensione, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nature pubblica la descrizione dell’evoluzione genica del Virus Ebola

Posted by fidest press agency su sabato, 20 giugno 2015

Ebola/Roma, stazionarie le condizioni del medico colpito da virus EbolaNature ha pubblicato ieri sera l’analisi temporale e spaziale dell’epidemia 2014-15 del virus Ebola. Il lavoro porta la firma di 8 ricercatori dell’Istituto Spallanzani, tra gli altri autori ed esperti del consorzio internazionale. “L’Africa occidentale sta assistendo alla più grande epidemia da virus Ebola (EBOV) della storia. Fino ad oggi si sono registrati 27,013 casi e 11,134 morti…” sono le prime righe dell’articolo che dà subito la dimensione dell’evento. Si sapeva che il contagio era iniziato a dicembre 2013 per la trasmissione da un pipistrello ad un bambino di 2 anni, ma non era chiaro come si fosse poi diffuso in tutta la Guinea, la Sierra Leone e la Liberia ed in questi paesi è molto difficile, se non impossibile, avere dati epidemiologici attendibili. Lo studio è di enorme rilevanza perché descrive l’evoluzione genica del virus Ebola nell’epidemia che ha registrato più varianti e sottovarianti.“8 nomi dell’Istituto Spallanzani sono un grandissimo successo e sono il risultato di un eccellente lavoro svolto in Italia e sul campo, della enorme “macchina bellica” messa in moto, della capacità di competere a livello europeo, oltre che un grande riconoscimento dell’Istituto. Grazie della eccezionale collaborazione – ha scritto il Prof. Giuseppe Ippolito, direttore scientifico INMI agli autori del lavoro”.
179 campioni di pazienti sono stati analizzati e sequenziati dal laboratorio Mobile Europeo, è stato così possibile descrivere la storia epidemiologica ed evoluzionistica dell’epidemia da marzo 2014 a gennaio 2015. I risultati confermano che la EBOV dalla Guinea si è trasferita in Sierra Leone, con molta probabilità nel mese di aprile-inizio di maggio. I virus della variante Guinea/Sierra Leone si sono poi mescolati intorno a giugno-luglio 2014. Le sequenze virali dei campioni di agosto, settembre e ottobre 2014 indicano poi che il virus è evoluto in maniera indipendente all’interno della Guinea. Tali dati, utilizzati in combinazione con quelli epidemiologici forniscono uno spaccato senza precedenti sull’evoluzione sull’epidemia di febbre emorragica virale ancora in corso, oltre a consentire di verificare a posteriori l’efficacia delle misure di controllo adottate. Ricordiamo che l’Istituto Spallanzani sin da Marzo 2014 ha contribuito all’allestimento di un laboratorio mobile di alto biocontenimento (BSL4) finanziato dalla Commissione Europea (DEVCO) in Guinea Conacry. Tale laboratorio è un concentrato di tecnologie per poter manipolare in condizioni di emergenza virus altamente pericolosi e si basa sulla capacità di virologi esperti appositamente selezionati e formati, per lavorare insieme in situazioni disagiate, come quelle africane e in corso di epidemie.“Mi associo a Ippolito nel ringraziare e tutto l’Istituto per il grande lavoro svolto – sottolinea Marta Branca, Commissario Straordinario INMI-IFO – orgoglio della regione Lazio, del Ministero della Salute e dell’OMS”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’evoluzione tecnologica

Posted by fidest press agency su sabato, 17 agosto 2013

D’altra parte la ricerca di nuovi posizionamenti si rende sempre più urgente considerata la componente evolutiva in atto e la cui spinta in avanti è in continua progressione. Tali processi li dobbiamo correlare, in prima battuta, a fattori organizzativi interni e d’immagine esterna. A essi vanno aggiunti l’esigenza di rinnovamento proveniente dall’evoluzione tecnologica in atto e le diverse e mutabili tendenze ed attese della clientela, o utenza che sia, combattuta, a sua volta, tra le spinte verso il nuovo e la conservazione. Al riguardo posso dire, sin d’ora, di sapere ciò che ci aspettiamo da una società moderna, sebbene siamo distanti dal realizzarlo almeno in modo compiuto e diffuso.
E tale aspettativa, che ci proietta in avanti, va tenuta da conto se vogliamo correttamente pro-grammare il nostro futuro come individui e come im-prese produttrici di beni e servizi. Tali aspetti li posso indicare sommariamente come segue:
Si avverte la necessità di un’organizzazione del lavoro più razionale;
Cresce il bisogno di un impiego “autonomo” nella logica dell’homeworking e del teleworking;
Si afferma l’esigenza di una forma di ap-prendimento continuo in luogo di quella limitata all’età scolare;
Aumenta il bisogno di un impiego ottimale del tempo lavorativo e dello svago;
S’impone l’esigenza di una interazione tra i vari processi legati alla vita sociale sia nei rapporti privati che in quelli pubblici.
Da ciò possiamo ricavare delle soluzioni del tutto diverse dalle attuali come ad esempio:
il 20% degli italiani possono scegliere, già da ora, la propria abitazione come postazione fissa di lavoro sia autonomo che dipendente;
il 32% delle imprese possono stipulare rap-porti di lavoro diversificati e non più riferiti a singoli soggetti ma a gruppi di lavoratori o affidando parte delle attività, in specie se amministrative-contabili, di marketing, pubblicitari di relazioni interne ed esterne a liberi professionisti. Per una grande azienda come l’Ente Poste, ad esempio, ciò comporterebbe una ri-duzione del 20% del personale amministrativo-conta-bile ed il suo reimpiego ad altre funzioni;
il 25% delle attuali attività possono essere profondamente mutate. Pensiamo alle edicole dei giornali sostituite dalle rassegne stampa domiciliate via internet o intranet, al giornale telematico e via di-cendo. Lo stesso dicasi per l’area commerciale dove l’offerta può essere proposta alla clientela attraverso le televendite interattive. Le banche e gli uffici posta-li, a loro volta, possono far convergere il 20/25% della loro clientela verso l’homebanking e l’homeposting.(Riccardo Alfonso fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Facciamo quadrato sulla sicurezza”

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 marzo 2012

Deutsch: Festung Marghera, Festungswall Espera...

Deutsch: Festung Marghera, Festungswall Esperanto: Fortikaĵo Marghera, fortikaĵa remparo Italiano: Forta Marghera, terrapieno (Photo credit: Wikipedia)

Milano 5 Aprile 2012, ore 16:30 Mondadori Multicenter, in via Marghera 28 Il leader nella sicurezza, in collaborazione con AIPSI, propone un incontro per approfondire i nuovi fenomeni della consumerizzazione e dei millennials Consumerizzazione e millennials, due fenomeni attuali che hanno molto in comune e che determinano l’evoluzione degli strumenti IT e impongono nuovi modelli di sicurezza. Trend Micro – leader globale nella sicurezza per il cloud e AIPSI, Associazione Italiana Professionisti Sicurezza Informatica – capitolo Italiano di ISSA (Information System Security Association) – propongono un momento di approfondimento:
Consumerization, Millennials, Mobile: un nuovo approccio per l’IT.
Agenda dei lavori:
17:00 Introduzione al tema – Elio Molteni, Presidente AIPSI
17:30 Mobile Strategy – Cesare Garlati, Senior Director Consumerization&Mobile, Trend Micro
18:00 Tavola rotonda
Moderatore – Gaetano Di Blasio, Cofondatore e Vice Presidente Reportec
Relatori – Susanna Simari Benigno, Vodafone
– Gabriele Faggioli, Legal Services Consultant
– Cesare Garlati, Trend Micro
– Stefano Zanero, ISSA International Board
Per ulteriori informazioni sull’evento: http://www.aipsi.org/images/stories/food/aipsi%20quad_%20mobile%205-4-2012.pdf
Trend Micro Incorporated, leader globale nella sicurezza per il cloud, crea un mondo sicuro nel quale scambiare informazioni digitali, fornendo a imprese e utenti privati soluzioni per la sicurezza dei contenuti Internet e la gestione delle minacce. Pioniere nella sicurezza server con un’esperienza ultra ventennale, Trend Micro propone un’offerta completa per la sicurezza a livello client, server e cloud in grado di soddisfare le esigenze di clienti e partner, bloccare le nuove minacce con rapidità e proteggere i dati all’interno di ambienti fisici, virtualizzati e cloud. Basati sull’infrastruttura in-the-cloud Smart Protection Network™ di Trend Micro, le tecnologie, i prodotti e servizi per la sicurezza bloccano le minacce là dove emergono, su Internet, e sono supportati da oltre 1.000 esperti di threat intelligence di tutto il mondo. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito http://www.trendmicro.it

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Origine ed evoluzione della biodiversità animale”

Posted by fidest press agency su domenica, 25 marzo 2012

parma

parma (Photo credit: ho visto nina volare)

Parma Venerdì 30 marzo alle ore 17 all’Oratorio Novo in vicolo Santa Maria 5 , l’Associazione donne ambientaliste – ADA Onlus – propone l’incontro con DONATO GRASSO zoolologo ed etologo dell’Università di Parma sul tema “Origine ed evoluzione della biodiversità animale”. La conferenza si inserisce nel ciclo di incontri su “Diversità come ricchezza biologica, genetica, culturale”. http://www.associazionedonneambientaliste.it
Prof. Donato Antonio Grasso >> The scientific activity of D.A. Grasso concerns mainly Behavioural Ecology and Sociobiology. In particular, the main topics of his research regard several aspects of ant biology (Hymenoptera, Formicidae) studied with a multidisciplinary approach. Behavioural, morpho-functional, chemical and bioacoustical investigations were mainly focused on the reproductive behaviour, foraging, raiding activity, alarm and defence, territorial marking, orientation, reproductive behaviour and colony founding in both social parasites (such as slave-making ants) and free-living species. Other topics concern ecological aspects, such as intra- and inter-specific competition in different ant species (mainly Messor harvester ants), as well as the sociogenetics of incipient colonies. Recently started investigations are addressed to the study of the ant fauna as possible bioindicator for measuring environmental quality, especially in areas with a strong impact of human activities, such as the agro-ecosystems. Finally, further recent researches are devoted to investigate phylogenetic aspects, social structure and dispersal strategies of harvester ants of the genus Messor. Moreover, investigation are also focused on the symbiotic relationships involving ants and plant parasites (such as aphids and mealybugs) and on how ants may affect the action of parasites’ natural enemies (such as coccinellid beetles) both in natural conditions and during biological control. Read more >> http://scienzebiologiche.unipr.it/cgi-bin/campusnet/docenti.pl/Show?_id=grasso

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Moda: L’evoluzione dell’e-commerce e il caso YOOX

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 marzo 2012

Erika na Moda Lisboa 2008

Image via Wikipedia

Roma giovedì 15 marzo 2012 ore 16.00 aula magna – ex-vetrerie Sciarra via dei Volsci 122, Federico Marchetti sarà protagonista dell’ottavo incontro del ciclo di seminari I professionisti della moda per l’anno accademico 2011-2012. Federico Marchetti, fondatore e amministratore delegato di YOOX Group, parlerà agli studenti di eccellenza del corso di Scienze della moda e del Costume, di L’evoluzione dell’e-commerce e il caso YOOX.
YOOX Group è oggi il partner globale di internet retail per i principali brand della moda e del design, grazie ai suoi store multi-brand yoox.com e thecorner.com, e i numerosi Online Store mono-brand tra i quali zegna.com, valentino.com e diesel.com, tutti “powered by YOOX Group”. L’incontro è a numero chiuso per gli studenti; docenti e giornalisti possono prenotare un posto. E’ possibile seguire il ciclo di incontri anche tramite il sito http://www.seminarimodasapienza.it tramite facebook/moda sapienza e tramite twitter/moda sapienza.
(Cristina Todisco)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scienza: Il passato remoto dell’Universo

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 marzo 2012

Italiano: MB Monza graffiti 2011 - stencil evo...

Image via Wikipedia

Roma giovedì 15 marzo 2012 ore 15.30 aula Amaldi – dipartimento di Fisica piazzale Aldo Moro 5, si terrà la conferenza dal titolo Il passato remoto dell’universo. Attraverso la descrizione del recente esperimento spaziale Planck, del suo precursore su pallone stratosferico BOOMERanG, e dei loro risultati, si mostrerà come le misure registrate hanno permesso di sviluppare la cosiddetta cosmologia di precisione, richiedendo l’ introduzione di materia ed energia oscure per ben descrivere la composizione dell’Universo e la sua evoluzione. L’incontro si conclude con la descrizione delle problematiche cosmologiche ancora aperte, come l’inflazione cosmica e la composizione ed evoluzione dell’universo, che rappresentano vere e proprie sfide per gli sperimentatori, e i nuovi esperimenti che vengono approntati anche presso La Sapienza. (Paolo De Bernardis)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lettera aperta al ministro della Difesa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 dicembre 2011

Signor Ministro della Difesa Paolo Dipaola
Il giorno 02 agosto 2010 ho scritto una lettera aperta al presidente del CoCeR Interforze ma indirizzata anche al Capo di Stato Maggiore della Difesa ed al Comandante Generale dell’Arma nella quale, fra l’altro, segnalavo la mia perplessità in ordine “ai tempi di risposta, da parte del Comandante affiancato alle numerosissime delibere del CoCeR Carabinieri”. Una lettera ove chiedevo un autorevole intervento nella Sede Centrale Interforze ed in tutte le altre Sedi ritenute opportune nell’esclusivo interesse dell’Istituzione e dei Carabinieri di ogni ordine e grado affinchè la normativa potesse trovare una corretta applicazione ovvero che, in assenza di risposta, il CoCeR/CC sottoponesse le numerosissime problematiche deliberate alla S.V. per il tramite del Presidente del CoCeR Interforze. Risulta ancora oggi difficile pensare che le suddette delibere, in gran parte originate dalla “Base”, otterranno mai quella doverosa risposta e già mi torna in mente e si spiega meglio il perché dell’invito, da parte del Generale Luciano Gottardo (già Comandante Generale) quando ha invitato i Comandanti delle Unità di base ed intermedie, in un clima di reciproco rispetto delle delicate funzioni ricoperte; a confermare il loro impegno nel valorizzare, in ogni circostanza, le componenti della Rappresentanza Militare, favorendo il dialogo con i Consigli, rispettando i tempi di risposta alle delibere e superando eventuali difficoltà che possano rallentare il regolare funzionamento degli Organismi. Ho imparato, in questi anni, che il governo del personale dovrebbe essere preoccupazione di chi è al comando di unità e reparti anche ai minori livelli: esercizio questo di alta responsabilità da svolgere con equilibrio e serenità in primo luogo e sostanziato dall’esempio, non dimenticando mai che dietro ogni Carabiniere c’è prima di tutto un uomo.”
Anche queste ultime affermazioni, del tutto condivisibili del Generale Gianfrancesco Siazzu (già Comandante Generale) tradivano tuttavia una minore consapevolezza del fatto che “…..ormai, da parte di alcuni comandanti”, si è “persa quella capacità di percepire ed intuire situazioni di disagio….” Aspetto confermato, sempre il Generale Gianfrancesco Siazzu, quando è tornato sull’argomento nella Sua lettera datata 16/11/2006. Anche il Capo di Stato Maggiore della Difesa, nel corso di un precedente incontro (marzo 2005) con il CoCeR Interforze, ha percepito un certo stato di disagio dei delegati, dichiaratamente riferibile alla carenza di un giusto riconoscimento del ruolo della Rappresentanza e, in particolare, degli Organismi di base ed intermedi, da parte dei comandi a vari livelli.
Signor Ministro, In occasione della Sua prossima visita presso il Comando Generale dell’Arma, purtroppo, non credo vi sarà l’occasione di un incontro con il CoCeR Carabinieri che non è convocato in riunione. Possa quindi, questa articolata ma doverosa premessa, essere utile ad una riflessione anche sulla validità e sull’efficacia dello strumento “Rappresentanza Militare” affinchè le ragioni dei militari trovino finalmente quel favorevole consenso attraverso la mediazione ed una guida maggiormente “europeista” del Suo Ministero. Nei prossimi mesi si dovranno prendere decisioni anche in merito ai numerosi progetti sulla riforma della Rappresentanza dei militari. La proroga anche di questo mandato, imposta per due anni, aveva questo come principale scopo e responsabilità nei confronti dei cittadini in divisa. Dovranno quindi necessariamente essere considerate le forti aspettative di minori limitazioni a quei diritti fondamentali che sono garantiti dalla Costituzione. Aspettative che potranno essere soddisfatte solo grazie a valutazioni più aderenti all’evoluzione ed al nuovo contesto sociale. L’eventuale apertura ad una forma di rappresentanza di tipo sindacale o associativa, sono convinto, oltre al notevole risparmio di risorse economiche, rispecchierebbe quei principi di garanzia e di pluralismo già richiamati dalla Comunità Europea nel quadro di una maggiore integrazione.Diversamente, il disagio e la disapprovazione da parte di tutti i militari per una proroga del mandato del tutto ingiustificabile sarà alimentato proprio perché rimasta ingiustificata. Rispettosamente Delegato CoCeR CC Michele Fornicola

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rna e i segreti dell’evoluzione

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 ottobre 2011

Comparison of a single-stranded RNA and a doub...

Image via Wikipedia

Il gruppo di ricerca della Sapienza,  coordinato da Irene Bozzoni, con il contributo di Telethon e di “Parent Project Onlus”, ha scoperto una nuova funzione per alcune molecole di RNA che apre nuove prospettive alla comprensione dell’evoluzione dei genomi  Il meccanismo molecolare scoperto dai ricercatori della Sapienza coordinati da Irene Bozzoni, con  il contributo di Telethon e dell’Associazione di genitori “Parent Project Onlus”, può essere assimilato a un sistema di contromisure molecolari che la cellula mette in atto per proteggere se stessa.  In opportune condizioni, le molecole preposte alla sintesi di proteine (RNA messaggeri) subiscono l’attacco di specifiche molecole inibitrici (microRNA) che spesso ne provocano la distruzione, analogamente a quanto avviene per un bersaglio colpito da un missile.  La scoperta del gruppo della Sapienza rivela che, in condizioni in cui è essenziale la funzionalità dell’RNA messaggero, le cellule lo proteggono cercando di deviare i missili (microRNA) dai loro bersagli (RNA messaggeri).
Tali sistemi di contromisura sono attuati da molecole di RNA (RNA decoy) la cui funzione non è quella di sintetizzare proteine (come per la maggior parte delle molecole di RNA) ma di attirare su se stessi i microRNA impedendone l’azione di disturbo sugli RNA messaggeri.  Nel lavoro pubblicato sulla prestigiosa rivista Cell (Cesana et al., Cell, vol. 147, issue 2), è stato dimostrato che l’azione di tali molecole è fondamentale nel permettere il corretto differenziamento di cellule muscolari. In particolare è stato osservato che durante il differenziamento muscolare viene prodotto un RNA decoy (linc-MD1) che sequestrando due microRNA (miR-133 e miR-135) permette la sintesi di proteine che svolgono un ruolo chiave nell’indurre il differenziamento muscolare.  Inoltre è stato scoperto che tale RNA decoy è poco espresso in cellule distrofiche umane. Tale carenza potrebbe essere una delle cause del ritardo differenziativo che si osserva nella Distrofia muscolare di Duchenne, aprendo pertanto interessanti prospettive per nuove strategie terapeutiche in questa patologia.  Oltre agli aspetti clinici, la scoperta apre anche un nuovo inaspettato scenario nella comprensione delle funzioni di quella consistente parte del genoma umano che non è preposto alla sintesi delle proteine, ma ad altre attività. Fino ad ora queste funzioni erano largamente sconosciute.  Nelle cellule di mammifero solo una piccola percentuale del DNA produce RNA che saranno tradotti in proteine, al contrario una grossa porzione del genoma è trascritta in RNA non codificanti. Proprio quest’ultima componente sembra essere responsabile dell’aumento della complessità funzionale dei mammiferi e dell’uomo in particolare. “Una delle domande fondamentali a cui biologi molecolari e genetisti hanno da sempre cercato di rispondere – spiega Irene Bozzoni – è quale sia la base genetica dell’aumento delle complessità funzionale dell’uomo rispetto ad organismi semplici. Gli sforzi compiuti nel sequenziamento e nell’analisi dei genomi ci hanno all’inizio sorpreso perché indicavano che tra un moscerino e un uomo il numero di geni che producono proteine non è molto diverso, .mentre ciò che aumentava proporzionalmente alla complessità era il DNA non codificante”. L’identificazione di una nuova funzione rilevante per l’RNA sottolinea ulteriormente come sia la complessità dei meccanismi di regolazione e non tanto il numero di proteine ciò che distingue gli animali più evoluti da organismi più semplici.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »