Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘fashion’

eCommerce e fashion: settore in crescita

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 settembre 2019

Cresce il comparto fashion nell’ambito degli acquisti eCommerce: +16% rispetto allo scorso anno, 3.3 miliardi di euro il fatturato complessivo, secondo solo a informatica ed elettronica (+18% per 5 miliardi).L’incremento è degno di nota, nonostante solo il 44% degli italiani acquisti online contro la media europea del 68%.I nostri connazionali hanno però una predilezione per moda e design: negli ultimi 12 mesi il 54% dei clienti online ha comprato abbigliamento o accessori, oppure mobili o complementi d’arredo. È la percentuale più elevata fra gli atti d’acquisto dei vari settori ed è un primato degli italiani.Il 76% di chi compra fashion (considerando quindi anche il retailing fisico) ricerca preventivamente informazioni online e il 73% confronta le differenti opzioni d’acquisto: in quest’ottica i punti vendita diventano un touchpoint primario, configurandosi come vetrine flagship e centri-servizio per quanto attiene ai monomarca. I multimarca mostrano dinamiche diverse, senza sostanziali differenze tra offline e online, all’insegna della totale multicanalità.In questo scenario si collocano le nuove collaborazioni tra Qapla’ (www.qapla.it), sistema integrato che permette di gestire le spedizioni dalla stampa dell’etichetta fino alla notifica di consegna, con Sublime – Easy Shoes (https://sublimeshop.it/), lo store eCommerce di calzature, e con R.a. Boutique (https://raboutique.com/), store di abbigliamento, scarpe e accessori femminili.Cerchiamo di “distruggere” quelle barriere che, almeno nel nostro settore, danno vantaggio all’acquisto offline – afferma Damiano Battista, CEO di Sublime – Easy Shoes. Per fare un esempio, dopo pochi mesi di apertura, ci siamo resi conto che uno dei problemi più grandi era la scelta del numero corretto. Abbiamo così deciso di inserire un servizio di cambio numero totalmente gratuito e, devo dire, i clienti si sentono molto più tranquilli nel fare un acquisto sapendo che hanno la possibilità di cambiare numero spendendo zero. Qapla’ è stata una rivoluzione. Poter gestire centinaia di spedizioni in pochi click non ha prezzo, o meglio, ha un prezzo irrisorio rispetto al vantaggio apportato.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terza edizione dei Green Carpet Fashion Awards

Posted by fidest press agency su martedì, 27 agosto 2019

Venezia. Domani all’Hotel Belmond Cipriani di Venezia Carlo Capasa, Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana e il fondatore e Direttore Creativo di Eco-Age Livia Firth si riuniranno insieme a Rupert Everett, Colin Firth, Derek Blasberg, Iman Abdulmajid e Pierpaolo Piccioli per annunciare la terza edizione dei Green Carpet Fashion Awards, che si terrà il 22 settembre al Teatro alla Scala di Milano. Durante l’evento, l’Associazione dei Gondolieri Veneziani con i suoi 433 gondolieri verrà premiata con l’ Eco-Stewardship Award.
Infatti, con la collaborazione della Woolmark Company e della rinomata casa di moda veneziana Emilio Ceccato, nel 2018, i gondolieri hanno indossato la lana merino australiana, un tessuto versatile 100% naturale e rinnovabile. I gondolieri, dopo quasi 100 anni, hanno così indossato di nuovo questo tessuto di fibra naturale davanti a 26/30 milioni di visitatori l’anno. All’ esclusivo pranzo all’ Hotel Belmond Cipriani, i gondolieri con le loro iconiche uniformi saluteranno gli ospiti per celebrare l’annuncio del premio.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fashion Icon Jason Wu to Take the Stage at CES Asia 2019

Posted by fidest press agency su martedì, 11 giugno 2019

CES Asia today announced global fashion leaders Masha Ma, Chinese fashion designer; Jason Wu, renowned fashion designer; Aroma Xie, co-founder and marketing director of Ontimeshow; Shaway Yeh, founder of yehyehyeh and style editorial director of Modern Media Group; and Xuan Zheng, CEO of Chatail, will take the stage at CES Asia 2019 to discuss the connected worlds of technology and fashion. Now in its fifth year, CES Asia is scheduled June 11-13, 2019 at the Shanghai New International Expo Centre (SNIEC) in Shanghai, China.
This panel extends from a newly established partnership with Ontimeshow, China’s premier fashion trade show, which also serves as a business hub among the industry’s forward-looking professionals. The fashion pioneers will speak as part of the panel session, “Fashion + Tech = Innovation,” scheduled for 11:15 AM, Tuesday, June 11. Moderated by Shaway Yeh, fashion journalist and founder of yehyehyeh, the panel will explore the intertwined industries of technology and fashion and future advancements in the market.
“Fashion and innovation have never been more connected, as designers and entrepreneurs embrace technology to advance their creative vision and grow their brands,” said Karen Chupka, executive vice president, CES. “Every company today is a tech company. We welcome these renowned innovators to the CES Asia stage as they examine how technology is revolutionizing the world of fashion and design.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

GDD Fashion Week: la terza preview è vinta da Irene Contini

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 Mag 2019

Irene Contini ha vinto la terza preview della GDD Fashion Week, che ha avuto luogo nel design post – industriale della sede RUFA Pastificio Cerere nel cuore del quartiere San Lorenzo, e si aggiunge a Rossana Pane e Giusy Di Bartolo che si sono aggiudicate le selezioni tenute presso il Macro di Roma. Si conclude così la prima fase della GDD Fashion Week che adesso è pronta ad affrontare il lungo cammino verso il trittico di eventi connessi alle finali che si svolgeranno in Calabria: 31 luglio “Dalla parte delle donne”, 1 agosto “Serata di Anteprima” e 2 agosto “Serata di gala”. Le iscrizioni al contest sono ancora aperte. Il tema di questa edizione è “la strada”, non intesa semplicemente come tipologia contemporanea di abbigliamento, ma come concezione di vita, di approccio alla quotidianità, come dinamismo e movimento. Il bando si può scaricare dal sito http://www.gddfashionweek.it. La commissione di valutazione, presieduta dal maestro Graziano Amadori, determinerà la graduatoria dei fashion designer che prenderanno parte alla kermesse. Per il primo classificato una borsa di studio da 2 mila euro. C’è anche il Premio della Stampa, decretato dal noto magazine “La mia Boutique”, che consiste nella pubblicazione di un servizio fotografico corredato da un’intervista approfondita e dettagliata dello stilista. E poi c’è anche l’award Never Tee Stop che consiste nella realizzazione di una capsule da presentare nell’ambito degli eventi firmati GDD Fashion Week.Ancora una volta il quartiere degli artisti, San Lorenzo, ha generato emozioni. La presidente di giuria Valeria Oppenheimer, autrice e conduttrice del format televisivo “Top tutto quanto fa tendenza”, in onda su Rai Uno, ha fatto davvero fatica a scegliere il vincitore. Oltre all’affascinante inviata di Rai Uno, la giuria ha annoverato al proprio interno Daria Manzolini (giornalista), Gian Luca Gentili (designer), Stefano Compagnucci (fotografo), Ina Bordonaro (stilista), Stefano Montarone (stilista) e il founder di Never Tee Stop Juriy Villanova. Tra gli ospiti il prefetto Gianfranco Tomao, il direttore RUFA Fabio Mongelli e la direttrice IED di Roma Paola Pataccini.
Sette i fashion designer in gara: Alice Fruendi, Eletta Palestini, Irene Contini, Maria Rosaria Venditto, Lapo del Bubba, Camilla Pane e Laura Frigerio. E poi gli ospiti: gli stilisti Ina Bordonaro e Stefano Montarone, la creatrice di gioielli contemporanei Emanuela Greco ed il progetto stilistico ideato da Giuliano Lombardo e denominato Povero Brand. L’intera serata è stata aperta dalle note dell’handpan del musicista Enrico Caruso, con un lounge aperitif in terrazza Semoleria perfettamente allineato all’evento. Nel pubblico, pronte a raccontarsi, le attrici Daniela Fazzolari e Caterina Misasi, senza dimenticare le parole in musica di Micaela, dal Festival di Sanremo a The Voice per inseguire il talento.In uno scenario capace di declinare contemporaneità e formazione i protagonisti più veri ed autentici sono stati gli abiti: ricerca, studio, contaminazione, sartorialità e passione. Dagli outfit che hanno animato l’evento emerge un dato inconfutabile: il made in Italy, inteso come ideazione, progettazione, design vola alto, grazie anche alla moda. Tra qualche giorno saranno resi noti gli stilisti ammessi alla fase finale. I nominativi verranno pubblicati sul sito ufficiale del contest e sui canali social. E da quel preciso istante inizia il viaggio nella creatività firmato GDD Fashion Week.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Programma Tommy Hilfiger Fashion Frontier Challenge

Posted by fidest press agency su martedì, 26 marzo 2019

Tommy Hilfiger, di proprietà di PVH Corp. [NYSE: PVH], è lieta di annunciare che ora è possibile presentare le domande di partecipazione alla seconda edizione annuale del programma globale Tommy Hilfiger Fashion Frontier Challenge , che mira a sostenere start-up e aziende in fase di crescita nello sviluppo di soluzioni che promuovano cambiamenti positivi e inclusivi nel settore della moda. Dopo la riuscita della prima edizione, l’azienda desidera continuare a tentare di individuare opportunità che supportino il progresso di tale settore.“Il primo capitolo di questa iniziativa globale è stato un viaggio ispiratore che ha evidenziato idee incredibili in grado di cambiare le vite delle persone attraverso un ambiente della moda più positivo e inclusivo”, spiega Tommy Hilfiger. “Tramite il programma Tommy Hilfiger Fashion Frontier Challenge continuiamo a guidare e sostenere imprenditori sociali che operano con passione per far fronte a problemi che sentono fortemente. Celebriamo così lo spirito imprenditoriale e il risoluto ottimismo al cuore del DNA del nostro marchio.”Le aziende interessate sono invitate a presentare proposte di progetti focalizzati sul settore della moda con caratteristiche di inclusività. Nel corso di un processo multistadio della durata di quattro mesi, il numero dei candidati sarà ridotto a una rosa di sei finalisti che saranno invitati a sviluppare i piani del loro progetto con l’assistenza di un team Tommy Hilfiger di esperti dell’argomento presso il Campus of the Future ad Amsterdam, nei Paesi Bassi. I finalisti presenteranno i concetti completati nel corso dell’evento globale Tommy Hilfiger Fashion Frontier Challenge che si terrà agli inizi del 2020; una giuria prestigiosa assegnerà 150.000 euro che saranno divisi fra due vincitori, che riceveranno anche un periodo di un anno di “apprendistato” sotto la guida di esperti Tommy Hilfiger nel mondo nonché di esperti INSEAD, oltre all’inserimento nel corso ISEP (INSEAD Social Entrepreneurship Program). Altri 10.000 euro saranno assegnati al finalista che ottiene la preferenza del pubblico, vincendo il “Audience Favorite Vote”.
L’evento finale della prima edizione del Challenge si è svolto a gennaio 2019; la giuria era composta da varie celebrità: Tommy Hilfiger; la modella e attivista Arizona Muse; Daniel Grieder, AD di Tommy Hilfiger Global e PVH Europe; Martijn Hagman, CFO e COO di Tommy Hilfiger Global e PVH Europe; Willemijn Verloop, socia fondatrice di Social Impact Venture; Filipe Santos, Full Professor e Chair of Social Entrepreneurship presso Católica-Lisbon e Visiting Professor presso INSEAD; e Katrin Ley, Direttrice generale di Fashion for Good. La giuria ha assegnato un totale di 210.000 euro a tre vincitori: Selina Wamucii, doctHERs e Auf Augenhoehe. La missione di Tommy Hilfiger è essere una delle aziende per lo stile di vita sostenibili e leader nel settore della moda grazie a come crea i prodotti, gestisce le operazioni e mantiene i rapporti con le comunità e gli stakeholder. Fonte: http://global.tommy.com/int/en/about/corporate-responsibility/16

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Venice Fashion Week 2018

Posted by fidest press agency su martedì, 16 ottobre 2018

Venezia. Venice Fashion Week inizierà giovedì 18 ottobre alle 11:30 con Apart. Preserve, Innovate, una mostra di abiti contemporanei realizzati dalle più antiche sartorie veneziane, creata dalla designer Daniela Giacometti all’Hotel Londra Palace, e con la sfilata di Fabiana Filippi, l’azienda con il più basso impatto ambientale d’Italia, per iniziare subito con i temi della manifestazione: alto artigianato per una moda etica e sostenibile.
La moda come progetto di inclusione andrà in scena venerdì 19 ottobre alle ore 19: la casa del lusso veneziano T Fondaco dei Tedeschi presenta la sfilata della collezione Banco Lotto n. 10 realizzata dalle carcerate della casa di reclusione femminile di Venezia.
Anche sabato 20 in Piazza San Marco alle ore 12 si parlerà di moda etica con il Progetto Quid di Anna Fiscale, mentre nel pomeriggio il pigiama party del brand fiorentino Veraroad presenterà in un palazzo veneziano del Settecento anche una collaborazione con il prezioso merletto di Burano.
Domenica 21 ottobre il brand veneziano V73 presenterà le nuove borse artigianali a palazzo, e inizieranno gli aperitivi con i designer e i cocktail nelle più belle boutique di ricerca veneziane.
La settimana delle sfilate riprenderà martedì 23 ottobre allo Splendid Venice Hotel con i Tabarri di Sandro Zara, il creativo che ha rilanciato questo iconico capo sartoriale nel mondo della moda.
L’artigianato nel suo aspetto più espressivo caratterizzerà i designer di mercoledì 24 ottobre. Scegliendo Venezia e le stanze affrescate di Palazzo Marin ci sarà per la sua prima assoluta Davii, brand emergente del brasiliano Fabiano Fernandes Dos Santos, con drappeggi e plissettature per tessuti fluidi e pezzi unici costruiti a mano.La sera The Gritti Palace Hotel presenterà i veneziani Arnoldo e Battois, creativi che hanno calcato le passerelle internazionali e che hanno sfilato davanti a Carla Sozzani e Anna Wintour per Who’s on Next di AltaRoma e Vogue Italia.Giovedì si parlerà di moda etica e sostenibile a Ca’ Sagredo Hotel con un convegno che vedrà confrontarsi i più importanti artigiani veneziani, designer e istituzioni, e con la sfilata delle aziende green Imama Project e Poethica.Venerdì 26 ottobre è il turno dell’emergente Michela Gaiofatto a Palazzo Barbarigo sul Canal Grande, mentre sabato sarà come sempre una festa dal mattino a sera inoltrata: una passeggiata con gli Instagramer alla scoperta degli atelier aperti, e ancora cocktail e sfilate, e uno show di droni a T Fondaco dei Tedeschi. Gli eventi di Venice Fashion Week sono gratuiti e aperti al pubblico. Per partecipare alle sfilate occorre prenotarsi.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Filippo Laterza: “Opera Orientale”. Dallo Shenzhen Fashion Festival ad Altaroma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 gennaio 2018

Filippo LaterzaFilippo Laterza3Roma Giovedi 25 gennaio 2018 – ore 13:30 – Guido Reni District, 15 Via Guido Reni 7 La collezione di Filippo Laterza “Opera Orientale” é un passaggio fra Oriente e Occidente, un cammino fra culture e tradizioni, fra diversi stili e differenti visioni dell’arte, un caleidoscopio di costumi e culture differenti, dove si fondono innovazione e tradizione, naturalezza e artificio.Il viaggio di Filippo Laterza, parte dal successo ottenuto lo scorso anno a Shanghai durante la Fashion Week con White con l’evento “Style Routes to Shanghai”, dove ha definito la partnership con il gruppo tessile cinese di Shengzhou, Zhejiang Maidilang Group Ltd, fino ad arrivare al 18 gennaio scorso dove la giovane promessa della moda italiana è stato invitato allo “Shenzhen Fashion Festival” quale unico creativo della comunità europea e del Made in Italy, un evento di grande prestigioso nazionale a cui hanno partecipato i più importanti designer cinesi, russi, americani, australiani, Per lui un esclusivo Fashion Show, dove le sue creazioni Haute Couture sono state indossate da top model asiatiche. Ad aprire la sfilata un capo della nuova collezione Bridal di Filippo Laterza2Filippo Laterza5Filippo Laterza con un capo unico dedicato al kid’s wear ad anticipazione dei tanti progetti futuri. Una conferenza stampa che lo ha visto protagonista in diretta televisiva, nella quale ha fatto valere il valore internazionale del Made in Italy e le potenzialità che possono emergere dal connubio industriale fra Italia e Cina, nel mondo della moda e degli accessori luxury.
Il viaggio creativo ispirato alla “Via della Seta” approda nella capitale della moda italiana e sarà uno degli appuntamenti più attesi del prossimo Calendario di Altaroma.
Orientale e mitologico divengono pop art, la sartorialità e l’eleganza anglosassone si veste di contrasti fra orientalismo e modernizzazione. Tagli, volumi e forme dell’alta moda sono modernamente rivisitate. La pittura del cuore “Liampu” dei protagonisti dell’Opera di Pechino, viene trasportata su abiti, cappe e Filippo Laterza6Filippo Laterza4gonne. Un viaggio nel Regno Unito ha ispirato lo stilista in un’altra parte della collezione, il castello di Cardiff e Highgrove garden hanno influenzato la creazione di nuovi tessuti, si fondono i disegni Principe di Galles con le rose antiche inglesi e tutti i fiori del meraviglioso giardino, i broccati e soprattutto i fil coupé con speciali armature che con le tecniche del taglio dei fili di slegatura riescono a disegnare fiori e ghirlande che paiono tridimensionali e ricamati su fondi Principe di Galles e scozzesi.” La collezione ricca di dettagli ricamati a mano vanta pregiati macramè francesi uniti e velour di seta wet effect dalle mani fluide, preziose douchesse e velour stampate con i disegni dell’opera cinese realizzati dall’azienda Seride in Italia. Grande importanza hanno Jacquard, broccati in lurex double-face, fil-coupè e tessuti devorè disegnati da Filippo Laterza per la luxury label del gruppo MaiDiLang. Un ringraziamento speciale all’azienda Isabel Blasco che ha realizzato impalpabili pizzi con dettagli lures e splendidi giochi di frange in seta che danno movimento alla collezione. (filippo laterza)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fashion Television International announces new TV network FASHION in France

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 settembre 2017

londonLONDON/PRNewswire/Fashion Television International, a global broadcasting company, unveils the brand new FASHION|un channel, featuring 24/7 access to the world of fashion for French viewers. Launching in October 2017, FASHION|un will be distributed in France and will feature hundreds of hours of global content as well as completely new programming developed in-house for French viewers by the stylish and creative minds that are the driving force behind the network’s international success.
“Fashion Television is the distinctive voice in the realm of fashion and lifestyle broadcasting coverage,” says Ali Gursoy, President of Fashion Television International. “This new channel in France represents a strategic move for the future of our expanding portfolio.”The release of the dedicated French channel (which is also available throughout Europe) coincides with FASHION|un’s global roll-out of networks in all French-speaking territories including Canada, Belgium, Switzerland, Luxembourg and Monaco. The channel will also be available to viewers in North African countries such as Algeria, Tunisia, Morocco, and the Sub-Saharan countries Congo, Cameroon, Ivory Coast, Nigeria and Senegal as well as the Overseas French Territories Martinique, Guadeloupe, Mauritius, Reunion, Saint-Barthelemy and New Caledonia.
FASHION|un will launch with a full slate of primetime shows, including the fifth season of reality competition Design Genius, travel series Weekend Tour, designer spotlight specials Masters of Style, fashion docu-series FASH-BACK, front row and behind-the-scenes coverage of Fashion Week, and many, many more.The release of FASHION|un is another step in the network’s global expansion and reflects a continued growth in quality content focused on fashion — including, but not limited to, beauty, travel, culture, health and fitness, international events and award shows, celebrity news, collection launches, models, designers, and the latest runway shows — across the world. http://www.fashiontelevision.com.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Forte in Fashion: una settimana di moda all’Argentario

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 agosto 2017

Alice-MarziPorto Ercole dal dal 21 al 27 agosto seconda edizione di Forte in Fashion, manifestazione dedicata ai giovani talenti del fashion design e della fotografia di moda. La kermesse è organizzata da StyleBook, il social network della moda (www.stylebook.it), con il contributo della Pro Loco di Porto Ercole e il patrocinio del Comune di Monte Argentario.
Si parte lunedì 21 agosto con il vernissage della mostra fotografica del Fashion Department dell’ISFCI: fotografie di moda realizzate da autori che hanno compiuto il loro percorso di studi all’Istituto Superiore di Fotografia e Comunicazione Integrata di Roma, scuola che rappresenta da più di 30 anni un importante punto di riferimento didattico nella formazione di fotografi qualificati, creativi ed inseriti nel mondo del lavoro. Sono venti gli autori che esporranno: Marco Ardemagni, Mattia Astolfi, Federica Barboni, Francesco Belcecchi, Giulio Cafasso, Luca Cascianelli, Claudio Cerasoli, Giovanni Cosmo, Tommaso De Dona, Nicole Furlan, Simone Golfieri, Alice Marzi, Francesca Masariè, Federico Oddone, Melissa Pallini, Edoardo Russi, Federico Sguera, Federico Taddonio, Serena Vittorini e Martina Zanin. La mostra resterà aperta al pubblico fino a domenica 27 agosto, dalle 17:00 alle 21:00.
Melissa-PalliniGrande attesa per l’evento clou, la sfilata di moda in programma sabato 26 agosto. Cinque gli stilisti scelti dalla direttrice di StyleBook, Federica Bernardini: in passerella sfileranno le creazioni di Vanessa Foglia (Abitart), Hilda Falati, Pinda Kida (Nibi), Barbara Iacobucci e Raffaella La Rocca. Gli ospiti della sfilata saranno accolti con un drink di benvenuto offerto da Banfi, sponsor della manifestazione. Banfi a Montalcino è da quasi quaranta anni un punto di riferimento per chiunque al mondo si occupi di produzione vitivinicola. Definita a suo tempo come “il più grande progetto che sia mai stato realizzato nella produzione dei vini di qualità”, nasce nel 1978 grazie alla volontà dei fratelli italoamericani John e Harry Mariani, già titolari di Banfi Vintners, una delle più importanti società di importazione di vini statunitense.
La manifestazione Forte in Fashion si svolgerà anche quest’anno nell’incantevole cornice di Forte Stella, fortificazione spagnola del Cinquecento che domina il mare da un’altura nei pressi di Porto Ercole. Nelle sale al piano terra sarà allestita la mostra fotografica mentre la terrazza del forte, con una spettacolare veduta panoramica sulla costa dell’Argentario, ospiterà la sfilata. (foto: Alice-Marzi, Melissa-Pallini)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La moda traina l’e-Commerce nella Ticino Fashion Valley

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 marzo 2017

Lugano Il settore del commercio elettronico elvetico conferma il suo successo registrando una crescita del 21% solo nel 2016, trainata principalmente dal settore della moda. Il Fashion rimane infatti, per il secondo anno consecutivo, al primo posto tra le categorie più acquistate dagli online shopper in Svizzera, con un 56% di acquisti realizzati in questo settore e una spesa media annua di 605 CHF.A confermarlo sono i dati dell’Observatory NetComm Suisse e della Ricerca Swiss e-Commerce Consumer Behaviour realizzata con Contactlab, presentati nell’ambito del convegno “e-Commerce meets Fashion in the Ticino Fashion Valley”, giunto quest’anno alla sua terza edizione e svoltosi oggi presso il LAC di Lugano.I risultati presentati denotano come il processo di digitalizzazione in Svizzera sia completato e il mercato sia ormai maturo, considerato che il 95% della popolazione fra i 16 e i 65 anni (5,3 milioni di persone) naviga su internet regolarmente e il 90% di essi ha effettuato almeno un acquisto online nell’ultimo anno. In totale nel 2016 i 4,7 milioni di online shopper elvetici hanno speso 11,2 miliardi di CHF per comprare beni e servizi da portali di eCommerce, con uno scontrino medio annuale che ammonta a 2.400 CHF. Il 75% di essi inoltre naviga abitualmente da mobile, mentre il 61% si rivolge anche a siti esteri.“L’eCommerce in Svizzera continua la sua corsa e nel 2016 raggiunge quota 11,2 miliardi di CHF, mettendo a segno una crescita del 20%”. commenta Alessandro Marrarosa, Presidente di NetComm Suisse. “Si tratta di una crescita significativa, e superiore al +13% registrato lo scorso anno, dovuta alla stabilizzazione dei processi di digitalizzazione della popolazione svizzera, alla maggiore maturità raggiunta dal mercato del commercio elettronico elvetico e all’innalzamento del livello di spesa media annuale per acquirente arrivata a 2.400 CHF”.Rispetto alle categorie di beni e servizi alle spalle del Fashion si posizionano i trasporti, i viaggi e le attività di svago tramite il ticketing. Ad emergere è inoltre il settore dell’arredamento che, se prima rappresentava una nicchia, nel 2016 registra un aumento del 33% nel numero di acquirenti online. Tra i metodi di pagamento preferiti dagli online shopper elvetici spiccano la carta di credito (45%) e PayPal (44%).
Guardando ai device, in linea con le tendenze europee, i dati confermano numeri in crescita per gli smartphone, utilizzati oggi dal 68% degli online shopper e in aumento del 19% rispetto al 2014. In crescita è anche la tendenza ad utilizzare lo smartphone nel punto vendita per cercare informazioni sui prodotti (+26% rispetto al 2014) o comparare i prezzi (un’attività che arriva ad interessare fino al 50% degli user).“L’eCommerce elvetico a livello internazionale gode di una positiva reputazione”, commenta Carlo Terreni, Direttore Generale di NetComm Suisse, “e registra un interesse sempre maggiore da parte degli acquirenti che risiedono all’estero. Il 60% degli online shopper a livello internazionale attribuisce il valore di “alta qualità” ai prodotti svizzeri. In termini di percezione per affidabilità del servizio, la Svizzera si posiziona seconda solo alla Germania. Sono 3.440.000 gli online shopper stranieri che acquistano prodotti in Svizzera, con in testa l’area di Shanghai, seguita da Germania e UK”. prosegue Carlo Terreni “Sono 80 i brand di moda basati in Ticino e che vedono in quest’area geografica le condizioni ideali per lo sviluppo e la gestione del loro business nell’eCommerce. Alla luce dello stabilizzarsi delle aziende in Svizzera si osserva una sempre maggiore ricerca di profili con competenze digitali e per questa ragione, come NetComm Suisse, stiamo varando percorsi di formazione dedicati”.
Gli online shopper elvetici rappresentano inoltre un segmento di grande interesse anche per i retailer e i brand esteri, il 61% di loro infatti acquista online cross-border al di fuori del mercato svizzero.Oltre ad aver messo in luce i dati sul commercio elettronico in Svizzera, evidenziando l’importanza del comparto del Fashion, l’evento è stata l’occasione per parlare anche di innovazione dando rielevo ad alcuni casi di startup innovative che hanno esposto le proprie idee alla presenza di una platea di investitori. Le startup che hanno preso parte al pitch sono state: EyeFitU, TasteHit, Combyne, Prodibi, BrandCloud, deSwag, Selfnation, #be, Fashwell, Biowatch, Diamond Heels, SkipQ, Da Vinci, Trovamoda.com.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Roma stiliste e bloggers per la terza edizione del Fashion Connection Lounge

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 marzo 2017

fashionSi è svolta a Roma la terza edizione del Fashion Connection Lounge di StyleBook, manifestazione dedicata alla valorizzazione dei giovani talenti del fashion design. Grande successo per questa edizione tutta al femminile, con otto stiliste che hanno presentato le loro creazioni davanti a un pubblico numerosissimo che ha affollato l’OS Club, sede dell’evento per il secondo anno consecutivo, e naturalmente davanti alle blogger che hanno intervistato le designer al termine di ogni mini-show in passerella, secondo il consolidato format della manifestazione.Sotto la direzione artistica di Federica Bernardini, le otto stiliste si sono ispirate a quello che è stato il filo conduttore della serata, il Tao, l’antica filosofia cinese che vede i principi opposti e complementari dello Yin e Yang come fondamento del flusso vitale e del processo di mutamento e divenire di tutte le cose. Le designer sono Myriam Lo Prete, Valentina Pagliacci, Pinda Kida, Harriet Lind, Emanuela Zanchetta (Ela), Maria Cristina Vespaziani, Lucrezia Rinaldi e Marcella Milano.Quest’anno la sfilata ha avuto una presentatrice eccezionale, che ha saputo regalare momenti di forte emozione, Elena Travaini, ballerina affetta da una grave disabilità visiva, diventata nota al grande pubblico per la sua partecipazione come ospite a Ballando con le Stelle 2016.Ad animare la serata, con domande volte ad esplorare la creatività delle designer, è stato un gruppo di blogger coordinate da Claudia Giordano: Michaela Abati. Laura Limone, Alessia Aleo e Chiara Angiolino. Oltre a loro, altre blogger erano presenti come attente spettatrici: Beba Iacobelli, Alessandra Oliva, Marilina Curci, Giulia D’Eusanio, Antela Muçia e Francesca Pallone.Fashion Connection Lounge è un format ideato da StyleBook (www.stylebook.it), social network della moda e associazione culturale attiva nel favorire l’incontro e la collaborazione tra artisti ed operatori appartenenti a campi creativi diversi, con particolare attenzione alla moda, al design e alla fotografia. (foto: fashion)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arriva in tutte le edicole Barbie Fashion Collection

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

barbieMattel ha stretto un accordo di licenza con l’editore Five Store-Media4Commerce, divisione editoriale di Mediaset, per raccontare il mondo di Barbie attraverso una collezione di sticker dedicata alla moda. Barbie Fashion Collection permette a tutte le bambine di diventare le stiliste personali della fashion doll più amata di sempre!
La serie è composta da oltre 280 sticker attacca-stacca, morbidi e luccicanti, raffiguranti abiti, scarpe ed accessori, e da 20 card che ritraggono Barbie in diversi contesti, alle quali applicare gli adesivi per il look più adatto. Completa la collezione un album nel quale conservare le card, che include anche una sezione “armadio” dove poter raccogliere tutti gli sticker.
Barbie Fashion Collection è distribuita nelle edicole in flowpack, contenenti 14 ministicker, 1 card con Barbie e 1 minibook. L’album è invece venduto separatamente, con un flowpack incluso per dare subito il via alla collezione e al gioco.
Barbie Fashion Collection prende ispirazione dall’idea originaria da cui è nata Barbie: il gioco delle paper doll. In questo, le bambine si divertivano a ritagliare i vestiti dalle riviste di moda per poi applicarli alla loro modella rappresentata da una silhouette di carta. Tra divertimento e creatività erano infinite le combinazioni di abiti che si potevano creare. Oggi lo stesso gioco continua, in chiave più moderna, per dare estro alle stiliste di domani. Con Barbie puoi essere tutto ciò che desideri e con Barbie Fashion Collection da oggi puoi essere la sua stilista personale! Flowpack con 14 ministicker, 1 card e 1 minibook: € 1.99 Album per raccogliere le card e i ministicker: € 4.99 (barbie)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il viaggio della Cina per esplorare l’arte di Milano con eleganza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 settembre 2016

milan-fashionSu invito dell’organizzatore della Milano Fashion Week, ELLASSAY ha lanciato le collezioni alta moda primavera/estate 2017 a tema “Viaggio d’oggi” sulla passerella ufficiale a Palazzo del Senato il 26 settembre. Sede del senato nel 15° secolo, il palazzo è stato adattato a misura dei marchi di moda, ed è qui che Prada, Fendi e Ferragamo presentano di solito le loro collezioni. Il fashion design contemporaneo è destinato ad essere legato all’arte dalla sua nascita e l’ispirazione di ELLASSAY per la nuova stagione viene direttamente dalla creazione artistica intimamente connessa alla moda.Gli ospiti sono stati il console generale cinese a Milano, le attrici cinesi Guo Biting, Gao Xiaofei e Fang Anna, il famoso fashion blogger Xu Fengli, la direttrice di SELF Cina Xu Heli, un certo numero di media di moda, elite italiane degli affari, senior buyer della moda, giganti del retail e artisti italiani.Le collezioni primavera/estate 2017 hanno esibito uno stile modernista con un senso di semplicità e alta qualità, pur dedicata al design dalle linee eleganti, creando un senso di modernismo metropolitano con linee artistiche e motivi originali. Le collezioni adottano principalmente colori soffici e tenui supportati da combinazioni di tessuti tecnici e pelle, che donano una trama trasparente con un’attitudine fashion verso il comfort e la natura. La percezione della bellezza veicolata dall’arte è sempre interconnessa senza eccezione con la moda, producendo solo più possibilità per chi indossa senza limitarsi alla superficie.
ELLASSAY ha esteso la sua influenza sia in patria che all’estero. Dal 2015, ELLASSAY ha acquistato la proprietà del marchio e il diritto di utilizzo del brand di alta moda tedesco Laurhi, la proprietà del marchio americano di lusso accessibile ED Hardy in Cina, Hong Kong, Macao e Taiwan, oltre al recente investimento iniziale globale nel brand francese IRO. Con questa serie di azioni volte a costituire un gruppo cinese di alta moda, ELLASSAY è in sincronia con i grandi cambiamenti nell’industria della moda cinese con 20 anni di sviluppo al suo ventesimo anniversario. Continuerà ad integrarsi con le migliori risorse internazionali, mostrando la sua visione del mondo ai consumatori cinesi con una visione globale e portando la moda internazionale genuinamente creata in Cina.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Peter Lindbergh. A Different Vision on Fashion Photography

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 agosto 2016

modelleKunsthal, Rotterdam 10 settembre 2016 – 12 febbraio 2017 In occasione della grande retrospettiva alla Kunsthal di Rotterdam, nei Paesi Bassi, questo volume raccoglie oltre 400 fotografie che ripercorrono 40 anni della carriera di Lindbergh.
Quando il fotografo tedesco Peter Lindbergh immortalò cinque giovani modelle nel centro di New York nel 1989, non fu artefice solo della celebre copertina di Vogue UK del gennaio 1990, ma anche della nascita delle top model. Quella foto non si limitò infatti a riunire per la prima volta un gruppo di volti noti, ma segnò l’inizio di una nuova epoca nel mondo della moda e una nuova visione della bellezza femminile.Considerato un pioniere nel suo campo, introdusse una nuova forma di realismo ridefinendo gli standard di bellezza attraverso immagini senza tempo. Che si tratti di ritratti singoli o composizioni poetiche di soggetto e paesaggio, il suo immaginario è modulato secondo il linguaggio del cinema e gli archetipi della figura femminile, con le modelle che assumono pose di ballerine, attrici, eroine e femmes fatales.
Le cinque supermodelle Naomi Campbell, Linda Evangelista, Tatjana Patitz, Christy Turlington e Cindy Crawford, ritratte da Peter Lindbergh in bianco e nero per Vogue UK Gennaio 1990
Allo stesso tempo, Lindbergh ha sempre adottato un approccio umanista alla fotografia, privilegiando la bellezza autentica e naturale in un’epoca di intensi ritocchi, in modo da cogliere lo spirito e la personalità oltre all’aspetto esteriore, nonché celebrare la bellezza e la sensualità di donne più mature. Peter Lindbergh, Thierry-Maxime Loriot TASCHEN cartonato 239 x 340 524 pagine inglese, francese, tedesco. (foto: modelle)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Roma la seconda edizione del Fashion Connection Lounge

Posted by fidest press agency su martedì, 19 luglio 2016

fashionRoma Sabato 23 luglio h. 21.30 OS Club Via delle Terme di Traiano 4A torna a Roma il Fashion Connection Lounge di StyleBook con una serata dedicata alla valorizzazione dei giovani talenti del fashion design. Fashion Connection Lounge non è la solita sfilata ma un evento coinvolgente, incentrato sul confronto costruttivo tra stilisti e blogger: ogni stilista, dopo aver esibito alcune creazioni della propria collezione, sarà intervistato dalle blogger ospiti della serata che “investigheranno” sul suo lavoro, dando modo anche al pubblico di conoscere meglio e più da vicino cosa c’è dietro la professione del designer e dietro la creazione di un abito o di un accessorio di moda.Sotto la direzione artistica di Federica Bernardini saranno presentate le creazioni di nove designer: Dadiva Jewels, Drusilla, Emanuela Forte, Federico Mameli, Hilda Falati, Marina Margaryan, Naïve by Erica Iodice, Pinda Kida e Simona Bellardinelli.A coordinare le blogger e moderare gli interventi sarà Claudia Giordano, storica collaboratrice di StyleBook e autrice del blog BlondyWitch.Fashion Connection Lounge è un format ideato da StyleBook (www.stylebook.it), il social network della moda che opera sul territorio capitolino come associazione culturale attiva nel favorire l’incontro e la collaborazione tra artisti ed operatori appartenenti a campi creativi diversi, con particolare attenzione alla moda, al design e alla fotografia. La prima edizione del Fashion Connection Lounge si è svolta nella stagione 2013-2014 con con una rassegna di quattro eventi che ha visto la presentazione di diciannove creativi e il coinvolgimento di oltre sessanta blogger. (foto: fashion)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IBM: “I Dati sono Fashion – Vision 2015”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 aprile 2015

ibmPresentati i primi risultati de “I Dati sono Fashion – Vision 2015”, la seconda edizione della ricerca realizzata da IBM Interactive Experience, con l’obiettivo di raccogliere le conversazioni che descrivono l’industria del fashion, del luxury e del made in Italy e restituire insight come leve strategiche per il business.Ogni giorno le persone utilizzano social media, blog e forum per comunicare fra loro, raccontare esperienze e condividere preferenze attraverso commenti, tweet, post, immagini e video su ogni canale digitale. Questa molteplicità di dati può essere raccolta e analizzata per fornire informazioni utili a descrivere scenari e trend di mercato, identificare preferenze sui brand e sui prodotti anticipando così la domanda dei consumatori.
Nel trimestre ottobre 2014 – gennaio 2015 sono state raccolte 668.851 conversazioni in lingua inglese, legate a 20 marchi dell’alta moda italiana, alle quali se ne sono aggiunte altre 232.116 sviluppatesi durante la settimana di Milano Moda Donna fra il 25 febbraio e il 2 marzo 2015.Dieci dei venti brand analizzati hanno collaborato attivamente alla ricerca con il coinvolgimento in interviste dirette, consentendo così lo studio incrociato della percezione dei brand nell’online e la loro organizzazione interna.Grazie alle interviste è stato possibile delineare un mercato eterogeneo con strategie di comunicazione diverse in linea con il posizionamento del marchio, la sua “età” e livello di digitalizzazione. Al momento, il principale obiettivo da parte delle aziende nell’utilizzo dei social è la Brand & Product Awareness (75%). Emerge però la volontà di capitalizzare sull’investimento già fatto per ampliare le proprie community, sviluppando capacità di analisi e di qualificazione dei propri fan e follower, e concentrandosi maggiormente sull’ingaggio e la relazione post-vendita.
Ma di cosa parlano i brand e qual è il tono delle conversazioni che li riguardano?Sulla rete si parla prevalentemente di prodotti, di sfilate e di celebrities. Il tono delle conversazioni è per il 31% positivo, solo un 4,2% delle discussioni è negativo. Ciò significa che chi parla di moda lo fa perché entusiasta dell’argomento. Tentare di indirizzare queste conversazioni potrebbe essere quindi più facile del previsto: oltre il 50% sono infatti le mention “neutre” che delineano un ampio spazio di opportunità per quei brand che volessero puntare al miglioramento della loro perception. Solo il 30% delle aziende si è già attivato per conoscere meglio i propri fan con attività di social CRM attraverso un utilizzo più strategico dei diversi canali.
Il primo punto sul quale porre attenzione è quindi mirare alla qualità delle interazioni con i propri clienti e prospect piuttosto che alla quantità. Una curiosità? Durante la settimana della moda la maggior pressione editoriale non ha avuto effetti diretti sull’engagement dei partecipanti. Anzi i più alti livelli di mention ricevute sono legati ad aziende più piccole e giovani, che hanno destato maggior interesse.Come comunicare dunque al popolo della rete per risultare più efficaci? Quanto dei valori che i brand ambiscono divulgare si riflette nelle conversazioni on line? Secondo quanto condiviso dai brand i principali argomenti che vengono trattati sono: qualità (80%), eleganza (40%) e tradizione (40%). Essi non corrispondono esattamente a quelli più chiacchierati in rete che invece vedono al primo posto l’emozione (33%) e solo al secondo e terzo posto l’eleganza (19%) e la qualità (12%). Quest’ultimo è un tema sensibile che presenta un 4% di sentiment negativo e che deve quindi essere trattato con maggior attenzione.
In linea con il più recente interesse legato all’emotional marketing, i ricercatori IBM hanno utilizzato modelli psicolinguistici in grado di far emergere le caratteristiche distintive della personalità sia dei brand che dei loro fan.
Prendiamo ad esempio la Milano Fashion Week: i marchi hanno parlato di loro stessi, comunicando per il 92% piacere ed edonismo, mentre i partecipanti si sono dimostrati molto conservatori (98%) e bisognosi di armonia (42%). L’opportunità che emerge per l’impresa è quella di essere libera di comunicare in modo più eterogeneo facendo attenzione a non allontanarsi dai valori del brand stesso.Sulla base di questi risultati scaturiscono tre considerazioni per lo sviluppo di una strategia di posizionamento più efficace:
1. Conosci il tuo cliente e stimola le sue conversazioni per conoscere meglio il tuo brand
Per comunicare bene, l’azienda deve essere organizzata. Gestire in modo strutturato i propri touchpoint, monitorarne le performance e creare una rete di relazioni durature e proficue con gli influencer per aumentare lo share of voice legato al brand, ovvero il numero di conversazioni che lo vedono coinvolto. Tenendo sempre fede ai propri valori e alla propria strategia, stimolare queste conversazioni permette di creare un bacino molto ampio di dati relativi ai propri consumatori sempre a disposizione. Se analizzati propriamente grazie a tecnologie e risorse ad hoc possono diventare uno strumento impareggiabile per facilitare le decisioni di business.
2. Costruisci un sistema di ingaggio che massimizzi il valore. I canali digitali sono sempre più integrati con l’universo offline. Sempre più spesso i social sono il luogo principale delle lamentele di clienti non soddisfatti o, al contrario, il mezzo attraverso cui viene semplificata la loro relazione con il brand. Per fare un esempio, quasi l’80% degli intervistati ci racconta di clienti stranieri che riescono a comunicare con lo store assistance indicando i prodotti che desiderano grazie alla ricerca sui loro profili Facebook, Pinterest o Instagram. Cresce quindi l’interesse verso nuove modalità di interazione: i brand si aspettano nel prossimo futuro di trovare in questi canali nuovi strumenti di vendita e di caring ben oltre l’integrazione con l’e-commerce. Una delle possibili applicazioni? Raccogliere e analizzare i dati disponibili online per mettere a disposizione degli store assistance informazioni in real-time sempre più dettagliate sui clienti e il loro gradimento delle proprie linee prodotto, semplificando l’esperienza di vendita e acquisto per entrambi.
3. Considera il tuo brand come una persona. Come dicevamo, i clienti oggi utilizzano principalmente i canali digitali per comunicare la loro percezione del marchio lungo ogni touchpoint. Per questo è importante abilitare sempre più linee di business all’utilizzo di questi canali tanto da far diventare il brand una voce unica, somma di molte persone e professionalità diverse, tutte al servizio del cliente. Il nostro studio ha evidenziato i brand con il più alto gradimento da parte dei clienti (calcolato grazie all’online net promoter score) per valutarne i comportamenti virtuosi. Non è la qualità dell’organizzazione dei canali o la relazione con gli influencer a segnare il passo, bensì la capacità di creare processi interni più strutturati per la collaborazione fra il team digitale e i diversi settori aziendali come gli store, il caring e il prodotto.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fashion and utility retailers join forces to debate sustainable shopping

Posted by fidest press agency su domenica, 27 aprile 2014

fashion2•First meeting of fashion and utility retailers to debate how to encourage customers to shop in a sustainable way
•Duchess of Cambridge Kate Middleton cited as a role model for re-wearing outfits
•Event spearheaded by University of Sheffield psychologists and management experts with the Centre for Sustainable Fashion at London College of FashionFashion and utility retailers will meet for the first time today (Friday 25 April 2014) as part of a unique collaboration to debate how best to encourage customers to shop in a sustainable way.The discussion at Westfield Shopping Centre, London, builds upon a growing recognition and requirement within both retail sectors of the need to encourage more conscientious consumption of their products in order to reduce the environmental impact of their activities.While utility companies are governed by legislation that requires they encourage people to use less energy and water, the fashion industry currently has no set regulations.However, fashion retailers are increasingly aware of the need to reduce their environmental impact and are keen to work with experienced retailers from other sectors to identify the best means of promoting more conscientious consumption of clothing while staying in business.The unlikely coupling of retail sectors has been spearheaded by psychologists and management experts at the University of Sheffield and fashion experts at the Centre for Sustainable Fashion at London College of Fashion in a multidisciplinary, knowledge exchange project called TRANSFER, funded by the Economic and Social Research Council (ESRC).Dr Natalie McCreesh, TRANSFER Research Associate at the University of Sheffield, said the Duchess of Cambridge, Kate Middleton, was a “great role model” for dressing and shopping in a more sustainable way.“She often re-wears the same items and shows how you can make the same dress look like a new outfit just by changing accessories. She even borrows clothes from her mum and sister, buys from outlet stores and consignment shops”All these things might not immediately seem environmentally friendly but they add up to make a huge difference. It’s about looking after what you already have and getting more use of what you do buy,” she added.The academic team is confident that TRANSFER can make a positive impact on sustainability in both the fashion and utility retail sectors and will extend their findings to consult members of the public later in the year.Dr Christopher Jones, TRANSFER lead investigator at the University of Sheffield, added: “We have brought together a diverse group of retailers to the table at today’s event. However, this diversity masks a number of common challenges and opportunities for those involved.“We hope the TRANSFER project will help to ensure that UK Plc develops in a more economically, environmentally and socially sustainable way.”Confirmed partners include ASOS, DED Associates, E.ON UK, Ecotricity, LUSH Cosmetics, Marks and Spencer, Meadowhall Sheffield, MK Things Happen PR, National Grid Plc, Neals Yard Remedies, Retail Centric, Reve en Vert, ReWardrobe, Susie Stone Ltd, Thames Water, UK Data Service, United Utilities, Westfield London and WRAP, as well as Sunday Times journalist Jessica Brinton and journalist and ethical consultant Marion Hume.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Heart&Fashion

Posted by fidest press agency su martedì, 8 novembre 2011

Roma 14 novembre 2011 – ore 20,30 Hotel Westin Excelsior Via Vittorio Veneto n. 125, si svolgerà   la seconda edizione di “Heart&Fashion”, una nobile e importante iniziativa ideata e organizzata dalla consulente d’immagine Simona Travaglini in favore della Fondazione ASRALES Onlus, che fa riferimento alla Divisione di Reumatologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. L’evento, condotto da due protagonisti del fashion system italiano, Jonis Bascir e Valeria Oppenheimer, avrà come filo conduttore la promozione dell’Italian Style in stretta sinergia con un progetto di solidarietà finalizzato a supportare la ricerca medica. Grazie al ricavato della serata, infatti, verrà conferita una borsa di studio nel campo della ricerca sulla sclerodermia, una delle così dette “malattie rare”. Una patologia autoimmune che colpisce soprattutto le donne tra i 30 e i 50 anni ed è caratterizzata dalla sclerosi, dalla fibrosi e dall’indurimento della cute e degli organi interni. Non esistono cure in grado di modificare il decorso della malattia, ma negli ultimi anni la ricerca ha permesso di capire molti meccanismi legati al suo insorgere. A sostegno di “Heart&Fashion” scenderanno in campo il mondo della moda e i principali protagonisti del momento: per l’Alta Moda Italiana in passerella le preziose creazioni di Camillo Bona – quelle stile “Red Carpet” di Nino Lettieri – per l’Alta Moda Sposa le sartoriali idee di Mauro Gala – di prestigio la presenza della Maison Bertoletti neo eletta fra le Attività Storiche di Eccellenza della Capitale – di seguito il prêt-à-porter di lusso di Luigi Borbone; per il mondo dei preziosi i favolosi gioielli di Ariel Ortega ed infine l’installazione di Alessio Spinelli con le sue avveniristiche calzature.
“Heart&Fashion” non sarà una sfilata come tante altre – afferma l’ideatrice Simona Travaglini, sono convinta che la moda abbia la forza e la possibilità di trasmettere non solo messaggi glamour, di conseguenza può diventare un fondamentale e potenziale ponte per promuovere progetti legati alla solidarietà, sostenuti grazie alla generosità dei protagonisti della vita culturale e sociale del nostro Paese”.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Forte aumento rapine a Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 marzo 2011

Tempi difficili per la tranquillità dei romani. Cinque rapine a farmacie, tabaccherie e singoli cittadini, tutto nell’arco di un’unica serata.  Sono stati catturati inoltre i ladri appartenenti alla “banda delle griffe”, così chiamata in quanto specializzata in furti delle boutique fashion del centro storico. Il bottino ammonta a quasi un milione di euro. Tra i componenti della banda anche un recidivo, già arrestato in passato. Roberto Soldà, segretario romano dell’Italia dei Valori, commenta la situazione di emergenza che si impone per la salvaguardia dei cittadini. “Questi ultimi due anni e mezzo sono stati segnati da stupri, rapine e varie violenze all’ordine del giorno. L’amministrazione del sindaco Alemanno ha fatto della sicurezza il fulcro del proprio programma politico. Ritengo però che una politica con vari risvolti pubblicitari non garantisca la tranquillità dei cittadini che, presi da mille problemi quali disoccupazione, sanità, scuola e vari, vivono pure l’ansia della scarsità di sicurezza”. “Aumentare la vigilanza, soprattutto nelle ore notturne. Le istituzioni, anche le sovracomunali come la polizia e i carabinieri, dovrebbero battagliare al fine di far aumentare i presidi per non far chiudere i commissariati. E’ strettamente necessario che le strutture delle forze dell’ordine – aggiunge l’esponente del partito di Antonio Di Pietro – vengano aumentati e che siano presenti a 360 gradi durante tutta la giornata. Roma è una città multietnica, aperta a tutti, e il centro storico è sempre affollato e frequentato alle 3 del mattino come alle 3 del pomeriggio. Però le forze dell’ordine non possono garantire la loro presenza e professionalità perché hanno un’esiguità di risorse economiche e di strumenti e non riescono a fronteggiare la malavita della città”.Esonerare i centenari dalle tasseL’Associazione Contribuenti Italiani chiede al Governo di liberare subito i centenari dalla sudditanza delle tasse. A tal fine l’Associazione chiede un decreto legge per esonerare, al compimento del centesimo anno di età, i cittadini dal pagamento delle imposte.I centenari in Italia, secondo una indagine dell’Associazione Contribuenti Italiani, che sarà pubblicata sul magazine Contribuenti.it, sono circa 8600, di cui l’85% donne e 15% uomini. La maggior parte di loro, ogni anno, riceve un accertamento per non aver dimenticato di presentare la dichiarazione dei redditi, o peggio ancora, per aver indicato un codice fiscale errato. “La proposta nasce da una duplice considerazione” – afferma Vittorio Carlomagno, presidente dell’ Associazione Contribuenti Italiani – “La prima è che chi ha inventato il codice fiscale o credeva nella reincarnazione o prevedeva c he i cittadini italiani potessero vivere solo 99 anni. Successivamente il sistema non li riconosce più e attribuisce il codice fiscale a un nuovo nato. Decretando di fatto la morte fiscale del centenario. La seconda – continua Carlomagno – è che Contribuenti.it ritiene giusto che lo Stato italiano non continui più a torturare il cittadino dopo i 100 anni. Sarebbe bello che il Presidente della Repubblica Napolitano potesse consegnare al neocentenario il titolo onorario di Senatore dei Contribuenti d’Italia liberandolo, al contempo, dalla sudditanza delle tasse”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Temporary Luxury Store della moda

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2011

Roma, opening 10 marzo, ore 11,00 (Dal 10 al 20 marzo 2011  –  Dalle 10,00 alle 20,00) Scuderie di Palazzo Ruspoli  – Via di Fontanella Borghese, 56 B. Torna a Roma per il secondo anno HALFRED, il Temporary Luxury Store della moda, dopo il grande successo ottenuto nel 2010. Roma si veste ancora una volta da Capitale della moda alla portata di tutti, visto che dalle Scuderie di Palazzo Ruspoli (via Fontanella Borghese, 56B) i fashion addicted potranno uscire con l’abito dei sogni acquistato al 50%. Gucci, Prada, Versace, Christian Dior, Dolce & Gabbana, Yves Saint Laurent, Roberto Cavalli, Balenciaga, Lanvin, Burberry, Lanvin, Miu Miu, Ralph Lauren, Balmain, Chloé, Moncler e molti altri. Sarà una maratona di 10 giorni all’insegna del glamour e del lusso per tutti i gusti e tutte le tasche. Senza naturalmente dimenticare gli accessori da donna: borse, scarpe, occhiali dei migliori e più importanti marchi della moda, per riuscire ad accontentare tutti, dalfashion victim al più classico, senza dimenticare lo sportivo ed il casual.Ma Halfred non è solo moda, lusso e fashion. Durante i giorni della sua permanenza romana, infatti, Halfred ospiterà laFondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica (FFC): l’unica onlus che in Italia promuove e finanzia progetti di ricerca per sconfiggere la Fibrosi Cistica: la malattia genetica grave più diffusa. Sarà possibile acquistare Volare Alto, l’autobiografia di Matteo Marzotto, vicepresidente e co-fondatore della FFC, edita da Mondadori. Il messaggio trasmesso: la vita di chi può sembrare più fortunato di altri non è in discesa, soprattutto, non c’è quiete per chi decide di alzare ogni volta la posta in palio, di volare sempre un po’ più in alto. Largo spazio nel libro all’impegno di Matteo per la Fondazione, alla quale devolverà i suoi diritti d’autore. (halfred)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »