Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Posts Tagged ‘fastweb’

Presentazione online del volume “GET in the Game” di Alberto Calcagno

Posted by fidest press agency su sabato, 6 marzo 2021

“Get in the Game” è una storia di crescita. Online il 10 marzo 2021 dalle ore 18 alle 19 in modalità digitale, su piattaforma messa a disposizione da AIDR, e diffuso in streaming dalle pagine Facebook di tutte le associazioni. In linea con Alberto Calcagno, con la guida di Andrea Picardi, Direttore della comunicazione di I-Com-Istituto per la competitività, ci saranno: Giuseppe De Lucia, Delegato FERPI Lazio, Mauro Nicastri, Presidente AIDR, Anna Benini, Presidente PWN Roma e Isabella Gorini UCID Roma Coordinamento Donne. Insieme, commenteranno i contenuti del libro seguendo le tappe scandite dall’Autore, che in un linguaggio che prende, non per caso, molte parole in prestito da quello dello sport, intersecano piani diversi: personale e professionale, presente e futuro, cura di sé e cura dell’altro, l’immancabile sostenibilità con la visione d’insieme, il coraggio e la fatica, il pensiero accanto all’azione. Il libro si rivolge agli uomini e alle donne che lavorano, in gara per la migliore performance possibile all’interno della propria organizzazione che, tuttavia, non è mai disgiunta dall’obiettivo della miglior performance possibile nella propria vita. In entrambi gli ambiti non dipenderà tutto da noi, ma certo aver tentato, un allungo dopo l’altro, di continuare ad andare avanti, fino a raggiungere il traguardo che sembrava più lontano, potrà, ne è convinto l’Autore, risparmiarci almeno rimpianti e frustrazioni. E nelle relazioni con gli altri – e qui le Associazioni possono fungere sì da facilitatori ed aggregatori di persone intorno ad interessi, competenze, visioni comuni e idee – farci contaminare, in senso positivo naturalmente: assorbire qualcosa che non abbiamo dentro e a nostra volta spartire parte dei talenti che ci riconosciamo. Condividere, anche in azienda, amici prima che nemici, parte di un tutto, legati, mai come in questo periodo della nostra comune storia. Per crescere.. Crescita personale, quella dell’Autore, Alberto Calcagno, amministratore delegato di Fastweb, crescita di un’impresa, da start up ad azienda oggi tra le top performer in Europa. Ma è anche una storia emblematica ed esemplificativa dell’atteggiamento premiante per affrontare le sfide professionali e non solo che il mondo di oggi, con il carico aggiunto della pandemia, ci pone. È per le sue caratteristiche universali, di storia che va oltre la rappresentazione di una semplice case history per porsi e porre piuttosto domande di senso e di scopo, che quattro Associazioni diverse di professionisti hanno deciso di presentarla insieme ai propri associati e al pubblico, cogliendo i risvolti culturali, prima ancora che pratici, che la storia stessa sottende.La FERPI-Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, per iniziativa di FERPI Lazio, ha quindi coinvolto nell’organizzazione di un evento online di presentazione del volume “GET in the Game” di Alberto Calcagno, uscito a settembre 2020 per gli Oscar Mondadori con la prefazione di Sergio Scalpelli e Oscar di Montigny, AIDR-Associazione Italian Digital Revolution, PWN Rome-Professional Women’s Network Rome e UCID Roma-Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti. Le quattro Associazioni parteciperanno con un proprio relatore, e dal punto di vista del loro specifico osservatorio, al confronto con l’Autore. Per partecipare: sarà possibile seguire la diretta dell’incontro sulle pagine Facebook delle Associazioni.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fastweb e Fondazione Cesvi per i piccoli imprenditori

Posted by fidest press agency su domenica, 14 febbraio 2021

L’iniziativa è stata lanciata da Fastweb e i suoi dipendenti, in collaborazione con Fondazione Cesvi, con l’obiettivo di sostenere con un aiuto concreto e immediato le micro e piccole attività a rischio fallimento, registra i primi importanti risultati relativi alla raccolta fondi. Grazie alla mobilitazione del 90% dei dipendenti di Fastweb su un totale di 2.700 persone, sono stati raccolti in poche settimane più di 320.000 euro, un importo raggiunto attraverso il conferimento di Christmas Card aziendali e la donazione di 11.000 ore di lavoro. I fondi raccolti confluiranno all’interno di un Fondo da 1 milione di euro che è stato costituito da Fastweb a favore delle piccole attività commerciali clienti in difficoltà economiche come bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, piccole agenzie di viaggio, negozi di abbigliamento, di calzature e palestre.L’iniziativa, che si inserisce nel più ampio piano di responsabilità sociale lanciato dall’azienda sotto il nome di Nexxt Generation 2025, testimonia il forte impegno che Fastweb intende profondere a supporto della comunità, rispondendo in modo concreto ai bisogni reali delle attività economiche sul territorio. Confcommercio ha stimato per il 2020 che nella sola città di Milano era a rischio un’attività commerciale su 3, mentre a livello nazionale l’effetto combinato del Covid-19 e del crollo dei consumi erano prossime alla chiusura definitiva oltre 390mila imprese del commercio non alimentare e dei servizi di mercato. Tra i settori più colpiti, nell’ambito del commercio, abbigliamento e calzature (-17,1%) mentre nei servizi le maggiori perdite di imprese si sono registrate, invece, per agenzie di viaggio (-21,7%), bar e ristoranti (-14,4%). Il meccanismo per accedere al finanziamento da 5.000 euro è molto semplice. Il bando è aperto a tutte le imprese clienti segnalate a Fondazione Cesvi da Fastweb e dai suoi dipendenti (per un numero massimo di tre per ciascun dipendente) e che rientrano nei requisiti previsti dal bando stesso, ovvero: essere clienti di Fastweb al 31 dicembre 2019 e ancora in attività; rientrare nei codici ATECO relativi a Bar, Ristoranti, Gelaterie, Pasticcerie, Piccole agenzie di viaggio, negozi di abbigliamento e calzature, palestre; essere ditte individuali o aziende familiari; essere in grado di dimostrare una diminuzione del fatturato di oltre il 30% in un trimestre del 2020 rispetto al 2019. Le aziende segnalate verranno contattate da Cesvi. La procedura di assegnazione verrà certificata da un Comitato Tecnico nominato e istituito dalla Fondazione insieme a Fastweb e a rappresentanti di Confcommercio e del mondo accademico.
“Siamo veramente entusiasti della massiccia adesione dei nostri colleghi a questa importante iniziativa di responsabilità sociale che, nel suo piccolo, vuole dare un aiuto immediato e concreto a quelle piccole attività, di cui moltissime a conduzione familiare, che rischiano di non farcela” ha dichiarato Anna Lo Iacono, Senior Manager of Corporate Social Responsibility di Fastweb. “La profonda crisi economica che sta investendo le micro imprese del nostro Paese non poteva lasciarci indifferenti e, insieme a Fondazione Cesvi, abbiamo deciso di impegnarci attivamente per dare il nostro contributo”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Accordo per la creazione della società FiberCop con KKR e Fastweb”

Posted by fidest press agency su domenica, 16 agosto 2020

“L’intervento senza precedenti del Governo durante il CdA di Telecom Italia, che ha deciso di mettere in stand-by fino al 31 agosto la cessione di una quota del 38% della sua rete secondaria (FiberCop) al fondo americano KKR” per inserirlo nella creazione di una rete nazionale integrata a banda larga più ampia e aperta a diversi player, “rende più a rischio l’accordo per la creazione della società FiberCop con KKR e Fastweb”. Questo è il giudizio che emerge dall’analisi di Hsbc Global Research pubblicata oggi su FiberCop.
Nel report si legge infatti: “Ci aspettavamo una decisione del consiglio di amministrazione del Gruppo TIM sull’offerta vincolante di KKR per una partecipazione di minoranza significativa in FiberCop, tuttavia ha deciso di riconvocarsi il 31 agosto per deliberare in modo conclusivo sul Progetto FiberCop”.
FiberCop è il progetto di separazione della rete secondaria di TIM (incluso l’80% detenuta da TIM in Flash Fiber) e della partnership con KKR Infrastructure e Fastweb contenuti nell’offerta ricevuta dal fondo americano KKR.L’offerta è pari a 1,8 miliardi di euro per l’acquisto da parte di KKR Infrastructure del 37,5% di FiberCop sulla base di un enterprise value di circa 7,7 miliardi di euro (equity value 4,7 miliardi di euro), mentre Fastweb avrebbe il 4,5% del capitale di FiberCop a fronte del conferimento del 20% attualmente detenuto in Flash Fiber. L’obiettivo è trasferire in FiberCop l’infrastruttura passiva di Tim, quella che va dal cabinet alle abitazioni per gestire meglio il passaggio dal rame alla fibra.
Ma perché, allora, per gli analisti di Hsbc l’intervento dell’esecutivo “rende più incerto” la nascita di FiberCop?“La struttura delle trattative attuali di FiberCop è più a rischio”, scrivono gli analisti nel report, “perché”, ieri, “durante la conference call sui risultati del secondo trimestre 2020, l’amministratore delegato di TIM, Luigi Gubitosi, ha dichiarato che il Gruppo si atterrà alla sua decisione di vendere una quota di minoranza nella rete dell’ultimo miglio, ma ha anche ammesso che i colloqui con Open Fiber comporterebbero l’intera rete fissa, lasciando effettivamente la porta aperta per una revisione significativa dei termini del potenziale coinvolgimento di KKR”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Wind 3, Vodafone e Fastweb devono rimborsare il maltolto agli utenti

Posted by fidest press agency su martedì, 16 luglio 2019

La sentenza definitiva del Consiglio di Stato che ha respinto il ricorso di Wind 3, Vodafone e Fastweb. Le compagnie hanno perso e dovranno quindi rimborsare i giorni erosi con le tariffe 28 giorni agli utenti. “Finalmente è arrivato il giorno che i consumatori aspettavano da due anni. – dichiara Ivo Tarantino, Responsabile delle relazioni esterne Altroconsumo – Il Consiglio di Stato mette fine ai rinvii e ai giochi delle telco: niente più proposte di ristoro al ribasso. È dal 2017 che siamo in prima linea per difendere i consumatori in questa battaglia e la giustizia ha confermato quello che avevamo chiesto e cioè che i rimborsi dei giorni erosi arrivino nella prima bolletta utile. Questa sentenza ci rende particolarmente orgogliosi e sottolinea il ruolo della nostra Organizzazione a tutela e difesa dei consumatori in uno scenario sempre più complesso e in rapido cambiamento. Un tassello che va ad aggiungersi alla nostra battaglia per la trasparenza nel settore delle telecomunicazioni, contro i costi nascosti, le offerte poco chiare e le rimodulazioni selvagge degli operatori. Aggiungiamo che arriverà a giorni la decisione del Consiglio di Stato anche per quanto riguarda il ricorso di TIM che riteniamo sarà dello stesso tenore. La nostra battaglia non finisce qui ma anzi cogliamo l’occasione per chiedere alle compagnie: cosa devono fare coloro che hanno cambiato operatore e che quindi non riceveranno automaticamente il rimborso?”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Antitrust: ancora giochetti sui 28 giorni, segnalata Fastweb

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 dicembre 2018

Tutti gli operatori hanno l’obbligo di ristorare i consumatori dei giorni erosi in seguito alla fatturazione a 28 giorni: Fastweb “regala” il servizio WOW SPACE, ma il contratto prevede un’espressa rinuncia ai diritti dei consumatori.“E’ inaccettabile che si continuino a fare giochini sulle spalle dei consumatori: nonostante il rimborso dei 28 giorni sia obbligatoriamente previsto entro il 31 dicembre, gli operatori continuano ad adottare soluzioni fantasiose pur di sottrarsi agli obblighi di legge”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, annunciando la segnalazione depositata all’Autorità Antitrust e all’Agcom nei confronti dell’operatore Fastweb.Di cosa si tratta? Lo spiega l’avv. Dona: “in pratica Fastweb propone agli utenti di rinunciare al diritto di ristoro per i giorni erosi nell’illecito passaggio alla fatturazione a 28 giorni delle offerte di telefonia fissa in cambio della fornitura del servizio Wow Space per un anno. Si tratterebbe di un nuovo servizio cloud illimitato, disponibile per tutti i nuovi e già clienti fissi e mobili Fastweb”. “Nascondere nelle pieghe di un contratto che nessuno leggerà mai la rinuncia ai propri diritti non può passare inosservato -prosegue l’avvocato Dona- per questo è urgente che l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (che ha stabilito l’obbligo dei rimborsi entro fine anno), ma anche l’Autorità Antitrust (che si occupa di pratiche commerciali scorrette), facciano chiarezza sul comportamento di Fastweb: se fosse accertata la scorrettezza di questa pratica, è necessario sanzionare adeguatamente l’operatore anche come monito per tutti gli altri, i cui uffici marketing si stanno industriando per sottrarre ai consumatori ciò che gli spetta di diritto.”

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La finta fibra ottica di fastweb

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 aprile 2018

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato per pratica commerciale scorretta Fastweb S.p.A., per un ammontare complessivo di 4.4 mln di euro.”Bene, ottima notizia! Basta con la finta fibra! L’Antitrust prosegue nella sua azione di sanzionare la pratica scorretta delle compagnie telefoniche di illudere e prendere il giro il consumatore sulle possibilità di avere la fibra ottica e di poter raggiungere le massime prestazioni in termini di velocità” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Una materia sulla quale, non per niente, è dovuto intervenire anche il legislatore con il recente Dl Fisco, prevedendo che è sempre pratica commerciale scorretta ogni comunicazione al pubblico che non assicuri il collegamento in fibra fino all’unità immobiliare del cliente” prosegue Dona.L’associazione di consumatori ricorda che nel Dl Fisco (decreto legge n. 148/2017, convertito dalla L. 4 dicembre 2017, n. 172), si è previsto che costituisce pratica commerciale scorretta ogni comunicazione al pubblico dell’offerta di servizi di comunicazione elettronica che non rispetti le caratteristiche tecniche definite dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, tra le quali il collegamento in fibra fino all’unità immobiliare del cliente.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma Capitale e Fastweb hanno siglato un Protocollo di Intesa

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 settembre 2017

campidoglioLo hanno fatto per l’avvio della sperimentazione basata su tecnologie 5G e Wi Fi per lo sviluppo di servizi di ultima generazione da realizzare entro la fine del 2020 in alcune aree del territorio comunale.Con la sottoscrizione del Protocollo Roma Capitale e Fastweb coopereranno per la definizione di progetti di sperimentazione a partire dal 2018, in particolare, nell’ambito delle applicazioni digitali per la Smart City e dell’IoT, Internet delle cose. L’obiettivo della sperimentazione è la costruzione di una piattaforma in grado di supportare servizi e applicazioni nei settori della mobilità intelligente, della sensoristica, dell’industria 4.0, del turismo, della videosorveglianza con l’obiettivo di arricchire l’ecosistema digitale della città, cogliendone le priorità strategiche di sviluppo e trasformandola in un laboratorio di innovazione digitale.Le reti mobili di 5° generazione, le cosiddette reti 5G, sono reti convergenti, in cui la differenza tradizionale tra rete fissa e mobile tende a sfumarsi: le antenne radio-mobili utilizzate in una rete 5G raggiungono una densità molto superiore a quella delle reti attuali e sono interamente collegate con fibra. In questo modo le prestazioni della rete raggiungono livelli di gran lunga superiori a quelle del 3G e del 4G e assimilabili a quelle delle reti fisse. La quinta generazione di reti aumenterà enormemente la velocità di connessione mobile, con abbattimento a pochi secondi del tempo necessario per il download di file di grandi dimensioni.Grazie all’intesa raggiunta la città di Roma si candida a diventare una delle prime città in Europa a disporre di collegamenti in 5G e a ricoprire un ruolo di punta nel panorama nazionale dei servizi ad altissima connettività che trasformeranno il modo di vivere lo spazio urbano e domestico.Con la sottoscrizione dell’accordo Fastweb si impegna a progettare e a realizzare le infrastrutture di rete necessarie per lo sviluppo dei nuovi servizi digitali implementando così anche nuovi collegamenti alla rete Internet a banda ultralarga. A tal fine Roma Capitale si rende disponibile a fornire tutte le informazioni in suo possesso riguardanti le infrastrutture civili che rientrano nella propria disponibilità. L’avvio della sperimentazione 5G prevede inoltre l’integrazione con il Wi Fi sul territorio.L’annuncio dell’accordo giunge all’indomani del lancio di Fastweb a Roma della connettività a 1 Gigabit in download, 10 volte superiore a quella attuale, e fino a 200 Megabit in upload, e dell’accordo tra Fastweb e il Comune, nell’ambito della Convenzione Sistema Pubblico di Connettività, che prevede il potenziamento della rete a banda ultralarga a disposizione della Pubblica Amministrazione.Un rapporto, quello tra Fastweb e il Campidoglio che va quindi sempre più consolidandosi nell’ambito di un più vasto piano di investimenti che mira a migliorare i servizi in rete per gli abitanti di Roma e per l’Amministrazione capitolina che sarà sempre più connessa così da supportare in modo adeguato la crescente offerta di servizi online per i cittadini, innescando e alimentando un circolo virtuoso di digitalizzazione diffusa.”Sono particolarmente orgogliosa di annunciare che Roma sperimenterà la rete 5G e che lo farà avvalendosi delle tecnologie e degli standard più evoluti sotto il profilo della riduzione dell’impatto ambientale e dell’ottimizzazione dell’efficienza energetica. L’accordo che sigliamo oggi manifesta la nostra volontà di facilitare gli investimenti in infrastrutture e innovazione per creare un ecosistema fertile all’insediamento di nuove imprese sul territorio. La nostra è una città che, consapevole della sua storia e delle sue tradizioni, abbraccia con entusiasmo il futuro”, dichiara la sindaca di Roma Virginia Raggi.“Siamo orgogliosi di poter essere al fianco di Roma Capitale nel percorso che porta verso nuovi orizzonti di connettività. Fastweb è un’azienda innovativa, sempre alla ricerca di nuove soluzioni tecnologiche e servizi disruptive, in linea con l’evoluzione dei bisogni dei cittadini e delle necessità di aziende e grandi organizzazioni. Oggi, al fianco e in piena sintonia con l’Amministrazione Capitolina siamo pronti a fornire le soluzioni più efficaci ai cittadini romani e a delineare i migliori scenari per la sperimentazione di nuove”, commenta il Direttore Relazioni Esterne e Istituzionali di Fastweb Sergio Scalpelli.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fastweb sceglie il router Cisco ASR 9000

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 giugno 2011

Fastweb, fornitore leader italiano di servizi per le telecomunicazioni, ha annunciato oggi di aver scelto di basare la propria rete edge di prossima generazione sulla piattaforma Cisco Aggregation Services Router 9000 (ASR 9000). Fastweb inserirà l’ASR 9000 nella propria rete, consentendo la distribuzione di servizi video, dati, voce avanzati e di servizi cloud su tutta la propria rete convergente. Questo investimento sottolinea ulteriormente l’impegno di Fastweb volto a sviluppare la propria rete completamente IP per soddisfare le crescenti esigenze di ampiezza di banda dei propri utenti business e residenziali, e fornirà la piattaforma tecnologica necessaria per la fornitura di servizi Internet all’avanguardia, come la videoconferenza ad alta definizione. L’installazione delle piattaforme ASR 9000 inizierà nel mese corrente e comprenderà 32 sistemi ASR 9000 che andranno a costituire una rete 10 Gigabit Ethernet. Di fronte alla prospettiva di un traffico globale di Internet quadruplicato entro il 2015, la piattaforma Cisco ASR consentirà a Fastweb di soddisfare una necessità crescente di ampiezza di banda, anche a seguito dell’introduzione di prodotti e servizi avanzati nel proprio portafoglio. A tale proposito, l’offerta di servizi TV on-demand su Internet ha recentemente annunciata è un esempio di innovazione pionieristica di Fastweb nella fornitura di servizi video a banda larga.
Cisco ASR 9000 offre funzionalità uniche che lo rendono uno strumento rendono particolarmente indicato per la distribuzione video, tra cui il caching dei contenuti e il monitoraggio delle prestazioni video in-line integrati. La nuova piattaforma inoltre è basata sul sistema operativo modulare Cisco IOS XR, cosa che semplifica le operazioni di rete di Fastweb e consente ridondanza completa e continuativa del sistema e resilienza della rete in una modalità economicamente vantaggiosa.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telecomunicazioni Italiane: Il caso Scaglia

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2010

Saverio Romeo, analista di Frost & Sullivan, nel settore delle comunicazioni mobili, commenta il lancio dell’iPad: “Silvio Scaglia è stato uno dei protagonisti dell’ultima era felice delle telecomunicazioni italiane. E’ tra i fondatori di Omnitel, primo operatore mobile italiano a competere contro Telecom. E’ stato colui che ha lanciato un operatore di telecomunicazione fissa di grande successo come Fastweb portando nelle grandi città italiane i vantaggi della connettività veloce. Silvio Scaglia è oggi indagato per riciclaggio di denaro. Lasciamo alla magistratura fare il suo corso e decidere se il super manager italiano è colpevole o meno, ma questo evento e’ sicuramente uno scossone per le gia’ difficili condizioni delle telecomunicazioni italiane. Seppur crescendo in termini di fatturato, il mondo delle telecomunicazioni italiane ha perso di freschezza dando spazio ad investitori stranieri che hanno praticamente occupato le posizioni piu’ strategiche: Telefonica con Telecom Italia, Swisscom comprando Fastweb, Wind Italia nelle mani della famiglia Sawiris solo per menzionare alcuni esempi. Sembra che oggi non vi sia piu’ un gruppo d’imprenditori e manager capaci di rischiare e di lanciare idee nuove. Silvio Scaglia era uno di questi. Francesco Caio e’ un altro nome, di recente ritorno in Italia con il Rapporto Caio, ma con una considerevole esperienza nelle telecomunicazioni britanniche. Vittorio Colao e’ un altro nome di prestigio volato a Londra per guidare Vodafone Group. Forse le telecomunicazioni italiane non attraggono piu’. Certo, realta’ interessanti rimangono. Tiscali, nonostante le difficolta’, si e’ riavviata. Poste Mobile suscita molto interesse; Buongiorno e Dada nell’area contenuti anche. Ma non sembrano essere capaci di guidare una nuova ondata delle telecomunicazioni italiane. Forse le condizioni per fare innovazione e produrre idee creative non ci sono più in Italia. E’, forse, importante riflettere, confrontarsi e capire cosa potrebbe innescare un nuovo corso”.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »