Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘fattori’

Ormoni e fattori di crescita

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By Francesco Romanelli, vice presidente dell’Accademia Italiana di Medicina Anti-Aging (AIMAA) Da editore della Aesthetic Medicine Magazine, rivista ufficiale internazionale delle Società di Medicina Estetica mondiali, ho il dovere di annunciare che la ‘Medicina Estetica’ ha trovato il suo valore in pubblicazioni scientifiche di alto valore e ben fatte che sfatano il mito di una medicina ‘miracolosa’ e senza evidenze scientifiche. Dal 2015, l’ascesa della rivista dal nazionale all’internazionale, ha permesso ad Aesthetic Magazine l’accesso a Scopus, una banca dati di articoli scientifici a livello europeo, la più importante insieme a PubMed che invece è statunitense. Ciò significa che è stato apprezzato e validato il lavoro di ricerca che ruota attorno alla Medicina Estetica e il suo valore scientifico espresso all’interno delle pubblicazioni di Aesthetic Magazine. Nei prossimi due anni scopriremo se verrà accolta anche da PubMed, per cui l’accesso è un po’ più difficile ma non impossibile. Sulla sessione dedicata a “Ormoni e fattori di crescita”, il focus sarà sul GH più comunemente detto ‘ormone della crescita’. Con l’invecchiamento, la secrezione dell’ormone della crescita diminuisce progressivamente provocando la somatopausa. Questa diminuzione del GH, ottimo anabolizzante, ha fatto intuire che questo ormone può essere anche utilizzato come uno strumento anti-ageing. È importante limitare la prescrizione di questo ormone in quanto i rischi che posso facilitare sono il diabete e i polipi intestinali. La valutazione dell’opportuna somministrazione varia da caso a caso, in base al paziente e al suo quadro clinico. Caso contrario è l’eccesso di GH, cioè può capitare che si abbia un eccesso di produzione di questo ormone provocando quella malattia che si chiama acromegalia. Ingrossamento degli arti è una caratteristica fisica di questa malattia legata alla secrezione del GH. Questa patologia, non frequente, deve essere conosciuta molto bene dal medico estetico. Può capitare che il paziente si presenti con un problema estetico e, invece, poi si scopre essere un problema di secrezione del GH. Sia in caso di somatopausa che acromegalia, la diagnostica avviene attraverso esami del sangue specifici in entrambi i casi. Storicamente, già nel 1990 sul The new England Journal of Medicine si cominciò a parlare di GH come anti – ageing, il siero miracoloso della giovinezza. Ben presto, però, si iniziò a capire che non è proprio così, in quando ha dei rischi ed è doping a tutti gli effetti. Diagnostica precisa e terapia specialistica autorizzata molto attentamente sono le premesse per l’assunzione di questo ormone. Alimentazione corretta e regolare attività fisica possono fisiologicamente stimolare la produzione di questo ormone, questo è assolutamente assodato sin da quando moltissime mamme utilizzavano l’arginina per facilitare la crescita dei propri bambini. In quest’ottica, ogni anno, si crea la sessione SIE e SIME per temi che siano condivisi dall’endocrinologia e dalla medicina estetica. Altra sessione importantissima all’interno del Congresso è quella dedicata alla vitamina – D, un ormone che regola – insieme al paratormone e alla calcitonina – l’adeguato metabolismo del calcio e delle ossa e che viene stimolata dall’esposizione alla luce, attraverso le radiazioni ultravioletta B o UV-B e assunta, in parte, dalla dieta. Oltre a questa attività prioritarie, la vitamina-D è importante in quanto svolge un’attività immunomodulante e per questo motivo la sua somministrazione è stata presa in considerazione anche per la cura di una patologia come il Covid-19. Esiste più di un lavoro a riguardo che ha permesso di osservare come i pazienti carenti di vitamina-D, dopo il suo incremento, rispondevano meglio alle terapie. L’importanza della vitamina-D, quindi, va oltre il consueto compito. Spesso viene somministrata come un integratore quando in realtà si tratta di un ormone e prima di prescriverla è fondamentale conoscere il suo valore nel sangue. Per misurarla basta un accorgimento diagnostico semplice come le analisi del sangue, contestualmente alla calcemia. ‘Vitamina D 2.0’ è una sessione ricca ed esplicativa di questo ormone che prenderà ad esame le Linee Guida e durante la quale gli esperti coinvolti si soffermeranno sulla diagnostica e sui corretti mezzi terapeutici

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

L’ipercolesterolemia rappresenta uno dei principali fattori di rischio cardiovascolare

Posted by fidest press agency su mercoledì, 31 marzo 2021

(Basti pensare che delle 224.000 morti per malattia cardiovascolare, circa 50.000 sono da ascrivere al mancato controllo del colesterolo) ma è ormai annoverata anche tra i fattori di rischio modificabili per l’ictus ischemico. Più della metà della popolazione europea ha livelli di colesterolo troppo elevati e su oltre un milione di persone a potenziale alto rischio, più di 8 su 10 hanno valori di colesterolo superiori a quelli indicati dalle linee guida europee. Sono diversi i fattori che possono determinare alti livelli di colesterolo, tra questi una dieta poco sana (caratterizzata da grandi quantità di grassi saturi), la presenza di diabete mellito, la sedentarietà e una storia familiare di elevati valori di colesterolo. Su alcuni di questi fattori, possiamo intervenire in modo semplice. Il colesterolo è una sostanza grassa che circola nel sangue, viene prodotta prevalentemente dal fegato, e solo in minima parte introdotta con l’alimentazione; in quantità normali, svolge un compito fondamentale per alcuni processi biologici (ad esempio è un costituente delle membrane cellulari e partecipa alla produzione della vitamina D), ma, se si superano i valori standard, diventa un fattore di rischio per ictus e infarto. È necessario innanzitutto distinguere tra colesterolo “buono” e colesterolo “cattivo”, nomi che comunemente si danno rispettivamente alle lipoproteine HDL (High Density Lipoproteins) e alle lipoproteine LDL (Low Density Lipoproteins): in individui sani, il valore di colesterolo totale è considerato corretto se inferiore ai 200 mg/dl. I livelli di HDL, il colesterolo “buono”, non devono essere inferiori ai 40 mg/dl; il valore ottimale di LDL, il colesterolo “cattivo”, è invece tra i 100 e i 130 mg/dl. La ricerca scientifica di questi anni ha consentito di dimostrare come il valore di LDL sia direttamente correlato al rischio di ictus e deve pertanto essere mantenuto basso nei soggetti ad alto rischio. Per ottenere questo risultato, il medico ha oggi a disposizione una serie di trattamenti farmacologici, per programmare una terapia preventiva “su misura” della persona. È quindi di particolare importanza l’aderenza terapeutica, seguire cioè scrupolosamente le indicazioni di trattamento prescritte dal proprio medico. Oggi i medici hanno a disposizione diverse opzioni terapeutiche efficaci nel mantenere sotto controllo il colesterolo, ma obiettivo di A.L.I.Ce. Italia è quello di sensibilizzare le persone su due elementi fondamentali che costituiscono un’arma molto potente nelle mani di ciascuno di noi: la prevenzione, che passa attraverso una modifica al proprio stile di vita (non fumare, fare attività fisica costante, non abusare di alcol, seguire una dieta sana ed equilibrata) e la diagnosi precoce (fare gli esami del sangue una volta all’anno per controllare i valori del colesterolo può evitare l’insorgenza improvvisa di patologie gravi come ictus e infarti).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“10 fattori che potrebbero cambiare le economie e i mercati per sempre”

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 Maggio 2020

A cura di Pauline Grange, Gestore di portafoglio, Azioni globali di Columbia Threadneedle Investments. La crisi provocata dal Covid-19 sta mettendo alla prova persone, famiglie, società, governi e mercati d’investimento in tutto il mondo. È un’esperienza che potrebbe cambiare radicalmente i comportamenti di consumatori, aziende e mercati finanziari. Partendo da questa premessa, illustrerò di seguito le 10 tendenze emergenti dalla crisi del Covid-19 che ritengo cambieranno per sempre le economie e i mercati.Sia in termini di consumi sia in termini di catene produttive, i paesi cominceranno a dare maggiore importanza alla provenienza delle “cose” e a mettere in discussione un’eccessiva dipendenza da alcune nazioni. Si tratta di una vera e propria sfida che spingerà le aziende a diversificare le catene produttive. Potrebbero inoltre innescarsi dinamiche altamente favorevoli alle piccole imprese locali man mano che i consumatori si allontanano dai marchi fino ad oggi dominanti.
Il fatto che le persone siano costrette a fare compere online e che molti negozi fisici non accettino più i contanti per motivi di igiene, potrebbe accelerare il passaggio dal denaro contante alle carte di pagamento.Verranno potenziate le leggi e le normative in materia, soprattutto in Cina, che sarà chiamata a regolamentare il suo settore alimentare, vista la fonte dell’epidemia.
Resteremo sorpresi dalla velocità dei passi avanti compiuti verso una soluzione al virus, favoriti dalle scoperte in campo genetico, e dalla rapidità dei risultati degli studi clinici. Il genoma della malattia è stato decifrato a metà gennaio, il meccanismo di legame con la proteina è stato individuato alcune settimane fa, il virus è stato replicato in un laboratorio canadese e Moderna, società statunitense di biotecnologie, sta testando un vaccino da diverse settimane. È un’evoluzione sorprendentemente veloce rispetto al passato, quando ci sarebbero voluti anni e non settimane per la fase di sperimentazione. Le persone potrebbero sottovalutare l’evoluzione della scienza e il suo impatto. La concreta possibilità di arrestare la malattia prima del previsto potrebbe sorprenderci positivamente.Consentire il lavoro da casa è diventato un obbligo per le aziende e potrebbe trasformarsi in una modalità di lavoro più accettabile. Questo potrebbe stimolare gli investimenti nel cloud, accelerando l’abbandono delle tradizionali infrastrutture informatiche.Diminuiscono gli attacchi contro i colossi tecnologici, percepiti ora come un servizio di pubblica utilità. Questo periodo di isolamento ha chiaramente messo in evidenza il ruolo fondamentale svolto dalle piattaforme tecnologiche, compresi i social media. Sebbene i ricavi pubblicitari a breve termine possano subire ripercussioni nel caso di piattaforme online come Google Search, YouTube e Facebook/Instagram, a lungo termine queste beneficeranno di una maggiore crescita degli utenti e del loro grado di coinvolgimento. Chi aveva abbandonato le piattaforme per timori legati alla privacy ora potrebbe tornare a frequentarle, mentre gli attacchi da parte dei governi potrebbero scemare di fronte al ruolo chiave giocato dalle aziende tecnologiche nel fornire supporto alla comunità durante la crisi.I consumi online aumentano per tutte le voci di spesa: alimentari, istruzione e articoli generici, e la base di utenti abituati a fruire di questi servizi si allarga. Quella che per molti è nata come una necessità potrebbe diventare la norma. Assisteremo anche a un’ulteriore accelerazione degli investimenti online da parte di rivenditori al dettaglio e servizi tradizionali.Si è già registrata una forte crescita di aziende operative nel campo dell’intelligenza artificiale che usano gli algoritmi basati su dati per automatizzare i processi decisionali anziché i laboriosi processi basati sulla comunicazione faccia a faccia. Sono tutte pronte a una realtà meno fondata sull’interazione umana e questo, come accennato in precedenza, potrebbe favorire ulteriormente gli investimenti nei cloud pubblici.I paesi che stanno beneficiando di minori livelli di inquinamento atmosferico e idrico (nei canali di Venezia le acque sono diventate decisamente più trasparenti e ora si vedono banchi di pesci che nuotano), potrebbero cercare di preservare questo cambiamento? Grazie al supporto degli stimoli fiscali, potremmo registrare un rilancio dell’agenda verde e un aumento degli investimenti in energia rinnovabile, infrastrutture per i veicoli elettrici e così via.
Le aziende potrebbero attraversare una fase di riorganizzazione profonda e attribuire maggiore importanza al loro scopo, ossia al loro impatto sull’ambiente e sui consumatori, sulla società, sui dipendenti e sulla catena produttiva? In un contesto di crescente disuguaglianza sociale nei mercati occidentali si sta già mettendo in dubbio il ricorso ai riacquisti azionari da parte delle società per incentivare i prezzi dei titoli a spese dell’attività di investimento e dei bilanci. Ma nel periodo successivo al Covid-19 questi dubbi potrebbero aumentare? Nella mentalità dei consumatori potrebbe cambiare radicalmente la scala dei valori visto che abbiamo sperimentato un’effettiva riduzione delle libertà. Improvvisamente, potremmo ritrovarci a dare meno importanza alle cose materiali, mentre le esperienze, la salute/forma fisica e l’impegno sociale saliranno nelle priorità dei consumatori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I fattori di rischio delle malattie cardiovascolari

Posted by fidest press agency su sabato, 28 settembre 2019

Gli stili di vita sono dunque al centro dei messaggi che FIPC insieme a Conacuore rinnova il 29 settembre per la Giornata Mondiale per il Cuore, la campagna promossa in tutto il mondo dalla World Heart Federation e coordinata in Italia dalla FIPC. Nel corso del mese di settembre e anche oltre sono moltissime le iniziative aperte al pubblico in forma gratuita, organizzate da associazioni di pazienti, ospedali, aziende sanitarie locali, enti pubblici e privati per sensibilizzare le persone a prendersi cura del proprio cuore.
Si deve fare ancora molto per aumentare la consapevolezza degli italiani sui fattori di rischio delle malattie cardiovascolari, e su quali siano le armi vincenti a disposizione per prevenirle. Questa è una priorità perché le malattie cardiovascolari rappresentano ancor oggi la prima causa di morte in Italia e nel mondo ed uccidono ogni anno 17,9 milioni di persone.
Un’indagine recente condotta a livello nazionale da Astra Ricerche per FIPC, conferma la buona notizia di quanto nel nostro Paese sia aumentata la consapevolezza dei danni legati al fumo (attivo e passivo) identificato dal 60% degli intervistati, quasi a pari merito (56%) con colesterolo, ipertensione e diabete. Per preservare la salute del cuore, stupisce che ancora meno di 1 italiano su 3 consideri come alleati quotidiani le corrette abitudini alimentari, quelle legate all’attività fisica e la gestione dello stress.
Lo sforzo che chiediamo è quello di preoccuparsi di cosa sia possibile fare per il proprio cuore – spiega Emanuela Folco, Presidente FIPC, Fondazione Italiana per il Cuore – Si tratta di piccoli gesti e modifiche del nostro stile di vita quotidiano, gli stessi che l’indagine sottolinea e che non sono ancora percepiti come utili per vivere più a lungo, meglio e con un cuore più sano. Occorre intervenire per ridurre il rischio delle malattie cardio-cerebrovascolari, tra cui infarto, scompenso e ictus, che in Italia colpiscono e uccidono ogni anno ben 127mila donne e 98mila uomini. Nella Giornata Mondiale per il Cuore chiediamo, quindi, di diventare un eroe del cuore, promettendo, per noi stessi e per i nostri cari, piccoli ma costanti accorgimenti quotidiani, fatti di quelle scelte legate al corretto stile di vita”.
“Diventa un eroe del cuore” è il razionale (e anche il titolo) dell’opuscolo della Giornata Mondiale per il Cuore di quest’anno, distribuito in 120.000 copie in tutta Italia. Inoltre, grazie alla collaborazione con Federfarma Lombardia, nelle farmacie di Milano e provincia, Monza e Lodi che aderiscono all’iniziativa, oltre a ricevere una copia dell’opuscolo della Giornata Mondiale per il Cuore 2019, sarà possibile effettuare gratuitamente un test a punteggio per valutare la salute del cuore e ricevere informazioni sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari.
L’elenco delle iniziative in tutta Italia è disponibile su fondazionecuore.it e conacuore.it
Una giornata, quella del 29 Settembre, che vuole essere un’opportunità per capire quanto siamo disposti a rinunciare o a impegnarci per la salute del nostro cuore.Basterà mangiare e bere con moderazione, fare più attività fisica e dire no al fumo? Potremmo davvero cominciare tutti da qui.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Performance di mercato: due fattori in primo piano”

Posted by fidest press agency su sabato, 20 ottobre 2018

columbia threadneedle investmentsA cura di Toby Nangle, Responsabile asset allocation globale e Responsabile multi-asset, EMEA, e Maya Bhandari, Gestore di portafoglio, Multi-asset. La performance dei mercati finanziari può essere interpretata in larga misura alla luce di due fattori: il livello potenziale dei flussi di cassa futuri derivanti dalla detenzione di un attivo e il tasso di sconto a essi applicato. Gli sviluppi dell’economia mondiale influiscono sia sui livelli dei flussi di cassa (come i dividendi azionari, i riacquisti di azioni proprie o la probabilità di pagamento delle cedole delle obbligazioni societarie) sia sulle condizioni finanziarie. Nel 2018 questi fattori si sono mossi in direzioni opposte.
Guardando ai mercati, l’ottimo andamento dell’economia è stato accompagnato da una sovraperformance delle azioni statunitensi. Tuttavia, una più attenta analisi rivela che, sebbene nel complesso le società quotate negli Stati Uniti, in Europa e in Giappone abbiano beneficiato per tutto l’anno di revisioni al rialzo dei ricavi e degli utili, questa dinamica è stata particolarmente pronunciata per le aziende statunitensi operanti nei settori tecnologico e della salute. Ciò è stato osservato parallelamente all’attuazione di politiche commerciali protezionistiche unilaterali. Il dinamismo dell’economia europea rispetto ad altre regioni è all’origine del nostro giudizio stabilmente positivo nei confronti delle azioni del Vecchio Continente (Regno Unito escluso). Tuttavia, dopo un andamento sostenuto per tutto il 2017, quest’anno l’economia ha fatto un passo indietro sulla scia degli sviluppi in Italia e dell’incertezza sul fronte del commercio globale. Nelle ultime settimane, però, i dati sugli utili sono stati favorevoli e le revisioni al rialzo degli analisti hanno interessato tutti i settori del mercato europeo (Regno Unito escluso), e principalmente l’energia. I salari hanno iniziato ad aumentare, ma è probabile che ciò dia impulso a un circolo virtuoso di risanamento economico ancora alle fasi iniziali dopo la crisi del debito sovrano dell’Eurozona, che ha destabilizzato la ripresa dell’Europa dalla crisi finanziaria globale di 10 anni fa.Le imprese europee lamentano una carenza di manodopera, ma anche di capitali e di beni strumentali, il che preannuncia un contesto più favorevole per la spesa per investimenti e l’attività di investimento. Scorgiamo inoltre segnali positivi in Germania, dove i dati sulla produzione manifatturiera hanno raggiunto il punto di minimo e si registra un’accelerazione della domanda interna.I nostri portafogli azionari europei sono nel complesso neutrali sull’Italia, ma nutriamo seri timori sul modo in cui sarà gestita la prossima recessione, alla luce del maggiore indebitamento del paese. Tra l’altro, i portafogli europei sottopesano il valore rispetto alla crescita di qualità, seppur in misura minore rispetto agli ultimi anni. La posizione settoriale più ampia è il sovrappeso sui titoli industriali rispetto a quelli finanziari, per trarre beneficio dall’espansione ciclica. Nel contesto di crescita economica da noi previsto gli utili bancari potrebbero aumentare rapidamente, ma non è chiaro se ogni impulso al reddito dovrà fare i conti con rinnovate pressioni regolamentari verso il rafforzamento dei coefficienti patrimoniali o la distribuzione di capitale ad altri soggetti coinvolti.
Nel frattempo, in Giappone prosegue la ripresa di lungo periodo e finora le insidie politiche sono state evitate, mentre i cambiamenti strutturali continuano a pieno ritmo. Più che un fattore di stimolo, l’esposizione alla crescita della domanda cinese è divenuta fonte di preoccupazione, e il Giappone è stato tutt’altro che immune dal deprezzamento che ha colpito altri mercati asiatici. Il nostro scenario di riferimento per l’Asia (Giappone escluso) prevede fondamentali persistentemente solidi che giustificano prospettive favorevoli per le azioni, ma questa analisi ha risentito notevolmente degli interventi protezionistici di Washington. Riteniamo che la netta flessione delle valutazioni osservata quest’anno rappresenti un deprezzamento del mercato più che una misura del crollo che potrebbero subire gli utili futuri.Soffermandoci più specificamente sulle condizioni finanziarie, abbiamo assistito a un calo delle valutazioni piuttosto pronunciato in tutti i mercati azionari. Questa dinamica ha coinciso con un aumento dei rendimenti dei titoli di Stato e con il progressivo innalzamento dei tassi d’interesse USA a opera della Federal Reserve. Nonostante l’incremento dei rendimenti, continuiamo a diffidare dei titoli di Stato. Secondo le nostre stime, la capacità inutilizzata nell’economia statunitense è ridotta, di conseguenza è improbabile che la Fed rallenti il suo processo di inasprimento nel prossimo futuro. Inoltre, i tentativi di invertire la globalizzazione reintrodurranno strozzature dal lato dell’offerta di beni e servizi che non promettono nulla di buono per il trade off tra crescita e inflazione.
Al di fuori degli Stati Uniti, i rendimenti delle obbligazioni europee sono troppo bassi rispetto alle stime del tasso neutrale e attualmente nei portafogli obbligazionari ciò si traduce in una maggiore presenza dei titoli di Stato USA rispetto a quelli europei. Le prospettive dei Gilt dipendono dall’esito della Brexit e non vi sono certezze sull’andamento dei loro rendimenti nei diversi scenari potenziali dopo l’uscita del Regno Unito dall’UE. I premi al rischio di credito appaiono ragionevoli e in linea con le medie di lungo periodo. Sebbene il volume del debito corporate sia molto elevato in termini storici, attualmente anche il parametro creditizio più importante, ossia la copertura degli oneri finanziari, è nettamente maggiore.
Quest’anno abbiamo assistito a continue revisioni al rialzo delle stime relative agli utili e ai ricavi in tutti i mercati sviluppati, dal momento che le prospettive economiche non hanno risentito del protezionismo. Abbiamo osservato gli interventi della Cina sul fronte della politica monetaria e fiscale finalizzati a compensare l’impatto negativo dei dazi doganali statunitensi. Inoltre, l’aumento dei tassi di sconto nei mercati azionari, dei titoli di Stato e delle obbligazioni societarie ha penalizzato gli investitori che cercavano rifugio negli attivi “sicuri” con i rendimenti più contenuti, ma esposti all’incremento sincronizzato dei tassi di sconto.I mercati finanziari appaiono fragili, ma la protezione offerta dagli attivi “sicuri” sembra destinata a rimanere illusoria. Continuiamo quindi a privilegiare le azioni, gli immobili e le materie prime, tenendo gli occhi bene aperti. In ambito azionario privilegiamo i mercati che evidenziano un’espansione degli utili sottovalutata in aree geografiche che dovrebbero beneficiare della crescita economica globale persistentemente sostenuta. (immagine: columbia threadneedle investments)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scoperto fattori per la formazione dei tumori

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 aprile 2018

Dimmi come ti dividi e ti dirò chi sei. Circa un terzo dei tumori umani, infatti, possono originare da cellule “difettose” che si dividono “male”. Un recente studio dei ricercatori dell’Istituto Regina Elena (IRE) e dell’Istituto di biologia e patologia molecolari del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IBPM-CNR), pubblicato sulla rivista Oncogene, ha identificato un nuovo ruolo della proteina Aurora B che risulta cruciale per un corretto completamento della divisione cellulare. Aurora B è espressa in maniera anomala in molti tipi di tumori ed è stata identificata come bersaglio molecolare di nuove terapie antitumorali; farmaci che ne bloccano l’attività sono oggetto di studi pre-clinici e clinici.Il recente studio dei gruppi di ricerca diretti da Silvia Soddu del Regina Elena e da Cinzia Rinaldo dell’IBPM-CNR apre un nuovo capitolo sulla comprensione del meccanismo di controllo della divisione cellulare e sulle cause scatenanti l’insorgenza di molti tumori.Facciamo un passo indietro. Già nel 2012 il team di Silvia Soddu aveva dimostrato che la localizzazione delle proteine HIPK2 e H2B sul ponte intercellulare che si forma durante la separazione delle cellule, detta citochinesi, assicura la corretta divisione e trasmissione del materiale genetico tra le cellule figlie. Se questo processo non avviene in modo regolare le due cellule figlie non si dividono ma generano una cellula tetraploide che ha il doppio del contenuto di cromosomi di una cellula normale. “Ora abbiamo scoperto – spiega Silvia Soddu – che la proteina Aurora B regola la specifica localizzazione di HIPK2 e del suo partner H2B durante la citochinesi.”“Aurora B – prosegue Cinzia Rinaldo – è spesso deregolata nei tumori e il suo malfunzionamento può quindi portare al fallimento della citochinesi e alla formazione di cellule aberranti dotate di due nuclei, che sono geneticamente instabili e possono portare alla formazione e progressione dei tumori.”“Lo studio – conclude Gennaro Ciliberto, Direttore scientifico IRE – aggiunge un nuovo e importante tassello alla comprensione delle cause che favoriscono l’insorgenza del cancro, e alla individuazione di nuovi target per bersagli terapeutici.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I fattori che stimolano la crescita del settore FinTech

Posted by fidest press agency su sabato, 31 marzo 2018

Le tecnologie avanzate, la digitalizzazione e le mutevoli richieste dei consumatori stanno portando le compagnie di servizi finanziari ad adottare un approccio più incentrato sul consumatore. Di conseguenza, molte aziende hanno lanciato prodotti, soluzioni e servizi innovativi. L’utilizzo di tecnologie avanzate – tra cui cloud, piattaforme, Internet of Things (IoT), intelligenza artificiale (AI), apprendimento automatico (ML), blockchain e interfacce di programmazione delle applicazioni (API) – ha un forte impatto sulle attività aziendali e sull’esperienza del consumatore. L’impiego delle tecnologie potenzia i risultati dei servizi e dei sottosegmenti, come le piattaforme FinTech, Robo-advisory, InsurTech, RegTech e PayTech, per i quali si prevede una rapida crescita. Nonostante il quantum computing sia ancora in una fase iniziale, i casi d’uso e gli esperimenti sono molto incoraggianti.L’ultimo studio condotto da Frost & Sullivan intitolato FinTech—Growth Opportunities in the Global Market analizza i prodotti e i servizi emergenti, i sottosegmenti basati sulla tecnologia, i nuovi modelli di business e le innovazioni che stravolgeranno l’industria.
I fattori che stimolano la crescita all’interno del mercato globale dei servizi finanziari sono:
L’adozione di un approccio incentrato sul consumatore da parte delle compagnie di servizi finanziari al fine di fornire servizi personalizzati e migliorare l’esperienza dei clienti.
L’aumento delle partnership tra operatori storici e start-up per promuovere una rapida innovazione e accelerare il time-to-market, dove le start-up offrono elasticità e gli operatori storici forniscono scalabilità.
L’utilizzo della tecnologia e gli ottimi risultati conseguiti in varie aree di FinTech generano opportunità di crescita all’interno dei settori BaaS, RegTech, InsurTech, PayTech e WealthTech.
Un’approccio omnicanale basato sulla tecnologia, che permette ai consumatori di vivere un’esperienza coerente e lineare attraverso vari canali, dispositivi e touchpoint multipli.
Poter accedere sempre e ovunque ai servizi finanziari è determinante per il successo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dolore cronico

Posted by fidest press agency su martedì, 14 ottobre 2014

doloreSi è aperta oggi presso il Palazzo della Cancelleria a Roma la due giorni di convegno “HOPE Health Over Pain Experience” che, chiamando a raccolta alcuni fra i massimi esperti di dolore, ha ricostruito l’attuale scenario del problema in Italia, focalizzando in particolare l’analisi sui fattori che ancora ostacolano l’appropriatezza terapeutica e sulle conseguenze di trattamenti inadeguati. In occasione del convegno, che ha ricevuto il patrocinio del Ministero della Salute e dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), è stato presentato ufficialmente il Libro Bianco sul Dolore Cronico, edito da AboutPharma, con il grant incondizionato di Mundipharma, volto a fare il punto in merito al reale impatto sociosanitario ed economico della sofferenza nel nostro Paese.“Nonostante i grandi passi avanti fatti, grazie alla Legge 38/2010, vi sono ancora margini di miglioramento per raggiungere l’appropriatezza nell’approccio diagnostico-terapeutico alla malattia dolore”, afferma Guido Fanelli, Presidente della Commissione ministeriale Terapia del dolore e Cure Palliative. “Questo gap non solo rappresenta un problema di etica sanitaria e di equità sociale, ma determina anche costi ingenti per il SSN. Da qui l’esigenza di dar vita al presente Libro Bianco che, raccogliendo l’expertise di tutte le figure professionali coinvolte dalla presa in carico del paziente che soffre, restituisce un inedito sguardo d’insieme sulla gestione del problema, mettendone in evidenza gli aspetti medici, farmacologici, farmaco-economici e istituzionali. Ci auguriamo sia uno strumento utile per tutti coloro che questo problema devono affrontarlo nel loro lavoro quotidiano”.Il volume, per la prima volta, ha fornito una fotografia, tutta italiana, anche se basata su stime di massima, dei costi sociosanitari legati al dolore cronico. “La prevalenza del fenomeno è circa di 13 milioni di pazienti; di questi, si può ritenere che un terzo non si curi o lo faccia da sé in privato, pertanto sono circa 8 milioni i pazienti rilevanti per gli effetti economici sulla spesa pubblica”, illustra Carlo Lucioni, Senior Health Economist di Health Publishing and Services. “Sulla base delle risorse impiegate per far fronte al problema e dei loro costi unitari in Italia, è stato calcolato, con una stima al ribasso, il costo sociale medio annuo del dolore cronico per ogni paziente: 4.557 euro, di cui 1.400 per costi diretti a carico del SSN (farmaci, ricoveri, diagnostica) e 3.156 per costi indiretti (giornate lavorative perse, distacchi definitivi dal lavoro). Moltiplicando i costi diretti per 8 milioni di pazienti, si arriva a un onere annuo per il Servizio Sanitario Nazionale pari a 11,2 miliardi di euro, con un’incidenza sulla spesa sanitaria pubblica complessiva del 9,6%. Sempre sulla stessa base il totale dei costi indiretti ammonta invece a 25,2 miliardi. Dalla somma con l’importo dei costi diretti, la stima del costo sociale del dolore cronico in Italia ammonta a 36,4 miliardi all’anno, corrispondenti al 2,3% del PIL”.Per completare il quadro sui numeri del problema, il contributo di IMS nel Libro Bianco ha evidenziato come, anche a fronte di un aumento nell’impiego di analgesici oppioidi negli ultimi quattro anni, il confronto di vendite con i FANS sia ancora sbilanciato a favore di questi ultimi, nonostante i loro possibili effetti collaterali e in controtendenza con le Linee Guida, i warning delle Autorità regolatorie e i dati di letteratura. Nel 2013 i FANS hanno toccato quota 240 milioni di euro, contro i 179 degli oppioidi, di cui 101 per quelli forti. Tra i principali Paesi Europei, l’Italia si conferma così all’ultimo posto per uso di oppioidi e al primo per impiego di FANS. Anche il dato sulla spesa pro-capite in oppioidi forti evidenzia il ritardo del nostro Paese e le barriere culturali che ancora ostacolano l’impiego di questi farmaci: 2,11 euro, mentre in Germania, ad esempio, la stessa spesa sale a oltre 10 euro a cittadino (il valore più alto in Europa). Viceversa la spesa pro-capite dei FANS in Italia risulta la più elevata, pari a 3,91 euro, a fronte di 1,82 euro nel Regno Unito.Dalla letteratura si evince una situazione caratterizzata da inappropriatezza e disomogeneità: i dati IMS e i Rapporti OSMED ci restituiscono un quadro di grandi disparità nell’accesso alle terapie tra le diverse Regioni italiane. Ed è proprio su questo fronte che, nel capitolo del libro a firma di AIFA, viene ribadito l’impegno dell’Ente regolatorio attraverso le proprie Note. Si tratta, infatti, di strumenti fondamentali per favorire una prescrizione farmacologica il più possibile conforme alle indicazioni cliniche per le quali il farmaco si è dimostrato efficace e a quelle d’uso (dose e durata del trattamento). Nate inizialmente come strumento di governo della spesa farmaceutica, le Note AIFA sono oggi un mezzo per assicurare l’appropriatezza terapeutica e intervenire sulle differenze regionali, assicurando un accesso omogeneo alle cure. A tal proposito, il convegno ha ricordato il recente progetto CardioPain che – prevedendo l’inserimento di un monito circa l’uso di FANS e COXIB nella scheda di dimissione ospedaliera dei pazienti cardiopatici – rappresenta un esempio virtuoso di adesione a quando stabilito dalla Nota AIFA 66. Nata presso il nosocomio dell’Ospedale di Roccadaspide (SA), l’iniziativa sta raccogliendo adesioni in tutt’Italia.La presentazione del Libro Bianco ha dato vita a un proficuo dibattito tra tutti gli attori diversamente coinvolti dalla gestione del dolore cronico in Italia: clinici provenienti da molteplici setting assistenziali, Istituzioni, media, Associazioni di pazienti e cittadini. “Da sempre impegnata nel supportare iniziative a favore della battaglia contro il dolore, la nostra Azienda non poteva far mancare il proprio sostegno ad un progetto così importante”, dichiara Marco Filippini, General Manager Mundipharma. “Adesso ciò che conta è proseguire con determinazione il cammino intrapreso grazie alla Legge 38, per cambiare concretamente la situazione di chi soffre e migliorarne la qualità di vita; su questa linea ci auguriamo che nascano e si sviluppino nuove iniziative di ampio respiro, in cui pubblico e privato possano cooperare, come avvenuto in occasione del Libro Bianco”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Curiamo l’acne

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

abano termeAbano Terme (PD), Esposizione al sole, ricorso alle lampade abbronzanti e sospensione delle cure dermatologiche durante il periodo estivo, sono tutti fattori che determinano nei pazienti acneici un peggioramento della malattia al rientro dalle vacanze.Ciò si deve al falso mito che l’acne, patologia comune che insorge soprattutto nell’età adolescenziale, ma che non risparmia gli over 30, possa migliorare, se non addirittura sparire, esponendo la pelle al sole. In Italia si stima che l’acne di gravità intermedia colpisca il 30-40% della popolazione tra i 15 e i 20 anni; nei trentenni la percentuale scende all’1% negli uomini e al 5% nelle donne. “Se all’apparenza vediamo la pelle meno unta e con meno imperfezioni, non vuol dire che stiamo guarendo perché i raggi solari, in realtà, accentuano il processo infiammatorio alla base dell’acne, provocando un ispessimento dello strato più superficiale dell’epidermide (strato corneo) che causa la formazione dei comedoni, cioè i punti neri. L’apparente miglioramento si deve anche all’abbronzatura che, donando uniformità al colore della pelle, tende a nascondere le imperfezioni” – afferma il Professor Stefano Veraldi, Direttore della Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia, Università degli Studi di Milano – “Alla falsa credenza che il sole guarisca l’acne, si aggiunge un altro comportamento diffuso e dannoso per la pelle: la tendenza a sospendere il trattamento in ragione del fatto che diversi farmaci per l’acne possono rendere la pelle più sensibile ai raggi UV. Si tratta dei cosiddetti farmaci fototossici o fotosensibilizzanti, che possono causare danni e macchie alla pelle in seguito all’esposizione al sole, come nel caso delle tetracicline orali”. Se è vero che alcuni farmaci non possono essere impiegati sotto il sole, è ancor più vero che vi sono altri farmaci antiacne che possono essere utilizzati anche nel periodo estivo. “Si tratta dei retinoidi topici e di alcuni antisettici, che devono essere applicati sulla pelle alla sera e accuratamente sciacquati prima di esporsi al sole. Senza dimenticare le protezioni solari indicate per la pelle acneica – da evitare quelle occlusive perché sono comedogeniche (causano la formazione dei punti neri) -, i detergenti e le creme idratanti. E’ quindi importante non interrompere i trattamenti durante il periodo estivo perché si rischia che il rientro a settembre porti con sé una riacutizzazione della malattia” afferma il dermatologo. “Vi sono, poi, prodotti per il trattamento delle lesioni acneiche lievi e intermedie che possono essere impiegati anche sotto il sole in quanto non presentano fenomeni di fototossicità. – aggiunge il Prof. Veraldi – E’ il caso, tra gli altri, di un gel a base di perossido di idrogeno e acido ialuronico. Il perossido di idrogeno, con le sue proprietà antisettiche, contrasta un batterio coinvolto nella patogenesi dell’acne, Propionibacterium acnes. Inoltre, è ben tollerato dai pazienti”.Questo gel (Ialect gel) è trasparente e fluido, non unge, non colora e non macchia, al contrario di molti altri trattamenti. Distribuito sulla parte interessata, forma una pellicola protettiva che impedisce l’aggressione degli agenti esterni e previene le infezioni batteriche. La cute apparirà più asciutta e diminuiranno imperfezioni e lesioni, a tutto vantaggio della vita sociale del paziente.
L’acne è una malattia molto comune che può determinare risvolti negativi anche dal punto di vista psicologico, soprattutto negli adolescenti: proprio perché la parte maggiormente interessata è il viso, quindi una zona visibile, il soggetto può vivere una condizione di disagio e insicurezza nella vita di relazione con gli altri. E’ quindi essenziale rivolgersi a un dermatologo per affrontarla e curarla precocemente.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

U.S.A.: fattori di crescita

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 marzo 2012

Il bureau of economic analysis negli Stati Uniti segnala anche per i primi due mesi del corrente anno una crescita del Pil su base annua del 2,8% rispetto ad un 2011 che si è attestato intorno all’1,8%. Se andiamo ad analizzare le ragioni che hanno prodotto tale incremento percentuale dobbiamo mettere al primo posto la spesa per i consumi e la variazione delle scorte nel settore privato. Molti investimenti sono stati fatti nell’edilizia residenziale mentre le esportazioni hanno fatto rilevare una crescita sotto le aspettative ma in indubbia inversione di tendenza rispetto all’ultimo trimestre dello scorso anno. L’inflazione, a sua volta, si è mantenuta intorno al 3% e denota un calo sia pure lieve rispetto ai mesi precedenti. Dobbiamo concludere, sulla scorta di questi dati e di altri rilevatori, che si sta registrando un’espansione moderata dell’economia statunitense con una lieve stabilizzazione della crescita dei costi delle abitazioni e dei trasporti, e con essi un miglioramento delle condizioni complessive del mercato del lavoro. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your and my opinions, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Visite contro la sclerodermia

Posted by fidest press agency su sabato, 24 settembre 2011

Città Alta, Bergamo, Italy

Image via Wikipedia

Bergamo, 25 settembre Ospedali Riuniti visite di controllo gratuite dalle 9 alle 12 per la Giornata del Ciclamino: migliaia di ciclamini, fiori che resistono al freddo e simboli del G.I.L.S., Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia, coloreranno le piazze italiane per informare e sensibilizzare il pubblico nei confronti di una malattia ancora poco conosciuta, per cui la diagnosi precoce è la cura più efficace.
.Nonostante sia stata scoperta negli anni Trenta, attorno a questa malattia rara regnano ancora molta confusione e malintesi. Si tratta di una patologia cronica evolutiva autoimmune, i cui sintomi clinici più evidenti sono l’ispessimento e l’indurimento della pelle, dai quali la malattia prende il nome. Oltre a colpire la cute, soprattutto quella degli arti e della zona attorno alla bocca, la sclerodermia intacca anche i piccoli vasi arteriosi e gli organi interni, causando complicazioni, talvolta anche gravi, al cuore, ai reni, ai polmoni e all’apparato gastrointestinale. Si tratta di sintomi che possono rimanere silenti per anni, rendendo così difficile una diagnosi tempestiva e precoce, ad oggi il mezzo migliore per combattere efficacemente questa debilitante patologia.
Un segno clinico costante della malattia è il fenomeno di Raynaud, causato dalla diminuzione del flusso di sangue alle dita e spesso scatenato dal freddo. Tale fenomeno si caratterizza per il pallore delle dita delle mani e dei piedi, che poi spesso diventano rosse e poi violacee, accompagnato generalmente da una riduzione della temperatura cutanea, da dolore e da alterata sensibilità. In Italia la sclerodermia colpisce attualmente circa 50.000 persone, con un’incidenza maggiore tra le donne: oltre il 90% dei pazienti è infatti di sesso femminile. Insorge principalmente nella fascia d’età compresa tra i 40 e i 50 anni, anche se la forma più grave e debilitante si manifesta tra i 20 ed i 25 anni. Le cause scatenanti di questa patologia sono attualmente sconosciute, anche se recenti studi clinici hanno messo in luce il ruolo fondamentale giocato dalla predisposizione individuale e dal patrimonio genetico quali fattori determinanti per l’insorgere della malattia. Dalla necessità di sostenere la ricerca sulla sclerodermia nasce nel 1993 il G.I.L.S, Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Corporates ad alto rendimento

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 gennaio 2011

Reddito fisso e a livello globale, le obbligazioni societarie ad alto rendimento hanno continuato a guidare il settore del fixed income durante tutto il 2010, superando tutti gli altri comparti principali del settore dopo aver sovraperformato nel 2009. Pur considerando questi forti guadagni, Western Asset è convinta che questa tipologia di asset offra ancora delle interessanti opportunità d’investimento per l’anno che sta iniziando, anche se dietro ai guadagni in parte ci saranno probabilmente altri fattori rispetto a quelli prevalsi negli ultimi due anni. Ecco il motivo: se nel 2009-2010 il principale volano dei profitti resi da questi titoli è stato l’apprezzamento del capitale in una vasta gamma trasversale di settori e di livelli di qualità, nell’anno in corso è probabile che la selezione delle emissioni da parte dei manager e il reddito diventino più importanti. I titoli obbligazionari societari ad alto rendimento si presentano interessanti anche per quegli investitori preoccupati per gli sviluppi nei rendimenti dei titoli di Stato e sul fronte dell’inflazione.
L’interessante livello dei rendimenti – del reddito – unito a un potenziale per ulteriori riduzioni dei differenziali in certi specifici settori ed emissioni dovrebbero continuare ad attrarre gli investitori verso l’alto rendimento. Al 31 dicembre 2010, globalmente, le obbligazioni societarie ad alto rendimento stavano rendendo, per esempio, circa l’8%. I fondamentali societari, nel frattempo, continuano a migliorare; le condizioni dell’offerta e della domanda del mercato dei titoli high yield stanno ancora fornendo un buon supporto e le valutazioni, in un contesto storico, continuano a essere interessanti. Anche se negli ultimi due anni gli spread si sono ridotti significativamente, essi rappresentano ancora una parte consistente del rendimento totale (alla fine del 2010 circa il 70% del totale del rendimento complessivo era imputabile allo spread). Attestandosi a 540 punti base alla fine del 2010, gli spread delle corporate ad alto rendimento Usa, si collocavano, per esempio ben sopra la loro media a lungo termine che è di circa 400 punti base.
Oltre alle prospettive di rendimenti interessanti in un ambiente del mercato obbligazionario generale nel quale i rendimenti sono prevalentemente bassi, i titoli ad alto rendimento dovrebbero attrarre anche gli investitori che continuano a essere preoccupati per un aumento dei rendimenti dei titoli di Stato e per l’inflazione. Ciò è diventato evidente nel mese di dicembre con la svendita dei principali titoli obbligazionari di Stato USA, mentre a livello globale quelli ad alto rendimento registravano dei guadagni significativi.
Western Asset è una delle società di gestione più importanti del mondo nel settore del reddito fisso. Ha uffici negli Stati Uniti e a Londra, Tokyo, Singapore, Hong Kong, Melbourne e São Paulo, e offre ai clienti una vasta e completa gamma di prodotti del reddito fisso locali e misti regionali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sindrome da rientro: i 10 fattori predittivi

Posted by fidest press agency su sabato, 28 agosto 2010

Una percentuale consistente dei milioni di turisti che stanno ritornando a casa dalle ferie sperimenterà alcuni dei sintomi ansioso-depressivi da me definita circa venti anni fa come “Sindrome da rientro”. La sintomatologia è collegata alla difficoltà a reintegrarsi nell’ambiente domestico e lavorativo dopo aver trascorso alcune settimane di vacanza. La sindrome da rientro è legata al fatto che qualsiasi ritorno non avviene mai nel punto da cui si è partiti e ciò  comporta una difficoltà, di grado variabile, di riadattamento. I fattori predittivi, indicatori del manifestarsi o meno della sindrome da rientro, sono: 1) la durata del viaggio. In tempi di crisi economica e di vacanze brevi la percentuale di soggetti che soffriranno di sindrome da rientro sarà probabilmente minore rispetto al passato. 2) Caratteristiche del viaggio. Viaggi avventurosi, trekking, che comportani un distacco maggiore rispetto alle abitudini di vita. 3) Distacco totale dal lavoro e grado di distacco dai mezzi di comunicazione (giornali, radio, TV, internet). 4) Forti aspettative connesse al viaggio e alla vacanza e delusione e frustrazione per non aver raggiunto gli obiettivi del viaggio. 5) Full immersion in paesi con tradizioni, religioni e culture distanti dalle proprie. 6) Forte coinvolgimento in situazioni che impegnino sul piano fisico ed emotivo (militari, missionari, volontari della protezione civile, operatori di soccorso per calamità naturali). 7) Attività professionali che comportino un forte impegno intellettuale e manageriale e relativo rischio che il viaggio provochi un effetto wash out. Il cervello può infatti cancellare oltre al superfluo idee e progetti per alleviarne il carico e ridurne lo sforzo intellettuale. 8) Precarietà del lavoro di base e rischio di vedersi soppiantare da altri sul posto di lavoro. 9) Capacità di base di affrontare situazioni nuove e più in generale gli eventi della vita. 10) Attitudine all’ansia o alla depressione nel viaggiatore e capacità di affrontare il futuro con energia ed ottimismo. (Walter Pasini Presidente della Società Italiana di Medicina del Turismo)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La realtà del Servizio Sanitario Nazionale

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 agosto 2010

Questa realtà è caratterizzata da un evidente fenomeno: il bisogno di salute supera le risorse disponibili.  Tale situazione è generata da una serie di fattori concomitanti:
l’invecchiamento della popolazione
la crescita del peso delle patologie croniche
inadeguati investimenti nella prevenzione
lo sviluppo di terapie più complesse
l’aspettativa dei pazienti di una migliore qualità del servizio assistenziale
la mancanza di strumenti di controllo e di gestione necessari per l’analisi e la programmazione dei servizi da erogare
l’eccessivo bisogno di autoaffermazione degli stakeholders
la scarsità di risorse finanziarie conseguenza dell’enorme debito pubblico.
In uno scenario così complesso e con un finanziamento puntualmente inferiore alla spesa
preventivata, le Istituzioni devono affrontare lo spinoso compito di stabilire le “priorità” e cioè il modo migliore di investire le risorse disponibili.  In questo contesto la Socitel – Società Italiana di Telemedicina, si propone come soggetto determinato a verificare e sperimentare le potenzialità offerte dal progresso scientifico-tecnologico in campo medico-sanitario suggerendo, attraverso dati, studi e standard operativi derivanti dalle sperimentazioni, riscontri utili per la valutazione dell’investimento in telemedicina.    Avvalendosi della capacità di esperti che operano nel settore della sanità, dell’economia sanitaria e dell’ICT, la Socitel persegue i seguenti obiettivi:
facilitare l’accesso alle strutture sanitarie specialistiche ai pazienti distanti da ospedali e case di cura;
collaborare con altre associazioni scientifiche, con imprese e con strutture sanitarie, sia pubbliche che private, allo scopo di elaborare progettualità che implementano telemonitoraggio, teleassistenza, teleconsulto, teledidattica e tutti i potenziali servizi legati alla telemedicina;
collaborare con il Ministero della Salute, le Regioni, le Aziende Sanitarie Locali ed altri Organismi e Istituzioni Sanitarie pubbliche per elaborare linee guida utili alle applicazioni dei servizi di telemedicina;
collaborare con associazioni ed organizzazioni impegnate nella tutela dei diritti dei malati, degli anziani e dei disabili allo scopo di elaborare progettualità che, per mezzo della telemedicina e della teleassistenza, producano un miglioramento della qualità di vita dei pazienti;
promuovere studi clinici, ricerche scientifiche finalizzate e rapporti di collaborazione con altre società ed organismi scientifici.
A questo riguardo il direttore dei centri studi Fidest Riccardo Alfonso dichiara: “Esistono delle potenziali possibilità per ridurre i costi della sanità senza per questo diminuire il livello qualitativo delle prestazioni, anzi migliorandolo. Sembra la quadratura del cerchio. In realtà alcuni correttivi sono possibili e praticabili da subito. Basta averne la determinazione politica e la capacità di raccogliere consensi parlamentari trasversali dato che il mondo della sanità è letteralmente circondato per non dire attraversato da forti interessi lobbistici. Penso alla disciplina dell’attività trasfusionale al monouso dei farmaci, all’attribuzione di nuovi compiti ai medici di base ecc. Da parte mia ho attivato due centri di cui uno è denominato Centro studi problematiche sociale intendendo con ciò coniugare la medicina al sociale ed un secondo  con l’acronimo Asocast ageing society per approfondire le tematiche della terza età”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Obesità e fumo fattori di rischio tromboembolici

Posted by fidest press agency su domenica, 9 Maggio 2010

Tra i principali fattori di rischio cardiovascolare, soltanto l’obesità e l’abitudine al fumo sono importanti anche come elementi predisponenti al tromboembolismo venoso (Vte). Lo rivelano i risultati di uno studio prospettico di coorte condotto dal 1976 al 2007 su un campione randomizzato di abitanti in una definita area di Copenhagen stratificati per età. La prima diagnosi di trombosi venosa profonda o embolismo polmonare è stata recuperata dai registri nazionali elettronici dalla baseline fino al termine dello studio. Su 18.954 soggetti studiati con un follow-up mediano di 19,5 anni, 969 sono andati incontro ad almeno 1 episodio di Vte, corrispondente a un tasso crudo di incidenza di 2,69 per 1.000 persone/anno. Utilizzando un modello multivariato con correzioni per età e periodo di osservazione, si sono rivelate significativamente associate al Vte le seguenti variabili: indice di massa corporea (Hr per >/=35 vs. <20 = 2,10), fumo (Hr per >/=25 g di tabacco al giorno vs. mai fumatore= 1,52%), genere (Hr per uomini vs. donne = 1,24), reddito familiare (Hr per medio vs. basso = 0,82) e pressione arteriosa diastolica (Hr per > 100 vs. <80 mmHg = 1,34). Altri fattori di rischio cardiovascolare, tra i quali i livelli di colesterolo totale, Hdl e Ldl, dei trigliceridi e il diabete mellito non sono invece apparsi associati al Vte. Circulation, 2010;121:1896-1903 (fonte doctor news)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Allarme disoccupazione in Sardegna

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 aprile 2010

“Il problema della disoccupazione in Sardegna è da sempre uno degli argomenti critici che interessano la nostra regione, a mio parere mai effettivamente affrontato come meriterebbe. Non si può pensare di risolvere con la bacchetta magica un così impegnativo disagio senza affrontarlo non solo nei molteplici e vari fattori che lo causano ma nemmeno nella sua globalità”. Queste le amare parole del viceresponsabile per la Sardegna dell’Italia dei Diritti, Franco Carta, in seguito all’allarmante dato, diffuso dall’Istat, dell’elevato tasso di disoccupazione nella regione, ben superiore alla media nazionale, che in alcune province raggiunge addirittura il 19%. La percentuale regionale è del 13,3%, la più elevata, insieme con Campania e Sicilia, rispetto al resto del Paese. “Purtroppo – spiega l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro – l’indirizzo generale che i nostri attuali governi, sia nazionale che regionale, hanno impostato nel loro ‘navigatore satellitare’ sembra condurre palesemente più a un voler disquisire sull’argomento, elargendo zollette propagandistiche per tener buoni i cittadini, piuttosto che affrontarlo sul serio. I dati di questa indagine sono più che chiari e di certo non imprevedibili. Non c’è da stupirsi sul fatto che man mano che si sale lungo l’isola il problema disoccupazione incrementi le proprie percentuali: a mio parere da sempre si è fatta distinzione fra figli e figliastri, avendo prioritariamente molto a cuore la zona del cagliaritano rispetto al resto dell’isola. E questo – conclude Carta -, sempre ragionando parallelamente al ‘si è fatto e si sta facendo comunque poco’, rende alcune province sarde bistrattate due volte, in quanto snobbate in una regione già ignorata dalla politica nazionale”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Europa si mobilita contro il cancro

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2010

Più campagne di prevenzione e screening per la diagnosi precoce dei tumori, per ridurre del 15% entro il 2020 l’incidenza delle malattie tumorali nel Vecchio Continente. E’ l’obiettivo del Parlamento europeo che fa appello agli Stati membri perché lancino specifici Piani cancro il prima possibile, come indica un rapporto adottato ieri dalla Commissione ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare. I parlamentari europei ribadiscono che la prevenzione resta la soluzione migliore. Da qui l’incoraggiamento a ciascun Paese a investire in programmi destinati a ridurre fattori di rischio come l’inquinamento, il fumo, l’alimentazione scorretta, l’uso di prodotti chimici cancerogeni. I parlamentari hanno valutato positivamente il previsto piano d’azione comune europeo per il quadriennio 2009-2013, che punta ad aiutare i diversi Paesi a combattere la malattia, ma suggeriscono un sostegno particolare ai nuovi Stati membri. L’appello, inoltre, è anche a rendere disponibili i trattamenti per tutti i pazienti dell’Unione. In Europa si contano ogni anno 3 milioni di nuovi pazienti oncologici e circa 1,7 milioni di morti per tumore. (fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Proteggere la salute dei bambini

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2010

Parma, Italia, 10–12 marzo 2010 Centro Congressi del Comune di Parma, Viale Barilla 29/a,  I ministri di 53 Paesi si incontrano a Parma per valutare il loro operato  sulla protezione della salute dai rischi ambientali e per combattere le  minacce emergenti  Come non mai, la nostra salute è vulnerabile ad un ambiente che cambia.  Restrizioni finanziarie, crescenti diseguaglianze socioeconomiche e di genere, ed eventi climatici estremi più frequenti amplificano l’impatto dell’ambiente sulla  salute, ponendo così nuove sfide per ridurre morti e malattie attraverso interventi efficaci. Sulla soglia dei 20 anni di azione europea in ambito di salute ambientale, la Quinta Conferenza Ministeriale valuterà se e come gli impegni presi dai Paesi sui principali fattori di rischio sono stati mantenuti e definirà l’agenda europea sulle  sfide degli anni a venire.  Per far fronte ad un contesto in continua evoluzione, i ministri della salute e  dell’ambiente dei 53 Paesi della Regione Europea dell’OMS si riuniranno per la prima volta in oltre cinque anni per negoziare ed adottare una Dichiarazione. Ci si attende che questo testo rafforzi gli impegni che i governi firmarono cinque anni orsono per ridurre l’impatto dei maggiori rischi ambientali quali acqua e igiene inadeguate, scarsa qualità dell’aria, infortuni e inattività fisica, e sostanze chimiche nocive, e accresca gli sforzi per affrontare le minacce globali emergenti. La Conferenza lancerà anche un piano d’azione su cambiamento climatico e salute in  Europa. Documenti ed altre informazioni sulla Conferenza sono disponibili presso il  sito web http://www.euro.who.int/parma2010.  L’Ufficio europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità organizza la  Conferenza in collaborazione con il governo italiano rappresentato dal Ministero della Salute e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e  insieme al Comitato Europeo Ambiente e Salute che guida il processo. Oltre ai ministri, parteciperanno esperti, commissari europei e delegazioni della società  civile

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il mercato dell’energia rinnovabile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 gennaio 2010

E’ atteso in forte crescita, in particolare i comparti riferiti al solare, all’eolico e alle biomasse anche a causa del rilevante gap di capacità installata dell’Italia rispetto ad altri paesi europei. Nel nostro Paese sono infatti attesi tra 60 ed 70 miliardi di Euro di nuovi investimenti nel settore delle rinnovabili fino al 2020 ed è verosimile ritenere che una quota rilevante di questi interventi sarà sostenuta dal sistema bancario anche perché in un contesto di diffusa difficoltà economica, le FER rappresentano una delle poche aree di investimento in grado di attrarre risorse e garantire ritorni relativamente sicuri agli investitori, sia imprenditoriali che istituzionali. La propensione del sistema bancario a finanziare l’investimento in Fer è riconducibile a una serie di fattori.Un contesto regolatorio e di mercato favorevole: fatto che si traduce innanzitutto in un robusto sistema di incentivi. In Italia questi sono differenziati in funzione della taglia degli impianti e della tecnologia, ma hanno un’incidenza sulle fonti rinnovabili pari a circa €200mwh (calcolo effettuato come media aritmetica degli incentivi sulle varie tecnologie nell’anno 2007). In Inghilterra e Germania il valore è pari rispettivamente a €116 e €97 mwh e in Spagna a circa €80mwh. Differenze che in parte possono essere ricondotte ai ritardi dell’Italia rispetto ad altri Paesi europei ed al rilevante gap di capacità installata. Il settore delle Fonti Rinnovabili è quindi regolamentato, anticiclico, sostenuto da politiche di incentivazione e/o  contributi pubblici e presenta un ridotto rischio di mercato grazie anche all’intervento dello Stato. Il settore impiega tecnologie quasi sempre mature con efficienza già dimostrata nel medio lungo termine e possibilità di stimare la producibilità e i costi gestionali con elevato grado di confidenza * Questi aspetti, insieme al livello di incentivi, rendono i flussi di cassa di queste iniziative stabili e robusti, in grado cioè di supportare gli scenari di stress più comuni. (fonte j buon giorno impresa)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Fattori di competitività

Posted by fidest press agency su domenica, 27 dicembre 2009

Fattori di competitività e sviluppo nella ricerca e nell’innovazione tecnologica. Sono concetti che hanno costituito, si può dire da sempre, il “piatto forte” degli economisti e degli analisti di mercato. E’ un modo senza dubbio essenziale per comprendere la posizione relativa ad un Paese, rispetto ai propri concorrenti, in una data regione economica, come ad esempio l’Europa, ed anche per un confronto con le altre parti del mondo. Due di questi modelli sono la competitività  e l’attrattività. Il primo si riferisce, in particolare, all’evoluzione di un dato sistema-Paese e, il secondo, alla capacità di questo stesso Paese di attirare risorse per lo sviluppo o migliorare quelle esistenti. Non solo. Con un’innovazione tecnologica fatta non solo di macchine, ma di elementi che possono gestirla al meglio, possiamo dire che due sono i motori che portano avanti il processo di crescita di un Paese: il capitale umano e quello finanziario. Il primo è un termine specialistico da qualche anno entrato nell’uso corrente e sta a significare il fatto che non basta avere delle braccia per muovere una leva ma è necessario un costante miglioramento delle conoscenze e delle capacità dei singoli coinvolti direttamente o indirettamente nei processi produttivi. L’altro motore, parimenti essenziale, è la dotazione di risorse finanziarie adeguate all’impegno che si intende intraprendere. Nel mezzo vi sono tutte le altre possibili variabili: le infrastrutture, l’efficienza della macchina burocratica pubblica, la capacità di ridurre al minimo lo spreco delle risorse e via di questo passo. C’è chi in proposito rileva la necessità di avere una maggiore cultura della valutazione per garantire che le risorse a disposizione siano utilizzate nel modo migliore possibile. E in questo tratto noi indichiamo una più stretta performance e attribuzione delle risorse in specie se esse sono pubbliche. Solo se tutti questi elementi sono virtuosi noi possiamo affermare che si stia facendo “sistema”. Ma la crescita economica di un Paese non sta solo nella sua capacità di rendere al meglio le risorse disponibili in termini umani e finanziari, ma anche di saper guardare con fermezza al proprio futuro che si chiama, nello specifico, ricerca. E la ricerca ha come fine la produzione di nuova conoscenza, ed essa ha un valore solo se è finalizzata alla maggiore capacità di capire e quindi di fare. Ma vi è anche un altro concetto che non sembra sia stato digerito dal sistema economico attuale con la dovuta attenzione e si chiama globalizzazione ed il che vuol dire, per noi, un modo di trasferire il sistema-paese al sistema continente e nel ricercare nella competitività  un equilibrio nelle rispettive specializzazioni volgendole alla complementarietà e non alla contrapposizione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »