Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 335

Posts Tagged ‘fatture’

Fatture (elettroniche) del consumatore

Posted by fidest press agency su martedì, 17 settembre 2019

Dal 1 Novembre 2019 sarà possibile per il consumatore accedere alle proprie fatture elettroniche su un’apposita sezione del sito dell’Agenzia delle entrate collegata alla dichiarazione precompilata e denominata “Fattura elettronica”.Per poter fruire del servizio è però necessario manifestare la propria volontà di adesione entro il 31 Ottobre 2019, attraverso una procedura telematica accessibile dalla pagina Soggetti consumatori finali – Utente Persona Fisica che accede per sé stesso – Come aderire / recedere per il servizio di consultazione delle fatture ricevute (2) tramite le credenziali Entratel/Fisconline o di identità digitale SPID o CNS. Può essere utilizzata, in alternativa, l’applicazione “dichiarazione precompilata”.In mancanza di pre-adesione non sarà possibile consultare le fatture dopo il 1 Novembre e i dati, temporaneamente archiviati dall’Agenzia, saranno cancellati.Ricordiamo che la fattura elettronica NON è obbligatoria per il consumatore ma se richiesta deve essere emessa (elettronicamente) e consegnata in formato cartaceo o digitale (la cosiddetta “copia di cortesia”). L’elemento determinante, sia per il rilascio che per la consultazione, è il codice fiscale.Facciamo anche presente che per il consumatore non è nemmeno obbligatorio registrarsi e scaricare le fatture dal sito AE, perché la “copia di cortesia” è perfettamente valida e del tutto sufficiente per qualsiasi utilizzo. Si tratta comunque, a nostro avviso, di una comoda opportunità. (Rita Sabelli, responsabile Aduc aggiornamento normativo)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Le parcelle degli avvocati di Berlusconi

Posted by fidest press agency su domenica, 23 gennaio 2011

Il presidente del consiglio ha anche tracciato una sorta di contabilità della vicenda giudiziaria che gli è costata “oltre 300 milioni di euro per avvocati e consulenti”.(Il Messaggero del   23 gennaio 2011) L’ameno presidente del consigli le spara sempre più grosse e non si accorge nemmeno di lanciare boomerang che, crudelmente gli tornano in faccia, come se fossero una miniatura del duomo di Milano. Lamenta il costo degli avvocati, come se pretendesse il rimborso, ma ignora che sarebbe tenuto a conservare le fatture di tali parcelle, almeno per dieci anni. La Guardia di  Finanza, stante questa ammissione, avrebbe il dovere di verificare:
l’esistenza delle fatture degli avvocati,
il riscontro dei pagamenti effettuati,  tramite bonifici con le coordinate dei medesimi, oppure con regolari ricevute se in contanti.
finalmente verificare se tali esosi avvocati hanno dichiarato i proventi cavallereschi nelle loro dichiarazione dei redditi e il pagamento della relativa IRPEF.
Vorrei proprio vedere le reazioni dei suoi avvocati alle esternazioni attuali. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »