Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘federalisti’

Federalisti per unione fiscale europea

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 aprile 2020

“Tra chi lavora per distruggere e chi piange sul latte versato scegliamo di sostenere le iniziative che hanno l’ambizione di costruire una nuova e vera Europa, e per questo sottoscriviamo la proposta dei Federalisti europei: l’Italia si prenda l’onore e l’onere di un’iniziativa politica, proponendo una revisione mirata dei Trattati per creare una competenza fiscale a livello europeo”. Così la senatrice Tatjana Rojc e la deputata Debora Serracchiani, entrambe del Pd, rispondendo positivamente alle proposte contenute in un Memorandum del Movimento Federalista Europeo, preparato per il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in vista del Consiglio europeo di giovedì. Per le parlamentari “è inevitabile affrontare l’emergenza con gli strumenti a disposizione, ma condivido l’approccio federalista che chiede per il momento successivo un grande Piano europeo per la ricostruzione. Questo Piano richiede una linea di bilancio federale, alimentata da tasse europee decise dal Parlamento europeo invece che da 27 Stati membri divisi, che è il punto qualificante della proposta dei Federalisti”. “Sia chiaro, non ‘piu tasse’ ma – precisano le esponenti dem – una base di fiscalità europea per permettere un’emissione di debito comune con cui sostenere le spese affrontate dai Paesi per affrontare l’emergenza del coronavirus”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il ceto partitocratico, unito contro le liberalizzazioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2009

Dichiarazione di Alessandro Massari, Direzione nazionale Radicali Italiani:  “All’annuale relazione al Parlamento tenuta dal presidente dell’Antitrust, Antonio Catricalà, risalente alla scorsa settimana, nessuno ha saputo far di meglio che risponedere con una assordante omertà. Perché? A causa della denuncia relativa ai rischi di un ritorno al protezionismo e a politiche restrittive. Catricalà ha predicato nel deserto proprio perché ha detto la verità. Ha segnalato con forza una mancanza di concorrenza, soprattutto nell’ambito dei servizi pubblici locali, quando sarebbe necessario il suo opposto. La liberalizzazione dei servizi, iniziata faticosamente circa dieci anni fa, si sta arrestando contro il muro partitocratico che vede tutti partiti, sorprendentemente prima tra tutti la Lega, contrari all’affidamento tramite gara. Federalisti contro tutto ciò che non è padano, partitocratici e contro il mercato, i risparmi, l’efficienza in tutti gli enti amministrati da leghisti in salsa “Roma ladrona”. La forza dell’incoerenza. Le liberalizzazioni, cioè la concorrenza, garantirebbero minori costi e relativi benefici per le finanze pubbliche esangui, servizi migliori per i cittadini-elettori, trasparenza nell’assegnazione e verificabilità dei risultati. Non interessa proprio a nessuno il destino dell’Italia? Per tacere delle considerazioni relative all’affaire Alitalia, e sugli ostacoli opposti alla liberalizzazione dei farmaci senza ricetta da parte della lobby chimico farmaceutica”.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »