Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 55

Posts Tagged ‘fenomeno criminale’

Necessario approvare la legge sul caporalato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 agosto 2016

caporalato“Da Grosseto a Rosarno, il caporalato è una piaga sociale diffusa in tutte le aree del Paese, coinvolgendo 400.000 mila braccianti, sia italiani che stranieri. E’ pertanto urgente l’approvazione definitiva alla Camera del ddl che ha riscritto il reato di intermediazione illecita e dello sfruttamento del lavoro, con l’intesa che non si debba sviluppare esclusivamente la funzione coercitiva della legge, ma che si preveda anche la messa in atto di disposizioni utili a creare un meccanismo virtuoso tra imprese agricole, istituzioni e lavoratori.Non si risolve, infatti, questo fenomeno criminale semplicemente sanzionando le aziende.
Questo provvedimento deve innanzitutto costituire il primo passo per rivedere alcune delle norme sulla depenalizzazione varate in precedenza da questo Governo: abbiamo nutriti esempi di caporali denunciati e poi immediatamente prosciolti e lasciati in libertà.
Al tempo stesso, non si può dichiarare che il caporalato non sia alimentato dall’immigrazione, in quanto, sebbene sia un fenomeno diverso e ricorrente in Italia dal dopoguerra, è incentivato dalla manodopera a bassissimo costo fornita da una gestione convulsa e incontrollata dei migranti. Importante, poi, rimane la ancor più disumana condizione delle donne nei campi, sotto ricatto delle ‘fattore’ che le lasciano a casa in caso di ribellione e molte volte le spingono a prostituirsi e a sottostare alle richieste sessuali da parte dei loro intermediatori e degli imprenditori agricoli da cui dipendono.
Infine, si rischia di trascurare il ruolo delle mafie locali – ruolo denunciato e sottolineato anche dal Governatore della Regione Puglia Emiliano, ed al quale il Guardasigilli Orlando, ieri in visita al ghetto di Rignano, ha fatto orecchie da mercante.
Dal Ministro Orlando, insomma, ci saremmo aspettati più che una semplice visita in Puglia.”Queste le dichiarazioni di Cinzia Pellegrino – Coordinatore Nazionale del Dipartimento tutela vittime di FdI AN in merito al vertice svolto ieri in Procura a Foggia sulla piaga del caporalato. (foto: caporalato)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Allarme furti di rame

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2011

92-minerali. Rame

Image via Wikipedia

I furti dei cavi di rame sono in aumento negli ultimi anni a causa del valore crescente di questo e di altri metalli e per tali ragioni il Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” hanno intrapreso una battaglia tesa a contrastare il dilagare di questo fenomeno criminale. Ma i ladri di queste “preziose” materie prime forse non hanno ancora compreso le gravi conseguenze di natura pubblica e sulla sicurezza dei cittadini che possono derivare dai loro crimini. Non è un esercizio di retorica, ma a causa di questi reati possono essere messe a repentaglio le vite umane di ignari cittadini solo per il fatto che il semplice furto dei cavi di rame possa disconnettere la rete telefonica e interrompere il servizio di emergenza radio e i sistemi di controllo del traffico aereo. Solo a guardare le notizie che vengono dai paesi d’Oltre Manica c’è tanto materiale da far accapponare la pelle: nei mesi scorsi Scotland Yard ha segnalato una serie di episodi che avrebbero potuto comportare eventi tragici a partire dalla Guardia costiera della Costa Sud, che ha perso le comunicazioni per trentasei ore dopo uno di questi furti, l’interruzione del sistema radio “Airwave” utilizzato dai servizi d’emergenza, compresi i servizi di ambulanza, dei vigili del fuoco e della polizia metropolitana e persino i cavi del controllo del traffico aereo all’aeroporto di Stansted, Essex. E in Italia? Non per essere menagrami, ma se si continuerà sulla scia di quanto sta accadendo un po’ dappertutto sul territorio nazionale con migliaia di chilometri di cavi che vengono estirpati ogni giorno ed intere località lasciate al buio o senza rete telefonica, probabilità che si verifichino eventi analoghi saranno alla nostra portata se non si prenderanno delle misure quanto più urgentemente possibile. Al di là delle misure che avevamo proposto replicando quanto stanno facendo altri Paesi dell’UE tra i quali per l’appunto la Gran Bretagna che sta valutando di istituire apposite licenze per i concessionari dei rottami di metallo vietando loro di pagare in contanti i fornitori e aumentando i poteri di polizia che consentiranno il ritiro delle licenze e la chiusura delle rivendite che non rispettano la legge, per Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” data la rilevanza sociale e pubblica dei furti di cavi della rete telefonica ed elettrica, ritiene improcrastinabile l’introduzione di un’apposita circostanza aggravante all’interno del nostro codice penale non essendo sufficienti quelle previste all’articolo 625.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »