Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Posts Tagged ‘fertilizzanti’

Allarme Fao su fertilizzanti

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

8 giugno – “Il grido d’allarme lanciato dalla FAO sottolinea, ancor di più, la tragica situazione scaturita dalla guerra in Ucraina. Come già paventato da noi in Parlamento sin dai mesi scorsi, il blocco della commercializzazione globale dei fertilizzanti rischia di avere una ripercussione devastante sulle produzioni mondiali di cibo. I fertilizzanti, infatti, rappresentano il reale collo di bottiglia per la produzione di cereali, oleoginose e delle proteine vegetali per la prossima campagna agricola, raccolta 2023. In particolare, la produzione dell’azoto è legata ai costi energetici mentre fosforo e potassio sono fertilizzanti estratti per la maggior parte in Russia e Bielorussia e sono oggi, dunque, ostaggio delle politiche di guerra di Putin”. È il commento del deputato Luciano Cillis, esponente M5S in commissione Agricoltura alla Camera, a margine del primo Dialogo Ministeriale Mediterraneo sulla Crisi Alimentare tenutosi oggi alla Farnesina.“Diventa fondamentale migliorare la disponibilità di questi prodotti – aggiunge – riuscendo a gestire in maniera ottimale la diplomazia e i rapporti commerciali con gli altri Paesi estrattori, come già portato avanti dal ministro Luigi Di Maio”. “Inoltre, bisogna iniziare a pensare a tecniche di gestione agronomica delle concimazioni che mirino ad azzerare gli sprechi, in modo tale da ottenere ottime performance con benefici per l’ambiente e per l’economia aziendale. Rimane cruciale, comunque, l’apporto della Russia che produce oltre 50 milioni di tonnellate annue delle tre sostanze fertilizzanti” conclude.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

300 milioni alla brasiliana Val

Posted by fidest press agency su domenica, 27 febbraio 2011

S.a. SACE ha garantito un finanziamento da USD 300 milioni in favore della compagnia brasiliana Vale S.A., primo produttore mondiale di minerale ferroso e secondo produttore al mondo di nickel. Vale produce inoltre manganese, leghe di ferro, carbone termico e coke, bauxite, alluminio, rame, cobalto, metalli del gruppo del platino, e sostanze fertilizzanti. Il finanziamento, erogato da un pool di tre istituti bancari internazionali (Sumitomo Mitsui Banking Corporation, Bank of Tokyo-Mitsubishi UFJ e Banco Bilbao Vizcaya Argentaria) avrà una durata di 10 anni. La garanzia di SACE è finalizzata a favorire i rapporti commerciali tra Vale e le imprese italiane, in particolare l’ampio indotto di piccole e medie imprese che operano nel paese. Vale (rating Moody’s Baa2) è la maggior società privata in America Latina, con una capitalizzazione di mercato di circa USD 180 miliardi a febbraio 2011 e un programma di investimenti nel settore metallurgico di oltre USD 24 miliardi nel 2011. Nel triennio 2006-2008 ha sottoscritto con imprese italiane oltre 40 contratti di fornitura di beni e servizi per un ammontare complessivo di € 235 milioni. L’operazione conferma l’impegno di SACE a rafforzare il posizionamento competitivo del Made in Italy nel mercato brasiliano, che presidia con il proprio ufficio di San Paolo. SACE è in grado di operare in Brasile anche in valuta locale, garantendo finanziamenti concessi alle grandi realtà industriali del paese che possono offrire rilevanti opportunità di business alle imprese italiane.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Udine punta al Sudafrica

Posted by fidest press agency su domenica, 7 febbraio 2010

È cresciuto del +7,28%, nel primo trimestre 2009 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, il valore dell’export del Friuli Venezia Giulia verso il Sudafrica. Un incremento determinato, in particolare, dalla performance della provincia di Udine che ha registrato nei primi tre mesi dell’anno un +92,71%. Prima voce dell’export, gli elementi da costruzione in metallo (39,9%), seguiti dai macchinari per impieghi speciali (21,8%) e prodotti dell’acciaio (4,4%). Dal Paese africano, invece, importiamo maggiormente pietra, sabbia e argilla (52,8%) e prodotti chimici, fertilizzanti in primis (15,3%). Il Sudafrica, dunque, sta assumendo sempre più il ruolo di partner commerciale di spessore per il Fvg (la nostra regione, peraltro, è al sesto posto in Italia nella classifica dell’export verso lo Stato sudafricano), un mercato da tenere monitorato: ne è convinta Monika Matika, branch manager della Camera di Commercio italo-sudafricana di Johannesburg. La referente, ospite della Cciaa di Udine, ha illustrato le caratteristiche dell’economia sudafricana, considerata particolarmente attrattiva per gli imprenditori stranieri specie in vista dei Mondiali di calcio del 2010. «Il Sudafrica è un importante centro logistico per l’ingresso delle merci in tutta l’area sub-sahariana: qui le esportazioni verso il resto dell’Africa sono 4,5 volte superiori rispetto alle importazioni», ha sottolineato l’esperta. «Inoltre, gli investimenti stranieri sono agevolati dal sistema bancario avanzato, dalle agevolazioni fiscali per le pmi e dallo sviluppo dei servizi finanziari – ha aggiunto la funzionaria, che dopo il meeting ha coinvolto le aziende in una serie di incontri tecnici personalizzati – comparto che nel 2008 ha pesato per il 22% nel complesso dell’economia locale». Tra i settori ai quali il Sudafrica offre più chance di crescita, compaiono la meccanica, l’agroalimentare, l’edile-infrastrutturale e l’arredo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conservanti e additivi alimentari

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 ottobre 2009

“Nella nostra alimentazione sono presenti prodotti nocivi, come sostanze chimiche rilasciate dallo smodato uso della plastica, nonché conservanti e coloranti presenti persino nei farmaci, che hanno effetti devastanti sul nostro organismo.” Così l’On. Domenico Scilipoti al convegno sulla cura e prevenzione delle malattie degenerative presso i Molini Marzoli di Busto Arsizio. “Secondo uno studio epidemiologico – prosegue il deputato IDV-condotto da ricercatori del Rhode Island Hospital e della Brown University, i conservanti alimentari e i fertilizzanti agricoli sarebbero i principali responsabili di alcune malattie degenerative come il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e il Diabete. Queste gravi patologie sarebbero strettamente correlate all’aumento dell’esposizione alle nitrosammine. I nitriti e i nitrati sono presenti, come additivi, in molti alimenti comuni, soprattutto di origine animale, e nell’acqua che beviamo. Le ricerche effettuate – conclude Scilipoti – dimostrano anche come il consumo eccessivo di insaccati con conservanti sia una delle cause accertate di cancro allo stomaco.”

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »