Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Posts Tagged ‘festa’

Campagna Festa dei Nonni 2021

Posted by fidest press agency su sabato, 25 settembre 2021

Il 2 ottobre in Italia si celebra la Festa dei Nonni, ricorrenza istituita per sottolineare l’importanza del ruolo dei nonni nelle famiglie e nella società. Anche quest’anno Senior Italia FederAnziani lancia la sua campagna in vista di questa occasione speciale, per ricordare il ruolo dei nonni, il valore del loro contributo alla società, l’importanza dei rapporti intergenerazionali. In un tempo presente, segnato dalla pandemia di Covid-19, che ha visto proprio loro come i soggetti più vulnerabili, Senior Italia FederAnziani vuole in questa occasione sottolineare l’importanza di proteggerli e supportarli anche nella cura della loro salute, bene quanto mai prezioso, e allo stesso tempo celebrarli per l’esempio straordinario di tenacia e saggezza che, in questo contesto, ci hanno ancora una volta offerto. Le iniziative della Campagna Festa dei Nonni 2021 saranno presentate nel corso di una conferenza stampa che si svolgerà il prossimo 28 settembre, ore 14.30, a Roma presso il Senato della Repubblica, Sala Caduti di Nassiriya.La conferenza stampa sarà trasmessa in diretta streaming al link https://webtv.senato.it oppure sul canale YouTube del Senato Italiano https://www.youtube.com/user/SenatoItaliano

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Festa del Libro Ebraico

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 settembre 2021

Ferrara. Via Piangipane, 79/83. Torna per la XII edizione, la Festa del Libro Ebraico, uno dei principali eventi culturali ideato e organizzato dal Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS di Ferrara. Attraverso presentazioni di libri, incontri, performance live, proiezioni e concerti, il festival letterario ha permesso a migliaia di persone di entrare in contatto con la ricchezza culturale dell’Ebraismo e si è confermato un appuntamento fisso per la città estense. Dal 23 al 26 settembre il giardino del Museo ospiterà sotto la sukkah, la tradizionale capanna costruita in occasione della festa ebraica di Sukkot, decine di ospiti prestigiosi: dallo scrittore israeliano Eshkol Nevo, al Professore emerito Luciano Canfora, dal politico ed economista Romano Prodi, agli scrittori Igiaba Scego ed Alessandro Piperno.Il tema conduttore sul quale si interrogheranno e rifletteranno i protagonisti della XII edizione della Festa del Libro Ebraico è la CASA. Forse la parola più pronunciata in questi ultimi mesi, “Casa” è un luogo ma anche uno stato d’animo, un rifugio o una trappola; può significare famiglia, stabilità, sicurezza, ma alle volte anche oppressione e insofferenza. Per l’Ebraismo, la casa è sempre stato uno strumento di elezione per la trasmissione dell’identità e dei valori; una risorsa che ha permesso la sopravvivenza di un popolo in diaspora. Il vocabolo in ebraico usato per indicarla è Bayit, la cui lettera iniziale – Bet – è la prima consonante dell’alfabeto e ha una forma chiusa su tre lati, simbolo di protezione ma anche di permeabilità culturale.L’iniziativa ha il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Ferrara, dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e della Comunità Ebraica di Ferrara. È realizzata inoltre con la collaborazione dell’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara e la sponsorizzazione di Coferasta.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Robeco: La festa per i profitti volge al termine, ma i giorni a venire appaiono favorevoli

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 settembre 2021

A cura di Peter van der Welle, Strategist del team Multi Asset di Robeco. Le società dell’S&P 500 hanno archiviato un periodo eccezionale, poiché il successo delle vaccinazioni ha favorito una decisa ripresa dell’attività economica, dai minimi del lockdown. Secondo i dati di Refinitiv, la crescita degli utili su base annua per le componenti dell’indice ha toccato un massimo storico del 97% nel secondo trimestre. L’88% circa delle società dell’S&P 500 è riuscito a battere le precedenti aspettative sugli utili, spingendo ripetutamente l’indice verso livelli record. Ora la festa è finita, anche se rimangono molti fattori d’impulso a preservare l’attrattività delle azioni. Con il placarsi del dinamismo macroeconomico sulla scia del recente indebolimento della fiducia dei consumatori causato dall’aumento dei casi di Covid-19, gli effetti delle restrizioni alla produzione dovute ai problemi di approvvigionamento e l’aumento dei costi dei fattori produttivi comporteranno probabilmente una decelerazione della crescita degli utili nel terzo trimestre.Un picco di inizio ciclo nella crescita degli utili globali è suggerito anche dalla forma della curva dei rendimenti. Il differenziale di rendimento tra i Treasury a 10 e a 2 anni tende di solito ad anticipare il ciclo degli utili. Il recente appiattimento della curva dei rendimenti e il calo del premio a termine suggeriscono che i fattori d’impulso per la crescita degli utili sono destinati a indebolirsi nel medio termine, superando il picco di inizio ciclo della crescita dell’utile per azione (EPS). Tuttavia, è improbabile che questo indebolimento da livelli storicamente elevati nei prossimi trimestri culmini in una battuta d’arresto della crescita degli utili societari su un orizzonte di 6-12 mesi.Individuiamo tre motivi per cui la crescita degli utili è avviata ad appiattirsi, senza che ciò causi troppe notti insonni agli investitori. In primo luogo, le restrizioni alla produzione dovute ai problemi di approvvigionamento si allenteranno con l’aumento dell’offerta di lavoro, in quanto i programmi di congedo e le misure di stimolo verranno gradualmente eliminati in molti paesi. Ciò riduce le pressioni sui costi del lavoro e di assunzione, poiché le persone ricominceranno a cercare un’occupazione. Inoltre, i prezzi di alcuni fattori produttivi nel comparto delle materie prime, come il legname e il rame, sono già scesi notevolmente dai picchi del primo semestre 2021, con ricadute positive per il settore immobiliare.In secondo luogo, il recente calo della fiducia dei consumatori, che potrebbe incidere negativamente sulla crescita del fatturato nel terzo trimestre, si rivelerà probabilmente temporaneo, dato che la variante Delta del Covid-19 dovrebbe dimostrarsi gestibile nel corso del prossimo inverno e che le misure di contenimento saranno nuovamente ridotte all’inizio del 2022. Il potere di spesa dei consumatori si conferma robusto, poiché i tassi di risparmio delle famiglie sono ancora elevati, a causa del denaro che hanno accumulato durante i lockdown. Anche gli indici di accessibilità – definiti come la differenza tra gli interessi dovuti in proporzione del reddito netto – sono favorevoli. Inoltre, risulta evidente l’assenza di un ciclo di riduzione dell’indebitamento delle famiglie – a differenza di quanto osservato dopo la crisi finanziaria globale – ragion per cui il potere di spesa dei consumatori darà prova di buona tenuta.In terzo luogo, l’imponente stimolo fiscale che abbiamo osservato nelle principali economie sviluppate nell’ultimo anno avrà ancora effetti positivi ritardati sull’attività economica. In Europa, una spinta all’espansione economica regionale a medio termine arriverà anche dalla prima tranche del Recovery Fund europeo, rilasciata a luglio. In breve, da un punto di vista macro, è probabile che nei prossimi 12 mesi la crescita del PIL nelle economie sviluppate rimanga superiore al trend, favorendo una crescita degli utili ampiamente a doppia cifra.Al contempo, l’FMI prevede una crescita del PIL globale del 4,9% per il 2022, un dato che sarebbe coerente con la decelerazione della crescita dell’EPS rispetto ai livelli raggiunti all’inizio dei programmi di vaccinazione di massa nel 2021. Ciò nonostante, ci troveremmo ancora nella fascia superiore della distribuzione da una prospettiva storica, con una crescita dell’EPS compresa tra il 20% e il 30%. Questa valutazione è rafforzata dalla nostra analisi bottom-up, poiché in questa fase gli analisti aziendali prevedono una crescita dell’EPS a 12 mesi prossima, seppur inferiore, al 20% in diverse regioni. Di conseguenza, la festa per i profitti volge al termine, ma i giorni a venire appaiono favorevoli.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festa de La lettura intorno

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 luglio 2021

Milano. Domenica 19 settembre 2021 si terrà la festa de La lettura intorno, il progetto promosso dall’Associazione BookCity Milano e ideato con Fondazione Cariplo, che tra poco compirà un anno. L’iniziativa La lettura intorno si basa sulla convinzione che la promozione della lettura e del libro, con azioni di prossimità nei quartieri meno favoriti e fornendo soprattutto ai più giovani gli strumenti necessari per leggere e interpretare senza distorsioni la realtà in cui viviamo, possa essere un veicolo di coesione e di valorizzazione di tutte le risorse presenti in queste aree.Nella Settimana Europea della Mobilità, e precisamente in occasione dell’AbbracciaMI Day, La lettura intorno incontra AbbracciaMI, la circle line di Lacittàintorno, un percorso che corre attorno alla città e unisce persone, attività e luoghi, attraversando gli spazi urbani abitati e in trasformazione. Una vera e propria “biciclettata letteraria” toccherà i quartieri Baggio, Stadera-Chiesa Rossa-Gratosoglio e Corvetto-Chiaravalle, tappe della circle line AbbracciaMI ma anche luoghi de La lettura intorno, dove si terranno letture, incontri, mostre, spettacoli e proiezioni, camminate letterarie.La lettura intorno si inserisce nell’ampia cornice di BookCity Milano, rappresentandone un continuum durante l’arco dell’anno, e connettendo realtà culturali già operative sul territorio urbano creando una rete di associazioni, biblioteche, librerie, centri culturali, community e gruppi informali, teatri, case editrici: un network di scambio di conoscenze tra tutti gli attori coinvolti, a diverso titolo, nella diffusione del libro e della lettura. La lettura intorno porta così avanti il suo progetto di inclusione nell’ambito di Lacittàintorno, il programma di Fondazione Cariplo che coinvolge gli abitanti dei contesti urbani fragili nella riattivazione e risignificazione degli spazi inutilizzati promuovendo attività sociali e culturali, per migliorare la qualità della vita e creare “nuove geografie” cittadine.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Festa del Maggiociondolo

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 giugno 2021

Sabato 26 e domenica 27 giugno a Cesana Torinese è in programma l’undicesima edizione della Festa del Maggiociondolo, organizzata dalla società Pubbli&co in collaborazione con l’amministrazione comunale e con il patrocinio della Città Metropolitana di Torino. La manifestazione onora il protettore e patrono dell’accogliente cittadina turistica ai piedi dei monti Chaberton e Fraiteve, ispirandosi alla tradizionale fiera che si svolgeva un tempo a Cesana nel mese di giugno, di cui si trovano riferimenti in pubblicazioni della fine dell’Ottocento e degli inizi del Novecento.Quelli tra la metà e la fine di giugno sono i giorni in cui in alta valle si può ammirare la fioritura del maggiociondolo, pianta che, con i suoi rami coperti di fiori gialli, è di ornamento a strade, rotatorie stradali, balconi e vetrine di Cesana.La manifestazione richiama ogni anno migliaia di visitatori provenienti da tutto il nord-ovest italiano e dal vicino Briançonnais francese, attratti dai colori, dai sapori e dai profumi dei tanti espositori artigiani e professionisti. Sono presenti espositori dei settori della floricoltura, del benessere, dell’artigianato e dell’arte popolare, che giungono non solo dal Piemonte. A Cesana si possono trovare i fiori e le erbe aromatiche, le ninfee e i rampicanti, le piante da frutto e da ornamento per interni ed esterni, la tradizione valligiana che rivive negli oggetti e nei mobili della cultura popolare, i manufatti artigianali realizzati con i filati naturali, le candele e i saponi fatti a mano, gli animaletti scolpiti per l’occasione nel legno di maggiociondolo, lalegatoria d’eccellenza, dipinti e manufatti unici per l’arredo della casa, oggetti in ceramica, gioielli e accessori da indossare. L’arte prende forma in diretta con le dimostrazioni di ceramisti, incisori, intagliatori e artisti dello scalpello, mentre uno dei vivaisti propone dimostrazioni pratiche di composizioni floreali e i prodotti della cosmesi biologica e naturale suscitano l’interesse delle persone più attente al proprio benessere. Anche quest’anno la Festa del Maggiociondolo si sviluppa lungo la via XXIV Maggio che costeggia la Ripa, osservando ovviamente le disposizioni per il contenimento della diffusione del Covid-19. Ma non è tutto, perché i mercatinitorneranno a Cesana capoluogo sabato 24 e domenica 25 luglio, sabato 31 luglio e domenica 1° agosto nello splendido borgo di Bousson, da sabato 7 a lunedì 9 agosto a Sansicario Borgo e a Sansicario Alto.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Festa della famiglia alla Basilica S. Rita da Cascia

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 giugno 2021

“La famiglia è una benedizione, un dono del Signore, che sta nell’amore, sul quale l’unione familiare va costruita, perché solo l’amore può dare vita nuova ai rapporti, anche nelle crisi, e portarci fiducia e speranza”. Queste le parole di Suor Maria Rosa Bernardinis, Priora del Monastero Santa Rita da Cascia, in occasione della Festa della Famiglia, che si terrà domenica 20 giugno nella Basilica della santa degli impossibili. Un giorno per celebrare l’amore e la vita, con gli sposi, che festeggiano l’anniversario di matrimonio e i bambini.“Auguro alle famiglie che saranno a Cascia, a quelle in difficoltà e a tutte le famiglie – continua la Priora – di essere specchio dell’amore di Dio e moltiplicare il loro amore, espandendolo attraverso la solidarietà. Così, praticando l’ascolto, il dialogo e il perdono, in casa e fuori, ispirerete le società e sarete semi di pace, come la nostra Santa Rita. Accogliete Gesù come Maria e Giuseppe e l’amore di Dio vi guiderà sempre”. Appellandosi alle istituzioni, l’agostiniana si sofferma, poi, sulla tristemente nota strage di Ardea: “Alla vigilia dei funerali dei due fratellini, prego perché il Signore sostenga nel dolore la famiglia, come pure quella dell’uomo che ha provato a proteggerli ed è stato ucciso insieme a loro. Nella vita del giovane omicida e suicida, vedo troppi condizionali, soprattutto avrebbe dovuto avere cure adeguate per la sua salute mentale e avrebbe potuto essere aiutato prima della tragedia. Queste ombre mettono in luce un urgente bisogno, per il quale mi rivolgo al Ministro per le pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti. Necessita maggiore attenzione da parte dello Stato alle famiglie con fragilità psichiche e socio-economiche, perché non vengano lasciate sole e perché per nessuno esistano strade intentate di aiuto”.La Priora chiude con un riferimento alla pandemia e una riflessione: “Nei mesi di chiusura, abbiamo accolto la solitudine di molti, principalmente chi forma un nucleo familiare unipersonale (stando ai dati Istat 2019, in Italia sono 8,6 milioni). Mi chiedo quanti di loro siano stati impossibilitati a riunirsi con chi sentivano ‘congiunto’, ma non rientrava nel perimetro circoscritto dai Dpcm. Noi monache siamo state e siamo famiglia per molti e capiamo che tutti hanno il diritto di ‘fare famiglia’ con coloro ai quali sono legati dal cuore e non soltanto dalle mura di una stessa casa o dai confini di un comune. Perciò, auspico maggiore sensibilità sulla famiglia, perché, pur capendo ragioni di sicurezza, l’isolamento non è una condizione umana sana”. ( By Alessia Nicoletti Addetta stampa e comunicazione Fondazione Santa Rita da Cascia onlus)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Festa della Musica

Posted by fidest press agency su domenica, 20 giugno 2021

Lunedì 21 giugno, in occasione della Festa della Musica, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale presenta un progetto per la promozione della musica italiana all’estero: Music For Uncertain Times. Un percorso in tre episodi video diffusi dalla rete estera di Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura e sul canale Vimeo di italiana, il portale del Ministero dedicato alla promozione della lingua, della cultura e della creatività italiana nel mondo. Commissionato dalla Farnesina, scritto da Andrea Lai e diretto da Francesco Coppola, il progetto consiste in tre performance musicali inedite ed esclusive, registrate da protagonisti della canzone italiana contemporanea in alcuni luoghi rappresentativi del patrimonio culturale del Paese: Francesca Michielin e Vasco Brondi nel Museo del Novecento di Milano, Fiorella Mannoia e Clementino al Castel dell’Ovo di Napoli e La Rappresentante di Lista a Palazzo Butera a Palermo.Un percorso che crea un dialogo fra musica, patrimonio culturale e linguaggio cinematografico. La cornice è offerta da tre gemme architettoniche: il castello più antico di Napoli, uno dei musei più giovani di Milano, un complesso monumentale simbolo di Palermo. Al loro interno è protagonista il pop italiano contemporaneo, con tre performance da vivo esclusive e in versioni inedite. I riflettori sulla musica si trasformano poi in riflessioni sulla musica in questi momenti incerti, attraverso le parole degli artisti raccolte subito dopo le performance. Francesca Michielin e Vasco Brondi Francesca Michielin e Vasco Brondi sono due tra gli artisti più interessanti della scena musicale italiana attuale: lei cantautrice polistrumentista che festeggia proprio quest’anno i suoi dieci anni di carriera, lui pioniere della scena indie con il progetto Le Luci della Centrale Elettrica che ha ora intrapreso la sua carriera da solista. Hanno inaugurato il 2021 collaborando al singolo Cattive Stelle. In Music For Uncertain Times lo eseguono per la prima volta dal vivo, pianoforte e voce, al Museo del Novecento di Milano. Fiorella Mannoia ha accompagnato con la sua inconfondibile voce gli ultimi cinquant’anni della musica italiana, Clementino è una colonna della scena hip hop italiana del nuovo millennio. Due artisti provenienti da universi all’apparenza distanti anni luce, che si incontrano tra le mura del Castel dell’Ovo per un intreccio tra chitarra e rap con vista sul golfo di Napoli. Una performance resa ancora più magica dal brano scelto: Terra mia di Pino Daniele. La Rappresentante di Lista – progetto nato nel 2011 dall’incontro tra la cantante Veronica Lucchesi e il polistrumentista Dario Mangiaracina – è stata tra le più grandi rivelazioni dell’ultimo Festival di Sanremo, dove ha conquistato pubblico e critica con Amare. Nella sua Palermo, avvolto dall’aura settecentesca di Palazzo Butera, oggi laboratorio d’arte e avanguardia del Mediterraneo, il duo esegue proprio il brano sanremese, in un’elegante, intensa e sperimentale versione per pianoforte e archi.Music For Uncertain Times racconta la musica arte fra le arti. Lo fa attraverso i musicisti, le loro note e le loro parole, mentre riflettono sulla musica in tempi di cambiamento, sul suo essere guida quando l’orizzonte muta, di essere bellezza contro la paura. Riempie di musica architetture nate per altri scopi raccontate dalle voci di critici e curatori d’arte: Gianluca Marziani al Museo del Novecento, Paola Ugolini a Castel dell’Ovo e Claudio Gulli a Palazzo Butera. Tre intense cartoline musicali della nuova bellezza italiana, tre nuovi contenuti gratuiti disponibili a tutti dal 21 giugno su italiana.Andrea Lai, da 30 anni impegnato nel racconto e nella proposta di nuove visioni della contemporaneità attraverso musica e arti integrate, disegna progetti di cultura contemporanea. È curatore della sezione musica di Maker Faire, consulente musicale di LAZIOsound per la Regione Lazio, Direttore artistico di Star Walks, serie di live e interviste prodotta dal Paco Archeologico del Colosseo con artisti come Maneskin, Daniele Silvestri e Zen Circus. Per l’Alternanza Scuola Lavoro del Museo MAXXI ha curato la direzione artistica del progetto di sound design dedicato all’architettura di Zaha Hadid. italiana (italiana.esteri.it) è il portale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale dedicato alla promozione della cultura, della creatività e della lingua italiana. Nato a marzo 2021 con l’obiettivo di proporre una nuova narrazione del nostro Paese all’estero e aperto alla cultura nella sua accezione più ampia (musica, letteratura, teatro, danza, cinema, arti visive e performative, fumetto, digital art, design, architettura, storia, archeologia, enogastronomia…), il sito raccoglie produzioni audio-video, approfondimenti, interviste, bandi, opportunità e molto altro, con aggiornamenti sui social e una newsletter periodica su cui sono segnalate tutte le novità.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Festa della repubblica italiana

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 giugno 2021

By Vincenzo Arcobelli. Nel 75° anniversario della fondazione della Repubblica Italiana desidero esprimere il mio pensiero a tutti coloro in Italia che all’estero hanno perso i propri cari, gli amici ed i colleghi di lavoro, a causa della pandemia, e che purtroppo ancora oggi in alcuni paesi del Sud America ad esempio, continua a dilagare, contagiando la popolazione.Le Donne e gli Uomini impegnati nel volontariato e nel mondo dell’associazionismo, nella Rappresentanza e nell’Amministrazione che svolgono il proprio dovere nelle varie funzioni, spesso in condizioni difficili ed in territori complicati va la nostra gratitudine. Auspico che dalla celebrazione di oggi, 2 Giugno, si possa uscire con nuove speranze e per un futuro migliore, dopo il periodo emergenziale contrassegnato da molte sfide dal punto di vista sanitario, economico, sociale e comportamentale. Un saluto va alle comunità’ degli Italiani d’America e nel mondo, le quali continuano a mantenere un forte legame con l’Italia nonostante le ovvie difficoltà attuali. Bisogna tutelare le radici identitarie, storiche e culturali del patrimonio italiano. Oggi più’ che mai il contributo che potranno dare gli Italiani di oltre confine e’ fondamentale per aiutare a fare rialzare l’amata Patria ed i nostri connazionali.Ed e’ proprio significativo che si celebri il 160mo anniversario dell’unità d’Italia, nel segno di una grande responsabilità da parte di tutte le componenti istituzionali, per poter favorire sinergie, unità di intenti e coesione.Noi ci saremo. A nome di tutto il Comitato Tricolore per gli italiani nel mondo tanti Auguri ed i più sentiti saluti.ViVa l’Italia!

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il 9 maggio è la Festa della Mamma

Posted by fidest press agency su sabato, 8 Maggio 2021

Ma quale significato assume questa ricorrenza in un anno così particolare in cui l’isolamento e la convivenza forzata hanno evidenziato un aumento delle violenze e dei maltrattamenti in famiglia?I dati parlano chiaro, per l’Istat in un’indagine condotta sulle chiamate al 1522 contro la violenza e lo stalking, nel 2020, durante il periodo del lockdown insieme alle violenze è aumentato anche il totale dei figli che hanno assistono alle aggressioni nei confronti delle loro madri (incremento dell’85,6%), sempre più donne per proteggere i figli hanno sopportato varie forme di discriminazione, soprusi e aggressioni fisiche e verbali. “L’ambito giudiziario sembra faticare a riprendere il ritmo delle attività, di fatto resta ancora in emergenza, ovvero in trattazione scritta per la maggior parte degli incombenti, questo significa non poter andare a fondo di una materia che tratta di diritti personalissimi e che per sua natura ha necessità di udienze presidenziali, in presenza per far comprendere ai Giudici i veri disagi che stanno vivendo le donne e in generale i familiari coinvolti. Purtroppo – come spiega l’Avvocato Valentina Ruggiero, esperta in diritto di famiglia e da anni in prima linea nella lotta alla violenza sulle donne – in questi mesi è aumentata la richiesta di sostegno psicologico, circa del 10%, segno di un malessere generale che non può restare inascoltato”. Oggi le madri hanno una maggiore consapevolezza del proprio valore in una famiglia, raggiunta sicuramente, anche grazie ad una propria indipendenza economica. Molti passi in avanti sono stati fatti, a cominciare dal referendum per il divorzio che ha sancito la libertà di scegliere o meno di restare in matrimonio e di poter sciogliere matrimoni infelici e spesso violenti; eppure il numero elevato di uxoricidi spesso compiuti anche dinanzi ai figli minori o adolescenti ci dice che la strada da percorrere è ancora molto lunga.“I disagi familiari devono essere vissuti con giusti supporti, sia legali che psicologici, pur tra mille difficoltà, la macchina giudiziaria e di tutela legale non si è mai fermata, i Tribunali non hanno mai sospeso l’attività, tentando di dare risposte concrete alle problematiche complesse familiari. Questi sono giorni delle riprese delle attività e dobbiamo pensare in positivo”. – Conclude l’Avv. Ruggiero.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Festa del libro e del diritto d’autore

Posted by fidest press agency su sabato, 17 aprile 2021

23 e 24 aprile diretta streaming youtube Biblioteche di Roma fb@biblioteche.roma, Per celebrare la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, Biblioteche di Roma, nel suo 25esimo compleanno, in collaborazione con l’Associazione Italiana Editori (AIE), organizza in diretta streaming “Leggere sempre”, un festival in due giorni il 23 e il 24 aprile dedicato al piacere del leggere e alle biblioteche di pubblica lettura. Una due giorni con incontri e approfondimenti che ci condurranno in un viaggio tra i libri, le biblioteche e la città di Roma attraverso numerose letture realizzate in collaborazione con Romaeuropa Festival e che si inserisce all’interno dell’iniziativa Maggio dei Libri, organizzata dal Centro per il Libro e la Lettura. “Leggere, sempre” – afferma Lorenza Fruci, Assessora alla Crescita Culturale – non é solo il bel titolo di questo festival ma anche la motivazione per cui in tutti i nostri quartieri c’é una Biblioteca, fondamentale presidio di conoscenza. Leggere rappresenta la voglia di conoscere, la possibilità di scoprire il mondo. Crescita culturale e personale. La rete delle Biblioteche a Roma racconta tanti punti di luce, per accendere il maggior numero possibile di intelligenze. La giornata mondiale del libro e del diritto d’autore è la giornata di tutti coloro che amano leggere, che credono nello scambio di pensieri fra esseri umani, una giornata che celebra la libertà.” Tante sono le testimonianze in programma: dall’argentino Alberto Manguel, bibliofilo cosmopolita, vicino a Jorge Luis Borges al Direttore della Biblioteca Bodleiana dell’Università di Oxford Richard Ovenden e ancora Marino Sinibaldi, autore dello storico format Fahrenheit e Presidente del Centro per il Libro e la Lettura; dalle accademiche Lina Bolzoni, Nadia Fusini, Letizia Muratori e Daria Galateria a scrittori che negli ultimi anni hanno conquistato lettori e riconoscimenti in tutto il mondo: Manuel Vilas, Melania Mazzucco, Nadia Terranova e Lidia Ravera. E poi tante letture di testi sul libro: Gustave Flaubert, Marguerite Yourcenar, Romano Guardini, Virginia Woolf, Herman Hesse, Isaac Asimov, Alberto Vigevani, Giuseppe Pontiggia e tanti altri. Durante la manifestazione sarà premiato il vincitore del concorso fotografico “Leggere in uno scatto” e si terrà l’inaugurazione della mostra allestita nella galleria della Casa delle Letterature “Trame della lettura” di Luisa Longo. L’artista, che opera nell’ambito della Fiber art, presenta una collezione di 20 opere dipinte su organza che rappresentano le biblioteche pubbliche e private del mondo e che raccontano i luoghi che custodiscono parte del patrimonio culturale dell’umanità.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Purim: una festa sempre attuale che ricorda l’eterna lotta del popolo ebraico contro l’antisemitismo

Posted by fidest press agency su domenica, 28 febbraio 2021

By Ugo Volli. Le feste ebraiche molto spesso hanno un doppio significato, storico/politico ed etico/religioso; e inoltre hanno della caratteristiche espressive e pedagogiche, che le rendono facili da comunicare e da ricordare. Ma non bisogna confondere questa dimensione comunicativa della festa con il suo significato o i suoi significati.A Shavuot per esempio è d’uso mangiare cibi a base di latte e di formaggio; la spiegazione che se ne dà è spesso simbolica:“Il latte è sangue raffinato; infatti in un processo complesso e meraviglioso le ghiandole mammarie trasformano il sangue in puro latte bianco. C’è qualcosa di particolarmente soprannaturale in questo processo: prendere un liquido acre e spiacevole quanto il sangue e trasformarlo in cibo nutriente e commestibile è incredibilmente miracoloso. Anche noi possiamo simulare questo miracolo nelle nostre vite. Il sangue rappresenta la passione cruda e l’istinto indomito. Mentre il latte è simbolo di un carattere puro e raffinato. Fare latte dal sangue, ovvero raffinare i nostri istinti più bassi, è lo scopo della nostra vita”.E però la festa celebra il dono della Torah, riassorbendo un’antica festa agricola.Così a Pesach con le matzot e il rituale del Seder; ma il senso della festa è la conquista della libertà collettiva del popolo ebraico e la riaffermazione del potere divino sull’oppressione umana; Chanukkà colpisce per i lumi esposti in pubblico per ricordare i miracoli, ma essi poi in sostanza sono la vittoria della resistenza ebraica sul dominio ellenistico e la sopravvivenza della cultura tradizionale di Israele in mezzo a un mondo assai più forte, insieme seducente e ostile.Così è soprattutto per Purim, la festa che inizia questo giovedì sera. C’è chi ritiene che il cuore della festa sia il mascheramento, il fracasso, il teatro e l’abbondante uso del vino – “come fosse Carnevale”. Ma queste sono semplicemente le forme che la festa ha assunto nel corso del tempo per ragioni pedagogiche. In realtà si tratta della ricorrenza più politica del calendario liturgico ebraico. Basta leggere con attenzione la Meghillà per vederlo. Segnalo a questo proposito il bellissimo libro di Yoram Hazony, oggi forse il più importante filosofo ebraico: God and Politics in Esther, purtroppo disponibile solo in ebraico e in inglese. In sostanza la storia è quella di un complotto antisemita, del progetto di eliminare tutti gli ebrei dell’impero persiano, cioè tutti gli ebrei del mondo, dato che gli insediamenti ebraici di quel tempo (Israele, Egitto, Mesoptamia, Persia vera e propria) erano compresi nel territorio dell’impero. Il complotto viene sconfitto da una contro-congiura di palazzo, in cui ha parte essenziale Esther, una fanciulla ebrea che diventa avventurosamente regina senza rivelare la sua identità nazionale. Al culmine della storia i due complotti si scontrano in un confronto teatrale davanti al sovrano, in cui ha la meglio Esther; ma dopo avviene uno scontro armato, in cui ancora prevalgono gli ebrei e gli antisemiti vengono liquidati. Il senso religioso della festa ha a che fare col suo andamento apparentemente casuale (la parola Purim viene tradotta come “le sorti”, ma non compare altrove nelle Scritture ed è probabilmente un prestito dal persiano). L’assenza del nome divino dalla versione ebraica del testo e l’aspetto profano della narrazione alludono all’azione nascosta della provvidenza. In ambienti segnati dalle persecuzioni, come gli ebrei della penisola iberica nel Cinquecento, Esther rappresenta la difficile resistenza di chi deve nascondere la propria appartenenza.Il piano politico o nazionale della festa è più chiaro. Si tratta dell’antisemitismo e della battaglia per sconfiggerlo, che si ripete continuamente nella storia, sempre con grandi difficoltà e sofferenze. Non a caso il cattivo della storia, il vicerè Haman, è presentato come un discendente del primo nemico del popolo ebraico nell’Esodo, Amalek. Per questo la considerazione del Talmud che la festa di Purim sarà celebrata anche quando tutte le altre feste saranno state abolite (in epoca messianica), non è affatto consolante, perché sembra alludere alla previsione della perennità dell’antisemitismo, come del resto si ritrova in un passaggio chiave della Haggadà di Pesach, dove si dice che tutte le generazioni future dovranno fare i conti con l’odio di chi vuole distruggere Israele.
La lezione positiva della festa di Purim è che è possibile sconfiggere l’antisemitismo, anzi che bisogna farlo, combattendo sul piano politico-diplomatico ma anche su quello della prova di forza. Non è un caso che un grande antisemita come Martin Lutero abbia dichiarato di odiare il Libro di Esther e di preferire che fosse escluso dal canone biblico. E neanche che Julius Streicher. il direttore di “Der Sturmer” e il maggiore specialista, per così dire, di antisemitismo del regime nazista, proprio prima di essere impiccato a Norimberga per i suoi crimini, abbia accostato la sua sorte a quella di Haman, esclamando come ultima parola “Purimfest!”
Come si vede non vi è nulla di infantile, nulla di “carnevalesco”, di puramente “teatrale” in questa ricorrenza che pure è celebrativa e gioiosa. Si tratta solo di uno strato superficiale, che serve a coinvolgere i bambini e magari a confondere i nemici. Sentendo recitare la storia della persecuzione fallita, com’è precetto della festa, siamo invece invitati a pensare alle vie nascoste della provvidenza ma anche alla necessità di resistere all’oppressione, ai costi richiesti dalla sopravvivenza di un piccolo popolo “separato”; facendo i doni alimentari (e non) che sono un altro obbligo della festa, siamo richiamati al legame di solidarietà e di appoggio reciproco che sono alla base dell’esistenza collettiva del popolo. Va benissimo festeggiare, mascherarsi e cantare; ma bisogna anche sapere che questa gioia deriva dalla celebrazione di una vittoria difficile e imprevista contro un progetto di “soluzione finale”. (fonte: https://www.facebook.com/FocusOnIsrael

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Comunità romena in festa

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Il 1° dicembre la Romania festeggerà un’importante ricorrenza nazionale: il 102° anniversario della Grande Unione, il momento in cui le regioni abitate dal popolo romeno si unirono per far nascere un unico grande Stato (1918). Si tratta di una ricorrenza molto importante per i e le rumene della diaspora, che rappresentano a Torino la comunità straniera più numerosa con circa 52mila persone nel territorio urbano e oltre 100mila in tutta l’area metropolitana.“L’unità: è questo il significato profondo della nostra Festa Nazionale. Il processo di unificazione dei romeni attraverso l’atto pubblico del 1° dicembre 1918, significa la più importante pagina nella storia romena, che raffigura per eccellenza l’operato dell’intera nazione – evidenzia la console generale di Romania a Torino, S.E. Ioana Gheorghiaș – . 102 anni dopo, il 1° dicembre 2020, assieme ad un’unione di 12 associazioni romene del territorio torinese – appunto la FARMP, siamo a festeggiare la nostra più cara ricorrenza in modo virtuale. Ci stanno accanto ad istituzioni ed enti locali e a tanti amici italiani, che mi pregio di ringraziare sentitamente per la preziosa vicinanza. E sono felice di condividere con tutti i coloro che avranno il piacere di unirsi a noi per la Festa Nazionale della Romania le parole del poeta nazionale della Romania, Mihai Eminescu su un concetto che tutti dovremmo rivalutare: il patriottismo che “non è soltanto l’amore per la terra natia, ma soprattutto l’amore verso il passato, senza il quale non esiste l’amore verso la propria patria”. Buona Festa della Romania a tutti i miei concittadini, buona festa a tutti coloro che avranno il piacere di unirsi a noi il 1° dicembre 2020!” Accogliere e integrare le principali festività delle comunità residenti sul territorio è un elemento fondante delle politiche interculturali della Città di Torino e del rapporto con le istituzioni e le associazioni di comunità.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un giorno di festa per tutta l’editoria libraria italiana

Posted by fidest press agency su sabato, 14 novembre 2020

Dopo i 150 anni della nostra Associazione Italiana Editori, oggi celebriamo tutti insieme i 150 anni della casa editrice Hoepli, i primi 150 anni”. È questo il saluto del presidente dell’AIE Ricardo Franco Levi per la Hoepli, casa editrice e libreria internazionale nel cuore di Milano che festeggia oggi il suo primo secolo e mezzo a Bookcity 2020 con l’emissione anche di un francobollo. “Hoepli ha segnato la nostra storia di associazione e, con i suoi manuali, la storia del libro in Italia – ha sottolineato il presidente -. Siamo onorati di aver trascorso insieme, tra guerre e rivoluzioni digitali, questo tempo, camminando insieme, aprendo insieme l’editoria italiana a quella europea e internazionale, affrontando ogni giorno sfide comuni. Come dicevamo lo scorso anno “L’Italia è cresciuta insieme ai libri. E i libri hanno contribuito a far crescere l’Italia”. Questo merito in questi lunghi 150 anni è anche di Hoepli”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il 2 ottobre in Italia si celebra la Festa dei Nonni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 settembre 2020

La ricorrenza è stata istituita per celebrare l’importanza del ruolo dei nonni nelle famiglie e nella società. Come ogni anno, Senior Italia FederAnziani, attraverso l’omonima Fondazione, porta avanti la campagna Festa dei Nonni con diverse iniziative per valorizzare il legame tra le generazioni e migliorare la qualità della vita della popolazione senior. Una festa che quest’anno assume un significato particolare, considerato che i nonni e più in generale gli anziani sono stati i più colpiti dalla pandemia, e che anche quelli che non sono stati toccati nella salute sono stati costretti comunque a lunghi mesi di isolamento sociale. Ecco allora che la Festa si trasforma quest’anno in un abbraccio simbolico di tutte le generazioni del Paese nei confronti dei nonni, punto di riferimento non soltanto negli affetti ma anche nella vita quotidiana, e al tempo stesso in un momento per ricordare quelli che non ci sono più. Il 2 ottobre a Napoli in Piazza Carità si terrà una manifestazione nazionale con la partecipazione dei nonni, dei centri anziani, delle associazioni di promozione sociale e delle famiglie, nei numeri e con le modalità che saranno consentite dalla legge per evitare assembramenti e con le dovute distanze e presidi di sicurezza. Nella stessa occasione si terrà una cerimonia simbolica in ricordo di tutti i nonni e gli anziani che negli scorsi mesi sono scomparsi a causa del Coronavirus.Le iniziative sono state presentate alla Conferenza Stampa per la Campagna Festa dei Nonni 2020, svoltasi oggi presso l’Hotel Nazionale di Roma, Sala Capranichetta. Alla conferenza stampa hanno partecipato: Elena Bonetti, Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Pierpaolo Sileri, Vice Ministro della Salute, Virginia Raggi, Sindaca di Roma Capitale, Roberto Messina, Presidente Fondazione Senior Italia, Mauro Boldrini, Vicepresidente CIAT Comitato Italiano per l’Aderenza alla Terapia.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il significato politico e storico della festa di Pesach

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 aprile 2020

By Ugo Volli. Mercoledì sera gli ebrei di tutto il mondo iniziano la festa di Pesach, la ricorrenza più partecipata e coinvolgente del calendario ebraico insieme al giorno dell’Espiazione (Yom Kippur). Come accade di frequente nel ciclo delle feste ebraiche, prima dei significati propriamente religiosi, che non mi permetto di commentare qui, Pesach ricorda, sia pure nella luce del racconto mitico, un evento storico-politico fondamentale per il popolo ebraico, anzi l’avvenimento più importante di tutti: la propria costituzione come popolo, la propria liberazione da un’oppressione omicida, la propria vocazione al rapporto con una terra precisa. Gli ebrei, che erano una popolazione oppressa, un grandissimo clan familiare unito da un antenato comune (sono i “figli di Israele”, il nuovo nome dato a Giacobbe dopo la lotta con l’angelo) diventano con Mosè un popolo cosciente della propria identità e capace di lottare per i propri diritti; grazie all’intervento divino si liberano ed escono dalla “casa della schiavitù”; si dirigono verso la terra che è stata loro indicata con un lungo viaggio in cui ricevono i loro ordinamenti religiosi e civili, cioè la Torah, affrontano vittoriosamente le popolazioni che cercano di depredarli e distruggerli, superano numerose crisi politiche e religiose, insomma costruiscono fra mille difficoltà la loro forma di vita. Questo ci dice il racconto della Torah, che viene riassunto e ripercorso nel testo che si legge nella cena rituale delle prime due sere della festa, la Haggadah, un titolo che significa la Narrazione per antonomasia.Le storie di fondazione, di fuga e di immigrazione non sono rare fra i popoli antichi. Per fare solo un esempio, l’Eneide racconta come Roma sia stata fondata dagli esuli di Troia, fra guerre, interventi divini, lotte intestine. La differenza naturalmente sta nei valori messi in evidenza dalla storia di Pesach, in senso religioso il monoteismo e la Legge, in senso politico la libertà, il passaggio dalla schiavitù all’indipendenza, in senso storico-geografico la vocazione a una terra precisa: gli ebrei escono dalla schiavitù d’Egitto per andare in quella che da allora si sarebbe chiamata “terra di Israele”, con la consapevolezza che se ne fossero stati allontanati, il ritorno a quella patria sarebbe stato il primo dovere e il primo desiderio.
La Haggadah inizia con una clausola molto citata: “ Quest’anno siamo qui, l’anno prossimo saremo in terra d’Israele; quest’anno siamo schiavi, l’anno prossimo saremo liberi” , che viene riecheggiata proprio alla fine con l’augurio “L’anno prossimo a Gerusalemme”. Queste parole così “sioniste” furono scritte molto probabilmente in Babilonia al tempo del Talmud, mille e cinquecento anni fa, formalizzando una ritualità a sua volta millenaria; gli eventi narrati risalgono, secondo la cronologia biblica, a trentacinque secoli or sono. Questa straordinaria continuità storica di una rivendicazione politica e territoriale, oltre che religiosa, si è prolungata negli esili e nelle persecuzioni, nella prosperità e nella miseria, in tutti i paesi e in tutte le condizioni. Essa si ripete ancora oggi, in mezzo a un’epidemia che ci riporta collettivamente dall’illusione di onnipotenza tecnologica alla precarietà della vita umana.Vi è naturalmente in tutto ciò un senso potentemente religioso, l’esperienza di un rapporto col Santo che ha plasmato universalmente il mondo, anche nelle sue traduzioni non ebraiche; ma vi è anche l’autocoscienza di un popolo che ostinatamente cerca la propria libertà, la propria indipendenza, il proprio luogo, senza lasciarsi logorare dall’oppressione, dall’esilio, dai tentativi di distruggerlo. Festeggiare Pesach vuol dire assumersi questo carico, condividere questo destino, prolungare questa vocazione. Chi si interroga sul “miracolo” di un popolo disperso da venti secoli che si raduna, su una lingua “morta” che rinasce, su un piccolo gruppo etnico che resiste a nemici cento volte più grandi, ma anche chi riflette sulle divisioni e sulla responsabilità collettiva, sull’identità e la molteplicità ebraica, sulla cultura e sulla religione, deve partire da qui, da Pesach e dalla sua narrazione, che è identità.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Diciottesima edizione della festa organizzata dall’Associazione Amici della Castagna

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2019

Vallerano dal 5 ottobre al 3 novembre: diciottesima edizione della festa organizzata dall’Associazione Amici della Castagna e dalla rinnovata Pro Loco di Vallerano, che coinvolge il territorio in un programma diversificato di escursioni, degustazioni, visite guidate e spettacoli. Molte le iniziative che permetteranno di esplorare l’antico borgo medievale e i suoi dintorni in un clima di festa, cultura e divertimento aperto a tutti.Oltre agli stand, con vendita dei prodotti tipici locali e mercatini dell’artigianato, numerose saranno le visite di approfondimento a chiese, eremi e grotte, inframezzate da cortei storici con sbandieratori e musicisti e momenti di convivialità gastronomica in piazza insieme al grande calderone delle caldarroste e vino rosso, oltre ai pranzi e cene a tema nelle caratteristiche cantine di tufo aperte eccezionalmente per questa occasione.Tra gli appuntamenti culturali da segnalare la presentazione del libro “Storie normali di un ragazzo speciale, vivere in famiglia la disabilità quotidiana”, un’autobiografia di Mauro Messina, incentrata sulla storia del figlio affetto dalla sindrome di Down che vuole a tutti i costi fare il Carabiniere: e proprio alle famiglie con membri diversamente abili sarà dedicata una giornata con speciali itinerari, per far scoprire ai ragazzi down i suoni, colori e sapori del territorio.In programma anche stornellate, laboratori sull’intreccio dei canestri in vimini, esposizioni di rapaci e musiche con balli in piazza della Repubblica.Nel ricco menu à la carte all’interno dei tipici luoghi di ristoro (è consigliata la prenotazione) una varietà di ricette che sfruttano le particolarità del territorio e la camaleonticità della castagna che ben si sposa con zuppe di fagioli, ceci, gnocchi, polenta, spezzatini, funghi e bruschette, e ben si offre concubina di liquori, crostate, marmellate e sfiziosi dolcetti difficili da dimenticare. Allo stand degli amici della Castagna sarà anche possibile ricevere una copia omaggio del libro delle ricette, così da proseguire nelle proprie cucine il percorso gourmand incentrato su questo prodotto della Natura dotato di una particolare lucentezza ed insignito dalla Comunità Europea del marchio di Denominazione di Origine Protetta (DOP), primo ed unico ancora in Italia, il 7 aprile 2009.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Raccolta di immagini per la festa di Ognissanti

Posted by fidest press agency su martedì, 6 agosto 2019

Sono quasi 1400 le fotografie raccolte fino a oggi per il progetto promosso dal Museo di Fotografia Contemporanea di Milano-Cinisello Balsamo, che intende comporre un archivio dei paesaggi lombardi dal punto di vista dei santi ospitati nelle nicchie e nelle edicole votive, testimoni longevi delle trasformazioni del territorio.Tra cielo e terra è un progetto di fotografia partecipata, ideato dall’artista Claudio Beorchia (Vercelli, 1979) e curato da Matteo Balduzzi, che invita gli abitanti della Lombardia a osservare e fotografare il paesaggio con gli occhi dei santi che sui quei territori vigilano da tempo: alcuni di essi hanno di fronte ancora oggi campagne estese, fiumi e colline, altri si trovano invece a sorvegliare rotonde, parcheggi o cantieri.La partecipazione al progetto è aperta a tutti, gratuita e senza limiti di età. L’originalità sta nella richiesta: sistemare l’apparecchio fotografico, anche uno smartphone, davanti alle edicole votive e ritrarre il panorama o la vista che i santi e le Madonne hanno davanti ai loro occhi.Si possono inviare immagini fino alla fine di agosto. Sul sito tracieloeterra.mufoco.org sono disponibili le informazioni per realizzare e pubblicare le fotografie, oltre alla piattaforma realizzata e gestita da Fondazione Rete Civica di Milano completa di mappa della Lombardia, dove sono visibili le edicole già inserite dai partecipanti, e di un forum per scambiarsi materiali e consigli (tracieloeterra.opendcn.org).
L’insieme delle fotografie sarà poi organizzato e presentato al pubblico in una mostra e in un libro. In occasione dell’inaugurazione, il 1° di novembre 2019 , giorno di Ognissanti, tutti i partecipanti sono invitati al Museo, con una gita in pullman, per una giornata di festa conclusiva.È possibile raccogliere informazioni e ritirare il vademecum ideato insieme all’artista, completo di tutte le istruzioni per partecipare, presso i poli di aggregazione coinvolti nel progetto: Accademia di Belle Arti “G. Carrara” di Bergamo; Casa Museo Cerveno (BS); Ecomuseo della Postumia (MN); Ecomuseo della Prima Collina (PV); Ecomuseo di Valle Trompia (BS); EUMM – Ecomuseo Urbano Metropolitano Milano Nord; MUMI – Ecomuseo Milano Sud; Museo Diocesano di Arte Sacra di Lodi; Museo Ma*GA di Gallarate (VA). Sostiene, inoltre, il progetto il Consorzio Brianteo Villa Greppi che il prossimo autunno ospiterà Claudio Beorchia per una residenza d’artista alla Villa di Monticello Brianza.Il progetto è sostenuto da Fondazione Cariplo con la collaborazione di AESS – Archivio di Etnografia e Storia Sociale e Fondazione Ente dello Spettacolo.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Archiviata con successo la prima edizione della Festa italo brasiliana

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 luglio 2019

Si conclude con successo la prima edizione della festa italo brasiliana. E’ palpabile la soddisfazione degli organizzatori e del team Proloco guidato dal presidente Rocco Ingianna. Altrettanto compiaciuti gli amministratori comunali. La manifestazione, ripartita in due momenti differenti, una prima parte di carattere convegnistico, una seconda marcatamente ludica e godereccia, è trascorsa sull’onda dell’entusiasmo e della partecipazione. Un tripudio di suoni e luci ispirati da un lato al sentimento di appartenenza alle proprie radici, dall’altro alle rinvigorite relazioni che intercorrono tra la comunità locale e i concittadini residenti in Brasile, particolarmente nella città di Porto Alegre, dove vivono circa ventimila moranesi.
Un brioso duetto tra il giornalista Pino Rimolo e una rappresentante del rinomato gruppo di supporter Proloco, Rosaria Della Corte, ha fatto filo conduttore e da sfondo all’intera serata. Fissato lo start alle 21.30, si è proceduto con un focus
rievocativo sul gemellaggio Morano Porto Alegre, di cui quest’anno ricorre il trentasettesimo anniversario. Ne hanno accennato, con i caratteri del talk show, il vicesindaco Pasquale Maradei e il geom. Tommaso D’Agostino, ex amministratore di lungo corso e membro dell’esecutivo che il 15 gennaio 1982 sottoscrisse l’atto ufficiale
dell’affratellamento tra la comunità moranese e quella portoalegrense. Ma c’è stato modo di allargare la riflessione al fenomeno migratorio e alle controverse problematiche di gestione dei flussi. Ne ha parlato con lodevole sintesi il consigliere Mario Donadio, che ha tracciato un quadro della complessa situazione europea. Hanno portato un valido contributo il consigliere Salvatore Siliveri e l’assessore Sonia Cozza, entrambi impegnati in nuovi progetti di sviluppo.A questa prima sessione dove costume e cultura si sono vicendevolmente contaminati, è seguita un’ampia emozionante
panoramica di videosaluti inviati dai moranesi di Porto Alegre e trasmessi su schermo soprelevato.L’esibizione di piccoli ballerini della scuola di danza Revolution Dance, l’ottima animazione del Dj Giovy, gli intrattenimenti musicali della pianista/fisarmonicista Francesca Di Mare, di Luigi Percoco e di Ivan Lo Tufo hanno arricchito l’evento.

Posted in Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’Arciconfraternita per la Festa del Santo

Posted by fidest press agency su martedì, 11 giugno 2019

Padova. Dopo il successo della cerimonia conclusiva del quarantacinquesimo Premio nazionale della Bontà sabato 1 giugno sul sagrato della Basilica antoniana in diretta televisiva su Telechiara, in questi giorni fremono i preparativi e le attività presso la Scoletta del Santo, sede storica dell’Arciconfraternita di sant’Antonio di Padova, la più antica delle realtà associative laicali dedicate al Santo. Dalla preparazione del pane, alla vendita dei drappi per finestre e balconi, all’accoglienza dei Confratelli olandesi di Maastricht, alle visite guidate della Scoletta del Santo e dell’Oratorio dei Colombini numerosi sono Consorelle e Confratelli, che con spirito di devozione si stanno adoperando all’insegna dell’Accoglienza.
Già da sabato sono circa 1.500 i panini che vengono confezionati ogni giorno presso la cancelleria della Scoletta del Santo e per oggi martedì 11 è previsto l’arrivo di una delegazione della Confraternita antoniana di Maastricht, che parteciperà alla processione cittadina del 13 giugno per la terza volta indossando il proprio abito e recando i propri banner.Il prossimo fine settimana sarà arricchito da visite guidate alla scoperta delle attuali sedi dell’Arciconfraternita la prestigiosa Scoletta del Santo e l’Oratorio antoniano di S. Maria del Pianto detto dei Colombini, riaperto dal 2017 grazie alla concessione dei proprietari la nobile famiglia Papafava Antonini de Carraresi.In questi giorni scottano anche i social media dell’Arciconfraternita con una Pagina Facebook che sta raggiungendo i 10.000 MI PIACE e sulla quale trovano rivista i manifesti delle numerosissime feste, che in tutta la penisola, si stanno per svolgere in onore del Santo.
Si rende noto, altresì,che sarà il Cappellano dell’Arciconfraternita il M. Rev. P. Andrea Vaona, OFM Conv. a commentare la diretta televisiva di Telechiara che giovedì 13 giugno p.v. permetterà a molti di seguire la S. Messa solenne delle ore 17:00 che sarà presieduta dal nuovo Padre Generale dell’Ordine di Frati Minori Conventuali seguita dalla tradizionale processione per le vie della città con la reliquia del mento del Santo.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Più di 1000 associazioni, comunità, moschee e centri culturali dedicano a Papa Francesco la festa del Eid

Posted by fidest press agency su domenica, 9 giugno 2019

Cosi le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) , Confederazione Internazionale laica inter religiosa (Cili-italia),Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e il Movimento internazionale transculturale inter professionale “Uniti per Unire” e le associazioni e Comunità aderenti, comunicano con grande soddisfazione la grande adesione ottenuta, in questi 3 giorni di festeggiamenti ,per la dedica a Papa Francesco della festa dell’ Eid, compiuta da parte delle comunità arabe e musulmane. Oltre 1000 associazioni, comunità,moschee e centri culturali hanno aderito con convinzione. L’iniziativa è stata di altissimo valore, come sottolineato e ricordato da tutti i rappresentanti regionali,provinciali, comunali e presidenti di associazioni e comunità aderenti ad Uniti per Unire. Si è dato così seguito al riformismo religioso all’insegna della conoscenza, della convivenza e del rispetto reciproco interculturale e inter religioso. Da parte sua il Fondatore Co-mai e Amsi, Foad Aodi, in occasione della fine della festa, dichiara: “L’ iniziativa ha trovato ampia adesione,confermando che Papa Francesco è un idolo e un simbolo per chi crede e ama la vita ,il dialogo ,la diversità, l’identità forte , la solidarietà e la difesa dei diritti umani e della salute. Aodi ricorda come i discorsi di Papa Francesco siano stati la miglior terapia contro la paura, i pregiudizi e le discriminazioni. “Siamo dalla sua parte per difenderlo dai nemici interni ,esterni ed invisibili. Con questa nostra iniziativa, da tutti definita storica, ribadiamo il nostro sostegno al Pontefice e al suo riformismo religioso. Per questo invitiamo tutte le comunità ed associazioni musulmane ad unirsi in una unica voce e ad isolare ogni forma di individualismo, auto proclamazione, divisione, interpretazione personale , di estremismo e di dare voce sia ai laici quanto ai religiosi ”. Alle sue dichiarazioni fanno eco quelle di Kamel Belaitouche, Segretario Generale Co-Mai e rappresentante dell’associazione Algerini in Italia: “la Co-mai dedica con piacere questa festa di fine Ramadan ad un uomo di pace e di dialogo, impegnato a dare dignità e valore all’essere umano, qualunque sia la sua origine e appartenenza religiosa: Papa Francesco”. Ali Pagliara, Presidente della comunità islamica di Bari e coordinatore regionale in Puglia di Cili-Italia: “Anche quest’anno la Comunità Islamica di Bari si è unita a tutte le comunità italiane e del mondo islamico per festeggiare questa giornata condivisa anche da fratelli di altre fedi religiose, che adorano un unico Dio. Ringrazio tutti coloro che esprimono riconoscenza e affetto nei confronti dei musulmani italiani, intensificando cosi il dialogo e la conoscenza a favore di una convivenza sempre più proficua”. Nader Akkad , Imam della Moschea di Trieste Co-presidente Nazionale di Cili-Italia afferma compiaciuto: ” Abbiamo apprezzato molte iniziative di Papa Francesco, come il recente viaggio in terra araba , le sue dichiarazioni sulla fratellanza umana fatte durante l’incontro con il Re del Marocco e la lettera con cui ha ricordato l’incontro avvenuto nel 1219 tra San Francesco ed il Sultano d’Egitto. La stragrande maggioranza di tutte le moschee italiane è stata felice di dedicare al Papa la festa dell’ Eid. Al Papa chiediamo di continuare a percorrere la strada del dialogo inter-religioso”. Sami Salem , Imam della Moschea Al Fath di Roma Coordinatore Regionale di Cili -Italia nel Lazio, ha definito questa iniziativa “ un gesto simbolico altamente importante. Ricordiamo che tutte e tre le grandi religioni monoteiste hanno la stessa origine e lo stesso Dio. Bisogna dare peso a queste iniziative che rafforzano la pace ed la cooperazione tra i popoli”. Nicola Lofoco, portavoce del Movimento Uniti per Unire, afferma invece che “dedicare al Santo Padre una festa cosi importante per i musulmani è un chiaro esempio di come compiere fondamentali e coraggiosi passi in avanti sulla strada del dialogo tra le varie confessioni religiose. L’iniziativa è dunque molto costruttiva perchè va nella direzione giusta: quella di unire e non di dividere”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »