Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘finmeccanica’

Memorandum d’intesa tra Sapienza e Finmeccanica

Posted by fidest press agency su domenica, 11 marzo 2012

Français : Entrée de l'Université la Sapienza ...

Image via Wikipedia

Roma lunedì 12 marzo 2012 ore 11.00 palazzo del Rettorato piazzale Aldo Moro 5, verrà firmato un memorandum d’intesa tra Sapienza e Finmeccanica. L’accordo punta alla progettazione e allo sviluppo di attività di ricerca e di formazione nelle aree Cyber Intelligence e Information Security. Se la strada più consolidata per tutelare i dati sensibili delle aziende e delle amministrazioni pubbliche è frapporre ostacoli all’accesso informatico da parte degli hacker e dei cracker, con la cyber intelligence si agisce cercando di prevenire le criticità laddove si vanno costituendo, attraverso un’analisi ponderata delle informazioni in rete.
Per la firma, oltre al Rettore, saranno presenti per Finmeccanica il Chief technology officer Lorenzo Fiori e Roberto Baldoni, docente di Ingegneria informatica, quale referente scientifico dell’accordo per Sapienza.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Finmeccanica: Guargualini si è dimesso

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2011

Dopo un regno incontrastato lungo dieci anni. Travolto dagli scandali e dalle inchieste giudiziarie che lo riguardano. L’accusa è quella di aver creato un sistema di fondi neri e di aver elargito e dato ordini per dare denaro a politici e partiti. Ieri la notizia delle dimissioni di Guarguaglini ed il passaggio ad Orsi, amministratore delegato dell’ex presidente” lo scrive sul suo blog, Massimo Donadi, presidente di IDV alla Camera. “Una scelta, quella del Cda che sorprende e lascia perplessi perché in piena continuità con il passato: perché Guarguaglini va a casa e chi, fino a ieri era amministratore delegato sotto la sua presidenza, fa un passo avanti? Quale è la ratio? Dove è la logica? Che fine hanno fatto le ragioni di verità e trasparenza? Non solo” scrive Donadi. Per la fine del suo decennato Guarguaglini, dopo aver ridotto Finmeccanica con un’esposizione debitoria di oltre un miliardo di euro e aver fatto perdere al titolo in Borsa il 46 per cento in meno di un anno, riceve una liquidazione, tra buonuscita e clausola di non concorrenza, di 5,5 milioni di euro. Ora, tralasciando per un istante la questione giudiziaria, che già di per sé imporrebbe una seria riflessione, in un paese normale, la liquidazione di un manager di Stato dovrebbe essere legata indissolubilmente ai risultati raggiunti. Non in Italia. Piccola ma succosa digressione. Il Governo Prodi, su richiesta ed insistenza di Italia dei Valori, che ne fece una sua battaglia di principio nella scorsa legislatura, impose un tetto agli stipendi dei manager pubblici. Il Governo Berlusconi, con un decreto legislativo, ha non solo cancellato il tetto agli stipendi dei manager pubblici ma ha anche respinto la nostra proposta di legare indissolubilmente la liquidazione dei manager pubblici ai risultati raggiunti. Chiusa parentesi, torniamo al punto. “Una liquidazione di 5.5 MILIONI di euro a chi ha messo in ginocchio un’azienda fiore all’occhiello nel settore difesa e aerospazio, è una vergogna. Per questo, martedì, in Aula, Italia dei Valori non solo chiederà che tutto il Cda di Finmeccanica venga azzerato ma che si faccia tabula rasa anche su queste liquidazioni inconcepibili, indecenti, immorali. Serve cambiare anche queste regole per ridare slancio al Paese, rimetterlo sui binari della crescita e della legalità”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maroni e Matteoli su Finmeccanica

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 novembre 2011

“Una grande città come Roma ha bisogno di trasparenza. Non può continuare ad assistere alle vicende poco chiare che hanno caratterizzato l’attuale giunta di destra. Per questo ci aspettiamo che il sindaco Alemanno spieghi subito come mai il suo nome sia entrato nell’inchiesta Mokbel. Inoltre, il ministro dell’Interno Maroni e quello delle Attività produttive Matteoli, devono al più presto riferire in Senato e chiarire qual è stato il ruolo di Finmeccanica negli accordi raggiunti con il sindaco di Roma. E chiedo al governo, come ho già fatto a settembre attraverso un’interrogazione cui non è mai stata data risposta, in che modo questo governo intende difendere la credibilità e la competitività economico-industriale di Finmeccanica e garantire l’affidabilità del suo management”. È quanto afferma il vicepresidente dei senatori del Pd Luigi Zanda in merito alla notizia riportata da Il Messaggero secondo la quale, negli atti della Procura di Roma, compare anche il nome di Gianni Alemanno, “in “un’intercettazione tra Mokbel, Iannilli e Gionta in cui parlano di un accordo raggiunto ‘con Alemanno’ su alcuni lavori nel monitoraggio meteo”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caso Iribus

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2011

“Provo alquanto deprimente la risposta che mi ha fatto il segretario generale dell’UGL Centrella rispetto alla mia idea di sottoporre all’attenzione del Ministro dello Sviluppo Economico Romani, l’ipotesi di coinvolgere l’azienda BredaMenariniBus, Gruppo Finmeccanica, in un’eventuale cessione del Gruppo Fiat dell’azienda Irisbus.” Lo si legge in una nota dell’On. Irpino Marco Pugliese, deputato di Forza del Sud, che, rispondendo a Centrella, dichiara: “Sono molto preoccupato e premuroso, riguardo il caso Irisbus, non solo perché conosco molto bene la realtà dello stabilimento, ma anche perché lì ci lavorano 700 irpini “amici del lavoro e di questa terra” e cessando l’azienda, a chi eventualmente poi dovrà diversificare la produzione, si avrà inevitabilmente un impiego d’investimenti tali da non reggere l’attività e quindi drastiche ricadute occupazionali.” “Diverso invece – spiega Pugliese – sarebbe creare una forte partnership con Finmeccanica, data la similitudine della controllata e garantita BredaMenariniBus con l’attuale Irisbus.” “Un’idea politica che parte dal Parlamento, – conclude l’onorevole – è legittima soprattutto se può portare ad una strategia di politica industriale nazionale volta a salvaguardia del Made in Italy, ormai da troppo tempo vituperato. Infine, ottima a mio giudizio, la partecipazione del Governatore della Regione Campania, Caldoro, oggi a Roma.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lo “spazio” italiano nel mondo

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 gennaio 2011

Roma 08 febbraio ore 18:30 Auditorium dell’Ara Pacis Via di Ripetta, 190 Lo “spazio” italiano nel mondo Le eccellenze e l’innovazione tecnologica come chiave di volta dello sviluppo del nostro Paese, e del Sud in particolare. Cosa insegna il caso dell’industria aerospaziale Ne parlano:
• Paolo Scaroni amministratore delegato Eni
• Pier Francesco Guarguaglini presidente e amministratore delegato Finmeccanica
• Giovanni Caprara giornalista Corriere della Sera, autore de “Lo spazio, il quarto ambiente. Storia di Luigi Gerardo Napolitano, pioniere della microgravità” (Gruppo 24 Ore)
• Fernando Napolitano senior vice president e amministratore delegato Booz & Company Italia
• Luigi Nicolais parlamentare Pd
conduce:
• Enrico Cisnetto “Roma InConTra”

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Occupato il palazzo di Finmeccanica a Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 dicembre 2010

Roma ‘’L’Italia non è in vendita’’. Questo il maxistriscione che sventola dal tetto del palazzo di  Finmeccanica, in piazza Montegrappa a Roma, occupato questa mattina dai militanti di CasaPound Italia. Al momento un centinaio di militanti di Cpi staziona sul tetto dello stabile, mentre dentro e sotto l’edificio circa trecento persone sono schierate a difesa dell’’occupazione’, simbolico presidio per tutelare l’italianità delle grandi aziende pubbliche.  In contemporanea con l’azione della Capitale, centinaia di militanti di Cpi stanno ‘assediando’ con striscioni, bandiere italiane e fumogeni tricolore la Oto Melara di La Spezia, l’Agusta di Varese, l’Ansaldo Breda di Napoli e la Fincantieri di Palermo,  mentre striscioni ‘L’Italia non è in vendita’ e volantini a sostegno del ‘blitz’ di CasaPound contro le privatizzazioni sono comparsi in circa cinquanta città italiane.  ‘’Non ci interessa sapere chi governa – recita il volantino – Non ci interessano i giochi di palazzo. Non ci interessano i cambi di poltrona. Ci interessa solo far sapere ai tecnici che l’Italia non è in vendita, e che c’è qualcuno pronto a combattere. Le aziende di Stato creano occupazione per centinaia di migliaia di lavoratori, fanno incassare miliardi di euro alla comunità nazionale e soprattutto garantiscono la sovranità dell’Italia. Tanti politici e tanti ‘tecnici’ le stanno cucinando per farle ‘mangiare’ agli amici (privatizzandole). Senza queste aziende l’Italia muore. Sostieni CasaPound, è in gioco anche il tuo futuro’’. ‘’Con questa azione coordinata in tutta Italia vogliamo dire ‘no’ a qualunque ipotesi di privatizzazione delle aziende di Stato, da Finmeccanica a Fincantieri fino all’Eni – spiega il presidente di Cpi Gianluca Iannone – in un momento in cui è fortissimo il rischio di trovarsi di fronte a un esecutivo ‘tecnico’ che, nella confusione, possa dare ascolto alla pressione di lobby internazionali, sacrificando ad altri interessi il bene del Paese’’, conclude Iannone.   (fonte http://www.casapounditalia.org)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il caso Andrini

Posted by fidest press agency su martedì, 23 novembre 2010

«Le ennesime polemiche sul caso Andrini non aggiungono nulla di nuovo a quanto già ampiamente chiarito dal Sindaco nel consiglio comunale appositamente convocato il 17 settembre 2009, proprio per chiarire le ragioni dell’incarico di Stefano Andrini in Ama Servizi. Nel merito, il Sindaco non è mai stato al corrente dei contatti che Andrini poteva avere con persone coinvolte nell’inchiesta Mokbel – Finmeccanica. Fra l’altro, per questi supposti contatti Andrini non è mai stato raggiunto da alcun avviso di garanzia».   Lo dichiara Simone Turbolente, portavoce del sindaco di Roma, Gianni Alemanno. «Le illazioni di alcuni esponenti dell’opposizione sui finanziamenti della campagna elettorale per le amministrative del 2008 sono una pura invenzione. Infatti – afferma Turbolente – non c’è nessun collegamento tra i fatti oggetto della puntata di Report e la campagna elettorale delle ultime elezioni comunali. Notizie diffamatorie e calunniose di questo tipo saranno denunciate alla magistratura competente a tutela di tutta l’amministrazione».

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »