Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘fintech’

Fintech Startup ABC Technology Establishes International Headquarters in Singapore

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 novembre 2019

Fintech startup ABC Technology today announced the establishment of its international headquarters in Singapore. The move marks the next step in the company’s drive to bring its artificial intelligence (AI)-based financial technology solutions to the global arena.
The international HQ is responsible for sales and marketing, as well as spearhead the filing and registration of patents for the startup’s intellectual properties (IPs).“We picked Singapore as the base for our international operations because of its strategic location, leading position as a financial hub, language proficiency and maturity of IP rights. Singapore practises sound corporate governance and is an easy place to do business,” said Mason Yang, Founder and Chief Executive Officer of ABC Technology.
Founded in 2016, ABC Technology has developed an AI platform that automates the entire data processing cycle from collection, extraction, search, analysis, visualising to reporting from both unstructured and structured data sources. Using natural language processing technology, it helps banks, finance institutions and large enterprises to make better and faster decisions, draw insights and maximise their investments.Its product line-up includes Everdroid.ai natural language processing AI for unstructured data extraction and automation; Analyst.ai natural language deep search engine for unstructured and structred data; Eversight.ai AI search based data mining and visualisation platform; Modeling.ai AI asset management platform; Fin.data for asset management investment research. The company intends to use Singapore as a springboard to establish its presence in Asia-Pacific, including the setting up of an office in Australia.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce il primo rating “FinTech” per le PMI europee certificato a livello globale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 luglio 2019

Ai nastri di partenza il primo rating “FinTech” certificato a livello globale e dedicato alle PMI europee che nasce dalla partnership fra modefinance, la prima agenzia di rating FinTech d’Europa (certificata CRA e ECAI da ESMA nel 2015), e Wiserfunding, fintech londinese specializzata nella valutazione del rischio di credito delle piccole e medie imprese, fondata dal Professor Edward Altman, inventore, nel 1968, del modello Z-score, il primo modello per la valutazione del rischio di credito, e massimo esperto mondiale sulla modellizzazione del rischio delle PMI. Dall’unione delle due metodologie di analisi (quella tradizionale unita all’approccio FinTech basato su artificial intelligence e Big Data analysis) nasce il primo rating capace di valutare in modo innovativo circa 25 milioni di PMI in tutta Europa (sia società non quotate sia quotate). L’utilizzo dei Big Data e la loro integrazione con dati privati e con le considerazioni del team di analisti relative a fattori non valutabili quantitativamente permette di sviluppare modelli altamente predittivi e affidabili in grado di individuare potenziali fattori di rischio con oltre 24 mesi di anticipo.Questo nuovo strumento permetterà, per la prima volta, a un target così ampio di PMI europee di avere un rating certificato su scala globale, indipendente e tempestivo (i rating tradizionali esistenti valutano circa 1,5 milioni di società per singolo paese e, ad oggi, non esisteva un rating dedicato alle PMI su scala europea) proprio perché realizzato con un mix vincente di analisi tradizionale e approccio FinTech. L’automatizzazione dei processi di analisi che ne deriva e la scalabilità delle informazioni rendono, quindi, fruibili e trasparenti in tempi nettamente inferiori i processi di valutazione del merito di credito di una PMI.
Secondo un recente rapporto di Unimpresa, in Italia, nel 2018, i prestiti alle PMI si sono ridotti del 5% rispetto all’anno precedente. La restrizione del credito bancario ha colpito con forza i 141 distretti industriali presenti nel territorio italiano che costituiscono circa un quarto del sistema produttivo del nostro Paese. Nel periodo compreso tra il 2010 e il 2017, i finanziamenti alle imprese dei distretti italiani si sono ridotti complessivamente di 57 miliardi. Inoltre, la normativa Basilea 3 prevede che una Banca, per emettere un finanziamento a una azienda priva di rating, debba accantonare a riserva molto più capitale rispetto ad un finanziamento erogato nei confronti di una società con un rating ufficiale. È ragionevole quindi aspettarsi un ulteriore aumento del costo del credito bancario alla luce delle nuove regole. Le Banche che utilizzano il metodo AIRB saranno tenute a fissare un limite minimo (cosiddetto output floor) al di sotto del quale il loro capitale regolamentare non potrà scendere. Per agevolare la ripresa di finanziamenti verso le PMI (segmento meno fornito di rating esterni) e ridurre l’impatto dell’output floor, sarà dunque fondamentale che gli istituti finanziari si dotino di sistemi esterni, credibili ed efficaci, per la stima del rating su PMI.
È evidente, quindi, come questo nuovo strumento risponda in modo efficace a una palese esigenza di sostegno alle imprese di piccole dimensioni nel mercato europeo e ancor di più in quello italiano: per un istituto finanziario poter avere a disposizione un rating così innovativo, immediato e democratico per la valutazione del rischio di credito di una PMI rappresenta una svolta importante che potrebbe agevolare la riapertura delle linee di credito a favore delle imprese di più piccola dimensione maggiormente virtuose. L’obiettivo è inoltre duplice: permettere alle PMI di comprendere il loro profilo di rischio (e come analizzarlo in ottica di costante miglioramento) ed aiutare i soggetti interessati a offrire credito alle imprese più piccole (piattaforme di factoring e lending, banche tradizionali, ecc.), a ridurre costi e requisiti di capitale, in ottemperanza alle più avanzate regolamentazioni esistenti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fast-growing Fintech Firm Uphold Doubles Presence in Portugal

Posted by fidest press agency su sabato, 13 luglio 2019

Uphold, the leading digital money platform, announced today the acquisition of Scytale, a digital agency based in Braga, Portugal. Uphold was an early believer in the technology talent to be found in the Portuguese hub around Porto, and the acquisition comes after deciding to further anchor its technology team in Portugal.Commenting on the move, Nuno Ferreira, Scytale’s former CEO and now VP of Engineering at Uphold, said, “This is a great development for our team. We’ve long felt that we’d like to have more say in how our consulting work is used. Now, we‘ll get to build, implement and continually enhance solutions for a truly global business. Uphold has more than 1 million customers in over 183 countries and we’ll be able to see our ideas become part of its growth story around the world.” Scytale was established in 2011 in Braga, Portugal by Universidade do Minho graduates, Nuno Ferreira, Eduardo Conceição, João Veiga and Marco Martins. The co-founders built Scytale into a successful web development and design studio, specialized in producing digital applications and products for a wide range of global clients.Rui Marinho and Tiago Ribeiro, fellow Minho alumni were busy building the global engineering hub for Uphold (Bitreserve) – a digital assets platform established in 2013 and which now has over one million users. Operating as Uphold’s Co-CTOs, Marinho and Ribeiro are responsible for a development team of more than 50 specialist engineers, designers, and product managers.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

BlytzPay Wins ‘Best in Show’ at International Fintech Conference

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 Mag 2019

BlytzPay, a mobile payment solution designed to improve the ease and speed by which businesses invoice and collect payments from customers, has claimed the title of “Best in Show” at international fintech conference Finovate Spring 2019. The conference and competition showcases the most cutting-edge financial technology available today and the competition saw BlytzPay succeed for the audience vote over sixty other international competitors.Robyn Burkinshaw, CEO and Co-founder said, “BlytzPay provides a comprehensive yet simple solution for businesses to communicate, invoice and collect from their customers via text message.” She continued, “receiving this award is proof that our technology and user experience is second to none – we want our customers to easily understand our value and we want to make their lives more simple. It’s great to have the vote of thousands of Finovate attendees to support that we are right on track!”BlytzPay is also firmly focused on improving financial inclusion by removing many of the silos created by traditional financial institutions. Burkinshaw added, “Our product is designed for merchants, but it carefully caters to the consumer, as well. Receiving this award speaks to the thoughtful, simple architecture of our technology.” On winning the conference’s top award, Jason Fletcher, Co-founder and CTO of BlytzPay said, “I would like to congratulate our entire team. We know that we have a great technology and it’s exciting to see our work pay off in recognition by the industry.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le banche del futuro

Posted by fidest press agency su sabato, 6 aprile 2019

Nella quarta sessione del Workshop “Lo scenario dell’economia e della finanza” è stato approfondito il tema delle banche del futuro. I 200 imprenditori si sono espressi sul Fintech e di come questo possa influenzare non solo il settore finanziario ma anche i modelli bancari.Emerge che solo lo 0,8% lo ritiene un fastidio; la maggioranza degli interpellati (50,8%) lo percepisce come un “game changer”, mentre il 25,8% prevede alcune modifiche al modello di business.Venendo ai fattori di rischio per i modelli bancari di tutto il mondo nei prossimi 5 anni, un terzo degli imprenditori coinvolti (32,5%) teme un eccesso di regolamentazione, il 28,3% indica il rapporto fra digitalizzazione, “disruptors” ed entrata in scena di nuove FinTech. Il tema recessione globale è indicato infine dal 21,7% degli addetti ai lavori, mentre la geopolitica preoccupa solo il 5,8% degli imprenditori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PIVOT Fintech ottiene una licenza Capital Markets Services dall’Autorità monetaria di Singapore

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 marzo 2019

PIVOT Fintech Pte. Ltd. (“PIVOT”), la società di servizi tecnologici di gestione patrimoniale digitale appoggiata da Pintec Technology Holdings Ltd. (“PINTEC”; NASDAQ: PT) e FWD Group, oggi ha annunciato di avere ottenuto una licenza Capital Markets Services (“CMS”) dall’Autorità monetaria di Singapore (Monetary Authority of Singapore, MAS).
Questa licenza, concessa dopo la recente pubblicazione, l’8 ottobre 2018, delle linee guida della MAS sull’offerta di servizi di consulenza digitali, consentirà a PIVOT di offrire servizi d’investimento basati sull’IA direttamente a clienti retail.
PINTEC, l’azionista di riferimento di PIVO, ha una tecnologia e competenza comprovate nell’erogazione di servizi di gestione patrimoniale e asset allocation su scala mondiale basati sull’IA nel mercato cinese, molto competitivo. Integrando il portale di onboarding dei clienti e gli strumenti proprietari di analisi per la profilazione del rischio sviluppati da PIVOT con la tecnologia IA di PINTEC, PIVOT ha sviluppato il proprio servizio di gestione competa degli investimenti basato su metodi di IA e apprendimento automatico.
PIVOT Fintech, con sede in Singapore, è stata lanciata a ottobre 2017 dall’imprenditore Victor Lye e dal Gruppo PINTEC (www.pintec.com) per offrire servizi tecnologici di gestione patrimoniale digitale B2B e B2C nell’Asia sudorientale basati sulle tecnologie dell’intelligenza artificiale e di apprendimento automatico. PIVOT è la prima azienda di PINTEC fuori della Cina ed è inoltre appoggiata da FWD Group, proprietario di una società di assicurazioni per la vita panasiatica, e da investitori informali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Behavox to Join Amazon Web Services at Singapore FinTech Festival

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 novembre 2018

Behavox, a pioneering artificial intelligence data analytics firm, will join Amazon Financial Services (AWS) at the Singapore FinTech Festival in Singapore on November 12th. Key topics covered will include artificial intelligence in finance, the future of banking, insurtech, market infrastructure, fintech, cybersecurity, techrisk and regtech, and more.This unique industry event is designed for both fintech startups and financial services enterprises, bringing together founders, directors and technical staff and will focus on topics that drive innovation and growth.Appearing on behalf of Behavox will be Alex Wood, the firm’s VP of Sales – EMEA & APAC. Wood said, “It is an honor for Behavox to be included in such an exciting and prestigious event. We’re looking forward to thoughtful discussions with financial industry leaders and technologists in Singapore. Machine learning and artificial intelligence cannot be ignored, as it continues to transform operations and the business potential in financial services.”In 2017, the Singapore Fintech Festival was attended by more than 30,000 participants from 100 countries including 160 global leaders from central banks and regulatory agencies, financial institutions, venture capital firms, and fintech companies.Behavox has been designated for the AWS Financial Services Competency for the risk management category and has also completed the necessary training requirements to qualify as a partner in AWS’s Well-Architected Framework.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fintech e Factoring: Evento alla Triennale di Milano

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 giugno 2018

Milano 20 giugno 2018 ore 10 Triennale di Milano, Viale Alemagna n. 6 Le nuove tecnologie che cambiano profondamente processi e relazioni con la clientela nel sistema finanziario irrompono anche nel factoring, un settore vitale per l’economia produttiva che vale in Italia il 13% del Pil. La rivoluzione fintech, che apre nuove prospettive e già offre soluzioni operative per le attività e i servizi finanziari a sostegno del capitale circolante delle imprese, sarà al centro del dibattito nella giornata in cui Assifact, l’associazione che riunisce tutti i player del settore, celebrerà il proprio Trentennale.
“Factoring e Fintech” è il titolo della tavola rotonda in programma alle ore 11. Per il factoring il fintech rappresenta un’opportunità o una minaccia? Quali nuovi protagonisti stanno innovando il settore e come? In che modo si può assicurare un corretto bilanciamento fra sostegno allo sviluppo tecnologico, stabilità e concorrenza nel settore del factoring? Stimolati da Alessandro Carretta, Professore ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari, Università di Roma Tor Vergata e Segretario Generale di Assifact, risponderanno a questi interrogativi i docenti ed esperti Federico Caniato, Giorgio De Nova, Claudia Perri e Cristiana Schena, il past president di Assifact Rony Hamaui e il direttore della sede milanese di Bankitalia Giuseppe Sopranzetti.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I fattori che stimolano la crescita del settore FinTech

Posted by fidest press agency su sabato, 31 marzo 2018

Le tecnologie avanzate, la digitalizzazione e le mutevoli richieste dei consumatori stanno portando le compagnie di servizi finanziari ad adottare un approccio più incentrato sul consumatore. Di conseguenza, molte aziende hanno lanciato prodotti, soluzioni e servizi innovativi. L’utilizzo di tecnologie avanzate – tra cui cloud, piattaforme, Internet of Things (IoT), intelligenza artificiale (AI), apprendimento automatico (ML), blockchain e interfacce di programmazione delle applicazioni (API) – ha un forte impatto sulle attività aziendali e sull’esperienza del consumatore. L’impiego delle tecnologie potenzia i risultati dei servizi e dei sottosegmenti, come le piattaforme FinTech, Robo-advisory, InsurTech, RegTech e PayTech, per i quali si prevede una rapida crescita. Nonostante il quantum computing sia ancora in una fase iniziale, i casi d’uso e gli esperimenti sono molto incoraggianti.L’ultimo studio condotto da Frost & Sullivan intitolato FinTech—Growth Opportunities in the Global Market analizza i prodotti e i servizi emergenti, i sottosegmenti basati sulla tecnologia, i nuovi modelli di business e le innovazioni che stravolgeranno l’industria.
I fattori che stimolano la crescita all’interno del mercato globale dei servizi finanziari sono:
L’adozione di un approccio incentrato sul consumatore da parte delle compagnie di servizi finanziari al fine di fornire servizi personalizzati e migliorare l’esperienza dei clienti.
L’aumento delle partnership tra operatori storici e start-up per promuovere una rapida innovazione e accelerare il time-to-market, dove le start-up offrono elasticità e gli operatori storici forniscono scalabilità.
L’utilizzo della tecnologia e gli ottimi risultati conseguiti in varie aree di FinTech generano opportunità di crescita all’interno dei settori BaaS, RegTech, InsurTech, PayTech e WealthTech.
Un’approccio omnicanale basato sulla tecnologia, che permette ai consumatori di vivere un’esperienza coerente e lineare attraverso vari canali, dispositivi e touchpoint multipli.
Poter accedere sempre e ovunque ai servizi finanziari è determinante per il successo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ken Rees, CEO of Elevate, to Speak at LendIt Fintech Conference

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2018

San Francisco Tuesday, April 10, 2018 – 2:50-3:10 p.m. PDT Consumer Lending Track, LendIt Conference, Moscone West, 800 Howard Street. Elevate Credit, Inc. (“Elevate”), a leading tech-enabled provider of innovative and responsible online credit solutions for non-prime consumers, announced today that their Chief Executive Officer, Ken Rees, will address the audience at LendIt Fintech 2018 along with CNBC’s Ari Levy. The fireside chat will build an argument for non-prime lending as the hottest sector in fintech today, presenting opportunities that entrepreneurs, investors and banks may be missing.
“It’s time for fintech to step in and create innovation and opportunities for non-prime Americans, which today comprise more than two-thirds of the U.S. population,” said Rees. “By focusing on our customers’ needs, and on building the right kind of underwriting capabilities, we’ve been able to bring financial inclusion to 2 million people. Non-prime lending has long been dominated by predatory payday lenders; but now the fintech and banking communities have the ability to responsibly meet this significant market need.”Rees will be joined by Levy, senior technology reporter at CNBC, who will lead the discussion through a variety of themes, including:
How banks and fintech companies can partner to take advantage of the opportunity in non-prime lendingWhat it takes to build winning products for non-prime consumers Predictions for the biggest areas of innovation in non-prime lending in 2018 and beyond.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Investech, la cenerentola del Fintech

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 dicembre 2017

GiancarloSandrinA cura di Giancarlo Sandrin, CFA, Presidente CFA Society Italy. La parola Fintech è ormai divenuta quello che gli inglesi chiamano “Buzz Word”, una di quelle parole che nascono a seguito di grandi cambiamenti sociali, politici e tecnologici, un po’ com’è accaduto con i termini App, Tweet, Millenials e tanti altri che hanno segnato il cambiamento di un’epoca. Spesso si pensa che la tecnologia sia qualcosa che limiti i costi e migliori l’accesso ai servizi. In realtà non è solo questo.Nel 2017 il World Economic Forum ha pubblicato un’interessante ricerca sul Fintech [1]individuando alcuni fenomeni dirompenti. Ne vorrei sottolineare alcuni. Il primo riguarda la trasformazione dei costi (e delle infrastrutture) in commodity, cioè la capacità di sfruttare, condividendo o fornendo, anche a competitor, sistemi tecnologici sviluppati in comunità o in-house, lo stesso documento riporta il caso di BlackRock con la piattaforma Aladdin.Un secondo aspetto è la trasformazione della tradizionale catena del valore, saltando parte della catena distributiva o produttiva, il caso di Vanguard e di Betterment.L’Experience ownership, il detentore del potere sul cliente tende a divenire chi fornisce l’interfaccia e la miglior user experience al cliente stesso.La crescente importanza delle piattaforme, queste diverranno il modello dominante per la fornitura di servizi finanziari. Ad esempio la cinese Webank di Tencent (azienda tecnologica Cinese) offre diversi operatori per il credito e l’asset managment all’interno della sua piattaforma.
La monetizzazione dei dati, l’analisi dei big data relativi a singoli clienti o a gruppi di clienti diventerà fondamentale. Pensiamo alla nuova normativa europea (PSD2) che trasferisce la proprietà dei dati bancari ai singoli clienti e obbliga le istituzioni a rendere disponibili questi dati tramite API. I provider tecnologici che, con il consenso del cliente, potranno avere accesso a questi dati potranno profilare gli utenti in maniera rivoluzionaria anche grazie all’intelligenza artificiale, con la possibilità di forme di profilazione rivoluzionarie.La “Bionic Workforce”, cioè l’abilità dei computer di replicare sempre di più i comportamenti umani. Da un lato alcune funzioni saranno sostituite dalle macchine, dall’altro il ruolo delle persone dovrà avere una interazione ancora maggiore con la tecnologia.Osserviamo differenti settori impattati dal fintech: pagamenti, prestiti P2P, insurance, blockchain, capital raising ed investimenti per citare i maggiori.La parte investimenti rappresenta, probabilmente, quella che attualmente, nonostante il potenziale, è la meno sviluppata in termini di business. È ragionevole pensare che esistano tre aspetti che maggiormente ne frenano lo sviluppo: alta regolamentazione, alta marginalità offerta dalle soluzioni attualmente presenti e alta variabilità dei risultati finali (performance degli investimenti). Quest’ultimo aspetto rende ancora più importante il fattore fiducia nel provider del servizio.Prendiamo per un istante un esempio opposto, i pagamenti. Tra tutti i servizi finanziari questo rappresenta quello con il maggior sviluppo tecnologico. Si tratta di un segmento con margini (percentuali) particolarmente bassi, livelli di regolamentazione piuttosto bassi, oltre che risultati piuttosto semplici in termini di servizio e certi nell’esecuzione. Si tratta infatti di trasferire una somma X dal soggetto A al soggetto B. Esempi classici in Europa sono PayPal e ApplePay.Nei paesi dove la regolamentazione è più elastica c’è stato un vero e proprio boom, basti pensare al caso dei mercati emergenti. Caso più eclatante è l’Asia dove società come Alibaba, tramite Ant Financial, è in grado di fornire servizi di pagamento mobile con Alipay a 520milioni di utilizzatori (pari quasi al numero di utenti con carte Visa e Mastercard messi assieme), oltre che sevizi d’investimento tramite un fondo Money Market da $200miliardi di masse.Anche un continente come l’Africa ha i suoi casi di successo. Le società di telecomunicazioni, grazie alla diffusione di smartphone a basso costo riescono ad avere una presenza più capillare rispetto a sportelli bancari e POS. Questo ha portato società di telefonia mobile come M-Pesa in Kenya a divenire un vero e proprio colosso nel sistema dei pagamenti, gestendo transazioni pari al 43% del PIL domestico del Kenya.Guardando a questi fenomeni sembra impossibile che la parte investimenti sia rimasta così indietro, sicuramente la regolamentazione nei paesi Europei e Americani è un freno per le big tech, che preferiscono tenersi lontane dal rischio di divenire eccessivamente regolamentate. In Europa inoltre i modelli distributivi attuali hanno in parte contribuito a ritardare l’adozione di soluzioni fintech.
Questo però potrebbe essere solo parte del problema. Negli US dove il modello distributivo è cambiato da parecchi anni, il più grosso RoboAdvisor, Betterment, dichiarava a luglio 2017 circa $10miliardi di asset, un ammontare che in assoluto risulterebbe piuttosto basso anche per una rete italiana.
Come accennato in precedenza il problema della fiducia è particolarmente sentito, la customer aquisition per i cosiddetti insurgent (nuovi player tecnologico-finanziari) è troppo costosa, il fattore fiducia in un settore dove la possibilità di subire perdite (legate all’andamento dei mercati) rimane ancora elevata. Allo stesso tempo la conoscenza finanziaria della popolazione è particolarmente bassa. Da un lato serve un brand che rassicuri, dall’altro il rapporto umano ha un forte impatto, “tranquillizza” e aiuta nelle scelte d’investimento.Rimarrà sempre cosi? CFA Institute, in una ricerca tra i suoi associati presenti in tutto il mondo, ha cercato di rispondervi. Il risultato è che l’88% degli intervistati ritiene che la clientela retail sarà (e dovrà) essere seguita, anche in parte da “macchine”. Il 70% ritiene, inoltre, che questo processo non avverrà per la parte di clientela con patrimoni più elevati, in quanto la complessità della relazione e del patrimonio (al quale aggiungerei la marginalità) rendono preferibile una consulenza più evoluta che può portare a soluzioni più ampie in termini di servizi e di tipologie offerte. La strada sembra quindi tracciata, almeno per il mercato retail, forse anche grazie a Mifid2.È probabile che, almeno in Europa, sarà il first mover tra i big finanziari, magari in partnership con una dinamica azienda fintech, a muovere il mercato e a porre le basi per una rivoluzione trasformando, come nella favola di cenerentola, una zucca in una carrozza. (foto: Giancarlo Sandrin)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

DFSA to co-host 2nd Fintech Summit

Posted by fidest press agency su domenica, 27 agosto 2017

dubaiDubai. The Dubai Financial Services Authority (DFSA) will co-host the 2nd Fintech Summit with Naseba, a business facilitation company, on October 30 in Dubai, United Arab Emirates. The summit will provide a platform for the region’s banking, financial services and insurance (BFSI) decision makers to source and evaluate the latest developments in FinTech.The DFSA’s involvement in the summit reflects its efforts to develop an innovation-friendly ecosystem, in alignment with the UAE National Innovation Strategy set out by His Highness Sheikh Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, Vice President and Prime Minister of UAE and Ruler of Dubai, to make the UAE a hub for innovation and technology.On August 1, the DFSA launched a bespoke crowdfunding framework for loan and investment platforms, the first in the GCC. The framework has the ability to catalyse growth in the FinTech industry in the UAE and the region, by targeting the specific requirements of crowdfunding platforms. It follows the introduction of the DFSA’s Innovation Testing Licence in May. The special class of financial services licence allows qualifying firms to develop and test innovative FinTech concepts on a restricted basis from within the DIFC, without being subject to all the regulatory requirements that normally apply to regulated firms.The 2nd Fintech Summit is in line with DFSA’s strategic focus on innovation and will provide a platform for the region’s banking, financial services and insurance (BFSI) decision makers to source and evaluate the latest financial technologies.Under the theme ‘Transforming BFSI Enterprises’, the DFSA-sponsored summit will feature keynote addresses from industry thought leaders, as well as pre-scheduled business meetings between FinTech solution providers and BFSI senior executives seeking to adopt FinTech that can benefit their businesses.”Banks in the region have realised that they must adopt new technologies and innovative business models in order to adapt to the changing market,” says Mr. Nicholas Watson, Naseba’s Managing Director. “86% of the 200+ IT executives we surveyed have budgeted at least USD 1 mn (AED 3.6 mn) for FinTech adoption in the next year, with 13% allocating between USD 10 mn (AED 36 mn) and USD 25 mn (AED 91 mn). With DFSA’s support, our platform will provide access to the FinTech innovations enterprises in the region require.”Mr. Bryan Stirewalt, DFSA’s Managing Director of Supervision and a speaker at the summit, noted: “Financial institutions have to harness innovations in technology to improve efficiencies and better solutions and services to customers. The DFSA is opleased to partner with Naseba to offer an appropriate platform to facilitate discussions on latest initiatives in this fast-developing space.”
Other speakers at the summit are the UK Prime Minister’s Ambassador for FinTech, Alastair Lukies, CBE; the COO of Abu Dhabi Islamic Bank, Sagheer Mufti; the SVP of Innovation and FinTech at Emirates NBD, Naimish Shah.The 2nd Fintech Summit is taking at the Park Hyatt Dubai on October 30, 2017 in Dubai. It will bring together over 120 IT stakeholders from BFSI enterprises from across the region for high-level, peer-to-peer industry networking and business facilitation. (photo: dubai)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La nuova, possibile amicizia tra Fintech e Banche

Posted by fidest press agency su sabato, 16 luglio 2016

banche americaneA cura di Giuseppe Donvito. Tanto è stato scritto e detto negli ultimi mesi a proposito di Fintech, ovvero la tecnologia applicata ai servizi finanziari che da qualche anno sta cambiando drasticamente il mondo della finanza e delle banche. Queste ultime, di conseguenza, si vedono obbligate a porsi delle domande sulla sostenibilità futura del proprio modello di business, che – ormai è evidente – non può e non deve più far leva su un canale distributivo meramente fisico e destinato a scomparire.Le recenti esperienze hanno dimostrato che sarebbe drastico ipotizzare che nel breve termine le banche con modelli tradizionali possano soccombere del tutto sotto il peso delle nuove, giovani imprese tecnologiche. Quello che gli istituti finanziari dovrebbero comprendere però è la possibilità di beneficiare dello sviluppo del Fintech, in termini di persone, idee e conseguente scalabilità verso una platea globale.Di fatto, le aziende Fintech e le banche tradizionali / società di servizi finanziari stanno già collaborando e costruendo partnership reciprocamente vantaggiose.Ad esempio, il Peer-to-peer lending, settore FinTech in rapida ascesa, è oggi visto dalle banche in due modi: o un puro competitor o un partner. Una partnership tipica vede la banca diventare lender nelle piattaforme P2P, supportando i prestiti su micro e piccole imprese – che sono solitamente troppo onerosi per una banca tradizionale. Alternativamente, la banca può costituirsi come partner per il referral marketing in modo tale da sfruttare le piattaforme per cross o up-selling sui prodotti. Sono ormai dozzine le partnership su queste direttrici in tutto il mondo. Esempi attuali hanno visto Goldman Sachs sostenere Symphony, e BBVA Compass stringere una collaborazione con OnDeck per offrire prestiti a quelle piccole imprese che altrimenti non si qualificherebbero per il credito bancario. Nuovo importante fenomeno, forse ancora più rilevante, è l’evoluzione di questo tipo di partnership, che prevede anche l’ingresso delle banche (o altre istituzioni finanziarie, vedi Insurance in Francia) nell’equity delle piattaforme e il contemporaneo rilascio del commitment. Una situazione win-win che sta muovendo l’industria verso un rapporto di cooperazione, piuttosto che di competizione.Un aspetto importante che traina il settore, seppure in maniera talvolta “shadow” è l’intervento (o assenso) dei regolatori nazionali in questo mercato. La presenza di regole più o meno certe, agevolazioni fiscali e addirittura l’ingresso dello Stato nel Fintech hanno dato un volano importante allo sviluppo. Dove lo Stato è “intervenuto” in tal senso c’è stato un effetto moltiplicatore dello sviluppo del Fintech e della cooperazione con gli istituti di credito tradizionali (l’esempio UK è il caso di successo più evidente).In generale, anche se il settore FinTech ha rivoluzionato lo scenario finanziario, è ancora nella prima fase del suo sviluppo: si prospetta una convergenza tra FinTech e banche tradizionali, che porterà ad una condivisione della tecnologia, dei talenti e del know-how. Quindi, le banche tradizionali e le società di servizi finanziari che sapranno sfruttare l’opportunità e creare partnership con i nuovi player saranno i principali benefattori dell’innovazione FinTech: grazie a loro potranno colmare le lacune critiche nel loro portafoglio, raggiungere i segmenti di pubblico meno serviti, e fornire al cliente un’esperienza migliore, a costi ridotti.Insomma, quelle banche che sapranno muoversi rapidamente per acquisire startup, creare partnership o collaborazioni con le imprese FinTech potranno intercettare le nuove tecnologie e ottenere l’accesso ai servizi specializzati prima che il costo di acquisizione di queste imprese salga.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »