Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘flaminio’

Cimitero di Prima Porta: incuria e dissesto rovinano il riposo dei defunti

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 maggio 2021

Roma.“Nel Cimitero Flaminio, chiamato dai romani Prima Porta, ad essere morto sembra essere il decoro urbano”. Con queste parole Barbara Molinario e Giuseppe Rizzo, candidati in tandem alle prossime elezioni amministrative del XV Municipio per Fratelli d’Italia commentano il più grande cimitero d’Italia, vasto 140 ettari e percorso da 37 km di strade.Molinario e Rizzo si sono recati sul posto, per verificarne le reali condizioni, dopo aver ricevuto le lamentele di alcuni cittadini. Una volta arrivati, si sono trovati di fronte una situazione che, soprattutto in alcune aree, verte in un totale stato di degrado, con erba alta ed incolta, strade dissestate con buche profonde e le possenti radici degli alberi secolari che premono da sotto l’asfalto per venire fuori, creando dossi pericolosi per la viabilità. “Parliamo di un’area molto estesa, al punto che al suo interno le strade hanno nomi e circolano appositi autobus. Qui ogni giorno si recano centinaia e centinaia di cittadini per ricordare i propri cari defunti. Dovrebbe essere un luogo di conforto, invece sono costretti a fare dei veri e propri rally tra dossi e buche. È assolutamente necessaria una maggiore e migliore programmazione della manutenzione e rispetto da parte dell’amministrazione comunale, impiegando se necessario un maggior numero di addetti, cercando di inserire personale qualificato. – Proseguono Molinario e Rizzo – Purtroppo la manutenzione di queste aree spesso è regolata da contratti vecchi, talvolta anche applicati male. Sarebbe auspicabile rivedere il sistema degli appalti, adeguandole allo stato attuale delle cose e inserendo nuove regole. Serve una visione pluriennale di questi luoghi, che ne programmi la gestione nel lungo periodo, altrimenti continueremo ad assistere ad uno spreco di denaro pubblico e ad amministrazioni che cercano solo di mettere le toppe, senza mai riuscire a risolvere la situazione, che oggi è a dir poco disastrosa”. Molinario e Rizzo si sono messi in contatto con Valeria Campana, Presidente del Comitato Tutela Cimiteri Flaminio Prima Porta Verano Laurentino, chiedendole un parere sullo stato in cui versano queste aree: “Come Comitato sono anni che denunciamo la situazione di grave degrado in cui versano i cimiteri romani, abbandonati da una amministrazione che li ha menzionati nei suoi atti di governo solo quando si è trattato di introdurre nuove gabelle e aumentare le tariffe per i servizi cimiteriali. La contropartita dovevano essere investimenti, riqualificazioni, realizzazione di nuove sepolture e adempimenti burocratici per nuove concessioni ed invece ad oggi, allo scadere di un mandato drammaticamente protratto stiamo qui ad inventariare lo sfacelo! A nulla servono le dolorose esternazioni dei cittadini, noi stessi ci domandiamo di cosa siano coperti gli occhi di chi avrebbe dovuto e potuto quantomeno mantenere un minimo di pulizia e decoro. È recente l’annuncio di un nuovo piano di investimenti, speriamo non subisca la stessa sorte di quello del 2017 che ad ora è servito solo a far parlare l’assessorato ambiente di turno. Intanto la manutenzione ordinaria diventa urgente, le sepolture sono in grave affanno, la burocrazia irrispettosa, e non mancano fenomeni di furti e scippi.”Consacrata nel 1941, l’area è considerato un capolavoro di architettura cimiteriale contemporanea, ospitando aree dedicate alla sepoltura di defunti devoti alle diverse confessioni religiose (cattolica, evangelica, ebraica e islamica), con l’edificazione della rispettive chiese e templi.Al cimitero di Prima Porta riposano anche molti personaggi noti, tra i quali l’amatissima attrice Virna Lisi, il cantautore Domenico Modugno, l’attore Franco Lechner, meglio noto al grande pubblico con lo pseudonimo di Bombolo e il conduttore e autore televisivo Corrado, all’anagrafe Corrado Mantoni.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Il Cimitero romano Flaminio è nella morsa del degrado e dell’abbandono”

Posted by fidest press agency su domenica, 15 dicembre 2019

Roma. “Chi vi si reca per far visita a un proprio caro equivale ad affrontare una discesa agli inferi ancora più faticosa per la scarsa manutenzione di questi luoghi. A pareti ricoperte di muffa e corridoi pieni di guano o pozzanghere si aggiungono lapidi cadute a terra e ridotte in mille pezzi, tombe ostaggio di rovi ed erbacce, rami pericolanti e infiltrazioni di acqua a causa delle quali sono esposti a rischio crollo alcuni edifici, chiusi al pubblico ormai da quasi un anno.E’ una vergogna: la Sindaca è al corrente della situazione nella quale versa questo come altri cimiteri capitolini, eppure non fa nulla per rendere queste strutture adeguate alla funzione che rivestono e che non è solo quella di accogliere chi ci lascia, ma anche permettere a chi resta di rimanere in contatto coi propri cari ed elaborare il dolore dovuto alla loro scomparsa.Proprio per questo motivo nei giorni scorsi ho presentato un’interrogazione ex art. 105: voglio sapere se e con quali modalità la Raggi intende intervenire per risolvere le problematiche presenti e ristabilire, una volta per tutte, il decoro nel rispetto dei nostri defunti oltre che ripristinare la sicurezza per chi si reca a trovarli». Così Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia e Vice Presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale. (n.r. Condividiamo pienamente il rilievo espresso da Rachele Mussolini. Da anni, oramai, non facciamo che scrivere, perorare, indignarci, sollecitare in tutte le sedi possibili del comune di Roma, e non solo, per rappresentare un disagio grave che sta colpendo tutti i cimiteri romani. Non stiamo qui ad elencare le cose che non vanno, ma semmai faremmo più in fretta a parlare delle cose che funzionano: nulla.)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Approvato il Protocollo di Intesa Roma Capitale – Sapienza Università di Roma per la riqualificazione dello Stadio Flaminio

Posted by fidest press agency su martedì, 6 marzo 2018

È stato approvato con delibera di Giunta l’accordo di cooperazione tra amministrazioni pubbliche con il Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica della Sapienza Università di Roma finalizzato al recupero e alla valorizzazione dell’impianto sportivo “Stadio Flaminio” mediante la predisposizione di un piano di conservazione.Il Protocollo di Intesa è finalizzato allo studio approfondito dell’immobile ed ha come obiettivi:
Presentare il valore architettonico e storico dell’opera e valutarne lo stato attuale di conservazione;
Valutare le modifiche e trasformazioni dell’opera e del rapporto tra questa ed il contesto urbano e paesaggistico susseguitesi nel tempo;
Definire modalità e livelli di protezione calibrati per le diverse parti della struttura che ne permettano il riutilizzo e funzionamento;
Formulare raccomandazioni dettagliate e definire interventi compatibili atti a orientare futuri interventi di restauro e lavori di riqualificazione;
Formulare linee-guida sulla manutenzione e gestione nel rispetto dell’opera originale in funzione di progetto di riqualifica;
Diffondere le attività di ricerca e i risultati da essa conseguiti tramite una costante attività di divulgazione Faranno parte del gruppo di lavoro interdipartimentale, oltre al Dipartimento Sport e Politiche Giovanili, il Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica, il Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, il Municipio II e la Sovrintendenza Capitolina.
“La firma del Protocollo d’Intesa rappresenta un risultato importante per l’iter di riqualificazione dello Stadio Flaminio al fine di sottrarlo al degrado in cui versa ormai da diversi anni. Vogliamo restituire alla città un polo di attrazione sportivo e culturale di alto valore storico e pregio architettonico. La fase di studio, ad opera del Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica della Sapienza Università di Roma, che è assegnataria di un finanziamento erogato dalla Getty Foundation, rappresenta anche uno studio pilota da poter applicare in altri ambiti di interesse delle amministrazioni coinvolte” ha dichiarato l’Assessore allo Sport, Politiche giovanili e Grandi Eventi Daniele Frongia. “Oggi molti edifici moderni hanno bisogno di essere reinterpretati, ripensati e adeguati alle esigenze e alle norme attuali, anche preservandone la vocazione originaria. E’ il caso dello Stadio Flaminio, un capolavoro della storia dell’architettura italiana, che merita di tornare a vivere e a far parte della quotidianità dei cittadini. Questo protocollo ha quindi l’obiettivo di permetterci di studiare e conoscere nel dettaglio lo stato di salute dell’edificio e allo stesso tempo di costruire un percorso di condivisione di strategie possibili per garantirne il suo futuro”, ha aggiunto l’Assessore all’Urbanistica Luca Montuori.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Ampliamento dello stadio Flaminio

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 gennaio 2010

La Giunta comunale di Roma, presieduta dal sindaco, Gianni Alemanno, ha approvato all’unanimità la memoria che autorizza l’ampliamento dello Stadio Flaminio dagli attuali 24.300 posti a 41.845.«Si tratta – spiega Alessandro Cochi, consigliere delegato allo Sport – di un atto fondamentale per consentire, anche in vista della candidatura di Roma a sede ospitante delle Olimpiadi del 2020, di incrementare le possibilità di accoglienza per il rugby, che è stato elevato al rango di disciplina olimpica. Con questo atto, il Comune di Roma avvierà il recepimento dello studio di fattibilità dell’ampliamento predisposto dalla Federazione Italiana Rugby, per il quale sono già stati stanziati quasi 6 milioni e mezzo di euro. Non appena saranno acquisiti i pareri delle Soprintendenze competenti, potranno partire i lavori che amplieranno la capienza del Flaminio che sarà, così, a tutti gli effetti lo Stadio del Rugby della Capitale, rispondendo così ai criteri stabiliti da tutti gli organismi internazionali».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »