Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘fondazione’

Roberto De Lellis è il nuovo direttore di ATER Fondazione

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

È giunta a conclusione la procedura per l’individuazione della nuova guida dell’ente emiliano-romagnolo che ha sede a Modena da oltre cinquant’anni e che alla fine del 2019, dopo un’importante trasformazione societaria, è divenuta Fondazione di partecipazione, affidandone la presidenza a Orsola Patrizia Ghedini.Subito dopo il suo insediamento, il nuovo CdA, ha immediatamente avviato l’iter per la ricerca di un nuovo direttore in sostituzione di Roberto Giovanardi, andato in pensione dopo oltre trent’anni di servizio.Le domande per la presentazione delle candidature, pervenute a seguito di un Avviso pubblico, sono scadute lo scorso 17 febbraio, ma la chiusura forzata, conseguente all’emergenza da Covid-19, ha congelato il procedimento.Con la parziale riapertura delle attività in maggio, la commissione di esperti designata dal CdA ha analizzato i curricula e i progetti di sviluppo presentati dai 13 candidati, individuandone 6, ritenuti più idonei a ricoprire il ruolo di direttore. I 6 candidati hanno poi affrontato un colloquio in via telematica con i consiglieri di amministrazione, che hanno ravvisato in Roberto De Lellis la figura più idonea per la direzione della nuova ATER.Operatore e manager teatrale ben conosciuto in Emilia-Romagna, De Lellis ha iniziato la sua carriera al Festival di Santarcangelo nel 1980. Dopo una breve esperienza come giornalista a Milano, si è stabilito a Reggio Emilia nel 1990 e ha lavorato per dieci anni al Teatro delle Briciole di Parma, dove ha rivestito la carica di presidente e di direttore artistico. Dal 2000 ha iniziato una lunga e intensa collaborazione con Teatro Gioco Vita di Piacenza per il quale è stato direttore di produzione. Appassionato ed esperto di danza, ha collaborato con Sosta Palmizi e, dal 2003, è stato responsabile del circuito AterDanza, embrione dell’attuale circuito multidisciplinare gestito da ATER. Dal 2003 e fino al 2018 ha anche diretto il Festival delle Nazioni di Città di Castello e dal 2010 è docente a contratto nel Master per l’imprenditoria dello spettacolo all’Università di Bologna.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Online il nuovo sito della Fondazione De Agostini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2020

Completamente rinnovato nella veste grafica e nei contenuti che privilegiano un impatto visual dinamico e immediato, al fine di rendere la navigazione più efficace e raccontare in modo chiaro come opera la Fondazione De Agostini, diventata in questi anni un modello positivo di filantropia per il terriorio.La Fondazione De Agostini nasce nel 2007 a Novara, per volontà delle famiglie Boroli e Drago, azioniste del Gruppo De Agostini. Fortemente radicata sul territorio, dove il Gruppo De Agostini è presente dal 1908, la Fondazione è attiva principalmente in ambito sociale, con l’obiettivo di rispondere ai bisogni delle categorie più deboli della comunità, in particolare nelle aree della disabilità, della educazione e formazione, della inclusione sociale e delle emergenze.L’esigenza di aggiornare il sito internet, adottanto una veste grafica più moderna e vivace, insieme ad una più razionale organizzazione dei contenuti, è stata motivata dal desiderio di rafforzare il dialogo con tutti i sostenitori, i partner e i beneficiari della Fondazione De Agostini che dal 2007 ad oggi ha realizzato oltre 237 interventi, per un totale di 17.500.000 Euro erogati. L’home page, che come tutte le altre pagine richiama i colori rosso e blu del logo, offre una panoramica sui contenuti più recenti, dai progetti alle news, dai video istituzionali ai numeri della Fondazione che danno un outlook sui progetti sostenuti, le erogazioni, i partner. Nella parte alta dell’home page si è voluto dare risalto alle quattro aree di intervento in cui opera la Fondazione: Disabilità, Educazione/Formazione, Inclusione sociale, Emergenze. Ciascuna area è caratterizzata da uno specifico colore, che aiuta e guida l’utente nella ricerca e nella lettura dei contenuti – progetti, notizie, comunicati – tutti associati a un determinato colore che ne identifica l’area di riferimento. Mentre, la carta interattiva dell’Italia mappa in modo dinamico e facile i progetti localizzati per regione.
Tra le novità del sito, la sezione “Storia” che ospita una timeline interattiva dei principali avvenimenti dal 2007, anno di costituzione della Fondazione, ad oggi; la nuova pagina dedicata a “Le storie” con i racconti delle esperienze di alcuni protagonisti dei progetti di solidarietà sostenuti. Nella sezione “Trasparenza” è invece racchiuso un principio di lavoro fondamentale per la nostra Fondazione, che ha scelto di operare con modalità e principi chiari, visibilità nella gestione delle risorse e rendicontazioni puntuali.Il total makeover strutturale del sito ha comportato anche la creazione di un nuovo motore di ricerca ottimizzato con funzionalità e filtri che permettono di effettuare ricerche con immediatezza e facilità. Completano il sito le sezioni dedicate alle news, agli eventi e alla rassegna stampa (audio e video) che dà un aggiornamento quotidiano sugli eventi che coinvolgono la Fondazione e sugli interventi e i progetti realizzati.Il nuovo sito si propone inoltre di rafforzare il “dialogo” con gli utenti e costruire una forma più diretta di partecipazione e di condivisione delle attività e dei valori che guidano l’operato della Fondazione. Per questo è stata rafforzata la presenza sui social, aprendo il nuovo profilo Instagram @fondazione.deagostini, che si aggiunge alla già attiva pagina Facebook e al canale YouTube.Il progetto del nuovo sito è stato realizzato dalla web agency GAG che ha curato e sviluppato ogni aspetto, dalla ideazione del nuovo design appositamene studiato per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti, allo sviluppo del backend su CMS WordPress, all’ottimizzazione SEO per migliorare la posizione del nuovo sito sui motori di ricerca.www.fondazionedeagostini.it

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il progetto community hub della fondazione Synapsis

Posted by fidest press agency su sabato, 9 maggio 2020

Nonostante il periodo del lockdown ci abbia portato a stare distanti, la Fondazione Synapsis, a poco più di un mese dalla sua creazione è già a lavoro sulla creazione di una community hub che possa avvicinare i bisogni della società alle proposte delle amministrazioni, ispirato ai modelli dei più virtuosi paesi esteri. “Abbiamo preso spunto dai modelli canadesi – ha spiegato il presidente della Fondazione, Milena Marzano -. L’innovazione che puntiamo a portare con il nostro modello di community hub sta nell’offerta di servizi che utilizza a sua volta le risorse, in uno scambio reciproco tra diversi attori sociali, dalle famiglie alle istituzioni, passando per le start up, ma anche i migranti, centri di ricerca, associazioni culturali, chi si occupa di euro progettazione e soprattutto imprese”.
Sviluppate e ben consolidate all’estero le community hub sono luoghi ideali nei quali ci sono servizi per la comunità offerti dalla società stessa. Questa visione internazionale deriva proprio dalle origini stesse della Marzano, italo-canadese. Il Canada infatti è uno dei primi paesi al mondo ad aver creduto e investito nei modelli di supporto alla comunità, tanto che da una ventina d’anni sono diventati punti di riferimento consultivo per il governo o per le amministrazioni locali nella definizione di politiche necessarie alla società. Sebbene sia stata fondata nel periodo più tormentato degli ultimi 20 anni, l’organizzazione nata dai rappresentanti dell’operosa Rete Civica Urbana Picone Poggiofranco, iniziativa lanciata dal Comune di Bari, si è da subito dedicata a creare una mappatura della città, analizzandone i bisogni. La Fondazione Synapsis, il cui nome derivante dal greco antico vuol dire “unione”, si pone dunque come la prima hub di comunità in Puglia. Essa è composta da cellule dislocate sul territorio che hanno il compito di mappare servizi e bisogni presenti nel territorio stesso. Sono appunto queste cellule che creeranno le “sinapsi sociali”, spinte dal convincimento che i bisogni e le risorse non sono unidirezionali, ma vanno scambiate tra persone dotate di buona volontà.
“Un buon modo per rilanciare l’economia è proprio l’analisi dei bisogni di una comunità. La nostra fondazione, strutturata in maniera tale da cogliere tali caratteristiche del territorio, può essere utile. Ormai siamo costretti a rivedere i sistemi dell’economia e ridisegnare un dialogo stringente tra imprese e cittadini. Noi vogliamo essere un catalizzatore di questa interazione”.
In questo processo l’elemento fondamentale è rappresentato proprio dai componenti dell’hub, in gran parte i soci fondatori della Synapsis, ricercatori impegnati a vario titolo, imprenditori che operano sul campo, da tanti anni, nei contesti più svariati e società benefit che hanno preso l’impegno già nello statuto in termini di attenzione verso la propria comunità e quindi sono i primi interlocutori che si sono inseriti volentieri in questo progetto.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Troppi contagi nelle sedi della Fondazione Don Gnocchi: requisire le strutture

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 aprile 2020

Le allarmanti notizie di questi giorni sui contagi nelle strutture sanitarie private Don Gnocchi in tutto il paese parlano di un aumento dei positivi al Covid-19 sia tra operatori e operatrici che tra i pazienti. USB ha scritto alla Fondazione chiedendo di avere i dati nazionali dei contagi sia tra i pazienti che tra il personale.Alcune di queste strutture sono state peraltro trasformate per accogliere pazienti Covid, a supporto della sanità pubblica, e abbiamo notizia che in molte sedi Don Gnocchi si è sviluppato il contagio. Da più fonti risulta che nelle fasi iniziali di questa epidemia la direttiva impartita al personale sanitario era di non indossare le mascherine, per evitare di spaventare i pazienti: una follia, che ha provocato i risultati negativi oggi davanti agli occhi di tutti.Nelle prime fasi del lockdown come USB abbiamo dovuto diffidare la Fondazione perché operatori e operatrici non avevano i Dpi necessari per garantire la loro salute e quella dei pazienti. A Roma i responsabili avevano addirittura pensato bene di punire una RLS, mettendola in ferie forzate, solo perché aveva chiesto il materiale necessario per continuare a lavorare in sicurezza; soltanto dopo che USB è intervenuta con una diffida formale la RLS è stata fatta rientrare al lavoro.Quanto accade da più di un mese in questi luoghi, perché la Fondazione Don Gnocchi è soltanto la punta dell’iceberg, ormai è chiaro a tutti: il Servizio Sanitario pubblico é l’unica possibilità di uscire da questa pandemia, il sistema privato non è controllabile e mette a rischio tutta la popolazione. L’unico fine di chi gestisce questi luoghi di cura è il profitto, a discapito di tutto.Questo non è più accettabile, le strutture private a cominciare dalle sedi Don Gnocchi vanno commissariate e requisite totalmente.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Continua l’impegno di Fondazione Cariplo per sostenere iniziative culturali

Posted by fidest press agency su domenica, 12 aprile 2020

Fondazione Cariplo anche in questo momento difficile non dimentica il ruolo della Cultura affacciata sul domani. Approvati dal Consiglio di Amministrazione 14 progetti nell’ambito del bando “Beni aperti”, attraverso cui Fondazione Cariplo sostiene interventi di restauro di beni di interesse storico-architettonico e l’insediamento all’interno di essi di nuove attività e servizi. Circa sei milioni di euro saranno destinati ad organizzazioni private non profit, enti pubblici ed ecclesiastici detentori o affidatari di beni culturali di pregio su tutto il territorio lombardo e nelle province di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola. Da anni la Fondazione promuove interventi di riqualificazione e valorizzazione del patrimonio culturale nella consapevolezza della loro importanza per lo sviluppo sociale ed economico-turistico del territorio. Mai come in questo periodo storico in cui gli enti e i territori stanno affrontando una crisi epocale dovuta alla pandemia è importante che la cultura ci aiuti a ritrovare il senso della nostra storia individuale e collettiva per meglio affrontare il futuro ed è questo l’obiettivo primario, in questo momento, per Fondazione Cariplo; la decisione del Consiglio, che arriva a pochi giorni di distanza da un altro ingente sostegno alla cultura, grazie al bando “Luoghi di innovazione culturale”, attraverso il quale sono stati destinati 3 milioni di euro ad organizzazioni che hanno in proprietà o gestione luoghi della cultura e che intendono insediarvi un’innovazione concreta e duratura.I progetti, selezionati tra i 58 candidati sul bando Beni aperti nel luglio 2019, abbracciano diverse tipologie di intervento: dalla riqualificazione di immobili storici di proprietà diocesana – nelle città di Bergamo e Cremona – che saranno restituiti alla fruizione delle comunità come centri culturali e di potenziamento dell’offerta turistica locale destinata a svolgere un ruolo centrale nell’economia del futuro, alla riapertura di una sala cinematografica nella città di Lecco che, al termine delle opere di riqualificazione, potrà ripartire con una programmazione di proiezioni e spettacoli. E ancora: nuovi spazi dello storico Teatro Coccia di Novara saranno riqualificati per dare avvio ad attività di carattere formativo nell’ambito dello spettacolo dal vivo, così come interventi di riqualificazione e rinnovamento gestionale saranno realizzati a Palazzo Te, emblema della città di Mantova. A Cernobbio, in provincia di Como, saranno potenziate le attività formative e culturali del compendio di Villa Erba – storica dimora di Luchino Visconti, oggi di proprietà pubblica – attraverso la riqualificazione dell’area dell’ex serra della villa. Nei comuni delle aree interne di Argegno (Valle Intelvi – CO) e Malegno (Valle Camonica – BS) saranno realizzate azioni di potenziamento del sistema di ricettività in chiave turistica e culturale, anche in connessione con le filiere produttive locali. Sempre in provincia di Brescia, a Gardone Riviera, presso il Complesso del Vittoriale degli Italiani, dimora di Gabriele d’Annunzio, sarà riaperta al pubblico, attraverso la realizzazione di un percorso museale ed allestitivo dedicato, la dimora dell’architetto Maroni, storico progettista della dimora del Vate.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

COVID-19: Fondazione Toscana Life Sciences e INMI Spallanzani siglano accordo per innovativo progetto di ricerca

Posted by fidest press agency su sabato, 28 marzo 2020

La tecnica della Reverse Vaccinology 2.0 permetterà di isolare anticorpi monoclonali umani da pazienti convalescenti
Si chiama vAMRes Lab ed è il gruppo di ricercatori e ricercatrici presso Fondazione Toscana Life Sciences (TLS) che, in questi giorni di emergenza globale legata al diffondersi del Coronavirus, ha avviato un progetto di ricerca per lo sviluppo di anticorpi monoclonali umani in risposta all’infezione da SARS-CoV-2, con l’intento di utilizzarli a scopo profilattico/terapeutico e come esca molecolare per la ricerca di antigeni per lo sviluppo di vaccini.La ricerca è condotta in collaborazione con l’Ospedale Spallanzani INMI (Istituto Nazionale Malattie Infettive) di Roma con il quale la Fondazione ha recentemente siglato un accordo quadro biennale volto allo sviluppo di anticorpi monoclonali umani che possano offrire una risposta rapida a malattie infettive emergenti. Nel caso specifico di SARS-CoV-2 l’Istituto, in qualità di I.R.C.C.S. dedicato alle malattie infettive, offre il suo prezioso contributo derivante dalla possibilità di accedere a informazioni e analisi dei pazienti con infezione COVID-19 e dalla capacità di isolare, coltivare e caratterizzare l’agente patogeno.Il laboratorio vAMRes (Vaccines as a remedy against Anti-Microbial Resistance) di Fondazione TLS è nato a fine 2018 grazie a un ERC Advanced Grant di 2,5 milioni di euro per un progetto di ricerca sull’antibiotico-resistenza (batteri Neisseria gonorrhoeae, Klebsiella pneumoniae) e, per questo motivo, ha già implementato la metodica di identificazione di anticorpi monoclonali che possono essere testati in saggi in vitro sia contro le specie batteriche sia contro quelle virali. vAMRes Lab è cresciuto in poco tempo grazie anche a un finanziamento del Wellcome Trust di oltre 4 milioni di euro per un progetto specifico sul batterio Shigella e, in seguito all’outbreak di COVID-19, ha aggiunto una linea di ricerca dedicata al Coronavirus SARS-CoV-2 nell’ambito del Progetto C.Re.Me.P. (Centro Regionale per la Medicina di Precisione) finanziato dalla Regione Toscana.L’approccio sperimentale seguito dal gruppo di ricerca prende il nome di Reverse Vaccinology 2.0, ideato dal Dott. Rino Rappuoli, Chief Scientist and Head External R&D di GSK Vaccines a Siena nonché Principal Investigator del progetto ERC vAMRes presso la Fondazione TLS. Questo consiste nel reclutare pazienti convalescenti o guariti da infezioni batteriche o virali e nel prelevarne il sangue che è utilizzato per isolare le cellule B, produttrici di anticorpi monoclonali. Questi ultimi vengono clonati ed espressi in opportuni sistemi cellulari per essere poi testati in saggi in vitro contro le specie batteriche o virali sopra citate. I saggi includono la valutazione del legame dell’anticorpo al batterio o al virus bersaglio e la misura della attività neutralizzante dell’anticorpo contro i medesimi batteri o virus. Gli anticorpi monoclonali isolati mediante questo processo sono poi sottoposti ad ottimizzazione molecolare in modo da aumentarne l’affinità e/o la stabilità. Inoltre, gli anticorpi monoclonali umani possono essere utilizzati come strumento per l’identificazione di nuovi antigeni per velocizzare lo sviluppo di vaccini contro un determinato patogeno (nel caso specifico SARS-CoV-2).
L’epidemia causata dal Coronavirus SARS-CoV-2 – La polmonite da SARS-CoV-2 si manifesta più comunemente con una sintomatologia caratterizzata da febbre, tosse secca, mal di gola e difficoltà respiratorie. Secondo i dati attualmente disponibili, la malattia può presentare un decorso lieve, con sintomi simili a quelli dell’influenza, oppure evolvere in una forma grave, con necessità di assistenza alla respirazione in reparti di terapia intensiva. Gli individui con patologie preesistenti, soprattutto di carattere respiratorio, cardiovascolare, metabolico (diabete) ed epatico, sono a maggior rischio di sviluppare manifestazioni cliniche gravi. Anche gli anziani sono considerati a maggior rischio di polmonite severa.Nelle settimane che hanno seguito l’annuncio del primo focolaio di polmonite da SARS-CoV-2, abbiamo assistito ad un costante incremento del numero dei casi che, al giorno 25 Marzo 2020, è giunto ad un totale di 416.686 unità a livello globale, di cui 69.176 in Italia. Il 30 gennaio 2020, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha dichiarato COVID-19 la sesta emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale e il giorno 11 marzo 2020 COVID-19 è stata dichiarata pandemia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuova edizione di Amgen Scholars

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 gennaio 2020

Le prossime settimane sono le ultime per potersi candidare alla nuova edizione di Amgen Scholars (www.AmgenScholars.com), il programma di Fondazione Amgen che permette agli studenti più meritevoli delle facoltà medico-scientifiche di lavorare per due mesi estivi su progetti in ambito biomedico e biotecnologico, presso gli istituti di ricerca europei più prestigiosi. Amgen Scholars è un’iniziativa che, ogni anno, offre a 75 studenti universitari di tutta Europa, e a centinaia di studenti in tutto il mondo, il privilegio di inserirsi in prestigiosi team internazionali per immergersi in un contesto sperimentale di altissimo livello. Grazie a questa opportunità gli studenti potranno confrontarsi sugli aspetti concreti che animano la ricerca scientifica. L’inserimento in gruppi di lavoro di alto profilo consentirà ai giovani talenti di comprendere concretamente il significato della “sperimentazione”: dallo studio di lavori svolti da altri, alla ricerca di una strada per fare ulteriori passi avanti; dallo sviluppo di nuove idee, all’individuazione di percorsi innovativi e mai provati prima. Lo sviluppo di intuito e creatività è accompagnato dalla possibilità di utilizzare un mondo di strumenti sofisticati e di tecnologia avanzata che danno la percezione di quanto sia complesso, ma allo stesso tempo affascinante, il mondo della ricerca.
Il programma Amgen Scholars, al quale ci si può candidare fino al 3 febbraio 2020, rientra tra le iniziative formative che Fondazione Amgen sostiene, a livello mondiale, per favorire la cultura scientifica tra le nuove generazioni, e che comprende, altri due programmi riservati rispettivamente a insegnanti e studenti delle scuole superiori, Amgen Teach e Amgen Biotech Experience (ABE). A favore di questi tre programmi e di ulteriori iniziative scientifiche a livello locale, l’investimento complessivo sostenuto dalla Fondazione Amgen in Italia, a partire dal 2014, è stato di 500mila euro, mentre la cifra destinata in tutto il mondo allo sviluppo dei Progetti Amgen Scholars, Amgen Teach e ABE ammonta a oltre 150 milioni di dollari.
L’Italia si colloca tra i primi cinque Paesi in Europa per numero di candidature al programma: negli ultimi due anni sono state circa 100 le domande degli studenti italiani e 30 i giovani talenti del nostro Paese che, a partire dal 2009, hanno potuto prendere parte al progetto nelle più prestigiose Università europee; a questi vanno aggiunti due studenti che hanno partecipato al programma presso istituti in Giappone.
In tutto il mondo sono 24 le Università cui il programma Amgen Scholars ha destinato nel corso di oltre 16 anni 74 milioni di dollari: tra questi atenei l’Harvard University di Cambridge (Massachusetts), il National Institutes of Health di Bethesda (Maryland), l’Università di Cambridge e la Stanford University di Stanford (California), o ancora l’University di Melbourne, l’University di Toronto e tante altre.
Anche l’Europa non è da meno. Tra le Università che hanno aderito al progetto, infatti, figurano Istituti che si collocano ai primi posti nella classifica internazionale come l’Università di Cambridge, l’ETH di Zurigo, l’Istituto Pasteur di Parigi, il Karolinska Institutet di Solna (nei pressi di Stoccolma) o la Ludwig-Maximilians-Universität di Monaco di Baviera.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convenzione tra Fondazione Zeffirelli e Università di Firenze

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

In considerazione la comunanza d’intenti tra le due istituzioni, è stata siglata nei giorni scorsi una convenzione tra la Fondazione Franco Zeffirelli e l’Università degli Studi di Firenze. L’accordo prevede un rapporto privilegiato tra i due enti sia nell’ambito della diffusione culturale, sia in quello della collaborazione su determinati progetti, per ognuno dei quali è prevista comunque la stipula di un protocollo d’intesa specifico.«Su proposta della Fondazione Zeffirelli – ha detto il Rettore dell’Università di Firenze, Luigi Dei, che oggi ha visitato la Fondazione Zeffirelli di Firenze -, con la quale avevamo già in essere una convenzione per ospitare i tirocinanti, abbiamo recentemente approvato nel Senato Accademico e Consiglio di Amministrazione una convenzione più generale per iniziative a 360 gradi tra questa fondamentale e significativa istituzione, da poco qui a Firenze, e la nostra Università perché penso ci siano tanti punti di intersezione. Mi auguro quindi che la nuova convenzione, che è una carta scritta, possa originare anche iniziative concrete, cosa di cui sono certo». Da parte sua Pippo Zeffirelli, Presidente della Fondazione intitolata al Maestro Franco, ha aggiunto di essere «sicuro di questa collaborazione. Per noi si tratta di un importante punto di arrivo e soprattutto mi preme l’opportunità di poter attrarre l’Università in questo mondo straordinario, di fantasia ma anche di grande professionalità, costituito dalle arti dello spettacolo».
http://www.fondazionefrancozeffirelli.com

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Dieci anni della Fondazione Bottari Lattes

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 dicembre 2019

Torino venerdì 6 dicembre alle 17,30 al Circolo dei lettori (Via Bogino 9 Sala Grande). Saranno presenti alcuni protagonisti di questa decennale avventura culturale: il linguista e critico letterario Gian Luigi Beccaria, presidente della giuria del Premio Lattes Grinzane; il professore di letteratura italiana Giovanni Bàrberi Squarotti, coordinatore del Comitato scientifico della Fondazione Bottari Lattes; il fotografo Guido Harari, di cui la Fondazione ha ospitato diverse mostre (Wall of Sound 10 e Art Kane. Visionary); lo scrittore Alessandro Perissinotto, vincitore del Premio Lattes Grinzane 2019 con Il silenzio della collina (Mondadori). Modera l’incontro Mario Guglielminetti, direttore marketing della Fondazione Bottari Lattes. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.
La Fondazione Bottari Lattes in questi dieci anni è stata sostenuta da diversi enti, tra cui: Mibact, Centro per il libro e la lettura, Regione Piemonte, Città di Alba, Città di Cuneo, Comune di Grinzane Cavour, Comune di Monforte d’Alba, Unione di Comuni Colline di Langa e del Barolo, Fondazione CRC, Fondazione CRT, Compagnia di San Paolo, Banca D’Alba, Polo del ‘900, Banor, Cantina Giacomo Conterno, Enoteca Regionale Piemontese Cavour, Cantina Terre del Barolo, Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, Felicin-Ristorante Albergo Dimora Storica, La Ribezza Boutique Hotel, Antica Torroneria Piemontese.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Meet Human”: la nuova Fondazione nata per “incontrare l’umano”

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 novembre 2019

Bergamo, 11 novembre 2019 – È stato il cardinale Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, a dare ufficialmente il via alla Fondazione Meet Human con la sua profonda lectio magistralis che ha enunciato domenica mattina al Centro Congressi Papa Giovanni XXIII di Bergamo, davanti ad una sala gremita. Meet Human è la nuova opera della Fondazione San Michele Arcangelo che si occuperà di progetti internazionali in paesi in via di sviluppo, attraverso interscambi multiculturali nei campi dell’educazione, formazione, inserimento lavorativo, con attenzione alla sostenibilità economica e ambientale.“Questa nuova Fondazione porta un nome impegnativo che rappresenterà sempre un orizzonte a cui tendere nel lavoro e uno stimolo costante a non lasciarvi mai tranquilli, ad alzare l’asticella delle vostre opere” ha sottolineato il Cardinale Sarah “Meet Human significa incontrare l’umano e significa quindi soprattutto incontrare l’uomo come figlio e creatura di Dio. La cultura dell’incontro ci rende fratelli”. Il Cardinale ha parlato di situazioni critiche ed ineludibili oggi: la crisi della fede, la crisi della chiesa, la crisi del sacerdozio, la crisi ideologica, il crollo spirituale dell’occidente, sfide che saranno anche quelle della Fondazione e che vanno affrontate con la speranza. “Speranza che salva, che non è il semplice ottimismo della ragione, ma è la salvezza che viene dall’incontro con Gesù Cristo” ha spiegato Robert Sarah. “Sono tre le parole a mio avviso centrali che ci devono guidare nel nostro agire quotidiano per cooperare tra noi e con Dio: fraternità, incontro e carità. La fede implica sempre un profondo desiderio di cambiare il mondo e trasmettere valori per lasciare qualcosa di migliore con il nostro passaggio sulla terra” ha continuato il Cardinale che ha parlato soprattutto di speranza “speranza che ci stimola e ci apre ad una dimensione di carità tanto desiderabile, ma forse così assente nel nostro modo di fare. Spero che questa vostra iniziativa porti frutto e sia testimonianza” ha concluso.
“La Fondazione nasce per incontrare e sostenere nel mondo esperienze di umanità vera e impegnate, per la realizzazione integrale della persona, perché siamo certi che questo scambio possa allargare i nostri orizzonti e approfondire le ragioni della solidarietà. L’altro da noi deve essere accolto dentro di noi per poter essere capito e amato” ha chiosato il Presidente della Fondazione Meet Human Massimiliano Marcellini.Gli obiettivi della Fondazione saranno raggiunti avvalendosi delle competenze e del capitale umano delle altre fondazioni del gruppo per generare opportunità in favore dei destinatari dei suoi progetti di sviluppo. Alla Fondazione San Michele Arcangelo fanno capo infatti oltre a Meet Human, anche la Fondazione Ikaros, Fondazione Et Labora e Fondazione ITS JobsAcademy, tutte opere volte ad educare, formare e inserire nel mondo del lavoro più di 4.000 mila persone all’anno, con 250 collaboratori diretti e partnership con oltre 2.500 aziende.Un primo progetto internazionale che la Fondazione Meet Human sta immaginando è con la Siria, in particolare con Aleppo, con questo primo progetto si propone di contribuire all’educazione, formazione ed inserimento lavorativo di un gruppo di ragazzi siriani, con l’ipotesi di accoglierli in Italia per due anni, offrendo loro un percorso di alta specializzazione, in collaborazione con aziende disposte ad assumerli ad Aleppo al termine del percorso formativo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Settantesimo anniversario della fondazione della Repubblica Popolare cinese

Posted by fidest press agency su sabato, 2 novembre 2019

Sono i giorni in cui il Plenum del Partito Comunista Cinese si è riunito per discutere la nuova forma di governance cinese e l’Accademia Cinese delle Scienze Sociali (il più importante think tank di Pechino) ha organizzato la decima edizione del World Socialism Forum.Visto dall’occidente, fino a pochi anni fa, sarebbe sembrato un incontro fuori dal tempo, ma con la crisi che attanaglia i paesi occidentali e con la poderosa crescita cinese degli ultimi anni, l’incontro assume particolare interesse, anche fuori dalla Cina.
Tra i partecipanti al World Socialism Forum di Pechino alla presenza di una centinaio di esperti, studiosi, accademici e dirigenti politici cinesi ed internazionali vi è anche Francesco Maringiò, 40 anni, di Bologna, studioso della Cina contemporanea ed autore del libro di recente pubblicazione: La Cina della Nuova Era (ed. La città del Sole, 2019), il primo libro in Italia sul 19 Congresso del PC cinese.
La guerra commerciale Cina-Usa, i nuovi equilibri internazionali ed il dibattito sul marxismo cinese sono stati al centro delle relazioni dei vari relatori. Nel suo intervento, Maringiò ha sottolineato alcuni degli aspetti principali del “socialismo con caratteristiche cinesi”: “uno di essi è – ha affermato Maringiò – l’abilità di far vivere assieme ogni significativa riforma assieme al dialogo con la tradizione”. La combinazione di economia di mercato e ruolo dello stato è una costante della politica cinese, non solo una peculiarità delle riforme di Deng. Si hanno chiari esempi anche durante Mao ed il governo dei Qing, nel 18mo secolo. Un altro aspetto, ha sottolineato Maringiò, “è la forte vocazione alla sperimentazione” e la capacità di imparare dagli errori. “Nonostante Trump cerchi di separare economie e paesi avviando un processo di de-globalizzazione – ha infine commentato Maringiò a margine del Forum – la Cina è fortemente interconnessa con i paesi occidentali. E’ impensabile costruire le migliori condizioni di collaborazione e sviluppare le relazioni, se non si conosce nel profondo il loro sistema economico, politico e sociale. Loro hanno una precisa idea del nostro sistema, noi occidentali invece un’idea molto vaga del loro. Per colmare il limite di questa conoscenza la partecipazione al Forum ed il confronto con gli studiosi ed accademici cinesi costituisce una via privilegiata per avere accesso alla più alta elaborazione della classe dirigente di questo grande paese”.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Meet Human: la nuova Fondazione a servizio dei più deboli

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 novembre 2019

Bergamo.Domenica 10 novembre alle 10.30 al Centro Congressi Papa Giovanni XXIII di Bergamo, saranno presentati lo scopo e i progetti di questa nuova iniziativa che nasce per incontrare e sostenere nel mondo esperienze di umanità vera, impegnate per la realizzazione integrale della persona, per uno scambio che possa allargare gli orizzonti e approfondire le ragioni della solidarietà.
Sarà il Cardinale Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, che con una lectio magistralis presenterà la nuova Fondazione.Meet Human si occuperà di progetti internazionali in paesi in via di sviluppo, attraverso interscambi multiculturali nei campi dell’educazione, formazione, inserimento lavorativo, con attenzione alla sostenibilità economica e ambientale, avvalendosi delle competenze e del capitale umano delle altre fondazioni del gruppo per generare opportunità in favore dei destinatari dei suoi progetti di sviluppo. “Misericordia e verità si incontreranno, giustizia e pace si baceranno”: questo è l’orizzonte, come recita il Salmo 84, al cui servizio si metterà Meet Human e il fulcro dell’intervento del Cardinale Robert Sarah.
Il primo progetto internazionale che la Fondazione Meet Human sta costruendo è per aiutare la Siria, con questo primo progetto si propone di contribuire all’educazione, formazione ed inserimento lavorativo di un gruppo di 20 ragazzi siriani, con l’ipotesi di accoglierli in Italia per due anni, offrendo loro un percorso di alta specializzazione, in collaborazione con aziende disposte ad assumerli ad Aleppo al termine del percorso formativo.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fondazione Pubblicità Progresso: Andrea Farinet nuovo presidente

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 giugno 2019

Si è tenuto un CdA di grande svolta per la Fondazione Pubblicità Progresso. Come preannunciato, Alberto Contri ha rassegnato le dimissioni dalla presidenza dopo venti anni di mandati ininterrotti, in cui l’Associazione nata nel 1971 è stata trasformata in una Fondazione, Centro Permanente di Formazione alla Comunicazione Sociale particolarmente impegnata nella sostenibilità e con un network di 100 docenti universitari di 85 Facoltà e Master in 45 Atenei di tutta Italia.
Nuovo presidente è il Prof. Andrea Farinet, docente di Economia e Gestione delle imprese, presso LIUC – Università Cattaneo, dove insegna Marketing Relazionale e CRM, Psicologia del Consumo e Nuove Piattaforme Digitali. Già docente di marketing per circa vent’anni in Bocconi, dove ha conseguito il PhD in Business Administration, è advisor di importanti realtà culturali e tecnologiche come l’Istituto Italiano di Tecnologia, la Fondazione Bracco, Facility Live e The Ruling Companies. Ha fondato il Socialing Institute, particolarmente impegnato sulle tematiche della CSR.È stato nominato all’unanimità dal Consiglio della Fondazione fra i due nuovi cooptati fra personalità di provata competenza ed esperienza: il secondo è Giangi Milesi, già presidente del Cesvi con grande esperienza nel Terzo Settore. Il nuovo tesoriere è Franco Meroni, presidente di AAPI e già consigliere della Fondazione.Tutto si è svolto all’unanimità, come unanime è stato il caldo applauso che ha salutato il lungo e generoso impegno di Alberto Contri nel fare di Pubblicità Progresso il punto di riferimento per la comunicazione sociale in Italia e non solo. Ricordando che tempo fa il presidente Napolitano aveva dichiarato, ricevendo il CdA della Fondazione al Quirinale: “Pubblicità Progresso è un caso di eccellenza unico al mondo”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accordo tra Fondazione Italia Cina e Host Consulting

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 maggio 2019

Dopo la proficua collaborazione con la Scuola di Formazione Permanente dello scorso anno, Host Consulting e Fondazione Italia Cina hanno siglato nel mese di marzo un accordo di durata annuale per rilanciare la presenza online della Fondazione e migliorare le performance della stessa.HOST CONSULTING, società di consulenza nel campo del marketing e della comunicazione, specializzata in Education Marketing, è ora socio sostenitore della Fondazione, in un’ottica di condivisione massima degli obiettivi. La Società si occuperà di intraprendere attività di marketing, di formulare strategie di comunicazione online orientate agli stakeholder della Fondazione e della formazione del personale interno su argomenti afferenti ai canali digitali di comunicazione.“L’ampiezza delle competenze e l’esperienza maturata sul campo negli anni permettono a Host Consulting di fornire consulenza strategica a realtà formative di qualsiasi dimensione, private o pubbliche, istituzioni con una lunga storia alle spalle o start-up in fase di lancio” – si legge nel comunicato diffuso dalla Fondazione.Host Consulting è felice di lavorare ancora una volta al fianco di una realtà di tale rilevanza e di poter collaborare con i Responsabili di ciascuna delle Unit che compongono la Fondazione: per i servizi alle imprese, Marco Bettin; per la formazione e la Scuola Permanente, Francesco Boggio Ferraris; per il Centro Studi e la divulgazione scientifica, Filippo Fasulo; per la Comunicazione, Silvia Cravotta. Porge, inoltre, un ringraziamento speciale a Vincenzo Petrone, Direttore Generale della Fondazione.Nell’ambito della collaborazione, Host Consulting avrà l’opportunità di interfacciarsi, inoltre, con aziende del calibro di Alibaba, Huawei e WeChat.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fondazione Cortina 2021 sceglie CWT M&E per l’organizzazione dei Mondiali di sci FIS 2021

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 maggio 2019

Milano. CWT M&E, agenzia globale specializzata in meeting ed eventi, è stata scelta da Fondazione Cortina 2021 come partner tecnico dei Campionati del Mondo di Sci Alpino, che si terranno a Cortina d’Ampezzo, Italia, e che nel corso dei 14 giorni della competizione vedranno gareggiare campioni provenienti da oltre 70 diversi Paesi.
“Siamo felici e orgogliosi di essere partner di Fondazione Cortina 2021 in questa avventura Mondiale – dichiara Armando Mastrapasqua, Senior Director CWT M&E EMEA. “Parliamo di una manifestazione che è un’eccellenza internazionale, che coinvolge migliaia di tifosi e praticanti in tutto il mondo, con la loro grande passione”.
L’organismo presieduto da Alessandro Benetton e diretto dall’AD Valerio Giacobbi ha coinvolto CWT M&E per la grande esperienza acquisita sul campo, come partner delle maggiori federazioni sportive italiane, tra cui la Federazione Italiana Sport del Ghiaccio per l’organizzazione dei recenti Campionati Mondiali di Pattinaggio su Ghiaccio di Milano 2018, del Comitato Olimpico Nazionale Italiano per le Olimpiadi di Pyeongchang 2018 e, oltre che, a livello internazionale, di CIO, UEFA e Dorna Sports.”Questo è senza alcun dubbio il più importante evento sportivo che si svolgerà in Italia nei prossimi tre anni, per il cui successo la gestione logistico-organizzativa è cruciale”, afferma Valerio Giacobbi. “La partnership con CWT M&E ha l’obiettivo di rispettare gli standard di qualità ed efficienza richiesti dalla FIS (Federazione Internazionale Sci) e di creare una piattaforma di evento in grado di integrare l’intero comparto dell’hospitality con le esigenze di tutti i partecipanti, dai team, ai media, agli sponsor, fino ai tifosi”.
Insieme all’Associazione Albergatori di Cortina, presieduta da Roberta Alverà, Fondazione Cortina 2021 e CWT M&E sono giunti ad un accordo per l’organizzazione logistica dell’accommodation durante i prossimi appuntamenti iridati che si terranno nell’ampezzano. Coordinamento e gestione che saranno a cura di CWT M&E Sport – team di professionisti specializzato in eventi sportivi.“La partnership con CWT M&E è per noi motivo di grande soddisfazione, – dice Roberta Alverà, Presidente Associazione Albergatori Cortina – in quanto ci assicura una gestione di alto profilo di tutti gli aspetti legati all’hospitality in occasione di questo e di altri grandi eventi”.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bilancio Fondazione CRT

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 marzo 2019

Torino Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione CRT, che si è riunito a Torino sotto la Presidenza del Professor Giovanni Quaglia, ha approvato il progetto di Bilancio 2018. Il documento sarà sottoposto ora all’esame del Consiglio di Indirizzo, che si riunirà il prossimo 30 aprile.Il bilancio consuntivo 2018 si chiude con un avanzo d’esercizio pari a 92 milioni di euro (in crescita del 7,6% rispetto all’avanzo 2018). Un risultato certamente positivo, realizzato grazie a un’efficiente ed equilibrata gestione operativa e del patrimonio, cui hanno contribuito il ritorno alla distribuzione dei dividendi da parte di UniCredit, con il conseguente pagamento degli interessi sui c.d. titoli Cashes e l’apporto dell’attività di negoziazione.In un anno in cui, a livello mondiale, la maggior parte delle classi di attività ha fatto registrare performance negative, la redditività della gestione del patrimonio della Fondazione è stata conseguita grazie a una mirata attività di negoziazione. Pertanto, pur in presenza di alcune rettifiche di valore delle attività in portafoglio, è stata mantenuta e incrementata la capacità di supportare finanziariamente i progetti dell’attività istituzionale. L’attenzione prestata all’efficienza gestionale ha determinato oneri di gestione sostanzialmente in linea con il 2017, mentre l’onere per imposte IRES, con un valore complessivo dei dividendi incassati invariato, è aumentato di oltre 2 milioni di euro a 16 milioni di euro, portando il carico fiscale complessivo sostenuto dalla Fondazione nel 2018 a 21,3 milioni di euro. Ampiamente positiva la posizione finanziaria netta, salita da 232 milioni di euro nel 2017 a 254 milioni di euro nel 2018.L’avanzo 2018 ha permesso di riservare all’attività istituzionale futura circa 60 milioni di euro, e di incrementare il patrimonio di oltre 32 milioni di euro. Nel 2018 la Fondazione CRT ha attivato risorse per oltre 72 milioni di euro (erano 64 milioni nel 2017): interventi focalizzati su welfare e salute pubblica, ricerca e istruzione, arte e beni culturali. A queste tradizionali modalità di intervento, la Fondazione ha continuato ad affiancare ulteriori iniziative nella logica dei mission related investments.Con l’attività istituzionale svolta nel 2018, la Fondazione CRT ha messo a disposizione del territorio circa 80 milioni di euro.Il fondo di stabilizzazione delle erogazioni, con lungimiranza reso forte già negli scorsi anni, con una disponibilità di 174 milioni di euro è ancora oggi in grado di garantire continuità nell’attività istituzionale futura della Fondazione.
La Fondazione CRT – Cassa di Risparmio di Torino è un ente privato non profit nato nel 1991. Da 27 anni è uno dei “motori” dello sviluppo e della crescita del Piemonte e della Valle d’Aosta in tre macro-aree – Arte e Cultura, Ricerca e Istruzione, Welfare e Territorio – con un’attenzione particolare per l’internazionalizzazione.Inoltre, con un investimento superiore ai 100 milioni di euro, la Fondazione CRT ha interamente riqualificato le OGR-Officine Grandi Riparazioni di Torino, trasformando l’antica fabbrica dei treni in un luogo aperto al mondo dove si integrano diverse anime: cultura contemporanea e arte, ricerca e start-up, food. Nei prossimi mesi le OGR si caratterizzeranno ancora di più come centro d’innovazione internazionale, con spazi per acceleratori di imprese, laboratori di ricerca e un centro sui Big Data. Diventeranno inoltre la “casa” italiana di BEST, il programma bilaterale Italia-USA per promuovere la cultura imprenditoriale high-tech nel nostro Paese, con l’obiettivo di costruire un ponte tra la Silicon Valley e Torino.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Luigi Naldini il premio Louis-Jeantet 2019

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 gennaio 2019

La Fondazione Louis-Jeantet assegna a Luigi Naldini, direttore dell’Istituto San Raffaele Telethon Insititute for Gene Therapy (SR-Tiget) e professore ordinario presso l’Università Vita-Salute San Raffaele, il premio Louis-Jeantet 2019 per la sua pionieristica attività di ricerca, che ha portato la terapia genica dal contesto sperimentale alle prime applicazioni cliniche, grazie a cui sono già stati trattati pazienti con diverse malattie genetiche.
Da quando è stato indetto nel 1986 fino ad oggi, i Premi Louis-Jeantet sono stati attribuiti a 90 ricercatori di fama internazionale, di questi ben 12 sono hanno successivamente ricevuto il Premio Nobel per la fisiologia o la medicina, o il Premio Nobel per la chimica. Insieme a Luigi Naldini, il premio è andato anche a Botond Roska, uno dei direttori fondatori dell’Istituto di Oftalmologia Clinica e Molecolare a Basilea (IOB), per la scoperta dei principi basilari del processamento delle informazioni visive e lo sviluppo di strategie terapeutiche per il trattamento dei difetti della retina. La cerimonia di premiazione si terrà mercoledì 10 aprile 2019 a Ginevra, Svizzera.
Luigi Naldini si laurea in Medicina e Chirurgia all’Università di Torino, e consegue un dottorato di ricerca all’Università La Sapienza di Roma. Negli anni ’90 è al Salk Institute a San Diego (USA) per un periodo di ricerca nei laboratori di Inder Verma e Didier Trono, dove inizia il lavoro di sviluppo dei vettori lentivirali derivati dal virus HIV per il trasferimento genico. Successivamente torna nel mondo accademico italiano, prima a Torino, poi a Milano, dove dal 2008 è direttore dell’SR-Tiget. Già presidente della Società europea di terapia genica e cellulare (ESGCT) e membro di EMBO, l’Organizzazione Europea di Biologia Molecolare, negli anni ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui l’Outstanding Achievement Award dalla Società americana di terapia genica e cellulare nel 2014 e dalla ESGCT nel 2015, il premio Jiemenz Diaz nel 2016 e il Van Beutler Award della Società americana di ematologia nel 2017.
I numerosi premi sottolineano come negli ultimi vent’anni Luigi Naldini sia stata una figura cardine nello sviluppo e nell’applicazione dei vettori lentivirali per il trasferimento genico. Questi, oltre a essere tra gli strumenti più utilizzati nel campo della ricerca biomedica, stanno mostrando sicurezza ed efficacia nei trial clinici per il trattamento di gravi malattie genetiche e per alcuni tipi di tumore.
La ricerca sperimentale di Luigi Naldini continua a proporre nuove ed innovative soluzioni per migliorare ulteriormente l’efficacia e la sicurezza della terapia genica, quale l’editing mirato di geni. Questi studi aprono la via alla correzione, anziché alla sostituzione dei geni, un approccio potenzialmente rivoluzionario in grado di espandere sostanzialmente gli obiettivi e la potenza della manipolazione genetica.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Firmato il protocollo d’intesa tra Abi e Fondazione LIA

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 gennaio 2019

Diffondere la cultura dell’accessibilità attraverso incontri periodici e promuovere iniziative formative e info-educative finalizzate a sensibilizzare i diversi interlocutori coinvolti: è questo l’obiettivo del protocollo d’intesa sottoscritto oggi da Fondazione Lia – Libri Italiani Accessibili e Associazione Bancaria Italiana (Abi). L’accordo è stato firmato alla presenza del presidente della Fondazione LIA, Mario Barbuto, e del vice direttore generale di Abi, Gianfranco Torriero. L’intesa si pone nell’ambito delle attività portate avanti da Abi per promuovere l’accessibilità in banca, secondo la logica della massima fruibilità di prodotti, canali, strumenti e servizi bancari da parte delle persone con disabilità visive, e delle iniziative sviluppate dalla Fondazione LIA per l’accessibilità nel settore editoriale.Il progetto congiunto ha l’obiettivo di proporre dei momenti di approfondimento sul tema dell’accessibilità dei contenuti, delle produzioni editoriali e delle pubblicazioni anche digitali e sulle piattaforme web, da parte delle persone con disabilità visiva, in ottica di inclusione finanziaria e sociale. In particolare, l’intesa prevede la realizzazione di incontri di confronto con l’obiettivo di favorire lo scambio di informazioni e di esperienze tra Abi e Fondazione LIA sui temi dell’accessibilità editoriale, secondo la logica della massima fruibilità di prodotti, canali, strumenti e servizi bancari; e la promozione di iniziative formative e info-educative finalizzate a diffondere le informazioni e i temi emersi dal confronto.L’iniziativa congiunta è in linea con la strategia avviata da Abi in materia di accessibilità e con quanto previsto dalla proposta di Direttiva della Commissione Europea di un “Atto Europeo sull’accessibilità” – il cui iter è in fase di conclusione – e si inserisce nel quadro dei progetti di formazione specifici promossi in questo ambito dalla Fondazione LIA – costituita dall’Associazione Italiana Editori (AIE) con la partecipazione dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (UICI).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IX Convegno Nazionale Fondazione AMD

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 ottobre 2018

Roma Giovedì 8 novembre, ore 12.30 Rome Marriott Park Hotel Via Colonnello T. Masala, 54 Conferenza stampa di presentazione IX Convegno Nazionale Fondazione AMD Nel corso dell’evento verranno anticipati alla stampa i risultati dei nuovi Annali AMD, la più ampia banca dati sui centri diabetologici italiani che raccoglie ed elabora informazioni su oltre 660.000 pazienti. Gli esperti AMD illustreranno inoltre il loro documento “manifesto” su come impiegare Intelligenza Artificiale e Big Data al fine di migliorare prevenzione, diagnosi e cura del diabeteInterverranno:
• Domenico Mannino, Presidente Associazione Medici Diabetologi
• Paolo Di Bartolo, Vicepresidente Associazione Medici Diabetologi
• Nicoletta Musacchio, Presidente Fondazione AMD
• Valeria Manicardi, Coordinatore del Gruppo Annali AMD
• Antonio Nicolucci, Direttore CORESEARCH Center for Outcomes Research and Clinical Epidemiology, Pescara
Modera i lavori il giornalista Mario Pappagallo.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fondazione Italia Cina: i 10 anni della scuola di formazione permanente

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 settembre 2018

fondazione italia cina.jpgMilano 28 settembre dalle ore 11 sala del Tiepolo Palazzo Clerici via Clerici 5 interverranno il Presidente Alberto Bombassei, il Console cinese Song Xuefeng, l’Assessore Laura Galimberti, il Direttore Generale di Federturismo Antonio Barreca, l’Ad di Intesa Sanpaolo Formazione Pietro Miraglia e il regista Paolo Carrino. (foto: fondazione)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »