Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Posts Tagged ‘fondi eu’

Fondi Ue all’agricoltura e la burocrazia

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

I nostri agricoltori dimostrano di essere beneficiari affidabili delle risorse dell’Europa. Il reale ostacolo sono le normative e le procedure troppo complesse, che moltiplicano le possibilità di errore rallentando le attività produttive – dichiara il presidente nazionale Confeuro Andrea Michele Tiso.A gettare nuova luce sui fondi Ue per l’agricoltura è l’ultimo rapporto del Colaf, l’organismo italiano per la lotta alle frodi sul bilancio comunitario. Tra il 2006 e il 2018, su 5.620 casi sospetti solo 21 sono risultati vere frodi per un valore di 2,55 milioni di euro. Per contro, un ammontare complessivo di aiuti agricoli di diverse decine di miliardi di euro va a buon fine. I fondi europei, in altre parole, sono quasi sempre ben spesi dagli agricoltori italiani, con una percentuale di frodi ridottissima rispetto al totale degli stanziamenti – spiega Tiso.La maggior parte delle sospette frodi – sottolinea il rapporto – dopo un’attenta analisi si sono rivelate più semplici irregolarità amministrative, spesso conseguenza di normative stratificate che moltiplicano le possibilità di errore. I numeri ufficiali smentiscono dunque la percezione comune di un alto tasso di truffe nella gestione dei fondi europei, tutelati da ben tre livelli di controllo: regionale, nazionale ed europeo. I veri nodi da sciogliere sono quindi a livello politico, dove si identificano le risorse e gli obiettivi prioritari per l’agricoltura, e a livello amministrativo, dove è urgente semplificare procedure farraginose di assegnazione e adempimenti troppo complessi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fondi UE per la ricerca d’avanguardia

Posted by fidest press agency su sabato, 7 settembre 2019

Le sovvenzioni, per un valore complessivo di 621 milioni di euro, sono state assegnate a 408 scienziati a inizio carriera per aiutarli a costituire le loro équipe e a condurre ricerche all’avanguardia in una vasta gamma di discipline, creando nel contempo circa 2 500 posti di lavoro per ricercatori post-dottorato, studenti di dottorato e altro personale. Le ricerche riguarderanno diversi ambiti, ad esempio, si studierà in che modo le foreste commestibili potrebbero combattere la fame nel mondo; si valuterà l’intensità, la frequenza e la distribuzione dei livelli del mare estremi in Europa; si indagheranno le modalità con cui le imprese tecnologiche promuovono i propri prodotti e cercano la fiducia dei consumatori; e si sveleranno le capacità di sopravvivenza degli organismi unicellulari.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fondi UE: Parlamento respinge la condizionalità macro economica

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 febbraio 2019

Le nuove regole sono state approvate mercoledì in Plenaria con 460 voti favorevoli, 170 contrari e 47 astensioni. Devono ancora essere negoziate con i Ministri UE.Queste norme generali, che disciplinano la spesa regionale di coesione e sociale dell’UE per il periodo 2021-2027, sono fondamentali per assicurare la continuazione degli investimenti nelle regioni e nelle comunità dell’UE, e garantire inoltre un maggiore sostegno alle regioni meno sviluppate.
I deputati sono fermamente convinti che l’attuale livello di finanziamento, pari a 378,1 miliardi di euro (ai prezzi 2018), dovrebbe essere mantenuto nel periodo 2021-2027. Le regioni meno sviluppate continueranno a beneficiare di un sostegno sostanziale dell’UE, con tassi di cofinanziamento fino all’85% (rispetto al 70% proposto dalla Commissione) e una quota del 61,6% dei fondi di sviluppo regionale, sociale e di coesione.Anche il tasso di cofinanziamento per le regioni in transizione e per quelle più sviluppate è stato aumentato, rispettivamente al 65% e 50%. Un importo di 1,6 miliardi di euro (0,4%) dovrebbe essere messo in riserva come finanziamento supplementare per le regioni ultra periferiche.
Le norme comuni rafforzano la connessione fra l’utilizzo dei fondi e gli obiettivi politici generali dell’UE, ad esempio per:
· aumentare la competitività e rafforzare le piccole e medie imprese;
· dare la priorità alle misure di efficienza nell’offerta e nella domanda di energia;
· proteggere e migliorare la qualità dell’ambiente e combattere i cambiamenti climatici;
· promuovere una mobilità intelligente e sostenibile;
· rispettare i diritti fondamentali, garantire la parità di genere e prevenire qualsiasi tipo di discriminazione.
Il Parlamento ha bocciato l’articolo della proposta legislativa della Commissione europea che prevedeva il possibile congelamento dei fondi strutturali per i Paesi che non rispettano i parametri macroeconomici dell’UE. Il Parlamento è ora pronto ad avviare i negoziati con i ministri UE.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I Paesi che non rispettano lo Stato di diritto rischiano di perdere i fondi UE

Posted by fidest press agency su sabato, 19 gennaio 2019

Bruxelles. Secondo un progetto di legge approvato giovedì, i governi che interferiscono con i tribunali o non contrastano frode e corruzione rischieranno la sospensione dei fondi europei.Assistita da un gruppo di esperti indipendenti, la Commissione europea avrà il compito di stabilire le “carenze generalizzate per quanto riguarda lo Stato di diritto” e decidere le misure da attuare, che potrebbero includere la sospensione dei pagamenti del bilancio UE o la riduzione dei prefinanziamenti.La decisione sarà attuata solo in seguito all’approvazione del Parlamento e del Consiglio. Una volta che lo Stato membro avrà rimediato alle carenze individuate dalla Commissione europea, il Parlamento e i ministri dell’UE potranno sbloccare i fondi.La Commissione potrà stabilire che lo Stato di diritto è minacciato qualora siano compromessi uno o più dei seguenti elementi:
· il corretto funzionamento delle autorità dello Stato membro preposte ad eseguire il bilancio dell’Unione,
· la corretta operatività delle autorità preposte al controllo finanziario,
· adeguate indagini nella repressione delle frodi – incluse le frodi fiscali – corruzione o altre violazioni che riguardano l’esecuzione del bilancio dell’Unione,
· il controllo giurisdizionale da parte di organi giurisdizionali indipendenti,
· il recupero di fondi indebitamente versati,
· la prevenzione e la repressione dell’evasione fiscale e della concorrenza fiscale,
· la collaborazione con l’Ufficio europeo per la lotta antifrode e, se lo Stato membro interessato vi aderisce, con la Procura europea.
Per assistere la Commissione, un gruppo di esperti specializzati in diritto costituzionale e questioni finanziarie, composto da un esperto nominato dal parlamento nazionale di ciascuno Stato membro e da cinque nominati dal Parlamento europeo, valuterà annualmente la situazione in tutti gli Stati membri e preparerà una sintesi pubblica delle sue conclusioni.
La Commissione presenterebbe poi una proposta di storno al Parlamento e ai ministri dell’UE per trasferire nella riserva di bilancio un importo corrispondente al valore delle misure proposte. La decisione prende effetto dopo quattro settimane, a meno che il Parlamento, deliberando a maggioranza dei voti espressi, o il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata (in modo che nessuno Stato membro possa bloccare una decisione), la modifichino o la respingano. Una volta che la Commissione avrà stabilito che i disavanzi sono stati eliminati, l’importo sarà sbloccato con la stessa procedura.
La Plenaria ha approvato la relazione con 397 voti favorevoli, 158 contrari e 69 astensioni. I deputati sono ora pronti ad avviare i negoziati con i ministri UE sulla formulazione definitiva del regolamento. Il Consiglio non ha ancora adottato la propria posizione.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Fondi UE per lavoratori licenziati in Italia (Alitalia), Germania e Belgio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 ottobre 2015

european commissionCon la votazione di martedì, Germania, Italia e Belgio riceveranno 14,6 milioni di euro per aiutare i lavoratori licenziati da due case automobilistiche e da una compagnia aerea a trovare nuovi posti di lavoro.La compagnia di bandiera italiana ha dovuto licenziare oltre 1.200 lavoratori, principalmente a causa di una diminuzione della sua quota di mercato del trasporto aereo di passeggeri internazionali, in particolare a vantaggio dei vettori degli Stati del Golfo e della Turchia. La situazione si è aggravata anche a causa del calo del numero dei passeggeri dovuto alla crisi economica e all’aumento del prezzo del carburante. La maggior parte dei licenziamenti ha colpito la regione Lazio. L’Italia ha chiesto l’intervento del FEG per aiutare 184 lavoratori con maggiori difficoltà a trovare nuovi posti di lavoro.
Gli 1,4 milioni di euro sono la seconda richiesta di intervento del FEG nel settore dei trasporti aerei (dopo la richiesta di Air France nel 2013).Il Parlamento ha approvato la proposta con 605 voti a favore, 77 contrari e 12 astensioni.
Il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione è stato istituito per fornire servizi su misura ai lavoratori licenziati a trovare un nuovo impiego. Il suo massimale annuo è di 150 milioni di euro.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »