Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘fondi immobiliari’

Patrimonio gestito dai fondi immobiliari in Europa

Posted by fidest press agency su sabato, 24 novembre 2018

Dovrebbe superare i 626 miliardi di euro a dicembre 2018, con un aumento previsto di oltre il sei per cento rispetto all’anno precedente. Prosegue, dunque, la fase di crescita del risparmio gestito in fondi immobiliari con un patrimonio complessivo raddoppiato rispetto al 2010. Questi sono alcuni dei dati emersi nel corso della presentazione dell’aggiornamento del Rapporto 2018 “I Fondi immobiliari in Italia e all’estero”, realizzato da Scenari Immobiliari in collaborazione con lo Studio Casadei che ha curato la parte di analisi finanziaria.
Anche l’Italia segue il trend europeo. Nel 2018 si stima che il patrimonio complessivo possa raggiungere i 55 miliardi di euro (+2,8 per cento), gestiti da 430 fondi, cresciuti nel numero anche per l’utilizzo come veicolo da parte dei soggetti esteri che, in modo crescente, operano nel mercato immobiliare italiano. Il comparto degli uffici continua a trainare gli investimenti concentrando oltre il sessanta per cento, seguito dal retail. L’indebitamento del sistema fondi è in costante calo: 23 miliardi di euro con un’incidenza del 38 per cento sul patrimonio, mentre nel 2010 era pari al 57 per cento. L’asset allocation globale vede un lieve incremento degli uffici e del commerciale. Buone le prospettive per il 2019, sulla base delle indicazioni raccolte tra le sgr, con una previsione di circa 56 miliardi di euro di patrimonio (+2,8 per cento) gestito da 440 fondi immobiliari. L’annunciata politica delle privatizzazioni di beni pubblici potrebbe dar vita a nuovi e importanti fondi immobiliari, come accaduto nel decennio passato.
Complessivamente, al 30 giugno 2018, la capitalizzazione dell’industria del settore immobiliare finanziarizzato italiano (fondi retail, alle Siiq e alle società immobiliari quotate) si è attestata a circa 3,9 miliardi di euro, in aumento del 4% rispetto al dato del nel primo semestre 2017.
Il Rapporto è stato presentato da Mario Breglia (Scenari Immobiliari) e Gottardo Casadei (Studio Casadei), e commentato da Gabriele Bonfiglioli (COIMA SGR), Riccardo Corsi (FABRICA IMMOBILIARE SGR), Andrea Cornetti (PRELIOS SGR), Luigi Giannuzzi Savelli (INVESTIRE SGR), Lorenzo Lombardo (BNP PARIBAS REIM SGR), Gabriella Pelosi (GENERALI REAL ESTATE SGR), Michele Stella (TORRE SGR). Dopo la presentazione della ricerca si è tenuto il convegno dal titolo “Scenari politici ed economici 2019”, con interventi del prof. Claudio Cacciamani (Università di Parma) e del prof. Alberto Martinelli (Università Statale degli Studi di Milano).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rapporto 2017 su “I Fondi immobiliari in Italia e all’estero”

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 novembre 2017

borsa milanoRoma mercoledì 22 novembre a Roma presso l’Auditorium Via Veneto (via Veneto, 89) dalle 9.00 alle 13.00 si terrà il Rapporto 2017 su “I Fondi immobiliari in Italia e all’estero”.L’aggiornamento del Rapporto sarà presentato da Mario Breglia (Scenari Immobiliari) e Gottardo Casadei (Studio Casadei), e commentato da Domenico Bilotta (Investire SGR), RiccardoCorsi (Fabrica Immobiliare SGR), AndreaCornetti (Prelios SGR), IvanoIlardo (BNP Paribas Reim SGR), Giampiero Schiavo (Castello SGR), Edoardo Schieppati (Coima SGR)
Dopo la presentazione della ricerca si terrà il convegno dal titolo “Impatto della politica europea (e BCE) su risparmi e investimenti”, introdotto dal prof. Alberto Martinelli (Università Statale degli Studi di Milano), a cui parteciperanno Giampaolo Galli (Camera dei Deputati), Claudio Cacciamani (Università di Parma), Riccardo Puglisi (Università di Pavia), Davide Squarzoni (Prometeia Advisor Sim), Massimo Lo Cicero (Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fondi immobiliari sottoscritti alle Poste, fissati i criteri per i risarcimenti

Posted by fidest press agency su domenica, 19 febbraio 2017

posteLe associazioni dei consumatori hanno incontrato giovedì 16 febbraio Poste Italiane per fissare i criteri di rimborso previsti per i risparmiatori che avevano investito nel fondo immobiliare Irs (Invest Real Security), venuto a scadenza a fine dicembre 2016 con forti penalizzazioni rispetto alla cifra inizialmente investita. Si tratta di circa 25mila clienti, titolari di oltre 14mila depositi titoli (talvolta erano cointestati), che nel 2003 avevano investito complessivamente 141 milioni di euro, sottoscrivendo 56.400 quote con un taglio di 2.500 euro l’una, a fronte dei quali se ne sono visti riconoscere riconoscere 390.
L’accordo in via formale verrà firmato, probabilmente, nei prossimi giorni. Maria Stella Anastasi, vicepresidente nazionale della Lega Consumatori, ha intanto già anticipato ai microfoni di Cuore e denari su Radio 24 quali sarebbero i criteri, definiti – appunto – nell’incontro di giovedì.«La procedura di conciliazione sarà riservata ai clienti investitori del Irs che hanno una serie di criteri di “disagio economico-sociale”, mentre per tutti gli altri è stata prevista la possibilità di riavere le quote attraverso la sottoscrizione di una polizza ad hoc creata da Poste Italiane che, portata a scadenza naturale, farà recuperare l’intera quota investita», ha premesso Anastasi, precisando che «per chi rientra in queste situazioni di disagio ci sarà possibilità di fare domanda di conciliazione da marzo a giugno prossimi. Sarà possibile trovare la modulistica relativa alla domanda sul sito di Poste e sui siti delle associazioni dei consumatori. Rispetto ai criteri sui quali ci si è confrontati, sarebbero «una “situazione economica disagiata” (è il caso dei possessori della “social card” versione 2016-2017), la perdita del lavoro (licenziamento, cassa integrazione, chiusura di partita Iva) e soglia ISEE INPS Fascia 1». Rientrerebbero inoltre le “condizioni di salute precarie”: invalidità al 100%, indennità di accompagnamento o presenza di patologie gravi e i residenti nei comuni interessati dal sisma del 2016. «Noi suggeriamo comunque anche a chi, tra i sottoscrittori di questi fondi, non si vedesse rientrare in questi requisiti», ha aggiunto Maria Stella Anastasi, «di venire agli sportelli delle associazioni dei consumatori e di verificare con i nostri operatori, perché non è detto che di fronte a situazioni che apparentemente non rientrano in maniera stringente nei criteri non si possano verificare, invece, situazioni di difficoltà, invalidità, perdita della casa che si possano far rientrare nella procedura di conciliazione. Le associazioni valuteranno se portarle al tavolo di conciliazione e provare a discutere con Poste queste singole posizioni».

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sulla vicenda dei 4 fondi immobiliari servono risposte chiare da Poste

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 gennaio 2017

posteRete Consumatori Italia apprezza lo sforzo di Poste Italiane di affrontare la grave perdita di quasi 850 milioni di euro garantendo i risparmiatori. E’ un segnale di serietà, anche se postumo, e di stabilità del sistema Paese. Ma per questa ragione, è necessario che da Poste arrivi un impegno che garantisca l’intera restituzione delle somme agli ignari e sprovveduti risparmiatori, tratti in inganno dal buon nome della più grande azienda italiana.
L’incontro con i vertici di Poste Italiane, previsto a breve con i consumatori, dovrà essere risolutivo e porre sul tavolo offerte allettanti per i risparmiatori traditi. Nessun onere a carico di chi è stato raggirato.
Queste sono le condizioni di Rete Consumatori Italia per rinunciare all’azione di responsabilità verso gli amministratori che intenderemmo promuovere, qualora dall’Azienda non ci dovessero essere prese di posizione nette e garantiste nei confronti dei consumatori.
Sbagliare è lecito, risarcire è doveroso. A queste condizioni potrà svilupparsi una collaborazione costruttiva, in caso contrario, Rete Consumatori Italia annuncia l’avvio di una azione collettiva risarcitoria a tutela dei risparmiatori traditi.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Poste: chiarezza sui fondi immobiliari

Posted by fidest press agency su domenica, 8 gennaio 2017

poste“Poste non può e non deve smarrire la sua mission originaria e storica, punto di riferimento e garanzia per milioni di famiglie italiane, seppur con una corretta e innovativa visione del futuro. Per questo è importante che venga fatta subito chiarezza su quanto avvenuto con i fondi immobiliari che hanno coinvolto migliaia di piccoli risparmiatori”. Lo dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti della Camera, Vincenzo Garofalo, di Area popolare.
“Negli ultimi anni abbiamo assistito al rischio che fosse snaturato il ruolo dell’Azienda, soprattutto sul fronte finanziario, poco coerente con i propri valori e principi, attraverso prodotti aggressivi indirizzati a una tipologia di clienti di semplici risparmiatori poco avvezzi alle piazze finanziarie. Senza considerare – aggiunge Garofalo – le difficoltà degli ultimi tempi che stanno affrontando gli utenti in tema di recapito. Bene dunque investire e innovarsi nel settore servizi e in quello finanziario ma, ribadisco, senza scostarsi dal proprio ruolo originario e, soprattutto, senza mai svolgere attività dal sapore speculativo. In merito – conclude il parlamentare di Ap – sono non solo opportuni ma necessari controlli maggiori e accurati in entrambi i settori da parte degli organi di vigilanza e delle autorità competenti”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

BNP Paribas Securities Services acquisisce l’attività di banca depositaria di Commerzbank in Germania

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 agosto 2013

Milano, BNP Paribas Securities Services (BNP Paribas), attiva nei servizi di amministrazione e custodia titoli con oltre 7 triliardi di dollari di asset in custodia, annuncia l’acquisizione dell’attività di banca depositaria di Commerzbank in Germania, relativamente ai fondi domiciliati UCITS, fondi istituzionali e fondi immobiliari aperti.Agli oltre 80 dipendenti di Commerzbank che svolgevano queste attività verrà offerto di entrare a far parte di BNP Paribas.Questa operazione permette a BNP Paribas di consolidare la leadership nel mercato delle banche depositarie in Germania e rinforza la prima posizione nel segmento dei fondi istituzionali, espandendo la propria quota di mercato nel segmento UCITS e creando una nuova offerta di servizio con riferimento ai fondi immobiliari. La transazione sottolinea l’impegno di BNP Paribas nei confronti del mercato tedesco, che rappresenta uno dei mercati di riferimento per la Banca ed evidenzia l’ambizione di estendere l’offerta di banca depositaria, proseguendo un sentiero di crescita che nel 2012 ha portato all’acquisizione della banca depositaria di Credem in Italia.L’ampliamento dell’offerta di banca depositaria permetterà ai clienti di BNP Paribas di beneficiare di una solida infrastruttura all’interno del contesto AIFMD.A fine aprile 2013, un volume pari a circa 93 miliardi di euro di asset in deposito era servito da Commerzbank. E’ stato deciso dalle parti di mantenere confidenziali i dettagli contrattuali. La transazione è soggetta all’approvazione delle autorità competenti.Alessandro Gioffreda, Direttore Generale di BNP Paribas Securities Services in Italia, commenta: “Questa operazione rinforza la nostra leadership di mercato in Germania e sostiene il nostro posizionamento competitivo nel segmento UCITS e nell’offerta per i fondi immobiliari. Questi sono alcuni pilastri di fondamentale importanza nella nostra strategia a lungo termine che sostengono l’ambizione di fornire ai nostri clienti attuali e futuri l’intera gamma di soluzioni e servizi.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »