Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘forbes’

Forbes Names Commerce Bank One of the Best Midsize Employers in America for the Third Consecutive Year

Posted by fidest press agency su martedì, 23 aprile 2019

Forbes recently published their 2019 America’s Best Midsize Employers List, ranking Commerce Bank in the top one-third among a selection of 500 employers across the country. This marks the third consecutive year Commerce has been named to the list. The list was developed based on comprehensive survey findings compiled by research firm Statista.
Commerce took the 13th highest ranking among the other banking and financial services companies on the list and ranked seventh among employers headquartered in Missouri. In speaking to this recognition, John Kemper, president and chief executive officer, said, “The key to Commerce’s long-term success is the culture our team creates every day. Being honored with this award for a third consecutive year is a testament to the strong culture we have at Commerce. Our team of associates come to work every day to help our customers focus on what matters most to them. Above all, we are proud of our team members who continually make Commerce a great place to work.” Commerce believes team members who have high levels of engagement and enablement are effective in the workplace – they feel supported in doing their job, are committed to the organization and are motivated to deliver quality work. Because both are equally important, Commerce measures team member engagement and enablement every year through a confidential survey to ensure our workplace environment is meeting our team members’ expectations. Sara Foster, executive vice president, talent and corporate administration, states, “We believe our people are our greatest asset and we are thrilled to be recognized by Forbes as one of the country’s best employers for the third year in a row. Our talented, highly engaged team allows us to remain a leading employer in the financial services industry year after year.”
America’s Best Employers are chosen based on an independent survey of more than 50,000 U.S. employees working for companies with at least 1,000 people in their U.S. operations. Employees are surveyed anonymously through several online panels, not through their employers. By doing so, employees can openly state their opinion. The evaluation was based on responses to two criteria – would employees recommend their own employers to friends and family and how do employees perceive other employers in their industry. The respondents also gave their opinions on a series of 35 statements surrounding work-related topics on working conditions, salary, potential for development and company image regarding their current employer. The complete list of America’s Best Midsize Employers can be found here: https://www.forbes.com/lists/best-midsize-employer. In the industry for more than 150 years, Commerce offers a super-community banking experience that pairs large bank products and services with local market knowledge and a high-touch customer experience. The company’s focus on local markets is supported by regional advisory boards comprised of local business professionals and community representatives who assist Commerce in responding to local banking needs. Commerce team members are also encouraged to serve an active role in their communities. Blood drives, community festivals, runs/walks and food drives are but a few of the activities in which our people are actively engaged. In addition to community efforts, team members are encouraged to participate in Junior Achievement and Money Smart Week, opportunities that focus on financial education and equipping youth with important financial acumen.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PPG Named to Forbes’ 2019 “Best Employers for Diversity” List

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 gennaio 2019

PPG (NYSE: PPG) announced that it has been named one of the “Best Employers for Diversity” in 2019 by Forbes magazine. Forbes ranked the top companies in the United States that demonstrate a dedication to diversity and inclusion in the workplace.“PPG is honored to be recognized by Forbes for our ongoing commitment to providing a culture of diversity and inclusion for all of our employees,” said Herve Tiberghien, PPG vice president, human resources. “The unique perspectives of PPG’s diverse workforce enable us to meet challenges quickly, creatively and effectively, providing a significant competitive advantage in today’s global economy.”The ranking of 500 employers across all industries in the United States is based on a survey of thousands of employees that examines employer diversity policies, as well as diversity in executive suites and on boards. PPG ranked No. 297 of the companies assessed by Forbes.“The diversity of our employees allows PPG to solve our customers’ own diverse needs in every corner of the globe and to continue to protect and beautify the world,” said Tiberghien.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Essilor scala la classifica annuale Forbes delle 100 aziende più innovative del mondo

Posted by fidest press agency su domenica, 1 luglio 2018

Essilor si posiziona al 52° posto nella classifica Forbes 2018 delle “100 aziende più innovative al mondo”, una chiara progressione rispetto al 68° posto del 2017. Ogni anno, dal 2010, Essilor è tra le prime 100 società quotate pubblicamente e identificate dagli investitori come aventi il più alto potenziale di innovazione.
L’innovazione, nel DNA di Essilor sin dagli esordi, è parte integrante della mission del Gruppo, “migliorare la vita migliorando la vista”. Il lancio nel 2017 della lente progressiva Varilux® X series™ rappresenta un esempio della capacità di innovazione del Gruppo, interamente incentrata sui consumatori. Varilux X Series infatti è il risultato di molti anni di collaborazione tra ricercatori, ingegneri, fisiologi, sociologi e consumatori, per fornire una risposta innovativa alle esigenze e agli stili di vita dei portatori di tutto il mondo.Nel 2018, l’annuncio, in collaborazione con Johnson & Johnson Vision, delle prime lenti a contatto fotocromatiche Transitions® con Light-Intelligent Technology, fornisce una risposta senza precedenti a un’esigenza visiva insoddisfatta dei portatori di lenti a contatto.
“L’innovazione è una pietra miliare della nostra missione e della nostra strategia”, afferma Laurent Vacherot, Presidente e Chief Operating Officer di Essilor. “Come leader nel nostro settore, crediamo sia nostra responsabilità fornire soluzioni per correggere e proteggere la visione di tutti, ovunque. Il nostro approccio innovativo è in sintonia con il mondo di oggi – collaborativo, creativo, in rete – per adattarsi allo stile di vita in continua evoluzione di tutti coloro che indossano occhiali e per rispondere alle esigenze non soddisfatte dei 2,5 miliardi di persone che ogni giorno soffrono di una visione inadeguata non corretta.” In linea con la forte ambizione di sradicare la scarsa visione entro una generazione, Essilor è oggi impegnata a contrastare una delle più grandi sfide per il benessere visivo nei prossimi anni: la miopia, che dovrebbe colpire quasi la metà della popolazione mondiale (5 miliardi di persone) entro il 2050. La scienza della miopia è ancora giovane e la consapevolezza bassa. Essilor sta collaborando con partner scientifici e professionisti della salute visiva per migliorare la comprensione della miopia e trovare soluzioni innovative per aiutare le persone miopi a vivere meglio e per rallentare la progressione della miopia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ITT Named to the Forbes 2018 List of America’s Best Employers

Posted by fidest press agency su martedì, 8 maggio 2018

ITT Inc. (NYSE:ITT) announced today that it has been named to the Forbes 2018 list of America’s Best Midsize Employers. This achievement recognizes ITT’s focus and commitment to fostering a healthy, high-performing culture and creating a workplace defined by innovation and continuous improvement.“At ITT, our spirit is defined by how we work together and we are united by our drive to solve the most critical, complex and challenging problems faced by our customers,” said CEO and President Denise Ramos. “This award is a testament to our talented employees around the world, who are driving our success through their commitment to operational excellence, innovation and growth.” Informed by anonymous employee interviews, the Forbes list of America’s Best Employers identifies companies that employees like to work for and highlights the “best of the best” among businesses that meet its criteria. ITT’s inclusion on the Forbes list distinguishes it from its competitors and other similar companies in the U.S.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

QuickBridge President Ben Gold Accepted into Forbes Finance Council

Posted by fidest press agency su martedì, 31 ottobre 2017

new yorkNew York. QuickBridge, a privately-held, leading financial services firm offering working capital to small businesses nationwide, is pleased to announce its President, Ben Gold, has been accepted into the Forbes Finance Council, an invitation-only community for executives in finance, accounting, financial planning, wealth and asset management and investment firms.Gold joins other Forbes Finance Council members, who are hand-selected, to become part of a curated network of successful peers and get access to a variety of exclusive benefits and resources, including the opportunity to submit thought leadership articles and short tips on industry-related topics for publishing on Forbes.com.Forbes Councils combine an innovative, high-touch approach to community management perfected by the team behind Young Entrepreneur Council (YEC) with the extensive resources and global reach of Forbes. As a result, Forbes Council members get access to the people, benefits and expertise they need to grow their businesses — and a dedicated member concierge who acts as an extension of their own team, providing personalized one-on-one support.“It’s a distinct honor to be recognized and accepted by the Forbes Finance Council,” said Gold. “Forbes is one of the world’s leading business brands. I am eager to network and experience new learning opportunities through my involvement in the organization and association with finance members. I believe this membership will strengthen QuickBridge’s leadership role within our industry.” Scott Gerber, founder of Forbes Councils, says, “We are honored to welcome Ben Gold into the community. Our mission with Forbes Councils is to curate successful professionals from every industry, creating a vetted, social capital-driven network that helps every member make an even greater impact on the business world.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro del Fuoco® tra i festival più cool del mondo

Posted by fidest press agency su domenica, 20 settembre 2015

teatro del fuocoLa rivista statunitense Forbes Magazine ed il website Forbes.com pubblicano i 12 festival più cool del mondo, quelli per cui vale la pena fare un viaggio, in lista tra questi il Teatro del Fuoco, festival italiano, ideato e prodotto dalla giornalista palermitana Amelia Bucalo Triglia.Forbes, nota per la classifica annuale degli uomini più ricchi del mondo, si occupa di economia e finanza, ha la sua sede nella quinta strada a New York; il sito Forbes è fonte di credibilità per il giornalismo su internet.
Il Teatro del Fuoco® è un brand italiano creato nel 2008, per valorizzare la cultura italiana attraverso un network di artisti internazionali e linguaggi espressivi di alto standard qualitativo ed è unico nel suo genere in Italia; premiato nel 2009 dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano come prodotto di marketing turistico culturale innovativo, unisce in unica coreografia: musica, danza, mimo, acrobatica fuoco e luce. Da otto anni è in tour tra le Isole Eolie, Catania, l’Etna, Palermo, le Isole Egadi, con artisti provenienti da Repubblica Slovacca, Ungheria, Polonia, Argentina, Francia, Germania, Nuova Zelanda, Israele, Australia, Kenia. Persone che condividono i codici culturali della Civilità dell’Empatia di Jeremy Rifkis, nel comportamento individuale e di gruppo. Con il Teatro del Fuoco, Amelia Bucalo Triglia ha creato lo show Tricolore per il Ministero della Difesa del Governo Italiano a Roma nel 2013. Lo spettacolo che è stato giudicato particolarmente adatto per sedurre gli spettatori, in questi anni ha raccontato temi di attualità quali l’energia, la femminilità, la fertilità, la passione ed altri. -“E’ un onore, ed una meritata soddisfazione per tutto il network di artisti e collaboratori – afferma Amelia Bucalo Triglia, autrice di grandi eventi – noi abbiamo creduto sin dall’inizio nella forza di uno show multietnico che avesse un’anima italiana, per emozionare e coinvolgere, senza mai escludere l’alta qualità tecnica. Nel 2008 abbiamo iniziato a Stromboli in un momento in cui l’economia era ancora florida, siamo andati incontro ad un periodo di crisi mondiale, aggiungendo tappe al tour per raccontare la nostra cultura in modo innovativo ai turisti di tutto il mondo.
Come scrive su Forbes la giornalista Ann Abel, i Festival sono il modo migliore per entrare in contatto con le culture straniere ed – continua Amelia – oggi, che il turismo è l’unica risorsa in crescita in Sicilia è opportuno consolidare le potenzialità più evidenti per produrre il vero sviluppo sociale. Il nostro prossimo obbiettivo è la campagna di crowfunding per esportare la nostra cultura con questo incantevole spettacolo italiano anche all’estero.
Le agenzie specializzate in turismo di lusso, come la Black Tomato, consapevoli delle preferenze dei loro viaggiatori hanno scelto le mete presenti nella lista dei festival più cool della rivista Forbes. Ecco i 12 festival più cool per cui vale la pena fare un viaggio: Teatro del Fuoco, Sicilia – Raymi, Cusco, Perù – Festival di Hemis, Ladakh, India – Haro Wine Festival, La Rioja, Spagna – Festival Naadam, Mongolia – Gion Matsuri, Kyoto -Mt. Hagan Sing-Sing, Papua Nuova Guinea – Onam, Kerala, India – Festival Reitaisai, Kanagawa, Giappone -Esala Perahera, Kandy, Sri Lanka – Thimpu Tshechu, Bhutan – Fiesta de la Mercè, Barcellona. (foto: teatro del fuoco)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le banche europee più esposte nella crisi dell’Est

Posted by fidest press agency su domenica, 13 giugno 2010

E’ ingenuo e fuorviante dividersi sul default si, default no dell’Ungheria. Non è una questione psicologica di qualche leader magiaro, né un affare esclusivamente centro europeo. La crisi finanziaria è sistemica. Merita più serie e approfondite riflessioni. La crisi ungherese dovrebbe fornire invece uno stimolo in più per capire l’emergenza della bolla del debito pubblico e privato nel mondo e per accelerare la definizione di regole globalmente accettate.  Secondo un recente studio pubblicato dalla rivista economica americana Forbes, gli Stati Uniti rappresentano il vero grande problema dei mercati finanziari investiti dallo tsunami del rifinanziamento dei debiti. Si calcola che nel 2010 i titoli di debito pubblico di tutti i paesi da collocare sui mercati ammonterebbero complessivamente a 4.500 miliardi di dollari. Ben il 45% del totale sono obbligazioni americane.   Questo è lo scenario nel quale si collocano anche le difficoltà dei paesi dell’Europa orientale. Esse naturalmente possono riverberare effetti esplosivi sulle banche dell’Unione Europea. All’inizio dello scorso anno, quando il rischio di default di alcuni paesi dell’Est cominciava a manifestarsi, molti dati erano già intelligibili. Si calcolava, infatti, che l’Europa dell’Est avesse sottoscritto sui mercati esteri debiti per circa 1.700 miliardi di dollari, in gran parte a breve scadenza. Le banche europee, a cominciare da quelle tedesche, francesi e austriache, erano già massicciamente coinvolte. Si pensi che le sole banche austriache possedevano titoli dei paesi in questione per 230 miliardi di euro. Anche il governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, in un’audizione alla Camera dei Deputati il 17 marzo 2009, si sentì in dovere di avvisare il sistema bancario italiano dei rischi. Quantificò in 150 miliardi di euro i bond dei paesi dell’Europa orientale in possesso delle banche italiane. Mentre il mondo della finanza e dei media inducono i governi e l’opinione pubblica a concentrarsi sui tagli di bilancio come unica soluzione, si tende a minimizzare gli effetti devastanti provocati dal calo di produzione e dalla crisi dei mercati dell’Est Europa. L’Ungheria, che ha avuto un deficit di bilancio del 6,2% nel 2009, dovrebbe sanare i propri conti con drastici tagli delle spese e con un aumento delle esportazioni. Si dimentica però che il 75% dell’export magiaro interessa la zona dell’euro, dove ancora persiste la stagnazione economica, come dimostra il grande calo dei consumi interni. In Romania, non potendo superare nel 2010 il limite del 6,8% di deficit di bilancio imposto dal FMI, si pensa a una riduzione del 25% dei salari pubblici. Anche la Lettonia nel biennio 2008-9 ha registrato un calo della produzione del 25%. Come è facilmente intuibile, il valore dei titoli di debito di uno Stato non dipende esclusivamente dal pareggio monetario dei conti pubblici, ma dalla sua capacità di produrre vera ricchezza. La crisi dei settori produttivi nell’Europa dell’Est, così come nell’eurozona, intacca le quotazioni delle obbligazioni e incide sulla capacità di rifinanziamento. Ciò potrebbe minare la stabilità del sistema bancario europeo. Non è un caso che le banche europee, invece di aprire nuove linee di credito per i vari settori dell’economia, hanno deciso di depositare oltre trecento miliardi di euro presso la BCE.  Inoltre, secondo l’OCSE le grandi banche americane operano con una tasso di leverage (il rapporto tra asset e capitale azionario) tra 12 e 17, mentre quello di molte banche europee è tra 21 e 49. Il che significa che queste ultime hanno più debiti e più titoli nei loro bilanci e quindi risentono maggiormente delle turbolenze dei mercati.  In una tale situazione sarebbe devastante se l’Europa e gli Usa cadessero in una competizione per la propria sopravvivenza a discapito dell’altro. Secondo noi non si può delegare sempre e tutto ai mercati, soprattutto ora che sono profondamente malati e drogati. Ciò dovrebbe indurre i governi e le loro organizzazioni  (G 20) ad accelerare il global legal standard. (Di Mario Lettieri Sottosegretario all’Economia nel governo Prodi  e Paolo Raimondi Economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »