Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘forma’

Festival di corti teatrali

Posted by fidest press agency su martedì, 4 Mag 2010

Roma Sabato 8 maggio – ore 20:30 Domenica 9 maggio – ore 17:30  Auditorium S. Chiara (Via Caterina Troiani, 90 – Eur Torrino nord). Ingresso gratuito. Festival di corti teatrali  Rassegna di corti teatrali per giovani autori, sul tema“Il 2000 compie 10 anni”.  A cura del Laboratorio Teatrale Il Cantiere Teatrale. Il premio intende promuovere la creatività, lo spirito critico e la libertà di espressione, attraverso il Teatro quale forma d’arte e luogo privilegiato di dialogo interculturale e crescita collettiva, mediante la ricerca delle nuove forme di espressione, di aggregazione, nuovi vizi e virtù vissute da chi è cresciuto in questo decennio. “Il 2000 compie 10 anni” è un concorso aperto agli Autori tra i 18 e i 25 anni che propongano brani teatrali della durata massima di 15 minuti. Presiederà la manifestazione in qualità di Presidente onorario Paolo Virzì, regista cinematografico di fama internazionale. Durante la prima serata, sabato 8 maggio 2010, saranno rappresentate le 8 opere scelte dalla giuria tecnica – formata da autori, attori, e registi – tra tutti i corti partecipanti al concorso. Tra i partecipanti saranno scelte 4 opere finaliste.La domenica pomeriggio, 9 maggio 2010, il pubblico e la giuria tecnica sceglieranno tra i finalisti i vincitori dei premi: miglior opera, miglior attore e migliore attrice; ai quali saranno assegnati dei premi in denaro e una targa di riconoscimento.La prerogativa di questa manifestazione è la doppia premiazione, da parte del pubblico con un giudizio di gradimento, mentre la giuria valuterà elementi tecnici ed artistici.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Notte bianca a Palazzo Strozzi

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2010

Firenze 30 aprile 2010 Il Palazzo rimarrà aperto fino alle ore 24,00 In occasione della Notte Bianca di Firenze Letizia Renzini presenta la performance elettroacustica Conferenza Muta, nella corte a cielo aperto di Palazzo Strozzi.  Gli spettatori assisteranno alla performance ad occhi bendati e il concerto si trasformerà in un dialogo tra se stessi e l’esterno, un ascolto interiore guidato da una materia sonora in continua metamorfosi.   Il Cortile di Palazzo Strozzi diventa il set per un dialogo sonoro dove una console generatrice di suono esplora lo spazio delle immagini interne e sonore degli spettatori (e del performer) trasformandoli in uditori.  Il flusso sonoro-musicale prende forma all’interno del pubblico, la conferenza interna dell’ascoltatore si nutre di stati, passaggi, metamorfosi di materie sonore.  Il suono funge come una sonda calata nelle menti e nei corpi di tutti, per far circolare e mettere in comune l’incomunicabile, che è il presupposto di ogni comunicazione.
Letizia Renzini   Video artista, musicista, dee-jay e performer, Letizia Renzini lavora con audio, video, corpo e testo in una costante fusione di linguaggi provenienti da molteplici ambiti espressivi. Ha compiuto studi sulla storia del cinema presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Ateneo fiorentino, e parallelamente ha portato avanti una personale ricerca sulla dimensione gestuale del suono. Dal 1997 ha ampliato la sua produzione anche al video e alla performance. Dal 2003 collabora come conduttrice a Rai Radio 3 dove si occupa di jazz, black music, vocalità ed eletrronica. Particolarmente interessata alla sperimentazione teatrale e performativa ha collaborato con i coreografi Robyn Orlin, Nicole Seiler e Marina Giovannini; al 2001 risale l’inizio della collaborazione con la compagnia di Danza Virgilio Sieni, nella produzione di spettacoli e colonne sonore. (letizia renzini)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Forma e Poesia nel Jazz

Posted by fidest press agency su sabato, 24 aprile 2010

Cagliari, Teatro Massimo, 8 – 29 maggio 2010 tredicesima edizione di  “Forma e Poesia nel Jazz”.  Tra le novità di quest’anno, la location: sarà infatti il Teatro Massimo a ospitare i concerti, sia nella sala grande (740 posti) che nel ridotto (190), come anche le attività collaterali, nel foyer, e i dopoconcerto, nella terrazza.  Il primo concerto vero e proprio è in programma la sera dopo (domenica 9): protagonista Filomena Campus, cantante (premio “Maria Carta” nel 2009) e regista sarda ma da tempo trapiantata nel Regno Unito, dove è attiva sulla scena del jazz e dell’improvvisazione. A Cagliari con Steve Lodder al piano, Dudley Phillips al contrabbasso e Winston Clifford alla batteria, presenta il progetto Theatralia che ha fondato sette anni fa: un collettivo con cui ha arrangiato e diretto “Misterioso”, la storia e la vita di Thelonious Monk raccontate da Stefano Benni. Altri suoni e atmosfere, martedì 11, spingono per una sera “Forma e Poesia nel Jazz” da Cagliari nella vicina Quartu Sant’Elena: all’F.B.I. Club tengono banco gli Alti e Bassi, quintetto vocale a cappella in arrivo da Milano.  Si resta nello stesso ambito di riferimento, la sera dopo (mercoledì 12), con un omaggio a un grande cantautore, Fabrizio De André, ma stavolta in chiave strumentale. Come sempre attenta alle novità e ai talenti emergenti, il 14 maggio “Forma e Poesia nel Jazz” chiama sul palco del Ridotto del Teatro Massimo il trio di Remo Anzovino. Classe 1976, il pianista e compositore friulano (di Pordenone) si è imposto tra le nuove rivelazioni della musica strumentale con due album, “Dispari” (2006) e “Tabù” (2008). Martedì 18 “Forma e Poesia nel Jazz” vara una produzione ad hoc: l’incontro tra la musica balcanica della Kocani Orkestar, la popolarissima fanfara macedone, e il cagliaritano Romeo Scaccia, pianista e compositore eclettico, capace di spaziare dalla musica “colta” al pop, dal barocco al contemporaneo, al jazz.  Il 22 maggio riflettori puntati su una formazione davvero storica, il Trio di Roma. Una storia, quella di Danilo Rea (pianoforte), Enzo Pietropaoli (contrabbasso) e Roberto Gatto (batteria).  Doppio set, infine, per l’ultima serata al Teatro Massimo, venerdì 28 maggio. Si comincia alle 19 con “Silent Movie”, una produzione che ha debuttato lo scorso settembre al festival “Creuza de Ma’” di Carloforte dedicato alla musica per il cinema. Secondo set, alle 21, con il Gianrico Manca Visions Quintet, un altro progetto voluto fortemente dall’associazione Shannara per incentivare i musicisti jazz sardi. Ma la musica non finisce qui. Tutte le sere, dopo i concerti, la terrazza del Teatro Massimo ospita incontri musicali e reading in compagnia di gruppi e artisti locali.  E di jazz nell’isola dei nuraghi si parlerà anche nell’ultimo appuntamento in calendario, sabato 29 maggio (ore 20) alla Galleria d’arte Paola Frau, con la presentazione del libro di Claudio Loi “Sardinia Jazz”.  Il prezzo dei biglietti va dai 10 ai 20 euro a seconda dei concerti. Previsto anche un abbonamento a 75 euro (+ 3.50 di prevendita) che comprende l’ingresso a cinque serate (quelle del 12, 14, 18, 22 e 27 maggio). (alti e bassi,l’armeria,filomena,enrico rava,trio di roma)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In forma nell’età protagonista

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 marzo 2010

di Paula St. Louis Oggi si vive molto più a lungo, ma l’età centrale della vita sotto il profilo sociale e produttivo, quella che viene chiamata ‘l’età protagonista’, rimane grosso modo quella di un tempo, e va dai 40 ai 60 anni (e più!, proprio grazie all’allungamento della vita e al miglioramento generale della salute). Il lettore apprenderà da questo libro come monitorare il proprio stato di forma e rallentare l’inevitabile calo fisico dovuto al trascorrere degli anni; come vivere serenamente la menopausa per le donne e la cosiddetta andropausa per gli uomini (fenomeno dai contorni molto più sfumati e incerti di quelli della menopausa, e tuttavia esistente); come creare il proprio benessere psicofisico a tavola e con l’attività fisica. Ampio spazio nel libro è dedicato allo sviluppo personale della sfera emotiva e spirituale. A questo fine si richiamano, accanto a quelle tradizionali, le nuove tecniche psicologiche, quali PNL, coaching, astropsicologia e altre ancora. Collana: Donna Oggi (DON) Codice libro: DON002 Prezzo: €12.00 Pagine:128 edizione Red

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concorso “Abitare la barca”

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 marzo 2010

Camerino. Silvia Giuliani, studentessa Unicam del corso di laurea Magistrale in Design, si è aggiudicata il secondo premio del concorso “Abitare la barca” per il progetto TRIA per le “Linee per geometriche associate alla carena a delta. La copertura di prua esprime leggerezza visiva”. L’elaborato, presentato dalla ragazza nell’ambito di Seatec la rassegna delle tecnologie subforniture e design che si è svolta nei giorni scorsi a CarraraFiere, riguardava la progettazione di un’imbarcazione a motore di sei metri dalle linee essenziali ma decise.   Un giudizio entusiastico è stato espresso dalla giuria del concorso, soprattutto per il livello qualitativo, la freschezza di idee, la facilità di dare risposte creative in tempi brevissimi ad un tema difficile quanto affascinante come quello di dare forma non alla barca dei sogni a una barca di dimensioni ridotte in grado di ospitare un gruppo per una giornata sulle onde. Presidente della giuria che ha valutato gli elaborati è stato Ivan Zignego, Docente di progettazione nautica all’Università di Genova, al suo fianco Decio Carugati, giornalista, scrittore, critico del design, Valerio Cometti, designer, titolare di V12 Design, Fabio Lenci, designer e Maela Lenci, designer (As.Pro.Na.Di). (silvia giuliani)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libro: Il mio ultimo capello nero

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 febbraio 2010

Arguta, brillante autoanalisi di uno scrittore giunto alla soglia critica dei sessant’anni («Non riesco a capacitarmi di avere sessant’anni. Eppure, ho avuto sessant’anni per prepararmi»), il libro va ben oltre l’evidente intento di “tirare avanti” senza cedimenti o di “tirarsi su” con qualche dritta in una stagione di bilanci. Graffianti verità in forma di aneddoti, riflessioni o epigrammi contribuiscono al buon umore ma soprattutto demoliscono con ironia tagliente e spregiudicatezza il moralismo ipocrita di chi non sa far di meglio che inzuccherare la pillola. E una certa verve impertinente aiuta a scorgere un nuovo inizio: «Ho superato il limite d’età, e forse i miei stessi limiti. Ho alcuni rimpianti. Ci sono molte cose che mi sarebbe piaciuto fare e che non farò mai. Non dirigerò mai l’orchestra filarmonica di Vienna. Non sarò mai re di Svezia. Non farò mai il domatore di tigri. Non piloterò mai il Concorde. Non mi esibirò mai in un grande concerto (nemmeno per il primo tempo). Non diventerò mai un campione olimpico. Non attraverserò mai l’Atlantico a remi. Non sarò mai eletto presidente degli Stati Uniti. Non metterò mai piede sulla luna. Non diventerò mai accademico di Francia. Non vincerò mai il Roland-Garros. Non sposerò mai Julia Roberts. Non scalerò mai la vetta dell’Everest. Non registrerò mai tutte le sonate di Scarlatti (cinquecentocinquantacinque). Non diventerò mai papa. Non dipingerò mai La Gioconda. Non farò mai il triplo salto mortale. Non ballerò mai Il lago dei cigni al Bolscioj. Alla fine dei conti, me ne frego». (Jean-Louis Fournier  Euro: 16,90 Pagine: 256 Ean: 9788841859995)
Jean-Louis Fournier è nato in Francia nel 1938 e, dopo una lunga carriera come regista e documentarista per la TV, si è dedicato alla scrittura pubblicando una serie di saggi umoristici di grande successo, tra cui Arithmétique appliquée et impertinente (1993) in cui ha rivelato come calcolare il peso del cervello di un cretino, à ma dernière cigarette (2007), Petites histoires pour ma psy qui s’ennuie (2007) e Le C.V. de Dieu (2008).

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La nobile forma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 novembre 2009

Chiesa e artisti sulla via della bellezza (testi di Giovanni Paolo II – Benedetto XVI) Nel 1999 Giovanni Paolo II inviava una famosa lettera agli artisti.La circostanza verrà ricordata in Vaticano, nella cornice straordinaria della Cappella Sistina, il 21 novembre 2009 con un convegno cui prenderà parte Benedetto XVI, che ha sollecitato l’iniziativa presso il Pontificio Consiglio della Cultura, invitando artisti di diverse estrazioni. a cura di Elio Guerriero e Pasquale Iacobone – introduzione di Gianfranco Ravasi Edizioni San Paolo 226 pagine + 16 pagine fuori testo a colori € 16,00

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sigfrido Bartolini: La Forma del Tempo

Posted by fidest press agency su sabato, 21 novembre 2009

Pescia (Pt) piazza del Palagio, 7Palazzo del Podestà  a cura di Beatrice Buscaroli  La mostra e’ curata dalla professoressa Beatrice Buscaroli, a cui già e’ stato affidato il padiglione italiano all’ultima Biennale di Venezia, con la collaborazione di Siliano Simoncini. L’obiettivo e’ ripercorrere attraverso l’opera di Sigfrido Bartolini il tema del paesaggio italiano e toscano in particolare, presentando un nutrito nucleo di dipinti. Tra questi i suoi notissimi casolari, divenuti il “topos” pittorico di Bartolini, immagini assunte ad emblema quasi religioso, ideali asili di una dimensione sacrale in cui la pittura diviene architettura e dipingere l’architettura diventa il simbolo, l’emblema stesso di una concezione “costruttiva” dell’arte e del mondo. Nel catalogo della mostra, edito da Polistampa, le immagini delle opere di Bartolini saranno accompagnate da brani tratti dal diario inedito dell’artista, intitolato Disperata felicità (1957-2007). (sigfrido)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuova stagione teatrale

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2009

Torino 17 novembre 2009 alle ore 12.00 presso la Sala Marmi di Palazzo Cisterna, (via Maria Vittoria 12,) si svolgerà la conferenza stampa di presentazione della nuova stagione di Incroci, rassegna teatrale promossa dalla Provincia di Torino con la direzione artistica di Assemblea Teatro e Teatro delle Forme. Saranno presenti il Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta, l’Assessore alla Cultura e al Turismo Ugo Perone, per Assemblea Teatro Cristiana Voglino e per il Teatro delle Forme il direttore artistico Antonio Damasco. Incroci 2009 giunge alla sua dodicesima edizione, con l’obiettivo di coniugare l’arte al territorio e alle realtà culturali che vi operano in un’ottica di valorizzazione a tutto campo delle riorse turistiche e culturali che formano la provincia. L’appuntamento invernale ritorna con una veste nuova sia per forma sia per sostanza: si ritorna in teatro, ma s’inizia dalla città di Torino e da lì partiranno tre frecce verso i punti cardinali – dai sentieri collinari al Canavese, fino al confine con la Francia, a quella Casa Olimpia divenuta in soli tre anni punto d’incontro e fucina di cultura. In scena, nelle diverse località che saranno sede di spettacolo (dalle sale comunali ai castelli), oltre alle due compagnie organizzatrici, Santi Briganti Teatro, Marionette Grilli, Guido Harari, Toni Mazzara, Nadia Martignoni, Teatro delle Dieci, Crab: una rassegna variegata capace di spaziare dal teatro d’attore, alla musica, alla buona letteratura. Incroci 2009 passerà da Torino, Vinovo, Villar Pellice, San Germano Chisone, Sestriere (nel segmento curato da Assemblea Teatro), Pecetto, Verrua Savoia, Cavagnolo, Settimo Rottaro, Rivarolo Canavese, Valperga e nuovamente Torino (in quello curato dal Teatro delle Forme).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’enigma dei due San Francesco

Posted by fidest press agency su martedì, 3 novembre 2009

San francesco in metidazioneVarese dal 7 novembre 2009 ore 18 (Preview per la stampa ore 17) al 10 gennaio 2010 Via Cola di Rienzo 42 Civico Museo D’Arte Moderna e Contemporanea Castello di Masnago Mostra sulle tecniche di attribuzione dell’autenticità dei dipinti  Opera doppia di San Francesco in meditazione, ovvero due tavole assolutamente identiche ad un primo sguardo che però celano un segreto, un mistero, un enigma che finora gli esperti non sono riusciti ancora a svelare. Una di esse è sicuramente del Caravaggio. Dove sta allora il vero? E soprattutto: e’ possibile arrivare ad accertare senza dubbio alcuno l’autenticità di dipinti così antichi, spesso sottoposti più volte a restauri e a lavori che ne hanno alterato la forma originale? Cosa rende così difficile, il cammino per raggiungere il verdetto definitivo? Qual è l’attendibilità degli strumenti a disposizione della scienza per l’attribuzione dell’autenticità di un’opera pittorica? Possono le nuove tecnologie dare un contributo dirimente?  La mostra, ideata da Ruggero Dimiccoli, ha taglio didattico e illustrerà con materiali multimediali, filmati di restauri, fotografie, testi e videointerviste a restauratori, le differenze stilistiche tra i dipinti; la “biografia” delle tele; le tecniche di indagine e di restauro; le modalità e gli strumenti che gli esperti utilizzano per l’attribuzione dell’autenticità delle opere.  La mostra presenta un altro interessante caso di attribuzione incerta, con lo scopo, tra altro, di contribuire al dibattito intorno a questioni in parte tuttora aperte che riguardano i “doppi” e le numerose copie esistenti di dipinti del Caravaggio: dal Ragazzo morso da un ramarro   di cui l’originale è conservato a Firenze alla Fondazione Longhi e la copia di un allievo alla National Gallery di Londra; alla Cena di Emmaus, di cui esistono due esemplari attribuiti entrambi a Caravaggio ma che risalgono a due momenti diversi; all’Incoronazione di Spine, di cui ci sono addirittura tre versioni tutte attribuite alla mano del maestro; per arrivare infine al caso eclatante della Cattura di Cristo – di cui esistono ben dodici copie- conservato alla National Gallery of Ireland, più volte messo in discussione e dichiarato autentico solo nel 1990.  All’inaugurazione saranno presenti il Ministro dell’Interno On. Roberto Maroni e il Sindaco di Varese, Attilio Fontana.  La mostra è stata realizzata da Sogecom con il contributo di A2A, Finmeccanica, Poste Italiane, Ina Assitalia e con la collaborazione del Comune di Varese.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Canonizzazione María Rafael Arnáiz Bar?n

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 ottobre 2009

Roma, Città del Vaticano. Domenica 11 ottobre Papa Benedetto XVI canonizzerà il beato María Rafael Arnáiz Bar?n, più conosciuto come fra Rafael (hermano Rafael). Il ricordo vivissimo di San Rafael è legato in gran parte agli scritti, in cui viene dato ampio spazio in questo volume e nei quali si ritrova tutta la carica interiore e soprannaturale che ne spiega l’enorme successo e la rapidissima diffusione. Rafael Arnáiz Barón ha scritto moltissimo, ma assolutamente non in prospettiva letteraria o a scopo divulgativo. Ha scritto rinunziando a molte ore di sonno, sotto l’impulso dell’eructavit cor meum verbum bonum. Ha scritto soprattutto per esigenza del suo spirito, per «fare orazione», per dar corpo e forma ai pensieri che gli urgevano dentro, e che, nel venire formulati, si decantavano, prendevano consistenza e si sviluppavano sotto l’impeto della spinta interiore. È impressionante rilevare come nell’anima del nostro giovane frate trappista, così esuberante e così sensibile ai valori umani e al bello della natura e dell’arte, cresciuto nel clima indubbiamente ovattato di una famiglia agiata, in un’epoca peraltro sconvolta da profondi sommovimenti sociali, abbia potuto coesistere una tanto profonda gioia di vivere con una ancor più profonda attrattiva per le cose del cielo, e per la via della croce che ad esso conduce. Il profilo tracciato da padre Paolino rende ragione di una fama che continua a crescere di giorno in giorno, richiamando un interminabile affluire di fedeli alla tomba nella chiesa abbaziale di San Isidro de Dueñas.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Felsina Pittrice“

Posted by fidest press agency su martedì, 8 settembre 2009

gioiello del reBologna) 10 settembre 2009, dalle ore 9 alle ore 12, presso l’Oratorio di Santa Maria della Vita (via Clavature 8  verranno esposti  la copia originale dell’opera  “Felsina Pittrice“  dedicata dal Conte Cesare di Malvasia a Luigi XIV Re di Francia e  il prezioso “Gioiello del re sole” con cui Luigi XIV Re di Francia ricambiò l’omaggio  La miniatura è contornata da una cornice in argento dorato su cui è incastonato un doppio giro di diamanti di dimensioni differenti, alcuni dei quali molto grandi. La cornice è poi completata da un gruppo di gemme disposte a forma di corona culminante nel giglio di Francia. Si tratta di un oggetto raro e pregevolissimo sia per il valore venale ad esso intrinseco, sia per l’importante memoria storica che racchiude: il gioiello fu infatti donato dal Re Sole al celebre storico ed erudito bolognese Carlo Cesare Malvasia in segno di gratitudine per avergli dedicato la sua opera Felsina Pittrice nel 1678.  Il Malvasia, a sua volta, attraverso il proprio testamento redatto il 22 dicembre 1692, rese erede de “la cosa più preziosa che io abbia in questo mondo” l’Arciconfraternita di Santa Maria della Vita, con l’esplicito vincolo di esporlo al pubblico il 10 settembre di ogni anno in memoria di una guarigione da lui ottenuta per intercessione della veneratissima Madonna della Vita, immagine riaffiorata alla luce, per l’appunto, il 10 settembre 1614 in occasione di una generale ripulitura della chiesa. Il re è  rappresentato con un’ampia parrucca arricciata e una corazza con collare e spalline a teste di leone, e porta a tracolla la sciarpa azzurra dell’Ordine di Saint Esprit. Il ritratto è attribuito a Jean Petitot (1607-1691).  La cornice fornisce poi un eloquente esempio della produzione delle manifatture orafe francesi al tempo del Re Sole.
La nascita di Luigi XIV (5 settembre 1638 – 1 settembre 1715), avvenne dopo 23 anni di matrimonio tra Luigi XIII e Anna d’Austria. Non aveva ancora compiuto cinque anni quando ereditò il trono di Francia ma non prese realmente in mano il governo fino alla morte del suo primo ministro, il Cardinale Mazarino, avvenuta nel 1661. Luigi, che è noto anche come il Re Sole, governò sulla Francia per oltre settant’anni. La frase che gli viene spesso attribuita, “L’État, c’est moi!” (“Lo Stato sono io!”), è molto probabilmente apocrifa, giacché il suo regno fu contrassegnato da grandi progressi nel diritto pubblico, proprio nella distinzione tra la persona fisica del re e lo Stato, mentre più veritiera appare l’altra frase celebre attribuitagli sul letto di morte: «Je m’en vais, mais l’État demeurera toujours.» (Io me ne vado, ma lo Stato resterà sempre).
Il Conte Carlo Cesare Marchese di Malvasia (Bologna,1616 – Bologna, 1693) nacque da nobile famiglia bolognese e in giovinezza fu allievo dei pittori Giacinto Campana e Giacomo Cavedone. (gioiello del re)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Bcc incontra la scuola

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2009

Centotrentasette classi delle scuole regionali primarie e secondarie di primo grado partecipanti nell’anno scolastico 2008/2009, per un totale di oltre 2 mila 500 studenti. Sono i significativi numeri del progetto “La Bcc incontra la scuola”, percorso di educazione al risparmio consapevole avviato in forma sperimentale nel 2003 da Irecoop Fvg, con la collaborazione delle Banche di Credito Cooperativo regionali. E appunto i referenti delle due realtà, nella sede udinese di Irecoop, hanno illustrato a una delegazione di 23 insegnanti delle scuole primarie e secondarie del Trentino (accolti dal presidente di Irecoop Fvg, Ervino Nanut, e accompagnati da funzionari della Federazione Trentina della Cooperazione e della Provincia di Trento) caratteristiche e risultati dell’iniziativa. Obiettivo del progetto, favorire l’incontro fra il mondo delle Bcc e quello scolastico, con lo scopo di promuovere la conoscenza dei valori di solidarietà e responsabilità sociale su cui si basa il Credito Cooperativo e di diffondere una cultura in grado di integrare i valori del risparmio e dello sviluppo economico con quelli dell’aiuto reciproco e della cooperazione. «In un contesto sociale in cui le famiglie hanno reagito alla perdita di valore d’acquisto dei loro salari ricorrendo a un sempre più massiccio indebitamento – hanno commentato i referenti di Irecoop Fvg e della Federazione regionale delle Bcc, illustrando l’iniziativa – diventa infatti di fondamentale importanza mettere soprattutto i giovani al centro di un progetto formativo, educandoli a un uso più responsabile del denaro, in modo tale da avere in futuro adulti più informati e più responsabili». “La Bcc incontra la scuola” sarà riproposta anche durante l’anno scolastico in partenza e sarà strutturata, come sempre, in un ciclo di lezioni in aula tenute da esperti formatori, alle quali seguiranno le visite alle filiali bancarie. Al via, infine, sempre nel contesto del progetto, la 3a edizione del concorso “Missione cooperiamo”, iniziativa che si propone d’incentivare lo spirito cooperativo inteso principalmente come lavoro di gruppo.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il male oscuro della politica italiana

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 agosto 2009

Esso si può sintetizzare in questa definizione: “l’etica debole ci da una democrazia debole”. Si pensi all’etica della responsabilità, dell’affidamento, del rispetto della parola data, dell’onestà e della sincerità. Se nei singoli individui e nel corpo sociale questi valori etici non sono fortemente radicati e sentiti, allora non c’è nessuna garanzia che le leggi del libero mercato siano rispettate, essendo la loro effettività sostanzialmente riposta nella volontà dei singoli è di adeguarvisi. Ciò che vale per l’economia, vale anche e a maggior ragione per una società democratica. La democrazia come insegna tutto il pensiero occidentale da Aristotele a noi, è di certo la forma meno imperfetta di governo civile, ma proprio per questo essa richiede un livello maggiore di consapevolezza e di responsabilità nei consociati, che sono chiamati a partecipare attivamente alle scelte per il bene comune. Essa postula, cioè, un sentire alto, un’etica forte, grazie a cui il rispetto delle regole della convivenza è rimesso innanzitutto e soprattutto nella coscienza degli individui, piuttosto che nel timore della sanzione da parte delle autorità. La mancanza di un’etica forte e condivisa ha sempre costituito la premessa di una debole democrazia. L’etica costituisce, quindi, un pre-requisito della democrazia, e pertanto lo Stato che vuol essere democratico deve restituire all’etica il primato sulla politica. In Italia questo rapporto si è indebolito con il tempo e non sembra che i politici se ne avvedono. E’ un grave errore. Esso può portare all’anarchia, all’individualismo, alla crescita sconsiderata degli individualismi, al poco rispetto per i ceti sociali più deboli, alla mancanza di un equilibrio politico finalizzato all’interesse della collettività e non di quello proprio o delle lobby più influenti ed interessate. Se non fissiamo questi paletti nel nostro essere etici e democratici sino in fondo, non avremo una reale democrazia e, soprattutto, una forte democrazia.

Posted in Confronti/Your opinions, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ora religione. Ricorso ministro sentenza Tar

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2009

Il Ministro Gelmini ha annunciato di aver fatto ricorso al Consiglio di Stato  per la sentenza del TAR Lazio, sull’ora di religione. L’iniziativa non è stata condivisa da tutte le parti politiche. Resta, a nostro avviso, il tema di fondo sull’insegnamento della religione nelle scuole statali. Già in passato si pensò ad una forma diversa d’insegnamento che avrebbe dovuto più incentrarsi sulla storia delle religioni e non riguardare solo la chiesa cattolica.

Posted in Diritti/Human rights, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tra il dire e il fare

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 luglio 2009

Editoriale fidest. La convivenza umana e non solo ci ha imposto regole per indurci ad essere più tolleranti con il forestiero, più comprensivi con le intemperanze dei nostri vicini. Abbiamo inventato la “diplomazia” per essere sempre più concilianti, ma spesso solo nella forma. Nella sostanza tramiamo. Vi è tutta una serie di teorie per giustificare e calmierare la violenza. Diciamo che uccidere è un peccato, ma non siamo dei peccatori se ci legittimiamo con una dichiarazione di guerra nei confronti del vicino che ci ha offesi o che si suppone attenti la nostra incolumità. Da una parte ci troviamo con biechi assassini e dall’altra con eroi. Entrambi uccidono e persino brutalizzano le loro vittime ma il loro destino oltre la vita sarà per gli uni l’inferno e per gli altri il paradiso o, al più, il purgatorio. E così per buona pace di tutti regoliamo i nostri conti con la coscienza e la ripuliamo a dovere là dove esiste un confessore che ci darà l’assoluzione. Con questa “nota di benemerenze” possiamo presentarci al giudice supremo e dirgli: si ho peccato, si ho ucciso e stuprato ma ora mi sono ripulito. Merito il Paradiso. E la vittima? Non è citata. E’ diventata lo strumento della nostra redenzione. Un prete un po’ cinico un tempo mi diceva: guai se non ci fosse il peccato. Che ci staremmo a fare altrimenti? A questo punto vorrei che non ci fossero più preti, chiese, santi e religioni perché vorrebbe dire che non vi sarebbero più violenze, genocidi e olocausti. Assurdo, osserva un filosofo: l’umanità non saprebbe cosa fare. Morirebbe di noia. Allora mi chiedo: è proprio per non morire nell’altrui e nella propria noia che taluni si fanno un pegno d’onore di riempire le pagine dei giornali ed essere di continuo citati nei notiziari radio-televisi per l’essere il cattivo di turno, per l’essere il corrotto e il corruttore, per suscitare odi e risentimenti, per brutalizzare le coscienze? Per quanto odioso possa essere l’affermarlo mi sembra proprio di si. Così ci ritroviamo con un santo uomo che afferma di “stimare” un peccatore impenitente e nella chiusa di una lettera lo saluta deferentemente. I peccatori, i veri peccatori per quel sant’uomo sono i divorziati, i concubini, gli stupratori, i quanti violano le leggi della chiesa pur appartenendovi da fedeli, ma lo sono perchè gente della strada, dei perfetti anonimi per i quali nessuno profferirebbe rivolgersi a loro con un saluto deferente e una dichiarazione di stima in specie non dico dal santo uomo ma nemmeno dal diacono della sua parrocchia. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Editoriali/Editorials | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sicis… l’arte del Mosaico

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2009

sicis1sicis2Parigi 15 Luglio 2009 41 di rue François 1er, nell’angolo di uno storico palazzo che incrocia due vie della capitale del lusso, si incontra Sicis…l’arte del Mosaico.  E’ un mondo che già esternamente si annuncia, come nelle case delle favole dei fratelli Grimm. E’ un mondo che traspare dalle mura storiche degli edifici dai fregi eccezionalmente mosaicati, che già dall’esterno annunciano la magia degli interni.  Uno spazio onirico, una scatola magica in cui tutto è straordinariamente mosaico. Un labirinto sensoriale dove tutto prende la forma del vetro iridescente o del marmo intagliato.  Un’arte antica che sorge a Ravenna, nella capitale del mondo antico, luogo di nascita di Sicis, l’azienda che ha rivoluzionato il modo di pensare la tecnica del mosaico: oltre la superficie, dentro la forma. Un vero e proprio total-living, entrato oltre che nelle case di star e celebrities, anche negli hotel pluristellati  di tutto il mondo.  Dopo  Milano, New York, Monaco, Dubai, Sicis prende casa a Parigi, nella capitale dell’eleganza  di tutti i tempi, nel cuore pulsante del lusso, in prossimità di Av. George V e Av. Montaigne, al 41 di rue François  1er.  Due piani espositivi di oltre 600 mq progettati dall’architetto Massimiliano Raggi, che raccontano le  straordinarie interpretazioni di un linguaggio che ha infiniti suoni, colori e vibrazioni.  Attraverso la ricchezza  dei pannelli, i pavimenti amovibili, il cambio periodico dell’allestimento, si sfoglia una ricchissima offerta  espositiva, che fonda un universo incredibile e meraviglioso.  I pregiati pavimenti lavorati a cosmati in bianco e  grigio diventano una vera e propria Wunderkammer, un cubo che si scompone in infinite forme e facce. Le incredibili  stanze dalle pareti di fiori e di specchi, quasi  tableau vivant. Una performance di colori, dettagli e sfumature  che guarda alle arti visive. Manichini vestiti di mosaico abitano le nuove dimore del lusso con i preziosi salotti  da bagno. L’incontro con oggetti dal design esclusivo come la nuova “Audrey”, la straordinaria vasca da bagno a  forma di decolletè, progettata da Massimiliano Della Monaca. Vasi tridimensionali ispirati alle dinastie del Sol  Levante: les magies d’Orient. L’Orientalisme, il gusto per l’esotico e il lontano che trovò a Parigi nel XIX secolo  l’espressione più colta e raffinata. (sicis 1,2)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Nuovo istituto di credito

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 giugno 2009

Napoli 29 giugno presso l’Hotel delle Terme di Agnano alle ore 9.30 si costituisce il nuovo istituto di credito popolare “Banca Popolare del Mediterraneo”. (conferenza stampa alle ore 12) E’ prevista la partecipazione di 1100 soci fondatori che daranno vita alla Banca nella forma della s.c.p.a.  “Si tratta del primo istituto costituito con le caratteristiche della pubblica sottoscrizione – spiega Gennaro Fusco presidente del Comitato Promotore e del futuro consiglio di amministrazione della banca – Possiamo vantare un altro primato ed è quello di aver scelto di non blindare l’assemblea, ma di convocare tutti i soci fondatori grazie ai quali è stato possibile concretizzare questa iniziativa voluta da professionisti e imprenditori napoletani e campani, ma anche del Veneto, della Lombardia, del Lazio e della Toscana. Sono 1100 i soci che hanno diritto a partecipare alla costituzione e per questo abbiamo scelto una location che potesse ospitarli in una giornata che credo sarà particolarmente significativa sia perché corona gli sforzi dei promotori che hanno creduto nel progetto e l’hanno sostenuto, sia perché sarà una grande occasione di socializzazione fra tutti quanti i fondatori che rappresentano l’anima del nuovo istituto bancario”. Con circa 12milioni di euro raccolti, la Banca Popolare del Mediterraneo si candida a svolgere un ruolo nuovo nel sistema socio-economico della regione: “I nostri riferimenti sono ovviamente le imprese, soprattutto il sistema delle PMI che aspirano a un rapporto più diretto con la propria banca, più attento a conoscerne ed apprezzarne la storia imprenditoriale e la voglia di intraprendere, di essere protagonista non solo sul territorio ma anche nei processi di internazionalizzazione. Non a caso guardiamo con straordinario interesse al nuovo mercato mediterraneo come a un’opportunità per il nostro sistema produttivo – evidenzia Fusco – Grande attenzione intendiamo riservarla anche alle imprese che innovano, che guardano al mercato delle nuove energie e a quelle alternative, all’innovazione tecnologica, per modernizzare e rendere sempre più competitiva l’impresa senza perdere di vista la tutela dell’ambiente e la qualità della vita. Quindi sviluppo all’insegno della sostenibilità inteso quale valore economico dell’impresa. Infine intendiamo studiare e sostenere nuove idee e progetti d’impresa, soprattutto di giovani talenti, e riserveremo grande attenzione in generale al mondo associazionistico e in particolare dei consumatori”. Il CdA della Banca sarà così composto: Presidente: Gennaro Fusco (commercialista) V. Presidente: Vincenzo La Cava (commercialista) Tesoriere: Stefano Luise (imprenditore) Consiglieri:  Giuseppe Vassallo (presidente della Banca di Credito Salernitano) Francesco Di Fiore (imprenditore) Giovanni Castellano (avvocato) Fulvio Luise (imprenditore) Vincenzo Polisi (avvocato) Salvatore Belfiore (ingegnere)  Collegio dei Revisori  Presidente:  Giovanni Esposito Sindaci Effettivi:  Antonio Minervini Vincenzo Barrela Sindaci Supplenti: Ernesto Izzo Francesco Rea  Società di Revisione:  Price  Probi Viri:  Presidente:  Maurizio Pimpinella Componenti: Domenico De Crescenzo Antonio Perrella Paolo Stravino Salvatore Aceto di Capriglia

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concorso fotografico dal titolo: “Berra e Dintorni“

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2009

Berra, (Ferrara) Associazione Cultura e Spettacolo Berrese Via G. Garibaldi, 17/a Il tema delle fotografie è ” Berra e dintorni “. (ambienti naturalistici legati al fiume, canali,  campagna, vecchi manufatti ecc.) La partecipazione è aperta a tutti i fotografi dilettanti e a tutti coloro che mostrano interesse per questa forma d’arte. L’iscrizione al Concorso è gratuita. La data limite per l’iscrizione al Concorso è il   30 Luglio  2009.   Non si accettano Opere pervenute oltre tale data. Le opere saranno esaminate da un’apposita Giuria di esperti, il cui giudizio è insindacabile e inappellabile. La Giuria sceglierà tra quelle ammesse le 6  fotografie vincitrici: tre opere prime e tre premi speciali. Ciascun Autore può presentare max 3 (tre) foto esclusivamente in formato 20 x 30   a colori o in bianco e nero, anche se già presentate in altre Manifestazioni. Le foto devono pervenire al seguente indirizzo: Associazione Cultura e Spettacolo Berrese Via G. Garibaldi 17/A. 44033 Berra, Ferrara, Italia, all’attenzione di Raffaella Nalli. Le foto ed il materiale che le accompagna ( notizie che descrivono   luogo e particolarità del soggetto fotografico) potranno essere inviate a mezzo postale o essere consegnate  direttamente.  Le spese di spedizione del materiale sono a carico dei partecipanti. L’Organizzazione si impegna a trattare le Opere con la massima cura, ma il Comitato Organizzatore non potrà, in nessun caso, essere considerato responsabile della perdita o dei danni arrecati alle Opere durante la Rassegna.  Gli Organizzatori, in conformità con le regole stabilite in materia di copyright, considerano pregiudiziale che le foto presentate al Concorso siano esenti da qualsiasi diritto di proprietà artistica o da altri diritti che possano appartenere a terzi; pertanto gli Autori si impegnano a garantire, gli organizzatori, contro qualsiasi azione che potrebbe essere esercitata contro di loro dagli aventi diritto.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Restaurate le matrici lignee del Mappamondo turco-veneziano

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 giugno 2009

Venezia 15 giugno, ore 17.30, Antisala della Libreria Sansoviniana (Venezia, Piazzetta San Marco 13/a) La Biblioteca Nazionale Marciana è lieta di presentare, il restauro delle sei matrici lignee cinquecentesche che compongono il Mappamondo turco-veneziano in forma di cuore e la loro collocazione in una nuova teca espositiva, interventi che sono stati resi possibili dalla sponsorizzazione offerta dal Soroptimist International – Club di Venezia. Interverranno: Maria Letizia Sebastiani (Direttore della Biblioteca Nazionale Marciana), Bente Bevilacqua (Soroptimist International – Club di Venezia), Piero Falchetta (Biblioteca Nazionale Marciana), Giampiero Bellingeri (Università Ca’ Foscari di Venezia). Il Mappamondo, corredato di fitte iscrizioni e notizie geografiche in lingua turca, con due piccoli globi celesti e una sfera armillare nella parte inferiore, misura nel complesso 1096 x 1066 mm. Ritenuto tradizionalmente opera del tunisino Haji Ahmed, esso è in realtà espressione di un piano editoriale a più mani concepito a Venezia negli anni 1559-1568 e destinato al mercato ottomano. I legni, ritrovati nell’archivio del Consiglio dei Dieci nel 1795 e da allora custoditi nella Pubblica Libreria di San Marco, presentavano profonde fessurazioni e un esteso attacco di insetti, ed erano fissati in una vetrina inadeguata. Grazie al restauro promosso dal Soroptimist International ed eseguito dalla ditta Orsingher di Trento è ora possibile ammirarli nell’Antisala o Vestibolo sansoviniano, all’interno del percorso museale integrato di Piazza San Marco. In occasione della presentazione sarà inoltre possibile ammirare una delle 24 stampe ricavate dalle stesse matrici dallo stampatore Pinelli, dopo il ritrovamento del 1795.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »