Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Posts Tagged ‘formazione’

Formazione medica, manuali Artquiz acquisita da Accademia Italiana Medici Specializzandi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 agosto 2022

Accademia Italiana Medici Specializzandi – AIMS S.r.l., appartenente al gruppo Amphi Holding, con oltre 15 milioni di fatturato e 9 milioni di EBITDA al 30 agosto 2021, leader nel settore della formazione medica in Italia, rende noto di aver perfezionato l’acquisizione del 100% di Accademia Artquiz S.r.l.Accademia Artquiz S.R.L è uno dei principali player in Italia nella formazione agli esami di ammissione a Medicina/Odontoiatria, Veterinaria e Professioni Sanitarie, sia nelle Università Pubbliche, sia in quelle Private, ed è presente sul mercato con i volumi Artquiz, manuali di preparazione ai test a risposta multipla, elaborati secondo un collaudato metodo di studio proprietario e venduti ogni anno in oltre 25.000 copie. L’operazione ha un rilevante significato strategico, poiché rafforza ulteriormente la presenza del gruppo AIMS nel settore della formazione pre-universitaria, andando ad affiancare l’offerta della già operativa PreAIMS, la scuola di formazione alle prove di accesso alle Università pubbliche e private dell’Area Scientifica e Sanitaria.L’attuale socio di Accademia Artquiz S.r.l., Arturo Giurleo, assumerà incarichi manageriali nella gestione della stessa Società. “L’attenzione verso lo sviluppo di un’offerta formativa sempre più integrata e innovativa è uno dei pilastri della strategia di sviluppo di AIMS. Diversificare ed espandere il nostro business sono gli obiettivi del prossimo futuro: rendere AIMS il più grande gruppo a livello italiano nella formazione medica è da sempre la nostra missione e riteniamo che l’ingresso di ArtQuiz nella nostra galassia vada a impreziosire la nostra offerta già esistente per la formazione ai test di accesso universitari. Artquiz è solo il primo passo, stiamo già pianificando ulteriori iniziative”, spiega l’Amministratore Delegato di AIMS, Antonio Mancini.Le attività di M&A sono state internamente supportate dal CFO di AIMS, Antonio Napoletano. Per gli aspetti finanziari e fiscali dell’operazione, AIMS è stata assistita da ETX Italy con i partner Vincenzo Chiaia e Giuseppe Bracciodieta e per gli aspetti legali da LawSharing con gli avvocati Emilio Servidio, Gianfranco Ucelli e Paolo Careri. Accademia Artquiz è stata assistita da Anna Cacciaguerra per gli aspetti fiscali e di reporting.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Formazione medici: Università, più tecnologici e dedicati a dispositivi e ricerca

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 agosto 2022

Arriva un nuovo medico nelle corsie. Si laurea in sei anni come gli altri colleghi ma i primi tre è in banco con gli ingegneri clinici, frequenta in inglese, impara le potenzialità del bit, dei big data, dei dispositivi medici, ed è impostato per lavorare in team. È il laureato in corsi di medicina “diversi” che stanno nascendo in molti atenei lungo la penisola. Al Campus Biomedico di Roma un incontro (“Medtech, presente futuro, Università e imprese disegnano il domani”) ha illustrato la figura che esce dai nuovi insegnamenti. Uno-“Medicine & Surgery”- è stato annunciato nell’occasione dall’ateneo romano, insieme a “Biomedical Engeneering” per ingegneri. La base è comune: vi si mettono insieme insegnamenti di scienze mediche, ingegneria, analisi dati, matematica, informatica. Tra i medici, «l’obiettivo è una figura in grado di intercettare e proporre nuovi bisogni tecnologici e capace di portare nei nostri ospedali un valore aggiunto nell’offerta di terapie e diagnostica mirate», spiega il Presidente del Campus Carlo Tosti. Questo medico «affronta temi quali robotica, genomica, intelligenza artificiale o legati all’uso di telemedicina, stampanti 3D ed altro. Un uso che deve essere eticamente responsabile ed economicamente sostenibile». Massimiliano Boggetti, Presidente Cluster Tecnologico Nazionale Scienze della Vita Alisei ricorda come «i nuovi regolamenti europei vanno nella direzione di sinergie tra formazione e settore privato». Collaborazioni di questo tipo saranno incoraggiate dal momento che «l’indirizzo Ue è rendere più numerosi gli studi clinici». Ancor più che alla tecnologia farmaco, lo sviluppo della nuova figura di medico appare connesso all’uso di medical device, settore in cui la produzione italiana cuba 16,2 miliardi e 4.546 aziende occupano 112.534 dipendenti(Fonte Confindustria Dispositivi Medici 2022). Ma torniamo al laureato “Medtech”: Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di Sanità, sottolinea che dal corso deve comunque uscire un medico. «Ricerca, formazione e mondo del lavoro costituiscono un ecosistema. I risultati dell’attività di questo ecosistema però alla fine agiscono nella relazione medico-paziente. Se non c’è un rapporto tra le persone, se il paziente non è coinvolto, la terapia può non instaurarsi; se il rapporto c’è, si può far crescere la consapevolezza del paziente sull’uso di nuovi strumenti diagnostici e terapeutici». Brusaferro indica nell’assistenza ai minori e nella prevenzione gli obiettivi in un’Italia dove ci sono 1,4 milioni di under 18 in povertà a fronte di un tasso di natalità ai minimi. Ed aggiunge: «Il medico con le competenze citate non solo sta in rete, ma fa rete con il paziente, attuando tra l’altro comportamenti virtuosi (per dire, un medico che fuma non dà un esempio positivo); se non si fa rete, il risultato di cura può risentirne». «Il medico lavora ormai a stretto contatto con l’innovazione. Per un 50% le nuove molecole in studio nelle sperimentazioni cliniche sono personalizzate. Per mirarle servono nei centri di cura competenze specifiche o “aumentate”», afferma il Past President Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi. «La sfida che ci attende è preparare medici capaci di scegliere le tecnologie migliori; di sapere come gli input di una telecamera arrivano ai neuroni in un non vedente, o quali implicazioni etiche abbia il posizionare un elettrodo nel potenziare la memoria in un’area associativa del cervello», dice Vincenzo Di Lazzaro, preside di Medicina del Campus Bio-medico. «L’obiettivo di questo medico è conoscere le tecnologie per mettere a punto nuove cure. Una richiesta che viene anche dalle imprese quando finanziano master post-laurea». (fonte Doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Decreto Pnrr riforma formazione e reclutamento

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

Sul Decreto Legge 36 Pnrr che introduce la nuova formazione e il reclutamento dei docenti italiani il Governo intende presentare un maxi-emendamento nell’Aula del Senato, rendendo impossibile qualsiasi ulteriore nuova modifica in vista del voto finale: secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “sebbene le commissioni Affari Costituzionali e Istruzione siano riuscite a recepire una parte degli emendamenti che mitigano i tagli e alcune delle storture normative originarie, il nostro giudizio sul decreto di riforma contenuto nel Pnrr rimane fortemente negativo. Le assunzioni dei giovani docenti diventano infatti un percorso ad ostacoli, fatto addirittura di cinque verifiche e manca ancora una volta quel canale di reclutamento riservato ai precari reclamato anche dal Comitato europeo dei diritti sociali, dalla Corte di Giustizia europea e dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa. A questo punto – conclude Pacifico – la parola passerà ai ricorsi e alle denunce che faremo a livello europeo e nazionale”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Decreto 36 Pnnr su riforma reclutamento e formazione docenti

Posted by fidest press agency su martedì, 31 Maggio 2022

Sul Decreto Legge n. 36, collegato al Pnrr che cambia assunzioni e formazione dei docenti è giunto il tempo delle decisioni: scaduti in queste ore i termini per la presentazione di ordini del giorno ed emendamenti alle commissioni riunite 1ª (Affari Costituzionali) e 7ª (Istruzione pubblica, beni culturali) del Senato, a cui è stato assegnato l’esame del testo prima dell’approdo in Aula. Sulle decisioni dei senatori avranno il loro peso le indicazioni pervenute anche dalle audizioni e degli interventi da parte dei rappresentanti del Governo, come quella di ieri del ministro Patrizio Bianchi. Oggi Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ha ribadito l’importanza di approvare gli emendamenti suggeriti da Anief al decreto Pnrr, perché su formazione e reclutamento danno “delle risposte certe al personale della scuola. Servono risposte innanzitutto per i giovani – dice il sindcalista all’agenzia Teleborsa – che hanno un percorso di un anno di formazione universitaria, in modo che arrivino direttamente al ruolo. Occorre poi dare risposte certe ai precari, affinché possano essere messi in sovrannumero in questo anno di formazione universitaria e, dopo il conseguimento dell’abilitazione, possano ottenere la conversione del contratto da tempo determinato a tempo indeterminato”.Il sindacalista autonomo si sofferma anche sui “213mila insegnanti precari chiamati l’anno scorso per far funzionare in maniera ordinata le nostre scuola”, chiedendo al Governo di dare finalmente quella “risposta che serve all’Europa e quella risposta alle tante battaglie che l’Anief porta avanti da quando è stato fondato, che hanno portato a vincere dinanzi al Comitato europeo per i diritti sociali, al Consiglio d’Europa ed alla Commissione europea, mettendo in stato di mora l’Italia sulla questione della supplentite” mai risolta per scelte sbagliate di chi governa la scuola.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Robotica 4.0, formazione continua a sostegno dell’occupazione

Posted by fidest press agency su sabato, 14 Maggio 2022

Torino. Soddisfazione per la Città metropolitana per l’avvio del progetto “Robotica 4.0 Imparare per fare”, un ciclo di corsi di formazione specializzata sulla robotica, destinato a favorire la conoscenza di strumenti tecnologici utili a inserirsi o rientrare nel mercato del lavoro. Il progetto ha ottenuto un finanziamento di circa 50 mila euro erogato da Città metropolitana all’Unione Net, con risorse messe a disposizione da Compagnia di San Paolo.Nei giorni scorsi i rappresentanti del Comune di Settimo, di Unione Net e di Città metropolitana hanno firmato il protocollo d’intesa che suggella l’accordo. Il progetto prevede cinque tipologie di corsi gratuiti, con target diversi. In tutti i casi i partecipanti imparano a utilizzare i robot industriali forniti dall’azienda Comau, partner del progetto. I corsi, della durata variabile fra 2 e 10 giorni e concepiti su diversi livelli, sono Robotica educativa, Robotica industriale (livello base), Programmazione-Python, Percorso integrato (livello medio) e Percorso facilitatori (livello avanzato).I corsi si tengono in uno spazio dedicato in Biblioteca Archimede, uno dei principali poli formativi e culturali del territorio metropolitano, e durano circa 8 ore al giorno. Gli studenti vengono seguiti da formatori specializzati e acquisiscono competenze che potranno, in alcuni dei percorsi, essere verificate da un esame finale.I corsi di formazione forniscono strumenti di conoscenza della robotica e si rivolgono a persone senza occupazione fra i 20 e i 50 anni iscritti al Centro per l’impiego, ai “Neet” (le persone che al momento non studiano e non sono in cerca di occupazione) e anche a studenti degli istituti superiori. Il corso Facilitatori è rivolto al personale degli enti partner dell’iniziativa e ha l’obiettivo di consolidare le loro conoscenze per poter portare avanti e implementare nel tempo il progetto. La platea dei partecipanti, al momento una quarantina, è stata selezionata dal Centro per l’impiego e dalle scuole superiori di Settimo coinvolte nel progetto, l’Istituto 8 marzo, l’Istituto Galileo Ferraris e l’Enaip.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Formazione digitale per le persone fragili

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Maggio 2022

L’assessora alle Politiche Sociali e alla Salute Barbara Funari e il direttore generale della Fondazione Mondo Digitale Mirta Michilli hanno firmato un accordo, della durata di 4 anni, per la promozione di programmi rivolti alle categorie a rischio di esclusione, che aiutino ad acquisire competenze digitali. Le attività, gratuite, si svolgeranno su tutto il territorio cittadino e potranno essere seguite anche on line. Saranno rivolte in particolare a: anziani, cittadini fragili, operatori e volontari, migranti e persone inserite in percorsi di reinserimento sociale.“L’utilizzo dei nuovi strumenti tecnologici – sottolinea l’assessora Barbara Funari – è diventato fondamentale per ridurre le disuguaglianze e contrastare la povertà educativa. Per questo abbiamo voluto promuovere la conoscenza del mondo digitale con attività finalizzare ad acquisire alcune competenze che aiutino le persone più fragili a scoprire i vantaggi della tecnologia, per trarre benefici anche nella vita di tutti giorni e sentirsi meno isolati. Alcuni progetti saranno rivolti anche alla formazione di giovani per percorsi di inclusione lavorativa. L’accordo prevede inoltre alcuni corsi digitali nei centri anziani di Roma Capitale”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Corso di Alta Formazione “Parole e Suoni”

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 Maggio 2022

Perugia. C’è tempo sino al 13 maggio prossimo per presentare la domanda d’iscrizione al Corso di Alta Formazione “Parole e Suoni”, sulla dizione e lettura espressiva dell’italiano. L’iniziativa didattica nasce sulla scorta della forte istanza di formazione manifestata in questo ambito da docenti di italiano (italiano lingua materna, italiano come seconda lingua e come lingua straniera), lettori d’italiano all’estero, giornalisti, esperti di comunicazione, attori e figure dirigenziali di enti pubblici e privati, per i quali è necessario saper “usare” professionalmente la nostra lingua in contesti pubblici e di comunicazione. Docente del corso sarà Roberto Biselli, attore, regista e direttore artistico di molte produzioni teatrali, nonché titolare dell’insegnamento di storia del teatro italiano presso l’Ateneo. Il Corso, in programma dal 27 maggio al primo luglio, avrà una durata di 30 ore e sarà erogato in modalità mista, con svolgimento delle attività formative presso la sede di Palazzo Gallenga e la contemporanea possibilità, a scelta del corsista, di partecipare alle lezioni da remoto, attraverso la piattaforma Microsoft Teams. Al termine del ciclo di lezioni verrà rilasciato ai partecipanti un certificato di partecipazione e il riconoscimento di 3 Crediti Formativi Universitari (CFU). É peraltro possibile utilizzare il Bonus Docenti per il pagamento del costo d’iscrizione. Il programma didattico sarà così articolato: – Elementi di storia della lingua italiana; interpretazione; aree semantiche; onomatopea. – Voce: respirazione diaframmatica; irrobustimento delle corde vocali; rilassamento dell’apparato fonatorio. – Pronuncia: regole della pronuncia italiana; ortoepia; articolazione e pronuncia intellegibile delle parole; correzione dei difetti di pronuncia; consapevolezza dello spazio nell’eloquio. – Fonetica: studio dei suoni della pronuncia italiana; studio dei luoghi dell’articolazione; correzione dei suoni regionali. – Lettura espressiva: studio degli elementi espressivi; colore, tonalità, inciso, tempo, ritmo, chiusura; pulizia della lettura; lettura di “carattere”, lettura cantata, lettura enfatica; analisi logica e commento estetico; il gioco del teatro; l’arte della retorica. Francesca Malagnini, direttore scientifico del corso e docente di Linguistica italiana presso la Stranieri sottolinea come: <<l’acquisizione di una dizione corretta, depurata da inflessioni regionali e dialettali marcate, è elemento imprescindibile per tutti coloro che devono saper usare professionalmente la parola in contesti accademici, pubblici e di comunicazione. L’iniziativa, decisamente innovativa nel contesto accademico, rappresenta un’opportunità efficace di perfezionamento nell’impiego della lingua italiana, ambito in cui l’Università per Stranieri di Perugia vanta una indiscussa tradizione in Italia e all’estero”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Formazione e card docenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 marzo 2022

Il cambio di giurisprudenza, alla luce anche della remissione in Corte di giustizia europea della normativa Italiana (legge 107/15) ottenuta dai legali Anief che ora apre le adesioni ai ricorsi al giudice del lavoro per restituire agli aventi diritto fino a 2.500 euro per i cinque anni di supplenza trascorsi.L’iniziativa legale si accompagna a una serie di successi ottenuti sempre dall’ufficio legale di Anief a difesa dei diritti dei precari: dal riconoscimento del salario accessorio ai supplenti brevi alle ferie non godute, dagli scatti di anzianità ai risarcimenti per abuso dei contratti a termine alle mensilità estive. Per non parlare del contenzioso vinto in Cassazione sul riconoscimento per intero del servizio preruolo nella ricostruzione di carriera o del primo gradino stipendiale negato ai neoassunti dal 2011.Il giovane sindacato guidato da Pacifico promette battaglia anche nei tavoli contrattuali in vista pure del voto RSU del prossimo aprile: tra le richieste di modifica del contratto la necessità di garantire la parità di trattamento tra personale precario e di ruolo e una specifica indennità di incarico per chi è precario con più di 36 mesi di servizio. Per vincere la supplentite Anief ha chiesto al ministro Bianchi di utilizzare il doppio canale di reclutamento assumendo in ruolo i precari dalle stesse graduatorie (GPS) da cui sono assunti a tempo determinato, senza dimenticare gli ITP, IRC, ATA, educatori e le migliaia di diplomate magistrale esclusi dal reclutamento. Un docente con supplenza annuale ha diritto all’aggiornamento professionale: lo hanno stabilito pochi giorni fa i giudici di Palazzo Spada chiedendo al ministero dell’Istruzione di mettere a loro disposizione gli strumenti, le risorse e le opportunità, che garantiscono la formazione in servizio, perché non vi può essere una disparità di trattamento tra personale di ruolo e non di ruolo. Nella sentenza n.1842/2022, il Consiglio di Stato ha fatto riferimento diretto alla remissione in Corte di giustizia europea sullo stesso tema, ottenuta dai legali Anief e promossa dal tribunale di Vercelli. A questo punto, per l’ufficio legale del giovane sindacato, manca solo un ultimo passaggio per l’ottenimento dei 500 euro annui e il recupero di 2.500 euro per chi ha svolto supplenze annuali nell’ultimo lustro: il ricorso ai giudici del lavoro. “La posizione assunta dal Consiglio di Stato conferma che la nostra battaglia sull’estensione della card docente per l’aggiornamento non è corretta solo come principio ma anche a livello giuridico – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – e riteniamo che sulla sentenza abbia certamente influito la nostra remissione in Corte di Giustizia europea. Invitiamo pertanto tutto il personale precario e chi ha svolto supplenze annuali ad aderire al ricorso patrocinato dai legali Anief presso il tribunale del lavoro”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce il Centro di Formazione Integrale UER

Posted by fidest press agency su domenica, 6 marzo 2022

“La Formazione Integrale rappresenta l’ideale educativo del nostro ateneo”, spiega Padre Gonzalo Monzón LC, Direttore del Centro. “Non vogliamo limitarci a proporre agli studenti soltanto un percorso accademico, ma anche e soprattutto un cammino di crescita personale ed umano”.L’attività di Formazione Integrale è presente nell’Università Europea di Roma fin dalla sua fondazione. Ora è stato istituito il Centro di Formazione Integrale ed approvato il suo regolamento, con una delibera del Consiglio di amministrazione. “La nascita del Centro di Formazione Integrale rappresenta, per noi, una grande gioia e uno stimolo ad impegnarci ancora di più nel percorso iniziato in questi anni”, afferma Padre Monzón. “L’obiettivo è sempre quello di cercare la realizzazione di tutte le potenzialità dei giovani, in modo armonico, attraverso quattro aree educative: la formazione intellettuale, umana, spirituale e sociale”.Il Centro di Formazione Integrale è suddiviso in settori, che rappresentano i suoi ambiti di azione: Eccellenza, Responsabilità sociale, Sport e Attività extracurriculari, Divulgazione. Ogni settore tocca aspetti diversi della formazione dei giovani: la ricerca dell’eccellenza umana e l’impegno di leadership positiva nella società, le attività sociali svolte con associazioni di volontariato, lo sport proposto come palestra di vita, le attività extracurriculari e di divulgazione, per dare spazio alla creatività dei giovani. Ad esempio, con il concorso UER’S Got Talent, ispirato a temi di solidarietà, e la partecipazione alle trasmissioni di Radio Onda UER, web radio che ha festeggiato recentemente il suo primo anniversario.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Formazione obbligatoria, con il nuovo contratto si cambia

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Presto dovrà essere presa una decisione su come collocare la formazione obbligatoria dei docenti all’interno del nuovo contratto nazionale di lavoro: se con la Buona Scuola di Renzi, nel luglio 2015, è diventata un diritto dovere annuale, da definire da ogni collegio dei docenti, la parte attuativa non è stata mai sottoscritta. Le intenzioni del ministro dell’Istruzione, su come definirla, sono contenute nell’Atto di indirizzo già presentato, nel quale si anticipa che “il contratto definirà un pacchetto di ore specificamente e obbligatoriamente destinate alla formazione, finalizzate in particolare alla formazione dei docenti. (…) Il contratto, valorizzando l’impegno ulteriore previsto per tutto il personale e fermo restando il principio della remunerazione per il lavoro svolto al di fuori dell’orario di servizio, potrà altresì prevedere le modalità attraverso le quali l’impegno in attività di formazione in servizio certificate, valutate e coerenti con l’attività didattica svolta si collegherà a ulteriori sviluppi di valorizzazione professionale”. Questo è ancora un foglio bianco tutto da scrivere, ricorda Orizzonte Scuola. Marcello Pacifico, presidente Anief, ricorda che “la formazione è centrale nella vita professionale di tutti i lavoratori della scuola, ma deve essere retribuita, come ci ha ricordato la Corte di Giustizia Europea. E va necessariamente svolta durante l’orario di servizio e senza ore aggiuntive. Piuttosto, è bene che dal tavolo contrattuale esca un messaggio forte: visto che un docente su quattro è precario ed ha gli stessi diritti-doveri del collega di ruolo, è giunta l’ora che si assegni la Carta dei docenti anche ai precari. Come pure al personale educativo, equiparato per legge ai docenti della primaria, e naturalmente a quello amministrativo: per quale motivo il personale Ata è escluso della card che permette l’aggiornamento professionale?”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Formazione per l’editoria, c’è anche TikTok nella nuova offerta dei corsi di AIE

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 febbraio 2022

TikTok entra nel nuovo piano di formazione che l’Associazione Italiana Editori propone a soci e professionisti dell’editoria e la cui offerta per il nuovo semestre è stata pubblicata online sul sito di AIE, in una nuova pagina che semplifica le procedure di iscrizione. Il social network più utilizzato dalla generazione Z si è mostrato capace di “spingere” titoli fino al top delle classifiche di vendite, in Italia e all’estero, sprigionando in libreria, secondo la definizione di James Daunt, amministratore delegato di Waterstones e ceo di Barnes & Noble «la stessa energia che abbiamo visto con Harry Potter». Come spiegato da Federico Rognoni, social media strategist e docente del corso che si tiene il 22 febbraio (10.00-13.00), oggi TikTok per gli editori è un social in grado di raggiungere pubblici che non sono presenti su altri canali. Inoltre i costi per la promozione delle campagne sono, ad oggi, molto inferiori a quelli di Instagram e questo fa di TikTok un’ottima soluzione anche per realtà medio-piccole.Più in generale, il programma formativo offerto dall’AIE si articola quest’anno in una serie di appuntamenti innovativi per argomento e formato. Un’attenzione particolare sarà dedicata alle novità legislative, con tre appuntamenti: il primo sul recepimento della nuova Direttiva Copyright a cura della struttura AIE (28 febbraio dalle 10.00 alle 13.00), il secondo sul tema dell’accessibilità in collaborazione con Fondazione LIA (19 aprile dalle 11.30 alle 13.00) e infine un corso sulla riforma del Codice del Consumo tenuto dagli avvocati Beatrice Cunegatti e Daniele Sborlini (12 maggio dalle 14.30 alle 17.30).Federico Rognoni, social media strategist, parlerà invece di comunicazione su TikTok e Instagram in due moduli (quello su Instagram si tiene il primo marzo, sempre dalle 10.00 alle 13.00) che alle tre ore «frontali» affiancano un’ora di consulenza e attività pratica su come modulare la presenza della casa editrice sulle due piattaforme, tenendo conto di budget, piani editoriali e risultati attesi.La programmazione del primo semestre prosegue poi con l’esplorazione dei formati audio per l’editoria con un nuovo appuntamento con Sandra Furlan e le ultime novità in tema di audiolibri e podcast (26 maggio dalle 10.00 alle 13.00). Sul fronte della produzione Lorenzo Capitani illustrerà invece come riconoscere ed evitare i difetti di stampa e confezione per migliorare costi e tempi della produzione libraria (14 aprile dalle 11.30 alle 13).Torna anche quest’anno il corso Dalla Passione all’impresa (7-8-14-15 marzo dalle 17.00 alle 20.00), che si rivolge agli aspiranti imprenditori raccontando loro tutto quello che devono sapere per avviare un’attività editoriale. A Lino Apone, coordinatore e docente del corso, si affiancheranno per le parti di rispettiva competenza Giovanni Peresson, Gianmarco Senatore, Davide Giansoldati e Paola Mazzucchi.A maggio e giugno, infine, AIE proporrà per la prima volta un corso di alta specializzazione sul piano editoriale digital della casa editrice. Calendari e programmi sono ancora in via di definizione, ma verranno pubblicati a breve sulla nuova pagina web dedicata all’offerta corsi e formazione.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Business School in Italia in formazione manageriale

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 gennaio 2022

Rome Business School istituto di formazione post-universitaria parte del network Formación y Universidades creato nel 2003 da De Agostini e dal Gruppo Planeta ha ottenuto l’accreditamento per l’MBA dall’Associazione Italiana per la Formazione Manageriale (ASFOR), il più importante ente in Italia a misurare l’eccellenza dei percorsi formativi post-laurea ed executive di contenuto gestionale aziendale; ASFOR valuta in conformità con i più rigorosi standard internazionali e in accordo con le indicazioni elaborate a livello globale nel contesto degli organismi associativi di settore quali AACSB, EFMD, EQUAL.Il riconoscimento giunge dopo un’analisi molto rigorosa, della durata di 10 mesi, a cui hanno preso parte il consiglio direttivo, la commissione di accreditamento e il team di verifica composto da tre revisori nominati dalla commissione. Il processo ha preso in considerazione aspetti quali: la procedura di ammissione, il percorso didattico, i docenti e il direttore del programma, lo sviluppo personale degli allievi e career service, la struttura e gli aspetti organizzativi, il sistema di assicurazione e qualità, la sostenibilità economica e finanziaria del programma e l’istituzione in sé, assegnando un punteggio medio di 4 su 5 su tutte le variabili prese in considerazione.In fase di valutazione, particolare enfasi è stata posta sulla professionalità del corpo docente coinvolto e l’eccellente direzione del programma, così come sull’efficace operato del Career Services per lo sviluppo professionale degli studenti.ASFOR attesta quindi che RBS è ottimamente organizzata e gestisce egregiamente le varie fasi di erogazione dei programmi, garantendone la continuità dal punto di vista organizzativo, procedurale e gestisce in maniera eccellente il sistema di assicurazione e qualità.Particolare importanza è stata attribuita da ASFOR al contesto internazionale nel quale opera Rome Business School. Nel giudizio dei valutatori si sottolinea infatti che far parte di un gruppo internazionale come Planeta offre ampie opportunità, favorisce la condivisione di scambi internazionali, la possibilità di co-creare programmi fra le scuole parte del gruppo e l’utilizzo di modalità gestionali ben strutturate. Secondo i valutatori inoltre, si percepisce un istituto in evoluzione, che si sta trasformando con molta rapidità, grazie anche all’utilizzo di procedure organizzative replicabili, sia per quanto riguarda la gestione di diversi programmi, che nella standardizzazione di alcune attività.Attraverso l’accreditamento, RBS non solo aggiunge ulteriore prestigio e qualità ai suoi programmi, ma ribadisce e certifica anche l’importanza stessa della formazione manageriale erogata ai fini dello sviluppo delle giuste competenze tra i propri allievi in relazione alle esigenze del mercato del lavoro.Grazie all’accreditamento ASFOR, il programma di punta dell’offerta formativa di RBS diviene fattore fondamentale ed indispensabile per la diffusione e il rafforzamento della cultura manageriale, oramai essenziale per gestire al meglio la complessità delle moderne imprese.Rome Business School nel 2021 ha inoltre ricevuto riconoscimento ufficiale da Eduniversal nel Best Masters & MBA Ranking 2021 per dieci Master Program, un risultato straordinario per RBS che è testimonianza di qualità del lavoro e della dedizione nel raggiungere un livello di eccellenza educativa sempre più alto, al fine di formare manager, professionisti, imprenditori dall’approccio etico e socialmente responsabile, pronti ad affrontare le sfide di oggi del mondo degli affari e del lavoro.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Formazione obbligatoria e reclutamento

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 gennaio 2022

Anief apprezza la proposta del ministro Patrizio Bianchi di aprire a degli incontri tematici sulla formazione obbligatoria del personale e sul reclutamento, attraverso un calendario fitto di incontri: lo dice il leader del giovane sindacato, Marcello Pacifico, commentando le dichiarazioni del ministro dell’Istruzione durante l’incontro con i sindacati, ponendo però da subito delle condizioni: “Certamente – dichiara il presidente Anief ad Italia Stampa – la formazione deve essere un elemento fondante nella vita professionale di tutti i lavoratori della scuola, ma va anche necessariamente retribuita, come ci ha ricordato la Corte di Giustizia Europea. E deve essere svolta durante l’orario di servizio”. “Sul nuovo reclutamento del personale siamo convinti – ha aggiunto il sindacalista autonomo, fautore del doppio canale di assunzioni, quindi anche direttamente da graduatoria – che dobbiamo trovare una soluzione che finalmente fornisca una risposta concreta agli oltre 200mila precari in servizio nelle nostre scuole. Questo perché i piani realizzati dei governi degli ultimi cinque anni, con i concorsi straordinari e riservati, si sono dimostrati fallimentari: vogliamo discutere, abbiamo le nostre proposte per combattere la piaga della precarietà della scuola”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Adriano Olivetti e la formazione dell’ingegnere del futuro

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 dicembre 2021

Appuntamento all’Università di Firenze Piazza San Marco, 4 mercoledì 15 dicembre alle 10 in Aula magna, potrà essere seguito in diretta streaming dal sito d’Ateneo, a partire dalle 10 (www.unifi.it/webtv).L’iniziativa è stata promossa dalla neonata unità di ricerca denominata “Rinascimento dell’Ingegnere: oltre la formazione tecnica” di cui fanno parte Lorenzo Capineri (Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione), Pietro Capone (Dipartimento di Architettura), Paolo Maria Mariano (Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale) e Mario Rapaccini (Dipartimento di Ingegneria Industriale). Tra gli organizzatori anche la Scuola di Ingegneria dell’Ateneo fiorentino, il Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e la gestione dell’Incubatore di UNIFI, l’Archivio Storico Olivetti, l’associazione Olivettiana, il Florence Student Branch IEEE, il Consorzio del Polo Universitario Città di Prato PIN.La mattinata del 15 dicembre si aprirà con i saluti del prorettore al trasferimento tecnologico, attività culturali e impatto sociale Marco Pierini. L’appuntamento sarà introdotto da Lorenzo Capineri del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione che illustrerà il progetto “Adriano Olivetti”. Interverranno Alessandro Chili (“Un’indagine sull’orientamento degli studenti di Ingegneria dell’Università di Firenze nelle preferenze di sbocco professionale”); e Giovanni Maggio (“La Olivetti di Adriano. I fini dell’impresa oltre l’indice dei profitti”). Saranno proposti i video contributi di Giulio Sapelli (“Lo scandalo della memoria olivettiana”), di Federico Butera (“La nascita delle isole della Olivetti: il metodo di change management strutturale e le professioni a banda larga per gli ingegneri 4.0”), di Giovanni De Witt (“Olivetti. L’innovazione nell’organizzazione del lavoro in fabbrica. L’invenzione delle unità di montaggio integrate”). Prenderanno poi la parola Erica Rizziato (“Dal manager umanista in Olivetti alla leadership orizzontale per l’organizzazione integrata”), Gianfranco Ferlito (“L’ingegnere in Olivetti, la formazione continua”), Paolo Rebaudengo (“Olivetti industria integrata e responsabile”); Mario Piccinini (“Comunità, Architettura, Urbanistica, Stile ai tempi di Adriano Olivetti”); Enrico Bandiera (presentazione del video prodotto dall’Associazione Archivio Storico Olivetti “Interventi della Olivetti a Firenze”), Pietro Capone (“La progettazione dei luoghi di lavoro nella formazione degli ingegneri”), Paolo Ruggeri (“Un progetto di sistema per valorizzare il territorio”), Chiara Mazzi (“I percorsi dell’Università di Firenze a favore di intraprendenza e imprenditorialità giovanile”). Nel pomeriggio, a partire dalle 14, interverranno Giulia Gemelli (“La professione dell’ingegnere tra passato e futuro”), Paolo Maria Mariano (“Il fattore estetico nella scienza e nella tecnologia”), Enrico Loccioni (“L’impresa di seminare bellezza”), Caterina Toschi (videomessaggio su “L’idioma Olivetti 1952-1979”), Galileo Dallolio (“Idioma Olivetti, linguaggio di una comunità”). La giornata di studio si concluderà con gli interventi di Antonio Chini (“Il laboratorio didattico come una olivettiana comunità educativa”) e Mario Rapaccini (“La rilevanza delle arts&humanities nell’educazione dell’ingegnere. Il pensiero dei docenti e degli studenti”).L’unità di ricerca “Rinascimento dell’Ingegnere: oltre la formazione tecnica”, in collaborazione con l’associazione Olivettiana, sta progettando nuove attività come l’organizzazione di seminari per il 2022 da inserire nei corsi di formazione per l’Istituto Universitario di Studi Superiori dell’Ateneo di Firenze (IUSSAF).

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’industria manifatturiera accelera su digitalizzazione, sostenibilità e formazione per la ripresa del comparto

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 novembre 2021

Digitalizzazione, sostenibilità e formazione sono i tre asset su cui il comparto manifatturiero deve puntare per la ripartenza, come emerge dai dati dell’ultimo Osservatorio MECSPE di Senaf sul II quadrimestre 2021. L’analisi, volta ad approfondire lo stato di salute dell’industria in Italia, è stata presentata in occasione della 19ᵃ edizione di MECSPE.Il processo di trasformazione digitale, che interessa già le aziende di grandi e piccole dimensioni, subirà un’ulteriore accelerata grazie ai fondi del PNRR. Molte aziende, anche se si ritengono ‘imprese sostenibili’, per le numerose azioni pratiche intraprese o in programmazione, spesso non possiedono un livello di conoscenza soddisfacente dei criteri ESG (Environment, Social, Governance). È necessario, inoltre, che le aziende dispongano di tutte le competenze e strumenti per realizzare la trasformazione 4.0, percorso già avviato dalla maggioranza di esse a seguito della pandemia. Di seguito i principali risultati emersi dall’Osservatorio MECSPE.Anche l’industria manifatturiera è coinvolta nel processo di trasformazione digitale, che interessa già le imprese di grandi e piccole dimensioni e che subirà un’accelerata grazie ai fondi del PNRR. La pandemia ha dato una grande spinta alla crescita digitale: oltre il 61% ritiene di avere adeguato le proprie tecnologie a seguito del Covid-19. In particolare si punta su sicurezza informatica, 5G, IoT e robotica collaborativa, anche se rimangono ancora in pochi (13%) a essere a conoscenza delle opportunità del PNRR nel dettaglio. Altro aspetto di rilievo è il ruolo di primo piano che proprio il PNRR affida ai Competence Center e ai Digital Innovation Hub, introdotti dal MISE nel 2018 nell’ambito del Piano Nazionale Industria 4.0, con lo stanziamento di 350 milioni per il 2021-2026, ma ancora poco sfruttati dalle imprese: solo il 4% ha collaborato con almeno una di queste realtà e sono ancora tante a non conoscerle affatto (21%). Come emerso dalla recente Cop26 di Glasgow, i cambiamenti climatici in atto nel nostro pianeta coinvolgono tutti, dalle grandi potenze fino ad arrivare ai singoli.Questa coscienza permea anche il nostro tessuto industriale, che certo ha margini di miglioramento, ma che già dimostra di avere a cuore queste tematiche. Ad oggi sono già tante (40%) le aziende a considerarsi sostenibili, grazie a numerose azioni pratiche già intraprese o in corso d’opera come l’uso di dispositivi a basso consumo energetico, l’acquisto di macchinari e/o impianti efficienti di nuova generazione e l’installazione di impianti di produzione d’energia elettrica e termica da fonti rinnovabili. Meno soddisfacente è invece il livello di conoscenza dei criteri ambientali, sociali e di governance che definiscono il nuovo comportamento virtuoso delle imprese (i criteri ESG). Questi rappresentano i parametri attraverso cui valutare l’impatto di un’attività imprenditoriale e saranno sempre più decisivi per poter attrarre investimenti e migliorare la reputazione dell’azienda. Eppure, solo un’azienda su tre (34%) li conosce. Tra gli accorgimenti applicati, quelli di gestire l’azienda ispirandosi a buone pratiche e principi etici (73%) e quelli di introdurre misure per il miglioramento del benessere e della qualità del lavoro dei dipendenti (48%).Per attuare il cambiamento è necessario essere preparati a esso e dunque è compito delle aziende disporre di tutte le competenze utili per realizzare la trasformazione 4.0, aspetto considerato centrale per il 52% delle imprese. In questo senso la metà degli intervistati (49%) ha risposto di aver già formato il personale e di prevedere corsi di aggiornamento. Circa un’impresa su dieci (11%) ha preferito invece rivolgersi al mercato assumendo lavoratori già formati e un altro 17% intende farlo. La formazione resta il fattore fondamentale per poter rimanere competitivi sul mercato e il ruolo di Università e di Istituti Tecnici Superiori (ITS) si fa determinante: il 48% delle imprese già collabora con figure di questo tipo. L’accento sulla formazione e sui momenti di avvicinamento dei giovani alle imprese fa parte della missione di MECSPE, è ormai consolidato infatti che maggiori competenze in azienda incidono direttamente sull’incremento di fatturato.I numeri della prossima edizione di MECSPE aggiornati al 17 novembre 202192.000 mq di superficie espositiva, oltre 2.024 aziende presenti, 2.000 mq del Cuore Mostra Fabbrica Senza Limiti, 46 iniziative speciali e convegni. Visitatori professionali attesi in sicurezza 50.000. Per informazioni, http://www.mecspe.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Corso formazione per tecnici di rete specializzati in Security Networking

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 novembre 2021

Le skill specifiche e specialistiche in un corso gratuito con tirocinio retribuito che formerà 12 tecnici in grado di sviluppare, gestire ed implementare le infrastrutture di rete, con competenze in materia di Cyber SecurityGuardando ai dati riportati in una recente ricerca di Labour Issues – Osservatorio Cida, in collaborazione con Adapt, a marzo 2020 la quota di lavoratori in smart working ha toccato quota 6.6 milioni, stabilizzandosi a 5.3 milioni nei mesi seguenti allo scoppio della pandemia. A fronte di questi numeri, Confindustria ha già annunciato che quella della forma ibrida di convivenza tra lavoro in presenza e lavoro da remoto, è una sfida da vincere per modernizzare il paese. Lo smartworking sta diventando per molte aziende, una scelta duratura a tutti gli effetti, che esula dall’emergenza sanitaria.Il sempre più repentino processo di digitalizzazione in corso, dovuto alla situazione pandemica, porta però con sé una “cyber pandemia” che vede un incremento di attacchi, minacce informatiche e ransomware, dovuti all’improvviso ricorso massivo a reti domestiche, device personali e piattaforme di collaborazione per il lavoro da remoto.Il tema della cybersecurity si conferma una priorità per qualsiasi organizzazione e lo provano i risultati dell’ultima ricerca dell’Osservatorio Cybersecurity & Data Protection della School of Management del Politecnico di Milano, secondo cui il 40% delle grandi imprese ha visto aumentare nel 2020 gli attacchi informatici rispetto all’anno precedente. Questa emergenza indotta, sta trainando la sempre più ampia richiesta di profili professionali con competenze nella cyber security, soprattutto focalizzate sulla prevenzione delle minacceViste le importanti opportunità occupazionali dovute al divario creatosi fra domanda e offerta di professionisti nel settore della sicurezza informatica, nell’ambito del bando Skill di Arpal Umbria, si è ritenuto necessario proporre un corso gratuito di specializzazione, con tirocinio retribuito in azienda, per diventare “Tecnico di Reti Informatiche specializzato in Security Networking”.Il corso, rivolto a uomini e donne disoccupate, iscritti ad uno dei Centro per l’Impiego dell’Umbria, formerà 12 tecnici che si occuperanno di progettare, gestire, implementare, aggiornare e sviluppare le infrastrutture di rete, locali e geografiche, assicurando livelli di servizio definiti ed ottimizzando le performance rispetto alle caratteristiche del sistema informativo aziendale. Il tecnico professionista si occuperà di installazione e configurazione di componenti hardware e software, abilitazione di utenti, diagnosi e risoluzione di problemi ed errori, operando nel rispetto ed in applicazione delle policy di qualità e sicurezza, con competenze specifiche e specialistiche sugli applicativi funzionanti con tecnologie di virtualizzazione o tramite cloud computing e sull’integrazione tra informatica e sistemi di telecomunicazioni ed in materia di Cyber Security.Per candidarsi è necessario essere in possesso del Diploma di Scuola Secondaria di Secondo Grado, preferenzialmente riferito ad Istituti Tecnici. Il corso promosso da Giove In.Formatica in collaborazione con l’Associazione Informatici Professionisti AIP/ITCS, Confassociazioni/Confederazione Associazioni Professionali e il Network Training Center, avrà durata di 350 ore di formazione teorico/pratica in aula, seguita da un tirocinio curriculare di 480 ore (4 mesi), con il riconoscimento di un’indennità mensile di 600 euro se il tirocinio è svolto in Umbria, di 800 euro nel caso di tirocinio se svolto fuori regione.Le iscrizioni al corso gratuito professionalizzante con tirocinio retribuito, per “Tecnico di Reti Informatiche specializzato in Security Networking”, restano aperte fino al prossimo 30 novembre. Per maggiori informazioni ed iscrizioni http://www.gioveinformatica.it/2021/10/28/nuovo-corso-skills-sistemista-iscrizioni-aperte/

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corso di alta formazione gratuita

Posted by fidest press agency su martedì, 23 novembre 2021

E’ aperto fino al 20 dicembre, sul sito http://www.fondazionecrt.it, il bando di selezione su scala nazionale dei 40 partecipanti al primo corso di alta formazione gratuita di nuove leadership per lo sviluppo delle comunità locali, incluse quelle metropolitane.Rivolto a laureati under 40 di ogni disciplina, il nuovo progetto della Fondazione CRT “Talenti per la Comunità: costruire nuove leadership” offre gli strumenti, le conoscenze e le competenze utili per la progettazione, la gestione e la valorizzazione dei processi di crescita sociale, civile, economica e culturale sui territori.Il corso multidisciplinare mixerà lezioni prevalentemente in presenza con workshop, approfondimenti di case histories e attività sul campo. Fornirà strumenti per potenziare l’azione dei partecipanti nelle proprie comunità, associando all’impegno personale una maggiore comprensione dei fenomeni che sottostanno alla capacità di progettare, coordinare e mobilitare risorse, a partire da quelle europee, di valutare la sostenibilità e l’impatto degli interventi, anche attraverso la leva dei Big Data, di comunicare i territori con una visione internazionale, di accompagnare la digital transformation. “Talenti per la Comunità” è realizzato dalla Fondazione CRT con una rete di partner prestigiosi: la Scuola di Politica “Vivere nella Comunità” dei professori Sabino Cassese Pellegrino Capaldo e Marcello Presicci per l’apporto scientifico; il “Consorzio Aaster” del sociologo Aldo Bonomi per la progettazione e la direzione scientifica; il “Cottino Social Impact Campus” per l’applied tutorship e la sede delle attività; il Consorzio sociale “Il filo da tessere” per le attività di coordinamento e supporto. Iscrizioni sul sito http://www.fondazionecrt.it

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Corso formazione per tecnici di rete specializzati in Security Networking

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 novembre 2021

Le skill specifiche e specialistiche in un corso gratuito con tirocinio retribuito che formerà 12 tecnici in grado di sviluppare, gestire ed implementare le infrastrutture di rete, con competenze in materia di Cyber SecurityGuardando ai dati riportati in una recente ricerca di Labour Issues – Osservatorio Cida, in collaborazione con Adapt, a marzo 2020 la quota di lavoratori in smart working ha toccato quota 6.6 milioni, stabilizzandosi a 5.3 milioni nei mesi seguenti allo scoppio della pandemia. A fronte di questi numeri, Confindustria ha già annunciato che quella della forma ibrida di convivenza tra lavoro in presenza e lavoro da remoto, è una sfida da vincere per modernizzare il paese. Lo smartworking sta diventando per molte aziende, una scelta duratura a tutti gli effetti, che esula dall’emergenza sanitaria.Il sempre più repentino processo di digitalizzazione in corso, dovuto alla situazione pandemica, porta però con sé una “cyber pandemia” che vede un incremento di attacchi, minacce informatiche e ransomware, dovuti all’improvviso ricorso massivo a reti domestiche, device personali e piattaforme di collaborazione per il lavoro da remoto.Il tema della cybersecurity si conferma una priorità per qualsiasi organizzazione e lo provano i risultati dell’ultima ricerca dell’Osservatorio Cybersecurity & Data Protection della School of Management del Politecnico di Milano, secondo cui il 40% delle grandi imprese ha visto aumentare nel 2020 gli attacchi informatici rispetto all’anno precedente. Questa emergenza indotta, sta trainando la sempre più ampia richiesta di profili professionali con competenze nella cyber security, soprattutto focalizzate sulla prevenzione delle minacceViste le importanti opportunità occupazionali dovute al divario creatosi fra domanda e offerta di professionisti nel settore della sicurezza informatica, nell’ambito del bando Skill di Arpal Umbria, si è ritenuto necessario proporre un corso gratuito di specializzazione, con tirocinio retribuito in azienda, per diventare “Tecnico di Reti Informatiche specializzato in Security Networking”.Il corso, rivolto a uomini e donne disoccupate, iscritti ad uno dei Centro per l’Impiego dell’Umbria, formerà 12 tecnici che si occuperanno di progettare, gestire, implementare, aggiornare e sviluppare le infrastrutture di rete, locali e geografiche, assicurando livelli di servizio definiti ed ottimizzando le performance rispetto alle caratteristiche del sistema informativo aziendale. Il tecnico professionista si occuperà di installazione e configurazione di componenti hardware e software, abilitazione di utenti, diagnosi e risoluzione di problemi ed errori, operando nel rispetto ed in applicazione delle policy di qualità e sicurezza, con competenze specifiche e specialistiche sugli applicativi funzionanti con tecnologie di virtualizzazione o tramite cloud computing e sull’integrazione tra informatica e sistemi di telecomunicazioni ed in materia di Cyber Security.Per candidarsi è necessario essere in possesso del Diploma di Scuola Secondaria di Secondo Grado, preferenzialmente riferito ad Istituti Tecnici. Il corso promosso da Giove In.Formatica in collaborazione con l’Associazione Informatici Professionisti AIP/ITCS, Confassociazioni/Confederazione Associazioni Professionali e il Network Training Center, avrà durata di 350 ore di formazione teorico/pratica in aula, seguita da un tirocinio curriculare di 480 ore (4 mesi), con il riconoscimento di un’indennità mensile di 600 euro se il tirocinio è svolto in Umbria, di 800 euro nel caso di tirocinio se svolto fuori regione.Le iscrizioni al corso gratuito professionalizzante con tirocinio retribuito, per “Tecnico di Reti Informatiche specializzato in Security Networking”, restano aperte fino al prossimo 30 novembre. Per maggiori informazioni ed iscrizioni http://www.gioveinformatica.it/2021/10/28/nuovo-corso-skills-sistemista-iscrizioni-aperte/

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Formazione dei lavoratori, per Corte di giustizia UE va fatta fuori l’orario di lavoro e retribuita

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 novembre 2021

Ricorso per l’annullamento del Decreto del ministro Bianchi n. 188 del 20 settembre 2021 e la nota del Ministero dell’Istruzione n. 27622 del 6 settembre 2021 è stato presentato dagli avvocati Ganci e Miceli per conto dell’Anief, sindacato tra i maggiormente rappresentativi del comparto istruzione e ricerca, nella parte in cui si prevedono che l’attività di formazione per le attività didattiche di sostegno, impegnato in una classe ove è presente un alunno con disabilità, per un minimo di almeno 25 ore, debba svolgersi fuori dall’ordinario orario di servizio e senza alcuna retribuzione aggiuntiva, contrariamente proprio a quanto oggi ribadito dalla Corte di giustizia europea. La Legge n. 160 del 27 dicembre 2019 (Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-2022), all’art. 1, comma 961, ha aumentato le risorse destinate alla formazione dei docenti, di cui all’art. 1, co. 125, della L. 107/2015, di 10 milioni di euro per il 2021, per realizzare interventi di formazione obbligatoria del personale docente impegnato nelle classi con alunni con disabilità. Il citato art. 1, comma 961, della L. n. 160/2019 prevede che “con decreto del Ministro dell’istruzione, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono stabiliti le modalità attuative, prevedendo il divieto di esonero dall’insegnamento, i criteri di riparto, le condizioni per riservare la formazione al solo personale non in possesso del titolo di specializzazione sul sostegno, la determinazione delle unità formative comunque non inferiori a 25 ore di impegno complessivo, i criteri e le modalità di monitoraggio delle attività formative di cui al presente comma”.Il Ministero dell’Istruzione, con il Decreto n. 188/2021 ha disciplinato le modalità attuative degli interventi di formazione obbligatoria del personale docente impegnato nelle classi con alunni con disabilità, per l’anno scolastico 2021/2022, prevedendo all’art. 2, comma 3, che “la partecipazione alle attività formative assume carattere di obbligatorietà e non prevede esonero dal servizio”. Con la Nota dipartimentale n. 27622 del 6.09.2021, avente ad oggetto “Formazione in servizio del personale docente ai fini dell’inclusione degli alunni con disabilità”, il Ministero convenuto ha precisato che “l’attività formativa è svolta in costanza di rapporto di lavoro e non determina oneri aggiuntivi”. E dunque, benché la legge di bilancio del 2019 prevedesse che le attività formative obbligatorie non potessero comportare esonero dal solo servizio di insegnamento, il decreto oggi impugnato ha illegittimamente esteso il divieto di esonero a tutto il servizio scolastico, con la conseguenza che le suddette attività di formazione obbligatoria dovranno necessariamente svolgersi in costanza del rapporto di lavoro, ma fuori dall’ordinario orario di servizio, configurandosi dunque come un’attività lavorativa straordinaria obbligatoria e non retribuita.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Formazione gratuita di nuove leadership

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 ottobre 2021

La Fondazione CRT apre il primo “cantiere” nazionale per la formazione gratuita di nuove leadership, con l’apporto scientifico, unico in Italia, della Scuola di Politica “Vivere nella Comunità” fondata da Pellegrino Capaldo, Sabino Cassese e Marcello Presicci.Questo pionieristico progetto si chiama “Talenti per la Comunità: costruire nuove leadership”, e offrirà a giovani laureati under 36 – da selezionare su scala nazionale tramite bando – gli strumenti, le conoscenze e le competenze per promuovere e gestire processi di crescita sociale, civile, economica, culturale sui territori.“Talenti per la Comunità” trae origine da una delle dieci idee per un futuro più sostenibile, inclusivo e orientato alla creazione di valore sociale, emerse dagli “Stati Generali” della Fondazione CRT: il lungo percorso di ascolto-partecipato con il coinvolgimento di un migliaio di stakeholder nel Nord Ovest, tra Sindaci, rappresentanti di istituzioni e fondazioni, opinion leader, protagonisti del mondo della cultura, delle Università, dell’economia, del terzo settore, del volontariato, della ricerca, dell’innovazione. Il corso multidisciplinare mixerà lezioni in presenza e a distanza, con workshop, approfondimenti di case histories e attività sul campo. Saranno formate figure con una visione internazionale, capaci di progettare, coordinare e mobilitare risorse, a partire da quelle europee, valutare la sostenibilità e l’impatto degli interventi, anche attraverso la leva dei Big Data, comunicare i territori, accompagnare la digital transformation.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »