Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 340

Posts Tagged ‘forze armate’

Ammodernamento delle Forze Armate in sinergia con il ‘’Sistema Paese’’

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 ottobre 2018

I profondi cambiamenti dello scenario internazionale, caratterizzato da grande instabilità e radicali mutamenti delle minacce alla difesa ed alla sicurezza, impongono l’ammodernamento e l’acquisizione di mezzi, materiali e piattaforme che soddisfino in pieno le esigenze delle Forze Armate.
E’ questo un concetto ribadito da tempo, soprattutto da quando le risorse finanziarie dedicate al settore difesa “non son più quelle di una volta’’.
E’ il refrain che segna ogni intervento dei Capi di Stato maggiore delle varie Forze armate quando, in occasione di convegni, illustrano gli sforzi che le varie istituzioni della difesa devono compiere per realizzare il ‘’meglio con poco’’.
E’ compito del Segretariato della Difesa sviluppare i programmi tenendo conto sia delle esigenze sia dei costi.
E il 9 ottobre scorso, nell’Auditorium di palazzo Guidoni a Roma, nel corso dell’avvicendamento nella carica di Segretario Generale della Difesa e Direttore Nazionale degli Armamenti tra il generale di Squadra Aerea Carlo Magrassi ed il subentrante generale di Corpo d’Armata Nicolò Falsaperna e di fronte ad una platea ricca di personaggi del mondo dell’industria dedicata alla difesa, della politica e delle forze armate, il generale Carlo Magrassi, al tavolo con la ministra della difesa Elisabetta Trenta e il capo di stato maggiore della difesa generale Claudio Graziano, ha esposto un sintetico quanto ben chiaro quadro dei programmi sviluppati nel corso della sua attività quale segretario generale e direttore degli armamenti, per mantenere ad alto livello ogni parte attiva delle Forze Armate.
“Per la componente terrestre, è in fase di avanzato stato di realizzazione il progetto “’Forza Nec’’, l’acquisizione della ‘’Nuova autoblindo Centauro” e una serie di accordi a favore della difesa aerea a corto raggio, del sistema MLRS e dei vicoli blindati.
Per la componente navale, progressi son stati fatti nel “programma FREMM”, in quello per la realizzazione di sommergibili e nel programma “Vulcano” per il munizionamento a lunga gittata.
Per la componente aerea, importanti sviluppi del “programma JSF”, nel programma per un nuovo elicottero di esplorazione e scorta AW249, (in sostituzione dell’AH 129); il programma di cooperazione internazionale dell’elicottero NH90; e passi avanti per il programma sui veicoli d’addestramento basico (M345) e Avanzato (M346)
Per quanto riguarda i programmi di interesse comune, Magrassi ha fatto notare come sia “importante l’evoluzione del programma FSAF-PAAMS, basata su una cooperazione Italia-Francia-Inghilterra che si propone di realizzare una famiglia di sistemi missilistici di difesa antimissile e antiaereo con capacità antibalistiche”…. continua su http://www.cybernaua.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Avremo una rappresentanza sindacale nelle forze armate?

Posted by fidest press agency su domenica, 24 giugno 2018

Auguriamo buon lavoro al neo eletto Presidente della Commissione Difesa On. Gianluca Rizzo. Un incarico oneroso certamente ma anche di grande responsabilità verso tutte quelle donne e uomini delle forze armate che servono il paese. Ci auspichiamo che tra i primi provvedimenti della Commissione venga calendarizzato il disegno di legge per il sindacato militare al fine di dare attuazione alla recente storica sentenza della Corte Costituzionale. Attendiamo da 40 anni una riforma radicale di questo iniquo sistema di rappresentanza interno alla gerarchia con le ovvie conseguenze in termini di libertà e reale rappresentatività. Siamo convinti che sia arrivato il momento giusto per mettere in marcia un reale cambiamento nel rispetto delle migliaia di lavoratori con le stellette oggi senza una reale rappresentanza, caso unico nel panorama lavorativo nazionale. Lo dichiarano i Delegati del Cocer Interforze Antonsergio Belfiori e Alfio Messina.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Le forze armate nella storia dell’automobilismo sportivo

Posted by fidest press agency su domenica, 6 maggio 2018

Le Forze Armate, in particolare l’Esercito Italiano, hanno una storia sportiva anche in ambito automobilistico, che ha inizio nel 1952. Nel 1952 sia la Società Fiat che la società Alfa Romeo iscrissero 2 vetture alla 1000miglia e precisamente 2 ALFA AR51 “MATTA” e 2 FIAT AR51 CAMPAGNOLA. Per tale occasione entrambe le case automobilistiche decisero di affidare la condotta delle auto in gara al personale dell‘ Esercito Italiano. Tale scelta fu dettata da esigenze commerciali: far testare i due progetti nazionali, in fase di sviluppo, per contrastare l‘egemonia della celeberrima Jeep Willys.
Dal 2012, grazie alla passione di alcuni Ufficiali che avevano da poco lasciato il servizio attivo, nasce la Squadra Corse U.N.U.C.I., principalmente impegnata nel rievocare la presenza di appartenenti a tutte le Forze Armate nelle competizioni sportive, partecipando, in primis, al “Trofeo Militari” ripristinato dal 2014 nella gara più bella del mondo, la 1000Miglia. A tale trofeo sono ammesse vetture di espressa derivazione militare e modelli di auto italiane che siano state impiegate in ambito militare e che rispondano ai requisiti di iscrivibilità alla 1000miglia: aver preso parte alle edizioni che si sono svolte dal 1927 al 1957.
Tra le vetture più rappresentative in forza alla Squadra Corse U.N.U.C.I. – per pregio e interesse storico – troviamo la AR51 ALFA “MATTA” e la AR51 FIAT CAMPAGNOLA, rispettivamente identificate dai numeri di gara 4M e 2M, che presero parte all’edizione 1000miglia del 1952. In particolare, la “Matta” risultò vincitrice nella propria categoria.Sempre più conosciuta tra le scuderie d’auto d’epoca – anche attraverso l’editoriale GIRO D’ONORE e l’attività di comunicazione di JACAR – in occasione di Verona Legend Cars 2018 U.N.U.C.I. Squadra Corse presenta la sua mission: la rievocazione del trinomio militari-auto-competizioni che, nel 2018, viene ulteriormente sottolineata dalla presenza del nome di Tazio Nuvolari.
La scuderia U.N.U.C.I. Squadra Corse, infatti, in collaborazione con il Club A.M.A.M.S. Tazio Nuvolari proprietario della FIAT 1400, l’ultima berlina del pilota, presenterà a VERONA LEGEND CARS 2018 il prestigioso veicolo che concorrerà proprio nel “Trofeo Militari” 1000Miglia 2018. L’automobile riporta nel suo libretto sia la proprietà del mitico Mantovano Volante che di sua moglie Carolina. La FIAT 1400 divenne celebre come autovettura di servizio nella Polizia Stradale.Il Generale Mario Righele, Direttore Sportivo di U.N.U.C.I Squadra Corse, illustrerà il progetto del sodalizio, rimarcando il ruolo di Nuvolari, nella duplice veste di grande pilota ed espressione genuina di uomo in uniforme al servizio della Patria. Un grande uomo per molti aspetti e gesta, alcune ancora da scoprire.L’occasione per parlarne sarà allo stand ACI Storico, Padiglione 9, alle ore 14:00 di sabato 5 maggio. (fonte:JACAR – Ufficio Stampa U.N.U.C.I. Squadra Corse)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il MoVimento 5 Stelle non vuole tagliare gli stipendi delle Forze Armate

Posted by fidest press agency su domenica, 25 febbraio 2018

by MoVimento 5 Stelle. Vogliamo rassicurare i militari: il MoVimento 5 Stelle non ha nessuna intenzione di tagliare gli stipendi delle Forze Armate, di questa cosa nel nostro programma non c’è traccia. Si tratta di una fake news bella e buona.A testimonianza di questo, abbiamo il lavoro fatto in Parlamento in questi cinque anni, durante i quali abbiamo sempre messo in primo piano i diritti dei lavoratori di questo comparto ponendo la massima attenzione proprio al tema della retribuzione, della previdenza e della tutela della salute dei militari.L’unica spending review che il programma Difesa del MoVimento 5 Stelle intende portare avanti riguarda gli sprechi di risorse e la cattiva gestione delle spese militari.Spesso abbiamo denunciato che all’interno delle Forze Armate esistono forti squilibri che portano grandi privilegi a poche persone, come spesso è emerso anche da varie inchieste giudiziarie. E abbiamo sempre detto che le prime vittime di queste sacche di potere sono proprio i militari, che ogni giorno si dedicano con impegno ed energia in difesa del Paese e per la nostra sicurezza.Il nostro obiettivo è eliminare questa ingiustizia e razionalizzare la spesa anche attraverso strumenti come la contabilità analitica.
Questa è la posizione del MoVimento 5 Stelle, tutto il resto sono solo fake news da campagna elettorale.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La parata del 2 giugno

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

bersaglieriSi è trattato di uno spettacolo irrepetibile, che ha simboleggiato l’unità del Paese, intorno alle Forze Armate, una unità che è durata lo spazio di poche decine di minuti che ci ha fatto credere che esiste (o sarebbe doveroso che esistesse) una Nazione diventata Stato, che si appresta ad essere la Patria Comune degli italiani. Questa aspirazione l’ha suggerita l’entusiasmo che ha accompagnato la sfilata delle varie armi, quasi a volere fornire una compensazione emotiva alle (per fortuna) rarissime zoomate sul palco delle “autorità”, dove hanno fatto bella mostra di sé personaggi che avremmo preferito non vedere in questa occasione.
E’ emerso il motivo conduttore che ha scandito il passaggio di ogni singolo reparto; motivo conduttore che possiamo riassumere nella vocazione a difendere e sostenere taluni ideali che appartengono prioritariamente (se non esclusivamente) alle FF.AA.
E’ la difesa del territorio nazionale, è il sostegno operativo nei casi di calamità naturali, è l’equilibrio di diritti e doveri sancito dalla Costituzione che sostiene l’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alle leggi.
Malauguratamente i princìpi che abbiamo voluto trovare in questa parata del 2 giugno 2016, vengono troppo spesso neutralizzati da quell’altra parte del sfilata, quella che dispensava applausi ipocriti, dopo avere emanato leggi a tutela di interessi personali, a volte dichiarati anti-costituzionali dall’Alta Corte Costituzionale, o ancora vigenti come l’assurta abolizione del reato del falso in bilancio.
Si tratta di riflessioni che non vogliono sminuire i sentimenti che la parata militare ha suggerito, al contrario, vogliamo puntualizzare che esiste una fetta di Italia che ci onora e onora i sacrifici dei tantissimi che hanno saputo servire l’Italia fino all’estremo sacrificio, e che eleva un severo monito a quell’altra parte che disonora il ruolo ricoperto, cedendo alle lusinghe della corruzione per esaltare solo se stessi.W LE FORZE ARMATE. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Corso CIS a favore del personale delle Forze Armate libanesi

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 febbraio 2016

corso CisSHAMA\ aise\ – Un’esercitazione congiunta di militari libanesi e caschi blu, conclusa nei giorni scorsi a Shama, ha suggellato la fine del corso CIS (Computer Information System), realizzato su iniziativa del contingente italiano a favore del personale delle Forze Armate libanesi (LAF- Lebanese Armed Forces) e dei contingenti stranieri del Sector West.
Il corso è stato diretto e condotto dagli specialisti del 232° Reggimento Trasmissioni di Avellino che supporta la Brigata Alpina Taurinense schierata in Libano e ha avuto lo scopo di completare la formazione e la capacità specialistica dei militari libanesi addetti alle comunicazioni. Questa – ricorda il Ministero della Difesa – era stata l’esigenza avanzata dai responsabili dell’addestramento dei comandi delle LAF presenti nel settore ovest, ed è stata l’occasione per standardizzare l’uso di procedure radio comuni da utilizzare durante le attività operative congiunte, svolte dai contingenti di UNIFIL con le forze armate Libanesi.
I partecipanti hanno seguito numerose lezioni teoriche e pratiche sulle procedure radio e sui sistemi di comunicazione usati nelle pattuglie congiunte. In particolare, è stato approfondito l’utilizzo di procedure comuni e messaggi standard necessari a superare le difficoltà linguistiche. Al riguardo è stato fondamentale l’approfondimento dell’alfabeto fonetico e dell’inglese operativo usato nelle comunicazioni radio, aspetti che hanno permesso ai militari libanesi e ai caschi blu dei vari contingenti del settore ovest di realizzare una maglia radio internazionale durante l’esercitazione finale del corso.
Il miglioramento delle comunicazioni operative è un aspetto fondamentale, necessario per rendere sempre più efficaci le attività congiunte con le LAF e per continuare a supportare concretamente le forze armate libanesi così come previsto dal mandato della missione UNIFIL. Su oltre 220 attività operative giornaliere svolte dal Sector West a guida Taurinense, circa il 10% sono condotte in maniera congiunta con le Forze Armate Libanesi.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bracciano Festa delle Forze Armate

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 novembre 2015

festa forze armateBracciano (Roma) questa mattina alle 10 hanno riunito nella centralissima Piazza IV Novembre rappresentanze delle forze armate di stanza sul territorio – Artiglieria, Aeronautica, Brigata Paracadutisti Folgore, Aviazione dell’Esercito – e di numerose Associazioni Combattentistiche e d’Arma. Presente anche il comandante della Compagnia Carabinieri Bracciano, capitano Raffaele Annicchiarico e il Comandante delle Guardie provinciali Paola Bugliazzini. Deposta dal sindaco Giuliano Sala una corona d’alloro al Monumento ai Caduti. Alla cerimonia hanno preso parte centinaia di studenti del liceo Vian.
Dopo lo struggente “silenzio”, ha preso la parola il comandante della Scuola di Artiglieria di Bracciano Generale di Brigata Fabio Giambartolomei che ha ricordato la Battaglia del Piave e le vittime delle guerre. “Il loro ricordo – ha sottolineato – deve essere sempre vivo nelle nuove generazioni”.
Ha parlato della necessità di “tramandare i valori di pace, libertà e democrazia” la dirigente scolastica del Vian Maria Cristina Cigliano che si è detta anche onorata per la consegna del la bandiera tricolore all’istituto.
Una grande nazione – ha detto nel suo intervento il sindaco Sala – non mantiene i suoi ideali e la propria grandezza se non si ricrea un nuovo patto sociale, un nuovo stretto connubio tra generazioni, tra la memoria e il futuro, tra il presente e le prospettive dei nostri giovani che debbono tornare a credere nell’Italia, tornare a rispettare la nazione, avere la consapevolezza che chi governa l’Italia possa restituire loro quel convincimento fondamentale che cementa la società e le generazioni: la speranza di un futuro”. “Questa giornata – ha aggiunto ancora il sindaco Sala – la dedichiamo anche al ricordo di Ignazio Vian, militare e partigiano, che si è sacrificato per la patria, per la democrazia e la libertà, combattendo come militare e scegliendo allo stesso tempo di stare dalla parte della propria patria Italia, comunque, sacrificando la propria vita nella veste di partigiano che lotta contro l’oppressore tedesco, oppressore che lo imprigionò, lo torturò ogni giorno per farsi dire il nome dei partigiani con i quali condivideva la scelta della lotta a difesa della libertà e della democrazia. Vian fu impiccato nel centro di Torino, lasciato per una settimana penzoloni da un albero, quale esempio e monito della fine che potevano fare tutti coloro che si opponevano all’invasore tedesco. Voi, giovani generazioni – ha detto ancora il sindaco Sala – sappiate mantenere l’esempio di coraggio e di sacrificio di persone come Ignazio Vian, che con il loro spirito e i loro ideali possano trasmettervi quella speranza futura di una nazione democratica, libera e solidale, che ha bisogno di cementare un nuovo patto generazionale per le mutate condizioni sociali”.
La cerimonia si è conclusa con la consegna del tricolore da parte del comandante Giambartolomei nelle mani di uno studente del Vian. Le celebrazioni sono poi proseguite con la visita al Museo dell’Artiglieria presso la Caserma Cosenz. Per l’occasione aperto al pubblico anche il Sacrario Militare che raccoglie cimeli di caduti di Bracciano, ospitato presso un locale dell’ospedale vecchio. (foto: festa forze armate)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio speciale alle forze armate italiane

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

universita-la-sapienza-romaRoma 9 luglio, nell’Aula Magna della Sapienza Università di Roma verrà assegnato un premio speciale alla forze armate italiane nel centenario dell’ingresso dell’Italia nella prima guerra mondiale con la seguente motivazione: “Dalla vittoriosa guerra del ’15 -18, all’odierno contributo per il mantenimento della pace nel mondo”. Il premio è stato conferito in occasione della XVI edizione del Premio Roma e che ha, inoltre, annunciato per il corrente anno i finalisti per il 2015 del premio:
Per la Narrativa straniera:
a) Nelly Alard “Momento di una coppia” – Gremese;
b) Sasha Arango “La verità e altre bugie” – Marsilio;
c) Camilla Lackberg “Il guardiano del faro” – Marsilio;
d) Chevi Stevens “Il passato di Sara” – Fazi;
e) Jonathan Stone “Non puoi dimenticare” – Newton Compton;
Menzione di merito: Fatis Kongoll “La vita in una scatola di fiammiferi” – Rubbettino.
2) Narrativa Italiana
a) Francesco Caringella “Non sono un assassino” – Newton Compton;
b) Valter Catoni “L’inutilità della lettera Q” – Mondadori;
c) Lilli Gruber “Tempesta” – Rizzoli;
d) Wanda Marasco “Il genio dell’abbandono” – Neri Pozza;
e) Romana Petri “Giorni di spasimato amore” – Longanesi;
Menzioni di merito:
a) Rosario Bonavoglia “Un angelo alle case verdi” – Lupetti;
b) Ennio Montano “Augusto ed io” – APL;
c) Claudio Valente – Andrea Montesanti “Quelle capanne chiamate Roma” – Reverdito;
3) Saggistica:
a) Alberto Angela “I tre giorni di Pompei” – Rizzoli;
b) Aldo Cazzullo “La guerra dei nostri nonni” – Mondadori;
c) Cesare De Seta “L’Italia nello specchio del Grand Tour” – Rizzoli;
d) Emilio Gentile “In Italia ai tempi di Mussolini” – Mondadori;
e) Vincenzo Trione “Effetto città” – Bompiani;
Menzioni di merito:
a) Federico Pasquali – Carlo Santi “Campioni per sempre” – Il Lazio e le sue eccellenze –
Contributo per la parte riferita alle Paralimpiadi di Giampiero Spirito. Le schede degli atleti sono state curate da Francesca Monzone – Riccardo Viola Editore;
b) Christian Salmon “La politica nell’era dello storylling” – Fazi;
c) Franco Zangrilli “Dietro la macchina della scrittura” – Polistampa;

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commissioni tributarie militarizzate?

Posted by fidest press agency su domenica, 10 luglio 2011

“E’ preoccupante il contenuto dell’articolo 39, comma 7, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 “Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria” che prevede la possibilità di distaccare il personale in esubero nei ruoli delle Forze armate presso le segreterie delle Commissioni Tributarie” – Lo dichiara Luca Marco Comellini Segretario del Pdm- “Attualmente –prosegue Comellini- ancora non è chiaro quali sia l’esatto numero di questi “esuberi” rispetto al “modello sostenibile” ne quale sia effettivamente questo modello. Inoltre, non vedo come siano conciliabili le esperienze lavorative e professionali dei militari e quali potranno essere le mansioni che questi potranno svolgere presso le segreterie delle Commissioni Tributarie . La norma -aggiunge- desta non poche perplessità in merito a una possibile militarizzazione di una parte della Giustizia Tributaria che deve essere esclusa a priori. Mi sembra chiaro –conclude Comellini-che il Ministro La Russa abbia voluto risolvere un suo problema scaricandolo su Tremonti ”. Lo dichiara Luca Marco Comellini – Segretario del Partito per la tutela dei Diritti di Militari e Forze di polizia (Pdm).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cresce fiducia nelle forze armate

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 marzo 2011

“Cresce l’indice di fiducia dei contribuenti italiani nei confronti delle forze armate, +9,3% rispetto allo stesso periodo del 2010.” Lo rileva l’Associazione Contribuenti Italiani, che con lo Sportello del Contribuente monitora costantemente la fiducia dei contribuenti nei confronti della pubblica amministrazione. Il sondaggio, effettuato attraverso Lo Sportello del Contribuente nel mese di febbraio e che sarà pubblicato su “Contribuenti.it Magazine”, rileva che tre contribuenti su quattro hanno fiducia nelle forze armate: il 82,66% dei contribuenti italiani hanno votato a favore e solo il 17,34% ha votato contro. “E’ il miglior dato di sempre registrato nell’ambito della pubblica amministrazione – afferma Vittorio Carlomagno, presidente dell’Associazione Contribuenti Italiani – ed e’ da attribuirsi alla enorme attività posta in essere dalle forze arma te sia sul territorio interno che su quello internazionale”. Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Afghanistan: Cordoglio e non polemiche

Posted by fidest press agency su martedì, 1 marzo 2011

“Esprimo il mio cordoglio e la mia vicinanza alla famiglia del tenente Massimo Ranzani ed alle famiglie degli altri soldati rimasti feriti nell’attentato al contingente militare italiano nei pressi di Shindand in Afghanistan”. Lo dichiara l’on. Gianni Vernetti, deputato di Alleanza per l’Italia e già Sottosegretario agli Affari esteri.“Oggi deve essere la giornata del cordoglio e non delle polemiche. Il Paese deve essere unito e stringersi intorno alle Forze Armate impegnate in una difficile missione di stabilizzazione e contrasto al terrorismo in Afghanistan”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Disagi nelle Forze Armate

Posted by fidest press agency su martedì, 1 marzo 2011

Il Primo Mar. Pasquale FICO Delegato Co.Ce.R. Esercito ci ha fatto pervenire per conoscenza la sua lettera inviata al  Capo di Stato Maggiore della Difesa, in merito al crescente disagio dei militari sulle difficili condizioni in cui si trovano dopo i recenti provvedimenti governativi. Innanzi tutto Fico ricorda un precedente. Eravamo nel 1994, il primo governo Berlusconi allorchè scoppiò il problema della riforma pensionistica. Allora le reazioni del Co.Ce.R. furono immediate e forti tanto “che i Capi delle Forze Armate, dopo averci consultato, si recarono dal Presidente del Consiglio Berlusconi a minacciare le dimissioni. Immediatamente la questione rientrò”. E prosegue Fico: “Alla luce di quella esperienza, oggi, invito Lei e i Capi di Stato Maggiore delle Forze Armate insieme al  Comandante Generale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza ad andare dal presidente del consiglio Berlusconi e rassegnare le dimissioni, in segno di protesta contro gli inaccettabili e vergognosi tagli che investono il personale militare.  Non accetto più, che al rientro delle salme dei soldati morti nei teatri operativi, si assista alla sceneggiata di politici ipocriti, che dicono grazie ragazzi, bravi ragazzi, e versano lacrime di coccodrillo.  Lei poco fa ha affermato che il ruolo della Rappresentanza militare è importante. Bene, questo concetto lo deve far capire bene a tutti gli uffici della Difesa, fino all’ultimo comandante di squadra dove è presente un delegato Co.Ba.R.  Signor Capo di Stato Maggiore della Difesa, oggi Lei prende atto dalle parole pronunciate dall’unico delegato presente, che il Co.Ce.R Guardia di Finanza si sente estraneo allo Stato Maggiore della Difesa.  Lei in questa sala ha sentito dall’intervento di uno dei soli tre delegati presenti del Co.Ce.R Carabinieri, che domani mattina incontreranno il Premier dopo la cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico della Scuola Ufficiali di Roma.  Questo non l’accetto, Signor Capo di Stato Maggiore della Difesa non possiamo legittimare assolutamente un’iniziativa del Co.Ce.R Carabinieri,  dopo che questa mattina ha volutamente disertato l’assemblea plenaria del Co.Ce.R. Interforze.  Questo loro modo di agire indebolisce il Consiglio Centrale della Rappresentanza dei Militari che è l’unico organismo deputato ad incontrare il Presidente del Consiglio Berlusconi.  A questo punto Lei deve proporre al Ministero della Difesa la smilitarizzazione della Guardia di Finanza per farla transitare alle dipendenze del Ministero dell’economia e delle Finanze, e contemporaneamente far transitare l’arma dei Carabinieri alle dipendenze del Ministero dell’Interno come prevede la normativa Europea e costituire la Polizia Militare formata dal personale delle tre Forze Armate di Esercito Marina e Aeronautica, come avviene in tutti gli eserciti del mondo.  Per ultimo sappia che la base è inferocita, non sopporta più  di essere umiliata dal Governo. Durante i miei mandati da delegato Co.Ce.R ho già fatto due scioperi della fame, e sono pronto a fare anche il terzo, basta una scintilla per scatenare i colleghi nelle caserme”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Interrogazione parlamentare per graduati e volontari delle ffaa

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 febbraio 2011

Lo Presti e Di Biagio. – Al Ministro della difesa. – Per sapere – premesso che: in data 3 febbraio 2009 lo Stato maggiore dell’Esercito diramava una circolare con la quale comunicava a tutti gli enti subordinati che, a causa delle scarse risorse a disposizione e non sussistendo particolari preclusioni giuridiche all’impiego del personale volontario in incarichi di natura logistica, sarebbe stato possibile destinare il detto personale ad attività quali il confezionamento di viveri, manovalanza e pulizie; i destinatari della suddetta circolare sono i militari della categoria graduati e truppa che, a differenza di quanto avveniva negli anni in cui era in vigore il servizio di leva, oggi sono veri e propri professionisti per lo più reduci dalle zone di combattimento nei vari teatri esteri e dunque muniti di una professionalità, non certamente paragonabile alle mansioni alle quali la circolare di cui trattasi vuole relegarli; infatti, a seguito di ciò, già dal 15 maggio 2009 il Comando delle forze di difesa – divisione «Acqui» ha disposto che tutti i venerdì il personale della categoria graduati dovrà dedicarsi ai servizi di pulizia interna delle caserme; il Co.Ce.R ha anche deliberato diverse volte su tale questione senza ottenere alcun riscontro; la Corte costituzionale con diverse pronunce (sentenze 449/1999; 332/2000; 445/2002), ha solennemente e definitivamente sentenziato che i diritti fondamentali del cittadino militare non recedono di fronte alle esigenze della struttura militare; agli articoli 627 e successivi del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66 «Codice dell’ordinamento militare» stabilisce la composizione organica delle Forze Armate in quattro categorie ufficiali, sottufficiali, graduati e truppa, sancendo la nascita di una nuova categoria quella dei graduati che si differenzia dalla truppa per professionalità maturata e per essere in servizio permanente; purtroppo, nonostante il quadro normativo, gli Stati maggiori dell’Esercito, della Marina e dell’Aeronautica a tutt’oggi non hanno apportato nessuna modifica alle circolari interne per legittimare l’esistenza del nuovo ruolo graduati, ed in particolare alla circolare del 15 dicembre 2010 dello Stato maggiore Esercito con la quale è stato regolamentato l’impiego nelle suddette dequalificanti mansioni del personale graduato; nonostante la categoria graduati delle Forze armate sia legislativamente parificata ai graduati delle Forze di polizia sia ad ordinamento militare che civile (carabinieri, finanzieri, poliziotti), quest’ultimi non vengono distolti dagli incarichi istituzionali e in nessun caso i comandi generali hanno diramato circolari che destinassero il proprio personale ad attività diverse e meno qualificate -: quali iniziative intenda assumere per tutelare la dignità dei graduati delle Forze armate al fine di parificare definitivamente quest’ultimi ai parigrado delle forze di polizia nel rispetto delle mansioni a loro attribuite. (4-10981)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Forze armate: risorse promesse e “scippate”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 febbraio 2011

Il Cocer A.M a firma del Ten. Colonnello Bottacchiari Dr. Guido Presidente del Consiglio Centrale di Rappresentanza dell’A.M.comunica: “Questo consiglio ha notizia della bocciatura del dpcm proposto dalle amministrazioni del comparto difesa e sicurezza che in ottemperanza all’art. 8 comma 11 bis della l. 122/10, avrebbe dovuto ripartire le risorse finanziarie stanziate per lenire alcuni dei devastanti effetti della manovra finanziaria  del maggio 2010 oltre a garantire l’attuazione pratica degli o.d.g., approvati  dal parlamento, atti a sterilizzare gli incomprensibili blocchi agli assegni di funzione e di parziale omogenizzazione.  I tagli operati dalla manovra, al personale del comparto difesa e sicurezza, sono stati operati in aggiunta a quelli subiti dal personale del pubblico impiego  ed al clamoroso “scippo” di oltre settecento mln di euro  gia’ allocati per il progetto di riordino e riallineamento delle carriere – alla faccia della specificita’!!!”
Si soggiunge inoltre: “Annusiamo peraltro una ulteriore probabile manovra correttiva dei conti pubblici con la quale sarebbero colpiti  nuovamente, istituti peculiari dei  militari.  Se tutto cio’ dovesse avvenire  (mancato rispetto dei precedenti impegni e nuovo “vulnus”) non potremmo garantire “l’aplomb” che sinora ci ha contraddistinto!!! Lo sconcerto ed il malcontento del personale militare rappresentato è alle stelle, tanto che si paventano massicce iniziative di accesso agli atti per ogni mancata attribuzione salariale  derivante dal blocco  e conseguenti iniziative giurisdizionali a tutela. I vertici militari e politici sappiano infine che questo consiglio e’ pronto da subito ad indicare strade alternative per la riduzione/rimodulazione di altre  spese di bilancio a compensazione delle inaccettabili vessazioni retributive sin qui’ operate nei confronti del personale”.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Idea legalità: a margine di un convegno

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 novembre 2010

Palermo. Si dichiarano soddisfatti i fondatori dell’Associazione Idea Legalità di Palermo che Il 13 Novembre scorso hanno incontrato i cittadini, i rappresentanti di alcune realtà cittadine presenti nel territorio come l’associazione Muovi Palermo “premiata dall’associazione per il loro impegno nel territorio” rappresentato da Marcello Capetta, il Movimento Per Palermo rappresentata da Tina Toma, presso l’Hotel Casa Marconi in via Monfenera 140. Gli unici assenti erano i giornalisti locali dal giornale di Sicilia a Rai TRE Regione e i notiziari locali. “sempre presenti in qualsiasi iniziativa organizzata dai soliti partiti,  puntualmente assenti nei confronti della società civile. I promotori del meeting ringraziano, invece, le “redazioni online” che li hanno supportati “come Sicilia Informazioni, Tuttonotizie, Il fattoonline, la Fidest di Riccardo Alfonso, Reggio Calabria notizie, Blog Sicilia, l’Ansa, facebook”.  Sono intervenuti al convegno l’Onorevole  Avv. Piccione “già presidente dell’Ars” che si congratulava per la nascita di questa associazione unica nel suo genere e soprattutto per l’idea di nazione che è nel dna dell’organizzazione, l’On. Aricò di Futuro e libertà nel suo intervento esortava la società civile e riappropriarsi della politica ad organizzarsi e mirare a ricoprire ruoli amministrativi, e soprattutto si riprometteva di battersi per ridurre lo sbarramento dal 5% al 3% che favorisce i grandi partiti e mette in ginocchio la società civile. Il Presidente Menni ha, a sua volta, ringraziato gli operatori delle forze dell’ordine e le forze Armate per il loro impegno al servizio delle istituzioni e ribadito che il cambiamento deve ripartire dai cittadini. il Segretario Mendola già consigliere comunale a Palermo con Forza Italia, ribadiva con coraggio e umiltà che da cittadino prova un grosso imbarazzo a vivere di persona che l’attuale governo. Moderava il Convegno Roberto Peretti presidente provinciale di Palermo dell’associazione le Pantere Verdi che ribadiva durante un suo breve intervento che l’antimafia non può e non deve essere monopolizzata dai partiti ed etichettata a destra, a sinistra, al centro ma appartiene a tutti i cittadini onesti e di buona volontà.“Adesso – prosegue il Coordinatore nazionale Foti – inizieremo subito a lavorare subito su due percorsi: il primo riguarda il Comparto difesa dove, come denunciato da diversi siti, sembrerebbe che ci siano delle azioni volte a limitare notevolmente i diritti dei cittadini con le stellette e il verificarsi di indebite intromissioni da parte di qualche comando periferico nei confronti della rappresentanza militare. Su questo argomento non abbiamo ancora dati certi. Nel frattempo non restiamo inoperosi. Una task force dell’associazione di esperti, nel campo giudirico – legale amministrativo sta, in questi giorni, valutando se ci sono elementi che vanno in contrasto con la costituzione italiana. In tal caso chiederemo l’intervento del Parlamento. L’altro tratto di strada che intendiamo percorrere è la banda larga. Questo diffuso disinteresse, in specie negli ambienti che contano, ci preoccupa. Serpeggia tra costoro il timore che “internet” possa ridurre le loro ricchezze. E dire che basterebbero 16 miliardi di euro per realizzare questa grande impresa. Equivale a cinque anni di auto blu in meno e la rinuncia al ponte dello stretto. Non dimentichiamo che la banda larga produce benessere e libertà. “Oggi- continua Foti – il paese ha bisogno di grandi opere che sappiano generare lavoro. Se il governo nazionale sulla banda larga è latitante e lo stesso dicasi da parte della miriade di movimenti meridionalisti che sembrano preoccuparsi solo di dissotterrare vecchie e trite polemiche storiche, noi ci batteremo, in tutto il paese, per “Il federalismo digitale” in alternativa a quello “Fumoso dettato dalla politica”. Ci auguriamo – ha soggiunto Foti – che le regioni del Sud saranno in grado di portare avanti tale iniziativa come è stato già fatto in Lombardia e in Trentino Alto Adige”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contratto forze armate

Posted by fidest press agency su domenica, 24 ottobre 2010

Dichiarazione del deputato radicale Maurizio Turco, cofondatore del partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia (Pdm), e Luca Marco Comellini, segretario del Pdm rendono noto: “Lo schema del DPR di recepimento del provvedimento di concertazione per il personale delle Forze armate, relativo al biennio economico 2008/2009, approvato dal Consiglio dal ministri lo scorso 24 settembre e trasmesso al del Presidente della Repubblica per la firma e la successiva pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale non è quello concertato e sottoscritto dai Cocer che gli stessi organismi della rappresentanza hanno pubblicizzato all’indomani della firma.  Dalla lettura della documentazione trasmessa dallo stato maggiore della difesa al Cocer abbiamo avuto la conferma che il famoso articolo 4 -relativo all’importo aggiuntivo pensionabile– quello di cui successivamente ne è comparsa una versione con la tabella in bianco,  contiene ora un nuovo comma e una nuova tabella. Senza voler entrare troppo nel merito degli effetti che queste modifiche apporteranno al trattamento economico del personale militare, e che comunque da una prima lettura sembrano mirate a favorire esclusivamente gli ufficiali con più di 13 anni di servizio (c.d. omogeneizzati al livello dirigenziale), ci  pare chiaro che il grave problema che noi del Pdm abbiamo denunciato già il 28 settembre sia sempre esistito e oggi ha trovato la sua immancabile conferma. La “concertazione” di fatto non c’è stata e quindi non c’è stato nessun accordo, ma solo l’ennesima dimostrazione che il Cocer è uno strumento asservito al Governo e del resto quali sono i suoi compiti lo ha detto chiaramente La Russa rispondendo a una nostra interrogazione (4/04935) in cui si legge «… il mandato di rappresentanza è stato prorogato per consentire, in questa fase, ai delegati in carica di poter «proseguire ulteriormente il lavoro di rappresentanza e di tutela degli interessi delle Forze armate».». Interessi delle Forze armate, non del personale militare. A questo punto, la questione della mancata firma del documento  da parte del Cocer dell’Aeronautica che ne inficia sostanzialmente la validità, e l’esistenza di un differente schema di accordo ormai palesemente provato e sul quale nei giorni scorsi aveva sollevato i suoi dubbi  anche un importante organismo rappresentativo di livello inferiore (Coir COMFOTER) ci fanno sembrare doveroso tornare a chiedere la ripetizione della procedura di concertazione nell’interesse della legalità e della trasparenza che sono venute a mancare, nonché di tutti i cittadini che con le loro tasse contribuiscono al pagamento degli stipendi dei militari.  Il preoccupante silenzio del Ministro della difesa e della Pubblica amministrazione e l’Innovazione è un’ammissione di colpa chiara e inequivocabile; un’ammissione di responsabilità che il Presidente della Repubblica non può non considerare nella sua eventuale decisione di sospendere la pubblicazione del DPR in questione”. (On. Maurizio Turco Luca Marco Comellini)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contratto forze armate e di polizia

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 settembre 2010

Siamo giunti alla firma. “Dopo una lunghissima trattativa – è scritto in una nota dell’agenzia Grnet.it – iniziata a dicembre dello scorso anno, dopo il rifiuto della quasi totalità delle rappresentanze sindacali e dei Cocer di firmare il contratto relativo al biennio 2008 – 2009,  obtorto collo, ci sarà la firma”. E il cronista soggiunge: “ Non si tratta certo di cifre sontuose, atteso che, conti alla mano, il rinnovo del contratto 2008-2009 porterà in busta paga ai lavoratori in divisa circa 40-45 euro netti (medie) di aumento (oltre la vacanza contrattuale già percepita) distribuiti però sulle voci stipendiali fisse, e questo ultimo dato rappresenta un aspetto positivo”. In questo modo ci è parso di capire si allontana sempre di più la speranza di quanti pensavano che il governo, in qualche modo, avrebbe cercato di reperire ulteriori risorse per il comparto Sicurezza e Difesa.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una manovra che offende la dignità

Posted by fidest press agency su domenica, 27 giugno 2010

”Non si può più continuare a scherzare con il personale delle forze armate e delle forze di polizia in una sorta di tira e molla sulle singole norme di interesse inserite nella manovra finanziaria in cui viene offesa, prima ancora della tasca, la dignità degli operatori della difesa e della sicurezza”. Lo afferma il presidente del Cocer Interforze, generale Domenico Rossi, unendosi alle parole del sottosegretario alla Difesa, Guido Crosetto, che aveva parlato di burocrazia del ministero dell’Economia contro forze armate e di polizia. ”Occorre – sostiene Rossi – che il ministero dell’Economia decida a priori e chiaramente se intende o meno riconoscere l’azione del Parlamento che ha sancito in modo inequivocabile la specificità del comparto rispetto al pubblico impiego e dare concretezza a tale norma o porsi su uno scranno censore più alto. Affidiamo l’esame della situazione e la risposta al presidente del consiglio che ben conosce il nostro operato”. ”Nessuno – aggiunge – vuole privilegi e tutti vogliono contribuire ma le norme in questione o sono figlie di superficialità o di un accanimento nei confronti del comparto assolutamente non accettabile”. (fonte Ansa)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Ibm per le forze armate statunitensi

Posted by fidest press agency su martedì, 6 aprile 2010

IBM  e la Federal Aviation Administration (FAA) statunitense stanno collaborando a un progetto di Ricerca e Sviluppo, per proteggere il sistema di aviazione civile del Paese dalla minaccia dei cyberattacchi in costante aumento.  Il progetto introdurrà tecnologie e metodologie di “analitycs” innovative per la protezione di grandi infrastrutture digitali e fisiche da attacchi di hacker, botnet, malware e altre forme di attacchi informatici.  Il prototipo andrà oltre i tradizionali approcci alla sicurezza basati su crittografia, firewall, dispositivi  di rilevamento delle intrusioni e software antivirus. Il modello flessibile sarà progettato per analizzare retrospettivamente gli eventi e le vulnerabilità del sistema e sarà in grado di correlare i modelli storici di traffico con i dati dinamici provenienti da monitor, sensori e altri dispositivi che acquisiscono informazioni sul traffico di rete e sull’attività degli utenti in tempo reale. L’”analitycs in streaming” sarà una componente di progettazione chiave del prototipo di sistema della FAA. Questa tecnologia avanzata consentirà alla FAA di analizzare costantemente e in tempo reale le enormi quantità di dati che transitano sulle sue reti, e di conseguenza permetterà di acquisire elementi di conoscenza tempestivi e accurati sulle possibili minacce e vulnerabilità del sistema per poter intervenire in tempo. La FAA potrà inoltre memorizzare i risultati in tempo reale in un data warehouse, per la successiva analisi e l’apprendimento supervisionato. Nella progettazione, i dashboard personalizzati saranno utilizzati per fornire informazioni “aggiornate al secondo” sulla situazione di sicurezza delle reti della FAA. Questi dashboard forniranno ai funzionari della FAA rappresentazioni visive dei carichi di lavoro di rete, ticket per il malware rilevato e trend storici, per agevolare il processo decisionale e intervenire tempestivamente in caso di anomalie di rete indicative di un possibile attacco.  Il progetto pilota fa parte di un programma First-of-a-Kind (FOAK) di IBM, che vede la collaborazione tra scienziati della Ricerca IBM e clienti per esplorare e sperimentare le tecnologie più avanzate  per affrontare i problemi emergenti.
IBM ha creato inoltre l’IBM Institute for Advanced Security, a Washington, D.C., per aiutare le agenzie pubbliche e altre istituzioni ad avere accesso a strumenti, risorse e competenze per gestire i problemi della cybersicurezza. Per ulteriori dettagli e informazioni sull’IBM Intitute for Advanced Security e le relative iniziative, visitate il sito http://www.ibm.com/federal/security.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La “mini-naia” del Ministro La Russa

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2010

”Il Consiglio dei ministri ha deciso oggi di proseguire l’esperimento della cosiddetta mini-naia, gia’ avviata dal ministro La Russa, finanziandola per i prossimi tre anni. E’ una decisione che ricorda i “campi balilla” ed è completamente fuori luogo difronte ai grossi problemi di bilancio che stanno affrontando le forze armate. Ci chiediamo se queste decisioni siano solo il frutto di scellerate fantasie del ministro della difesa o anche dei suoi veretici militari. Invece di sprecare quei pochi soldi di cui dispone e distogliere qualificate risorse umane per questioni di nessuna utilità pratica e concreta, La Russa dovrebbe adoperarsi per il benessere e la sicurezza del personale in servizio, garantendo adeguate misure di protezione ai militari impiegati nelle missioni estere, non ultima quella di soccorso White Crane dove è chiaro che il personale sta operando senza alcuna protezione contro eventuali epidfemie a causa della macanza delle coperture vaccinali che per essere efficaci necessitano di tempi che variano dai 15 ai 45 giorni. Mentre le Forze armate stanno affrontando il periodo più buio della loro storia repubblicana, il ministro boy-scout pensa ai campeggi in puro stile “balilla”.  (Segreteria PDM – Partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »