Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Posts Tagged ‘fotografica’

Mostra fotografica di Maurizio Gabbana

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 gennaio 2019

Roma Via delle Fosse di Castello,2 Venerdì 25 Gennaio 2019 mostra fotografica di Maurizio Gabbana “INFINITE DYNAMICS” a cura di Maria Laura Perilli. Leggerezza, rapidità, esattezza, molteplicità e visibilità sono, per Italo Calvino, i parametri base del codice di comportamento letterario del terzo millennio. Invarianti letterarie che Maurizio Gabbana sembra aver traslato nel suo mondo fotografico. Gabbana opera, innanzitutto, dissolvendo la compattezza degli oggetti, sottolineando la sua passione per il Futurismo con quella “Molteplicità” ottenuta mediante sovrapposizioni e rotazioni utili a conferire dinamismo e “Leggerezza” alle immagini.
Il “Dinamismo di un cane al guinzaglio” di Giacomo Balla sembra essere, così, un riferimento costante. L’oggetto della fotografia è decostruito, in linea con il pensiero filosofico di Derrida. È un modo forte, incisivo, per comunicarci con l’arte del messaggio fotografico che la semplicità è spesso fonte di inganni; si deve andare oltre la semplice apparenza, la prima impressione, analizzando e comprendendo quanto di complesso si cela dietro ogni messaggio semplificato.
Gabbana, però, nel sostenere di vivere la città percorrendola a piedi, attraversandola, opera un processo di ritorno: da un lato scompone, analizza i singoli episodi, dall’altro li ricompone interiormente e fotograficamente con una azione cognitiva e percettiva gestaltica.
È l’artista che immergendosi totalmente nello spazio della città, nel suo tessuto urbano, lo ricostruisce con una lettura Lynciana riconnettendo quei punti di riferimento, slarghi e margini prima decomposti: fa emergere, così, tutto il dualismo tra semplice e complesso.
Una operazione mentale e artistica, quella di Gabbana, ancor più interessante per la sua capacità di leggere gli spazi interni. Nelle sue opere fotografiche emerge tutta la loro flessibilità, il loro essere materia reale, oscura, attraversabile, plasmabile, dove tutto, spazio stesso tempo e luce diventano ora curvi ora rettilinei, rendendoci fotograficamente, in sinergia, la loro organicità. (Maria Laura Perilli) Vernissage: Venerdì 25 Gennaio 2019 –
Durata 25 Gennaio 2019 – 31 Marzo 2019 Orario: Martedì – Sabato 10.00 – 13.00 / 16.00 – 19.00

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra fotografica sull’Uganda

Posted by fidest press agency su domenica, 2 settembre 2018

Torino dal 6 al 15 settembre nella galleria di Alberto Peola, via della Rocca 29 mostra e il libro “UGANDA – Ma dove lo trovate il tempo?” Un libro fotografico e una mostra per documentare il lavoro dei medici e dei volontari che ogni anno, in Africa, effettuano formazione specifica teorica e pratica e interventi di chirurgia plastica ricostruttiva su numerosi pazienti che, altrimenti, non potrebbero ricevere cure. Operazioni salvifiche non solo dal punto di vista della salute, ma anche riabilitative a livello di percezione sociale e possibilità di lavorare. È il lavoro prezioso che porta avanti l’associazione Cute Project, e che ogni anno viene documentato per immagini da fotoreporter invitati a trascorrere un periodo di residenza d’artista in Uganda e in Benin. L’ultima protagonista è stata Monica Carocci, che ha realizzato il libro. Il lavoro di Monica Carocci è insieme arte e vita, esperienza condivisa che coinvolge il visibile e quello che non lo è. Le fotografie di Monica, secondo il suo stile inconfondibile, sono opere dove pittura e scultura si mescolano, stampate a mano da lei stessa su carta baritata.«Immagini preziose e uniche che appartengono a un flusso visionario e poetico eppure emerso dal mondo reale. Bianchi e neri, paesaggio umano e naturale, architetture che si sciolgono una dentro l’altra. Un invito a guardare davvero, a sentire. Questo in fondo fanno i medici e i volontari di Cute Project» spiega ancora Olga Gambari.Opere e catalogo saranno in vendita a un prezzo simbolico: «Sono un dono dell’artista e un ulteriore gesto di generosità e impegno da parte dell’associazione Cute, e di tutti coloro che partecipano al progetto, ciascuno supportandone un pezzetto, al fine di raccogliere risorse economiche preziose e imprescindibili per sostenere altre missioni umanitarie» commenta Gambari.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra fotografica “Un percorso nella storia dell’automobile”

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Torino giovedì 3 maggio h 11 inaugurazione della mostra fotografica “Un percorso nella storia dell’automobile”, che rimarrà allestita sotto i portici di via Po a Torino per 45 giorni. All’inaugurazione parteciperà la Sindaca Chiara Appendino, insieme ad Andrea Levy, presidente di Parco Valentino.La mostra sarà composta di pannelli sospesi sotto i portici, ognuno dei quali dedicato a un brand automobilistico. Ciascun supporto vedrà l’anno di fondazione della casa automobilistica, la foto di uno dei primi modelli prodotti e quella del modello più rappresentativo della produzione del 2018. Un percorso che evidenzierà la trasformazione ingegneristica e stilistica del Brand e anche la storia dell’industria automobilistica, che ha ricoperto un’importanza fondamentale nell’economia e nello sviluppo della società moderna.Patrocinata da UNRAE e ANFIA, rappresenta la volontà di Parco Valentino di promuovere la cultura dell’automobile con il pubblico, in un contesto libero e informale come le piazze e le vie delle città. “Un percorso nella storia dell’automobile” sarà una mostra itinerante per l’Italia e nelle prossime settimane sarà allestita nelle seguenti location: Modena via Emilia (1 giugno-1 luglio), Milano, Castello Sforzesco, ottobre 2018; Roma, giugno/luglio; Aeroporto di Torino, 15 maggio-15 giugno insieme ai prototipi di Pininfarina e GFG Style.Contestualmente alla cerimonia d’inaugurazione della mostra, Andrea Levy presenterà la 4ª edizione di Parco Valentino Salone dell’Auto Torino, i protagonisti e il calendario degli eventi di una kermesse che mai come quest’anno coinvolgerà l’intera città con eventi, raduni, passerelle e anniversari che animeranno piazze e vie dal 6 al 10 giugno.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ten Years and Eighty-Seven Days / Dieci anni e ottantasette giorni

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 febbraio 2017

luisa-menazziSiena, Santa Maria della Scala 13 aprile – 4 giugno 2017 Anteprima stampa Lunedì 10 aprile ore 11.30 Mostra fotografica di Luisa Menazzi MorettiDopo il successo della mostra a Berlino (EMOP Berlin 2016) e il premio dell’International Photography Awards del 2016, giunge a Siena, al Santa Maria della Scala, che ne ha curato la produzione, il progetto fotografico Ten Years and Eighty-Seven Days /Dieci anni e ottantasette giorni di Luisa Menazzi Moretti che sarà visibile dal 13 aprile al 4 giugno 2017.
La mostra è composta da 17 fotografie di grande formato (esposte come opere singole, dittici e trittici) e 9 testi tratti da lettere e interviste rilasciate dai prigionieri del braccio della morte del carcere di Livingston, vicino ad Huntsville, in Texas e il titolo – Ten Years and Eighty-Seven Days/Dieci anni e ottantasette giorni – fa riferimento al tempo medio che deve attendere un condannato a morte, in solitudine, dal momento della condanna all’esecuzione. Le opere sono una sorta di trasposizione delle storie e dei testi con cui i condannati del braccio della morte raccontano le loro vite o descrivono le emozioni vissute nel carcere texano, dove tutt’oggi vengono eseguite più esecuzioni di ogni nazione democratica del mondo occidentale.
Scrive Daniele Pitteri, direttore del Museo Santa Maria della Scala di Siena: “….Queste esistenze Luisa Menazzi Moretti non le documenta, né le interpreta. Le trasfigura. Le compenetra, le filtra attraverso la propria sensibilità e le rimanda, trasfigurate appunto, sotto forma di immagini che non raccontano, ma che danno forma ai pensieri, alle sensazioni e alle emozioni provocate in lei dai pensieri, le sensazioni e le emozioni non di reietti a scadenza, ma di esseri umani che, nonostante tutto, esistono”. Distante da ogni realismo, la fotografia di Luisa Menazzi Moretti richiama, in effetti, a una profonda riflessione sulla pena di morte. Sono, infatti, 29 gli Stati che ancora oggi negli USA praticano la pena di morte; se Luisa Menazzi Moretti ha scelto di lavorare su quanto continua ad accadere nel ricco ed evoluto Texas (dove ha vissuto per molti anni) è per il triste primato che rappresenta tra gli Stati confederati d’America, modello di democrazia liberale che non riesce a risolvere questa feroce contraddizione. Scrive Bruno Valentini, Sindaco di Siena: “Quando mi fermo e penso che i civilissimi Stati Uniti d’America, simbolo delle democrazie occidentali, applicano ancora la condanna a morte, un brivido mi attraversa la schiena. Com’è possibile? Come può essere giustificata questa barbarie? Come può uno Stato decidere sulla vita e la morte dei propri cittadini? Queste stesse domande mi hanno ossessionato per tutto i percorso artistico che Luisa Menazzi Moretti propone. Un percorso fatto di immagini e di parole, di significati che si intrecciano, di richiami continui tra due diverse sostanze dell’espressione e soprattutto è fatto di sensazioni forti. La mostra, curata da Luisa Menazzi Moretti è prodotta dal Complesso Museale Santa Maria della Scala con la collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura di Berlino, è patrocinata dal Comune di Siena con il supporto organizzativo di Opera-Civita, il catalogo è edito da Contrasto.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

«Fotografica: Festival di Fotografia Bergamo»

Posted by fidest press agency su domenica, 30 ottobre 2016

piazza vecchia bergamo1Bergamo Dal 4 al 30 novembre, si alza il sipario su «Fotografica. Festival di Fotografia Bergamo», la prima rassegna fotografica a Bergamo, dedicata nella sua prima edizione ai migranti e al loro andare «OltreConfine». A indagare i loro viaggi, colmi di disperazioni e speranze, fotografi di levatura internazionale, come Alessandro Penso, Giovanni Diffidenti, Fabrizio Villa, Simone Cerio e Monika Bulaj, che prenderanno parte al Festival, intervenendo in incontri, visite guidate, dibattiti ed esposizioni con, a fare da sfondo, i luoghi più suggestivi di Bergamo, grazie alla collaborazione e al patrocinio del Comune di Bergamo. Tra le mostre in programma:
– A Palazzo della Ragione, dal 4 al 30 novembre, invece, «OneDay», mostra di Alessandro Penso con 63 scatti dedicati ai migranti e richiedenti asilo in Europa, in un percorso lungo 6 anni, mostra patrocinata da Medici Senza Frontiere.
– «Libya off the wall» e «The only thing left to do is cling to God», di Giovanni Diffidenti, all’ex carcere di Sant’Agata dal 4 al 13 novembre, dedicate rispettivamente alla Libia durante e dopo la Primavera Araba e ai centri di detenzione libici;
– sempre all’ex carcere dal 4 al 13 novembre, «Io ti salverò.
 Nel Mediterraneo sulla nave della speranza» esposizione con cui Fabrizio Villa racconta gli sbarchi in Sud Italia con scatti realizzati a bordo della nave della marina militare Cigara Fulgosi, mentre Simone Cerio presenta, sempre nella stessa location e nelle stesse date, «La prima Aurora», il viaggio di Ibrahim, arrivato in Sicilia dall’Eritrea con tanti altri profughi grazie al sostegno di Emergency.Oltre alle esposizioni, si terranno diversi incontri con i fotografi e appuntamenti teatrali come: «Dove gli dei si parlano», il 5 novembre alle 21 in piazza della Libertà, spettacolo-documentario di Monika Bulaj.I migranti, inoltre, si racconteranno in prima persona, il 13 novembre alle 17 alla Sala Curò della Cittadella di Città Alta, presentando il progetto «Storie in Pausa», promosso da Caritas, Comunità Ruah in collaborazione con CTRL. I loro lavori saranno in mostra all’ex carcere insieme a quelli prodotti nel laboratorio «Gli innumerevoli» tenuto, per i richiedenti asilo, dalla Serigrafia Tantemani.
«La fotografia racconta e non chiede permessi. Ma per fare buone fotografie bisogna avere qualche cosa da dire. E allora bisogna viaggiare, sporcarsi le mani, spingere l’obiettivo più in là, oltre il filo spinato, sopra le carrette del mare. Bisogna andare OltreConfine, come si propone di fare questa rassegna, un evento che mi auguro possa essere il primo di una lunga serie» – commenta Denis Curti, Direttore Artistico di Fotografica e del mensile Il Fotografo, che il 20 novembre alle ore 10 nella Sala Curò della Cittadella di Città Alta dialogherà su “La Fotografia che cambia”, riflessione sulla potenza delle immagini. L’ingresso a tutti gli eventi è gratuito.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Migrazione” mostra di fotografia

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 marzo 2011

Firenze dal 5 al 14 marzo 2011 Galleria Tannaz Via dell’oche, 9-11r. La mostra di Monique Erba Robin, dal titolo  Migrazione  è a cura di Tannaz Lahiji e Massimo Innocenti con un testo critico di Serena Bedini La mostra resterà aperta, orario apertura da lunedì al sabato dalle 16.00 alle 20.00.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terremoto Abruzzo: mostra fotografica Acquario civico

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2010

L’Acquario civico di Milano ospita da oggi fino al 13 ottobre la mostra fotografica “La terra trema ancora”. Una testimonianza del terremoto in Abruzzo che apre una finestra su Villa Sant’Angelo, luogo di origine di Emidio Nardis, autore del reportage. Bambole, persone, animali, macerie, vicoli, accampamenti. Ma negli scatti di Nardis ci sono anche i volontari al lavoro dopo il sisma del 6 aprile 2009. Non a caso la mostra è stata allestita in concomitanza con la ricorrenza di San Pio, patrono della Protezione Civile, che soprattutto nel dopo terremoto si è rivelata indispensabile. Ospitata dal Comune, l’esposizione è stata fortemente voluta dall’assessore al Turismo e alla Protezione civile della Provincia di Milano, Stefano Bolognini, che sottolinea “la sensibilità dell’ente verso il terremoto in Abruzzo e la volontà di mantenere alta l’attenzione nella fase di ricostruzione e di vicinanza alla popolazione colpita”.
Per Nardis, “la mostra vuole in realtà essere la testimonianza di ciò che ho visto, ma soprattutto di ciò che stanno continuando a vivere persone a cui voglio bene, un viaggio attraverso emozioni non comunicabili solo con le parole”.
“La terra trema ancora” è una iniziativa di Provincia di Milano – assessorato alla Protezione Civile, Comune di Milano, Protezione civile in collaborazione con il Polo musei scientifici milanesi e Acquario civico di Milano.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra fotografica: Huang Kehua

Posted by fidest press agency su domenica, 8 agosto 2010

Venezia, 19 agosto 2010, ore 11.00 Antisala della Libreria Sansoviniana (Piazzetta San Marco 13/a) In precedenza era stata fissata per martedì 10 agosto. La cerimonia inaugurale si terrà con l’Introduzione di Maria Letizia Sebastiani (direttore della Biblioteca Nazionale Marciana). Saranno presenti e interverranno all’inaugurazione: l’artista, Huang Kehua; il curatore, Vincenzo Sanfo; il Presidente dell’Istituto Nazionale d’Arte Contemporanea, Anselmo Villata; il Console generale di Milano della Repubblica Cinese, Junfu Ming.  La mostra, che la Biblioteca Nazionale Marciana organizza insieme all’I.N.A.C. (Istituto Nazionale d’Arte Contemporanea) per la cura di Vincenzo Sanfo, è ospitata nelle sue Sale Monumentali (all’interno del Percorso integrato dei Musei di Piazza San Marco, con ingresso dal Museo Correr, informazioni su  orari e prezzi:  http://www.museiciviciveneziani.it/frame.asp?sezione=museimappa ).
Si ringrazia per la coorganizzazione la Fondazione Musei Civici di Venezia. L’esposizione rimarrà aperta al pubblico fino al 30 agosto 2010
Huang Kehua Nasce  nel 1943 in Rongcheng nella provincia dello Shandong, studia e si laurea in ingegneria. Diventa Presidente onorario dell’Associazione fotografica dello Shandong. Presidente onorario dell’associazione Qili Photographic Culture Improvement Associaton. Presidente onorario  presso  Great China Group of Professional Photographers of America (PPA). Molti suoi lavori sono stati pubblicati in riviste fotografiche specializzate in fotografia sia in Cina  che all’estero. Ha vinto premi in America Italia e Sud Corea così come in Cina. Nel 2008 le è stata conferita da Bucy, segretario generale  FIAP  l’onorificenza di presidente e membro permanente del FIAP(Oriental International Photography Art Improvement Association). Nel 2009 i suoi lavori “Impression of Africa”, “Swan in My Hometown”, “My Love, Mother Earth” sono pubblicati su prestigiose riviste fotografiche. Nel 2010 la sua personale  a Jinan “Instant Image—Photography Exhibition of Huang Kehua”  conquista attenzione e favorevoli commenti dagli addetti ai lavori. Dal 1976 è direttore presso l’ufficio finanza di Jinan, direttore generale nella commissione finanze nella provincia dello Shandong, vice governatore nella provincia dello Shandong, vice direttore del comitato permanente al National People’s Congress e direttore del comitato Finanziario/economico al  National People’s Congress.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra fotografica “Io sono Testimonianza”

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 luglio 2010

Bologna 31 luglio ore 18:00  Sala Borsa (La mostra resterà aperta dal 2 al 7 agosto dalle ore 9:00 alle ore 20:00) Ritratti di sopravvissuti a trent’anni dalla strage del 2 agosto 1980 Coordinamento progetto: ISREBO (Andrea Marchi, Mauro Maggiorani, Tito Menzani, Luca Piras, Angela Verzelli).
Fotografie di Martino Lombezzi. Testi di Cinzia Venturoli. Traduzione in lingua inglese di Valentina Zunarelli.
La mostra, promossa e finanziata da ISREBO (Istituto per la storia della resistenza e della società contemporanea nella provincia di Bologna “Luciano Bergonzini) in collaborazione con l’Associazione dei familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna e con il contributo economico di Coop Ansaloni, è costituita da 12 pannelli fotografici che ritraggono immagini di otto testimoni rimasti feriti nella strage del 2 agosto. Accettare di essere fotografate e di rendere pubblica la loro esperienza a trent’anni di distanza dalla strage è stato, per queste persone, frutto di una scelta individuale non facile e non scontata, nata dalla consapevolezza di essere essi stessi testimonianza dell’accaduto. Da questa considerazione scaturisce il titolo della mostra.
A ogni ritratto si accompagna la fotografia di un oggetto, un documento, una traccia di quel giorno perché l’oggetto stesso contribuisce a ricordare che lo scoppio della bomba ha cambiato per sempre il corso della loro vita. Molti dei protagonisti del 2 agosto 1980 portano ancora oggi sul corpo i segni di quel giorno. Alcuni hanno perso nell’esplosione persone a loro care. Per tutti rielaborare l’accaduto dal punto di vista psicologico è una sfida che si rinnova ogni giorno.
Le guerre non finiscono mai: è esperienza comune per tutti coloro che sono sopravvissuti ai conflitti e che continuano a portare nella carne e nello spirito le conseguenze, per loro sempre attuali, delle offese subite. Questa constatazione vale anche per le vittime di quegli avvenimenti che, se non possono essere definiti atti di guerra, costituiscono comunque attentati alle basi del tessuto democratico del Paese, in vista di fini e di obiettivi politici opachi, obliqui e contraddittori, perseguiti attraverso lo spargimento di sangue massimamente innocente. Anche per gli oltre 200 feriti della strage del 2 Agosto 1980 alla stazione di Bologna, dunque, la guerra non finisce mai e questa piccola-grande mostra fotografica vuole ricordarlo e ricordarcelo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra fotografica “BabyVintage60”

Posted by fidest press agency su martedì, 29 giugno 2010

Battipaglia (via Spineta, 84/C) 30 giugno alle ore 21:00 alla Fabbrica dei Sapori inaugurazione della  mostra fotografica “BabyVintage60” organizzata da BABYSTAR® – Studio Paolo Perillo. Circa ottanta bambini di Battipaglia, pettinati e vestiti alla maniera degli anni 60, reinterpreteranno gli anni del boom lungo un percorso che lega i cinque temi prescelti: il gioco, la musica, la moda, il tempo libero e l’uomo sulla luna.  Attraverso l’utilizzo di diversi stili fotografici la mostra, che gode del patrocinio morale del Comune di Battipaglia e che sarà in esposizione fino a settembre, mette a fuoco alcuni aspetti peculiari dei “mitici anni 60” attraverso la fantasia dei bambini.  Diverse le professionalità coinvolte nel progetto: sarti, truccatori, architetti e grafici che hanno curato ogni aspetto, dal backstage all’allestimento e alla comunicazione. La mostra fotografica “BabyVintage60” realizza così un recupero del passato in chiave contemporanea nella cornice della Fabbrica dei Sapori, antica fabbrica conserviera restaurata e trasformata in centro polifunzionale cuore, laboratorio e sede di degustazione dei marchi Ciripizza e Pizzia strutturato con spazi dedicati alla valorizzazione e all’utilizzo dei prodotti tipici, esempio di questo lavoro di recupero. Un progetto d’arte e di socialità insieme che intende stimolare nei visitatori quanto hanno vissuto bambini e famiglie nel realizzarlo: un tuffo intelligente ed elegante nel passato recente, in uno scambio di esperienze e di memorie tra generazioni.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra fotografica di Mario Dondero

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 maggio 2010

Casarsa della Delizia (Pn),  fino al 30 giugno 2010 via G.A. Pasolini 4 Centro Studi Pier Paolo Pasolini, nella casa materna di Pier Paolo Pasolini, oggi sede del Centro Studi dedicato all’indimenticabile poeta, prosegue la mostra fotografica Scatti per Pasolini di Mario Dondero, vera leggenda del fotogiornalismo italiano e magnifico campione ottantaduenne di generosità e freschezza. Trentun foto in mostra, in cui Dondero ha fissato il fotogenico enigma dell’amico Pier Paolo, nel fervore creativo della Roma degli anni Sessanta: sul set del film  La ricotta, nelle riprese per l’inchiesta  Comizi d’amore, alla moviola nel 1963 per il dibattuto docu-film La rabbia  o, ancora, in momenti di silenziosa rilassatezza privata, con l’amata madre Susanna e con i confidenti di una vita, Moravia, Parise, Penna, la Maraini e, naturalmente, Laura Betti. Mario Dondero (allora a Roma, prima di un lungo periodo parigino) ha condiviso con Pasolini momenti di cordiale affinità elettiva, sorretto sempre da uno sguardo di “angelo necessario”, come dice il fotografo Danilo De Marco, che per questa importante esposizione (ospitata anche a Parigi) rende omaggio all’amico Mario con un ispirato ritratto e, nel catalogo curato dal Centro Studi, con un scritto inedito. E’ una mostra – gli fanno eco Angela Felice e Piera Rizzolatti, responsabili del Centro friulano- che vuole essere dedicata alla “disperata vitalità” del Pasolini combattivo degli anni Sessanta e, con lui, all’occhio leggero di Mario Dondero, che dell’amico Pier Paolo ha saputo cogliere spiragli vividi di verità, incantati e decantati da una condivisa irregolarità esistenziale e intellettuale., http://www.centrostudipierpaolo pasolinica
Mario Dondero è una vera e propria leggenda del fotogiornalismo italiano.Di famiglia genovese, nato a Milano nel 1928, oggi vive a Fermo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Arash Radpour: “Surface”

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 maggio 2010

Milano 7 maggio Inaugurazione su invito Casa del pane (ex Casello Daziario di Porta Venezia) personale del fotografo iraniano Arash Radpour promossa da FILM.IT in collaborazione con la Galleria Changing Role – Move Over gallery, in occasione del MIFF (Milano International Film Festival). La mostra fotografica sarà aperta al pubblico dall’ 8 al 14 maggio 2010 Dalle ore 12.00 alle ore 20.00 (aperta tutti i giorni) Ingresso gratuito. A cura di Guido Cabib con testo critico di Martina Cavallarin il Festival Internazionale del Film di Roma. FILM.IT, che si caratterizza per una presenza attiva in occasione degli appuntamenti più importanti del settore, invita Arash Radpour a raccontare il mondo del cinema e i suoi protagonisti.Il risultato di questa raffinata indagine che svela la realtà interiore dei personaggi ritratti è ora presentato in anteprima in occasione del MIFF (Milano International Film Festival).“Sono architetture di anatomie le fotografie di volti, corpi e anime di questa serie tagliente e poetica di Arash Radpour.
Arash Radpour nasce a Teheran nel 1976. In Italia dal 1980 consegue il diploma in fotografia cinematografica all’Istituto Rossellini di Roma; dal 2009 si occupa inoltre di produzioni videoart e documentari. Vive e lavora tra Roma e New York.  Dal 2002 al 2005 firma alcune campagne pubblicitarie internazionali per Pepsi, Pfeizer, Renault, Parmalat. (Arash)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mimar Sinan

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 aprile 2010

Roma fino al 30/4/2010 Piazza Manfredo Fanti, 47, Casa dell’Architettura Le opere del ‘Michelangelo Ottomano’ in una mostra fotografica realizzata dalla società Doku Film di Istanbul in collaborazione con l’Ufficio Cultura e Informazioni dell’Ambasciata di Turchia in Italia e con la Casa dell’Architettura di Roma. Alla cerimonia di apertura interverranno: il Segretario Generale della Presidenza della Turchia Mr. Mustafa Isen, il Consigliere Culturale Mrs Aygun Atalay, il Direttore della Doku Film Mr. Mustafa Aksay, il Presidente Arch. Amedeo Schiattarella e il Prof. Giuseppe Strappa della Casa dell’Architettura.  Mimar Sinan e’ conosciuto in Occidente come il -Michelangelo Ottomano-. Egli vide realizzati gran parte dei suoi innumerevoli progetti nel corso della seconda metà del XVI secolo, in quello che potrebbe essere definito come il secolo d’oro dell’Impero Ottomano. Nessuno prima di lui – e forse neanche dopo – ebbe una tale notorietà in vita sia come abile costruttore sia come sapiente architetto. La sua fama e’ legata indissolubilmente alla sua attività lavorativa, ai suoi capolavori, che nacquero e presero forma nell’arco di soli cinquant’anni, sparsi ovunque in quell’enorme impero.
Mimar Sinan, contemporaneo di Michelangelo e Palladio, fu responsabile per la costruzione o la supervisione di tutti gli edifici piu’ importanti dell’Impero Ottomano. Membro della corte imperiale dal 1536, fu nominato architetto capo dell’impero nel 1539 dal sultano Solimano il Magnifico. Sinan conserverà la carica anche sotto i due successori Selim II e Murad III. A Sinan sono attribuiti piu’ di 300 edifici: moschee (spesso con il relativo complesso di edifici annessi), palazzi, bagni pubblici (hamam), caravanserragli, mausolei, a cui vanno aggiunte altre opere di pubbliche utilità come ponti ed acquedotti.  http://www.mimarsinanthearchitect.com (mimar)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »