Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 327

Posts Tagged ‘francesco rosi’

“Francesco Rosi Alla ricerca della verità”: proiezione di “La tregua”

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 marzo 2017

THE TRUCE, (aka LA TRAGUA), John Turturro, 1997, © MiramaxTHE TRUCE, (aka LA TREGUA), John Turturro (right), 1997, © MiramaxTorino 20 marzo ore 15,30 via Montebello 22. Proseguono alla Bibliomediateca “Mario Gromo” le proiezioni del lunedì pomeriggio con la rassegna Francesco Rosi. Alla ricerca della verità, che propone per marzo, quattro film del grande regista italiano.Questa settimana sarà la volta del drammatico La tregua.
Francesco Rosi (1922-2015) ha definito nel corso della sua opera i canoni di un cinema di impegno civile e politico, realizzando un corpus di film che per qualità, profondità e tensione morale non ha eguali nel panorama cinematografico italiano. Capace di analizzare i meccanismi del potere e delle sue manifestazioni più o meno evidenti, il cinema di Rosi ha svolto un processo di disvelamento degli apparati e delle maschere atte a celare lo status quo di un sistema statale spesso equivoco quando non platealmente compromesso con i poteri occulti della criminalità e delle sovrastrutture economiche. L’omaggio che la bibliomediateca Mario Gromo dedica al grande cineasta ripercorre – attraverso una selezione di quattro film – le tappe di una carriera consacrata a una passione civile, politica e umana caratterizzata dalla volontà di comprendere e fare comprendere la realtà che ci circonda e le grandi tragedie della storia. La retrospettiva è organizzata dagli studenti della III C.S. del liceo scientifico “Alessandro Volta” di Torino all’interno del progetto alternanza scuola-lavoro. (foto: la tregua)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

27° Torino Film Festival

Posted by fidest press agency su sabato, 14 novembre 2009

Torino 16 novembre 2009, ore 20.00 – Cinema Massimo (sala 2) Il Museo Nazionale del Cinema presenta al 27°Torino Film Festival il frutto di alcuni recenti restauri, editi in DVD da Minerva-Rarovideo Nella collana Minerva Classic – il meglio del cinema italiano d’autore degli anni ’50, ’60 e ’70 – esce finalmente in DVD l’attesissimo film di Francesco Rosi: Uomini contro, con Mark Frechette, Alain Cuny, Gian Maria Volontè. Appositamente per questa l’edizione il film è stato rimasterizzato e restaurato digitalmente dalla Minerva/RaroVideo con la supervisione del regista, partendo dalla pellicola restaurata nel 2008 dal Museo Nazionale del Cinema in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale. La pubblicazione, realizzata con la supervisione dell’autore stesso, è presentata in un’edizione arricchita di numerosi contenuti extra e accompagnata da un booklet bilingue a cura di Lorenzo Codelli. Sempre nella collana Minerva Classic, viene proposto il film di Elio Petri La classe operaia va in Paradiso. Un brano della lotta di classe, il primo film italiano entrato in fabbrica, un satirico ritratto della condizione operaia e della sua alienazione interpretato da Gian Maria Volonté e Mariangela Melato, con le musiche di Ennio Morricone. Il film è presentato in un’inedita versione rimasterizzata e restaurata digitalmente dalla Minerva/RaroVideo con la supervisione del direttore della fotografia Luigi Kuveiller, partendo dalla pellicola restaurata nel 2007 dal Museo Nazionale del Cinema in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale. Anche in questo caso, il DVD è arricchito da 50 minuti di extra e da un booklet bilingue a cura di Steve Della Casa. Nella collana RaroVideo – Arte Cinema Visioni esce invece la sonorizzazione del film La Signorina Else di Paul Czinner (1928), tratto dall’omonimo romanzo breve di Arthur Schnitzler. Presentata in prima assoluta a Torino il 13 aprile 2007, Marlene Kuntz vs La signorina Else è una delle prime incursioni tra cinema muto e musica rock prodotte dal Museo Nazionale del Cinema, un vero e proprio spettacolo-concerto che il gruppo dei Marlene Kuntz (con l’apporto di Gianni Maroccolo al basso e della voce di Ivana Gatti) ha portato poi in giro per l’Italia e non solo,ogni volta creando una nuova “colonna sonora” improvvisata dal vivo. Il film di Czinner – un capolavoro misconosciuto e magnificamente restaurato dalla Cineteca di Bologna – è un’opera visionaria ed esaltante che ben si addice alla contaminazione e alla sperimentazione, tra melodia e inquietudine, rappresentata dalla musica di uno dei gruppi all’avanguardia della scena rock italiana. Il risultato è in parte custodito in questo cofanetto: dvd e libro di antologia critica di 72 pagine a cura del Museo Nazionale del Cinema di Torino. Grazie a tre differenti versioni live tra cui lo spettatore può scegliere, è possibile rivivere l’emozione delle improvvisazioni dal vivo sulle immagini del capolavoro muto, la pubblicazione è completata da numerosi extra realizzati in occasione dell’inaugurazione del Trento Film Festival 2008.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Filumena Marturano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2009

Lina Sastri-lightRoma dall’11 al 29 novembre Teatro Argentina  2009 Filumena Marturano di Eduardo De Filippo.  (tutte le sere ore 21.00-giovedì e domenica ore 17-lunedì riposo-mercoledì 18 e 25 novembre ore 19)  Regia di Francesco Rosi scene Enrico Job costumi Cristiana Lafayette luci Stefano Stacchini  con Lina Sastri, Luca De Filippo e  Nicola Di Pinto, Antonella Morea  Silvia Maino, Gioia Miale, Carmine Borrino, Geremia Longobardo,Antonio D’Avino, Giuseppe Rispoli e Chiara De Crescenzo  Ritorna al Teatro Argentina, dopo il grande successo della scorsa stagione, Filumena Marturano, uno dei testi più rappresentativi del teatro di Eduardo De Filippo, per la regia di Francesco Rosi con Lina Sastri e Luca De Filippo.  Lo spettacolo prodotto dal Teatro di Roma e da Elledieffe Filumena Marturano è una donna del popolo, ex prostituta, tolta dal postribolo da un napoletano borghese e benestante, Domenico Soriano, tenuta per venticinque anni nella casa di lui come amante, pur se in condizioni di inferiorità; autrice di uno stratagemma per farsi sposare “in extremis” dall’uomo che vuol porre fine al legame perché si è innamorato di una giovane che vuole sposare. E’ una delle commedie che Eduardo definiva “commedie sociali”. Rappresentata per la prima volta al Politeama di Napoli il 7 novembre 1946, “Filumena Marturano” è, delle commedie di Eduardo, la più rappresentata in tutto il mondo.  Filumena conduce il filo del dramma con la sapienza e la determinazione dovute al sentimento di una maternità tenuta segreta per anni e poi rivelata. Filumena ha tre figli, avuti da tre uomini diversi, li ha voluti, li ha cresciuti, li ha assistiti, rimanendo nell’ombra senza mai rivelarsi come madre. Solo di uno è sicura la paternità, il figlio di Domenico Soriano, ma Domenico non lo sa e non lo deve sapere. Quando Filumena decide che lo deve sapere e glielo dirà, non gli dirà altro, chi è, come si chiama, come vive: perché “i figli sono figli” e devono essere tutti uguali, quelli di cui si conosce la paternità e quelli di cui non la si conosce. La commedia di Eduardo porta al pubblico il problema dei diritti dei figli illegittimi mentre nello stesso tempo l’Assemblea Costituente svolgeva un dibattito sulla famiglia e sui figli nati fuori dal matrimonio. La tematica affrontata da Eduardo trova riscontro nell’impegno dell’Assemblea Costituente e offre materia di riflessione per affrontare il drammatico problema. (lina sastri)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »