Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 55

Posts Tagged ‘franco marincola’

Germania: forum immigrazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 dicembre 2009

Il ministro tedesco Dr. Maria Böhmer ha invitato a Berlino il Presidente del Comites di Hannover Dott. Giuseppe Scigliano e Franco Marincola della CGIL Bildungsverk ev. della comunità italiana in Germania, tra i trenta rappresentanti delle diverse etnie, per illustrare l’iniziativa del suo governo di rinnovare la rappresentanza straniera al forum dell’integrazione. Tra questi circa 12 erano già presenti in passato nel forum mentre gli altri sono stati scelti dal Governo della Cancelliera Merkel. Per l’occasione in una recente riunione preliminare il dr. Maria Böhmer aveva esposto il piano del suo governo in materia di emigrazione. Tra le novità: il riconoscimento dei titoli di studio conseguiti in altre nazioni. Questo provvedimento riguarda circa 2,7 milioni di persone. Il procedimento dovrebbe durare circa sei mesi e prevede, tra le altre cose, il riconoscimento parziale. Tanto per fare un esempio, un ingegnere potrebbe essere riconosciuto come tecnico e nel frattempo potrebbe integrare i suoi studi in Germania. Scigliano ha salutato positivamente questa novità ma ha messo in guardia dalla possibile strumentalizzazione. Egli ha chiesto regole chiare per tutti senza che queste cozzino contro le barriere regionali. Auspica, altresì, non interventi dettati dal mercato del lavoro ma riconoscimenti in base a dei criteri identici. In futuro, la nuova normativa dovrebbe consentire ai medici non solo di poter lavorare nelle strutture ospedaliere ma anche di  poter aprire studi medici. Scigliano ha poi espresso forti dubbi per quanto riguarda il riconoscimento dei titoli di studi delle scuole  professionali poiché in Germania esiste il sistema duale che in altre nazioni tra cui l’Italia non esiste. Si prevede comunque che entro il 2011 la legge dovrebbe essere approvata in Parlamento. Altra novità segnalata dal Ministro è il contratto tra Stato e cittadini stranieri. Questo ha suscitato pareri diversi tra i presenti che hanno suggerito in ogni caso di chiamarlo accordo e non contratto. tra le altre cose, ci dovrebbe essere inserito quanto lo straniero porta con sè (bagaglio socio culturale e professionale) e quello che lo aspetta in Germania. Dopo un anno dovrebbero essere analizzati i risultati. Scigliano ha ricordato al Ministro Böhmer degli accordi firmati tra Stato, Regioni e Comuni riguardanti l’offerta della lingua materna che attualmente non viene praticata su tutto il territorio. Ha ricordato che anche la Cancelliera aveva promesso di interessarsene. Ma a tutt’oggi senza alcun risultato. Il Ministro ha comunicato al rappresentante italiano di aver recepito il messaggio e che avrebbe (così ha lasciato intendere) portato avanti la questione.  Infine si è parlato del consiglio per l’integrazione che il Governo vuole chiamare in vita. Questo organismo dovrebbe essere composto da circa 20 persone +……provenienti dal Governo, dalle Regioni, dai Comuni e da alcune organizzazioni nazionali di stranieri. Anche qui Scigliano Ha auspicato un numero sufficiente di rappresentanti stranieri. Ha rilevato che è inconcepibile che uno o due stranieri (così si vocifera) potrebbero farsi carico di una problematica così delicata e così differente tra le diverse etnie. Non si può pensare ad una operazione di “facciata” ma il nuovo organismo deve operare con due precisi obbiettivi: avere una rappresentanza qualificata con tutte le diverse etnie e poter essere consultato per tutte le decisioni che il governo federale vorrà assumere in tema di immigrazione.(Berlino)

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »