Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 19

Posts Tagged ‘friulano’

Il frico friulano è riuscito a “stregare” anche l’Islanda

Posted by fidest press agency su martedì, 25 settembre 2018

Magnano in Riviera (Udine). Dopo gli Stati Uniti, l’Islanda. L’azienda Savio di Bueriis di Magnano in Riviera ha cominciato le esportazioni del suo frico croccante, con un’inedita confezione da 120 grammi, nella “terra dei ghiacci”, ampliando ulteriormente le sue esportazioni. «Abbiamo stretto un rapporto di collaborazione con un’importante catena islandese di supermercati – commenta Franco Savio, titolare dell’omonima azienda che opera da oltre mezzo secolo – e i riscontri, finora, sono stati ottimi. Siamo andati oltre le previsioni, tant’è che ci sono già stati diversi riordini del prodotto in pochi mesi».I consumatori del paese nordeuropeo, dunque, dimostrano di gradire il piatto tipico friulano, proposto in questo caso nella versione “snack”, ovvero quella che prevede il frico croccante in quadratini, ideale per essere un azzeccato e gustoso accompagnamento per un aperitivo (e non solo). E i risultati incoraggianti maturati in Islanda potrebbero aprire a nuove strade: «Stiamo pensando di introdurre su quel mercato, per ampliare il ventaglio di scelte e garantire maggiore praticità, anche formati di peso minore rispetto ai 120 grammi che proponiamo ora, così come stiamo lavorando pure per esportare il nostro frico già pronto, nella variante classica e non solo – prosegue Savio -. Non escludo nemmeno, per quanto concerne le azioni nel mercato islandese, di proporre un domani i prodotti con packaging dedicati a private label».Eppure, il titolare ha un sassolino nelle scarpe da togliersi. «Siamo riusciti a sbarcare in Islanda grazie alla collaborazione con un produttore veneto di vini che opera in quello Stato. Dispiace soltanto – conclude – che le sinergie con le aziende friulane siano più difficili. Sarebbe bello promuovere assieme i prodotti della nostra terra, portando benefici a tutti. È un peccato che da quell’orecchio molti non ci sentano».Dopo gli Usa, un’altra “incursione” di successo per l’impresa friulana sui mercati esteri. Savio, infatti, sarà presente a New York ancora per qualche tempo nel contesto di Smorgasburg, il più grande e apprezzatissimo mercato all’aperto di cibo in America capace di attirare dalle 20.000 alle 30.000 persone nel fine settimana a Brooklyn. All’interno della kermesse, che di sabato è ospitata nel quartiere di Williamsburg e di domenica invece a Prospect Park, è presente uno stand che prepara il tipico frico a base di formaggio e patate, in abbinamento anche ad altri ingredienti di qualità come il prosciutto, le verdure e le salse. Una specialità amata oltreoceano, un grande vanto per tutto il Friuli.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Qui si mangia friulano”

Posted by fidest press agency su sabato, 28 Maggio 2011

Una bella novità ha coronato il successo della prima tappa a Belgrado, martedì scorso, di “Eccellenze friulane in tour”, il progetto, scaturito tre anni fa dalla collaborazione tra Camera di Commercio e Provincia di Udine e sostenuto dalla Fondazione Crup, che porta il meglio dell’enogastronomia, di cultura e turismo, del design, dell’intera produttività friulana in località strategiche d’Italia e d’Europa. È stata infatti consegnata la Targa “Qui si mangia friulano” al Ristorante La Piazza: il vicepresidente Cciaa Marco Bruseschi e il componente di giunta Giuseppe Pavan, assieme all’ambasciatore italiano Armando Auricchio, hanno dunque insignito di questo contrassegno di qualità il titolare Aleksandar detto ‘Sasa’ Skipic, che in cucina utilizza prodotti made in Fvg. La Targa è dunque approdata per la prima volta fuori confine e avvia un percorso volto a identificare una rete di ristoranti che, anche in altri Paesi, mantengono alto il nome del gusto e dei sapori migliori della nostra regione.
La giornata belgradese di Eccellenze è stata molto apprezzata dai rappresentanti istituzionali, dagli operatori economici e dai giornalisti che vi hanno partecipato numerosi, grazie anche all’ottimo coordinamento con l’ambasciata d’Italia, l’Ice e la Camera di Commercio italo-serba. Il Palazzo della principessa Ljubjca, favoloso esempio di casa in stile Ottomano, ha ospitato il seminario sul Distretto della Sedia e l’installazione di sedute di alcune aziende dell’area, per rappresentare anche visivamente l’eccellenza raggiunta nell’area. Oltre ad Anna Lombardi, è intervenuto l’architetto serbo Branko Redžic (Studio Arcvs), con la moderazione diVesna Jecmenica, imprenditrice. A Palazzo Italia si è tenuta la conferenza stampa di presentazione delle attrattività del Friuli, traeconomia, turismo, cultura ed enogastronomia. La giornata friulana si è conclusa in bellezza coronata al Ristorante Aero Klub, con il “percorso sensoriale” curato in collaborazione con il Consorzio Fvg Via dei Sapori, guidato da Walter Filiputti. Quattro tra i migliori chef regionali hanno cucinato dal vivo piatti prelibati della nostra cucina, proposti in abbinamento ai vini più rinomati, ripercorrendo una selezione delle perle enogastronomiche della regione, dalle Alpi all’Adriatico. (marco bruseschi, seminario, laconsegna)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Qui si mangia friulano”

Posted by fidest press agency su domenica, 20 febbraio 2011

Prosegue con successo la consegna delle Targhe “Qui si mangia friulano”, emblema del progetto che vede unita la Camera di Commercio di Udine alle associazioni di categoria (Cia, Confagricoltura, Coldiretti, Cna, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, Confcooperative e Lega Coop) per la promozione di una rete di cibo e cucina di qualità, per la valorizzazione turistica e promozionale del territorio. Ieri un nuovo “tour” del presidente Giovanni Da Pozzo, che ha toccato cinque noti locali udinesi. Si è partiti dal centro, e precisamente dalla “19a buca”, vivace e accurato ristorante di via Mazzini, dove a ricevere la Targa c’era il sorriso della brava titolare, Tiziana Valle, e si è quindi passati a un’altra interprete femminile della miglior cucina friulana, Rosanna Clocchiatti, all’Antica Maddalena di via Pelliccerie. Un salto, poi, in via Grazzano, dove, per il Fari Vecjo, c’era il giovane titolare Simone Lugano, che ha voluto accanto a sé la mamma per ricevere la Targa destinata d’ora in poi a contrassegnare il suo ristorante, accogliente e caldo sia visivamente sia “emotivamente”, grazie alla piacevole atmosfera che hanno saputo creare. Dal centro, ci si è poi spostati “più in là”: prima in via Pozzuolo, al Contadino, dove c’era la titolare Paola Narduzzi con i figli e, infine, alla Casa Rossa, storico ristorante e inconfondibile simbolo all’ingresso di via Cividale, gestito da Silvano Ellero con la moglie. «Abbiamo già consegnato oltre la metà delle targhe di questa prima fase: sono una cinquantina in tutto quelle che la Commissione di esperti ha finora “approvato”, ristoratori, agricoltori singoli e associali, artigiani che dimostrano di attenersi a un apposito disciplinare elaborato dal team “tecnico” e approvato dai vertici dell’ente camerale», ha commentato Da Pozzo. Il bando di adesione rimane comunque aperto a tutte le aziende provinciali che condividono le finalità del progetto (info su http://www.ud.camcom.it). In questi primi due mesi dell’anno, i componenti di consiglio e giunta, oltre che il presidente, stanno progressivamente e personalmente consegnando le targhe, che riportano la figura del Beato Bertrando, simbolo della Cciaa. Oltre a Udine, sono state conferite le prime targhe nel collinare, nella Bassa e in Carnia. Le prossima tappe – neve permettendo! – vedranno di nuovo protagonista la montagna.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ennio Benedetti riconfermato presidente

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 dicembre 2010

Rinunitasi ad Aquileia, l’assemblea regionale della Confederazione italiana agricoltori (Cia) del Friuli Vg, ha riconfermato l’uscente Ennio Benedetti alla presidenza.  Nel suo discorso ai soci, Benedetti ha puntualmente segnalato le problematiche che investono quotidianamente le imprese agricole e impediscono alle stesse di esprimere tutte le loro potenzialità. Nel mirino di Benedetti, l’Ue,l’eccesso di burocrazia, ma anche la Regione. «Qualcuno si illude di risollevare le sorti dell’agricoltura con il marketing del “tipicamente friulano” – esordisce il presidente della Cia -. Altri, folkloristicamente, riscoprono i mercatini dei tempi andati. Intanto la Regione ha dato il via libera al bilancio 2011 destinando pochi spiccioli allo sviluppo agricolo (che vuol dire innovazione). Quindi niente soldi per il Psr e per favorire l’insediamento dei giovani. In compenso sono garantiti i mezzi finanziari per il “funzionamento” a enti e consorzi, Ersa in primis. Un’altra tegola in testa agli agricoltori – prosegue Benedetti – è la spesa per l’assunzione dei forestali stagionali, fatta gravare interamente sul “capitolo” agricoltura. Ma se si tratta di un intervento a difesa dell’ambiente e l’ambiente è un bene di tutti. Perché allora il costo della sua salvaguardia deve essere caricato interamente sulle spalle degli agricoltori? Il tanto decantato “sportello avanzato“ Agea, presentato come il toccasana per erogare rapidamente i contributi, è lì, da qualche parte, ma è come se non ci fosse – evidenzia Benedetti -. Si potrebbe dire che è fuori stanza. Infine, c’è la vicenda dei nitrati. Dopo avere detto peste e corna degli allevatori che inquinano, salta fuori che non è stata trovata traccia di azoto di origine chimica  nelle falde e nelle acque di superficie. Si scopre poi che l’azoto di origine zootecnica è il meno colpevole dell’inquinamento. A questo punto, chi paga i danni alle imprese zootecniche? È ora di dire “basta!” – conclude Benedetti – insieme alle altre organizzazioni agricole, se ci stanno. Sennò la Cia andrà avanti da sola nella sua battaglia per il sostegno delle aziende e dell’agricoltura “reale”».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Successo friulano al Sial di Parigi

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 ottobre 2010

Si è appena conclusa l’edizione 2010 (la 23a) del Salone internazionale dell’alimentazione-Sial di Parigi e Carlo Meneguzzi, imprenditore agricolo di San Quirino di Pordenone, raccoglie già i primi frutti. Unico friulano dei 40 giovani imprenditori italiani selezionati dall’Osservatorio per l’imprenditoria giovanile (con la collaborazione dell’Ismea) per partecipare alla rinomata kermesse fieristica, il 39enne Meneguzzi, socio della Cia di Pordenone, ha avviato contatti con importatori di tutto il mondo, dalla Cina al Giappone, fino agli Stati Uniti e alla Russia. Un’occasione unica per promuovere a livello mondiale l’eccellenza del “made in Fvg” in campo agroalimentare e, in particolare, per far conoscere il succo di mela (circa mille gli ettolitri prodotti annualmente e commercializzati soprattutto in bag in box) dell’azienda Meneguzzi. «È stata un’esperienza unica, sotto diversi punti di vista», ha commentato Davide Vignandel, direttore della Cia pordenonese e a Parigi con il giovane imprenditore. «Il Sial, con i suoi 215mila metri quadrati di spazio espositivo, quasi 5.700 standisti di cui mille italiani e oltre 100mila visitatori nella giornata inaugurale – ha aggiunto il direttore, sottolineando che anche il ministro francese all’agricoltura, Bruno Le Maire, ha visitato lo stand di Meneguzzi – è una vetrina imperdibile per gli addetti dell’agroalimentare: il nostro produttore, nei quattro giorni della fiera, ha potuto approcciare diversi mercati internazionali e presentare un prodotto, considerato di nicchia, come nuovo e ricercato, nonché molto apprezzato dai consumatori dell’Est europeo». Sono soprattutto le nuove imprese, secondo Vignandel, «le prime a dover aderire a eventi di questo tipo: solo quando un’azienda giovane riesce a trovare il proprio canale di commercializzazione può fare reddito e autosostenersi». (dscn)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sial agroalimentare: Un friulano a Parigi

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2010

Carlo Meneguzzi, 39 anni, imprenditore agricolo di San Quirino, è l’unico friulano selezionato per partecipare al Sial di Parigi. Lo segnala con orgoglio la Cia (Confederazione italiana agricoltori) di Pordenone che dà appuntamento ai propri giovani soci proprio a Parigi, nei giorni (17 – 21 ottobre) in cui si svolgerà la 23ma edizione del Salone biennale dell’agroalimentare, una delle più importanti fiere internazionali del settore. La Cia, dunque, parteciperà alla manifestazione con il produttore Meneguzzi che, nella sua azienda di 8 ettari, produce annualmente circa mille ettolitri di succo di mela commercializzati soprattutto in bag in box.  «La scelta è nata da una selezione di alcuni nostri giovani associati – racconta Davide Vignandel, direttore della Cia provinciale – e Carlo rispecchiava le caratteristiche richieste dal concorso che prevedeva, tra l’altro, la valorizzazione dei prodotti locali e di nicchia. Alla selezione ha partecipato attivamente anche la Cciaa di Pordenone, con l’azienda speciale ConCentro diretta da Luca Penna, con la quale avevamo già collaborato in passato per altre iniziative promozionali legate ai prodotti del nostro territorio. Abbiamo ricevuto la bella notizia in questi giorni: Meneguzzi è riuscito a entrare nella graduatoria dei 40 giovani imprenditori a livello nazionale, chiamati a partecipare all’evento parigino. Tutto è partito dall’idea di portare qualche nostro giovane agricoltore a questa manifestazione per dargli la possibilità di confrontarsi con il mercato internazionale e di poter sviluppare nuovi contatti con l’estero. Il risultato raggiunto è sorprendente e importante – conclude Vignandel – anche perché ci darà la possibilità di rappresentare la regione Fvg con un prodotto di eccellenza del territorio». Per l’azienda Meneguzzi sarà anche una bella occasione per fare un’esperienza significativa in quanto a marketing extraregionale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »