Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Posts Tagged ‘fumare’

Salute: Fare le pulizie è come fumare

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 febbraio 2018

Fare le pulizie equivale a fumare. Possiamo, così, riassumere, sinteticamente, i risultati di una ricerca dell’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine. Gli effetti, a lungo termine, dei prodotti utilizzati per le pulizie, inalati dagli addetti, anche domestici, diminuiscono il funzionamento polmonare. Le mucose, infatti, sono danneggiate dalle sostanze chimiche presenti nei prodotti per le pulizie. Che fare? Utile è non inalare tali sostanze. Per esempio, non usare spray o contenitori che nebulizzano i prodotti per pulizie: l’effetto aerosol è conseguente e la nebulizzazione è respirata.
Alcuni prodotti sono particolarmente irritanti come la soda caustica, usata per pulire i forni, l’acido solforico utilizzato come disgorgante o gli antibatterici (non ne capiamo l’utilizzo), impiegati per le pulizie dei pavimenti, ecc.Ci sono prodotti “ecologici”? Si. L’aceto diluito è un detergente per pavimenti, forno, frigorifero e bagno; il bicarbonato di sodio diluito è dai molteplici usi: sgrassa e assorbe i cattivi odori.Insomma, l’alternativa c’è e costa anche poco! (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Non fumare è possibile

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 settembre 2010

La campagna itinerante si svolgerà in 10 centri commerciali per un totale di 20 giornate. Destinatari sono i bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni e i loro genitori che potranno assistere a spettacoli teatrali con i burattini animati da artisti professionisti.   L’obiettivo è di far loro assimilare i messaggi-chiave della campagna in modo divertente e coinvolgente: Alessio e Sara – i due simpatici burattini protagonisti dello spettacolo – metteranno in scena una esilarante rappresentazione, costruita per trasmettere informazioni attraverso la forma recitata e sensibilizzare così i più piccoli sul fumo e i danni che può provocare. Il programma di questa  campagna contro il fumo è decisamente ricco e interessante e prevede diversi livelli di intervento:
Sono previsti 5 spettacoli al giorno (ore 11:00, ore 12:00, ore 15:00, ore 16:00, ore 17:00). All’inizio e al termine di ogni rappresentazione operatrici qualificate interagiranno con i bambini per dare informazioni, consigli e per testare la comprensione dei messaggi.
Ossia uno spazio formativo e informativo con pannelli illustrativi in cui le operatrici dell’Associazione distribuiscono materiale a carattere divulgativo per adulti e minori e gadget per i più piccoli, un fumetto realizzato appositamente con protagonisti i burattini dello spettacolo; alle famiglie sarà fornito un pamphlet informativo con i suggerimenti degli esperti per favorire il dialogo tra genitori e figli sul tema e  promuovere una corretta conoscenza dei rischi del fumo attivo e passivo.  Sul sito genitori.it è stato aperto uno spazio dedicato alla campagna con possibilità di approfondimenti, per scaricare i materiali informativi e per avere notizie sull’andamento della campagna.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Smettere di fumare si può

Posted by fidest press agency su domenica, 12 settembre 2010

Un corso dedicato a tutti i tabagisti che vogliono smettere di fumare inizierà a Empoli alla fine del mese di settembre e si svilupperà in una decina di incontri a cadenza settimanale. Ad organizzarlo è il Centro antifumo dell’unità operativa farmacotossicodipendenze dell’Asl 11 che metterà a disposizione degli iscritti un medico ed uno psicologo che forniranno loro un programma di cura per aiutarli a raggiungere una condizione di completa astinenza dal fumo. Il tabagismo è la conseguenza di una dipendenza farmacologica dalla nicotina. Il fumatore che seguirà il corso verrà accolto dal medico e poi inserito in un gruppo che sarà condotto da uno psicologo. Il corso, giunto alla sua 44esima edizione, serve a dare ai partecipanti gli strumenti psicologici, comportamentali ed eventualmente farmacologici finalizzati ad un graduale passaggio verso la condizione di astinenza dal fumo. Ma lo strumento principale per abbandonare l’uso delle sigarette è il gruppo stesso, perché attraverso la condivisione e il confronto dei problemi individuali incontrati smettendo di fumare si viene a creare un sostegno reciproco, il cosiddetto auto mutuo aiuto, fondamentale per raggiungere l’obiettivo comune. A distanza di un mese dalla conclusione del corso verrà effettuata una prima verifica dei risultati raggiunti. I risultati sono confortanti visto che circa il 60% delle persone che prende parte al corso alla fine raggiunge la condizione di astinenza. Per la partecipazione al corso è previsto il pagamento di un ticket di 35,00 euro. La sede in cui si terranno gli incontri è quella del Ser.t. in via dei Neri n. 37 a Empoli.
Per informazioni ed iscrizioni al corso è possibile contattare il Centro Antifumo telefonando ai numeri 0571 704600 – 704602 (dal lunedì al venerdì ore 8-17) oppure contattando il numero Urp dell’Asl 11 0571 7051 (dal lunedì al venerdì ore 7.30 – 19.30 e il sabato dalle ore 7.30 alle ore 13).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Smettere di fumare per far tacere la BPCO

Posted by fidest press agency su domenica, 8 novembre 2009

Un nuovo studio, sponsorizzato da Pfizer, dimostra che il 42,3% dei fumatori affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) di grado lieve/moderato che hanno assunto vareniclina (Champix) sono riusciti a smettere di fumare e a rimanere astinenti durante le ultime quattro settimane di trattamento (settimane 9-12) rispetto all’8,8% dei pazienti a cui è stato somministrato placebo. I dati sono stati presentati al CHEST 2009, 75° Convegno annuale internazionale scientifico dei Pneumologi dell’American College (ACCP). Lo studio, multicentrico, in doppio cieco e controllato verso placebo ha coinvolto 499 adulti che avevano fumato in media 10 sigarette o più al giorno nell’anno precedente e fumavano in media da 41 anni e avevano una forte dipendenza dalla nicotina. Il trattamento con vareniclina (n=248) o placebo (n=251), è durato 12 settimane. Alla fine delle 52 settimane, il 18,6% dei partecipanti che avevano assunto vareniclina è rimasto astinente dal fumo, rispetto al 5,6% di quelli che avevano assunto placebo. Gli effetti collaterali più comuni sono stati nausea, attività onirica anomala e insonnia. Gravi effetti collaterali derivanti dalla terapia si sono manifestati nel 2,8% dei soggetti trattati con vareniclina rispetto al 4,4% dei pazienti che hanno assunto placebo. Si è registrato un caso di ideazione suicidaria tra i pazienti in trattamento con placebo e nessuno con vareniclina.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Educazione sessuale nelle scuole

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 luglio 2009

L’educazione sessuale è come quella fisica: una materia scolastica da insegnare ai ragazzi per restare in salute. Per un corretto stile di vita non bere, non fumare, non drogarti, fai movimento, cura l’alimentazione e utilizza sempre metodi contraccettivi sicuri, pillola e preservativo. La Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) non ha dubbi: “In Italia una ragazza su tre non usa alcuna precauzione la sua “prima volta” e il 50% continua a non proteggersi neppure in seguito. Crescono le under 14 che chiedono il ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza (dallo 0,5% del 1995 all’1,2% del 2005) e le malattie sessualmente trasmissibili (MST) sono in forte crescita – sottolinea il presidente Giorgio Vittori –. Distribuire contraccettivi nelle scuole superiori è utile per sensibilizzare i giovani sull’importanza di praticare sesso con responsabilità per salvaguardare la loro salute e anche la fertilità futura. Ma non basta. Per colmare l’ignoranza dilagante servono soprattutto interventi strutturati nelle classi, da parte di medici e psicologi”. L’educazione sessuale in altri Paesi viene da anni insegnata regolarmente nelle scuole: in Germania dal 1970, in Francia dal 1973, in Svezia dal 1956. In Inghilterra, per rispondere all’emergenza di aborti fra le adolescenti, si è pensato di introdurla fin dalle elementari. Ma nel nostro Paese, dove la prima proposta di legge in merito risale al 1910, nessun tentativo è riuscito a raccogliere consensi sufficienti per il varo di una legge nazionale. “La scuola resta il campo più controverso, anche se noi operatori siamo pronti – commenta Emilio Arisi, componente del Direttivo SIGO – . Ci siamo interrogati su questo tema già nel 2007: il 67% degli intervistati nella nostra indagine è favorevole all’introduzione negli istituti superiori italiani di una distribuzione diretta e controllata di contraccettivi, pillola e preservativo, alla presenza di un medico”. È questo il modello utilizzato nei Paesi Bassi (la duplice protezione, il cosiddetto “doppio olandese”), che presentano una delle più basse percentuali di ragazze madri al mondo e sono considerati un esempio da imitare. Ma fra gli attori chiave del processo educativo non va tralasciata la famiglia: “Servono corsi sulla sessualità anche per mamma e papà – spiega la Graziottin -: solo il 40% delle madri delle ragazze nate dall’85 in poi parla di contraccezione con le figlie, appena il 47% dei genitori considera il profilattico sicuro nei confronti delle malattie sessualmente trasmesse, il 52% ritiene la pillola contraccettiva sicura, mentre usata bene lo è al 99,9%. L’81% dei maschi parla di contraccezione, ma soltanto il 4% si rivolge al padre e appena il 3% alla madre (prevalgono gli amici, 59%).

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ddl che vieta vendita di sigarette ai minori

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 giugno 2009

«Tempi rapidi per l’approvazione del ddl che vieta di vendere le sigarette ai minorenni». Ad assicurarlo dal Sanit 2009, IL 6° ffrum internazionale della Sanità che si sta svolgendo a Roma in questi giorni, è il senatore del Pdl Stefano De Lillo, tra i promotori del disegno di legge. «In Italia sono 1.200.000 i giovani che si accostano al fumo tra i 15 e i 24 anni, ben 130.000 di loro hanno tra i 15 e i 17 anni – fa sapere De Lillo – mentre 26% dei ragazzi accende la prima sigaretta prima dei 15 anni e il 58% dei giovani comincia a fumare tra i 15 e i 17 anni. «Questi dati dimostrano la pericolosità e i grandissimi costi sociali che il fumo ha per la popolazione italiana», spiega il senatore del Pdl che assicura su come «il ddl sia condiviso da tutte le forze politiche. I tempi di attuazione saranno quindi rapidi anche perché è stata chiesta l’approvazione in via legislativa, senza quindi passare in aula». «Con questa legge – spiega De Lillo – vogliamo recepire una direttiva dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che estende almeno a 18 anni il limite di fumo. Chiediamo che non sia possibile fumare negli ambiti scolastici, cortili compresi e tutta una serie di altre iniziative per dissuadere e informare soprattutto i giovani che sono i fruitori più deboli».

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »