Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Posts Tagged ‘fundraising’

Convegno: Il Crowdfunding per la cultura tra Fundraising e Marketing

Posted by fidest press agency su sabato, 18 febbraio 2017

crowdfundingRoma, giovedì 23 febbraio 2017- ore 10.00 Associazione Civita, Sala Gianfranco Imperatori Piazza Venezia, 11.Anche grazie all’Art Bonus – misura di incentivazione fiscale introdotta dal Mibact nel 2014 e resa permanente dalla legge di Stabilità del 2016 – si è tornato a parlare nel nostro Paese di mecenatismo culturale. In quest’ambito, si sta delineando un nuovo donatore 3.0 che usa il web come canale per effettuare donazioni, anche di piccole somme, mostrandosi sempre più partecipe alla vita culturale della comunità, un tempo stimolato, in prevalenza, da cause sociali o umanitarie.In tale contesto, oltre al mondo delle produzioni artistiche, anche il settore culturale in senso stretto, tradizionalmente sostenuto dalla mano pubblica e rappresentato in particolare dalle organizzazioni legate alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio, guarda con crescente interesse al crowdfunding: uno strumento capace di coniugare il fundraising con forme di partecipazione e condivisione di progettualità spesso innovative.Metterne in luce le concrete potenzialità, evidenziando tanto gli elementi di forza quanto i fattori critici e di rischio, è l’obiettivo del convegno “Il crowdfunding per la Cultura, tra fundraising e marketing”, promosso dall’Associazione Civita, previsto per giovedì 23 febbraio 2016 alle ore 10.00 presso la Sala Gianfranco Imperatori della stessa Associazione.
Moderato da Marilena Pirrelli, giornalista di ArtEconomy24-Il Sole 24Ore, l’incontro sarà occasione per presentare il volume “Il crowdfunding nel settore culturale e creativo”, realizzato dal Centro Studi dell’Associazione Civita e edito da Marsilio Editori, dedicato al tema del crowdfunding artistico-culturale e volto a diffonderne la conoscenza e la prassi. Sarà distribuita copia del volume edito da Marsilio Editori (foto: Crowdfunding)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fundraising needs a code of ethics, says think tank

Posted by fidest press agency su domenica, 25 ottobre 2015

The UK and US codes of fundraising practice do not adequately address the ethics of fundraising, and should be adapted, says Ian MacQuillin, director of the fundraising think tank, Rogare. Speaking at the Resource Alliance’s International Fundraising Congress (IFC), he said:“There is a lack of clarity around the definition of ‘pressure’. We are proposing a code of ethics that balances the needs of the donor with the needs of the beneficiary.“Ethical fundraising balances the duty of fundraisers to ask for support (on behalf of their beneficiaries) with the right of the public not to be put under undue pressure to donate. It is in this space – the space between the rights of the beneficiary and the rights of the donor and other stakeholders – that ethical decision making frameworks need to be used to determine what amounts to “reasonable pressure”.
“This is not a means by which to justify any fundraising just because it raises more money. It is an attempt to strike a genuine balance – the needs of the beneficiary have been absent from much of the recent public debate about fundraising and we want to address that.In relation to the new the Fundraising Preference Service that has been proposed in the UK: “The risk of not establishing the Fundraising Preference Service is that some people are inconvenienced by receiving too many fundraising requests and some people will feel some kind of guilt about having to decline some, perhaps most, of those requests.“However, the risk of establishing the Fundraising Preference Service is that charities will not be able to raise the money they need to provide services for their beneficiaries and those lives will be seriously inconvenienced.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Worth Wearing, parte dall’Italia la nuova frontiera del fundraising

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 novembre 2014

T-SHIRT_calcio_retroLa nuova frontiera del fundraising è arrivata e parte proprio dall’Italia. Lanciato in questi giorni, Worth Wearing è un innovativo prodotto per il fundraising e il merchandising. L’idea è semplice e innovativa: una piattaforma gratuita per la stampa di t-shirt a sostegno di cause sociali e culturali. “Tutti indossiamo t-shirt e la nostra identità passa anche da come ci vestiamo”, racconta Salvatore Barbera, ideatore del progetto. Toscano nel sangue e una vita dedicata all’attivismo, ha passato 17 anni in Greenpeace tra Amsterdam, Instanbul e l’Italia per poi fondare Latte Creative, giovanissima agenzia dedicata al campaigning e alla comunicazione per le ONG. Worth Wearing è il primo progetto totalmente ideato, sviluppato e realizzato dall’agenzia. “Il nostro sogno è che chiunque abbia un’idea la possa finanziare creando una semplice t-shirt e vendendola sul nostro sito a tutti coloro che credono in quel progetto”. Il team, giovanissimo e internazionale, lavora tra Roma e Bruxelles e ha scelto l’Italia per fare innovazione. La piattaforma permetterà di creare un negozio online per vendere magliette senza alcun costo, aiutando la propria causa con il ricavato ma anche diffondendo il messaggio di una campagna e di un’organizzazione tra i potenziali sostenitori e chiunque condivida quegli ideali. “Ci siamo posti l’obiettivo di creare il sito di riferimento per tutto il merchandising sociale in Italia, dalle grandi ONG ai singoli individui con una buona idea”, dice Silvio Cianciullo, che per Worth Wearing cura il marketing e la logistica. “Un posto per chi voglia comprare una maglietta etica e sostenere una buona causa”. Insomma, chiunque abbia un’idea “worth”, “degna” – sociale, ambientale o personale – può semplicemente “caricare sul sito una grafica, un testo, un’illustrazione da stampare per poi destinare il ricavato delle vendite al finanziamento della propria causa”, aggiunge il Design Director Andrea Pinchi. “Non ci sono costi: caricare il disegno e la grafica della propria campagna non costa nulla”, aggiunge Mara Visinescu, Project Manager di Worth Wearing, arrivata in Italia da Bucarest meno di due anni fa, a 22 anni, con il sogno di unire arte e management al servizio dell’innovazione nel mondo dell’attivismo. “Chi lancia una t-shirt su Worth Wearing ha solo da guadagnarci grazie al sistema di stampa ‘on demand’, guadagnando ogni volta che le magliette vengono comprate dagli utenti”.Worth Wearing nasce da un’intuizione ma anche da un’analisi approfondita del mercato, dell’attivismo e del web. “Vogliamo creare un altro strumento per il campaigning accanto a quelli tradizionali, un nuovo sistema versatile di donazioni tramite magliette che si possa affiancare liberamente agli altri tipi di fundraising già esistenti”, dice Sedef Yilmaer, Web Strategist e creativa. Classe 1990, innamorata di Istanbul, la sua città, Sedef lavora a Roma con Latte Creative da due anni. Il sito è “semplice, innovativo e intuitivo, facilmente accessibile per chi lo usa e per tutti gli attivisti che vorranno acquistare”, aggiunge Angelo Baldicchi, Software Engineer del progetto.“Abbiamo lanciato in questi giorni la nostra campagna di crowdfunding per ottenere gli ultimi fondi per partire e farci conoscere”, spiega da Bruxelles Michela Locati, Digital Copywriter ed esperta di integrazione crossmediale. “Stiamo comunque già cercando i primi soggetti da coinvolgere e vediamo che il progetto riscuote interesse e curiosità. Non solo: il periodo natalizio ormai alle porte è un momento dell’anno favorevole per le ONG e il fundraising. Ecco perché per la campagna di crowdfunding prevediamo per chi dona anche dei “premi” come ad esempio la nostra consulenza in anteprima e speciali set di magliette WW”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »