Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘geneticamente’

Coltivazioni geneticamente modificate

Posted by fidest press agency su martedì, 19 aprile 2011

“Maggiore resa dei raccolti, più guadagni, minore necessità di trattare i terreni. Ma anche vantaggi di carattere ambientale, in termini di risparmio energetico e di minori emissioni, pari a 17,7 milioni di tonnellate di CO2, come se sparissero in un colpo solo 7 milioni di automobili” così Alessandro Sidoli, presidente di Assobiotec – l’Associazione per lo Sviluppo delle Biotecnologie (oltre 120 associati tra aziende e parchi scientifici e tecnologici), che fa parte di Federchimica, a proposito dei risultati del Rapporto appena pubblicato dalla Commissione UE – DG Sanco (Sanità e Consumatori) sulle implicazioni socioeconomiche della coltivazione degli organismi geneticamente modificati, disponibile al link http://ec.europa.eu/food/food/biotechnology/ reports_studies/index_en.htm. “Il rapporto risponde con i fatti a chi mette in dubbio i vantaggi delle coltivazioni geneticamente modificate – prosegue Sidoli. Del resto, la costante crescita di queste coltivazioni nel mondo, che oggi riguardano 148 milioni di ettari, ad opera di oltre 15 milioni di agricoltori in Europa e nel mondo, sono di per sé eloquenti. Con le biotecnologie, infatti, possiamo produrre di più consumando meno la risorsa terra”. “I dati appena resi noti devono far riflettere sul futuro della nostra agricoltura. Ecco perché è importante che in Italia riprenda la sperimentazione di campo di piante geneticamente modificate per rispondere alle concrete esigenze delle varietà tipiche italiane”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Geneticamente Chic”

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 dicembre 2010

Roma Via Georges Sorel Kollatino Underground coreografia per due danzatori ideazione-coreografia: Fabio Ciccalè con la collaborazione di Sara Simeoni con: Sara Simeoni, Fabio Ciccalè musiche originali: Da.Mood costumi: Mariella Visalli aiuto costumi: Daniela Petumia luci: Danila Blasi visual: Nikky  I danzatori attraversano varie tipologie comportamentali: dalla dimensione paradisiaca alla dimensione  giocosa, dalla violenza all’aggressività. Vivono le ansie della vita contemporanea che inevitabilmente trascina nel vortice affannoso dell’apparire, del sembrare, del competere, del vincere, dimenticando di essere naturalmente geneticamente chic senza bisogno di orpelli, additivi, trucchi.
Può la genetica essere portatrice di eleganza? Può il dna essere chic? Sebbene la genetica giochi un ruolo importante nel determinare l’aspetto ed il comportamento dell’individuo, è la sua interazione con l’ambiente a determinarne l’aspetto complessivo. Il bisogno estremo di essere accettati socialmente e quindi il più possibile simili esteticamente al nostro gruppo di appartenenza, ci fa dimenticare che l’espressione di un viso e la sua morfologia riflettono la sua vera bellezza e seduzione, e che la bellezza non è un fatto assoluto, ma legato al proprio ambiente storico-sociale.  Ed alla fine il triste risultato è che senza la nostra unicità anche noi, e non solo  il Principe, non ci riconosciamo più. Posto unico 10 euro (ciccalè)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Organismi geneticamente modificati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 dicembre 2010

«La posizione recentemente assunta dall’Accademia pontificia delle Scienze sulla ricerca degli Organismi Geneticamente Modificati è un passo avanti per iniziare a trattare in maniera non pregiudiziale e rigorosa sul piano scientifico questa materia. Gli OGM – sostiene l’Accademia – non costituiscono un pericolo e non comportano rischi diversi da quelli convenzionali. L’Accademia – si legge in alcuni quotidiani –  ragiona sul loro potenziale per lo sviluppo dei paesi poveri, invitando la società a riconoscere “i danni dimostrabili” che l’opposizione burocratica alle biotecnologie infligge ai poveri. In Italia il dibattito è pressoché fermo. Siamo in un momento in cui la ricerca sugli OGM è in fase di stallo, proprio perché il confronto non è scevro dai pregiudizi e dalle ideologie. Occorre che questi ultimi siano messi al più presto da parte, affinchè alcuni problemi come la fame e la povertà possano trovare nella scienza anche solo una parte della soluzione». Così Ernesto Carbone, coordinatore del Forum Agricoltura del Partito Democratico, dal sito di TrecentoSessanta, l’Associazione che fa riferimento a Enrico Letta.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piante geneticamente modificate

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 marzo 2010

Dichiarazione di Giorgio Ferrero  (Responsabile Dipartimento Agricoltura PD Piemonte). La recente decisione dell’Unione europea di sdoganare la coltivazione di piante geneticamente modificate sta creando molta apprensione tra gli agricoltori piemontesi per la ricaduta negativa che potrebbe avere un comparto già pesantemente provato dalla crisi globale.  Chi conosce la realtà agricola della nostra Regione sa che l’unica via di uscita per il futuro è puntare sulla qualità e sull’identità delle produzioni. La coesistenza tra colture Ogm e tradizionali in Piemonte è impossibile  per la natura frammentata delle nostre proprietà che rende inevitabile la contaminazione per impollinazione di specie simili (per esempio il mais). Sarebbe poi altrettanto grave se il Piemonte compromettesse la propria immagine di Regione di grandi produzioni di qualità, ponendosi alla stregua dei Paesi  sudamericani o asiatici che certo non possono vantare il nostro patrimonio e la nostra tradizione agroalimentare.  Nell’elenco delle associazioni che sostengono le Regioni libere da Ogm troviamo le più importanti organizzazioni di rappresentanza del mondo agricolo (Coldiretti, Cia, Acli terra, Confcooperative, Lega Coop), dell’artigianato (Confartigianato e Cna) nonché tutte le associazioni dei consumatori e quelle ambientali, compresa naturalmente Slow Food che vede impegnato su questa battaglia in prima persona il suo Presidente internazionale Carlin Petrini.  In quell’elenco non troviamo presenti le Regioni governate dal centrodestra, in particolare quelle dove la Lega è determinante, ovvero la Lombardia ed il Veneto. Un’assenza che non ci stupisce affatto, poiché coerente con la politica dei ‘proclami senza fatti conseguenti’ di cui il Ministro Zaia è tra i principali interpreti.  Quindi, è bene essere consapevoli che solo la riconferma di Mercedes Bresso alla guida della Regione Piemonte può garantire la salvaguardia del territorio piemontese: lo ha dimostrato con i fatti e continuerà a farlo come conferma il programma di governo della coalizione di centrosinistra.  Su questi grandi temi, come ci ha ricordato quest’oggi Giorgio Calabrese, è necessario che la politica non ceda alla pressione di lobby  economiche internazionali ed attenda un pronunciamento certo del mondo scientifico,  per non incappare in possibili gravi conseguenze per la salute umana e quella dell’ambiente.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »