Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘geografica’

L’Italia da Roma in giù

Posted by fidest press agency su domenica, 29 agosto 2010

Come possiamo chiamarla? Meridione o Sud? Sta di fatto che è un’espressione geografica ben distinta e che in un passato recente ha avuto il suo Regno delle due Sicilie” sotto la maestà dei Borboni. Ora, dopo essere passata dal Regno Sabaudo, è una repubblica. I nostri padri dissero: l’Italia è fatta ora resta da fare gli italiani. Ora gli italiani sono fatti ma sono rimasti con l’amaro in bocca. Chi si lamenta che il Nord deve anche supportare le passività del Sud ha pensato bene d’inventarsi persino un partito: la Lega nord. Il Sud, a sua volta, sta lì a guardare i tanti e autorevoli consulti che generazioni di classi politiche hanno richiesto per il suo rilancio e continua a sperare a dispetto del detto: chi di speranza vive disperato muore. Quella del Sud appare tanto una macchina che sa andare solo in folle. Non riesce ad ingranare nessuna marcia perché i tanti tecnici che chiama alzano il cofano, guardano dentro ed invece di metterci le mani si limitano a dotte concioni su quello che potrebbe essere il guasto e alla fine sono così infervorati che dimenticano la ragione della loro presenza. E’ questo quanto accade ai circa 400 movimenti che si richiamano al Sud e che vorrebbero, ognuno per conto proprio, avere il tocco geniale della rinascita meridionalista ma ciò che fa loro difetto è che lo dicono solo a parole e si sa “verba volant…”. Possibile, ci chiediamo, che dopo questo tornado di dotte concioni, di illustri rappresentanti della cultura e della politica che hanno sviscerato i mali e indicato i possibili rimedi per questa terra generosa e trascurata, nessuno è riuscito a trarne una risposta adeguata nel fare qualcosa di costruttivo? Possibile che continuiamo ad affidare solo ai sogni il futuro di queste terre? Lo facciamo con il ponte sullo stretto di Messina che se va bene lo vedremo svettare tra una quindicina di anni. E nel frattempo? Continueremo con linee ferrate e treni che hanno fermato la loro storia evolutiva ad almeno 50 anni fa. Qualcuno, a questo punto, sussurra al nostro orecchio: ci vorrebbe un Berlusconi del Sud. E’ evidentemente un indicativo di uno stile comportamentale che oggi fa difetto al Sud e suona persino come una beffa se si pensa ai tanti meridionali che ricoprono cariche istituzionali importanti eppure sono incapaci di determinare una svolta efficace alla loro area di riferimento, non per prevaricare ma per equilibrare. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »