Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘gesù bambino’

Natale 2016: i papà e Gesù Bambino i grandi esclusi

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 dicembre 2016

presepe di saleUn’indagine Doxa Kids, commissionata da Groupon e realizzata intervistando parallelamente un campione di adulti ed uno di bambini, rivela come vivranno genitori e figli questo Natale, tra preparativi, tradizioni e aspettative.Iniziando dai preparativi, i genitori coinvolgono i bambini soprattutto decorando l’albero (91%) e la casa con luci, candele e statuette (80%). Il presepio arriva solo al terzo posto (70%). I bambini inoltre, soprattutto tra gli 8 e i 10 anni, non possono dire che è Natale senza aver preparato la letterina con i propri desideri (64%, percentuale che arriva all’85% considerando solo i bimbi tra gli 8 e i 10 anni). Prerogativa sopratutto delle bambine è anche aiutare la mamma a preparare latte e biscotti per Babbo Natale e le sue Renne e cucinare il pranzo di Natale (36%).
I genitori ci tengono a mantenere il più possibile la magia del Natale: la maggior parte degli intervistati (46%), soprattutto chi ha bimbi tra gli 8 e i 10 anni (55%), afferma che non rivelerà mai ai figli la non-esistenza di Babbo Natale, finché non lo scopriranno da soli. Il 26% dei genitori pensa che i propri figli fingano di crederci per i fratelli e i cugini più piccoli, mentre solo il 22% pensa che i propri figli non ci credano più e non fingano nemmeno di crederci, soprattutto i genitori dei figli tra gli 11 e i 13 anni (35%). C’è anche un 13% di genitori che pensa che il figlio finga di non sapere che Babbo Natale non esiste solo per avere più regali. Ma chi li porta i regali di Natale? Il 75% dei bambini tra gli 8 e 10 anni non ha dubbi: Babbo Natale.
Parlando invece di regali che i bimbi vorrebbero sotto l’albero, sono quasi tutti concordi su fatto che siano giocattoli, e possibilmente più di uno (51%); soprattutto per i bambini dagli 8 ai 10 anni (65% vs 38% dei bimbi tra gli 11 e i 13). Tra i giocattoli stravincono le console e i videogiochi (30%), soprattutto tra i bimbi più grandi (39% tra gli 8-10 anni vs 22% tra gli 11-13 anni) e maschi (43% vs 18% femmine); mentre tra i più piccoli hanno ancora successo i giochi di costruzione (19% tra gli 8-10 anni vs 6% tra gli 11-13 anni), secondi in classifica. In terza posizione, con in media l’8% di preferenze, troviamo i giochi da fare all’aperto. Solo quarti nella preferenza generale (7%) ma ancora amati dalle femmine, i prodotti per disegnare e colorare (12% femmine vs 2% maschi) e le bambole, i peluche e i pupazzi (13% femmine vs 1%maschi). Scompaiono quasi totalmente macchinine, trenini e aeroplani (solo 1% di preferenze).
Dopo i giocattoli, in seconda posizione tra i regali che vorrebbero ricevere, troviamo smartphone, tablet o PC (43%), soprattutto per i bimbi più grandi (47% vs 39% dei bimbi più piccoli). In terza posizione, a pari merito (26%) una gita giornaliera con tutta la famiglia in parchi divertimento, acquari, zoo, etc. e un animale domestico; entrambi i regali sarebbero i preferiti soprattutto dalle femminucce ( 31% vs 22% e 30% vs 22%). I libri vengono solo in quinta posizione (20%), anche questi preferiti soprattutto dalle bambine (25% vs 15%).
Per quanto riguarda il tema costi, i genitori affermano di voler spendere in media 271 euro per tutti i regali di Natale, di cui 83 euro solo per il figlio.
Ma Natale non è soltanto ricevere, è anche donare! E i bambini si dimostrano molto generosi. L’81% degli intervistati ammette che cederebbe un proprio regalo ai genitori (di questi il 53% lo farebbe sicuramente), e i più generosi si dimostrano i maschi (85% vs 78%). Se andiamo nel dettaglio però, scopriamo che chi, secondo loro, si merita più regali è soprattutto la mamma (43%). E il papà? Viene solo in terza posizione e a grandissima distanza! Solo l’11% lo considera il più meritevole di un regalo, seguito a breve distanza da fratelli e sorelle (7%) e dai nonni (5%).
Anche sui regali che farebbero a mamma e papà i bambini hanno le idee abbastanza chiare. Per la mamma indubbiamente una vacanza, che con il 40% delle preferenze è in testa alla classifica: forse i figli ne percepiscono un forte bisogno per rilassarle i nervi? Seguono tutti oggetti per soddisfare vanità ed estetica, dai gioielli (17%), ai vestiti (16%), a scarpe e borse (15%).
Per il papà invece troviamo in testa la macchina (32%), una vacanza (30%) e, a pari merito, prodotti tech (come smartphone, computer e tablet) e biglietti per partite di calcio (20%).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Che fine ha fatto Gesù Bambino?

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 novembre 2010

Perugia 4 dicembre 2010. L’ora “X” è scoccata e c’è chi è già sulle tracce del “nostro” infante smarrito: l’Associazione Amici del Presepe di Città di Castello assicura che, prima del 25 dicembre, gli italiani, e il resto del mondo, potranno avere notizie certe su Gesù Bambino e, allo scopo, dà appuntamento alla “XI Mostra Internazionale dell’Arte Presepiale”, che, nella Cattedrale del paese perugino, dal 4 dicembre 2010 al 10 gennaio 2011, sarà il quartier generale  della campagna per il “ritorno al Natale della nostra tradizione” (però con un quid moderno).  Per la magica atmosfera della Festa più bella dell’anno, bambinello e presepe possono benissimo convivere con Babbo Natale e l’abete agghindato, ma i primi due non dovrebbero essere dimenticati e sostituiti con i secondi, che non appartengono alla nostra storia. Per scongiurare l’abbandono totale della nostra tradizione, l’Associazione  tifernate chiama a raccolta tutti gli uomini, e le donne, di buona volontà perché s’impegnino a far tornare Gesù Bambino e il presepe come rappresentanti del Natale all’italiana.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »