Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Posts Tagged ‘ghiaccio’

Libro: Il leopardo dagli occhi di ghiaccio

Posted by fidest press agency su domenica, 18 luglio 2021

Sulle tracce di grandi carnivori e altri animali di Sandro Lovari, dal 15 luglio in libreria e sullo store online del Cai. Il saggio, che vede al centro la montagna e la conoscenza della sua fauna, inaugura la serie “Tracce”, edita da Laterza con la collaborazione del Club alpino italiano. Colpito dal fascino di questo fantasma delle impervie montagne asiatiche, l’autore, uno dei più importanti etologi italiani, ne ha studiato per un decennio l’ecologia e il comportamento. Ha seguito le sue tracce dal Parco Nazionale del Monte Everest in Nepal a quello del Karakoram Centrale in Pakistan, svelando gli aspetti enigmatici della sua vita, le sue prede e i rapporti con le popolazioni locali. Il risultato è un resoconto appassionante, testimonianza di una delle imprese scientifiche che ha cambiato il modo in cui guardiamo le altre specie animali.Scopriremo come possono convivere tigri, lupi, leopardi delle nevi e anche elefanti, tra loro e con l’uomo. Con sottile ironia e senso dell’umorismo, questo diario di viaggio permette di vivere l’avventura sul campo, svelando antefatti e retroscena inaspettati, avvicinandoci agli animali delle più remote regioni e rendendo comprensibile il loro comportamento, soprattutto alla luce dell’attuale crisi climatica.«Vivere nella terra, pur inospitale, dei leopardi delle nevi è stata un’esperienza meravigliosa», commenta l’autore. «Condurre studi a quelle altitudini richiede motivazione e capacità di adattarsi alle rigide condizioni ambientali, ma l’arcana bellezza della montagna e delle sue creature induce alla meditazione e gratifica: è soprattutto quando sono lì che mi sento vivo».«Il leopardo dagli occhi di ghiaccio è un testo avvincente che trasporta il lettore nelle catene dell’Himalaya e del Karakoram», afferma il presidente del Centro operativo editoriale del Cai Alessandro Pastore. «Il libro fonde il resoconto di indagini naturalistiche e il diario di viaggio, mettendo al centro della narrazione un affascinante esemplare della fauna selvatica d’alta quota. La scienza si fa vivace racconto che mostra la capacità di sopravvivenza di una specie animale in un habitat severo e inospitale».Il libro è disponibile in libreria a un prezzo di 18 euro. Sullo store online del Club alpino italiano i Soci potranno acquistarlo a prezzo scontato. Sandro Lovari è stato ricercatore presso le università di Cambridge, Groninga, Stoccolma, Žilina e Pechino e professore ordinario di Zoologia all’Università di Siena e in altre università italiane, dove ha insegnato Ecologia comportamentale, Etologia e Biologia della conservazione. Attualmente è professore emerito presso il Museo di Storia Naturale della Maremma (Grosseto).

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Estensione minima del ghiaccio marino

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 settembre 2020

GP1SUBFR

Il National Snow and Ice Data Centre ha comunicato poche ore fa il dato relativo al 2020 dell’estensione minima del ghiaccio marino artico, pari a una superficie di 3,74 milioni di chilometri quadrati, probabilmente raggiunta il 15 settembre. L’estensione misurata quest’anno è la seconda più bassa mai registrata. Il ghiaccio marino dell’Artico ha già perso due terzi del suo volume e negli ultimi decenni l’estensione dei ghiacci marini è diminuita costantemente.”La rapida scomparsa dei ghiacci marini è un chiaro segnale di quanto il nostro Pianeta sia in pericolo. Con lo scioglimento dell’Artico, l’oceano assorbe più calore e tutti noi diventiamo più esposti agli effetti devastanti dell’emergenza climatica”, commenta Laura Meller della campagna Oceani di Greenpeace Nordic, in questo momento a bordo della nave Arctic Sunrise, impegnata in una spedizione proprio tra i ghiacci marini dell’Artico.«La calotta artica è un oceano ghiacciato che ha urgente bisogno di protezione e i leader mondiali devono comprendere il ruolo degli oceani nell’affrontare la crisi climatica», continua Meller. «Oceani sani sono cruciali per alcune delle popolazioni più emarginate del mondo, che subiscono l’impatto della distruzione degli ecosistemi marini e dei cambiamenti climatici. Dobbiamo cambiare subito il nostro modo di prenderci cura l’uno dell’altro e del nostro Pianeta. Dobbiamo proteggere almeno il 30 per cento dei nostri oceani entro il 2030 anche per far fronte alla crisi climatica», conclude.Oceani sani contribuiscono a ridurre gli impatti della crisi climatica, tenendo il carbonio al di fuori dell’atmosfera in modo sicuro. Proteggendo almeno il 30 per cento degli oceani con una rete di santuari, gli

GP04B88

ecosistemi marini possono diventare più resilienti e resistere meglio ai rapidi cambiamenti climatici. Gli scienziati hanno identificato l’Artico come una delle aree prioritarie che necessitano di protezione come parte di una rete globale di santuari oceanici, data la sua vitale importanza per la stabilità del clima.La nave di Greenpeace Arctic Sunrise – con a bordo un equipaggio di scienziati e attivisti – è in questo momento nell’Artico per documentare il livello minimo del ghiaccio marino e studiare la vita marina della regione. La spedizione in corso coincide con il Summit delle Nazioni Unite sulla Biodiversità, durante il quale la protezione dell’ambiente marino dovrebbe essere al centro dei colloqui sulla tutela della biodiversità. (foto copyright Ufficio stampa Greenpeace Italia)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: pista di pattinaggio sul ghiaccio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 10 gennaio 2018

pista pattinaggioRoma. Nella meravigliosa cornice di uno dei luoghi più visitati e apprezzati del centro di Roma, riapre i battenti fino al 13 febbraio, nella sua originaria location che l’ha resa unica dal 2001, la manifestazione ‘Natale a Roma’, ideata e organizzata dall’associazione ‘Il Faro’.
Grazie all’ospitalità del Municipio I e della Sovraintendenza di Roma, è stato possibile allestire in una delle aree più suggestive del centro storico una pista di pattinaggio sul ghiaccio che si sviluppa su circa 800 mq e che, pattini ai piedi, allieterà queste giornate di festa, ma anche oltre, a famiglie, ragazzi, ma anche agli innumerevoli turisti che ogni giorno pista pattinaggio1passeggiano lungo le storiche strade della Capitale. In continuità con l’esperienza pluriennale nell’ambito dell’ideazione e gestione di eventi a grande partecipazione pubblica, con le sue 50.000 presenze circa rilevate nelle precedenti stagioni, e nel rispetto della tradizionale magia natalizia, la manifestazione ospiterà anche in questa edizione 2017/2018 un calendario di appuntamenti: esibizioni di pattinatori professionisti e tanti momenti di gioco e di intrattenimento per i più piccoli; nondimeno sarà luogo di partecipazione per alcune iniziative di solidarietà, realizzate in collaborazione con le associazioni territoriali. La manifestazione resterà aperta tutti i giorni dalle ore 10,00 alle ore 24,00. Il costo del biglietto intero è di 10,00 €, per i bambini al di sotto dei 14 anni e accompagnati il costo è di 8,00 €. Tutte le informazioni sul sito internet http://www.natalearoma.it(foto. pista di pattinaggio)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pesce: con il caldo va comperato sotto ghiaccio

Posted by fidest press agency su domenica, 21 luglio 2013

Con questo caldo il pesce fresco va comperato solo se e’ sotto ghiaccio. Un consiglio a tutti i consumatori per evitare spiacevoli disturbi intestinali. Il pesce, come peraltro altri tipi di carne, e’ decomposto dai microrganismi, dagli enzimi contenuti nel pesce stesso e dall’azione della luce e dell’ossigeno. E’ noto a tutti che il caldo favorisce la moltiplicazione dei batteri e delle muffe, meno noto e’ che al processo di decomposizione partecipano la luce e l’ossigeno che ossidano (irrancidiscono) facilmente i grassi insaturi contenuti nella carne e gli enzimi, i quali, proprio perche’ il pesce e’ un animale a sangue freddo e vive in mare al “fresco”, sono attivi anche a temperature di 10 gradi centigradi, condizioni termiche che si superano facilmente in questi giorni. Il pesce che e’ venduto, soprattutto nei mercati rionali, e’ esposto alla vendita con poco o punto ghiaccio e questo lo porta al rapido deterioramento perche’ vi concorrono tutti glielementi responsabili dell’alterazione: microorganismi, enzimi, luce e ossigeno. Occorre, quindi, che il pesce sia letteralmente sommerso dal ghiaccio al fine di rallentare la moltiplicazione dei microrganismi, rendere piu’ lenta l’attivita’ enzimatica e ridurre l’esposizione alla luce e all’ossigeno. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autovie venete: Ghiaccio e neve sotto controllo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 novembre 2011

Border between Friuli-Venezia Giulia and Venet...

Image via Wikipedia

Oltre 1 milione e 300 mila euro l’investimento medio annuale di Autovie Venete per gestire la viabilità invernale. E’ una vera e propria “macchina da guerra” quella che Autovie Venete mette in campo per mantenere l’autostrada in condizioni di essere percorsa, d’inverno, anche in caso di ghiaccio o neve. Sedici spargisale (usati per prevenire la formazione di ghiaccio), 14 autobotti (entrano in azione per garantire una migliore rimozione della neve) e 72 lame (puliscono il manto stradale dalla neve) sono i mezzi utilizzati, mentre il “fattore umano” è costituito da una serie di squadre (un responsabile operativo, sei manutentori e altrettanti assistenti) che intervengono a chiamata. Un software dedicato, gestito dalla Centrale Radio Operativa o dal personale in servizio per la viabilità invernale, seleziona in automatico chi deve intervenire a seconda della zona territoriale interessata, utilizzando i numeri di telefono di una mailing list dove sono riuniti i diversi referenti, delle ditte che supportano la Società in questo servizio. Effettuati sempre di notte (durante il giorno il forte flusso di traffico presente sulla rete non reggerebbe la presenza di mezzi che procedono a 40 all’ora), gli interventi preventivi sono attivati sulla base di accurate previsioni meteorologiche. Alla rete di 11 postazioni fisse che rilevano temperatura, grado di umidità e vento, da quest’anno, a disposizione dei Servizi Manutentivi, si affianca un nuovo programma informatico che elabora, utilizzando sofisticati modelli matematici, i dati rilevati dalle stazioni meteo del Friuli Venezia Giulia e del Veneto. I due strumenti, integrati fra loro, hanno un elevato grado di attendibilità e quindi consentono di svolgere un efficace lavoro di prevenzione soprattutto per quanto riguarda la formazione di ghiaccio. In caso di precipitazioni nevose (prevedibili, ma non eliminabili…) entrano in azione le “lame sgombraneve”, operanti in formazioni da 3, dette “treni di lame”: il mezzo operativo che precede gli altri in corsia di sorpasso rimuove la neve e la deposita alla propria destra, dove sopraggiunge dapprima il mezzo operativo in corsia di marcia e successivamente quello in corsia di emergenza, fino all’allontanamento completo dalla carreggiata di tutta la neve depositata. Il servizio è operativo dal 15 novembre al 15 marzo (sempre che le condizioni meteo non richiedano una proroga) e comporta un investimento di non poco conto. Premesso che la sicurezza non ha prezzo e che il costo è strettamente collegato con il numero di trattamenti effettuati, lo scorso inverno Autovie Venete, ha impegnato oltre 1 milione e 300 mila euro.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Decima edizione di Ice Master

Posted by fidest press agency su lunedì, 3 gennaio 2011

Valle Di Daone (Trentino) La decima edizione di Ice Master della Valle di Daone porta con se’ una grandi novita’. Dal 2011 la celebre gara di Coppa del mondo di arrampicata su ghiaccio si disputa infatti per la prima volta su una struttura fissa, costruita durante l’estate in località Limes, ad alcune centinaia di metri rispetto da quella, mobile, utilizzata negli scorsi anni nel celebre anfiteatro di Pracul. Per la struttura di gara – una costruzione in gabbie tubolari fissata su tre blocchi di cemento armato rivestite di plastica verde riciclata per inserirsi al meglio nel contesto paesaggistico – i volontari sono al lavoro per allestire gli ultimi ritocchi al percorso ghiacciato, sotto la supervisione dell’ing. Maurizio Gallo. Un tracciato a mezzaluna, molto tecnico, che presenta pendenze e un grado di difficoltà maggiori, al quale saranno aggiunti negli ultimi giorni a ridosso della gara, alcuni “blocchi” di ghiaccio di forma cilindrica, lunghi 3 metri e dal diametro di circa 70 cm, realizzati in speciali celle frigorifere. Struttura nuova dunque, affidata ad una squadra di tracciatori collaudata, e – si può dire senza tema di smentita – uno dei team più competenti al mondo per gare di questo tipo.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autovie venete: Ghiaccio in arrivo

Posted by fidest press agency su domenica, 5 dicembre 2010

Quasi cento metri cubi di cloruro di sodio (una soluzione di acqua e sale al 15%), sparsi su tutta la rete autostradale gestita da Autovie Venete. Il trattamento, effettuato nella notte fra sabato 4 e domenica 5 dicembre per prevenire la formazione di ghiaccio. Allertate dalle previsioni metereologiche, le squadre formate dagli ausiliari della Concessionaria, dagli operai della manutenzione e dal responsabile operativo del servizio, hanno coadiuvato l’attività delle ditte esterne incaricate del servizio. L’intervento, pianificato già da due giorni grazie ai dati forniti dalle centraline meteo distribuite lungo tutta l’autostrada, prevede infatti, oltre al caricamento delle cisterne, la scorta ai mezzi spargisale che percorrono la rete. Sempre più sofisticate e precise, le stazioni metereologiche sono distribuite in posizione strategica e forniscono indicazioni attendibili già 48 ore prima che l’evento meterologico si manifesti. Posizionate a Mestre, sul Ponte sul Piave tra san Donà e Roncade, all’altezza del Ponte sul Tagliamento fra Latisana e Portogruaro, sul Ponte sull’Isonzo fra Villesse e Redipuglia, a Lisert (Ts), a Sistiana (Ts), a Udine, a Villotta (Ud), e in corrispondenza del Ponte sul Livenza, sono in grado di effettuare una vasta gamma di rilevazioni.  Registrano la consistenza della nebbia e la  visibilità da 0 a 500 metri; la temperatura dell’ aria e  del suolo, il punto di congelamento,la formazione di condensa sul terreno (un elemento di forte pericolosità perché fa scivolare le vetture), il vento (direzione e velocità) e la formazione di ghiaccio. I dati rilevati consentono di individuare tempestivamente le eventuali situazioni di crisi e di mettere quindi in atto, in presenza di formazioni ghiacciate o precipitazioni nevose, gli interventi più adatti a rendere sicura la viabilità. Il trattamento preventivo, in mancanza di precipitazioni piovose, mantiene a lungo la sua efficacia, mentre se piove, viene ripetuto. Già pianificata anche l’operatività della Concessionaria in caso di neve. Le “lame” (quella parte del mezzo deputata a spalare la neve) sono state posizionate in apposite aree di stoccaggio, distribuite ogni due caselli, per rendere più veloce l’intervento dei mezzi che, privi di questa parte, raggiungono rapidamente la postazione, agganciano la lama e partono per la pulizia delle carreggiate.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Ötzi: l’uomo venuto dal ghiaccio”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 ottobre 2009

Camerino, 22 ottobre, con inizio alle ore 16.00 Università di Camerino Polo museale. E’ un interessante workshop sulla mummia di Similaun dal titolo “Ötzi: l’uomo venuto dal ghiaccio”. All’incontro, promosso dal Polo Museale dell’Università di Camerino nell’ambito della mostra “Sulla rotta del Beagle, in viaggio con Darwin alla scoperta della teoria evolutiva”, parteciperanno come relatori il Prof. Franco Ugo Rollo, docente della Facoltà di Scienze e Tecnologie Unicam, il Prof. Albert Zink e il dott. Marco Samadelli di EURAC, il Museo Archeologico dell’Alto Adige di Bolzano.  La mummia del Similaun, nota anche come Ötzi, è un reperto antropologico scoperto il 19 settembre 1991 sulle Alpi Venoste (ghiacciaio di Similaun) al confine fra Italia e la Valle del Tirolo Austriaco Ötztal. Si tratta del corpo di un essere umano di sesso maschile conservatosi grazie alle particolari condizioni climatiche prodottesi all’interno del ghiacciaio.   La mummia è stata oggetto di approfondite ricerche da parte del Prof. Rollo, che ritiene che probabilmente Ötzi possa rappresentare il “capolinea” di un gruppo di esseri umani estinti. In seguito ad analisi sul DNA mitocondriale del corpo mummificato, è risultato, infatti, che il ceppo genetico dell’uomo di Similaun risulta non più presente a livello mondiale.  L’incontro è rivolto a studenti universitari e degli istituti superiori, nonché alla cittadinanza e a quanti sono interessati ad approfondire la conoscenza di questo particolarissimo argomento.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »