Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘giorgia meloni’

Meloni: “E’ il governo più a sinistra della storia repubblicana”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 settembre 2019

«Da un anno e mezzo la destra vince tutte le elezioni ma oggi ci ritroviamo il governo più a sinistra della storia repubblicana. E la chiamano democrazia! Il Governo Conte bis è il perfetto prodotto di un’orrenda spartizione di poltrone e di una tragica, consapevole, sottomissione ai diktat dell’Unione Europea e della BCE. Il M5S si accontenta di placare la sua fame di poltrone aumentando i ministeri e mantenendo il dicastero del Lavoro per poter fare propaganda con provvedimenti inutili come il reddito di cittadinanza, ma lascia tutto il vero potere nelle mani del Pd, un partito che gli italiani hanno ripetutamente e sonoramente bocciato in tutte le competizioni elettorali. A partire dall’economia fino ad arrivare all’immigrazione, questo governo farà l’esatto contrario di ciò che la maggioranza degli italiani chiede ma in compenso le consorterie di mezza Europa stanno già festeggiando. Invitiamo tutti gli italiani che vogliono difendere la sovranità e la democrazia delle nostre Istituzioni a scendere in piazza insieme a noi. L’appuntamento è per lunedì 9 settembre alle ore 11: Fratelli d’Italia sarà in Piazza Montecitorio per protestare con tutti gli italiani liberi che vogliono dire no al patto delle poltrone e chiedere libere elezioni».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Che succede se Salvini dopo il voto non ha i numeri per governare da solo?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 agosto 2019

“Per come la vedo io, le alleanze si fanno prima delle elezioni, non dopo. Non ripetiamo gli errori che hanno generato questo governo. Io dico che chiarirò le alleanze prima delle elezioni, è un segno di rispetto nei confronti dei cittadini. Anche perché dopo il voto può accadere di tutto, e rischiamo di tornare al punto di partenza. Anche per questo considero la possibilità di una corsa in solitaria una opzione prevalentemente giornalistica. Forza Italia? Bisogna parlarne. Le posizioni non sono ancora chiare. Avevamo chiesto delucidazioni: non sono arrivate. Anzi mi pare che Silvio Berlusconi, lanciando l’Altra Italia, si stia dedicando a prendere le distanze dalla destra, più che dalla sinistra».Lo dice in un’intervista al quotidiano “La Verità” il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.«Un governo di ‘garanzia, elettorale o per le riforme’? Sarebbe scandaloso, uno schiaffo per la democrazia. Bisognerà vigilare. Qualcuno potrebbe utilizzare il periodo estivo per prendere tempo e inventarsi giochi di palazzo. Non si capisce perché dovremmo formare un governo che resti in carica solo qualche mese: servirebbe solo ad assicurare la poltrona a chi teme di non essere rieletto o magari consentirebbe a certi poteri che non nulla hanno a che fare con la sovranità popolare di dettare legge. Si può votare in tempi rapidi e dalle urne uscirebbe una maggioranza chiara a sostegno di un governo solido. Con forze politiche che vantano grandi convergenze programmatiche. Sono convinta che questo nuovo governo sarebbe pronto a durare cinque anni. In questa campagna elettorale insisteremo soprattutto sull’economia. Spiegheremo la nostra ricetta economica di stampo trumpiano: choc fiscale, investimenti pubblici, difesa delle aziende tricolore. Mi piacerebbe tornare a parlare di miracolo italiano».«Ad Atreju, che torna a Roma dal 20 al 22 settembre, daremo voce a quell’Italia che guarda verso il cielo e pensa ancora in grande e non crede di essere all’ultima spiaggia. Insomma, rispolveriamo un po’ di orgoglio nazionale», conclude Meloni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Governo sovranista Lega-FdI?

Posted by fidest press agency su domenica, 28 luglio 2019

“Come si sa io lavoro per questo scenario e non ne ho fatto mistero. È sotto gli occhi di tutti che se oggi si andasse a votare, con i numeri che si profilano ci sarebbero un’altra maggioranza e un governo capace di durare cinque anni, coeso, compatto e sostanzialmente d’accordo sulle grandi questioni. A me sfugge perché si preferisca stare al governo con qualcuno che, come si vede ogni giorno, è distante anni luce dalle nostre idee invece che gettare il cuore oltre l’ostacolo e raccogliere quest’occasione che è storica. Speriamo che accada nei prossimi mesi, noi di FdI siamo pronti”.
Lo ha detto interpellata dai giornalisti a Cerea (Verona) il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.
“A Forza Italia ho posto dei problemi politici di posizionamento, perché non si possono prendere i voti nel centrodestra per poi portarli in accordi col centrosinistra – ha spiegato – Ho posto questo tema anche alle elezioni europee e mi hanno detto che non sarebbe più accaduto, poi abbiamo visto Forza Italia sostenere la candidatura di un esponente del Pd alla presidenza del Parlamento europeo. Questi dunque sono nodi che per ora non sono sciolti”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo, Meloni a il Messaggero: L’unica scelta possibile è voto subito

Posted by fidest press agency su domenica, 21 luglio 2019

«Non credo che Salvini abbia paura del voto ma del non voto. Siccome la certezza di andare alle urne non c’è e la decisione non dipende da lui, teme che ci possano essere delle alternative. Comprendo la sua prudenza ma penso che occorra andare subito a votare. In caso di elezioni, avremo una maggioranza eletta dagli italiani, compatta e schiacciante. Gli scenari alternativi al voto sono tutti preoccupanti e sono tre: il primo è che resti questo governo che non può dare risposte ai problemi. Il secondo è un governo Pd-m5s e il terzo addirittura un governo tecnico sostenuto da una sorta di patto del nazareno allargato ai grillini. La versione italiana dell’alleanza che ha votato la Van Der Leyen. Quello schema è quanto di più lontano possa esserci dalla volontà popolare degli italiani». Lo ha detto in una intervista al Messaggero il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.
le elezioni subito «Farebbero chiarezza. Bisogna votare, fare una legge di bilancio targata Lega e FdI, che dia risposte ai problemi economici del Paese, tagliando le tasse e dicendo basta alla fregature modello reddito di cittadinanza. Noi e la Lega da soli abbiamo già una maggioranza importante. E con Forza Italia restano molte cose da chiarire. Il Patto del Nazareno europeo conferma tutte le nostre preoccupazioni su quel partito che ha sostanzialmente sostenuto uno del Pd alla guida dell’Europarlamento», ha spiegato Meloni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fratelli d’Italia ingrana la marcia

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 giugno 2019

“Il risultato elettorale delle europee, seppur straordinario per le condizioni di una forza politica come Fratelli d’Italia che non governa e alle cui spalle non ci sono poteri forti, è solo la conferma che la strada intrapresa è quella corretta. Le nostre liste, aperte a sensibilità diverse, hanno già raccolto consensi importanti e oggi i movimenti, le associazioni, i partiti e i candidati che hanno aderito sono al lavoro per una nuova fase che definiremo nel prossimo autunno. Dal Veneto alla Sicilia, passando per il Lazio, si registrano adesioni importanti che presenteremo tra alcuni giorni in una manifestazione che sarà un nuovo passo in avanti verso la realizzazione del progetto che farà di Fratelli d’Italia l’elemento essenziale per la prossima alleanza di governo. Confermiamo il percorso di apertura e ridefinizione del nostro progetto che avevamo lanciato lo scorso settembre, perché il risultato delle europee dice senza mezzi termini che è la strada giusta. Quella vittoria per noi è solo un punto di partenza: il nostro prossimo obiettivo è superare abbondantemente la doppia cifra, grazie al contributo di nuove energie che troveranno pieno diritto di cittadinanza nel nostro progetto”. Lo dichiara in una intervista al Secolo d”Italia il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza stampa Giorgia Meloni

Posted by fidest press agency su martedì, 9 aprile 2019

Roma Mercoledì 10 aprile alle ore 14.00, presso gli uffici del gruppo parlamentare di Fratelli d’Italia alla Camera (V° piano Palazzo Demaniale), conferenza stampa del Presidente Giorgia Meloni per presentazione Conferenza Programmatica dal titolo: “In Europa per cambiare tutto” e apertura campagna elettorale europee che si svolgerà il 13 e 14 aprile a Torino presso il Lingotto Fiere.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Meloni: Più Italia in Europa

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 febbraio 2019

«In Europa andiamo a cambiare tutto, non a lasciare le cose come stanno. Qualcuno dice “più Europa”, ma io dico “più Italia in Europa”. Vogliamo difendere il nostro interesse nazionale, le nostre imprese, i nostri prodotti, il nostro lavoro, i nostri confini e la nostra identità. Penso che Fratelli d’Italia possa fare davvero un ottimo risultato alle elezioni del 26 maggio e, se gli italiani ci daranno una mano, porteremo in Parlamento europeo una pattuglia di gente combattiva». Lo ha detto, nel corso della trasmissione “Pomeriggio cinque” di Barbara D’Urso, il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in vista del summit dei conservatori europei che si terrà a Roma venerdì 22 febbraio e che formalizzerà l’ingresso di Fratelli d’Italia nell’Alleanza dei Conservatori e Riformisti europei (ACRE).

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nessuno ricorda il centenario del 4 Novembre?

Posted by fidest press agency su sabato, 3 novembre 2018

E allora ci pensiamo noi di Fratelli d’Italia, in Parlamento come nelle piazze, sventolando il Tricolore per celebrare la Vittoria nella Prima Guerra Mondiale. #NonPassaLoStraniero».
Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, condividendo sulla sua pagina ufficiale la foto scattata questa mattina in aula a Montecitorio: in vista del 4 novembre, giorno in cui l’Italia celebrerà i cento anni dalla vittoria della Grande Guerra, il gruppo di FdI alla Camera ha srotolato un grande tricolore di oltre 10 metri che ha coperto i banchi dei deputati del partito di Giorgia Meloni.
Questa iniziativa fa seguito alla conferenza stampa di presentazione degli eventi organizzati da Fratelli d’Italia in occasione della ricorrenza che il 4 novembre si celebreranno in tutta Italia.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giorgia Meloni: Ridefinizione tra l’ordinamento italiano ed europeo

Posted by fidest press agency su martedì, 30 ottobre 2018

Il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, interviene sul quotidiano “Il Foglio”: tra le proposte di FDI in discussione alla camera c’è quella sulla ridefinizione tra l’ordinamento italiano ed europeo.“Con queste proposte – sottolinea Meloni – noi vogliamo sancire un principio generale: la sovranità appartiene al popolo, solo il popolo può decidere se cederla ad altri e questo può avvenire tramite un referendum consultivo sulla ratifica dei trattati internazionali o sulle norme sovranazionali. Vogliamo cancellare i vincoli europei contenuti negli articoli 97, 117 e 119 della Costituzione con cui ci siamo sottomessi all’ordinamento comunitario senza che nemmeno la stessa Ue ce lo chiedesse. Perché escludo la possibilità che i nostri Padri costituenti abbiano mai pensato che l’art. 11 sulle “limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni”, sarebbe stato un varco per quelle norme europee che impattano sui diritti e sull’economia nazionale, senza passare per la sovranità popolare. Vogliamo, inoltre, introdurre la “clausola di salvaguardia dell’interesse nazionale” che, secondo l’analisi della recente giurisprudenza costituzionale, rappresenta una condizione irrinunciabile per l’accettabilità delle ultime riforme dell’ordinamento europeo: noi vogliamo che, per entrare nel nostro ordinamento, qualunque norma sovranazionale rispetti il principio della salvaguardia dell’interesse nazionale e che questa valutazione sia affidata alla Corte Costituzionale”.”D’altronde – osserva Meloni – è la stessa Unione che già nei propri Trattati istitutivi sancisce il proprio dovere di rispettare l’identità nazionale degli Stati membri, affermando che «L’Unione rispetta l’uguaglianza degli Stati membri davanti ai trattati e la loro identità nazionale insita nella loro struttura fondamentale, politica e costituzionale». A sostenere questa tesi sono anche autorevoli giuristi e uomini di Stato come, ad esempio, il presidente emerito della Corte Costituzionale Paolo Maddalena, che ha esortato a “far prevalere sui Trattati la nostra Costituzione, esattamente come hanno fatto e fanno Germania e Francia. La sovranità è nella sostanza la potestà di porre norme giuridiche cogenti per tutto il popolo. Allo stato attuale questa potestà è riservata agli Stati nazionali o federali” non a entità sovranazionali. Ed è quello che hanno fatto altri Stati in Europa, che hanno utilizzato disposizioni più o meno tese a salvaguardare la sovranità del popolo rispetto alle decisioni assunte in ambito europeo”.”Sono convinta – conclude Meloni – che la ricetta di Fratelli d’Italia sia l’unica sostenibile e credibile per difendere la sovranità del popolo italiano e l’interesse nazionale, un concetto che in Italia non è mai stato annoverato tra gli obiettivi da perseguire in politica estera. È un grave errore che non hanno commesso, invece, Francia e Regno Unito, per le quali non è né stravagante né estremista parlare apertamente di interesse nazionale e non costituisce un tabù neppure nei partiti di sinistra. Fratelli d’Italia non vuole uscire dall’Unione Europea ma pensa che si può stare in Europa a testa alta e non da servi sciocchi. Oggi non è con i carri armati che l’indipendenza e la sovranità nazionale vengono compromessi ma attraverso vincoli subdoli imposti dalle disposizioni comunitarie che spogliano la Nazione di qualsivoglia capacità giuridica in materia politica ed economica. E se è vero il conflitto è tra chi difende le sovranità nazionali, la democrazia, i diritti sociali del lavoro e chi invece difende il globalismo apolide e sradicante di cui l’Unione Europea è portatrice, noi sappiamo da che parte stare: noi difendiamo l’Italia”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

ATREJU: Europa contro Europa

Posted by fidest press agency su martedì, 18 settembre 2018

Roma dal 21 al 23 settembre 2018 Isola Tiberina il tradizionale appuntamento con ATREJU, la storica manifestazione nata nel 1997 nell’alveo della destra italiana e giunta quest’anno alla sua 21esima edizione. La manifestazione prende il nome da Atreju, il protagonista del romanzo “La Storia infinita” di Michael Ende che combatte contro le forze del Nulla: un nemico subdolo che attacca il futuro, ne consuma le energie migliori, privandolo di valori e di speranze.
“EUROPA CONTRO EUROPA”: questo è il titolo e tema centrale dell’edizione 2018. L’obiettivo è raccontare due visioni dell’Unione Europea: da una parte l’Europa tecnocratica ed elitaria, dominata dalla finanza e dagli interessi delle lobby; dall’altra l’Europa dei popoli delle Nazioni, che mette al centro l’identità e la sovranità.
Due visioni rappresentate nel manifesto della kermesse nel quale si confrontano due skyline: in alto lo skyline con i profili stilizzati della Basilica di San Pietro, di una torre tipica dei borghi medievali, della colonna con la Vittoria alata presente in alcune capitali europee, di un Arco di trionfo, di una chiesa e di un anfiteatro classico; in basso lo skyline degli edifici moderni che ospitano le Istituzioni europee a Bruxelles, Strasburgo e Francoforte. Una netta contrapposizione che viene ripresa anche nei simboli inseriti all’interno delle parole “Europa”: in alto il capitello classico e il rosone di una chiesa; in basso il simbolo dell’Euro e la bandiera della UE.
Simbolica anche la scelta della location: l’Isola Tiberina, al centro di quel fiume Tevere che ha dato i natali alla Città Eterna, e sulla quale sorge la Basilica di San Bartolomeo, santuario dei nuovi martiri cristiani e testimoni della fede del XX e XXI secolo.
L’edizione di quest’anno assume un significato particolare alla luce dell’imminente tornata elettorale per il rinnovo del Parlamento europeo, che si svolgerà nella primavera 2019. Atreju sarà l’occasione per aprire una stagione politica decisiva per il futuro dell’Europa e del ruolo dell’Italia nello scenario del Vecchio Continente.
L’Isola Tiberina è, inoltre, la location ideale per ospitare le tante anime di Atreju: dibattiti politici, mostre, presentazioni di libri, tavoli tematici, concerti e spettacoli di musica, stand enogastronomici e aree degustazione con i prodotti tipici regionali italiani. I diversi spazi del villaggio riprendono il filo conduttore della manifestazione e sono intitolate ad alcuni grandi personaggi della storia europea e mondiale: il re di Sparta Leonida; il primo Imperatore del Sacro Romano Impero Carlo Magno; la principessa e legislatrice della Sardegna medievale Eleonora d’Arborea; il patriota cecoslovacco e martire per la libertà Jan Palach; il premio Nobel per la letteratura e dissidente sovietico Aleksandr Isaevič Solženicyn.
I numeri dell’edizione 2018: 3 giorni di manifestazione, un villaggio di 6000 mq, oltre 70 tra ospiti e relatori, 5 presentazioni di libri, 3 premi, 3 mostre, oltre 200 volontari provenienti da ogni parte d’Italia, 10 stand politici e culturali, 6 aree ristoro.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il centro-destra esiste ancora?

Posted by fidest press agency su martedì, 14 agosto 2018

“Chiedo a Salvini di dimostrare, proprio partendo dell’Abruzzo, che esiste ancora il centrodestra ma soprattutto che sappia assumersi la responsabilità di guidarlo e tutelarlo. La grande differenza tra i leader ed i molti vincitori del momento è stata, ed è, la capacità di andare oltre la loro forza politica, di saper avere un orizzonte maggiore, più ampio, di lungo termine e meno egoista. Berlusconi, quello vero di 20 anni fa, sapeva far crescere Forza Italia ma contestualmente aiutare gli alleati, anche quando lo meritavano poco. Salvini sembra invece trattare male, senza memoria e senza riconoscenza, anche chi, come Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia, gli hanno riservato sempre correttezza e rispetto. Noi abbiamo sempre testardamente creduto nel centrodestra e continuiamo a farlo. A lui chiediamo di essere leale e giusto a sua volta. Dobbiamo avere il coraggio di rilanciare una proposta di crescita e rinascita di cui il paese ha necessità e che è alternativa all’idea di ‘declino programmato’ che rappresenta il M5S”.E’ quanto dichiara Guido Crosetto, deputato e coordinatore nazionale di Fratelli d’Italia.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Meloni: appello a Mattarella

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 maggio 2018

“Presidente Mattarella, noi non abbiamo condiviso alcuna delle scelte che ha fatto nelle ultime settimane. Però l’Italia è sotto attacco e l’Italia non può permettersi in questo momento né un governo che vada in Aula prendendo forse 20 voti per farci ridere dietro dal mondo; né di tornare a votare il 29 luglio o il 5 agosto con l’attacco finanziario della speculazione in atto. Allora un gesto di responsabilità deve arrivare da tutti, soprattutto da chi si considera un patriota. Noi abbiamo da chiederle: provi a fare l’unica cosa che non ha fatto sinora, dare un incarico a chi era arrivato primo alle elezioni, al centrodestra, per formare un governo e verificare se in Aula – anche grazie magari all’astensione di altri partiti con la stessa responsabilità – c’è la possibilità di formare un governo, di calmare la situazione internazionale e di occuparci dei problemi degli italiani. O in subordine, c’è comunque una maggioranza che si è formata in queste settimane: era la maggioranza che metteva insieme la Lega e il M5S. Era pronta a fare un governo e aveva stipulato un contratto di governo. Noi siamo stati critici, però arrivati a questo punto siamo anche disponibili a rafforzare quella maggioranza con Fratelli d’Italia, perché crediamo che bisogna fare tutto quello che c’è da fare in questo momento per tirare fuori l’Italia dalla situazione di caos nella quale rischia di gettarsi. Presidente, ci rifletta perché non avremo molto altro tempo”. Così Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia in un video pubblicato su Facebook.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quel qualcuno e qualcosa di troppo

Posted by fidest press agency su domenica, 13 maggio 2018

L’idea, alcuni anni fa, di Matteo Renzi di voler rottamare le “vecchie glorie” del suo partito per far spazio ai giovani è servito, nel giro di poco tempo, solo per fare le scarpe ai rivali scomodi. La stessa lotta per la “successione” non avrebbe risparmiato il centro destra se non si fosse trattato che uno dei partiti, Forza Italia, aveva ed ha un padrone che detiene il 100% della sua quota azionaria e i soldi necessari per neutralizzare sul nascere scalate ostili sia al proprio interno sia nei riguardi dei suoi alleati. In questo modo una quota dell’elettorato che guarda a destra è rimasto bloccato dai vecchi schemi della conservazione nella continuità. Per altri versi la destra classica impersonata da Fratelli d’Italia guidata da Giorgia Meloni si è ridotta di molto se la confrontiamo ai tempi di Almirante e persino di Fini e quel che è peggio non sembra in grado d’uscire da questa impasse che la impegna a restare sotto il giogo degli alleati che si è scelto.
A questo punto ci troviamo con due partiti, Forza Italia e il Pd, destinati a rappresentare se stessi a prescindere dalla collocazione che si sono data (centro destra e centro sinistra) perché hanno personalizzato il loro ruolo identificandosi con quella parte dell’elettorato che ha e non è e per questo ricevendone il relativo consenso anche se sanno d’essere una minoranza nel paese. La loro abilità è stata, semmai, quella di riuscire ad imbarcare anche partiti di diversa estrazione ma deboli elettoralmente ma che per sopravvivere hanno bisogno di visibilità. Tutto sarebbe filato liscio se non fosse accaduto, nell’ultima tornata elettorale, che il partito guida, Forza Italia avesse perso il suo primato all’interno della coalizione e il suo potenziale alleato esterno, il Pd ne fosse uscito malconcio e per giunta un movimento, 5Stelle, avesse ottenuto un buon exploit elettorale. Siamo, quindi, giunti ad uno sbocco inevitabile: o ritornare alle urne o sparigliare le carte. E’ stata scelta quest’ultima soluzione, come male minore, e resta da capire se per i pentastellati si tratti di una trappola per mangiarseli, a tempo debito, con un sol boccone oppure siamo veramente giunti alla consapevolezza che si possa realisticamente fare una politica anche per chi è e non solo per chi ha. Resta, tuttavia, un dubbio: siamo proprio convinti che chi ha i soldi sia disposto a cederne una parte in nome del cosiddetto populismo? E dal come si stanno mettendo le cose se non si parla di aperta ostilità dei poteri “forti e danarosi” ci manca poco e ora che è stata restituita la “verginità” a un certo signore chi li ferma più? Rianno il loro re travicello. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo: incontro Meloni-Di Maio

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 maggio 2018

“Ho ricevuto oggi, su sua richiesta, Luigi di Maio. Nel corso dell’incontro cordiale durato quasi un’ora e mezza Luigi di Maio ha chiesto il sostegno di Fratelli d’Italia ad una premiership sua o di un altro esponente del M5S in cambio di un via libera a un nostro ingresso nel governo. Ho ribadito al leader pentastellato che FdI – che non ha avanzato alcuna richiesta di ingresso nel nuovo esecutivo – non potrebbe mai far parte di un governo a guida grillina e che anzi abbiamo vincolato ogni nostra decisione proprio a una premiership rispettosa degli italiani che ci hanno votato. La risposta che ho ricevuto è che in questo caso lui avrebbe posto un veto sulla nostra presenza perché saremmo una forza “troppo di destra”. Non so come si ponga Matteo Salvini rispetto a una posizione di questo tipo, ma sono contenta di aver contribuito a fare chiarezza. Evidentemente in quello che tutti già chiamano governo giallo verde non ci sarà il tricolore”. Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Meloni: complimenti a Putin

Posted by fidest press agency su domenica, 18 marzo 2018

Riprendiamo quanto scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni: “Complimenti a Vladimir Putin per la sua quarta elezione a presidente della Federazione russa. La volontà del popolo in queste elezioni russe appare inequivocabile”. Crediamo che analoga espressione di simpatia e di condivisione possa venire non solo dal Centro-destra ma anche dalle altre parti politiche. Vladimir Putin si può considerare, a buon diritto, uno dei più qualificati leader del nostro tempo. E’ il più genuino interprete dei sentimenti e della voglia di riscatto del popolo russo e di tutta la federazione ansiosa di ritrovare il suo primato e il suo prestigio sulla scena mondiale. Ci associamo ai complimenti di Giorgia Meloni per il suo successo elettorale che lo riconferma presidente della Federazione russa.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Meloni e la restante destra tradita da Berlusconi?

Posted by fidest press agency su martedì, 6 febbraio 2018

«Rimango basita di fronte alle parole di Silvio Berlusconi che apre alla possibilità di “coalizione allargata” e dice che non parteciperà alla manifestazione del 18 febbraio promossa da Fratelli d’Italia a Roma per dire no agli inciuci. Ma è un atto di chiarezza. Gli italiani ora sanno che Forza Italia si dice disposta a un altro governo con Renzi, mentre Fratelli d’Italia no. Scelgano il prossimo 4 marzo quale opzione preferiscono». Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia e candidato premier, Giorgia Meloni. (Che Silvio Berlusconi avesse l’idea di formare un governo con il Pd di Renzi non è una grossa novità. Lo scopre oggi Giorgia Meloni e ha dovuto attendere che i giochi sono stati fatti per convincersene. E Salvini? Stendiamo un velo in proposito. La sua coabitazione con Forza Italia era stata già compromessa sin dall’inizio. D’altra parte era altrettanto noto che Renzi con le sue “epurazioni etniche” all’interno del PD e con le candidature blindate con i suoi fedelissimi aveva ed ha un solo obiettivo: allearsi con Berlusconi ed entrambi hanno fatto i conti della “serva”: 25% dei voti conquistabili da Forza Italia e 27% del PD con i rispettivi alleati. Per buona pace di tutti.)
Il dubbio resta anche dopo il successivo comunicato della Meloni: “«Bene la precisazione di Silvio Berlusconi sul no alle larghe intese: su questo punto non possono esserci ambiguità di nessun tipo. Per questo, però, non comprendo l’indisponibilità a partecipare a una manifestazione che intende ribadire esattamente questo: che non ci saranno i nostri voti per un governo con la sinistra. Quindi rinnovo il mio invito alla manifestazione del 18 febbraio a Roma. In quella sede tutti i nostri candidati si impegneranno solennemente a non tradire il voto degli italiani, rafforzerebbe la credibilità della coalizione se a questa iniziativa partecipassero anche i candidati degli altri partiti di centrodestra». (n.r. e dovremmo fare tanto per non stupircene?)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Università: togliere test ingresso

Posted by fidest press agency su domenica, 14 gennaio 2018

università palermo“Se questi sono di sinistra io sono Mao Tse Tung. Mi stupisce che una persona di sinistra come Grasso faccia una proposta che non tiene conto del fatto che oggi nelle università le tasse si pagano in maniera progressiva, con fasce di reddito escluse. Piuttosto che togliere le tasse universitarie lavorerei per togliere i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso e provare a spostare il numero chiuso dal primo al secondo anno. Un conto, infatti, è dire che alla fine del primo anno verifico quanti esami hai dato all’università e ti puoi iscrivere al secondo anno solamente se hai fatto il minimo necessario, ben diverso è decidere che si entra a medicina per aver avuto la fortuna di rispondere alla domanda di un test che non c’entra assolutamente niente con la materia. Ecco io penso che sia un metodo di selezione diverso. Certo non è una cosa facilissima da fare, perché in alcuni casi c’è una grande concentrazione di richiedenti e di persone che vorrebbero partecipare ma con un po’ di accortezza sarebbe più serio ragionare di togliere i test d’ingresso per il numero chiuso che ragionare di togliere le tasse universitarie che oggettivamente oggi pagano soprattutto quelli che se lo possono permettere.Lo ha detto il presidente di Fratelli d’Italia e candidato premier, Giorgia Meloni intervenuta questa mattina su Radio24 alla trasmissione condotta da Luca Telese e Oscar Giannino.

Posted in Politica/Politics, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il regionalismo visto dal Centro-Sud Italia

Posted by fidest press agency su domenica, 15 ottobre 2017

BariBari. «A Bari i dirigenti di Fratelli d’Italia del Mezzogiorno si sono riuniti per dar vita a una importante iniziativa a cui tengo molto dal titolo “Visto da Sud” per parlare di unità, di coesione nazionale, di sud e di una sfida che da buon partito patriottico noi vogliamo interpretare a 360 gradi: unità e sovranità nazionale. So che in questi giorni sono previste molte iniziative per i referendum di Veneto e Lombardia e che ha fatto discutere che io abbia detto che il tema non mi appassiona e che non sono favorevole per come sono stati posti. Qualcuno ha detto che non ho letto o che devo rileggere i quesiti e che forse non capisco l’italiano: il quesito l’ho letto e non sono ugualmente convinta ma credo dovrebbe rileggerlo anche chi dice che i referendum del 22 ottobre siano il primo passo verso l’indipendenza, perchè forse li ha capito ancora meno di me».
È quanto dice il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in una diretta facebook fatta nel pomeriggio. «Non sono convinta da questi referendum: non siamo contrari a nuovi e maggiori percorsi di autonomia ma crediamo che questi vadano fatti in un percorso coordinato e controllato dallo Stato ovvero di unità nazionale. Per noi l’obiettivo è presidenzialismo e federalismo: una rivoluzione dell’assetto istituzionale che preveda uno Stato centrale completamente diverso, un governo scelto dai cittadini e un presidente eletto dirittamente dal popolo. In questo contesto è allora assolutamente giusto parlare di autonomia. «Nel documento redatto dai dirigenti di Fratelli d’Italia c’è la proposta di ridiscutere il regionalismo per come lo abbiamo conosciuto: non le regioni ma i comuni sono i veri campanili d’Italia su cui si fonda la nostra identità. Mi piacerebbe parlare di federalismo municipale, una sfida sulla quale sono più che disponibile, partendo ovviamente dal principio che lo Stato nazionale è l’unico che può difendere i diritti del popolo e dei cittadini: siamo più forti se siamo uniti e siamo pù deboli se siamo divisi», continua Meloni.
«Si è parlato soprattutto di Sud, di Mezzogiorno d’Italia, di regioni che sicuramente devono avere un altro passo – spiega il presidente di Fratelli d’Italia – Bisogna investire sul sud della responsabilità, della legalità e della meritocrazia, tirare fuori il meglio da realtà che non sempre hanno dato il meglio e partire dalle vocazioni del mezzogiorno d’Italia. In Sicilia ad esempio abbiamo aperto la campagna elettorale della lista del nostro candidato presidente Nello Musumeci che si chiama “Nello Musumeci presidente” e a cui Fratelli d’Italia partecipa, con una manifestazione nella quale abbiamo rilanciato la proposta di FdI di dimezzare l’iva sul turismo, che consideriamo un bene di prima necessità visto che l’Italia può vivere di turismo e portarla dal 10% al 5%. Non solo: abbiamo parlato di iniziative per favorire il lavoro, la natalità, le aree indiustriali e di tante questioni che fanno parte del nostro programma per la Sicilia e che faranno parte del nostro programma di governo nazionale».

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Meloni: No a rosatellum

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 ottobre 2017

meloni«No al Rosatellum perché quella che ci propongono è una democrazia finta: gli italiani possono sì votare però il loro voto non deve contare niente. Gli italiani non possono scegliere il loro governo perché lo sceglieranno i partiti, non possono scegliere i loro parlamentari perché li sceglieranno i partiti. Addirittura alcuni italiani voteranno una lista ma finiranno per eleggere i parlamentari di un’altra lista che non volevano votare. Noi non ci stiamo alla democrazia finta»Lo ha detto interpellata dai cronisti a Montecitorio il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Sulla posizione di Lega e Forza Italia che invece sono favorevoli al Rosatellum, la Meloni ha spiegato: «Ognuno fa le proprie scelte. Ho detto e ribadisco che noi siamo rimasti sulla nostra posizione. Abbiamo sempre chiesto un premio di maggioranza e il voto di preferenza, ovvero la libertà per i cittadini di scegliere il loro governo e il loro parlamentare. Gli altri non sono d’accordo e hanno fatto altre scelte. Ciò non toglie che noi siamo rimasti sempre dalla stessa parte».

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Musumeci: Il candidato del centro-destra in Sicilia

Posted by fidest press agency su giovedì, 3 agosto 2017

palermo palazzo normanni regione«Le beghe dei partiti lasciano il tempo che trovano: Fratelli d’Italia guarda agli interesse dei siciliani. Abbiamo risposto all’appello di Nello Musumeci che da mesi chiede di essere il candidato e il portabandiera di tutti ai partiti di centrodestra. Noi stessi abbiamo chiesto a Forza Italia e agli altri di dirci se c’erano altri nomi e non ha risposto nessuno. Per noi Nello è il candidato migliore e speriamo che la scelta di FdI di scendere in campo possa portare anche gli altri a riunirsi intorno a lui. La coalizione? Più ampia possibile e con le idee chiare. Alfano? Lo abbiamo detto e ribadito: chi ha governato con la sinistra non può essere alleato di Fratelli d’Italia a livello nazionale. A livello locale è già accaduto in diversi casi che vi fossero delle liste civiche di ispirazione e questo ha reso la cosa più facile. Non escludiamo che possa accadere anche in Sicilia ma fare la campagna elettorale per le politiche con Alfano al tuo fianco lo considero, diciamo, abbastanza difficile. La coalizione di centrodestra? Credibile e seria, che non pretenda di mettere insieme tutto e il contrario di tutto. Le ammucchiate non funzionano più: funzionano coerenza, proposte chiare e persone specchiate . Le aggregazioni che Fratelli d’Italia sta facendo in tutta Italia, oggi ad esempio abbiamo annunciato l’adesione del senatore Bertacco che ci consente di arrivare a Palazzo Madama, sono anche frutto della coerenza che abbiamo avuto negli anni. Certo richiede più lavoro ma alla fine è quello che le persone si aspettano. Spero che gli altri movimenti nostri, ipotetici e possibili alleati vogliamo fare la stessa cosa».Lo ha detto intervistata da Rainews 24 il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »