Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘globalizzato’

V Forum annuale di Al Jazeera

Posted by fidest press agency su martedì, 11 maggio 2010

Doha nel Qatar dal 21 al 24 maggio V Forum annuale di Al Jazeera. “Una occasione unica- secondo l’Associazione Puntoit, invitata ufficialmente a partecipare a questo appuntamento internazionale – per esplorare il dinamismo di questi cambiamenti con il loro impatto sulla regione ed oltre, ed esaminare i modi in cui il mondo dei media, di internet, i cui contenuti viaggiano ormai su reti TLC a larga banda, e dei nuovi media, possa meglio riflettere e riferire su questi cambiamenti. Al Jazeera Forum è stato creato proprio per questo. Per dibattere, discutere, ed estendere la discussione sulle dinamiche critiche del Medio Oriente nel contesto del mondo globalizzato”. Al Jazeera Forum ospiterà anche quest’anno un mix internazionale di addetti ai lavori, giornalisti, analisti, accademici, intellettuali per contribuire a portare questi temi in primo piano, così come pensatori, guru e strateghi per esplorare ed aiutare a comprendere i cambiamenti nella regione ed il suo ruolo nel panorama mondiale.
Puntoit, http://www.puntoit.org , l’Associazione italiana per lo Sviluppo della Società dell’Informazione nata nel 1999, opera costantemente per stimolare il dibattito sul ruolo fondamentale dell’economia digitale e dell’economia creativa come motori dello sviluppo dell’economia italiana.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuova frontiera del lavoro globalizzato

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 maggio 2010

Regus, leader mondiale di soluzioni per gli spazi di lavoro, comunica che le adesioni al programma Businessworld nel corso del 2009 sono aumentate dell’ 82%. Si prevede che questo dato cresca ulteriormente nei prossimi anni, per la capacità del programma Businessworld di supportare concretamente le tendenze dettate dal lavoro flessibile e globale.  Businessworld  è il programma Regus  dedicato  a tutte le tipologie di “professionisti mobili”. Imprenditori, manager, dipendenti e collaboratori che operano fuori ufficio o in viaggio, grazie a Businessworld hanno la possibilità di accedere alle soluzioni e ai servizi offerti da Regus in ogni principale città del mondo. I “business travellers” possono quindi disporre in oltre mille location in ogni parte del mondo di uffici, sale riunioni, connessioni Internet veloci, servizi di segreteria e tutto quanto necessario per lavorare in ambienti riservati e professionali con efficacia e produttività. Il programma Business world è declinato in 4 pacchetti: Blu, Gold, Platinum e Platinumplus e offre la possibilità di disporre di un ufficio in qualsiasi parte del mondo a partire da 7 euro al giorno.  Il Dottor Gianni Simonato, fondatore della Simonato&Partners e utilizzatore Businessworld, afferma: “Sono un Manager della Comunicazione, quindi aiuto imprese e professionisti a far conoscere i loro prodotti e servizi nel mondo.”
Il gruppo Regus è leader mondiale di soluzioni per gli spazi di lavoro, con prodotti e servizi su misura che comprendono ambienti professionali completamente attrezzati: uffici, sale riunioni, spazi business e un network di sale per videoconferenze. Il gruppo Regus offre un nuovo modo di lavorare da casa, in viaggio o da un ufficio. Clienti come Google, GlaxoSmithKline e Nokia, così come migliaia di altre piccole e medie aziende, sfruttano i vantaggi derivanti dall’outsourcing delle proprie esigenze di uffici e spazi di lavoro rivolgendosi al gruppo Regus, potendo così dedicarsi interamente al loro core business. Più di 500.000 clienti ogni giorno  si avvalgono delle oltre 1.000 location Regus in 450 città e 80 nazioni. Regus è quotato al London Stock Exchange (LSE:RGU).
In Italia Regus dispone complessivamente di 10 business centre dislocati a Milano, Roma e Torino. http://www.regus.it

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La nazione europea

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 agosto 2009

La sua dimensione non riesce ancora a scrollare di dosso il peso dei nazionalismi settoriali e partigiani nonostante la constatazione che solo nel suo insieme l’Europa può definirsi, dall’ultima grande guerra in poi, una delle tre regioni del mondo più prospere. Il tutto, com’è noto lo si deve al quel piccolo drappello di sei paesi che, nel 1950, diede il via alla nascita della Cee e che oggi è diventata di 15 paesi e che, nei prossimi anni crescerà ancora di più fino a portare la estensione pari alla sua grandezza geografica. Nonostante questo indubbio successo del processo integrativo, pur lungo e sofferto, si avverte un po’ ovunque la necessità d’imprimere una marcia in più per far fronte alle due nuove grandi sfide che, più delle altre, attendono al varco l’Europa. Una è interna, con il raddoppio degli stati membri e l’altra è esterna di fronte ad un mondo globalizzato e in costante mutazione per stabilire un ruolo di potenza in grado di contribuire al nuovo ordine planetario. Oggi il suo modello politico è quello di una unione di popoli e dei loro Stati-nazione. In pratica si rivela un modello ibrido che non riproduce quello degli Stati federali e che richiede ancora una approfondita messa a punto. Non vi è dubbio che il più grosso nodo da sciogliere è la rinuncia degli Stati membri ad una loro esclusiva sovranità per delegarla ad una autorità centrale. Se non raggiungiamo questa meta, sia pure per gradi, non riusciremo a definire in misura compiuta il progetto unitario della nazione europea. Eppure sin da ora abbiamo tutti gli strumenti per farlo. Abbiamo, tanto per cominciare, un Parlamento europeo democraticamente eletto dai cittadini dell’Unione, ma non riusciamo ad esprimere, dal suo interno, un Governo della comunità. Lo ricerchiamo altrove ma in misura artificiosa e largamente condizionata da interessi nazionali. Se non sblocchiamo questa situazione l’Europa non sarà né ora né mai una identità unitaria ben definita ed operativa e la stessa convenzione per la costituzione europea avrà il tempo che trova.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »