Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘governance’

Democrazia e governance: gli scenari del domani prossimo venturo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 novembre 2019

Si ha l’impressione che a molti stia sfuggendo la carica negativa determinata dall’internazionalismo liberal-democratico, lasciato a briglie sciolte, e la possibilità che vi sia una minoranza in grado d’incidere sul potere dei decisori alterandone le loro azioni in termini politici ed economici globali. Gli effetti distorsivi sono evidenti e si possono riconoscere sia nei movimenti di protesta, che si sono sviluppati su base nazionale, quali quelli femministi, ambientalisti e pacifisti, sia nella diffusione di nuove identità sovraniste da una parte e, dall’altra, di nuove nozioni di cittadinanza globale. Se a questo punto ci soffermiamo sugli effetti che tali linee di tendenza producono dal basso verso l’alto, in chiave movimentistica, e la capacità mediatica di determinarli, gli effetti che determinano possono diventare devastanti. Lo diventano, senza dubbio, sulla stessa democrazia e governance rendendola incapace di fronteggiare le minacce alla coesione sociale e i conseguenti rischi ecologici e politici della globalizzazione. Il tutto rileva un avvitamento in senso regressivo e involutivo dei regimi politici esistenti, sia in chiave democratica sia autoritaria, e che possono mettere in seria difficoltà la stessa rappresentatività della democrazia, a livello mondiale, come noi la conosciamo e ci interfacciamo.
Ciò ha, senza dubbio, una valida spiegazione che si può riassumere in un solo modo: non siamo preparati affrontare in maniera adeguata i due momenti cruciali della nostra identità esistenziale. Lo sono la crescita demografica fuori controllo e lo sviluppo tecnologico sempre più avanzato che rende evidente il surplus umano rispetto alle intelligenze innovative. In altri termini non possiamo convivere, nel giro di pochi anni, con una popolazione mondiale di nove miliardi di abitanti con un ecosistema già ora in profonda crisi esistenziale e uno sviluppo tecnologico innovativo la cui è eccellenza è quella di servirsi di pochi per gestirne il corso. L’umanità in crescita diventa a questo punto una “eccedenza” intollerabile e foriera di forti conflitti degenerativi. Come uscirne in modo meno indolore? È questo il punto. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Overcoming weak governance will take decades with implications for climate adaptation: study

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 novembre 2019

Berlin – Governance in climate vulnerable countries will take decades to improve, substantially impeding the ability of nations to adapt to climate change and affecting billions of people globally, according to new research published in Nature Sustainability.
The study quantifies – for the first time – different governance pathways at the national level over the 21th century, using scenarios of socio-economic development (Shared Socio-economic Pathways) widely used in climate change research. The authors have relied on the World Governance Indicators provided by the World Bank, which take into account multiple dimensions of governance such as political stability, government effectiveness, regulatory quality, rule of law and control of corruption.Even under the most optimistic development scenarios, it will take until around 2050 to overcome weak governance globally, the study finds. Under pessimistic scenarios characterised by regional rivalry, more than three billion people would still be living in countries with weak governance conditions well beyond mid-century.The numerous interventions a government can make to adapt to climate change – such as prioritising policies, mobilising resources, coordinating efforts and decision making – are processes often contingent on the efficacy of institutional mechanisms. The level of corruption within a government, for instance, will impact on its ability to deal with a climate-related disaster.The results not only have far-reaching implications for sustainable development, but they also link directly to the immediate need to adapt to the impacts of climate change, in particular in the most vulnerable countries. This new understanding of the possible pathways of governance and the resulting adaptive capacity will contribute to more realistic assessments of how the world may be able to cope with the impacts of climate change in the future. “We tend to treat climate change adaptation as something that we can just switch on and then we’re fine. But our study shows that it is more complicated than that and that building adaptive capacity in many regions of the world will take a long time,” said Carl-Friedrich Schleussner, of Climate Analytics and Humboldt University, a co-author of the study.On the upside, the study shows that countries characterised by very weak governance have a near-term rate of improvement of up to five times faster under the most optimistic scenarios than they do under the worst. “There is a window of opportunity to eradicate the lowest levels of governance in the near term and get the world on a pathway towards achieving the United Nations Sustainable Development Goals,” said Jesus Crespo Cuaresma from the Vienna University of Economics and Business (WU) and International Institute for Applied Systems Analysis (IIASA), Vienna, Austria, who also contributed to the study.“This is of paramount importance also to enable those nations, many of which are located in climate vulnerable regions, to adapt to climate change.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno La prospettiva della Collaborative Governance

Posted by fidest press agency su martedì, 29 ottobre 2019

Parma. Si terrà mercoledì 30 ottobre, a partire dalle 15, nell’Aula C del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali (via Kennedy 6), il convegno La prospettiva della Collaborative Governance.Interverranno al convegno il Rettore Paolo Andrei, il Direttore dell’Unione Parmense degli Industriali Cesare Azzali, il Presidente di “Parma, io ci sto!” Alessandro Chiesi, il Direttore di Forum Solidarietà Arnaldo Conforti, il Direttore del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali Luca Di Nella, Marco Ferretti, docente dell’Ateneo e Assessore al Bilancio del Comune di Parma, Antonello Zangrandi, docente di Economia delle aziende pubbliche dell’Ateneo e Carmine Bianchi, docente dell’Università di Palermo e punto di riferimento a livello internazionale di Collaborative Governance.Collaborative Governance significa coinvolgere all’interno di un territorio il governo, la comunità e i settori privati che comunicano tra loro e lavorano insieme per ottenere più di quanto qualsiasi settore possa raggiungere da solo. Obiettivo dell’incontro è quindi comprendere, da un lato, come generare le condizioni di successo a livello locale per promuovere azioni e progetti che vedano i vari attori (enti pubblici, imprese, non profit) partecipare attivamente e, dall’altro, riflettere sui fattori che permettano, alle molte esperienze che si sono realizzate, di acquisirne metodo e valori fondanti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Magic Quadrant for Identity Governance and Administration”

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

“Organizations today look nothing like they did even just a couple of years ago. Users now encompass both human and non-human users; applications, data and infrastructure are no longer purely on-premise but largely live in the cloud today. These changes have been driven by the massive digital transformation underway, ” said Paul Trulove, Chief Product Officer, SailPoint. “For much the same reason, identity governance today does not look like it once did. To be the identity system of record that our customers require, we live on the edge of innovation, anticipating where the market will go and continually pushing the boundaries of identity governance.” “Our customers come to us – and stick with us – because we stay in lock step with their needs, working hard to develop unique solutions that solve real business problems,” Trulove continued. “For example, we heard our customers asking for better ways to govern access to sensitive data held in files and folders and delivered File Access Manager to help them do that in the context of their identity program. When the need for a more intelligent and autonomous identity program emerged to tackle the growing complexity of hybrid IT environments, we delivered a new approach to identity with SailPoint Predictive Identity. It is because of our continuous innovation and our focus on delivering success alongside our partners that customers select our identity governance solutions. Ultimately, their success breeds our success.”
SailPoint’s Identity Platform is the intelligent cloud identity platform of the future. It enables organizations of all sizes to drive a comprehensive approach to identity, one that governs all users, applications and data; governs deep across both cloud and on-premises infrastructures and governs smart, creating an AI-driven approach to identity governance. SailPoint was built with innovation as a founding principle and with customer success at the core of the business, consistently maintaining a 95%+ maintenance renewal rate. We believe this most recent Gartner Magic Quadrant placement continues SailPoint’s track record. The company has been positioned as a Leader in every Gartner Magic Quadrant for Identity Governance and Administration that has been published.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quando la democrazia blocca la violenza

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 settembre 2019

Se andiamo al tempo in cui l’essere umano decise di vivere in comunità credo che si pose da subito il problema del come conciliare la coabitazione con gli interessi corporativi e di governance. Nei millenni trascorsi da allora ad oggi è apparso evidente che a scompaginare il sistema è stata la tendenza prevaricatrice di alcuni componenti la comunità nei riguardi dei propri simili. In altre parole il voler giocare “sporco” per trarne benefici personali sia di natura economica che per sete di potere. La reazione popolare non si fece attendere e il focolaio si accese generando conflitti d’ogni genere e per motivazioni più disparate: etniche, religiose, sociali e culturali. Se riportiamo questo seme della discordia alla realtà dei nostri giorni possiamo dire che numerosi sono gli insuccessi ottenuti ma anche la riuscita di stabili equilibri.
Al che dovremmo chiederci, doverosamente, i motivi del mal funzionamento e del perché le aspettative virtuose non hanno attecchito a livello mondiale. D’altra parte come si può pensare che messo in atto un modello di gestione democratica della cosa pubblica essa possa, ad un certo punto, non reggere le aspettative popolari divenendo persino una contraddizione nei termini con manifestazioni di piazza cruente. E’ che l’aspetto negativo, a mio avviso, dipende dall’uso che abbiamo fatto della stessa democrazia introducendovi elementi conflittuali di portata mondiale. Pensiamo al capitalismo che è degenerato nell’avidità, nell’egoismo, nei facili arricchimenti a scapito dei più deboli. Pensiamo a ciò che ci ha lasciato il socialismo reale e ancor prima il Marxismo-Leninismo. Pensiamo alla globalizzazione dei mercati che è degradata in una conflittualità sociale permanente. Pensiamo ai danni che abbiamo provocato all’ambiente con economie espansive poco rispettose dell’habitat e quanto altro.
Da più parti i ben pensanti invocano correttivi e comportamenti virtuosi per restituire alla democrazia la sua identità primigenia, generata dalla rivoluzione ateniese, e che i nostri padri, nella loro saggezza, ne hanno riconosciuto il valore e la portata del messaggio. Perché il precetto democratico non si coltiva citandolo ma praticandolo e in tal senso può diventare l’unica forza capace di contrastare la violenza e portare l’homo novus a soffocare le passioni in nome della ragione. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diversity & Governance: strategie e policy aziendali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

Milano Giovedì 19 settembre 2019 – Piazza Borromeo 12, 17:00 – 19:00 Seminario. Il seminario si propone di approfondire il tema della diversity data analysis: come raccogliere i dati organizzativi, aggregarli e interpretarli per individuare criticità e opportunità di miglioramento in tema gender, LGBT, disabilità, età e multiculturalità.Sarà esaminato il contesto normativo e le prassi di riferimento, con focus specifico su recruiting, gestione del rapporto di lavoro e casistica in materia di discriminazione.Verranno inoltre delineate le best practice per la costruzione della diversity policy governance aziendale e analizzati i rating finanziari di riferimento.Interverranno:
Mariella Bruno, Founder – Diversity Opportunity
Andrea Gangemi, Socio – Portolano Cavallo, Responsabile area Labor & Employment
Federico Neri, Harman Tech Lead – Harman International
Patrizia Tomasicchio, HR Director Southern Europe – Pandora

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

«Dispositivi di governance e di controllo sui prodotti bancari al dettaglio»

Posted by fidest press agency su domenica, 31 marzo 2019

“Accogliamo con piacere i nuovi requisiti della Banca d’Italia che danno attuazione agli Orientamenti dell’Autorità Bancaria Europea (EBA) sui «Dispositivi di governance e di controllo sui prodotti bancari al dettaglio», entrati in vigore a gennaio 2019. Auxilia Finance, infatti, da sempre opera nel pieno rispetto delle regole e per la tutela dei consumatori e, per questo, è in grado di offrire attraverso la sua rete di consulenza prodotti bancari sostenibili e coerenti con gli interessi, gli obiettivi e le caratteristiche dei propri clienti”.È questo il messaggio di Samuele Lupidii Amministratore Delegato di Auxilia Finance una società leader nella mediazione creditizia, che ha partecipato quale unico rappresentante del settore al seminario ABI dedicato alle procedure di controllo sui prodotti bancari “Product governance per i prodotti bancari al dettaglio. Modifiche alle disposizioni di trasparenza” in corso a Milano.La normativa ha l’obiettivo di rafforzare il complesso delle disposizioni a presidio della correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti, assicurando che l’offerta dei prodotti bancari e finanziari sia rivolta alle tipologie di clientela individuate nella fase di ideazione e di commercializzazione dei prodotti medesimi, per le quali essi possano risultare adatti.Il valore aggiunto rappresentato da queste operazioni permetterà al mediatore una profilazione sempre più approfondita e attenta alle reali esigenze del suo interlocutore, per offrire prodotti, ma anche servizi e strumenti, adeguati alle sue specifiche condizioni economiche, sempre in coerenza agli interessi, gli obiettivi e le caratteristiche della persona a cui è destinato.Oggi la mediazione creditizia rappresenta il 20% del totale del credito ai privati erogato in Italia, una quota che è destinata a crescere sensibilmente per molteplici fattori, uno per tutti sono le trasformazioni in atto nel sistema bancario. Così le nuove disposizioni giungono a proposito, implicando la necessità di adeguamento da parte dei mediatori creditizi ai nuovi requisiti in materia di commercializzazione dei prodotti bancari al dettaglio. Una piccola rivoluzione a cui Auxilia Finance dà il più convinto dei benvenuti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

RMB Capital Continues Activist Approach in Japan to Promote Best Practices for Corporate Governance

Posted by fidest press agency su sabato, 30 marzo 2019

RMB Capital (“RMB”), an independent investment and advisory firm with approximately $8.8 billion in assets under management,1 announced that the firm has submitted its opposition to a proposal by the Japan Exchange Group Inc.’s (JP 8697) Tokyo Stock Exchange (“TSE”) to split listed companies by market capitalization. RMB believes this proposal will not help the quality of publicly listed companies in Japan. Instead, RMB suggests that the Japan Exchange Group revise listing criteria based on improving corporate governance and protecting minority shareholders.This is the latest in a string of activist proposals that RMB has recently made to Japanese companies aimed at improving corporate governance and shareholder value. The effort has been spearheaded by Masakazu Hosomizu, partner and portfolio manager of RMB’s Japanese investment strategies. Japan recently enacted a new corporate governance structure code as part of Abenomics (Prime Minister Shinzo Abe’s comprehensive economic and social reform movement, which also includes monetary easing and fiscal stimulus), and Hosomizu has persistently pushed Japanese companies to adhere to these reforms, believing that they will help protect shareholders’ capital, as well as promote stability, sustainable growth, and economic prosperity.RMB believes new listing criteria based on the Corporate Governance Code should be added to improve the quality of the listed companies. Specifically, RMB suggests two new mandates for publicly listed companies. First, they should establish nomination and compensation committees. Next, to promote independent guidance, companies should ensure a majority of board members are outsiders. Regardless of the level of a company’s market capitalization, RMB believes many recent corporate scandals could have been prevented if these two mandates had been in place.In addition, RMB proposes that listed subsidiaries and family-owned companies be omitted from the TSE First Section. Publicly listed subsidiaries (where the majority of shares are owned by its parent companies) and family-owned companies (where the majority of shares are owned by founders or management) should be downgraded to the TSE Second Section unless such ownership percentages decrease below one-third of the total outstanding shares after a certain period (such as three years). RMB believes the potential conflict of interest between controlling shareholders and minority shareholders is an imminent corporate governance issue unique to Japan’s stock market, and that revising this listing requirement will alleviate this and raise the quality of the Tokyo stock market significantly.RMB has achieved positive results from its previous shareholder activism in Japan at three other companies, resulting in nomination and compensation committees being added, and the buyback and cancellation of shares. Hosomizu will continue to engage in shareholder actions to uphold corporate governance reform in Japan as the firm believes it is beneficial to investors, including but not limited to issues involving: compensation and nominating committees, reducing executive conflicts of interest, promoting transparency and responsibility in allocation of capital, ensuring outside representation on company boards, and advocating for fair valuation for shareholders in M&A situations.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

International ocean governance: looking back at two years of firm action

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 marzo 2019

The Commission published a report outlining the progress made on the ocean governance agenda since the adoption of a Joint Communication on International Ocean Governance, together with the High Representative of the European Union, two years ago.
The conclusion of the report is encouraging. The 50 actions for safe, secure, clean and sustainably managed oceans in Europe and around the world are successfully being implemented. And the work will continue.Commissioner for Environment, Maritime Affairs and Fisheries Karmenu Vella added: “Oceans make up 70% of the planet and absorb 25% of the global C02 emissions. I am happy that with our agenda for the future of our oceans, EU’s role in oceans’ management has strengthened and action has intensified. But the challenges that the oceans face are as big as the oceans themselves – climate change, pollution, biodiversity loss, overfishing. We need to continue our work.”
EUR 590 million have so far been engaged under EU development policy to promote better ocean governance with non-EU countries Thanks to the EU’s IUU policy, 14 countries have successfully reformed their control and management systems to fight illegal fishing in their territory The EU has played a major role in achieving an international consensus on the protection of the high seas in the Arctic On the environmental side, the EU is meanwhile manifesting itself as a global frontrunner, thanks to.
Ambitious new legislation to counter marine pollution, in particular from single use plastics and lost fishing gearPromotion of offshore wind and ocean energy, as an important contribution to a carbon-neutral EU economy by 2050Designation of more than 10% of its marine and coastal areas as marine protected areas, two years before the 2020 international deadline The EU invests in, and promotes global efforts to improve ocean research, data and science. This is needed to improve policy-making, drive innovation and facilitate a sustainable ‘blue’ economy. The Commission has started publishing the Copernicus Ocean State Report annually. Over EUR 500 million was committed on marine research under the Horizon 2020 research and innovation programme. The official Joint report “Improving International Ocean Governance – Two years of progress” can be found here accompanied by a Staff Working Document. Below you can read the version for the larger public.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lithuania Governance, Risk and Compliance Insurance Industry

Posted by fidest press agency su martedì, 12 marzo 2019

“Governance, Risk and Compliance – The Lithuanian Insurance Industry”, is the result of extensive research into the insurance regulatory framework in Lithuania. It provides detailed analysis of the insurance regulations for life, property, motor, liability, personal accident and health, and marine, aviation and transit insurance. The report specifies various requirements for the establishment and operation of insurance and reinsurance companies and intermediaries.The Lithuanian insurance industry is regulated and governed by the Bank of Lithuania (LB). The LB took over the task of insurance supervision on January 1, 2012, following the Insurance Supervisory Commission (ISC). The LB is the central bank of the Republic of Lithuania and its principal objective is to maintain price stability in the Lithuanian financial market.The LB is instrumental in ensuring the stability and efficient functioning of financial services. The LB introduced a new unit, the Supervision Service in 2012, to perform both prudential and market conduct supervision of financial markets. The Board of the LB authorized the Supervision Service to solve insurance issues independently.
The primary act, which governs insurance activities in Lithuania, is the Law on Insurance 2003, adopted on September 18, 2003. The law was introduced to regulate insurance and insurance mediation activity to make Lithuanian insurance operations credible, efficient, safe, and stable. The law comprises the definitions, licensing process, capital requirements, policy terms, and penalties for offenders of the provisions.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Governance, Risk and Compliance – The Bolivian Insurance Industry”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 febbraio 2019

Report is the result of extensive research into the insurance regulatory framework in the Bolivia. It provides detailed analysis of the insurance regulations for life, property, motor, liability, personal accident and health, and marine, aviation and transit insurance giving insurers access to information on prevailing insurance regulations, and recent and upcoming changes in the regulatory framework, taxation and legal system in the country.
The Autoridad de Fiscalizacin y Control de Pensiones y Seguros (APS) is the government authority responsible for the supervision and regulation of the insurance industry in Bolivia. The Insurance Law of 1998, Supreme Decree 25,201 of 1998 and the Code of Commerce of 1977 regulate and govern insurance and reinsurance operations in the country.The Insurance Law was enacted as Law No. 1883 on June 25, 1998, while the Code of Commerce 1977 was introduced as the Law No. 14,379 on February 25, 1977. The subsidiary legislation, Supreme Decree 25,201 issued on October 16, 1998, pursuant to the Insurance Law, stipulates the detailed regulations for the supervision of insurance activities.The report specifies various requirements for the establishment and operation of insurance and reinsurance companies and intermediaries. It also includes the scope of non-admitted insurance in the country.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cambiare la governance della sanità

Posted by fidest press agency su martedì, 26 febbraio 2019

Per la Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani l’Assemblea delle rappresentanze delle professioni sanitarie svoltasi oggi sul tema del regionalismo differenziato rappresenta un momento di proposta e di collaborazione con le istituzioni, coerente con la funzione degli Ordini quali enti sussidiari dello Stato. “Il diritto alla salute, come diritto fondamentale della persona può essere realmente garantito solo in una logica di universalità, solidarietà ed equità” dice il presidente della FOFI, Andrea Mandelli. “Nei suoi quarant’anni di vita, il Servizio Sanitario Nazionale ha svolto questo compito dimostrandosi un’eccellenza a livello internazionale; è innegabile però – e lo sosteniamo da tempo – che oggi è necessario un cambio di governance di tutto il sistema salute”. La sanità italiana è infatti presa nella morsa dell’invecchiamento della popolazione e dell’aumento della cronicità, da una parte, e dall’altra, dall’innovazione, sempre più costosa, in campo biomedico, il tutto nel quadro di una crisi economica di lunga durata. E uno dei primi effetti di questa situazione è il crescente divario, registrato da tutti gli studi più recenti, nell’accesso all’assistenza tra una Regione e l’altra. “Siamo profondamente convinti che il ruolo delle Regioni sia fondamentale nel garantire concretamente l’accesso alle prestazioni sanitarie, perché costituiscono il livello decisionale più vicino al cittadino, capace di cogliere le esigenze organizzative e le peculiarità anche epidemiologiche dei territori” prosegue Mandelli. Tuttavia questa declinazione della tutela della salute trova un limite nell’applicazione dei LEA, il nucleo di diritti, essenziale e ineliminabile, che lo Stato deve garantire a tutti cittadini italiani a prescindere dall’area geografica di provenienza. “Come farmacisti abbiamo sperimentato nel recente passato eccessi di discrezionalità: è il caso della distribuzione diretta dei medicinali che è stata applicata con rilevanti differenze tra una Regione e l’altra, con il risultato che in alcuni contesti i cittadini, anche per ottenere farmaci di uso comune, devono recarsi presso le strutture ospedaliere mentre in altri no. Non esattamente l’equo e uniforme accesso ai medicinali che sta alla base del servizio farmaceutico e costituisce un LEA”. Per la FOFI è necessario quindi raggiungere un equilibrio stabile tra garanzia di universalità ed equità su base solidaristica e un’autonomia regionale coniugata a una responsabilità politico-amministrativa e gestionale che contrasti sperperi ed inefficienze e sostenga modelli virtuosi. “E siamo pronti alla massima collaborazione con il Ministero della salute e le Regioni per raggiungere questo obiettivo” conclude il presidente della FOFI.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nasce il patto per una nuova governance delle città

Posted by fidest press agency su domenica, 20 gennaio 2019

Concluso il convegno “Co-Governance, corresponsabilità nelle città oggi” con un documento che propone a cittadini e amministrazioni pubbliche la pratica della partecipazione e della costruzione di reti di cittadini, attori sociali e città.“La politica è l’amore degli amori che raccoglie nell’unità di un disegno comune la ricchezza delle persone e dei gruppi, consentendo a ciascuno di realizzare liberamente la propria vocazione”(1) si è da poco concluso con le parole quantomeno sfidanti di Chiara Lubich, fondatrice dei Focolari, “Co-Governance, corresponsabilità nelle città oggi”, il convegno dedicato al governo partecipato delle città promosso da Movimento Umanità Nuova, Movimento Politico per l’Unità e Associazione Città per la Fraternità, espressioni dell’impegno sociale e politico dei Focolari. E’ stata la prima edizione dell’evento che tra due anni verrà replicato in Brasile.All’appuntamento hanno partecipato oltre 400 amministratori pubblici, politici, imprenditori, accademici e cittadini di 33 Paesi. Al centro dei lavori c’è stata la partecipazione, presentata nelle sue numerose applicazioni, come hanno mostrato le storie e le prassi condivise dagli oltre 60 esperti nei campi dell’urbanistica, comunicazione, servizi, economia, politica, ambiente. “Siamo convinti che la partecipazione sia una scelta strategica, il modo più consono di vivere bene dentro la città – spiega Lucia Fronza Crepaz, già parlamentare, formatrice presso la “Scuola di preparazione sociale” a Trento e membro del comitato scientifico dell’evento. “Una partecipazione non concepita come sostituzione della procedura della rappresentanza, ma scelta come una modalità efficace per affrontare la complessità dei problemi e ridare quindi corpo alla delega democratica”.
Frutto dei lavori è l’approvazione e la firma del “Patto per una nuova Governance” con il quale i partecipanti s’impegnano a “contaminare” le proprie comunità e amministrazioni pubbliche. “Siamo convinti – si legge nel documento – che le città possano diventare laboratori di sperimentazione che nella quotidianità dei rapporti, permettano di percorrere vie di pace e di giustizia; dove circoli virtuosi possano essere innescati da chiunque e contagiare, trasformandosi in costruttive abitudini di cittadinanza; dove le diversità culturali, possono incontrarsi, riconoscersi e comporre luoghi di nuova accoglienza; dove la cooperazione tra la funzione mediatrice dei politici, la qualità tecnica degli esperti, la competenza dei funzionari, il sapere dei cittadini e dei numerosi attori sociali, dà nuova qualità alla democrazia delle città. Se questa prospettiva si consoliderà in una molteplicità di pratiche efficaci, potrà diventare sistema e proiettarsi a livello globale”.
I 400 firmatari del patto si sono impegnati a comporre tre reti per aggregare le diversità e rispondere alla complessità del reale. Sono reti di cittadini: “Coloro che abitano il territorio urbano mantengono diversità di funzioni e compiti, ma sono ispirati dalla stessa responsabilità”; reti di attori collettivi, cioè gruppi professionali ed economici, soggetti del volontariato e dell’ambito religioso, della cultura e dell’università, della comunicazione, ecc.”; reti tra le città: “… che si propongono di far collaborare prima di tutto la cittadinanza con la creazione di piattaforme accessibili a tutti e di facile uso. Cooperano superando gli interessi particolari e i pregiudizi che minano la fiducia, fondamento indispensabile alla costruzione di una rete. Puntano a condividere programmi e informazioni, risorse umane e materiali, ma anche fallimenti ed esperienze problematiche, per darsi aiuto reciproco e aprire visioni e collaborazioni operative. Chiedono di essere riconosciute come attori essenziali all’interno delle organizzazioni e delle istituzioni inter e trans-nazionali, così da integrare con la voce dei popoli la sola rappresentatività dei governi”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EU promotes ocean governance at United Nations General Assembly

Posted by fidest press agency su domenica, 23 dicembre 2018

By adopting these resolutions, the General Assembly calls on the international community to beef up implementation of the United Nations Convention on the Law of the Sea (UNCLOS) and harmonize national legislation with it. It also reaffirms the importance of long-term conservation, management and sustainable use of the living marine resources.Strong ocean governance is a priority for the EU. Most if not all of the problems our ocean is faced with (climate change, pollution, overfishing…) are global by nature. We therefore need a common response from the global community, through international consensus and cooperation. As countries are turning increasingly towards the blue economy to support their development, strong action is more needed than ever.The EU therefore played an active role negotiating both resolutions. It underlined the importance of the United Nations Convention on the Law of the Sea as the overarching legal framework for ocean governance and its continuing contribution to rule of law, peaceful relations and sustainable development. The EU also welcomed the good progress achieved in the negotiations of the new UNCLOS implementing agreement for areas beyond national jurisdiction (BBNJ), better known as the ‘high seas’.
The EU also reiterated its strong commitment to conclude negotiations on fisheries subsidies in the context of the World Trade Organisation. It emphasized that harmful subsidies, which contributed to overfishing, overcapacity and illegal, unreported and unregulated (IUU) fishing are a major impediment to the achievement of sustainable fisheries.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Social and Governance Report

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 novembre 2018

Kinder Morgan, Inc. (NYSE: KMI) announced today the publication of its first, stand-alone Environmental, Social and Governance (ESG) report. This report details progress in key areas and compares performance to prior years.The report highlights the company’s continued success in improving its environmental, health and safety metrics. Since 2007, KMI has published updated performance metrics monthly on its website. With a culture of safety and preparedness, the company’s performance on environmental, health and safety measures consistently outperforms industry averages, and continues to improve.The report also covers additional KMI social policies and programs. The company believes that respecting its neighbors, communities and governing bodies is instrumental in guiding how the company conducts its business. In particular, it values the diversity of culture and unique histories of Indigenous Peoples. In 2017, KMI published policies reflecting its ongoing commitment to building trust, collaboration, communication and cooperation within Indigenous communities affected by its construction and operations.
KMI believes that strong governance and management systems are important factors in the success of the business. The report details how potential climate-related risks and opportunities are addressed within the company. For more than 20 years, the company has been committed to reducing methane emissions from its natural gas pipeline assets. Over the past three years, emissions reductions have totaled more than 5 million metric tons of carbon dioxide equivalent (CO2e) emissions. The company continues to develop and implement best practices in the area of methane emission measurement and reduction by working collaboratively with industry peers, agencies and other stakeholders.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CalSTRS Director of Corporate Governance Set to Retire

Posted by fidest press agency su domenica, 21 gennaio 2018

Anne_SheehanThe California State Teachers’ Retirement System’s Director of Corporate Governance, Anne Sheehan, announced that she will retire March 30, 2018 after 10 years at the helm of the division.
Ms. Sheehan was hired in 2008 as CalSTRS’ first director of corporate governance by Chief Investment Officer Christopher J. Ailman—the Monday after Lehman Brothers went over the cliff. Her mission was to both protect and advance shareholder rights as a result of the financial crisis. One of Ms. Sheehan’s first steps was to form a financial reform working group with fellow pension funds. This group set to work securing corporate governance process changes to subsequent Dodd-Frank legislation, passed in 2010.Ms. Sheehan built a team which manages a $4.1 billion portfolio. While managing a staff and a multi-billion dollar portfolio, she was board chair of the Council of Institutional Investors and served on the boards of the International Corporate Governance Network and the NASDAQ Listing Council. She is currently the chair of the SEC Investor Advisory Committee. Ms. Sheehan is also a founder of the Investor Stewardship Group that launched the Framework for U.S. Stewardship and Governance principles.“Anne has been my most unconventional, best hire,” said Mr. Ailman. “She’s conversant in the language of the regulatory, legal, corporate and investment worlds. Her networking and leadership abilities know no bounds. Anne relates well no matter what an individual’s ideology is—labor versus management; conservative versus liberal; Democrat versus Republican—whatever it takes to get the job done.”
“It has been an honor and a privilege to advance the fight for stronger shareholder rights on behalf of California’s teachers,” said Ms. Sheehan. “The success of our board diversity, majority vote and executive compensation efforts was really the tip of the iceberg in terms of what I wanted to accomplish here. I feel so lucky to have had the opportunity to propel environmental, social and governance disclosure into the mainstream of shareholder issues.”Mr. Ailman continued, “I am so very proud of all that Anne has done. I gave her a mission and then got out of her way. Anne’s energy, acumen and passion for our mission have not only propelled CalSTRS to the global forefront of corporate governance, it has also trickled down to her staff. She’s leaving behind a solid team ready to step into her shoes—or at least one shoe—she really is irreplaceable. Anne is extraordinary and has positioned CalSTRS at number one in the US and top in the world in corporate governance.”CalSTRS will begin a search for Ms. Sheehan’s replacement via a competitive recruitment process. (photo: Anne Sheehan)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Europa: Una nuova governance tedesca economica e finanziaria

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 settembre 2017

berlinoDichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia: “Mentre Gentiloni e Padoan se la suonano e se la cantano a Cernobbio nel fine settimana, a Berlino si decide sulla proposta del ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schauble, di far passare l’ESM (European Stability Mechanism), cui abbiamo contribuito tutti, di fatto nelle sole mani del governo di Angela Merkel.
Secondo la proposta Schauble, infatti, le risorse dell’ESM, ad oggi 375 miliardi di euro inutilizzati, verrebbero concesse ai paesi in crisi per la realizzazione delle riforme, con la supervisione di un ipotetico ministro delle finanze europeo. Che sarebbe tedesco, ovviamente. Una nuova versione della Troika, ma a guida unica: quindi senza pesi e contrappesi. Questo ci manca.Noi non siamo d’accordo. La nuova governance economico-finanziaria dell’Europa sia finalizzata alla crescita e allo sviluppo e non un nuovo strumento nelle mani dei più forti per commissariare i più deboli. Su questo il centrodestra si batterà e troverà la sua unità.Si usino, piuttosto, i miliardi dell’ESM per gli investimenti e per lo sviluppo dei paesi dell’eurozona rimasti indietro, non come “zuccherino” in cambio di sangue, sudore e lacrime: abbiamo già visto che così non funziona. L’ESM diventi quello che non è riuscito ad essere il piano Juncker. A differenza di quest’ultimo, infatti, le risorse ci sono, fresche e disponibili.Schauble non cerchi di indorare la pillola: ormai lo conosciamo tutti. Le sue proposte presentate formalmente per il “bene dell’Europa” perseguono nei fatti solo il bene della Germania, a scapito di tutti gli altri Stati membri. Ma ormai nessuno ci casca più.In Italia, infine, il serbatoio con il maggiore potenziale di crescita è il Sud. Il Mezzogiorno, infatti, proprio per le sue carenze infrastrutturali ed economiche, può assorbire più investimenti, offrendo così un’opportunità di crescita al Paese intero e quindi all’intera Europa.
Da un lato, quindi, il centrodestra unito di governo rassicuri l’Unione Europea e i mercati con il fermo, solenne impegno al rispetto delle regole, in particolare di quelle relative ai conti pubblici. Dall’altro ottenga l’ok per significativi investimenti al Sud che rilancino lo sviluppo di tutta l’Italia.
Attuando nel nostro Paese una strategia di politica economica di grande impulso alla crescita, a partire dal Sud e assolutamente in linea con i principi e i valori europei, avremo tutte le carte in regola per ridurre la pressione fiscale e produrre per il Paese quel salto di qualità da troppo tempo atteso”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un nuovo modello di governo dell’economia

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 agosto 2017

opportunita-lavoroIntendiamo rappresentare in questo concetto i due aspetti più qualificanti oggi più avvertiti e che sono il patto di stabilità e quello per l’occupazione. Lo sviluppo del primo percorso è già delineato, il secondo poggia su un approfondito coordinamento delle politiche economiche occupazionali, di assistenza agli Stati membri nella elaborazione complessiva di tali politiche, le quali rimangono pur sempre di responsabilità dei singoli Paesi che debbono produrre risultati economici nazionali convergenti. Il monitoraggio, la verifica e la valutazione della coerenza delle politiche nazionali con i grandi orientamenti comunitari, sono affidati ad una sorveglianza multilaterale organizzata “inter pares”: sono coinvolti Commissione, Consiglio e tutti gli Stati membri. In particolare, il patto per l’occupazione tende a fare la sintesi tra le riforme economiche strutturali e la strategia coordinata per l’occupazione. Introduce inoltre un dialogo macroeconomico comunitario tra responsabili nazionali e comunitari delle politiche macroeconomiche e partners sociali (imprenditori e sindacati) organizzati sul piano comunitario a Bruxelles. L’obiettivo principale del “dialogo” è quello di migliorare l’interazione tra l’evoluzione dei salari e le politiche nei campi monetario, di bilancio e fiscale. Il ruolo dei partner sociali nel processo di formazione dei salari è giudicato essenziale perché, insieme ad altri fattori, incide notevolmente sulla stabilità dei prezzi e può consentire risultati economici soddisfacenti. Secondo il “gruppo dei 10”, allo stadio attuale, il modello di “governance europea” dell’economia, che fa da pendant al governo unico della moneta, ha evidenziato numerosi punti deboli nella sua applicazione. Tra questi l’insufficiente divulgazione degli orientamenti comunitari e dei processi avviati per rispettarli, dei programmi governativi trasmessi a Bruxelles e delle raccomandazioni comunitarie agli inadempienti; ed anche le scarse ripercussioni del “dialogo macroeconomico comunitario” che si incentra soprattutto sullo sviluppo delle infrastrutture e sulla cooperazione. Queste carenze impediscono una presa di coscienza collettiva delal nuova realtà e del modo di governarla. In definitiva rendono più difficile l’assunzione collettiva di responsabilità, ai vari livelli nazionali, regionali e locali, perché la società civile, le parti sociali, i mercati non si sentono ancora parte attiva del processo di coordinamento economico europeo.
(Riccardo Alfonso direttore Centro studi economici e finanziari della Fidest da “Lezioni di economia”)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuova governance AequaRoma pienamente operativa

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

andrea-mazzillo-assessore-bilancioRoma “Il Consiglio d’amministrazione di AequaRoma ha proceduto alla nomina del Direttore generale, ingegner Diego De Iorio. La nuova governance della società è dunque pienamente operativa ed è già impegnata nel potenziamento delle attività di controllo e accertamento delle entrate capitoline, nonché sul progetto di internalizzazione della gestione del Patrimonio che la Giunta le assegnerà a partire da settembre. Rivolgo pertanto i miei migliori auguri di buon lavoro al Presidente e Amministratore Delegato Paolo Valle, ai consiglieri Federica Trovato e Filippo Varazi e al nuovo Dg”.È quanto dichiara l’assessore al Bilancio e Patrimonio di Roma Capitale, Andrea Mazzillo.
“La nostra Amministrazione sta implementando un sistema nuovo di gestione e valorizzazione complessiva del Patrimonio capitolino – aggiunge Mazzillo – e sarà fondamentale il contributo di tutte le società partecipate del Campidoglio che operano in questo ambito: non solo di AequaRoma, quindi, ma anche di Risorse per Roma che conserverà le sue funzioni di supporto alle attività di alienazione e presidio degli immobili comunali, di pianificazione, progettazione e trasformazione del territorio. Gli assessori Massimo Colomban e Luca Montuori, con i quali lavoriamo in piena sintonia, avranno il compito di proporre alla Sindaca i nomi per i componenti del nuovo Cda anche per questa azienda capitolina e sono certo che sapranno individuare le migliori figure possibili per rafforzarne la mission e l’operatività”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Gruppo Ferrero annuncia una nuova governance

Posted by fidest press agency su sabato, 1 aprile 2017

ferreroGiovanni Ferrero, imprenditore e CEO del Gruppo Ferrero, assumerà il ruolo di Executive Chairman a partire dal 1 settembre 2017. Come tale, guiderà il Gruppo concentrandosi sullo sviluppo di strategie, indirizzi di business e innovazione di lungo termine, assicurando la continuità della cultura e dei valori aziendali. Giovanni Ferrero definirà nuovi percorsi di sviluppo supportando la crescita e la globalizzazione di Ferrero, guidando le funzioni strategiche e i Board/Comitati del Gruppo.Al fine di garantire gli obiettivi di business, Giovanni Ferrero ha deciso di affidare a un manager il ruolo di Chief Executive Officer (CEO). In tale ruolo, il CEO guiderà tutte le attività volte al raggiungimento dei risultati di breve e medio termine. Lapo Civiletti, stimato manager Ferrero con una consolidata esperienza caratterizzata da eccellenti risultati, assumerà il ruolo di CEO a partire dal 1 settembre 2017.”Sono certo che Lapo Civiletti garantirà la continuità nel raggiungimento dei risultati di business e supporterà in modo efficace il Gruppo nei propri piani di crescita”, ha detto Giovanni Ferrero. “È stato scelto per il suo business acumen, per la sua visione e per il suo orientamento ai risultati, oltre che per la sua capacità di valorizzare la cultura e promuovere i valori Ferrero”.
“Questo è un momento di fondamentale importanza e siamo pronti a cogliere le nuove opportunità che si presenteranno per il Gruppo”, commenta Lapo Civiletti. “Mi impegnerò a perseguire la direzione strategica indicata dal dottor Ferrero, con il supporto di un Leadership Team di grande talento e in collaborazione con tutti i miei colleghi nel mondo.”Il Gruppo è da sempre impegnato a investire sulle proprie persone, valorizzandone il talento, la leadership e le competenze. La nuova governance consentirà, inoltre, a Ferrero di sviluppare il proprio business e di rafforzare la propria capacità competitiva sui mercati globali.Inoltre, l’Executive Chairman presiederà i Board/Comitati del Gruppo con l’obiettivo di indirizzare i temi di natura strategica, di governance e di maggiore rilievo per lo sviluppo dell’azienda: Group Leadership Team, Audit Committee, Advisory Board, Product Committee, Appointment e Remuneration Committee, Business Innovation Committee, Operations Committee.
“Sono sicuro che con la nuova governance supporteremo la crescita della nostra Azienda, rimanendo fedeli alle nostre radici. Si tratta di un passo fondamentale che fa leva sul “meglio dei nostri mondi”: la qualità delle nostre persone, la nostra eccellenza manageriale e la nostra imprenditorialità distintiva, combinazione perfetta per il successo”, ha concluso Giovanni Ferrero. Ferrero ha iniziato la sua storia nella piccola città di Alba in Piemonte, Italia, nel 1946. Oggi, con un fatturato consolidato di oltre 10 miliardi di euro, Ferrero è tra i leader di mercato del settore dolciario e il terzo gruppo a livello mondiale nel mercato del chocolate confectionery. Il Gruppo Ferrero è presente con più di 41.000 persone in 53 Paesi; dispone di 22 stabilimenti di produzione in tutto il mondo, di cui 3 parte del Progetto Imprenditoriale Michele Ferrero in Africa e in Asia. Inoltre, all’inizio del 2015, il Gruppo ha creato la Ferrero Hazelnut Company (HCo) che include 6 aziende agricole e 8 impianti di produzione. I prodotti Ferrero sono presenti e venduti in più di 170 paesi, sono diventati parte della memoria collettiva e dei costumi di molti di questi, dove sono veramente amati di generazione in generazione e spesso considerati icone culturali.
Inoltre, Ferrero ha la responsabilità sociale nel suo DNA. Freschezza del prodotto e altissima qualità, accurata selezione delle migliori materie prime, pratiche agricole sostenibili e continua ricerca ed innovazione sono alcuni degli elementi chiave del successo di Ferrero. Infine, Ferrero continua ad investire nelle comunità locali grazie alla Fondazione Ferrero, al Progetto Imprenditoriale Michele Ferrero e al programma Kinder+Sport. (foto: ferrero)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »