Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Posts Tagged ‘governance’

Internet Governance Forum 2015

Posted by fidest press agency su sabato, 14 novembre 2015

Joint Declaration from European Commission Vice-President Andrus Ansip and Members of the european parliament. Joint Declaration signed by European Commission Vice-President Andrus Ansip and Members of the European Parliament Carlos Zorrinho, David Borrelli, Sabine Verheyen, Julie Ward, Therese Comodini-Cachia, Michal Boni, Josef Weidenholzer, Eva Kaili, Marietje Schaake and Julia Reda.
The internet is a common good for humanity and ensuring its good governance will help bring its benefits to all people in the world.We have been discussing all aspects of internet governance during the global Internet Governance Forum (IGF) this November including its future as addressed in the context of the upcoming UN review of the outcomes of the “World Summit on Information Society” (WSIS+10 review). We believe Europe has much to contribute to ensure a shared governance of the internet is based on clear, fair, inclusive and transparent rules.Our European stakeholders have been working very hard to timely finalise and implement key reforms in the way some of the internet’s core technical functions are managed (IANA transition and ICANN accountability). In João Pessoa we have argued strongly for:improved internet access all over the world; An open and independent internet as a global, common resource, together with non-discriminatory access to knowledge ; the need to find solutions related to cybersecurity and cybercrimes, ranging from: (i) solutions to improve the security of critical infrastructures; (ii) giving the appropriate tools for secure communication to individuals and small businesses;
The EU delegation recognised that fundamental freedoms and human rights must be protected both online and offline and stressed the economic and social importance of online rights for privacy and of users’ control of their personal data.In light of the ongoing work on the Digital Single Market strategy in Europe, which underlines the importance of the digital economy and of internet access for citizens and companies, we restate our belief that a sustainable and inclusive governance of the Internet is fundamental to ensuring this strategy is successful and is essential to the world as a whole.The EU delegation recalled its support for the development of the Global Internet Policy Observatory (GIPO) to build capacity and share knowledge around the world of Internet policy and governance.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

After the Greek psychodrama, what improvements for the EMU?

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 ottobre 2015

Pierre MoscoviciPierre Moscovici, European Commissionner for Economic and Financial Affairs, Taxation and Customs, takes a stand on the future of the EMU after the Greek crisis in this Tribune reproducing the speech he delivered in a conference organised in Paris by the Jacques Delors Institute and the MACIF, on the 24 September 2015.After having underlined that Jacques Delors “needs people to pick up the beacon that he lit and to follow in his footsteps”, Pierre Moscovici came back on the Greek crisis and the lessons that should be drawn from it, in two parts:
1. What the crisis revealed about European governance
2. The necessity for a profound reform of EMU governance
He concludes by stressing the need to “finally give the single currency the political and democratic architecture that it so sorely needs”.
Pierre Moscovici, Commissaire européen aux Affaires économiques et financières, à la Fiscalité et à l’Union douanière prend position sur l’avenir de l’UEM après la crise grecque dans cette tribune reproduisant le discours qu’il a prononcé à l’occasion de la conférence organisée par l’Institut Jacques Delors et la MACIF à Paris le 24 septembre 2015.Après avoir souligné que Jacques Delors “a plus que jamais besoin d’une postérité”, Pierre Moscovici est revenu sur la crise grecque et les leçons à en tirer, en deux temps:
1. Ce que la crise grecque a dévoilé de la gouvernance européenne
2. La nécessité d’une profonde réforme de la gouvernance de l’UEM
Il conclut son propos en soulignant la nécessité de “donner enfin à la monnaie unique, l’architecture politique et démocratique dont elle a tant besoin”. (Photo: Pierre Moscovici)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EU discusses international ocean governance with North Atlantic partners

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 luglio 2015

north atlantic oceanWhat is the right framework for the governance of our oceans in the 21st century? What are the challenges ahead and how are North Atlantic fisheries partners responding to those challenges? These are some of the questions that Commissioner Karmenu Vella will raise at the 20th North Atlantic Fisheries Ministers Conference in Malta (16 & 17 July, 2015). “Today I am inviting you to join me in a discussion, not only about fisheries, but also about how we can best manage our oceans and our ocean economy – a sustainable ‘blue economy’. The Atlantic Ocean does not belong to any one of us. It is a shared asset. It is a single ecological system that links the continent of Europe with the Americas and with Africa. Our responsibility is to help build an international system that helps us manage that asset,” Mr Vella will tell his North Atlantic counterparts.Answers will help shape the Commission’s response to its ongoing public consultation on international ocean governance.Participants will also use the meeting to discuss fisheries, in particular how to manage shared fisheries in the North Atlantic.The North Atlantic Fisheries Ministers Conference (NAFMC) brings together, for informal discussions, ministers of fisheries from the major fishing parties in the North Atlantic, namely the EU, Canada, the Faroe Islands, Greenland, Iceland, Norway and the Russian Federation. It has been held every year since 1995. This year’s event is hosted by the EU, with Commissioner Vella representing EU member states.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commissioner Vella calls for a ‘true global ocean governance project’

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 luglio 2015

ireland“It is time that we expand our vision for a blue economy by doing what we can to ensure good international ocean governance” said Karmenu Vella, European Commissioner for Environment, Maritime Affairs and Fisheries addressing the participants of the ‘Harnessing Our Ocean Wealth’ conference in Ireland on 10th July. Ireland was a key stop in the Commissioner’s ongoing ‘listening tour’ on international ocean governance.
Stressing the need to create a ‘true global ocean governance project’, Mr Vella said that the EU could not shy away from taking a major role in this debate: “Our oceans are a global resource. But many tell me that the current international ocean governance framework is not effective enough. Europe has a firm place in global fisheries and it has a large maritime economy. The size of our exclusive economic zone alone gives us the responsibility to play a global role. So I believe that the European Union should lead this project by engaging with our international organisations and partners.”In June, the Commission therefore launched a public consultation on international ocean governance. Commissioner Vella is also undertaking a ‘listening tour’, to broaden the scope of the exercise and gather suggestions and ideas from partners around the globe. The tour kicked off at the World Ocean Summit in Portugal in June and is set to continue with discussions among the EU’s North Atlantic partners in Malta this week.Based on the results of both the consultation and the listening tour, the Commission will consider follow-up action early next year to indicate how the EU thinks our oceans can best be managed – and how we think the EU can contribute.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Building the Blue Growth agenda: Commission asks public its views on EU’s role in shaping international ocean governance

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

commissione europeaThe Commission has launched a public consultation on what the EU can do to improve international governance of oceans and seas to the benefit of sustainable blue growth. Speaking at the World Ocean Summit in Portugal earlier this month, Commissioner Karmenu Vella said: “If our oceans are not healthy, our economy falls ill. Global maritime challenges require global solutions. I am committed to work intensively to define Europe’s role in international ocean governance, for a sustainable blue economy and blue growth”.
As the use of marine resources continues to increase around the globe, the existing international ocean governance framework could be ineffective in addressing resulting maritime challenges, particularly in the 60 per cent of the oceans that are beyond national jurisdictions. The consultation therefore asks European and international stakeholders – international organisations, state actors, NGOs, business, the research community, academia and civil society – for their views on the best path of action and the EU’s role. The consultation is available in all EU languages and in an on-line survey format (English only). It will run until 15th September 2015.To complement the consultation, Commissioner Vella will also be meeting personally with stakeholders and international partners to gather their views and discuss possible ways forward. The listening tour will kick off with a visit to Cork, Ireland in early July.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“La solidarietà non dovrebbe rimpiazzare le indispensabili decisioni nazionali”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 gennaio 2015

commissione europeaLa commissione affari economici e monetari del Parlamento ha ospitato il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schäuble e il suo omologo italiano Pier Carlo Padoan in un dibattito apposito sulla revisione del quadro di governance economica. Schäuble, interrogato martedì mattina dai membri della commissione affari economici e monetari riguardo la sua posizione sulla maggiore flessibilità e sulla condivisione del rischio all’interno del patto di stabilità e crescita, ha dichiarato che il suo paese vuole giocare secondo le regole, che non c’è la necessità di cambiare la legislazione europea e che la solidarietà dell’UE non dovrebbe sostituire le importanti decisioni nei paesi che stanno attraversando difficoltà economiche”Nell’incontro di ieri in ECOFIN, il commissario Dombrovskis ha affermato che la ‘condivisione del rischio’ e la ‘condivisione di sovranità’ sono due concetti legati tra loro. Condividere i rischi richiederebbe delle modifiche al trattato e al diritto comunitario primario (…) Vedo una crescente richiesta da parte degli Stati membri di aderire al quadro giuridico attualmente in vigore. Cambiare il regolamento richiederebbe un enorme sforzo per coinvolgere le persone in Germania, e anche negli altri Stati membri”, ha proseguito Schäuble, aggiungendo che non considera la flessibilità in quanto tale una cosa negativa, “ma solo se danneggia la fiducia e se implica che le norme concordate non vengano rispettate”.Schäuble ha aggiunto che la Germania è obbligata a rispettare il diritto primario “come è scritto nella nostra Costituzione”. Il ministro ha definito l’attuale quadro intergovernativo di governance economica “una soluzione di ripiego”. “So che le istituzioni europee non sono soddisfatte di ciò, ma dobbiamo convivere con questo”. Schäuble ha riconosciuto la necessità di maggiore solidarietà nella zona euro e ha messo in guardia dallo “scaricabarile” nei confronti dei cattivi attori in gioco, aggiungendo inoltre che nei paesi in difficoltà nei mercati finanziari “dobbiamo affrontare le cause di questi problemi. La solidarietà non può rimpiazzare le indispensabili decisioni degli Stati membri”, ha sottolineato.Il ministro delle finanze italiano nonché presidente uscente dell’ECOFIN Pier Carlo Padoan ha tratto alcune lezioni dal passato. “In primo luogo, per aumentare il proprio impatto, un’efficace governance economica richiede la giusta combinazione di politiche. Nonostante molto sia stato fatto grazie a una migliore coordinazione dei programmi di bilancio nazionali, c’è ancora molto da fare”, ha detto Padoan. Ha poi aggiunto che gli effetti di ricaduta di politica economica di uno stato membro su un altro – positivi e negativi – hanno bisogno di un esame più attento, che i tempi delle riforme hanno bisogno di più attenzione, che le politiche nazionali ed europee necessitano di un miglior coordinamento e che la responsabilità nazionale dei programmi di riforma deve essere rafforzata “in modo da iniettare fiducia all’economia”.Riguardo la flessibilità, Padoan ha affermato che “gli strumenti politici devono essere meglio integrati. Le riforme strutturali possono avere un impatto diverso, a seconda di come si evolve il contesto macroeconomico”. Si è poi opposto alle critiche mosse contro le misure intraprese dall’Italia per portare il proprio deficit ad una dimensione accettabile: “Ci siamo spostati dalla parte correttiva a quella preventiva. Il nostro deficit è adesso sotto il 3%. E il debito è stato affrontato con una sana politica fiscale e con riforme strutturali”.Schäuble non è d’accordo con le critiche della GUE secondo le quali la Banca centrale europea sta oltrepassando il proprio mandato insistendo sul programma di riforme in Grecia: “Le richieste fatte alla Grecia sono in linea con il mandato della BCE. Sono pienamente legittime. Il popolo greco sta soffrendo maggiormente rispetto ai popoli di altri paesi europei. E non a causa delle richieste di Bruxelles o della BCE, ma del fallimento dell’élite politica greca negli ultimi decenni”. A sostegno del programma di supporto europeo per la Grecia, ha illustrato i dati riguardanti la crescita superiore alla media e quelli sulla riduzione del debito.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rai: Missioni, indipendenza e governance

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 ottobre 2014

Anna-Maria-TarantolaRoma Martedì 14 ottobre con inizio alle ore 9 il primo appuntamento nella Sala Convegni dell’Università Gregoriana Qual è la mission del Servizio Pubblico? Come trovare le risorse economiche? Come garantirne l’indipendenza? Quali contenuti di qualità offrire nel nuovo contesto multimediale per assolvere al meglio la missione di Servizio Pubblico? Quali tecnologie? Sono questi i temi che saranno affrontati nei tre convegni organizzati dalla Rai e ai quali la Presidente Anna Maria Tarantola e il Direttore Generale Luigi Gubitosi hanno chiamato a confrontarsi i rappresentanti dei principali servizi pubblici europei, le nuove Istituzioni della UE e quelle italiane.Questo il programma del convegno del 14 ottobre che si terrà presso il Centro Congressi – Auditorium Loyola piazza della Pilotta, 4 Roma:
Ore 9:40 – 10:40 INTRODUZIONE DEI LAVORI Anna Maria Tarantola – Presidente Rai
9:40 – 10:40 I PANEL
MISSIONE PER IL SERVIZIO PUBBLICO RADIOTELEVISIVO Moderatore : Aldo Grasso – Corriere della Sera Discussant:
Anna Maria Tarantola – Presidente Rai, Jean-Paul Philippot – Presidente EBU Martin Schulz – Presidente del Parlamento Europeo (intervento video)
Giuliano Amato – Giudice Corte Costituzionale
Ore 10.40 – 13:00 II PANEL INDIPENDENZA E GOVERNANCE
10:40 – 12:00 FOCUS SU: INDIPENDENZA
Moderatore: Marcello Sorgi – La Stampa
Discussant: Rémy Pflimlin – PDG France Télévisions, Ulrich Wilhelm – DG ARD – Bayerischer Rundfunk
Maarten van Aalderen – Presidente Associazione Stampa Estera in Italia
Silvia Costa – Presidente Commissione per la Cultura e l’Istruzione al PE
12:10 – 13:15 FOCUS SU: GOVERNANCE Moderatore : Giovanni Valentini – La Repubblica
Discussant:Enzo Cheli – Costituzionalista, Gianni Pittella – Capogruppo dell’Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici al PE
Luigi Arturo Bianchi – Docente Università Bocconi, Antonio Tajani – Vicepresidente Vicario del PE
Ore 14.40 – 15:30 III PANEL
FONTI DI FINANZIAMENTO
Moderatore: Roberto Napoletano – Direttore Sole 24 ore
Discussant:Franco Bassanini – Presidente della Cassa Depositi e Prestiti Ingrid Deltenre – DG EBU Viviane Reding – Membro del PE
Ore 15:30 – 16:30 INTERVENTI ISTITUZIONI
Marcello Cardani – Presidente dell’AgCom
Roberto Fico – Presidente della Commissione Parlamentare per l’Indirizzo Generale e la
Vigilanza dei Servizi Radiotelevisivi
Antonello Giacomelli – Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico con delega
alle Comunicazioni
Ore 16:30 CONCLUSIONI Luigi Gubitosi – Direttore Generale Rai

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le false innovazioni in sanità

Posted by fidest press agency su martedì, 9 settembre 2014

Nino Cartabellotta«La sostenibilità del nostro SSN» afferma il Presidente Nino Cartabellotta «è continuamente minata dalla proliferazione incontrollata di tecnologie sanitarie spalleggiata dalle crescenti aspettative di cittadini e pazienti, oggi regrediti al ruolo di consumatori di servizi e prestazioni sanitarie. Di fronte all’espansione di un “mercato della salute” continuamente invaso da innumerevoli false innovazioni, non è più differibile una governance istituzionale delle tecnologie sanitarie attraverso una sistematica attività di Health Technology Assessment (HTA)». «Nell’ultimo ventennio in Italia» continua Cartabellotta «diversi fattori hanno reso il SSN un acquirente disinformato di tecnologie sanitarie: la limitata cultura dell’HTA, enfatizzata sino al 2007 dall’assenza di un’agenzia nazionale; lo scarso coinvolgimento degli stakeholders; l’input all’acquisizione di tecnologie proveniente dal mondo clinico in maniera autoreferenziale e spesso condizionato da conflitti d’interesse; l’estremo turn over delle tecnologie sanitarie, mantenuto dall’industria per sostenere il mercato; il filtro “a maglie larghe” delle autorità regolatorie spesso incapaci di arginare il mercato delle false innovazioni; le autonomie regionali che hanno impedito l’attuazione di una forte politica nazionale di HTA». «Anche se con notevole ritardo rispetto ad altri paesi, l’HTA è divenuta anche in Italia oggetto di crescente interesse e acceso dibattito in ambito sanitario, per le sue potenzialità di indirizzare le decisioni di politica sanitaria» conclude il Presidente. «In questa direzione, è di grande rilevanza che un documento di programmazione sanitaria quale il Patto per la Salute 2014-2016 abbia identificato nell’HTA lo strumento per la governance di dispositivi medici (articolo 26) e farmaci (articolo 27)».
Per tutti gli stakeholders impegnati in attività di HTA, la Fondazione GIMBE ha realizzato la traduzione italiana di una checklist finalizzata a uniformare la metodologia di conduzione degli HTA report e a consentire agli utilizzatori di valutarne qualità e affidabilità. La checklist è stata realizzata dall’INAHTA (International Network of Agencies of Health Technology Assessment), il network internazionale che coordina l’attività di 53 agenzie, di cui tre italiane (Age.Na.S, Agenzia Sociale e Sanitaria Emilia Romagna, Unità di Valutazione delle Tecnologie del Policlinico Gemelli).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Call for experts: structured dialogue under ESI Funds (deadline 05/08)

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 luglio 2014

Call for experts: structured dialogue under ESI Funds (deadline 05/08)The European Commission is looking for organisations to join the recently established structured dialogue group of experts on the European Structural and Investment Funds (ESIF).
The group of experts will bring together umbrEuropean Commissionella organisations representing their partners at EU level and having a specific interest in the European Structural and Investment Funds. It will: support the work of the Commission as regards the development of cohesion policy, the policy of rural development, the Common Fisheries Policy and the integrated maritime policy in different areas of expertise,
assist the Commission on questions relating to the implementation of support from the ESI Funds, monitor the evolution of policy in the field of partnership and multi-level governance, exchange experience and good practice in this field.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La vecchia politica

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2012

Prof. Mario_Monti

Image via Wikipedia

Non è un caso che Silvio Berlusconi abbia sentito il bisogno di tornare sulla scena politica dopo un lungo silenzio con un giudizio lapidario sul governo Monti, “la cura non ha dato alcun frutto”, e con un warning, “ci aspettiamo di essere richiamati”, lanciato al Quirinale ma anche agli italiani. Sull’altro fronte, Bersani è più cauto ma non manca di sottolineare i limiti dell’azione del governo. Non sappiamo se tutto questo sia il preludio di una riapertura del dossier “elezioni anticipate”, o la partenza lunga della campagna elettorale del 2013. Di sicuro è un campanello d’allarme per Mario Monti, ed è bene che come tale suoni alle orecchie del governo. Perché non c’è dubbio che la sua azione vada ritarata, sia in sede nazionale che europea. Società Aperta si è dichiarata favorevole al governo Monti fin dall’inizio, ha respinto al mittente le infondate accuse di illegittimità o di scarsa legittimità democratica ad esso rivolte, ha difeso il Capo dello Stato che dell’operazione di chiusura dell’esperienza Berlusconi e di nascita di un governo cosiddetto tecnico è stato l’assoluto protagonista. Per questo le preoccupazioni che intendiamo esprimere oggi non possono essere scambiate per critiche distruttive e preconcette. Ma non possiamo non dire che altre sono le strade che occorrerebbe battere. Questo è un governo nato sull’onda di una drammatica emergenza finanziaria, allorquando per l’Italia, completamente isolata in Europa, si cominciava a temere la deriva greca verso il default. E come baluardo a quella eventualità deve continuare a comportarsi. Sia perché quel pericolo non è scongiurato – per motivi prevalentemente europei, ma ciò ne diminuisce, anzi, l’incombenza su di noi – sia perché è utile al cammino di un governo privo di una propria base parlamentare la reiterazione del monito “chiunque ci metta i bastoni tra le ruote si assume la responsabilità davanti agli italiani di esporli al pericolo”. Era dunque legittimo attendersi una forte manovra economica che avesse la capacità sia di ridurre il principale motivo di debolezza che ci espone alla pressione dei mercati, l’eccesso di debito, sia di mettere in condizioni il sistema economico di rilanciarsi. Fronteggiando e minimizzando la recessione. Così non è stato. La “fase uno” si è tradotta in un intervento sul deficit che, a parte il buon intervento sulle pensioni, non risolve i nostri problemi di finanza pubblica così non risolsero tutti i tagli precedenti (575 miliardi negli ultimi 12 anni). E ora la “fase due” si riduce ad un intervento, utile ma relativamente marginale, sulle liberalizzazioni. Ma perché il governo dell’emergenza finanziaria, nato per evitarci il default, dovrebbe occuparsi di taxi e farmacie? Sia chiaro, è perfettamente legittimo che questo governo si occupi di liberalizzazioni, e sano per l’economia (asfittica) del Paese che esse si facciano. Ma ci si chiede se le questioni oggetto dei provvedimenti contenuti nel decreto, al di là che essi siano giusti o sbagliati nel merito, stiano o meno ai primi posti nella lista delle cose da fare. E se si considera che non c’è ancora all’ordine del giorno nulla che riguardi il tema cruciale della riduzione del debito – da cui dipende la nostra salvezza, sia per evitare la disfatta dell’euro sia, ancor più, nel caso che crolli tutto e si debba tornare alle monete nazionali – è difficile considerare prioritarie le liberalizzazioni, quale che esse siano. Mettiamola così: tanto la manovra per l’azzeramento del deficit, quanto le liberalizzazioni sono misure necessarie ma insufficienti. Nel primo caso, perché è il nostro problema è il debito, non il deficit, e nel secondo perché gli effetti delle liberalizzazioni non possono che essere lenti e a medio termine, mentre noi abbiamo bisogno di uscire dalla recessione al più presto. Occorre dunque far cassa mettendo in gioco patrimonio pubblico e privato, e con essa sia ridurre il debito sotto il 100% del pil sia fare investimenti in conto capitale per il rilancio dell’economia. Insomma, la priorità è la politica industriale. Magari partendo dalla tutela di quello (poco e sempre meno) che ci è rimasto. E invece sui nodi cruciali degli assetti del capitalismo non si è visto ancora nulla.Ma a preoccupare è anche un’altra questione: l’atteggiamento sull’Europa. In un’intervista al giornale tedesco Die Welt, il nostro presidente del consiglio sostiene un po’ arditamente che “non c’è nessuna crisi dell’euro” e che la situazione difficile che stiamo vivendo “non è la conseguenza di un difetto del modello europeo”, per poi trarre la conclusione che “non avremo mai gli Stati Uniti d’Europa, anche perché non ne abbiamo bisogno” e che l’Unione Europea basta e avanza. Non c’è bisogno di vedere nelle parole di Monti un tradimento dell’aspirazione unitaria dei padri fondatori dell’idea stessa di Europa per essere contrari, basta stare sul più banale terreno del pragmatismo per capire che il ragionamento di Monti inciampa. E che rischia di indurre l’Italia a commettere un errore esiziale.Ma partiamo dalla valutazione iniziale: la crisi non è europea. Ciò è vero se ci si riferisce alla crisi finanziaria scoppiata nell’estate del 2007 (mutui subprime), poi diventata nel 2008 crisi del sistema bancario (caso Lehman) e quindi recessione (2009). Quel disastro è nato negli Stati Uniti, ha colpe quasi esclusivamente americane e sulle sue cause ben poco rimedio è stato posto sia dall’amministrazione Obama sia dai vari vertici G8 e G20 che si sono succeduti. Ma è altrettanto vero che i timori dei mercati circa la non finanziabilità del debito denominato in euro nascono dal congenito difetto dell’eurosistema, quello di avere una moneta unica ma 17 economie diverse regolate da altrettanti stati sovrani. Certo, questa era la condizione dell’euro fin dal suo concepimento nel 2002 dopo un decennio di incubazione. Ma fintanto che le cose andavano bene, del problema si occupava solo qualche economista rompiscatole. Poi con la crisi e l’esplosione del debito, a metterlo in risalto ci ha pensato la speculazione. Che ha cominciato dalla Grecia, poi ha messo nel mirino Irlanda e Portogallo, quindi Spagna ma soprattutto Italia, ma avendo sempre come obiettivo l’euro. Ora, se la speculazione finanziaria internazionale scommette sulla tenuta dell’eurosistema, è difficile negare l’esistenza di una crisi. La quale c’è non fosse altro per l’esistenza stessa della pressione speculativa. E quando questa dura due anni e si fa così arrembante da costringere la Bce a emettere warning quotidiani e i leader europei a riunirsi in continui vertici d’emergenza, dire che il problema è americano appare un tantino fuori luogo.Ma la cosa più importante è che se si parte da una diagnosi sbagliata, non si può che arrivare ad una terapia sbagliata. E dire che di un governo federale sul modello degli Usa non c’è bisogno perché vanno bene gli strumenti di governance che l’Unione Europea si è data significa non aver capito quale risposta i mercati pretendono per togliere la pistola della speculazione dalla tempia dell’eurosistema. Il che rende questa operazione di trasferimento di sovranità dagli stati nazionali ad un governo europeo centrale direttamente eletto dai cittadini non un’utopia spinelliana, ma una ben più materiale necessità.Forse le parole di Monti hanno fatto piacere alla Merkel, ma certo non aiutano la formazione di una consapevolezza, prima, e di una volontà, poi, di quale sia il drammatico problema dell’Europa oggi e di come si possa risolverlo prima che sia troppo tardi. In tutti i casi, sarebbe bene che l’Italia finisca di distrarsi – presa com’è tra il risentimento collettivo verso il comandante Schettino e quello corporativo di taxisti e altre categorie – e cominci a discutere di un tema fondamentale per il nostro presente e per il nostro futuro come quello della moneta che abbiamo in tasca. Altrimenti, come ci hanno ricordato Berlusconi e Bersani, il “vecchio” torna a bussare alla porta…. (fonte redazione Terza repubblica)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Assicurazioni auto e liberalizzazioni

Posted by fidest press agency su domenica, 15 gennaio 2012

Italiano: Piazzale Cordusio a Milano. Il palaz...

Image via Wikipedia

L’assicurazione della propria automobile crea seri problemi agli italiani. Il costo medio nel nostro Paese e’ di 407 euro, in Europa e’ di 230 (1). Alcune compagnie chiedevano addirittura 8.500 euro. Come mai? Possibile che non si riesca a livellare i “premi” (chissa’ perche’ si chiamano cosi’) italiani a quelli comunitari? Perche’ il mercato delle imprese assicuratrice e’ ingessato? Le assicurazioni dicono che ci sono clienti troppo rischiosi, specialmente nel Mezzogiorno. Insomma, i costi sarebbero alti perche’ i virtuosi pagano per i furbi. Secondo l’Isvap la media delle frodi e’ del 2-3%, pressoché a livello europeo, ma abbiamo la maggior percentuale di lesioni personali, per intenderci, il famoso colpo di frusta. Per risolvere il problema delle frodi le assicurazioni dovrebbero aggiornare i propri sistemi di liquidazione dei sinistri. Ma e’ il sistema concorrenziale delle assicurazioni che non funzione. Poche sono le agenzie plurimandatarie ma, soprattutto moltissime sono le imprese assicuratrici con amministratori in comune tra loro. Tali imprese rappresentavano l’87 per cento dell’attivo totale del settore! (2). Insomma se la suonano e se la cantano. Ecco un argomento da porre all’attenzione del presidente Monti: la governance delle assicurazioni.
(1) Cea, Statistics n° 38, The European Motor Insurance Market, February 2010.
(2) Agcm: Indagine conoscitiva sulla corporate governance di banche e assicurazioni, 2008. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Roma: migliora servizio anagrafico

Posted by fidest press agency su domenica, 11 dicembre 2011

English: Cordonata, Roma

Image via Wikipedia

«Gli estratti di stato civile diventano digitali. Per ottenere i documenti relativi a nascita, matrimonio o morte, da gennaio prossimo, basteranno 72 ore invece che 20/40 giorni come accade oggi». Lo comunica, in una nota, l’assessore ai Servizi tecnologi e Reti informatiche, Enrico Cavallari. «Una volta richiesto l’estratto desiderato presso lo sportello anagrafico del proprio municipio di appartenenza, fino ad ora l’utente ha atteso mediamente oltre un mese per ottenerlo in quanto l’operatore municipale doveva recarsi personalmente presso l’anagrafe centrale di via Petroselli per verificare la corrispondenza del documento da emettere con l’originale dell’atto e chiederne l’eventuale aggiornamento. Inoltre, il registro in questione poteva risultare temporaneamente indisponibile a causa di altra lavorazione, costringendo l’impiegato a ritornare presso l’anagrafe allungando così ulteriormente i tempi» spiega Cavallari. «Grazie al nuovo procedimento digitale, il giorno successivo alla richiesta il registro contenente l’atto viene prelevato dall’archivio dell’anagrafe centrale. Il documento viene scansionato e memorizzato nel sistema: subito dopo lo stesso sistema invia in automatico un messaggio di posta elettronica all’operatore del municipio e al richiedente avvisandoli che tutto è pronto per il rilascio. L’ufficiale di stato civile municipale visualizza l’originale dell’atto dalla sua postazione decentrata di lavoro e ne stampa la copia che viene consegnata al richiedente nel giro di tre giorni» prosegue Cavallari. «Il nuovo servizio di digitalizzazione degli estratti di stato civile si aggiunge al processo di snellimento amministrativo, in atto da tre anni, che sta trasformando il Campidoglio in un’amministrazione sempre più fruibile e a portata di cittadino attraverso l’erogazione dei servizi via Internet, il portale istituzionale sempre più orientato alla multicanalità, la dematerializzazione dei flussi cartacei e la conseguente informatizzazione delle procedure amministrative – aggiunge Cavallari – Grazie al servizio di certificazioni anagrafiche online attivo da marzo 2010, ad esempio, a fronte di 1.700.000 certificati cartacei rilasciati annualmente presso i 113 sportelli anagrafici di Roma Capitale, l’amministrazione rilascia via web 16 certificati anagrafici (nascita, residenza, stato di famiglia,…) in formato elettronico che si richiedono direttamente da casa (previa registrazione al portale http://www.comune.roma.it) accedendo dal proprio personal computer. Il timbro e la firma (entrambi digitali), apposti su ogni certificato, rendono i documenti autentici. Per innovazione tecnologica Roma si attesta sempre più capitale della governance».

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: governance economica

Posted by fidest press agency su martedì, 21 giugno 2011

Bruxelles. Dibattito: mercoledì 22 giugno Votazione: giovedì 23 giugno Il voto il Aula di giovedì potrebbero chiudere mesi di duri negoziati sulla governance economica. I sei testi legislativi mirano a rinnovare le disposizioni comunitarie in materia di coordinamento economico. Nel corso delle discussioni, i gruppi politici e gli Stati membri hanno dato vita a accesi dibattiti sul modo migliore per progettare le nuove leggi. Il difficile equilibrio da trovare tra i gruppi politici del Parlamento europeo è stato quello di avere sanzioni più severe e più automatiche, da un lato, e regole che permettano di continuare a crescere, dall’altro. A un livello più consensuale, i deputati nel loro insieme hanno spinto per una maggiore trasparenza complessiva, integrando il semestre europeo economico nei testi, per dare fondamento giuridico, rilevanza nazionale, maggiori poteri alla Commissione e migliore autonomia agli enti nazionali di statistica. Insieme, hanno anche posto l’accento sulla necessità di un impegno per gli Eurobond.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

U.E.: governance economica

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 giugno 2011

Milano 14 giugno 2011 presso l’Università Bocconi. Europa e Italia nella strategia 2020″, su “Quali riforme per la crescita? Governance economica, adottate le raccomandazioni per gli Stati membri. La Commissione europea ha adottato ieri le raccomandazioni specifiche per ciascuno dei 27 Paesi dell’UE, oltre a un documento complessivo sulla zona euro, per aiutarli a formulare le loro politiche economiche e sociali e tener fede agli impegni assunti su crescita, occupazione e finanze pubbliche. Questa serie di raccomandazioni rientra nel cosiddetto “semestre europeo”, nell’ambito del quale, per la prima volta quest’anno, gli Stati membri dell’UE e la Commissione hanno proceduto al coordinamento delle politiche economiche e di bilancio. Nei mesi scorsi gli Stati hanno presentato i loro programmi nazionali, basati sulle priorità definite in comune, sui quali la Commissione ha espresso la sua valutazione e formulato le sue raccomandazioni. Le sei raccomandazioni per l’Italia riguardano: l’implementazione del consolidamento fiscale pianificato nel 2011 e 2012 per garantire la correzione del deficit eccessivo; la lotta alla segmentazione nel mercato del lavoro; il legame tra la crescita dei salari e la produttività; l’apertura del settore dei servizi per aumentare la concorrenza; il miglioramento delle condizioni per l’investimento privato in ricerca e innovazione e un utilizzo più efficace delle risorse europee per migliorare la coesione tra le regioni.Le raccomandazioni saranno discusse e approvate dal Consiglio europeo il 23 e 24 giugno. La Commissione e gli Stati ne sorveglieranno l’attuazione nel corso del prossimo anno, e l’esercizio continuerà nel 2012 e negli anni successivi. (Matteo Fornara Direttore della Rappresentanza a Milano)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Economia e società aperta

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Milano martedì 14 giugno edizione 2011 di Economia e Società aperta, l’iniziativa di grande successo proposta qualche anno fa dall’Università Bocconi e dal Corriere della Sera sul grande tema della crescita economica, che in questi ultimi mesi, anche e soprattutto nell’ottica europea, vengono altrimenti definiti con il termine governance. Quali strategie per uscire dalla crisi? Come conciliare le esigenze di stabilità con quelle di crescita a sostegno dell’occupazione? Come affiancare alla governance europea comune sulla politica monetaria un vero e proprio coordinamento delle politiche economiche? Come evitare derive difficilmente gestibili come quelle dalle quali alcuni Paesi della zona euro non sono ancora riusciti ad uscire? (Matteo Fornara Direttore della Rappresentanza a Milano) (matteofornara)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Democrazia economica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 febbraio 2011

Roma 14 Febbraio 2011 alle ore 16,00 presso la Sala del Refettorio (Palazzo S.Macuto) – Camera dei Deputati, via del Seminario 76 Convegno/dibattito, organizzato da AReS, in collaborazione con ISRIL, Lavoro&Welfare, Area Solidale Democratica, sul tema: Democrazia economica: per una Governance Equa e Solidale dell’Economia

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rilancio dell’innovazione nel Lazio

Posted by fidest press agency su sabato, 5 febbraio 2011

Oltre alla ‘governance’ anche le nuove tecnologie nella nuova Legge Cinema della Regione Lazio
La proposta è stata avanzata formalmente ieri dal regista e giovane produttore Jordan River, dopo l’incontro dell’altro ieri a Roma per la presentazione della Legge Quadro sull’audiovisivo nel Lazio illustrata dalla Presidente Polverini. «Dall’incontro di ieri, durante il seminario sulla Legge Quadro, dal Suo intervento e da quelli di alcuni altri relatori, – scrive il Jordan River – è emersa la forte volontà di un nuovo modello di ‘governance’ anche in tale settore, che a Roma rappresenta circa il 70% dell’intera produzione audiovisiva italiana» Egli segnala l’esigenza di una svolta nel comparto del settore «Occorre premettere che questo particolare momento storico ci segnala l’esigenza di forti cambiamenti nel tessuto sociale e culturale, un momento che richiede forti cambiamenti radicali. Anche e soprattutto nell’audiovisivo e nell’entertainment questo è più marcato» Nella proposta di miglioramento della normativa sottolinea l’esigenza di direttive atte a premiare il merito anche per ciò che riguarda l’innovazione «Dall’avvento del digitale e dell’impiego del 3D in sala oggi, per fortuna, sono cambiate (direi evolute) anche le ‘regole del gioco’. Ma se prendiamo come esempio il caso italiano, secondo i dati forniti dall’ANEC, il fenomeno 3D ha influito al 99 % sullo sviluppo degli schermi digitali, passati da 50 a ben oltre 500 a fine 2010. D’altro canto, ancora alcun produttore ‘qualificato’ italiano non ha investito nel 3D e nessun regista italiano in voga ha ancora mai sperimentato il 3D stereoscopico, diversamente da ciò che fanno i più importanti concorrenti all’estero, che ormai producono solo opere nella terza dimensione, per non parlare poi delle università statunitensi, che sperimentano già l’olografia». Evidenziato, infine, il rischio di trovarsi d’innanzi ad una norma regionale vecchia quanto le altre

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il futuro dell’Europa

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 gennaio 2011

Inizio d’anno caldo sul fronte dell’Unione europea: la ripresa dalla crisi è decisamente in atto a livello mondiale, ma il nostro continente stenta ancora. In realtà la situazione è ancora molto diversa tra i differenti Paesi: la Germania è tornata ad essere la locomotiva con dati del tutto rassicuranti grazie al percorso di riforme profonde intrapreso da tempo, su altri Paesi invece gravano ancora molte nubi legate al debito, sia esso dello Stato, delle banche o delle famiglie. Il tema della governance economica comune, in grado di affrontare le sfide di un mondo in cui i protagonisti sono le macro-regioni o i macro-Stati, resta quello essenziale. E il principale strumento a disposizione resta sempre lo stesso: l’euro, che dal 1° gennaio ha un nuovo partecipante: l’Estonia. Adesso sono 17 i Paesi che fanno parte della zona euro, e quello affacciato sul Baltico è il primo che faceva parte fino a vent’anni fa dell’Unione Sovietica.   Ma per far funzionare la macchina le sole regole dell’euro, ovvero i vecchi criteri di Maastricht, non bastano più: la crisi ha fatto emergere questa verità, ormai incontestata. Neppure gli importanti strumenti di intervento nei casi di difficoltà, introdotti nel corso del 2010 in seguito alla crisi della Grecia e ormai pronti a intervenire a sostegno anche di altri casi problematici, sono sufficienti a garantire gli obiettivi di sistema: la European Financial Stability Facility è nata e opera per gestire le situazioni complicate, non è uno strumento di gestione ordinaria. Ai criteri sulla stabilità della moneta e agli strumenti d’intervento eccezionali occorre affiancare la vera e propria governance economica che rilanci la crescita, come vuole la strategia “Europa 2020”. In questo contesto, proprio oggi la Commissione presenta l’analisi annuale della crescita, che delinea chiaramente la via che l’Europa dovrà seguire nei prossimi dodici mesi. È necessario intervenire, tanto sul piano europeo che su quello nazionale, su dieci livelli legati alla stabilità macroeconomica e sul risanamento di bilancio, sulle riforme strutturali e sulle misure a sostegno della crescita. Parte così, in concreto, il primo “semestre europeo”, che cambia il modo in cui i governi dei 27 Paesi membri, definiscono le proprie politiche economiche e di bilancio. Sarà la prima volta che Stati membri e Commissione discutono insieme della stabilità macroeconomica, delle riforme strutturali e delle misure volte a rilanciare la crescita con un approccio globale. Nei prossimi sei mesi ciascuno Stato e la Commissione valuteranno insieme i progetti di leggi di bilancio, che poi diventeranno operative con l’approvazione definitiva da parte di ciascun Parlamento, come sempre in autunno.
La comunicazione della Commissione riguarda tre aspetti principali: la necessità di un risanamento di bilancio rigoroso onde rafforzare la stabilità macroeconomica, le riforme strutturali per incentivare l’occupazione e le misure a sostegno della crescita. È necessario ad esempio mobilitare il mercato del lavoro, come evidenzia il Rapporto sull’occupazione contenuto nel documento odierno, che quantifica in quasi 6 milioni i posti di lavoro persi in Europa dall’inizio della crisi. E allora: rendere il lavoro più attraente, riformare i sistemi pensionistici, reinserire i disoccupati nel mondo del lavoro e conciliare sicurezza e flessibilità, ogni Paese in base al contesto in cui opera. Temi non distanti, tanto per fare un esempio concreto, a quelli in discussione in questi giorni in Italia sul caso FIAT. Insomma, non sono formali ma davvero sostanziali gli auguri di Buon Anno che la Rappresentanza a Milano della Commissione europea formula alla Commissione stessa, al Parlamento europeo, al Consiglio e alla nuova Presidenza ungherese, alle altre istituzioni europee, a quelle nazionali e in particolare all’Italia che celebra quest’anno il suo 150° anniversario, a tutti i cittadini e a istituzioni, enti e persone che collaborano con essa, a cominciare dalla sempre preziosa rete di sportelli Europe Direct.  (Matteo Fornara Rappresentanza a Milano) (matteo fornara)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’innovazione a tutela della salute

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 dicembre 2010

Roma 1 dicembre 2010, alle ore 9.30, presso la Sala Tirreno /  Regione Lazio Piazza Oderico da Pordenone 15.  Incrocio  con Via Rosa Raimonda da Garibaldi n 7.   Si affronteranno temi come lo sviluppo delle capacità di governance dei processi assistenziali, di gestione del rischio clinico, di assistenza domiciliare, proponendo – attraverso il contributo di autorevoli relatori – esperienze e possibili strategie per garantire tutela e assistenza di elevata qualità ai pazienti, migliore gestione del paziente, diminuzione del rischio clinico, abbattendo nel contempo gli sprechi. La Giornata di Studi “L’innovazione a tutela della salute” si propone di accendere un dibattito sui livelli di qualità e di efficienza ottenibili all’interno del settore sanitario grazie all’utilizzo di metodiche e tecnologie innovate. Si parlerà di sicurezza e rischio clinico, un problema che vede coinvolti tutti, aziende sanitarie e cittadini e che impone il miglioramento della qualità e della sicurezza dell’assistenza. Verranno presentate esperienze esemplari di Aziende sanitarie italiane che hanno introdotto modelli innovativi di Risk Management.
Alla Giornata partecipano: Adriana Bazzi, Corriere della Sera, Stefano Galetto, Consigliere Regionale del Lazio. Membro Commissione Bilancio, programmazione economico-finanziaria e Commissione Sanità, Anna Paola Concia, Commissione Giustizia – Camera dei Deputati, Raffaello Vignali, Commissione Attività Produttive, Commercio, Turismo – Camera dei Deputati, Dorina Bianchi, Commissione Industria, Commercio, Turismo – Senato della Repubblica, Emerenzio Barbieri, Commissione Cultura, Scienza e Istruzione – Camera dei Deputati, Alessandro Granata, Direttore Marketing Sapio Life – Gruppo Sapio. Adolfo Panfili, Delegato del Sindaco per i rapporti con enti e istituzioni sanitarie sul territorio – Comune di Roma, Roberto Carletto, Sales Business Development Manager Europe – Cisco Systems, Monica Olivetto, Responsabile Servizio Infermieristico – Policlinico di Abano Terme, Maurizio Musolino, Responsabile Incident Reporting UOC Qualità e Risk Management – Asl Roma B, Massimiliano Beccaria, Dirigente Struttura Complessa di Pneumologia e UTIR – Azienda Ospedaliera “C.Poma” di Mantova, Elisa Romano, Responsabile del Rischio Clinico – ASL 5 “Spezzino” di La Spezia, Giorgio Calesella, Organismo di Vigilanza Assobiomedica. Filippo Lintas, Responsabile Medico Life Cure – Gruppo Sapio, Marco Baldoni, Assessore Università, Ricerca Scientifica e Salute – Comune di Monza, Presidente Consiglio di Coordinamento dei Corsi di Laurea in Odontoiatria e Igiene Dentale – Università degli Studi di Milano – Bicocca, Paola Binetti, Commissione Parlamentare di inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi sanitari regionali – Camera dei Deputati, Giancarmine Russo, Segretario Generale SIT – Società Italiana Telemedicina, Renato Balduzzi, Presidente Age.Na.S – Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, Emanuele Torri, Dirigente Medico Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento, Donato Cavallo, Provveditore Azienda Ospedaliera Monaldi di Napoli, Fernanda Gellona, Direttore Generale Assobiomedica.
Il Convegno è uno degli appuntamenti dell’edizione 2010 del Premio Sapio per la Ricerca Italiana, tour scientifico promosso dalle più importanti Istituzioni, da prestigiosi Centri di Ricerca e da numerose Università Italiane, che da 10 anni è un appuntamento atteso per il mondo scientifico nel nostro Paese. Rappresenta infatti un’opportunità importante per accendere i riflettori sulle più innovative frontiere della Ricerca, per far conoscere i più significativi studi e sperimentazioni in diversi settori, per promuovere l’impegno congiunto di pubblico e privato su temi fondamentali per la qualità della vita di tutti noi.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terzo settore ispirazione cristiana

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 ottobre 2010

Roma il 28 ottobre a Palazzo Grassi, via Merulana 60 dalle 16 alle 19,30 “Tavola Rotonda del Terzo settore d’ispirazione cristiana” che vedrà riunite attorno ad un tavolo diverse realtà fra le più attive nell’ambito del no profit e del terzo settore in genere d’ispirazione cristiana.  Finalità dell’incontro è quello di arrivare ad una carta condivisa di obiettivi ed intenti sia per quanto concerne modifiche da apportare alla normativa e “governance” del terzo settore, sia per quel che concerne le politiche sociali in ambiti a noi particolarmente cari come: la famiglia, l’integrazione, la donna alle prese con una gravidanza difficile, i minori e l’annoso problema delle adozioni ecc… da presentare poi a gennaio prossimo.  Presiederà il dott. Edoardo Patriarca dal 1990 portavoce del Forum permanente del terzo settore; – segretario del Comitato Scientifico e Organizzatore delle Settimane Sociali dei cattolici italiani; – Consigliere del CNEL e dell’Agenzia per le Onlus. (2jpg)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »