Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘grandi opere’

Tav. Mariani, sì a Tav e grandi opere, miglior volano di crescita e occupazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 luglio 2019

“Il governo con in testa il premier Conte ha finalmente espresso una posizione netta ed univoca sull’importanza del completamento della Tav Torino-Lione e delle infrastrutture in generale nel nostro Paese”. Lo ha dichiarato in una nota Bruno Mariani, vice segretario generale della Confsal, a proposito dell’okay dell’Esecutivo al rilancio della Tav e delle infrastrutture in generale.“Ci riteniamo davvero soddisfatti, perché le incompletezze di questo settore ci fanno perdere oltre 30 miliardi di euro all’anno di Pil. Il via alle grandi opere, come allo sblocco dei cantieri, rappresenta il miglior volano di crescita dell’occupazione e dell’economia”, sottolinea Mariani. “Da sempre come sindacato avevamo boicottato i ‘no’ infondati e sostenuto l’importanza delle opere pubbliche per l’economia del Paese: alla luce dei risultati, che non tarderanno ad arrivare, continueremo a farlo”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Roma nasce l’Osservatorio Permanente sulle Infrastrutture e le Grandi Opere

Posted by fidest press agency su domenica, 9 giugno 2019

A Roma nasce l’Osservatorio Permanente sulle Infrastrutture e le Grandi Opere Roma. Un laboratorio laico per l’analisi e l’approfondimento di tutti i temi concernenti la sostenibilità intesa come difesa delle infrastrutture e degli ecosistemi ambientali, un gruppo di lavoro che produca analisi delle politiche adottate per il sistema Italia in Europa, identificando senza ideologie il ventaglio di scelte a disposizione della politica e suggerendo azioni anche critiche ma costruttive da sottoporre direttamente alle istituzioni nazionali, stabilendo un contatto diretto con Camera e Senato, con l’obiettivo di sottolineare il ruolo cruciale delle grandi opere e delle infrastrutture strategiche nel percorso di sviluppo dell’Italia.
Sono queste, in estrema sintesi, le fondamenta concettuali dell’Osservatorio Permanente sulle Infrastrutture e le Grandi Opere, costituitosi a Roma nella mattinata di mercoledì 5 giugno 2019 per volontà dell’associazione Altero Matteoli per la Libertà e il Bene Comune.
Sulla scia dell’esempio e della dedizione alla politica ed all’approccio laico del Ministro dell’Ambiente, del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Presidente della Commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni del Senato, Senatore Altero Matteoli, al quale è dedicata l’associazione nata nel maggio del 2018, il laboratorio permanente ha lo spirito di offrire nell’interesse generale e superiore del Paese, una occasione di dibattito laico, analitico ed estraneo da schieramenti precostituiti. L’Osservatorio si pone anche l’obiettivo di instaurare una proficua interlocuzione con l’Unione Europea, al fine di trovare anche nella nuova Europa una formula per la condivisione di una vera politica continentale degli investimenti nelle reti Ten-T, che riguardi i finanziamenti alle infrastrutture, i servizi a questi connessi, l’allargamento delle politiche di coesione ai territori ed ai cittadini europei, le nuove opportunità industriali derivanti dalle tecnologie connesse.
I partecipanti a “L’Osservatorio Permanente sulle Infrastrutture “sono intimamente convinti che la crescita economica e la competitività siano obiettivi mai definitivamente conseguiti e che per il loro effettivo conseguimento nel Paese siano necessarie precise e quotidiane scelte politiche, tappe di un percorso fatto di passi necessari per completare il suo sviluppo infrastrutturale, economico e sociale, su cui occorre vigilare – afferma Emilio Brogi, presidente dell’Associazione Altero Matteoli; – L’Osservatorio non proporrà soltanto accurate analisi e approfondimenti da sottoporre a Camera e Senato, ma anche delle vere e proprie iniziative culturali incentrate sulle grandi opere e sulle infrastrutture, sulla sostenibilità degli ecosistemi ambientali, tecnologici ed economici, come convegni o eventi di settore, alcuni dei quali già in fase di programmazione.
Il treno del futuro, per così dire, passa direttamente dalle grandi opere strategiche e dalle infrastrutture, e l’Italia non può assolutamente permettersi di perderlo”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La colata di corruzione sulle grandi opere

Posted by fidest press agency su domenica, 30 ottobre 2016

aula senatodi Luigi Gaetti capogruppo M5S Senato. In Italia Grandi opere fanno rima con corruzione, mafie e malaffare: Alta Velocità Milano-Genova, ‘People Mover’ di Pisa, Expo, Mose di Venezia, Terzo valico Liguria – Piemonte. Eppure il governo Renzi continua a puntare tutto su questi grandi appalti pubblici e soprattutto ad osannare le lobby che con queste infrastrutture fanno affari come se le inchieste della magistratura, i migliaia di arresti, i molteplici reati commessi ed i miliardi di euro pubblici sottratti allo Stato non contassero nulla. Chi aveva promesso il cambiamento del sistema, oggi punta su un’idea di sviluppo da Prima Repubblica e su quei grandi gruppi di potere, sempre gli stessi, che come sanguisughe vivono su questo sistema e si autoalimentano succhiando soldi pubblici e mettendo a rischio la sicurezza dei cittadini. Ma un governo che sceglie e accresce questa idea di Paese, un governo che favorisce sempre i soliti centri di potere imprenditoriali spalleggiati dalle mafie e pronti a mettere illecitamente le mani sui malloppi pubblici, non è forse colluso a quel sistema di corruzione e tangenti che sta uccidendo l’Italia? Che interessi ha nel farlo? Il governo pensa a Expo, spinge per il fantasmagorico Ponte sullo Stretto di Messina e nel frattempo lascia nel dimenticatoio i tanti interventi di cui questo Paese ha davvero bisogno: così se piove, tutto intorno frana; i ponti crollano, la rete ferroviaria è da Terzo Mondo, i soffitti delle scuole precipitano, i monumenti decadono. Queste sono le ‘opere’ su cui investire, le opere che servono a far ripartire l’economia e le piccole medie – imprese, le opere necessarie a migliorare la sicurezza dei nostri territori e a creare lavoro e sviluppo. Ma per farlo ci vuole un altro Governo, il governo del Movimento 5 Stelle. (fonte: blog Grillo)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diritti fondamentali, partecipazione delle comunità locali e grandi opere

Posted by fidest press agency su sabato, 31 ottobre 2015

torinoTorino dal 5 all’8 novembre 2015, la sessione conclusiva del processo di indagine dedicato ai Diritti fondamentali, partecipazione delle comunità locali e grandi opere (dal Tav alla realtà globale) inaugurato a Torino il 14 marzo 2015 avrà luogo presso la “Fabbrica delle E” del Gruppo Abele, e si concluderà presso il Teatro Magnetto di Almese il giorno 8 novembre con la lettura del dispositivo della Sentenza. Il Tribunale Permanente dei Popoli è un tribunale di opinione indipendente che nasce nel 1979 come diretta prosecuzione del Tribunale Russell II, promosso da Lelio Basso negli anni ’70, sulle dittature in America Latina. Ne fa parte una rete internazionale di esperti appartenenti alle diverse discipline della ricerca giuridica, economica e socio-politica. Il Tribunale rappresenta un efficace strumento di denuncia, affermazione e visibilità dei diritti umani e dei popoli e produce analisi critiche sulle ragioni dell’ineffettività del diritto, soprattutto in relazione alle dinamiche globali dell’economia e della finanza. Il TPP è stato chiamato ad ascoltare le ragioni del ricorso presentato l’8 aprile 2014 da numerosi sindaci dei Comuni della Val di Susa e dal Controsservatorio Val Susa, che hanno contattato il TPP per accertare le violazioni dei diritti fondamentali delle comunità della Val Susa con riferimento alla progettata costruzione della linea ferroviaria Torino-Lione. Il ricorso è stato ritenuto ammissibile dalla presidenza del TPP con provvedimento del 20 settembre 2014, ed è stata avviata una attività istruttoria che ha visto il Segretario generale del TPP Gianni Tognoni incontrare i movimenti di opposizione alla costruzione dell’aeroporto di Notre Dame des Landes in Francia e alla realizzazione del progetto Mose a Venezia. Il Tribunale a Torino analizzerà per la prima volta e in maniera più diretta le denunce su scenari europei di violazione di diritti umani fondamentali. «Il ricorso, secondo Franco Ippolito, Presidente del TPP, «pone tematiche simili a quelle già attualmente sottoposte all’esame del TPP: specificamente il caso Messico, quello dell’industria mineraria del Canada e la richiesta di una sessione sul fracking». Per Gianni Tognoni, «il caso TAV, insieme alle altre vicende segnalate al TPP, è rappresentativo di processi e meccanismi più generali, specificamente importanti nella attuale fase della evoluzione economica-politica europea e mondiale». Nel corso della sessione pubblica, il TPP esaminerà il caso TAV insieme ad altri casi europei ed extraeuropei che secondo i richiedenti sono significativi delle diverse modalità secondo cui si esperimenta la realtà di un diritto solo procedurale e l’assenza di effettivi strumenti giuridici di azione.La giuria del Tribunale sarà presieduta dal magistrato onorario della Corte suprema di cassazione francese, Philippe Texier, e composta dall’esperto di diritto pubblico, Umberto Allegretti, dal magistrato della Corte suprema di cassazione spagnola, Perfecto Andrés Ibáñez, dalla giurista francese Mireille Fanon, dall’ecologista cilena, Sara Larrain, dall’avvocata colombiana, Dora Lucy Arias, dal sociologo portoghese, Luis Moita, dall’esperto di diritto internazionale pubblico e ambientale, Antoni Pigrau Solé, e dall’economista italiano Roberto Schiattarella. Sarà presente il Segretario generale del TPP, Gianni Tognoni.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lazio 2020 Roma: l’occasione olimpica

Posted by fidest press agency su martedì, 29 giugno 2010

Roma 30 giugno a partire dalle ore 10.00, presso la Camera di Commercio di Roma (Sala del Tempio di Adriano – Piazza di Pietra), saranno analizzati e valutati tutti quegli aspetti che possono fare di un grande evento come le Olimpiadi del 2020 (per il quale la nostra città è candidata) un fattore importante per accelerare la corsa della nostra regione verso una modernizzazione sostenibile.  Nel corso della giornata verranno pertanto presentati anche il dossier “Roma, l’occasione olimpica”, realizzato dal Censis per conto di Confservizi Lazio e con il contributo della Camera di Commercio di Roma, e la ricerca, realizzata dal Dipartimento di Diritto dell’Economia dell’Università di Siena  (Facoltà di Economia), “Finanziare le grandi opere nel contesto dei Giochi Olimpici: il partenariato pubblico-privato. Sistemi a confronto”.  Al termine dei lavori sarà dato ampio spazio ad un dibattito cui prenderanno parte, tra gli altri, gli attori più rappresentativi del mondo istituzionale della nostra regione: Gianni Alemanno, Sindaco di Roma, Renata Polverini, Presidente della Regione Lazio, e Nicola Zingaretti, Presidente della Provincia di Roma.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma mutilata dalla manovra

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 maggio 2010

“Lo Stato si era impegnato a dare al Comune di Roma cinquecento milioni di euro l’anno per sanare debiti che hanno interessi molto elevati e invece ha seguito la spinta dei leghisti che tendono a colpire la Capitale perché hanno un concetto molto personale della nostra città”. Queste le prime allarmate parole di denuncia del vicesegretario per il Lazio dell’Italia dei Valori, Oscar Tortosa, sugli ipotetici provvedimenti che potrebbe prendere il Comune per reperire i fondi mancanti visto che il Governo verserà per la Città Eterna trecento milioni di euro anziché la cifra precedentemente pattuita. Spiega preoccupato l’esponente del partito guidato da Antonio Di Pietro: “Nelle grandi capitali europee come ad esempio Parigi, è lo Stato che si impegna in prima persona per finanziare le grandi opere perché lì hanno una concezione di metropoli molto diversa dalla nostra che pone al centro il ruolo di rappresentanza che una città di rilievo internazionale deve giustamente avere. Queste misure così restrittive mettono in difficoltà l’amministrazione comunale, perché si vuole colpire in questo modo la Capitale? Dove si prenderanno le risorse necessarie per tutti quei progetti precedentemente avviati? Sono d’accordo – tuona Tortosa – nel fare dei tagli su consulenze costose e spese improprie ma non approvo né nuove tassazioni, né la cessazione delle grandi opere. Roma è candidata alle Olimpiadi del 2020, per essere all’altezza e offrire ottimi servizi non si deve assolutamente rinunciare agli impegni presi per rendere la città adeguata ad un simile evento. Un esempio? Tra i lavori attualmente bloccati e che dovevano iniziare già due anni fa, c’è quello della costruzione di un ponte che avrebbe dovuto collegare via Oceano Pacifico a via Newton e questa con una nuova strada tra Roma e Fiumicino, superando la via Laurentina. Un opera essenziale prima di tutto per i romani perché avrebbe evitato tutte quelle code che giornalmente si formano nelle uniche strade attualmente disponibili. La città cresce, nascono nuove zone ma queste restano isolate, prive di servizi primari come i collegamenti efficienti. Che fine ha fatto il piano che prevedeva la costruzione della metro leggera? Va bene – conclude Tortosa – fare dei tagli ma questo non deve tradursi nell’ abbandono di  quei progetti atti a creare importanti infrastrutture, si faccia piuttosto una seria e capillare lotta all’evasione fiscale e si riducano drasticamente consulenze inutili e onerose”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riconferma Tajani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 novembre 2009

«Mi congratulo con  Antonio Tajani per la sua riconferma a prezioso componente della Commissione Europea. La sua competenza nei trasporti, un settore così vitale per l’economia, è per Roma un aiuto prezioso nel momento in cui per la Capitale si sta delineando una riconfigurazione dell’intero sistema viario e trasportistico, per renderla ancor più interconnessa  con i corridoi della mobilità europea e per progettare le grandi opere che la città attende per rilanciare la  produttività dei suoi distretti attraverso una logistica efficiente”.  È quanto dichiara il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Polizia a piedi? Potrà andare sul Ponte

Posted by fidest press agency su sabato, 7 marzo 2009

Ma la sicurezza non era la Grande Priorità? Giustamente era stata un po’ da tutti proclamata prima e dopo il voto per il governo. Bene, Ascoltiamo il presidente della Provincia di Milano, Filippo Penati. Se non ci sono soldi le macchine della polizia sono ferme: una su tre e addirittura una su due a Torino. Ma tutte le città sono in difficoltà. A Milano mancano 600 agenti e per 257 auto non ci sono soldi per le riparazioni. A Parma nemmeno per le pulizie, A Palermo le auto guaste e ferme sono 140 e così quelle sul territorio sono state dimezzate (da 25 a 12). E cosa fa il governo? Evita di risparmiare la spesa per il referendum accorpandolo con le altre elezioni de 6/7 giugno e, per distrarre gli italiani dalla gravissima crisi,vara un pacchetto di miliardi per progetti avveniristi come il Ponte di Messina,.Dalla Grande Priorità alle Grandi Opere.(s.d’ag,)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »